Altro che presidente super partes, Grasso stoppa la riforma della giustizia

Dalle colonne di Repubblica Grasso boccia la riforma della giustizia e minaccia: "Se il Pdl fa mancare la maggioranza, Napolitano ne troverà un'altra". Il Pdl insorge

Un attacco a testa bassa dalle pagine di Repubblica. Pietro Grasso si oppone alla riforma della giustizia e minaccia apertamente il Pdl: "Esprimersi dentro una coalizione come una forza di opposizione al governo è quanto di più deleterio possa realizzarsi". Paventando la possibilità di manovre speculative da parte dei mercati, l'ex procuratore nazionale antimafia smette i panni del presidente del Senato per indossare la toga rossa e processare il centrodestra: "Non può assumersi la responsabilità di far saltare il tavolo". Accuse durissime che fanno andare in fibrillazione i vertici del Pdl che si affrettano a ricordargli che il ruolo istituzionale che ricopre richiede un comportamento super partes.

Un'intervista fiume che si confa a un dirigente di partito piuttosto che alla seconda carica dello Stato. Dalle colonne di Repubblica, invece, parte un'invettiva durissima contro il centrodestra. Un attacco frontale condito con minacce di bassa lega e diktat dittatoriali. Non solo Grasso stoppa sul nascere l'invito lanciato dal Pdl di inserire anche la riforma della giustizia all'interno del processo di rinnovamento della Costituzione, ma arriva addirittura a imbavagliare il partito guidato da Silvio Berlusconi. "Nel caso in cui venisse meno la fiducia a questo esecutivo - è l'avvertimento - sono certo che Napolitano non escluderà alcuna possibilità per altre possibili coalizioni". A spingere il presidente del Senato a rilasciare un'intervista tanto dura è stato l'emendamento 2.12, presentato dal Pdl proprio a Palazzo Madama, per chiedere che si intervenga anche sul titolo IV della seconda parte della Costituzione, quello che riguarda la magistratura. "Non vogliamo fare la riforma della giustizia o la separazione delle carriere - aveva spiegato la senatrice pdl Anna Maria Bernini - ma se si riformano gli altri poteri dello Stato, si deve poter intervenire su pesi e contrappesi". Una posizione che non piace alla sinistra. Il Pd è disposto a mettere mano alla Carta, ma non alla parte che regola i poteri dei magistrati. Sebbene nei giorni scorsi non siano mancate le bordate contro l'emendamento del Pd, la presa di posizione di Grasso è senza alcun dubbio quella più dura. Proprio perché arriva da una figura istituziuonale che dovrebbe essere super partes. "Se si decidesse di intervenire sui poteri del capo dello Stato, non vì è dubbio che sarebbe necessario prevedere modifiche ai poteri correlati - ha spiegato il presidente del Senato - ma da qui a mettere mano all’assetto della magistrature ce ne corre". Proprio per questo, invita ad anteporre la riforma della legge elettorale a qualsiasi altro confronto politico. Peccato che la sua opposizione non si in linea con l'iter tracciato dal ministro per le Riforme costituzionali Gaetano Quagliariello.

L'intervista a Repubblica non ha fatto altro che aumentare le tensioni all'interno della maggioranza. Anziché confrontarsi e dialogare su un'eventuale riforma della giustizia, i democratici hanno subito opposto un muro che ha innevervosito i vertici del Pdl. Secondo il coordinatore nazionale del Pdl Sandro Bondi, infatti, la minaccia di Grasso sul possibile insediamento di una maggioranza diversa da quella che sostiene oggi il premier Enrico Letta testimonia "la volontà di svolgere un ruolo politico che è incompatibile con la funzione istituzionale di presidente di un ramo del parlamento". "Più che un presidente del Senato al di sopra delle parti sembra un capo tifoso nettamente schierato in una parte del campo - ha commentato Fabrizio Cicchitto - francamente di questo eccesso di scelte politiche di parte fatte dalla seconda carica dello Stato non si sentiva affatto il bisogno".

Commenti

VYGA54

Dom, 30/06/2013 - 12:38

E di che ci meravigliamo? Grasso ha solo ricordato l'art. della Costituzioe che recita pressapoco"...prima dello scioglimento anticipato delle Camere, il Presidente valuta se sia possibile un'altra maggioranza..." e' l'equivoco su cui ha giocato Scalfaro nel '94 ed è il risultato della mancata modifica di quell'articolo che aveva un certo senso per il proporzionale non certo per il maggioritario..

slim313

Dom, 30/06/2013 - 12:39

i soliti criminali di sinistra

handy13

Dom, 30/06/2013 - 12:39

...perchè NON si sapeva..?...solo la ingenuità del PDL..può pensare che tutte le istituzioni in mano alla sinistra (Presidente, Senato, Camera, CSM, magistratura)...ecc.ecc...potessero varare qualcosa a favore della destra..!!!

tonipier

Dom, 30/06/2013 - 12:43

" UN VERO COLABRODO DI PARTE" con la riforma della GIUSTIZIA si potrà avere una economia sana, senza di questa andremo tutti a zappare.

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 30/06/2013 - 12:44

anche qui ci si meraviglia??: grasso, magistrato, del PD..e cosa si aspettava da lui se non servizio a tempo pieno per la sua parte?? ruolo istituzionale o no?? al momento buono la sinistra preme il pulsante e ruolo istituzionale o no..abbiamo i Kompagni..semplice, è la scuola inarrivabile delle frattocchie..il Pdl è capatosta...eee??

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 30/06/2013 - 12:45

sono fantocci ed automi del Nuovo Ordine Mondiale, sanno solo opprimere i popoli per dominarli sta accadendo ovunque aprite gli occhi

Ritratto di Gius1

Gius1

Dom, 30/06/2013 - 12:45

in futuro ne vedremo delle belle. I 2 poteri della politica sono in mano a degli incompetenti che fanno abuso di potere. Questa e´ dittatura.

Ritratto di Gius1

Gius1

Dom, 30/06/2013 - 12:46

in futuro ne vedremo delle belle. I 2 poteri della politica sono in mano a degli incompetenti che fanno abuso di potere. Questa e´ dittatura.

dondomenico

Dom, 30/06/2013 - 12:55

E' arrivato un altro fini..to! Dove è la imparzialità del Presidente del Senato? Non manca molto, secondo me, a mandare alle ortiche questo governo. Hanno ragione sempre loro, è ora di staccare la spina

Pazz84

Dom, 30/06/2013 - 13:00

Beh se la riforma della giustizia è quello schifo di proposta fatta dal PDL ha pienamente ragione a rispedirla indietro. Della serie "guai a toccare i politici e i loro ricchi amici altrimenti finite male". Perchè non parlate dello "sfogo" del tesoriere del PDL al Corriere che spiega egregiamente per quale motivo rinasce Forza Italia? Le casse del partito sono vuote.

rino biricchino

Dom, 30/06/2013 - 13:01

Se si modifica la figura del presidente della repubblica si devono modificare anche gli organi ad esso collegati, come la magistratura: benissimo. Allora evitiamo di modificare la figura del presidente della repubblica ed evitiamo anche tutte le polemiche. Tra l'altro la figura del presidente della repubblica e' una delle poche cose che funziona mentre sono ben altre le cose che non funzionano, su cui bisognerebbe discutere!

Pazz84

Dom, 30/06/2013 - 13:03

Beh se la riforma della giustizia è quello schifo di proposta fatta dal PDL ha pienamente ragione a rispedirla indietro. Della serie "guai a toccare i politici e i loro ricchi amici altrimenti finite male". Perchè non parlate dello "sfogo" del tesoriere del PDL al Corriere che spiega egregiamente per quale motivo rinasce Forza Italia? Le casse del partito sono vuote.

Pazz84

Dom, 30/06/2013 - 13:03

Beh se la riforma della giustizia è quello schifo di proposta fatta dal PDL ha pienamente ragione a rispedirla indietro. Della serie "guai a toccare i politici e i loro ricchi amici altrimenti finite male".

agosvac

Dom, 30/06/2013 - 13:04

E' chiaro ed evidente che Grasso, Presidente del Senato, teme, come fossero il demonio, eventuali elezioni anticipate perchè se oggi è Presidente nessuno può pensare che lo resterebbe con nuove elezioni, comunque andassero! Infatti questa volta èstato scelto come gentile regalo al M5S, ma con nuove elezioni non è detto che i 5S abbiano un risultato come quello precedente. Per quanto poi riguarda la riforma non della Giustizia, quella va ancora bene, ma della magistratura ce la chiede e da più anni proprio quell'Europa che è il faro guida di tutta la sinistra, compreso lui. Tra l'altro Grasso ormai è del tutto al di fuori dalla magistratura quindi a parte le laute pensioni che gli spettano , probabilmente indebitamente, null'altro può aspettarsi. Ed ancora sarebbe bene si ricordi che la seconda carica istituzionale dovrebbe tenersi molto al di fuori dalla politica che non è più di sua competenza essendo il suo ruolo del tutto extra partes!!!

Cosean

Dom, 30/06/2013 - 13:08

Venite, Venite a leggere questo articolo! Siccome la Politica Italiana ha stabilito le regole della Costituzione, e Grasso stà ricordando queste regole, significa che stà coprendo un ruolo Politico. HaHaHa! Grasso non è Superpartes perche non è dalla parte di Berlusconi! Addrittura ti vengono a dire che se la Costituzione è tutelata da uomini di sinistra la costituzionne o le istituzioni non valgono!

antoniopochesci

Dom, 30/06/2013 - 13:08

E dov'è la notizia? Nihil novi sub sole. Il detto "Cicero pro domo sua" è sempre attuale: il sig. Grasso sa benissimo che, se si va alle elezioni, lui dovrà scendere dal piedistallo e dal pulpito più alto del Senato. Se il Presidente della Repubblica, non chiarisce quanto detto e riportato dalla seconda carica, che se ne è fatto portavoce ed interprete, significa che Napolitano la pensa esattamente come lui. Pensiero ovviamente legittimo: l'importante però che venga espresso in maniera trasparente e coram populo. Che dire infine del Grasso Ridens che, nell'ultima campagna elettorale, a Porta a Porta, sapendo solo ridere ed incapace di costruire ed articolare un discorso decente ed originale al di là di stucchevoli banalità,ad una domanda sul suo stipendio e suoi suoi privilegi, rispose di non sapere nulla e che non si occupava di queste "piccole" cose. Già è vero, il denaro pubblico che strabocca dalle loro tasche per questi superprivilegiati,viene sprezzantemente considerato la vil moneta, lo stercus diabuli, roba insomma del popolino, del profanum vulgus, di chi cioè si arrabatta ogni giorno per sudarsi la pagnotta.

benny.manocchia

Dom, 30/06/2013 - 13:09

OCCORRE ALTRO PER DIMOSTRARE CHE I COMUNISTI HANNO NEL CUORE LA MAGISTRATURA ROSSA ITALIANA?PIU' CHIARO DI COSI'...RESTA UN SOLO PUNTO:SARA' INTERESSANTE VEDERE COME FARA' NAPOLITANO A FORMARE UN NUOVO GOVERNO (MA I GOVERNI NON SI FORMANO CON IL VOTO DEI CITTADINI?).HA,DIMENTICAVO,PER ANDARE AL POTERE I COMUNISTI... BACERANNO IN BOCCA I GRILLINI.EVVIVA L'ITALIA! UN ITALIANO IN USA

maubol@libero.it

Dom, 30/06/2013 - 13:12

non avevo dubbi: a loro, da sempre va bene questa magistratura, questa ingiustizia. hanno sempre il culo parato. che governino con Vendola, Grillo, ma basta cedere ai loro ricatti! E questo, sarebbe super partes?

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 30/06/2013 - 13:13

Sia detto, senza ombra di dubbio, che Grasso sta su quella poltrona "pro domo sua", cioè per difendere i suoi amati (al momento) ex-colleghi e non il Parlamento o le istituzioni in genere, come han fatto tanti altri prima di lui e a qualsiasi livello. Uscire dai limiti, che impone una carica istituzionale, è ormai diventata una norma non scritta. Finché non si punirà questa gente, sarà sempre così. E non serviranno a nulla le lagne come questa. Ormai lo Stato è da rifondare "in toto". E quindi, è chiaro che Grasso boicotterà qualsiasi riforma della giustizia che non rispetti lo "status quo". Perché così difenderà i suoi ex-colleghi, di cui è emanazione. Ma quando un responsabile delle istituzioni, com'è Grasso, non ha il rispetto dovuto alla sua carica, rimanendo nei suoi limiti istituzionali, come si può pretendere poi da parte di lor signori che siano tutti gli altri ad usarlo il rispetto nei loro confronti?

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 30/06/2013 - 13:15

Questa è l’ennesima dimostrazione che i comunisti non hanno alcun rispetto delle Istituzioni, soprattutto quando si trovano a presiederle. Pietro Grasso è sempre stato un magistrato fedele alla sinistra che, dopo averlo imposto in tutti i ruoli più importanti della magistratura come quello di Procuratore Nazionale Antimafia, per ulteriore fabbisogno, lo ha voluto alla Presidenza del Senato dove, come noto, il PD non ha una maggioranza autonoma come alla Camera la cui Presidenza, infatti, è stata regalata alla Boldrini esponente di Sel. Pertanto Pietro Grasso, da perfetto ed ubbidiente impiegato di sinistra presiederà il Senato della repubblica con la medesima faziosità che lo ha contraddistinto nello svolgere l'attività di magistrato. Spero che il PdL faccia un casino tale che lo obblighi a rimangiarsi le assurde dichiarazioni fatte perché, oltre ad essere in netto contrasto con l’incarico che indegnamente ricopre, sono del tutto ipocrite visto che questo smemorato dimentica volutamente quando a criticare il governo in carica alla testa dei cortei di protesta era il suo compagno Bertinotti nonostante facesse parte integrante del governo stesso. BUFFONE!

tommy1950

Dom, 30/06/2013 - 13:15

A questo punto penso ci si debba rivolgere alla corte e al parlamento europeo per fare la riforma della giustizia in italia.La lobby dei giudici è troppo forte,troppo protetta e in italia i politici che dovrebbero attuarla sono tutti compromessi, hanno paura di fare la fine di Berlusconi condannato per cose inesistenti e per reati minimi con pene massime.Penso sia l'unico modo per salvarci dallo strapotere della magistratura.

ludovik

Dom, 30/06/2013 - 13:18

grande personalità e persona Grasso, con un grande senso dello stato, leggere da Indini che grasso per aver detto delle cose ovvie, venga tacciato d'essersi messo la toga rossa a mo' di insulto....Indini insulta solo l'intelligenza di che lo legge..... ovviamente ci sono delle chiare eccezioni(tipo mortimermouse rapax)

Marzia Italiana

Dom, 30/06/2013 - 13:19

Esprimersi come forza di opposizione, non è così che funziona una democrazia? Non è così e ben peggio di così che la sinistra si è sempre opposta , come bastian contrario, al governo di Berlusconi , riducendolo all'ingovernabilita' e provocando l'avvento di Monti, il quale ci ha messo in ginocchio del tutto? Non dovrebbe, invece il presidente del senato essere super partes?

unosolo

Dom, 30/06/2013 - 13:20

non c'è da meravigliarsi , il potere politico è in mano dei sessantottini , sono insediati nei posti giusti e non riuscirà nessuno a respingere questi atti di prepotenza.

Prameri

Dom, 30/06/2013 - 13:20

Hanno messo l'uomo giusto al posto giusto. Per loro. E' vero che il presidente Napolitano deve dare un nuovo incarico per verificare la presenza di un'altra possibile maggioranza e che Grasso sbandieri questo passaggio in risposta alle rigorose e giuste pretese del popolo della libertà sembri corretto a lui. Ma il popolo della libertà è, dal quel dì, sotto scacco, in primis nella persona del suo leader, cui è stata applicata ogni intolleranza addirittura estremistica morale da chi invece predicava (e predica) ogni libertà sessuale, l'amore libero in coppia, fuori coppia, con uomini o donne o altro, l'aborto, l'eutanasia. Napolitano può benissimo affidare il tentativo di premierato a chi possibile. Tutti i bottoni di comando da una sola parte politica significano dittatura. Napolitano ha conosciuto quella avversa, fascista. Sa benissimo che quella comunista, sotto qualunque nome o qualunque vestito, produrrà disastri. Ai Nazisti eliminare gli ebrei per appropriarsi di tutti i loro beni è sembrata una grande pensata ma l'hanno pagata e continueranno a pagarla per secoli. I guai si fanno in pochi anni ma la storia poi non dimentica. L'Italia è già completamente inguaiata. Che comandi tutto esclusivamente una parte, con l'aiuto giudiziario, lascia a quella parte tutta la responsabilità del disastro che c'è e che verrà.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 30/06/2013 - 13:23

la riforma della giustizia in qualsiasi pese civile e democrartico non può essere affidata ad un partito il cui padrone ha già 2 condanne sul groppone ed altre in arrivo,mettetevelo bene in testa il problema non è sinistra destra ma pseudosinistra contro una persona ce usa la politica per interessi personali da ben 20 anni.

giottin

Dom, 30/06/2013 - 13:33

Ribadisco: la riforma della giustizia NON la realizzeranno MAI, per il semplicissimo motivo che se lo facessero sarebbe la fine del komunismo, perciò la sinistra sarebbe spacciata, anche se non venisse processata per le nefandezze compiute negli ultimi 50/60 anni!!!!!!!!

Marzia Italiana

Dom, 30/06/2013 - 13:33

Certo, grasso, statti abbarbicato con artigli e denti a quella poltrona più a lungo che puoi. Niente è per sempre! Non sei certo una persona valida né come magistrato, né come presidente del senato ed una riforma della magistratura ti farebbe precipitare ai livelli più infimi della magistratura, magari cancelliere o cancellato....

Azzurro Azzurro

Dom, 30/06/2013 - 13:37

i komunisti sono tutti uguali, la norma per loro e' rubare e impoverire il Popolo. In Polonia ed Ungheria questi qui sarebbero tutti in galera per crimini contro l'Umanita', altro che a ridere in tv alle spalle dei cittadini.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Dom, 30/06/2013 - 13:37

...Le dichiarazioni del Presidente del Senato, indispettiscono il Pdl, ma è ciò che egli ed il Pd vogliono; Il Pd mal digerisce la permanenza nel Governo accanto al Pdl, ma non ha il coraggio di staccare la "spina", per cui cerca in tutti i modi che a farlo sia il Pdl. Chiedere riforme degli "intoccabili", per un partito che è nella coalizione, non significa affatto che faccia un'opposizione interna. E' una dichiarazione che Grasso, nella qualità di Presidente del Senato avrebbe potuto risparmiarsi.

cicero08

Dom, 30/06/2013 - 13:39

Ho colto solo perle di saggezza istituzionale: è deleterio stare contemporaneamente al governo e all'opposizione, oppure priorità assoluta ad una nuova legge elettorale. Cosa c'è da insorgere?

angelo piras

Dom, 30/06/2013 - 13:40

Guardatelo bene, è solo un culo seduto sulla poltrona, niente di più.

roliboni258

Dom, 30/06/2013 - 13:41

non mi meraviglio con questa gente l'Italia fara' la fine della Grecia

FerguSSon

Dom, 30/06/2013 - 13:46

@mortimerdmouse: lo sai che Grasso ha fatto arrestare Provenzano ed era Procuratore nazionale ANTIMAFIA? come fai a definirlo mafioso? sei davvero imbarazzante per la tua razza. brrrrrr che schifo.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 30/06/2013 - 13:48

ERSOLETTA ti sfugge un particolare molto importante: è la magistratura ad aver usato la legge per far fuori un avversario SENZA prove, SENZA testimoni, SENZA reato, SENZA vittime! mettetevelo voi bene in testa che questa è giustizia AD PERSONAM! e perfino CONTRA LEGEM!

sale.nero

Dom, 30/06/2013 - 13:55

L'anima viene sempre a galla. Mai visto nessuno incastrarsi con le proprie mani. Sarebbe o fesso o traditore. Loro stanno bene così! Grasso è uno di loro ... o no! Siamo nelle mani del grande fratello ... Bocassini docet.

robylella

Dom, 30/06/2013 - 13:57

Ecco cosa succede con gli ex magistrati: sempre lì a difendere i privilegi della casta della (in)giustizia! Ci vuole una legge costituzionale che impedisca ad ex-magistrati di farsi eleggere! Sono sempre loro che creano i casini dimostrando grande incompetenza ed inettitudine ... Non se ne salva uno!

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Dom, 30/06/2013 - 13:58

Ersola ma vada a farsi un giro,è come un gracchiante giradischi d'antan,non sa dire nient'altro che cose trite e ritrite e tiene bordone a magistrati inanelanti processi vergognosi e ai compagni di merende di cui il grasso ridens non è che una pedina atta a guastare quel poco di buono che rimane.La riforma della giustizia farebbe cessare la caccia all'uomo e farebbe accendere processi differenti e non sulla pricacy dei cittadini;Clinton docet e l'America non è fallita.Pertanto la si finisca di infangare le persone,sino a prova contraria padroni della loro vita, Faccia aprire i processi contro quella marea rossa che infetta da settant'anni questo paese.Casta degenere e intoccabile,ecco perchè ha paura dlla riforma della giustizia.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Dom, 30/06/2013 - 13:58

Ha detto due cose importanti: "Esprimersi dentro una coalizione come una forza di opposizione al governo è quanto di più deleterio possa realizzarsi": sono giorno che lo dico anche io. Il PDL gioca un gioco incomprensibile in qualsiasi altro paese democratico e che qui sembriamo non cogliere: o è parte del governo o è opposizione, non puo' essere l'una e l'altra cosa allo stesso tempo. "Nel caso in cui venisse meno la fiducia a questo esecutivo sono certo che Napolitano non escluderà alcuna possibilità per altre possibili coalizioni": più che un avvertimento mi sembra abbia solo fatto presente come funziona in caso cada il governo. Tra l'altro nell'attuale situazione in cui ci sono 3 partiti al 33% non sarebbe uno scenario poi tanto assurdo ed il PDL lo sa bene ma si scandalizza lo stesso.

peter46

Dom, 30/06/2013 - 13:59

Questi sono gli errori degli incompetenti "megalomani":se dopo il ditino alzato si fosse andato subito alle elezioni tutto sarebbe cambiato.Ora il Presidente Grasso ha detto l'ovvio...e forse coloro che si sono 'sollevati'(tipo Bondi)son proprio quelli che dovrebbero stare zitti:non si rendono conto che senza la nomination Berlusconiana non li ..........proprio nessuno.E che preghino che non si cambi la legge elettorale,altrimenti....saranno là dove da tanto avrebbero dovuto esserci,o qualcuno fra voi non ha 'scorno' nel dargli la preferenza?.Cosa c'è da indignarsi:se ci saranno una decina ancora di grillini a saltare il fosso(e se si fa cadere Letta ci saranno sicuramente,anche eventualmente pilotati)sarà solo Letta ad aver il pallino in mano decidendo Lui cosa 'vorrà fare da grande'.

cgf

Dom, 30/06/2013 - 14:08

Questo è un altro FINI

epesce098

Dom, 30/06/2013 - 14:08

E il nostro caro comunista napoletano cosa fa? Non vede non sente non parla, come le tre scimmiette. Ormai tutti i gangli principali delle istituzioni sono nelle loro mani, come il PDL ha permesso senza mai opporsi. Ora di cosa si lamenta? Quando si calano le braghe, prima o poi qualcuno ne approfitterà.

Ritratto di alejob

alejob

Dom, 30/06/2013 - 14:11

non vedo l'ora di andare a votare perchè spariscano le due figure ipocrite Grasso e la Boldrini.

Aam31

Dom, 30/06/2013 - 14:15

Non vogliono cambiare niente. Non vogliono rinunciare a nulla. Cambiando solo un punto e una virgola, secondo il loro modo di vedere, non si sentirebbero indipendenti e sopra le parti!!!!????? Come dire: cittadini comandiamo noi.

idleproc

Dom, 30/06/2013 - 14:19

Grasso che cola.

Ritratto di lenin

lenin

Dom, 30/06/2013 - 14:24

...Dalle colonne di Repubblica Grasso boccia la riforma della giustizia e minaccia: "Se il Pdl fa mancare la maggioranza, Napolitano ne troverà un'altra"...finalmente qualcuno che parla chiaro...ahahahah

lupo.rex

Dom, 30/06/2013 - 14:24

Concordo con quanti sostengono che essendo un ex magistrato di sinistra fa il suo lavoro di sinistra in barba alla indipendenza del suo ruolo. Tutto giusto. Quello che mi scoccia è che Grasso ha l'intelligenza di un criceto e lamento che la sinistra usi sempre personaggi simili, pur avendo nelle sue fila anche esponenti di provata intelligenza, che però non arrivano mai ai vertici, bloccati sempre dai Grasso di turno. Natta, Occhetto e Bersani sono un esempio non smentibile e non smentito.

disalvod

Dom, 30/06/2013 - 14:27

BISOGNA FARE MOLTA ATTENZIONE NEL VALUTARE E CAPIRE SE UNA PERSONA E' UN VERO AGNELLINO COSI' COME SI PRESENTA E SI MOSTRA OPPURE E' UN LUPO CON IL MANTELLO DI LANA.CHI SI E' ALLEVATO UNA VIPERA SUL SENO PRIMA O POI NE PAGHERA' LE CONSEGUENZE E GLI ITALIANI SONO MOLTO BRAVI IN QUESTO.L'OPPORTUNISMO E' LA VIRTU' DI QUESTO POPOLO.

pieropomiga

Dom, 30/06/2013 - 14:28

mi pare che eletti e elettori di destra, scordino di avere perso le elezioni: sono al governo per grazia ricevuta, e dovrebbero tenere toni bassi e capo chino.

elio2

Dom, 30/06/2013 - 14:34

Dov'è la sorpresa? ha solo dimostrato di essere il portavoce delle toghe politicizzate, di quella magistratura marcia della quale il comunismo non può fare a meno, pena la sua scomparsa.

FerguSSon

Dom, 30/06/2013 - 14:38

@mortimer: sei tu un avvocato? sei un penalista? come fai a dire che non ci sono prove? io aspetterei le motivazioni che verranno depositate.

steacanessa

Dom, 30/06/2013 - 15:02

Basta la parola: é un (ex) magistrato.

Ritratto di mark 61

mark 61

Dom, 30/06/2013 - 15:41

Di nuovo contro il presidente del senato proprio come con Fini e basta quando parlano quelli del PDL è la voce dell’oracolo la voce della verità quando parlano altri è abuso di potere ma per favore ridicoli come sempre

doris39

Dom, 30/06/2013 - 15:48

Chi tocca i fili della giustizia muore. Questa è la domanda che Rita Bernardini pone " chi può ragionevolmente spiegare come sia possibile riconcepire un nuovo assetto istituzionale riformando i poteri di Parlamento, Governo e Presidente della Repubblica senza toccare il capitolo della Magistratura? La democrazia non è, innanzitutto, bilanciamento dei poteri?" Il presidente Grasso dovrebbe ricordare che ogni dichiarazione fatta fuori luogo, e cioè al Senato, è suscettibile di critica da parte di coloro che gli occhi bendati non hanno.

fabio cova

Dom, 30/06/2013 - 15:54

Non abbiate paura....è l ennesima farsa dei vostri alleati del partito unico. Fanno finta di opporsi alle richieste del pdl e di berlusconi solo sui giornali, poi al momento di votare sosterranno sempre il volere di berlusconi e del centrodestra. La vittoria del centrodestra è nuovamente vicina grazie al ventennale alleato PDmenoelle. Grasso è sempre lo stesso che vuole medagliarvi per la lotta alla mafia. E napolitano ha appena ricevuto Berlusconi per rincuorarlo. Napolitano non consentirà mai un governo coi grillini, state tranquilli. P.S. Pubblicate per cortesia!

Marzia Italiana

Dom, 30/06/2013 - 15:55

Ersola - continuate a dire che B usa la politica per i suoi intetrssi personali. Effettivamente, se i suoi interessi sono quelli di essere perseguitato dalla giustizia, ci e' riuscito in pieno il furbastro! Che masochista che e'!

Tarantasio.1111

Dom, 30/06/2013 - 16:08

PIEROPOMIGA... è grazie a gente come te e Grasso che l'Italia si trova nella mer.a....!!!!!!!!!!!

fabio cova

Dom, 30/06/2013 - 16:09

Come non detto: grasso ha appena fatto una mezza smentita...e domani sarà intera.

linoalo1

Dom, 30/06/2013 - 16:17

Anche lui,come anche tutti i Magistrati schierati,deve obbedire a chi gli sta sopra!Ossia a chi gli ha permesso di ricoprire quella carica!Lino.

sale.nero

Dom, 30/06/2013 - 16:20

#pietropomiga, voi ci siete per disgrazia ricevuta! Difatti avete bisogno della destra per concludere qualcosa.

epc

Dom, 30/06/2013 - 16:36

Napolitano troverà un'altra maggioranza? Dài, facciamolo: voglio vedermi un'altra diretta tivù con i grillini che prendono a pesci in faccia un Enrico Letta supplicante invece di un Pierluigi Bersani implorante......

marco46

Dom, 30/06/2013 - 16:39

Non vogliono mollare l'osso già da tempo scarnito, così possono celare o congelare meglio i loro fallimenti. Da Di Pietro a Ingroia passando per la Finocchiaro per arrivare al Grasso senza dimenticare il Violante che di cantonate n'è ha preso tante, e tutti sono cresciuti escluso uno in quella zona Gattopardiana, cambiare tutto a( parole )ma di fatto non cambiare niente. Cose loro certo, però noi ne paghiamo le conseguenze. Auguri al più perseguitato Italiano che di certo non è Cesare Battisti.

benny.manocchia

Dom, 30/06/2013 - 16:46

SIGNOR GIORGIO NAPOLITANO:SE CI SEI BATTI UN COLPO... UN ITALIANO IN usa

titina

Dom, 30/06/2013 - 16:50

basta con i giochini, pdl e pd pensino a governare per il bene degli italiani punto.

caronte37

Dom, 30/06/2013 - 16:53

Nessuna meraviglia, cane non mangia cane

nalegior63

Dom, 30/06/2013 - 17:02

fumo negli occhi,ogni volta che INVENTANO una polemica sottotraccia fanno passare provvedimenti dettati dall agenda del NUOVO ORDINE MONDIALE atti a schiavizzare i popoli mantenerli in regime di terrore con ZINGARI PEDOFILI PICCONATORI IN LIBERTA STUPRATORI MUNSULAMANI STATI CANAGLIA PERICOLO ARMI CHIMICHE NUCLEARE al fine di annullare quel poco di pensanti liberi che ostacola il loro diabolico disegno di potere centrale gestito direttamente da un nucleo ristretto di gente che si gioca a poker il nostro futuro attorniati da una cintura di sicurezza impenetrabile.....niente pero e impossibile qualcosa poterbbe nn andare come loro hanno previsto...la natura del pianeta non e controllabile da questi serpenti e forse ci dara una mano magari con una catastrofe sulla loro testa quando meno se lo aspettano

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 30/06/2013 - 17:17

IMMEDIATAMENTE FUORI DALLE ISTITUZIONI. QUESTO NON HA CAPITO NIENTE DELL'ITALIA. E NOI CI SIAMO SBAGLIATI AD ACCOGLIERLO FAVOREVOLMENTE. !

Alepredo

Dom, 30/06/2013 - 17:27

Cosa ci si poteva aspettare da un simile personaggio??? Questo non si è mai tolto la toga di dosso! Minaccia pure la marionetta. Questo lo hanno imposto come Kyenge!!! I sinistri vogliono tutto sotto controllo e soprattutto la magistratura, che ne possono disporre come vogliono. Un presidente del senato(minuscolo dovuto)non dovrebbe esprimere giudizi per la sua parte politica, ma questo lo fa essendo del pd! E' una delle tante marionette che ubbidiscono ai soliti noti. Siamo in dittatura europea e chi si mette di traverso viene annientato.........politicamente. E' ora di finirla che la magistratura imponga governi che il Popolo non vuole. Napolitano, dovrebbe intervenire, ma sappiamo tutti che non lo farà. Quel "signore"rosso interviene soltanto per salvare i sinistri.

unosolo

Dom, 30/06/2013 - 17:29

Il PDL chiamato alle responsabilità si è sottomesso al volere del vecchio PCI , oggi sono incastrati e non possono muoversi , farebbero il loro gioco, peccato che due anni fa non sono voluti andare alle elezioni accettando la sottomissione , gli attacchi al patrimonio e alla credibilità del capo li hanno messi in condizioni di non nuocere avendo in mano il controllo della nazione tutta, non credo di sbagliare , la legge viene interpretata e capita nella direzione che a loro fa comodo .

scipione

Dom, 30/06/2013 - 17:29

Credo che il primo sabotatore del governo Letta sia proprio questo " presidente " che forse non ha ancora capito quale e' il suo ruolo e rompe i coglioni con le sue sciocche interviste.

Mario Marcenaro

Dom, 30/06/2013 - 17:35

Il tragico di comportamenti di questo genere sta nel fatto che c'è ancora qualcuno nel Governo, almeno per la sua parte economica, che deve ancora pensare un altro poco di tempo per trovare le risorse atte a coprire la riduzione della spesa pubblica. Eppure sotto gli occhi di tutti ci sono individui, e non sono pochi, che demeritano di percepire i ricchi compensi che riscuotono e che meritano piuttosto di essere licenziati in tronco per prese di posizione che loro non competono no+el modo più assoluto. Purtroppo, per nostra disgrazia, per casi del genere, il Colle é molto spesso occasionalmente distratto.

Ritratto di Baliano

Baliano

Dom, 30/06/2013 - 17:43

Porello il Grasso, con tutto il rispetto, sembra più un capomastro, che un Presidente del Senato. - Il PD l'avrà scelto di proposito, così che quando "esterna", fa fluire il latte anche alle puerpere, oltre che alle italiche ginocchia.

bruna.amorosi

Dom, 30/06/2013 - 17:48

GRASO mica è scemo lo sa che è sotto schiaffo ,il FATTO QUOTIDIANOlo ha messo tra i cattivi e siccome sa che quelli sono ben ammanicati con i magistrati di sinistra la cosa migliore è dare addosso al povero BERLUSCONI così almeno lui dorme sonni tranquilli .LA MAGISTRATURA ANDRA' CAMBIATA MA LO FARANNO QUANDO NON SERVIRA' PIù A BERLUSCONI MA SARA' QUALCUNO DI SINISTRA CHE ENTRERA' NELLE FAUCI DEI MAGISTRATI

Ritratto di Y93

Y93

Dom, 30/06/2013 - 17:48

MALE MOLTO MALE...LA INGIUSTIZIA DEVE ESSERE TRASFORMATA IN GIUSTIZIA.....

giovanni PERINCIOLO

Dom, 30/06/2013 - 17:58

Quei pochi illusi che ancora si ostinavano a considerarlo "quasi" super partes oggi hanno avuto la risposta! La maschera é caduta, l'uomo delle "istituzioni" si é rivelato per quello che é sempre stato : non il peggiore m

roberto zanella

Dom, 30/06/2013 - 18:09

sono gli ayatollah che l'hanno messo lì per controllare che non si tocchi una minchia, come direbbe il nostro intellettuale palermitano,gli si faccia una mozione contro che ritorni a cuccia sullo scranno dove lo stiamo solo cortesemente e pazientemente tenendo

Ritratto di depil

depil

Dom, 30/06/2013 - 18:26

sicuramente farà entrare i suoi carissimi amici e sponsor Ciancimino, Spatuzza, Riina e compagnia sicuramente a lui fedele.

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Dom, 30/06/2013 - 18:27

Pensaci Giacomino, se non sei un Giacobino Grasso. Questo dimostra che il salto della quaglia nei tre poteri (più Stampa ) è dannosamente sbagliato , inoltre si deve abolire per Decreto Presidenziale l'Anm che, è solo arrampicarsi sugli specchi o salire sul carro del PCI-PD. Ovvio, che Napolitano ha distrutto la Giustizia e la Carta, sia pure di parte o la sentenza della Corte Costituzionale su Berlusconi lo era? Che dire del regalo del dannoso Governo Monti e quali vantaggi avuti da Di Pietro, De Magistris, Ingroia e ultimo Gerardo D'Ambrosio di una Rai-Tv con più Ravanelli Rossi, ma il Diritto diventato rovescio o senza burro acchiapparla ne cù come Jeanne?

giovanni PERINCIOLO

Dom, 30/06/2013 - 18:28

Oggi quei pochi illusi che ancora si illudevano che grasso fosse super partes devono fare ammenda. Finalmente ha gettato la maschera e si é rivelato per quello che é sempre stato : non l'uomo delle "istituzioni" super partes e indipendente ma uomo di parte e ancor più magistrato! Ergo, la magistratura non si tocca!

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Dom, 30/06/2013 - 18:30

Era l'unico nominato da Gargamella che godeva stima sia e dx che a sx, anche lui non ha perso l'occasione di stare zitto e continuare bene il suo operato, conclusione: cancellato!

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 30/06/2013 - 18:32

scassa Se per ipotesi il CSM si trasformasse in un organismo a maggioranza di centrodestra .....puff per miracolo sparirebbero tutti i comunisti dal bel Paese !!! Ma ci pensate che meraviglia e soprattutto che risparmio per le depredate casse dello Stato ? Roba da comprar i la Germania e come ritaglio la Francia . La magistratura ama gli Italiani ma non li stima . Noi non li amiamo neanche !!!!!!!

enzo1944

Dom, 30/06/2013 - 18:37

Chi comanda in Italia,purtroppo,è la magistratura rossa! il Grasso lo sa molto bene e pertanto si allinea ai voleri dei suoi "amici"di magistratura democratica,che non vogliono

enzo1944

Dom, 30/06/2013 - 18:43

Il Grasso sa molto bene che chi comanda in Italia sono i suoi amici di magistratura democratica(rossa)!.......e sa anche che i suoi amici magistrati non vogliono NESSUNA VARIAZIONE e NESSUNA MODIFICA ai loro interessi ed alle loro prebende acquisite nel tempo!....pertanto il Grasso si sta solo allineando alle loro richieste,che gli consentono solo di vivere tranquillo,rimanere ben comodo seduto alla Presidenza del Senato e concordare con il napoletano che sta al Colle,ogni mossa a favore della magistratura!.......che come noto è amica del PCI-PD e può ricattare il PCI-PD in qualsiasi momento!

Ritratto di michageo

michageo

Dom, 30/06/2013 - 18:50

..adesso abbiamo nome e cognome del ...cavallo... di Troia con cui la magistratura rossa ha metastatizzato il Governo e di riflesso noi cittadini.In paesi civili un atteggiamento come questo si chiama tentativo di rovesciamento delle Istituzioni dello Stato. Altra domanda che ora si pone : quale fiducia può dare ed aver dato un personaggio del genere nella ricerca della verità sulla mafia e non solo.

scipione

Dom, 30/06/2013 - 18:51

Grasso ( avariato ) che..... cola per i compagni comunisti stalinisti-leninisti.DIMETTITI, BUFFONE.

beale

Dom, 30/06/2013 - 19:06

superpartes ah,ah,ah,...super di partes piuttosto. ecco perchè il centrosinistra provoca appeal: Grasso procuratore antimafia aderisce al PD, viene eletto e nominato presidente del senato, pontifica in nome e per conto del partito.Il centrodestra ha Nitto Palma; è stato ministro ma non se l'é fumato nessuno.

michele lascaro

Dom, 30/06/2013 - 19:27

Grasso è un miracolato della politica (come Monti). Forse è stato un buon impiegato dello stato, ma ora gli piace essere succube di "quelli che comandano". Dovrebbe stare zitto e godersi l'attuale stipendio, che non avrebbe mai raggiunto come impiegato dello stato

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 30/06/2013 - 19:31

Grasso come Fini !!!!

Ritratto di pipporm

pipporm

Dom, 30/06/2013 - 20:08

Come si permette questo signore di intromettersi negli interessi di Berlusconi?

FRANGIUS

Dom, 30/06/2013 - 21:15

MA STO FALLITO COSA NE SA DI POLITICA VISTO CHE PER TUTTA LA VITA HA FATTO (MALE) IL POLIZIOTTO-MAGISTRATO.POI,COME PRESIDENTE DEL SENATO,CERTAMENTE NON PUO' PARLARE DI PARTITI E COALIZIONI...LUI SI E' SISTEMATO....BEL PRESIDENTE ANTIMAFIA SCHIERATO CON IL PD...IMMAGINIAMO COME HA GESTITO UN POTERE TANTO DELICATO...MA ALMENO TACESSE STO ELEMENTO ..DA SBARCO !

Ritratto di Chichi

Chichi

Dom, 30/06/2013 - 21:29

Deve pur pagare pegno a chi lo ha seduto su quella poltrona. E, soprattutto, gli interessi della cosca di appartenenza vengono prima di tutto. Se riconoscenza e interessi coincidono, tanto meglio. Cosa pretendiamo noi italiani?!

Ritratto di martinitt

martinitt

Dom, 30/06/2013 - 22:03

In una partita democratica l'arbitro deve essere imparziale, diversamente si tratta di una partita truccata. Ha ragione il PDL a volere una Magistratura imparziale.

odifrep

Dom, 30/06/2013 - 23:37

ilvillacastellano delle 13:13- condivido pienamente, in particolare, la conclusione. Per poter "ricevere" rispetto, lo si deve prima "portare". Grasso, ha convissuto con persone di rispetto, e la meraviglia è che alla sua età non osa mettere in pratica, l'insegnamento appreso. Ha dimostrato solo di potersi paragonare, un domani, ad un "ventriloquo" e sicuramente farebbe un figurone da quaqquaraqquà. Cordialità.

diego_piego

Dom, 30/06/2013 - 23:39

non è una minaccia: è una possibilità. La Costituzione dice che se il Governo non ha più la maggioranza, spetta al Presidente della Repubblica vedere se c'è un'altra maggioranza, e solo se non ci sono altre maggioranze possibili si va alle urne. Il discorso di Grasso è un discorso tecnico e non fa una grinza. Forse vi infastidisce il fatto che il Presidente del Senato conosca e rispetti la Costituzione (dopo Pera e Schifani, stupisce un presidente del senato che conosca la costituzione, vero?)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 01/07/2013 - 00:12

E'ovvio che questo signore non voglia nessuna riforma della giustizia. Meglio non parlarne. Dovrebbe farci sapere in quale parte della Costituzione CI SIA SCRITTO CHE DEI MAGISTRATI INFEDELI POSSONO PERSEGUITARE PER VENT'ANNI UN ESPONENTE POLITICO ELETTO DEMOCRATICAMENTE. SI E' RIVELATO PER QUEL CHE E': UN MAFIOSO ROSSO.

Ritratto di nestore55

nestore55

Lun, 01/07/2013 - 00:24

ersola...Non sapevo che Berlusconi fosse un pluri omicida, condannatoin via definitiva...oopppppssssssss...grillaccio!! E.A.

honhil

Lun, 01/07/2013 - 08:01

Grasso, prima che seconda carica dello Stato, è un magistrato. E come tale, il suo primo compito è, da qualsiasi pulpito parli, difendere la casta di appartenenza. Non gli interessi dell’Italia e degli italiani.

doris39

Lun, 01/07/2013 - 09:56

@diego_piego. Stupisce il fatto che non sappia tenere la bocca chiusa,proprio per il ruolo che ricopre.

LAMBRO

Lun, 01/07/2013 - 10:07

Non c'è da stupirsi!! TOGA ROSSA anche lui e resterà tale !!! E' come un virus che infetta profondamente la Giustizia Italiana ! Temo che sarà difficile liberarsene.

precisino54

Lun, 01/07/2013 - 14:49

Lo ammetto, ritenevo Grasso persona giusta da mettere sul scranno più alto di Palazzo Madama, lo avevo anche pensato al Quirinale, le dichiarazioni mi deludono, ma vorrei vederlo ancora all'opera. Di certo non ha detto nulla di alieno, ma è il come e il dove il problema! È incredibile l'effetto che fanno certe poltrone anche nel più misurato! X handy13, Dom – 12:39; non si tratta di varare qualcosa a favore della destra ma a favore dell'Italia! Perché come dice -tonipier Dom, - 12:43- senza una riforma della giustizia andremo tutti a zappare. X – pieropomiga -Dom, - 14:28, giusto abbiamo perso le elezioni, ma di certo non le ha vinte la sinistra! Siamo al governo non per grazia ricevuta ma perché i grillini non hanno inteso assumersi responsabilità, ma hanno preferito continuare a giocare, e qualcuno occorreva si tirasse su le maniche per risolvere i problemi che affliggono questo disgraziato paese: ricordati di Menenio Agrippa! Quindi togliti dalla testa capo chino e toni bassi, siamo in democrazia e non in dittatura, anche se qualcuno pensa di avere certi poteri. X FerguSSon- Dom- 14:38; si certo occorre sempre leggere le sentenze ed anche le motivazioni per capire il processo logico fatto; per quanto riguarda il problema prove queste se ce ne fossero dovevano essere presentate in dibattimento e non inserite a quattrocchi nelle motivazioni. In udienza non è stato prodotto nulla di concreto se non congetture e registrazioni che nulla dicono; per capire occorrerebbe sentire la totalità di quanto viene detto dai vari soggetti per farsene una idea più reale, ma si sa che spesso per vizio si millanta, si fanno battute, si dicono fregnacce! Le motivazioni vanno aspettate per capire l'iter logico, ma non per trovare le prove!

angelomaria

Ven, 05/07/2013 - 15:24

sempre intoccabili maletta sia lacostituzione ITALIANA e; la MAGISTRATURA tutte e 2 dagki anni del DOPGUERRA tanto vecchia e 'mal fatta da fare rifere i polli e la casta coi sindacati il peggiore cancro ed ha questo punto incurabili !!!facciamoli contenti eutanasia gratis per le classiobbigatoria!!1

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 15/07/2013 - 19:06

L´unica soluzione per il Paese é il fallimento dello stato mafioso parassita sopra la pelle dei Lavoratori ... Quando arriverá il fallimento le cose saranno piú chiare.