Renzi ha le palle

L'intesa con Berlusconi tiene, ultimatum ai suoi. E i grillini danno del boia a Napolitano

Forse ci siamo. In politica il condizionale è d'obbligo, fino all'ultimo le cose potrebbero cambiare, addirittura saltare. Ma questa volta Berlusconi e Renzi sono davvero a un passo dal chiudere la riforma elettorale. Anzi: loro l'hanno chiusa, con pochissime modifiche rispetto a quanto concordato nello storico incontro di dieci giorni fa nella sede del Pd. Adesso il Parlamento deve metterci il timbro, resistendo alle isteriche pressioni e ai ricatti dei piccoli partiti, peraltro ben tutelati dal testo finale: niente preferenze (fonti di guai), soglia di sbarramento al cinque per cento, innalzamento della soglia sotto la quale servirà il ballottaggio dal 35 al 36 per cento.

La vera buona notizia è però che sta per finire la dittatura delle minoranze, elettorali o parlamentari che siano. Da Alfano a Quagliariello, da Cuperlo a Civati: si sentivano padroni del mondo senza avere voti, in base a un potere di ricatto efficace solo se il sistema è debole o se la partita è truccata. Adesso sono all'angolo, spiazzati dall'asse tra Berlusconi e Renzi, prima non previsto e poi, negli ultimi giorni, inutilmente attaccato. Adesso sono loro al bivio: prendere atto della sconfitta e rassegnarsi a essere marginali oppure suicidarsi del tutto e far saltare il governo bocciando la riforma elettorale in Parlamento. I numeri li avrebbero, perché la maggioranza che sostiene Letta, voluta e coltivata da Napolitano (che certamente non è un boia come dicono i grillini ma neppure un arbitro imparziale), c'è, ma è solo sulla carta. Rappresenta il vecchio Pd bersaniano (uscito a pezzi dalle recenti primarie) e i traditori di Forza Italia che i sondaggi inchiodano a un misero tre per cento. Se questi signori fanno cadere Letta, anche loro sono finiti. In un prossimo governo o ancora peggio in caso di elezioni, non avrebbero alcuna possibilità di occupare gli spazi e le poltrone che oggi hanno, usurpate con giochini di palazzo.

Che Berlusconi e Renzi all'ultimo calino le braghe lo vedo difficile. Non sono i tipi e soprattutto hanno solo da guadagnare ad andare avanti, qualsiasi cosa accada. Perché se mollano, a finire male saranno proprio loro due, risucchiati e inghiottiti dalla palude della vecchia politica.

Commenti
Ritratto di lucianoch

lucianoch

Mer, 29/01/2014 - 16:12

Renzi!!! Appena toccherai una lobby (in particolare quella dei giudici)sarai fregato

Ritratto di marione1944

marione1944

Mer, 29/01/2014 - 16:13

Se fosse vero allora brinderei.

max.cerri.79

Mer, 29/01/2014 - 16:15

Ma se berlusconi è stato buttato fuori x tot anni da qualsiasi incarico pubblico, perché parla ancora? Come fa a candidarsi in caso di nuove elezioni? Poi dite che la legge è contro di lui? Ma se fa quel cazzo che gli pare e piace?

LAMBRO

Mer, 29/01/2014 - 16:35

PECCATO CHE MATTEO SIA NEL PD! MA SE GLI ROMPONO TROPPO GLI ATTRIBUTI...... NON E' DETTO CHE?

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 29/01/2014 - 16:37

se saltano le riforme e cade il governo si va a votare col proporzionale puro e le prefeeenze,in tal caso i piu' piccoli sono salvi e non fregati come scrive il direttore.Sull'italicum ho gia' detto la mia,e' una porcheria simile al porcellum,forse anche peggio che certifica la piccolezza e la vigliaccheria di due politici che non hanno il coraggio di andare da soli al voto(nemmeno con il salvagente del ballottaggio) e che vorrebbero dal basso del loro 20/25% ottenere il 55% dei deputati asfaltando le rappresentanze.Comprendo che sia un sistema che piace a coloro in perenne ricerca di un padrone piuttosto che di una democrazia vera e funzionante.Una porcata del genere non ha eguali nel mondo e rischia di essere cassata dalla corte costituzionale.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 29/01/2014 - 16:38

Appena non considererà più il preg. silvio, Renzi non avrà più le palle. Vogliamo vedere?

Gianca59

Mer, 29/01/2014 - 16:51

Si, ha le palle di gestirsi un partito che non gli è favorevole, palle che non ha mai avuto Berlusconi con il suo.

fabiogemonio70

Mer, 29/01/2014 - 17:10

Gentile Max Cerri, io non voglio certo convincerla a cambiare le sue idee politiche,che rispetto qualunque esse siano (a differenza di molta parte della sinistra che pensa che chi vota Berlusconi faccia parte o della categoria delle "casalinghe di Voghera" o di quella dei cerebrolesi), ma voglio farle notare perchè spesso Berlusconi parli di regime di sinistra e di giornalisti schierati, dandole un esempio lampante.Lei ha fatto il suo commento negativo su Berlusconi e il suo non diritto ad intervenire nel dibattito politico, e il commento è stato inserito, come molti altri non certo pro-Berlusconi, niente popò di meno che su "Il Giornale". Qualche settimana volevo inserire un commento sul sito della Repubblica, che voleva essere semplicemente ironico, sul fatto che il tanto vituperato Formigoni,dipiento in manierà a dir poco negativa (eufemismo) potesse ora diventare un novello eroe, un pò come lo sono diventati nel tempo Murdoch (Murdoch eroe della sinistra), Fini, Alfano.Ebbene, dopo l'apparizione del warning "il commento da lei inserito verrà valutato e pubblicato se giudicato idoneo"..il mio commento non venne mai pubblicato. Me lo spiega lei dove sta la libertà di pensiero tanto sventolata e difesa, solo a parole, dalla sinistra e in primis da Repubblica?

mariolino50

Mer, 29/01/2014 - 18:09

Vorrei capire cosa ha di diverso questa porcheria dal porcellum, cè ancora l'iniquo premio che fà diventare una minoranza maggioranza assoluta in parlamento, non ci sono le preferenze comem chiedeva la cortre costituzionale,e allora anche questa è anticostituzionale. I voti devono essere veri e non regalati, chi è contro i cosidetti piccoli partiti dovrebbe fare bene i conti, se li sommi magari sono pure la vera maggioranza, questi sistemi portano ad una falsa democrazia, con lo strapotere dell'esecutivo sul legislativo, ovvero il contrario di come dovrebbe essere, perchè i veri rappresentanti del popolo sono gli eletti, e non il capo da solo, quello gli antichi romani lo chiamavano dictator, ma ce lo tenevano poco, poi arrivò l'impero, che vogliano fare in quel modo?

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Mer, 29/01/2014 - 19:19

max- accendi il cervello prima di scrivere! Sei proprio uno svegliello. Scommetto che sei del partito nostalgico. Rifugiati nella tua ombra, il sole ti ha rovinato.

Ritratto di Balamata

Balamata

Mer, 29/01/2014 - 20:30

Si, quelli di SX credono di essere loro i furbi e gli altri scemi e invece...molto spesso e' propio il contrario:)

Ritratto di mark 61

mark 61

Mer, 29/01/2014 - 21:55

i partiti che raggiungono il 9% in almeno tre regioni comunque entrano in Parlamento" anche questa è una furbata notevole notevole, chissà a chi giova.... VERGOGNA RENZI

nalegior63

Mer, 29/01/2014 - 22:28

berlusconi viene votato dalla GENTE come molti altri...poi ci sono i NON ELETTI-----KYENGE/SBOLDRINI napolitano letta monti che a quanto pare comandano piu degli altri...STRANO VERO?

stefano.colussi

Gio, 30/01/2014 - 02:19

..proprio così..caro direttore Alessandro Sallusti..se "Berlusconi & Renzi" alla fine "calano le braghe" saranno letteralmente morti, o piuttosto che "risucchiati & inghiottiti" dalla Palude Italica..morti morti morti..Stefano Colussi, Cervignano del Friuli, Stati Uniti d'Europa.

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Gio, 30/01/2014 - 04:16

fabiogemonio70, mi è successo la stessa cosa con Repubblica. Loro son fatti così. Mentalmente segregazionisti, non differiscono dalle religioni fanatiche. Si devono trovare solo tra loro, per darsi corda a vicenda, tutti insieme, anche se vanno a sbattere contro un burrone. Del resto cosa diceva il Centralismo democratico? "siamo tutti d'accordo", anche se non lo erano per niente. La stessa parola "democratico" ha in loro un significato particolare, tale e quale nella Germania democratica.

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Gio, 30/01/2014 - 09:26

La loro e solo un alleanza per rimanere solo loro due, la nuova legge elettorale e peggiore del porcellum.i partitini quanti voti hanno portato ai rispettivi Pd e Fi ovviamente ora non servono piu con questa modalita'. Renzi e un arrivista e si sta vedendo nel comportamento cosa significa prendere o lasciare. E la solita storia decidono loro e noi dobbiamo subire. E vero che bisogna rimettere a posto il paese ma io voglio capire bene come !!! Purtroppo per l'immobilismo della politica si vede Renzi come uno con le palle ma e solo per ora un prodotto di marketing politico

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 30/01/2014 - 10:32

Tutto vero direttore. Il parlamento italiano è un mercato ed è stato voluto così dalla carta che ci è stata dettata dai vincitori della guerra (idem la magistratura, idem art.67, etc.etc.). Succede sempre ed ovunque.. Chi perde paga! E la carta è uno dei tanti prezzi che abbiamo dovuto pagare a chi ci considerava, e ci considera, vigliacchi, inetti e traditori. E' solo l'inizio, la strada è lunga. Il bersaglio grosso è la carta però. E' un prezzo che abbiamo pagato a lungo e caro. E' l'ora di asfaltarla.

rickyced

Gio, 30/01/2014 - 10:50

e' bellissimo sentire Sallusti che elogia Renzi,forse perchè ha resuscitato Berlusca (terza volta) e quindi è diventato un eroe. Per quanto riguarda la nuova legge elettorale non è vero che toglie i partitini in quanto le coalizioni, formate si da partiti grandi ma per arrivare al 37% devono esserci anche i vari Fratelli d'Italia,NCD & c. creeranno problemi in capo alla coalizione per contare sempre di +. La parte che salva la Lega è imbarazzante poi dove 3 regioni fanno arrivare un partito in Parlamento con percentuali ridicole.Ha ragione Grillo che chiama PDL e PDmenoL Renzi e B sono uguali. Gli basta arrivare al potere poi sti caz.....

Ritratto di Aulin

Aulin

Gio, 30/01/2014 - 12:18

@ rickyced e come salverebbe la Lega secondo te il 9% preso in tre regioni? Per tua informazione alle ultime politiche la Lega ha superato il 9% solo in Lombardia e in Veneto. In Piemonte s'è fermata sotto il 5%, in Friuli sotto il 7%. Ancora meno nelle altre regioni. L'unico modo che la Lega ha per salvarsi è entrare in coalizione. Indi, questa legge non favorisce sicuramente la Lega.

Ritratto di Aulin

Aulin

Gio, 30/01/2014 - 12:25

Poveri compagni. Renzi ha le palle non perchè fa un accordo col Berlusca, ma perchè è un decisionista che cerca di cambiare il Partito dei Delinquenti, e non è il solito grigio burocrate espressione del Politburo come Bersani e company.

mariolino50

Gio, 30/01/2014 - 14:31

mark 61 Tutti quelli che prendono il minimo di voti per eleggere anche un solo deputato dovrebbero entrare in parlamento, niente sbarramenti, chi rappresenta quelli non omologati ai mucchi più grossi, che sommati potrebbero essere anche di più, praticamente azzerato il diritto di voto REALE di milioni di italiani, o voti noi grossi o stai fuori.

Ritratto di GWENDOLIN

GWENDOLIN

Gio, 30/01/2014 - 16:23

E adesso speriamo che i gerontopoltronati non ci mettano i bastoni fra le ruote.Gwendolin

edo1969

Ven, 31/01/2014 - 07:18

"E i grillini danno del boia a Napolitano" e allora? Non è nulla rispetto a quello che su Napolitano scrisse "qualcuno" appena un mesetto fa, vero direttore?

rataplan73

Ven, 31/01/2014 - 11:23

il padrone ha comandato "non toccate renzi". e i servi obbediscono

82masso

Ven, 31/01/2014 - 15:23

Che confusione la politica italiana, cioè Renzi viene osannato dal Giornale per aver riabilitato Berlusconi però allo stesso tempo il segretario Pd è sinonimo di tessara n.1 del partito (è risaputo che De Benedetti appoggia il sindaco di Firenze dal primo istante) che, a sua volta, viene bersagliato dagli stessi che osannano il suo "delfino". Si rischia la labirintite.