Che ingiustizia finire in carcere per una bandiera

Solo con il leader di CasaPound tanto rigore: per compiacere l'Ue

Roma - Chi tocca l'Europa del rigore muore. O, fuor di metafora, finisce dietro le sbarre. Ne sa qualcosa il vicepresidente di CasaPound, Simone Di Stefano, che da sabato mattina è rinchiuso in una camera di sicurezza della questura di Roma, in attesa di essere processato per direttissima stamattina.

Di Stefano è stato arrestato con l'accusa di furto pluriaggravato dopo essere salito con una scala sul balcone della sede di rappresentanza in Italia della Commissione europea e aver lanciato la bandiera pluristellata al centinaio di manifestanti che aspettava lì sotto sventolando i tricolori. Lo scopo del blitz, pacifico, era simbolico: sostituire il vessillo Ue con quello nazionale. Gli agenti però, quando Di Stefano stava ancora salendo verso il balcone, hanno caricato i manifestanti, una ventina dei quali hanno riportato ferite alla testa, e ne hanno denunciati tre a piede libero, oltre a rinchiudere il leader del movimento. La bandiera azzurra dell'Unione europea, intatta, è stata riconsegnata in questura poco dopo.

Se la cronaca è tutta qui, resta il paradosso di un arresto che appare grottesco e sproporzionato, talmente simile a un gesto in odore di sudditanza e in omaggio alla dittatura degli euroburocrati da finire per convalidare le ragioni della protesta di CasaPound e Forconi. Le manganellate, la cella, una giustizia che si scopre improvvisamente rapidissima e inflessibile strizzando l'occhio a Bruxelles suonano come una punizione esemplare, ma è un pessimo esempio, per la «lesa maestà» a un simbolo dei padroni del rigore europeo. Una punizione, tra l'altro, acrobaticamente incardinata in un reato improbabile, il furto pluriaggravato, nonostante la restituzione del «maltolto».

Tralasciando i tanti autori di reati comuni che in carcere nemmeno ci si affacciano, non si ricorda un simile zelo nei tanti episodi in cui, negli ultimi anni, è stata la bandiera nazionale, il tricolore, a essere vilipesa o bruciata. E nemmeno dopo il blitz di Greenpeace a Palazzo Farnese del 1995 - dalla dinamica molto simile, con tanto di bandiera francese ammainata da Gianna Nannini arrampicata sul balcone dell'ambasciata - tintinnarono manette.

L'Europa, però, non si può toccare. E l'enormità dell'arresto del «rubabandiera» Di Stefano solleva solo poche obiezioni dalla politica, tutte targate FdI. Guido Crosetto affida a Twitter il suo sconcerto, chiedendosi se «veramente questo Di Stefano è stato arrestato perché ha tolto una bandiera Ue», e il capo delegazione di Fratelli d'Italia all'Europarlamento, Carlo Fidanza, s'interroga sui motivi del «trattamento speciale» riservato sabato ai manifestanti del «dissenso anti Ue»: «Far rispettare la legge è una priorità per tutti, ma si deve fare con uniformità e proporzionalità». La questione non è politica. Non riguarda CasaPound o i Forconi. È in gioco la libertà personale. Non si può finire in cella per aver criticato l'Ue e le sue politiche. Almeno fino a quando l'anti europeismo non diventerà un reato.

Commenti

pinuzzo48

Lun, 16/12/2013 - 08:41

una bandiera vale piu della vita delle persone uccisi in strada ho in casa per rapina

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Lun, 16/12/2013 - 08:42

Come in un regime comunista: due pesi, due misure!!!

Ritratto di tulapadula

tulapadula

Lun, 16/12/2013 - 08:54

Gliene hanno date troppo poche. La prossima volta di piu', cosi magari restano a casa invece che andare in giro a fare i pirla.

qualunquista?

Lun, 16/12/2013 - 08:54

Anche se questo personaggio mi stia simpatico, non posso non ricordare che c'è stato chi ha impunemente bruciato bandiere italiane, anche davanti a obiettivi di macchine fotografiche e telecamere. C'è da pensare

rossini

Lun, 16/12/2013 - 09:00

Che bell'esempio di due pesi e due misure. Per anni i kompagnucci di casa nostra hanno bruciato e oltraggiato Tricolori e Bandiere americane senza che nè le cd. Forze dell'Ordine nè la Magistratura battessero ciglio. Ora invece se si tratta di dare addosso alla destra ...

honhil

Lun, 16/12/2013 - 09:00

Ora è chiaro, senza se e senza ma, la giustizia in Italia viaggia su due distinti binari. A sinistra, anche quella più estrema, tutto è permesso, a destra, indipendentemente dal collocamento, si viene arrestati per un nonnulla. Quante sono state le bandiere Usa ad essere bruciate e dileggiate, senza che nulla accadesse? E quante volte Berlusconi è stato assalito e dileggiato, tra risate di compiacimento e di scherno, senza che mai una procura si sia mossa? Neppure lì dove la tirannia è consolidata da anni e anni di false elezioni, si arriva a tanto: perché, comunque, il simulacro della giustizia viene salvaguardato. In Urss, anche nel periodo più nero, si preferiva mandare i dissidenti, o supposti tali, in manicomio: proprio per non creare un doppio binario di giustizia. In Italia l’arroganza invece non ha fine.

egi

Lun, 16/12/2013 - 09:01

Sono proprio questi accanimenti contro chi non è protetto dalla sinistra ad indignare e a spostare a destra gli italiani.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 16/12/2013 - 09:04

i massoni nazi-comunisti devono e sono difesi e tutelati dai loro adepti politici e magistrati, ormai siete in un regime e tra poco non potrete neanche respirare senza permesso e giustificazioni. Peggio per voi che vi siete lasciati prendere in giro e votate senza riflettere

Ritratto di Manieri

Manieri

Lun, 16/12/2013 - 09:04

In Italia c'è la libertà di essere di sinistra. Se non sei di sinistra sei libero di tacere, di pagare tasse, di lavorare come uno schiavo. Se poi sei un attivista anticomunista sei anche libero di andare in galera per le tue idee.

CONDANNATOOO

Lun, 16/12/2013 - 09:12

Che sembra troppo esagerato come pena,considerando che ci sono reati ben più gravi e non puniti va bene, ma è un reato purtroppo. Io sono stato multato x divieto di sosta,poi magari uno che passa col rosso non viene multato. Il vigile non ha fatto bene il suo lavoro ok,ma l'infrazione io l'ho commessa,stop!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 16/12/2013 - 09:19

Inostri disonorevoli rubano milioni di euro e non succede niente,questo ...........una.....bandiera..........basterà l'ergastolo??????????????????

Ritratto di indi

indi

Lun, 16/12/2013 - 09:25

Non si può solo continuare a parlarne, occorre agire. In molti non si rendono conto del regime rosso al quale siamo sottoposti. È un regime subdolo e strisciante, che si manifesta solo con atti come l'arresto di Di Stefano, o la negazione dei domiciliari a Corona ecc. Che hanno come contro altare i domiciliari a drogati alcolizzati e senza patente che al volante della propria auto ammazzano a gogo. Oppure l'impunità del vilipendio giornaliero, del pentastellati. Non si tocchi alfano o la cancellieri e nemmeno esposito che telefona agli amici dei mafiosi! La Bastiglia è stata presa con l'azione non con l'indignazione. Sembrava che con i forconi finalmente si passasse all'azione ma probabilmente in Italia si sta ancora troppo bene e basta un Renzi per sopire il malcontento! Votatelo, mi raccomando! S'intravede già il "vecchio" ammantato di "nuovo" che avanza!

cecco61

Lun, 16/12/2013 - 09:25

Sinceramente non vedo perché meravigliarsi e, grave errore, pensare che "la questione non è politica". Letta, in uno dei suoi discorsi, ha affermato che dietro i Forconi c'è Casa Pound e valori che non lo rappresentano (lui e i suoi compagnucci). E' vero, lui si identifica nei valori di quei pseudo-studenti (leggi: centri sociali) che in contemporanea al blitz di Casa Pound, manifestavano, senza autorizzazione, a Venezia e Torino lanciando bombe carta e fumogeni contro la Polizia la quale, intervenuta solo per arginare, e non per arrestare, è stata subito accusata di violenza eccessiva. I valori regnanti in Italia oggi sono, come negli anni '70 e in tutta Italia nel dopoguerra, quelli riassumibili nel fatto che a sinistra hanno sempre ragione, anche quando picchiano, distruggono, uccidono e rubano mentre, gli avversari politici, hanno sempre e comunque torto.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 16/12/2013 - 09:29

Pienamente d'accordo col giornalista e con quanto sostiene. Aggiungo però una piccola osservazione. Secondo me c'è qualcosa di più di "un gesto in odore di sudditanza e in omaggio alla dittatura degli euroburocrati" o un omaggio alla UE. E' proprio vero che non s'era mai visto tanto rigore in altre occasioni, create da altri (non si fa fatica a capire chi), veramente disastrose. E' la solita giustizia, che abbiamo ormai da più di vent'anni, fatta con due pesi e due misure, diversa a seconda dei soggetti con cui si ha a che fare. Mi chiedo e vi chiedo: "Il nostro è ancora uno stato"?

milo del monte

Lun, 16/12/2013 - 09:39

ricordiamo un po chi sono i forconi : Davide Mannarà - spaccio e reciclaggio Carmelo Gagliano - arrestato per collaborazioni con camorra Danilo Calvani - simpatizzante estrema destra Mariano Ferro - MPA Antonio Pappalardo - MPA proposta giunta militare a guidare il paese Simone Di Stefano - leader CPI e chiaccheratore di piazza dei partigiani a Roma Lucio Chiavegato - Indipendenza Veneta simpatizzante destra (ha Putin come idolo) Andrea Zunino - cospirazionista e simpatizzante di estrema destra (ha come idolo Vikto Obran) Augusto Zaccardelli - ultras S.S.Lazio, promotore incontro con Berlusconi

elalca

Lun, 16/12/2013 - 09:45

certo che il Sig. Di Stefano è un bel pirla. se avesse avuto in tasca la tessera di qualche collettivo/centro sociale di trinariciuti ora sarebbe a festeggiare con i compagni di merende e anche con il giudice esposito. invece rischia di finire sulla graticola e magari di prendersi una condanna esemplare (così dicono i giudici e i giornalisti pupi) . che fetenzia

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Lun, 16/12/2013 - 09:49

Purtroppo c'è tanta gente che sembra non avere capito nulla della dittatura massonica nazi-comunista che si avanza in Italia e crede che con il PD di Renzi (partito di banchieri e esattori) sia invece iniziato il rinnovamento tanto agognato.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 16/12/2013 - 09:50

condannato perche' e' un Patriota Italiano.

berserker2

Lun, 16/12/2013 - 09:50

Che squallore, che miseria morale! Ma è anche grazie a queste vergogne che gli italiani sapranno aprire gli occhi. La zarina in parlamento ancora non ha ordinato ai lacchè di servire le brioches (era troppo impegnata in sudafrica a spese nostre insieme al fidanzatino sbafatore....) ma ci siamo sempre più vicini. Ora a scanso di equivoci chiariamo che NON si infrange la legge! Non si sale una scala per entrare a casa di altri nemmno per un gesto simbolico. Chi l'ha fatto va denunciato e poi in un processo si vedrà. Ma arrestarlo che vergogna!!!! E i black bloc che hanno gusto a distruggere intere citta? E i No-tav violenti che fanno saltare gru e macchinari? E i centri sociali che bruciano quando ne hanno voglia bandiere italiane o USA? E quei manifestanti sinistrati che inneggiarono a nassirya? E tutti quei delinquenti semi-clandestini che investono sulle strade poveri innocenti e che non hanno fatto 1 giorno di gattabuia ecc.ecc. dove li mettiamo! Politici imbelli e golpisti ancora giocano con lo ius soli e italiani disperati vengono perseguiti solo per avere manifestato la loro rabbia o la loro disperazione.

marvit

Lun, 16/12/2013 - 09:51

Ma di cosa vi lamentate?? Potete ancora uscire dalle vostre case senza richiedere il permesso: ecchecacchio!!!!!! Quanti diritti volete?? Mica siete di sinistra?!?!

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 16/12/2013 - 10:05

Francamente non capisco l'articolo, per me un reato è un reato, sia che venga da destra che da sinistra, per cui è sbagliato comunque non perseguirlo. Quì c'è il furto della bandiera, ma mi sembra anche la violazione di domicilio. Quindi si applichi la legge senza tanti commenti "buonisti" o complessi di persecuzione, altrimenti chiunque si sentirà autorizzato a entrare in casa d'altri ad asportare oggetti, con scopi più o meno dimostrativi (il giudice valuterà poi le attenuanti o meno del caso ...).

Ritratto di Manieri

Manieri

Lun, 16/12/2013 - 10:05

@CONDANNATOOO, "è un reato purtroppo" sostituire una bandiera e per questo vai in carcere. Non ci vai invece se spacchi tutto e sei no global, no tav o se hai partecipato alle devastazioni del G8 di Genova nel 2001. In quast'ultimo caso in galera ci vanno i poliziotti.

Ritratto di Manieri

Manieri

Lun, 16/12/2013 - 10:08

@milo del monte, sono tutti di destra quindi devono starsene zitti altrimenti li mandiamo nel gulag vero?

Rossana Rossi

Lun, 16/12/2013 - 10:13

E' il solito schifo comunista. A loro tutto è permesso e tutto resta impunito. Se lo fa qualcuno di destra finisce in galera..........e poi si definiscono 'democratici'....buffoni!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 16/12/2013 - 10:32

Ma non si era appena finito di dire che bisognava riordinare il codice penale per eliminarne le troppe leggi "carcerogene"?

Ritratto di kinowa

kinowa

Lun, 16/12/2013 - 10:32

Secondo la "giustizia" Italiana i reati di destra vanno puniti, quelli di sinistra vanno interpretati. Questo è il metro usato fin da quando nelle strade si gridava che "uccidere un fascista" non era reato. Purtroppo talvolta è stato cosi.

alberto_his

Lun, 16/12/2013 - 10:35

@liberopensiero77: saggio commento. Per quanto demenziale sia la legge è da rispettarsi.

baio57

Lun, 16/12/2013 - 10:40

@ milo del monte - Fammi capire,essere "simpatizzanti" di estrema destra è un reato ,mentre essere "simpatizzanti "di estrema sinistra invece no ? D'altronde ,se pensiamo che hanno incarcerato per mesi e mesi chi sfilò con un carro armato di cartone ,e con fucili di legno ad elastici....

viento2

Lun, 16/12/2013 - 10:49

milo del monte -ci faccia anche l'elenco di quei bravi ragazzi dei centri sociali che hanno licenza di devastare

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Lun, 16/12/2013 - 10:57

Siamo alle comiche finali, per dire comiche. Stamane , dal salotto di Agorà, il professore Franco Cardini, da eminente storico qual'è, ha ricordato le dinamiche che portano allo scoppio delle rivoluzioni, aggiungendo che noi italiani non siamo capaci di attuare una rivoluzione in quanto popolo a sovranità limitatissima. Quindi, non dico nulla di mio, pur condividendo le parole di Cardini che ho sempre sostenuto in questa sede. A differenza di Cardini, sostengo però il classico 'c'è sempre la prima volta'. Questi sono tentativi idioti e fallimentari che, per mettere a riparo la baracca di lor signori, aumentano il malcontento e la rabbia. Loro lo sanno bene ma cascano sempre nel vecchio errore: tentare fino all'ultimo di salvare un potere vergognoso, becero e fallimentare. L'Italia è stata sempre preda della magistratura, strumento dei poteri forti, appoggiata dai propagandisti come Travaglio, che hanno condotto la nostra Nazione allo sfacelo odierno. Non si meravigli nessuno di questo. Silvio Berlusconi, alle prime avvisaglie del '94, in piena uscita internazionale in quel di Napoli, avrebbe dovuto rispondere per le rime ai magistrati guidati da lor signori, e non fare la vittima e piangere come i bambini idioti e pirla. In politica valgono condizioni e regole che non hanno nulla a che vedere con il buonismo, l'etica, la morale e la retorica. Tant'è che la sinistra italiana si è sempre mascherata in un certo modo per condurre, per lor signori, il gioco sporco. Ora, in difficoltà generale, arrestano un nostalgico che fa un gesto anticonformista. Queste sono le cause che porteranno alla rivolta totale. Questa non è più democrazia ma 'tirannide democratica'.

pinux3

Lun, 16/12/2013 - 11:03

Per chi non lo sapesse sottrarre una bandiera da un edificio pubblico è un REATO.

pinux3

Lun, 16/12/2013 - 11:05

@cecco61...Letta "si identifica con i valori dei centri sociali"? Ma voi siete FUORI DI TESTA...

gazzifam

Lun, 16/12/2013 - 11:12

tulapadula da come parli sembra proprio che il fascista sei tu... D'altra parte i comunisti erano disposti a regalare l' ITALIA all'Unione Sovietica ed ora si fanno difensori dell'Unità... Che personaggi.........

cecco61

Lun, 16/12/2013 - 11:44

@ Pinux3: vedi un po' tu. Ha pubblicamente condannato Casa Pound, i forconi ecc., perché non rispecchiano i suoi valori. Ma non ha detto nulla sulle devastazioni dei centri sociali, sugli attacchi alle forze dell'ordine e potrei continuare all'infinito. Ergo... significa che ne condivide valori e finalità. Se così non fosse dovrebbe pubblicamente intervenire anche nei loro confronti.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di franco.biolcati

franco.biolcati

Lun, 16/12/2013 - 13:22

Roba da matti! I PM spesso esagerano. Non tutti ma quasi. Uno deve essere fortunato a capitare con qualcuno di questi in stato di grazia. Tempi brutti.

pedratscher72

Lun, 16/12/2013 - 13:41

Molti dei vostri commenti mi fanno pensare, compreso l'articolo. Ci da' l'idea di quanto poco ci teniamo alla nostra confederazione di stati. Se negli Stati Uniti qualcuno si azzarda a staccare da un edificio pubblico la bandiera, in carcere si fa' ben piu' di tre mesi. E a nessuno passa nenache lontanamente per la testa di ritenere sbagliata una sanzione di questo genere. Oltretutto, i tipetti di casa pound sono gli stessi che in giro per l'italia hanno minacciato commercianti e esercenti vari che non avevano intenzione di chiudere le loro attività.di gente così in carcere dovrebbe finircene di più.

pedratscher72

Lun, 16/12/2013 - 14:04

Oltretutto amici miei, non raccontiamo inesattezze, la scarcerazione del uomo mascherato è stata disposta immediatamente dopo la sentenza e l'unico vincoolo rimasto è quello della firma bisettimanale, quindi, tranquillizzatevi, non è rimasto poi così a lungo nelle buie celle statali....

mares57

Lun, 16/12/2013 - 14:33

Solo in dittatura. Chi sono gli estremisti? Io non conosco questo movimento, cercherò di documentarmi, ma ritengo che la reazione a questo gesto sia indice di............ ok sono diversamente giovane non vorrei fargli compagnia in galera. Andiamo male, molto male. Eppure qualcuno nei massimi gradi del Potere non voleva svuotarle le carceri?

Ritratto di indi

indi

Lun, 16/12/2013 - 16:11

@liberopensiero77 - È forse meglio che tu scenda dal pero (rosso) sul quale sei finito con il tuo degno compare @pedratscher72! I commenti sono orientati a mettere in risalto la differenza di trattamento tra rossi e neri e alla rilevanza dei reati ben più gravi, che in virtù di un becero giudizio dei magistrati, acquisiscono minor rilevanza che non la rimozione di una bandiera! VIOLAZIONE DI DOMICILIO! Ma allora come si chiama quella che quando esci di casa e sei ricoverato 2 nesi in ospeda,e e al ritorno ti trovi la casa occupata da altri e i giudici non li fanno sloggiare in galera? Voi e i vostri simili dovreste essere toccati da tali esperienze per rinsavire! LA PRESA DELLA BASTIGLIA S'AVVICINA!

baio57

Lun, 16/12/2013 - 16:45

@ pedratscher72 - E' mai possibile che portiate sempre il paraocchi ,oltretutto sull'unico occhio che possedete ? Occhio sinistro ovviamente .

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 16/12/2013 - 18:04

la magistraura schifosa di regime che abbiamo ha aggiunto un'altra "perla" del suo delirante agire: COLPIRE DURAMENTE L'AVVERSARIO POLITICO, ESSERE LASCHI CON CHI DELINQUENTE VERO E COMUNE "SBAGLIA"..E' IL CLASSICO AGIRE DI UNA MAGISTRATURA DI KOMPAGNASTRI DI MERENDE

pedratscher72

Mar, 17/12/2013 - 10:40

Ammazza che piagnisteo, con espressioni classiche dei deliranti terroristi di destra e di sinistra, come ad esempio..." la magistratura dittatoriale rossa, di sinistra" ma che cavolo c'entra? il vostro vittimismo, il vostro piangervi addosso, la vostra mancanza di coraggio, di grinta, siete solo capaci di lamentarvi e di leggere sempre tutto come fosse una mosssa politica di quelli che considerate i vostri nemici, il vostro vivere ancora nel mondo diviso tra destra e sinistra, tra fascismo e comunismo...l'italia siete voi, per questo va male, anzi malissimo....

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 18/12/2013 - 09:59

pedratscher72 sono i dati che parlano per il cesso di magistratura che abbiamo, e sono dati ocse, e sono dati sulle sanzioni Ue e i diritti dell'uomo che prendiamo sul cesso di magistratura che c'è qui..e che sia paraziale, bè solo un'orbo anche alla terza "narice" non può constatarlo, vedere i provvedimenti sugli studenti sinistridi o i distruttori di città, un consiglio si sturi la terza narice che ne ha bisogno..