Macché An, bisogna rifondare la destra

Rifare An sarebbe un salto indietro e non un ritorno alle origini

Non mi pare una buona idea rifare Alleanza nazionale. Capisco la boutade di Storace: serviva a conquistare uno spazio nei media il giorno in cui rinasceva Forza Italia, dire che ci siamo pure noi di destra e chiamare a raccolta tutte le destre sparse. Ma rifare An sarebbe un salto indietro e non un ritorno alle origini. Berlusconi che rifà Forza Italia torna alle origini e vi torna col suo stesso fondatore. La destra invece non nasce con An, il suo leader è ormai fuori, e il suo stratega, Tatarella, morì. Sarebbe un riflesso condizionato di Forza Italia rinata.

E poi, An non ha lasciato traccia di sé nei dieci anni di governo, i ricordi sono superati dai rimpianti e dai rancori. La storia di An segnò la progressiva scomparsa della destra. Diventò via via un clone sbiadito di Forza Italia, poi sciolta nel Pdl, si ridusse al ruolo di subalterno ammutinato che fa vertenza al principale. Lasciò più tracce il vecchio Msi che pure fu un partito emarginato di testimonianza ma formò e unì tre generazioni, lanciò messaggi a un'opinione pubblica più vasta, lasciò nostalgie e dignità.
In realtà siamo in procinto di entrare, seppur nel peggiore dei modi, nella Terza repubblica di cui non conosciamo i protagonisti né i contenuti, ma di cui vediamo solo intrattenitori dell'attesa. E la terza repubblica richiede una terza destra, diversa dalle due precedenti, Msi e An. Ovunque la destra si afferma se difende la sovranità e la tradizione dai tiranni finanziari di sopra e dai flussi clandestini di sotto. Stringetevi a coorte...

Commenti

Massimo

Dom, 22/09/2013 - 15:56

D'accordo. Ma quale perimetro per la Destra ? La Destra dei Valori Nazionali, Identitari, Morali, Tradizionali che, in soldoni, significa Italia e Italiani (quelli veri, per sangue ...) prima di tutto, Famiglia composta da Uomo e Donna senza la devianza di pratiche anomale, la Patria come "una d'arme, di lingua, d'altare, di memorie, di sangue e di cor" quindi nessuna fuga verso ius soli o accoglienza che ci trasformerebbe in un improbabile meticciato. Ma anche Libertà Individuali di pensiero, parola, stampa contro leggi che trasformano le opinioni (omofobe o negazioniste che siano) in reato, difesa della Proprietà come bene intangibile dell'Individuo, del Risparmio, del Patrimonio e Libertà di Mercato contro l'interventismo statale che è sempre più assistenzialista che solidarista o sussidiario. E senza cercare di scimmiottare la sinistra con l'ossessione delle primarie, perchè la leadership, a Destra, è carismatica e non elettiva.

sorciverdi

Dom, 22/09/2013 - 17:03

Una fraterna stretta di mano a Marcello Veneziani per aver scritto ciò che sostengo da sempre: solo una DESTRA UNITA può porre fine ai disastri che dal 1946 ci vengono imposti dagli eredi della DC e da quelli del PCI. La colpa dello sfascio è interamente loro e una DESTRA UNITA potrebbe, pur con grandi sacrifici da parte di tutti gli Italiani, RICREARE LA GRANDE ITALIA CHE MERITIAMO DI ESSERE! Stringiamoci a coorte...! Io sono pronto.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 22/09/2013 - 17:09

Vedere Crosetto quasi strangolare la Meloni e La Russa, nella foto che elemosina adesioni, oppure Alemanno e D'urso, in un'altra, pett'in fuori a 'rappresentare', mi fanno una pena... di più, di più. Avevano tutti un senso, prima, con Silvio. Ora, sembrano cani smarriti. Questo flash sintetizza il nonsense di uno spirito marcatamente di destra nel nostro Paese. Oggi, etichettarsi di destra o di sinistra, vuol significare essere usciti completamente di testa.

peter46

Dom, 22/09/2013 - 17:28

Massimo...Le primarie della dx non devono essere 'copiative'per 'autofinanziamento'o 'imbarcamento' di gente che sceglie una posizione solo per il suo facile inserimento politico...si chiamano 'primarie'per scimmiottare i nuovi termini...ma si ritorni ai sani congressi e liberi voti fra tutti coloro che ne sono stati,anzi lo saranno,gl'iscritti da non meno di tre anni a partenza da un preciso giorno da stabilire.Per ora serve solo un traghettatore...ma non un ex "colonnello" o ex "capitano".Per il leader siamo in attesa dello stampino che abbiamo da tempo 'ordinato'...ma non ci hanno saputo indicare il giorno(e neanche l'anno purtroppo)della consegna,per cui,nell'attesa,per non disperderci nuovamente.....scegliamo fra il parco buoi esistente,poi si vedrà.

leserin

Dom, 22/09/2013 - 17:42

Voglio una Nuova Destra che difenda i Valori Nazionali, Identitari e Morali, che difenda la Famiglia tradizionale dai suoi surrogati, che ci liberi dall'ipocrisia del politicamente corretto, che subordini l'accoglienza (quando è inevitabil) a precise condizioni - compreso il concorso del resto d'Europa - e a limiti temporali, che difenda il lavoro dal parassitismo e valorizzi il nostro paatrimonio ambientale, paesaggistico, artistico e culturale anziché lascialo alla mercè del degrado e delle speculazioni.

carlo.tominetti

Dom, 22/09/2013 - 17:47

Ci sono tantissimi giovani in Italia entusiasti nella miriade di Comunità Militanti, Casapound e ... che giustamente non ascoltano le sirene di chi (gruppo Storace) sogna -che pena- di ricostruire AN (con quei precedenti e quei predecessori..) o peggio ancora vuole una destra-centro (Fratelli d'Italia -che delusione Giorgia-)e vorrebbero questo entusiasmo porlo al servizio di vero 'ritorno alle origini', come ho 'sentito' ieri a Monza alla presentazione dell'Associazione 'Memento' e chi se ne frega se tanti 'nomi' spariranno definitivamente dal 'nostro' mondo. Forza Veneziani. Nobis!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 22/09/2013 - 18:10

Una terza Repubblica richiede una seconda Costituzione.

bruco52

Dom, 22/09/2013 - 19:37

Menia di Futuro e Libertà ha detto che Fini deve far parte dei questa nuova Destra...forse ha detto una cazz...a del genere perché voleva solo un' po di visibilità...bisogna ripartire da Fratelli d'Italia e dalla Meloni, gli altri restino in disparte, discreti e con poche parole e misurate....

mutuo

Dom, 22/09/2013 - 19:42

Potrebbe essere il manifesto di una nuova Dx, però dopo una profonda rottamazione degli attuali rappresentanti della vecchia Dx. Nessuno ha ancora avuto il coraggio di dire cose che forse la maggioranza degli Italiani condividono.

lupodellasila

Dom, 22/09/2013 - 20:04

Come fanno a stringersi a coorte se temono di rovinarsi, con la stretta, le penne di pavone? In fondo se nacque AN, se molti divennero ministri dopo il '96, se ci fu la "vertenza" al padrone...fu proprio per il gusto di fare la ruota con le piume. Per costoro le bonifiche paludose,la previdenza sociale, l'Esposizione Universale di Roma.... sono stigmate di peccato originale da cancellare con tante belle ruote di piume, pronte a sventolare alla tavola del mecenate di turno, riciclato o no. Come si fa ad invitarli a stringersi a coorte! Le piume sono importanti.

luca 1972

Dom, 22/09/2013 - 20:25

Pero' di leader ancora non se ne vedono purtroppo. A me piace crosetto e alcune iniziative di casa pound, ma vedo un popolo addormentato incapace di difendersi dallo strapotere della germania e dall'invasione islamica. La chiesa per colpa di scelte politiche sbagliate, anche recenti come lappoggio a monti, ha perso voce in capitolo e influenzasulla societa' italiana. In attesa di tempi migliori milioni di italiani onesti attendono un riscatto che non arriva neanche votando grillo il cui movimento ha perso ogni credibilita' dopo le recenti pagliacciate in parlamento.

un saluto romano

Dom, 22/09/2013 - 21:35

condivido con il signor Massimo ma soprattutto condivido con lei signor Veneziani. Mi domando se Storace sia in grado di capire o se rimescola le carte per poi fare il gioco di quelli che sono ora al governo. Non ha ancora capito che anche il popolo di destra vuole facce nuove ma soprattutto menti nuove in grado di competere con le sfide del futuro che non sono per niente luminose. Anche lui fa parte oramai del passato bisogna che se ne renda conto. Continua a cercare alleanze con i soliti noti invece di guardare a destra e confrontarsi con coloro che non fanno chiacchiere ma si mettono in gioco sul campo ogni giorno.

dianal

Dom, 22/09/2013 - 21:51

Spero che la passione s'accenda in questo laboratorio di idee che si sta man mano infiammando. Me lo auguro di cuore

carlo5

Dom, 22/09/2013 - 22:21

Basta con nuovi partiti qui ne occorono solo due, uno al governo e l'altro all'opposizione. Il tempo delle estreme e' finito e se non lo capiamo al pou' presto comtinueremo con partiti e partelli che condizioneranno la politica nazionale. Il passato presente insegna. Ma cosa deve ancora accadere per capirlo? Veneziani ci rifletta e metta in soffitta questi ritorni al passato.

ex d.c.

Dom, 22/09/2013 - 23:12

Il partito di Fini rappresentava una destra europea e democratica. Dopo la defezione del suo realizzatore solo la parte più centrista è rimasta del PDL, gli altri non hanno trovato il partito di rappresentanza e disertato le urne. Fratelli D'Italia, nonostante la presenza di validi organizzatori, non ha captato questo elettorato. E' la percentuali mancante che ha fatto vincere la sn

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Lun, 23/09/2013 - 10:24

TRADIZIONE E SOVRANITA’: IL CREPUSCOLO DEGL’ IDEALI Sento auspicare con condivisione la rinascita di Forza Italia, come movimento politico di destra mirato al recupero delle nostre tradizioni e della nostra sovranità. Che un nuovo partito politico possa costituirsi sulla base di Tradizione e Sovranità è senz’ altro possibile, considerato l’ anelito che da più parti se ne coglie. Meno probabile, tuttavia, che poi esso possa sopravvivere concretamente, semplicemente alimentandosene, considerato che, ormai non si rilevano più le condizioni che rendano realistico il perseguimento di questi due elementi fondanti. La prima, infatti, è legata ad un patrimonio culturale sociale ed individuale ormai defedato perché dilapidato nei mille rivoli di una scuola asfittica, burocrate e gestita dall’ attivismo prevalente di maestri di sinistra, sotto lo sguardo nostalgico dei depressi costretti alla disillusione dalle crescenti aggressioni della cosiddetta integrazione per editto. La seconda rimasta intrappolata nelle maglie sempre più strette di reti e nasse targate UE, sommersa da una superburocrazia sovranazionale che mortifica e azzera sempre più il valore della nostra Carta Costituzionale e ci incasella come semplici partite e numeri in parametri ragionieristici, rendendo velleitaria ogni altra sopravvivenza d’autonomia.

giocondo1

Lun, 23/09/2013 - 12:43

... siam pronti alla morte. "Difendere la sovranità e la tradizione dai tiranni finanziari di sopra e dai flussi clandestini di sotto".

Ritratto di dlux

dlux

Lun, 23/09/2013 - 12:55

Qui si sta disquisendo su come dev'essere la nuova Destra... Ma si sta perdendo di vista l'obiettivo. Quello di esserci e, ancora, non ci siamo. Complice Fini (pace all'anima sua...), la Destra esce da questa fase politica con le ossa rotte, nel migliore dei casi. Eccezion fatta per La Destra di Storace, mi dite i tanti ex-votanti di AN (fra cui il sottoscritto...) cosa voteranno alle prossime elezioni? Certo, Fratelli d'Italia (per la nascita del quale ho firmato...) si propone sulla scena politica per raccogliere i tanti naufraghi, ma, come è stato detto, non vi sono elementi carismatici per poter catalizzare i voti di tutti coloro che attendono la "Nuova Destra". E allora? Non è che abbiamo troppe pretese? Non vedo all'orizzone un nuovo Fini (prima versione) né, tantomeno, un nuovo Almirante. Quindi, delle due una. Perché non tornare ad AN? Per il nome già sfruttato? Ma non eravamo rimasti che contavano le idee? Oppure rifondare tutto non sapendo con chi a capo di cosa...

peter46

Lun, 23/09/2013 - 14:13

dlux...le facce,solo le facce a noi dovrebbero interessare...per il nome della formazione-partito,uno vale l'altro...basta sapersi proporre...e proporre 'proposte'.E senza imbarcare gli ormai decrepiti ex...di poltrone e 'ladri di sogni'.Oltretutto sono stati abbondantemente 'testati':Fli c'era alle ultime elezioni,possibile che non gli è bastata quella figura di m.... fatta?E degli altri si sente forse il bisogno?...La Meloni sia la traghettatrice fino...alla dimostrazione sul campo dell'effettivo valore.Se riuscirà a togliere dalla prima fila alcuni personaggi(sacre famiglie in testa)bene,altrimenti saremo noi a considerarli...l'eccezione da sopportare;salvo sistema elettorale con preferenze:e dunque ns compito l'azzeramento.Si parla di collaborazione con Tosi?Bene...ma il fazzolettino verde nel taschino della giacca,purtroppo per ora...è una discriminante o una limitazione territoriale:e non devono esserci delimitazioni territoriali ma "inclusioni"Nazionali.Ricordando sempre che non sta scritto da nessuna parte che da domani bisogna 'governare' l'Italia....ma cercare di non disperdersi.Come sta succedendo...

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 23/09/2013 - 14:23

I commenti precedenti mi sembrano improntati quasi tutti a sano realismo,che risulta carente nello scritto di Veneziani,il quale propone la rifondazione di una terza destra,la quale correrebbe il pericolo di essere un piccolo partito ininfluente,utile forse solo a qualche mediocre personaggio per avere visibilità e,per essere maligni,rimborsi elettorali.Qui la battaglia si svolge contro truppe corazzate, a cui si può solo contrapporre l'unità di tutti i moderati.Questi ultimi dovrebbero rinunciare anche alla purezza dei loro ideali,ai vari'distinguo',e formare blocco unico in una battaglia che è già in atto,in cui è in gioco l'elemento fondamentale,cioè la nostra libertà.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Lun, 23/09/2013 - 15:11

Ai diversi visitatori di questo blog, che risultano avere idee piuttosto confuse su significati, scopi e modalità operative di destra, sinistra e centro, consiglierei vivamente la lettura di DEMOCRAZIE MAFIOSE di Panfilo GENTILE. Magari, restasse un po' di tempo, anche Max Weber. Buona lettura.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Lun, 23/09/2013 - 15:26

Ha ragione la Signora Euterpe quando dice che tutti noi moderati, dovremmo lasciar perdere certe purezze e far fronte comune contro la mancanza di libertà che ormai, sta soffocando l’intera Nazione.

peter46

Lun, 23/09/2013 - 17:11

Euterpe,egregia...finchè non si decidono a spartirsi il tesoretto ex AN,non si toglieranno sicuramente dai cosiddetti...ma intanto o si parte dalla formazione che,ora,in questo momento,ha dato più segni di vita...o ci si accontenta del 'diritto'all'astenzione(sempre per chi crede alla dx e non mischiando il centro,che non è più"centro del mondo" dopo le note vicende che presto si concluderanno nell'unico modo che già tutti sappiamo e che anche 'loro',piaccia o non piaccia,sanno. Tempus fugit...la copertina nera che accompagnava quel libro è ormai scolorita...ogni tanto qualcuno lo rilegge,ma poi apre il cassetto e trova la bolletta della luce,l'imu,l'iva che non sa se è o dovrà aumentare...e pensa al materiale umano che offre la piazza e che Panfilo Gentile avrà scritto un ottimo libro ed espresso ottime idee...ma il mondo e i bisogni è/sono,purtroppo altro/i.---Rosella Meneghini...è quel moderati che dà problemi:se effettivamente pensa che ci sia mancanza di libertà...col suo moderatismo dove vorrebbe andare...che non sia venuto il momento di togliere i fiori dai... cannoni?Ah!Lui ancora ha rifatto il nuovo partito dell'amore?

chiara2012

Lun, 23/09/2013 - 18:33

perfettamente d'accordo con Euterpe e Rossella Meneghini....e pensare come ero idealista,mi mette tristezza.Ora è così,una battaglia da vincere ,e basta.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 23/09/2013 - 19:30

@Peter46 - Lei crede che l'astensionismo possa condurre da qualche parte se non a illudersi di non sporcarsi le mani, a preservare sterilmente l'integrità' dei propri ideali,destinati così a non attuarsi mai,anzi ad essere travolti?Quanto ai fiori nei cannoni,non c'è bisogno di toglierli,si può ricorrere a quell'arma incruenta che è il voto,anche se dubito ormai della sua efficacia,ma non possiamo che affidarci ad esso.Almeno per ora.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Lun, 23/09/2013 - 20:21

La sinistra ha ormai ampiamente dimostrato il suo volto conformista e radical-chic; una serie di obiettivi, di posizioni, di valori e di "brand" che non necessitano di un coinvolgimento personale e totalizzante. Laicismo e Democrazia. Ordine e legalità. Antifascismo e Costituzione, Matrimonio asessuato, Demotivazione della famiglia, Depressione della volontà d'impresa, Spietata tassazione, Potere alle minoranze, Volgarizzazione dell'identità, resa all'Islam e sudditanza alle politiche europee. Le elites sinistroidi hanno risolto il problema del caos generato da siffatte linee politiche stringendosi "a corte" (con una "o") e abbandonando la "greve" Destra al suo destino buttandogli addosso ogni aggettivo infamante. Umiliati e Offesi. Cosa rimane alla Destra? Non so come dovrebbe essere. Ma, secondo me, una cosa non dovrebbe essere: non dovrebbe essere "moderata". Il Moderatismo ottocentesco, p.es., era una linea politica che mirava all'Unità tanto quanto i mazziniani e i garibaldini, ma attraverso la monarchia sabauda e la garanzia che non vi sarebbe stata una rivoluzione che avrebbe messo a rischio l'ordine sociale. Berlusconi vuole unire i moderati; tuttavia ("me lo consenta" il nostro presidente, al quale va tutto il mio sostegno!) mi chiedo: quale moderatismo serve? Quale obiettivo persegue la destra? La difesa della libertà d'impresa, della famiglia, delle differenze culturali, del dialogo sulla "prassi", che non abbia l'inevitabile "finale ideologico" imposto da chi crede di avere una "superiorità" culturale. E, sinceramente, non riesco a seguire queste strade con un atteggiamento "moderato", ma piuttosto "radicale". Per cui, di fronte alla "pusillanimità" e al conformismo della Sinistra occorre il "coraggio" e il "nuovo respiro" della Destra! Magari moderati sì, ma senza troppa moderazione!

peter46

Lun, 23/09/2013 - 21:50

Egr Dario Maggiulli...(l'applicazione del giornale purtroppo non ha voglia di sincronizzarsi in tempo reale e la discussione è falsata,dato che non tutti tornano a vedere se c'è posta per loro)Però,da dx è una grande "soddisfazione" poter "uscire di testa":per tutti coloro che avevano voluto"intrupparsi" uscire di testa,ora,significa invece ritrovare aria "antica" ma pulita...la droga dei vent'anni non fa più presa.L'unico problema che sarete costretti(Lui è già costretto da altri e lo sapete bene)a "pietire" nuovamente alleanze di coalizione...e purtroppo ve le daranno.Come le altre volte verranno a salvarvi ed anche a salvarsi,ma,stavolta,non dovrebbero farlo,qualunque fosse il risultato....proprio per ricordarvi che senza di loro Voi ed il "vostro"era da tempo che "stavate a portare a pisciare i cani ai giardinetti".Per Noi invece la soddisfazione di esserci ad ogni elezione non potrà mai finire:una sigla qualsiasi,e senza perdere Identità e Tradizione,il nostro 'variegato' mondo non ce la farà mai mancare.Al massimo,senza "esaurimenti mentali" torneremo all'..."importante è partecipare":come avevamo fatto per circa 50 anni....Il problema siete voi che non eravate abituati... all'astinenza delle poltrone e senza Lui...ah!già avete pur sempre Bondi,Verdini,Cicchitto,Galan,Gasparri e Matteoli ve li lasciamo tranquilli...insieme alla Santanchè ed alla Mussolini.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Mar, 24/09/2013 - 10:56

#peter46# Essere moderati non significa essere mosci o remissivi. Significa cercare con ferma educazione e cognizione di causa, tutto ciò che possa coronare un progetto comune per il bene della Nazione. Ma a causa di chi poi, non vuol sentire ragioni per scopi ideologici, interessi di partiti e partitini, o altre amenità, a togliere i fiori dai cannoni e sporcarci le mani, non ci vuole molto! Come dice #chiara 2012#: “Ora é così, una battaglia da vincere e basta”. Altrimenti saremo tutti germanizzati.

Ritratto di dlux

dlux

Mar, 24/09/2013 - 12:24

Rosella Meneghini - peter46 - Rispondo in ritardo ma rispondo. Peter, le idee non le facce. Di facce ce ne sono anche troppe in giro. Si guardi a sinistra... Le idee, invece, sono scritte a caratteri cubitali nella nostra mente di destra. E rimangono lì fino alla nostra morte. Indelebili al tempo che passa, non stupidamente o cocciutamente, ma fermamente basate sui sani principi morali che vengono dal nostro ideale di società. Quegli stessi principi che vediamo via via calpestati dalle ideologie di sinistra tutte votate al disfacimento ed alla distruzione, pur di ottenere un voto in più. Moderati? E perché? Anzi. Tuttaltro che moderati, fortemente, fermamente votati ad appoggiare chi di queste idee ne farà una bandiera.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mar, 24/09/2013 - 13:01

Una delle incongruenze della nostra Costituzione é quella disposizione transitoria, poi diventata legge Scelba, che proibisce, anche giustamente, il fascismo come idea dittatoriale ed ammette il comunismo, altra idea assolutista. AN intese por fine, senza successo poichè gli assatanati della sinistra in mancanza di altro seguitano ad aleggiare il fantasma nero, al concetto di Destra/fascismo. Solo che il suo leader si perse nelle aspirazioni, troppo grandi per lui, di diventare maximo, cosa per cui ci vogliono una morale, una capacità che gli mancavano. Storace ha perso il treno quando nel 2008 non riuscì a convincere altri che il grandissimo, purtroppo scomparso, Buontempo, ad accompagnarlo nella ventura, ne fu capace di parlare con F.N, Fiamma Tricolore, Casa Pound, ed altri gruppi in parte destrorsi dichiarati in parte solo anti sinistrismo, e convincerli ad un'azione comune. La destra oggi, come egregiamente scritto dal primo commentatore, sig.Massimo potrebbe fare presa, e contrapposizione, ai conservatori di sinistra ed agli affaristi di centro. Solo che ci vuole una figura carismatica, e che non si lasci intrappolare nei meandri della giustizia ad personam. Un altro Almirante insomma, che oggi non potrebbe essere tacciato di aver aderito al Manifesto della Razza, se non altro per ragioni di età. Ora non c'é, speriamo appaia presto.

Ritratto di rapax

rapax

Mar, 24/09/2013 - 14:44

Concordo An non era altro che la destra strannacquata rifugio di molti transfughi della vecchia Dc tradizionalista(gli altri andavano a sinistra)l'inizio della fine il "moderatismo" visto come "modernismo" l'annacquamento dei valori visto come "sdoganamento"..su questo si ebbe ragione..ma si continuò grazie alla azione di quei "Dc" all'annullamento della forza delle tradizioni, si iniziò con il timeore di esporre i vecchi simboli, e va bè..erano storia non condivisa per un partito che voleva qualcosa di più, ma il peggio fù l'annullamento dei valori!! in nome della modernità della cosidetta destra "moderna" dove moderna(deleterio qunado si parla di destra) è sinonimo di abbandono lento del concetto fondativo della destra..Famiglia, Patria, Terra, Cultura...aggiungo che la destra si e' fatta abbracciare dalle spire MORTALI della chiesa progressista grazie a quei Dc di cui sopra(vanno dova và la chiesa) per un malinteso senso di molti che la destra Segue la tradizione Cristiana..si ma non le derive progressiste della chiesa mondialista!! che ci porta lontano dai valori della Destra....attraverso anche questo "abbraccio" Catto/progressista la destra lentamente è stata scardinata fino all'annullamento!! appunto il concetto di destra "moderna" occhio quando sentiamo usare questo termine nella rifondazione del movimento, in quanto "moderna" non è tradizionale..ma annacquamento puro...

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mar, 24/09/2013 - 15:02

Rifondare la destra? In che modo? Con quali prospettive? con quali uomini? Berlusconi? Fini? La Russa? Alfano? Bohhh. Per quanto mi riguarda preferirei di gran lunga ubbidire ad un despota che governa piuttosto che ad una massa di miserabili, corrotti e inetti che non governa. Parola di sincero antidemocratico.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Mar, 24/09/2013 - 15:03

#dlux# In modo diverso, stiamo esprimendo un disagio che certo, non credo verrà arginato dalle decisioni di questo governo guidato proprio da chi, in nome di un errato concetto di uguaglianza, tutto livella verso il basso. Non é molto lontano il tempo per il quale sarà necessario batterci per i nostri sani principi morali, dai quali dipende la libertà di tutta la Nazione. E non sarò certo io a tirarmi indietro. Incominciamo a ricordarci che siamo noi il Popolo il Sovrano! Anche se al momento é calpestato, é il Popolo il Sovrano che deve rialzare, con giusto orgoglio, la testa. Alle purezze potremo pensarci a lotta finita che sarà, purtroppo, lunga e dolorosa. Ma sarà quel dolore ad essere la forgia che purificherà l’oro dei nostri sani principi. Cordialità. Rosella

Agev

Mar, 24/09/2013 - 15:09

Quindi Signori miei ... Che ognuno diventi Principe/signore di sé stesso - Colui che afferma/unisce e separa - Unità di mente/corpo/vita e tutti insieme si trasmuti la realtà ... una nuova e più ricca realtà ... il nuovo Spazio/tempo .. il vecchio tempo/spazio non può più essere . L'Italia culla/realtà di tutte le più alte civiltà .. diventi culla/realtà della nuova e più alta civiltà . l'Europa .. nata barbarica e rapinatrice .. figlia del vecchio tempo/spazio .. farà altrettanto .. così il mondo . Gaetano

Agev

Mar, 24/09/2013 - 15:11

Dimenticavo ... Le nuove e più potenti vibrazioni Lo esigono e Comandano . Gaetano

peter46

Mer, 25/09/2013 - 13:56

dlux...Euterpe...Rosella Meneghini...un giorno dovremo farci carico di una protesta per avere l'inserimento 'istantaneo'dei commenti,proprio per la doverosa discussione.Io ho risposto ad ognuno di voi,sempre "a mio parere",ma non è stato inserito come spesso sta succedendo...e riscrivere per non vederlo pubblicato non ne vale la pena.Ci saranno altre occasioni,come ci sono già state.

lento

Mer, 16/10/2013 - 15:53

Macche' la destra,bisogna fondare un partito di idealisti Italiani!Di Italiani con Onore,Di Italiani Puri!Quando la destra e'l'opposto della sinistra vuol dire,Che ti puoi aspettare tutto .Anche l'ho scioglimento di questo partito! Il PARTITO DELL?ONORE!!! Non si potra' sciogliere MAI-