Il salotto snob spera di spartirsi le spoglie del Cav

Mentre i marciatori su Roma e su Arcore impazzano, sento di poter dire, con altro esito: nutro fiducia. Virtù del sottotesto

I linguisti, e molti che non se lo possono permettere, lo chiamano il sottotesto. Tu leggi ciò che accade, e apparentemente i fatti si allineano. Formano un intero comprensibile. C'è logica, ragazzi. E la chimica delle emozioni segue questa logica. Il Delinquente è a terra. Tra poco avrà ai polsi le manette o qualcosa di simile. La vita penitenziaria diventa bella. La legge è uguale per tutti. Anche i ricchi piangono. E via con le filastrocche dell'impresentabile invidia, della spietatezza dei mediocri. È il loro momento. Ci sono spoglie da spartire. La legge è uguale e la vita è bella.
Poi emerge un altro testo, quello di sotto. C'è scritto, e si legge chiaro, che il Delinquente ha occupato la tua testa per vent'anni, forse trenta. Che ti vuoi liberare di te più che di lui. Che ha un sorriso simpatico, modi buffi ma suadenti. Che si è cucinato la vita in mille modi, attraversando la realtà con spirito surreale, talvolta, e con un pragmatismo magico, tal'altra. Che è un elder statesman, una persona di esperienza incredibilmente vasta. Schiacciarlo sulla sua caricatura è impossibile. Perfino una persona di gusto e intelligente come Renzo Piano, affidandosi a un idiota qualsiasi, a un giornalista collettivo, è sembrato un bischero quando ha parlato di lui, si è affidato al giudizio del mondo. Dice il brand senatoriale che di lui parlano male. Sarà abbonato al Financial Times dei momenti peggiori, chissà. Non possiede l'autonomia intellettuale per ragionare di suo. Disegna grattacieli, peccato, finisce in bassezze inaudite. Ma è parte anche lui del sottotesto. Forse non è invincibile, come diceva di sé, con il poncho in un passaggio satirico di Antonio Ricci, memorabile prime time. Ma è incancellabile. Nell'epoca della gomma pane digitale, quando tutto è sempre più effimero e vano, quello lì è incancellabile. Sta lì. È ormai inafferrabile il suo profilo, il suo curriculum. Chiunque nel sottotesto può giocare.
Un campione dell'establishment intellettuale e civile, il figliolo di Gaetano Martino, Antonio, può arrivare a dire l'impronunciabile con il sorriso anche lui sulle labbra: «Chi froda il fisco e mette via soldi che il pubblico sperpererebbe senza pietà è un patriota». Un altro inglese spiritoso e fair mi ha detto: «Tipicamente italiano. Prendi il maggiore contribuente e lo incastri per evasione fiscale». Chissenefrega del Financial Times, no? Non voglio nominarlo, non ne ha bisogno. Ha indispettito la regina Elisabetta chiamando a voce alta il nome di Obama, «Mr Obamaaaaaa!», quel pusillo incapace che fa retorica e prende schiaffi sulla scena del mondo. Fece cucù alla Merkel, che è probabilmente alla vigilia di una larga coalizione, una specie di Enrico Letta. Ha regnato. Al governo, all'opposizione, con e senza le televisioni, per due decenni. Nessuno è stato suo suddito e sottoposto fedele come i suoi arcinemici, come coloro che lo hanno eletto ad Arcinemico, e lo soffrono da pazzi, una malattia, uno stato morboso della mente e del cuore. Ha inventato l'impossibile, l'utopico cuoco alla guida dello stato, il privato che si fa pubblico e vince mille referendum nel paese dei conigli, dei piccoli profittatori, dei falsi contribuenti di una minceur così tremendamente italiana. La sua grandeur squaglia le pietre. Gli snob non lo tollerano. I grandi signori dello spirito lo adorano, anche in segreto, senza mischiarsi, ma lo adorano. Ne ho avuto nel tempo mille testimonianze.
Certo quei gran signori li devi cercare fuori delle newsroom, fuori dei talk show, fuori delle accademie e delle riviste ideologiche. Fuori della politicuzza miserabilina. Maverick chiama maverick. Una persona che eccede ha per sé l'eccedenza, che è una forma di eccellenza. Magari poi ce la fa. Ha risorse più sottili di quanto non immaginino politologi grossolani. Ha per sé il cinismo e la robusta intelligenza degli italiani. Non si può aver trascorso tanti anni nella festa dell'Ego, condivisa e generosamente o libertariamente distribuita a milioni di persone comuni vogliose di riscatto, e poi finire appeso per i piedi. Non si dà in natura. Un Papa lo abbiamo scelto alla fine del mondo, e lui è la fine del mondo, la magia pazza di quanto era inimmaginabile, ed è stato immaginato. Mentre i marciatori su Roma e su Arcore impazzano, sento di poter dire, con altro esito: nutro fiducia. Virtù del sottotesto.

Commenti
Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Dom, 15/09/2013 - 18:30

peggio di iene ed avvoltoi...

gentlemen

Dom, 15/09/2013 - 18:37

Il salotto meno snob ma numericamente più forte (sotto tutti i punti di vista)invece vuole i cocci del Pd. Vediamo un po come va a finire?

gentlemen

Dom, 15/09/2013 - 18:38

Forza... torniamo ai vecchi tempi della politica...fisica!

Ritratto di venividi

venividi

Dom, 15/09/2013 - 19:18

C'è qualcuno che - forse - sta per dimostrare che le leggi sono miracolosamente retroattive. Benissimo allora in futuro ce ne potranno essere - altre anch'esse retroattive - che rimetteranno tutto a posto come dovrebbe essere.

forbot

Dom, 15/09/2013 - 19:34

Grazie, un articolo che ci ripaga da tutte le stron..te che abbiamo letto nei vari post dei sinistri nostrani.- Lo capiranno loro? Ho i miei dubbi!

forbot

Dom, 15/09/2013 - 19:34

Grazie, un articolo che ci ripaga da tutte le stron..te che abbiamo letto nei vari post dei sinistri nostrani.- Lo capiranno loro? Ho i miei dubbi!

Massimo Bocci

Dom, 15/09/2013 - 19:43

Non vedono l'ora di riaprire i salotti di regime,, di LADRI ANTI ITALIANI,clero rossi, con magistrati rossi, con boiardi rossi ,si confrontavano con LADRI Euro rossi, una by comunità di rossi LADRI!!!, dove le cene eleganti finivano, non cantando o sole mio con Apicella, ma sempre con dell'ennesimo refren la truffa a Bue.

campofreddo

Dom, 15/09/2013 - 19:48

Caro Giuliano (mi permetto di darti del tu perchè sei una persona che è impossibile non amare) SEI UN GRANDE GIORNALISTA e lo dico sinceramente non con ironia... mi dispiace solo che abbia messo le tu grandi doti al servizio di un padrone... trasformandoti purtroppo in UN SERVO SCIOCCO!

@ollel63

Dom, 15/09/2013 - 19:49

E' VERO: I SINISTRATI SONO LA MASSA DI CONIGLI, QUELLA CHE FINIRA APPESA PER ZAMPE POSTERIORI DAI SUOI STESSI CAPETTI indecenti, e sezionati a metà..

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 15/09/2013 - 19:55

I GRANDI SIGNORI DELLO SPIRITO - Mi piace tantissimo - E' la prima volta che la sento. La voglio. Io mi sento d'essere un grande Signore dello Spirito. Ed in effetti Lo adoro.

Ritratto di Rondò Veneziano

Rondò Veneziano

Dom, 15/09/2013 - 20:01

Assolutamente condivisibile il Pierciccio, anche se questa domenica piuttosto tardivo, stai a vedere che lo hanno dimenticato nel letto. L'accanimento giudiziario contro il Papi è conclamato, su questo non ci piove che vogliano fargli le scarpe sia come euroscettico che come nuova icona del melodramma napoletano, ciò che c'è di nuovo sul fronte occidentale è l'impressionante alleanza tra trinariciuti, grillini, eurosauri, colombine e stallieri che tutti lo vorrebbero affossare, sia invidia politica o mancato pagamento del pizzo vai a sapere, ciò che è certo è che questa volta le mutande le dovremo sfilare per primo al Dudù, se non vogliamo finire come in Corea del nord dove anche il Razzi dice che sembra di stare in Svizzera.

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 15/09/2013 - 20:18

scassa Domenica15settembre Non è facile commentare uno scritto del sig.Ferrara ,non lascia molte argomentazioni tali da potersi inficiare . Non ama ma non odia ,e' irriverente ma mai offensivo ,e' feroce ma obbiettivo ,e' capace di amicizia ma non di sudditanza ,possiede onesta' intellettuale ....è unLiberale . A tutt'oggi e' l'unico che ha presentato il Cavaliere senza giri di parole ,così come veramente lo conosce : un uomo intelligente ,un po' egocentrico ,generoso ,volitivo,e intraprendente ma e ,soprattutto una persona Perbene ! Con buona pace dei suoi detrattori forcaioli ad personam . Grazie Sig. Ferrara.

Ritratto di Sniper

Sniper

Dom, 15/09/2013 - 20:21

Giuliano Ferrara, la minceur dei suoi ragionamenti domenicali e' imbarazzante, la grandeur delle boiate surreali che rigurgita dopopranzo, altrettanto. Lei, da buon lacche' prezzolato, dipinge il suo Padrone come un monellaccio irriverente, che sta sullo stomaco all'establishement pseudo-posh. Faccia un bagno di realta': Costui e' un pluri-indagato per reati gravi, un pregiudicato condannato in via definitiva per reati gravi, uno pseudo-politico che ha fallito nel suo progetto politico, che si e' fatto ridere dietro all'estero, etc, etc, etc...Percio' sia serio, e rinneghi i suoi commenti fanciulleschi: molti italiani sono allo stremo a causa di costui e della sua cricca.

luigi civelli

Dom, 15/09/2013 - 22:02

Elogio dell'arci-italiano? No,grazie.

bluprince

Dom, 15/09/2013 - 22:30

@sniper... "gli italiani sono alla stremo a causa..." dei sinistrosi come lei e del partito sciagurato che Lei rappresenta perché, negli ultimi vent'anni, invece di preoccuparsi delle sorti del nostro Paese, del quale sono sedicenti difensori, hanno perso la testa e la ragione nel tentativo di far fuori un avversario invincibile nelle elezioni!!! Si tolga il paraocchi ideologico e inizi a studiare l'etimologia del sostantivo "democrazia", che Lei e il suo partito prendono a calci un giorno sì e l'altro pure! Si vergogni.

paolonardi

Dom, 15/09/2013 - 23:10

campofreddo; Giuliano essendo un grande e ragionando con la sua testa, al contrario di chi fa di repubblica (minuscola perché e un giornale dei salotti radical chic) il dispensatore del verbo per gli sciocchi, pensa con la sua testa e dice i suoi pensieri senza servilismo come invece da barbapapa' col suo padrone svizzero.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 15/09/2013 - 23:11

Non ho votato dal 1972 al 1994. Poi sempre per il Berlusca. Ed anche in futuro. Il Berlusca in generale non mi piace: come veste, come parla, le sue ville, le sue mogli, quasi tutti i suoi figli, come dirige il Milan e quel che pensa della politica, non solo italiana. Ha contro un oceano di imbecilli, cattivi e pericolosi. Incistati con arroganza nelle sedi di tutti gli eterni poteri di questo povero paese. Nessuno li ha eletti e nessuno li rimuove. L'esatto contrario della democrazia. Che in Italia non si è ancora vista. Il B. li tiene tutti in scacco. Da ville sontuose o da redditi iperbolici, da partiti fatti il giorno prima o da comparsate televisive, da teatro dell'arte. Gli idioti non sanno che quando LUI sarà in galera loro saranno al manicomio. Non sanno che lui sarà sempre libero dentro e loro stupidi. Dentro e fuori. Ladri sempre. Hanno arrestato Pinocchio a suo tempo ed ora arrestano per evasione fiscale il maggior contribuente italiano. Ma si può essere più stupidi? Ecco perché sto con Berlusconi anche se non mi piace. Perché, ben oltre la politica e la cultura, mi garantisce, mi assicura che non sarò mai stupido come loro. Loro: comunisti, fascisti, cattonullità, mafiosi, professori, ladri comuni, pacifisti, incapaci, servi, vili, magistrati e terroristi. Grazie Berlusconi.

bluprince

Dom, 15/09/2013 - 23:39

Caro sig. Ferrara, io l'ammiro, la rispetto e la leggo sempre volentieri, anche oggi; ma la pregherei, se fosse possibile, di mettere meno narcisismo e più cattiveria nella Sua prosa. Con certa gente, quella che ti vuol tagliare la gola, politicamente parlando, la buona educazione non serve granchè, mi consenta...

'gnurante

Dom, 15/09/2013 - 23:57

l'uguaglianza di fronte alla legge è roba da comunismo. Qui ci sono quelli più uguali degli altri, cosa credete!?

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Lun, 16/09/2013 - 00:16

Meno male che Silvio c'è perchè se non ci fosse ci toccherebbe parlare dei nostri problemi. Lui è un po' come il calcio il Lunedì mattina coi colleghi ma ha un effetto che dura tutta la settimana se non di più. Cavaliere grazie d'esistere e di distogliere la nostra attenzione dalle cose che ci riguardano e che ci farebbero incazzare ancora di più

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 16/09/2013 - 00:25

La disamina di Ferrara è sempre precisa e pertinente. Solo gli odiatori di professione, succubi di un antiberlusconismo viscerale ed irrazionale, cercano di scalfirla con la pochezza della loro dialettica da pecore. Non fanno altro che ripetere frasi fatte apprese dai loro maestri di pensiero. SE DI PENSIERO SI PUO' PARLARE.

tonino33

Lun, 16/09/2013 - 01:22

"E via con le filastrocche dell'impresentabile invidia, della spietatezza dei mediocri." Solo Ferrara e' cosi incisivo e conciso nel descrivere l'anima sinistra.

Ritratto di Rondò Veneziano

Rondò Veneziano

Lun, 16/09/2013 - 14:03

Impeccabile come sempre il Pierciccio ci convince sulle qualità soprannaturali del Papi, d'altronde se vogliamo un fuoriclasse a cui consegnare le chiavi della cassa e gestire le partite correnti dobbiamo anche essere pronti e sapere che la parcella sarà comunque salata, e che non basteranno 6 euro a testa per ogni cittadino italiano, neonati e minorenni compresi, come quelli della megaevasione accertata, per averlo alla guida del paese, perchè sarà necessario metterci molto di più, compresa la reputazione. Noi bananas siamo pronti, con l'amore che ci ha sempre contraddistinto, ad averlo ancora tra noi, ma le malelingue comuniste, rose dall'invidia e dal rancore, sapranno fare altrettanto?