Per l'avvocato mito della sinistra figuraccia nel "Biennale day"

Dopo aver sconfitto Brunetta nel 2010 fu osannato come un Monti "ante litteram"

Nel sito internet del Partito democratico la biografia di Giorgio Orsoni appare sotto un titolo che è tutto un programma: «Buone mani». Orsoni il cattolico, il moderato, il pacato, il senza tessere, l'avvocato delle cause vinte. La barba bianca garantiva la saggezza, gli occhialini la preparazione, la fronte alta l'esperienza. Un doge sobrio e democratico, del giro prodiano. E chi si aspettava le manette per un sindaco del genere? Nel 2010 prese il posto di Massimo Cacciari e la sinistra lo elesse a simbolo della riscossa. Erano gli ultimi anni di Silvio Berlusconi premier, impazzava il gossip sul bunga-bunga, eppure in Veneto il centrodestra era ancora capace di piazzare il leghista Luca Zaia come governatore della regione al posto di Giancarlo Galan con il 60 per cento dei voti: Carroccio al 35, Pdl al 25. Nel comune di Venezia, invece, il ministro Renato Brunetta fu surclassato senza ballottaggio da questo avvocato esperto di diritto amministrativo che da tempo si agitava nelle seconde file della politica, quelle degli assessorati, delle consulenze, dei consigli di amministrazione, dei posti nelle fondazioni.

Orsoni non ebbe neppure il tempo di indossare la fascia tricolore che fu fatto santo subito. Una specie di Mario Monti «ante litteram», un tecnico capace di mettere insieme dall'Udc a Rifondazione, diavolo e acqua santa. Ecco il peana intonato da Repubblica: «Portato al dialogo e alla riflessione pacata. Uno che non alza mai la voce. E proprio la sua tranquillità, la sua campagna elettorale che è sembrata persino sottotono tanto è stata sobria, ha prevalso, nella scelta degli elettori, rispetto alla campagna arrembante del ministro “fantuttone”». Gli mancava soltanto il loden, che a Venezia non si porta e oltretutto è inadatto al girovita di Orsoni. Le accuse di finanziamenti illeciti che lo costringono agli arresti domiciliari riguardano proprio quella campagna elettorale contro Brunetta.

Oggi Massimo Cacciari non si spende troppo in parole di solidarietà, ma quattro anni fa fu lui a indicarlo come successore. Docente di diritto a Ca' Foscari, erede dello studio legale di un principe del foro come Feliciano Benvenuti, era stato assessore al patrimonio nella giunta del sindaco Paolo Costa, allora suo grande sponsor. Uomo di Romano Prodi nel Nordest, da ministro dei Lavori pubblici nel primo esecutivo del Professore (subentrato ad Antonio Di Pietro) Costa aveva voluto Orsoni come consulente giuridico e capo dell'ufficio legislativo al dicastero. Le poltrone non sono mai mancate a Orsoni. È stato presidente della Save Engeneering, società satellite dell'aeroporto Marco Polo; presidente degli avvocati veneziani e veneti e membro del Consiglio nazionale forense; consigliere di amministrazione della Biennale; primo procuratore di San Marco; vicepresidente della Fondazione Cini; insignito della Legion d'onore. Le sue «buone mani» sono sempre state mani in pasta.

Quando mesi fa scattarono le prime manette per gli appalti del Mose, Orsoni non fece una piega, sicuro del fatto suo: «Non sono io a dovermi preoccupare, ma altri: quelli che vogliono mantenere nascoste le cose. Perché in questa vicenda c'è qualcuno che vuole seminare del fumo». Nella torrenziale relazione della Guardia di finanza (740 pagine) il suo era l'unico nome di un politico non coperto da omissis. Orsoni si sentiva le spalle coperte nonostante avesse preso le distanze dai vecchi sponsor: contrario al passaggio delle grandi navi da crociera nel bacino di San Marco, mentre Costa (ora presidente del Porto) è favorevole; ostile ai progetti di sviluppo dell'aeroporto, al punto da aprire una battaglia legale contro la Save che un tempo l'aveva accolto tra gli amministratori. In questi ultimi mesi era impegnato a trasformare Venezia in città metropolitana assieme ai sindaci di Padova e Treviso, entrambi di sinistra. Domenica Padova va al ballottaggio e Massimo Bitonci, candidato di Lega e Forza Italia, ha riempito Facebook di foto in cui il suo avversario, Ivo Rossi, bacia e abbraccia Orsoni. Il quale oggi avrebbe dovuto inaugurare la Biennale architettura con l'archistar Rem Koolhaas. Una serenissima figuraccia.

Commenti

angelomaria

Gio, 05/06/2014 - 09:14

E LE VERGOGNE MAI CHE SI PLACHINO!!VIVA IL PAESE DELLE VERGOGNE COSA ADPETTIAMO A SVERGOGNARLI TUTTI UNA VOLTA PER SEMPRE!!SE RIMANGONO LO RIFANNO E'NEL LORO DNA RUBAREIMBROGLIARE CORROMPERE COMPRARE!!!!

qwertyuiopè

Gio, 05/06/2014 - 13:03

In realtà ai veneziani Orsoni non è mai piaciuto come sindaco, ma alle ultime elezioni, avrebbero votato chiunque pur di non avere brunetta. Non è stato necessario che facesse campagna elettorale, è bastato sapere chi era il candidato della destra perché si votasse il centrosinistra ad occhi chiusi.

corto lirazza

Gio, 05/06/2014 - 16:14

qwertyuiopè: pur di non votare Brunetta avrebbero votato chiunque! Ma chi l'aveva proposto Orsoni? Non mi sembra un gran ragionamento, nè il suo e forse neppure quello degli elettori di Orsoni. Nel dubbio, meglio non votare per nessuno!

Sapere Aude

Gio, 05/06/2014 - 18:06

Questa gente fintanto che non vengono presi con le mani nel sacco si auto-assolvono. Una volta agli alunni somari veniva impartita la lezione di scrivere per 100 volte 'sono un asino'. A Orsoni, ospite delle patrie galere, imporrei di ascoltare in cella ogni minuto per 8 ore una voce che gli ricordi "sono avvocato esperto di diritto amministrativo e finito in galera perché ho rubato allo Stato".