La battaglia di Pannella per l'emergenza nelle carceri italiane

Napolitano: "Con quale senso di umanità ci si può sottrarre a un minimo sforzo per alleggerire la vergognosa realtà carceraria che macchia l'Italia?"

Non si ferma la battaglia di Marco Pannella per denunciare la grave situazione delle carceri italiane. Il leader storico dei radicali è al settimo giorno di sciopero della fame e della sete. Intanto cresce la mobilitazione su internet e sui social network, con messaggi di sostegno alla lotta non violenta per la legalità, l’amnistia e il ripristino della giustizia. Il punto su cui Pannella insiste è questo: l'affollamento delle carceri pone l'Italia in una condizione di palese illegalità rispetto al diritto internazionale e alla Costituzione stessa.

Il ministro della Giustizia Paola Severino ha fatto visita alla clinica romana in cui era ricoverato (nel frattempo è uscito, ndr) il leader radicale. Il Guardasigilli non ha incontrato Pannella ma ha avuto un colloquio con il primario e con Rita Bernardini. A loro ha lasciato una lettera personale da consegnare a Pannella.

"Sto mangiando qualche caramella per poter parlare, ma non ho bevuto nulla", ha detto il leader radicale al Tgcom24. Qualcuno per queste caramelle prenderà in giro Pannella. Ma l'anziano leader rischia la vita. Domenica sera ha accettato il ricovero in ospedale. Secondo il bollettino medico "persistendo il rifiuto ad ottemperare alla prescrizione della idratazione - spiega il professor Claudio Santini - si conferma ovviamente l’elevato grado di rischio di compromissione della funzionalità renale e di complicanze cardio-circolatorie e si ribadisce il pressante consiglio quantomeno a consentire l’inizio di una terapia reidratante per via endovenosa". Dopo qualche ora è uscita la notizia: nonostante la "sofferenza renale grave" nel pomeriggio Pannella ha deciso di lasciare la clinica dove era ricoverato, malgrado la ferma contrarietà dei medici. "I sanitari - spiega il primario Santini - hanno illustrato nuovamente al paziente i rischi elevatissimi ed imminenti di complicanze gravi, ma l''onorevole Pannella non ha accettato di sottoporsi alle terapie proposte".

Sulla gravità della situazione carceraria interviene anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel corso della cerimonia per lo scambio degli auguri con le alte cariche dello Stato: "Sta per scadere il tempo utile per approvare" il provvedimento sulle carceri al Senato. "Ma con quale senso di umanità e civiltà ci si può sottrarre a un minimo sforzo per alleggerire la vergognosa realtà carceraria che macchia l'Italia?".

Questa mattina parlamentari e dirigenti radicali hanno presentato all'Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) una denuncia nei confronti della Rai per l'inottemperanza alla delibera n. 354/12/CONS con la quale l'Agcom aveva ordinato a Viale Mazzini "di assicurare la trattazione delle iniziative intraprese dai Radicali e dal loro leader sul sovraffollamento delle carceri in programmi di approfondimento, entro il termine di quattro mesi a decorrere dal mese di settembre 2012".

Il presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, in una nota "invita fortemente Pannella a sospendere lo sciopero della fame e della sete la cui prosecuzione pone a rischio la vita dell’esponente radicale. Fini esprime al contempo comprensione, apprezzamento e considerazione per le ragioni che hanno indotto Pannella a intraprendere tale forma estrema di protesta".

"Voglio esprimere un appello accorato al mio conterraneo Pannella perché sospenda lo sciopero della fame e della sete, viste le sue precarie condizioni di salute", sottolinea in una nota il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni. "Non abbiamo condiviso molte delle battaglie radicali contro il sindacato, ma un tema come quello della amnistia e dei diritti civili per i detenuti ci vede solidali e partecipi con l'iniziativa di Pannella - aggiunge Bonanni - la questione spinosa del sovraffollamento delle carceri italiane e delle palesi disfunzioni della macchina giudiziaria, sono problemi che riguardano tutti i cittadini italiani, senza distinzione di classe o di fede politica".

"Le carceri italiane sono lo specchio di un Paese senza legalità - dichiarano i senatori del Pd Roberto Della Seta e Francesco Ferrante - per questo sosteniamo oggi come sempre la battaglia di Pannella e dei radicali per l’amnistia e chiediamo che il governo, che le forze politiche più sensibili a questo tema non restino muti. L’amnistia è l’unica risposta tempestiva ed efficace a questa vergogna, una risposta che avrebbe anche l’effetto positivo di alleggerire i tribunali di una mole immensa di piccoli processi arretrati".

Solidarietà a Pannella anche dall'Unione delle camere penali, che "invita le istituzioni ad adottare ogni soluzione emergenziale per affrontare il degrado umano delle carceri italiane. Anche noi avvocati penalisti - sottolinea in una nota l’organizzazione - intendiamo indirizzare il segno della nostra solidarietà e del nostro impegno a Marco, dichiarando la disponibilitò della Giunta e dei Presidenti delle Camere Penali ad accogliere le istanze che Pannella sottopone nella battaglia contro l’illegalità della condizione carceraria".

Su Twitter Roberto Saviano ha scritto: "Rispetto lo sciopero della fame e della sete di Pannella per la legalità nelle carceri #iostoconmarco". Pronta la risposta del leader radicale: "A Robè, grazie ma io sto per il trittico indissolubile Amnistia, Diritto, Legalità per TUTTI e non per i carcerati. I carcerati lottano, soffrono, vivono loro per tutti gli altri, voialtri, noialtri e per tutto questo abbiamo POCHISSIME ORE. Bye bye". Vasco Rossi affida a Facebook il suo messaggio a Pannella: "Esprimo la mia solidarietà e vicinanza a Pannella che rischia la sua vita per difendere un diritto civile (carceri troppo affollate e condizioni di vita non più umane)! Personalmente vorrei rivolgere con affetto un appello a Marco affinché lo sospenda perché le sue condizioni di salute sono davvero critiche".

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Lun, 17/12/2012 - 15:19

Non me ne frega un casso.

Palmer

Lun, 17/12/2012 - 16:00

Tanto agonizzante non sembrerebbe: mangia caramelle, twitta, legge le letterine della bellissima ministro Severino e forse si fuma pure qualcosa. State certi che fra un paio di giorni lo ritroveremo in tivù a sfracellarci le sfere, arzillo e logorroico come sempre, con la sua fissa di rimettere in circolazione anzitempo qualche decina di migliaia di criminali assortiti. La mobilitazione cresce su internet e sui social network? Può darsi, ma solo da parte di quello zerovirgola che ancora dà retta a questo buffone.

makkivi

Lun, 17/12/2012 - 16:06

Dovrebbe fare il digiuno per le migliaia di vittime di crimini bestiali e invece, come al solito, fa il pagliaccio. Non mi interessa minimamente il suo stato di salute. Mi interessa quello delle povere vittime che a lui non interessano.

previlege

Lun, 17/12/2012 - 16:09

faccia pure speriamo che non si fermi per una volta che vada fino in fondo di quello che a cominciato

previlege

Lun, 17/12/2012 - 16:15

BRAVO PALMER, PANELLA UN VERO BUFFONE STAREBBE BENE IN UN CIRCO DI PAGLIACCI

Ritratto di lettore57

lettore57

Lun, 17/12/2012 - 16:17

Che pena e gli fanno pure i servizi TV a lui che per scelta non beve e non mangia :( mai visto lo stesso interesse per chi non mangia perchè non ha i soldi. Parliamoci chiaro se proprio si vuole fare qualcosa lo si faccia verso giudici che non fanno cio che dovrebbero. Esempi? beh credo non ci sia bisogno

Ritratto di cltgnn

cltgnn

Lun, 17/12/2012 - 16:19

si metta a piangere anche lui come la piagnona fornero o l'abbronzato abama, chissà quanti milioni di euro ci guadagna, basta leggere il libro del tesoriere del partito xxxxxxx (mi sfugge il nome) per vedere quante ne ha combinate con digiuni e caz....te varie.

vince50

Lun, 17/12/2012 - 16:29

Un diverso modo di campare a sbafo.Ma questo che lavoro fa,chi lo mantiene,se ne è convinto(o fa il furbo)che vada pure avanti.

clamor

Lun, 17/12/2012 - 16:36

Tanto di cappello se volesse veramente umanizzare le carceri e la vita dei carcerati con soluzioni valide, non dico come la Norvegia con stanze singole, computer e fitness , altrimenti avremmo le celle piene di pensionati. Non si risolvono i problemi dei carcerati dando a tutti l’ennesimo indulto, aprendo le sbarre e buttando fuori gentaglia che non ha nulla da perdere. Ha fatto migliaia di scioperi di fame, sete e quantaltro, alla fine della pantomima stava meglio di prima: è ora di cambiare registro, non ci crede più nessuno.

dinross

Lun, 17/12/2012 - 16:38

che palle...

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 17/12/2012 - 16:39

Il ricatto-digiuno pannelliano è vecchio di decenni, forse più di mezzo secolo o di un sessantenio e settantennio. Ma quel che dobbiamo chiederci è questo: "La nostra società attuale, diretta derivazione dall'ideologia radicale e sinistra, è migliore oggi o lo era prima dell'azione, secondo me nefasta, di Pannella e della sinistra tutta"? A voi l'ardua sentenza.

giottin

Lun, 17/12/2012 - 17:06

Io mi domando perché si spendono soldi del SSN per fare analisi a un tizio che non beve: versategli addosso una secchiata d'acqua, risparmierete le analisi per quelli che ne hanno veramente bisogno e devono pagare il ticket. Statene certi, non morirà, prima dovrà almeno fare un'altra sceneggiata bevendo pipì in diretta (in realtè birra).

Ritratto di garipoli

garipoli

Lun, 17/12/2012 - 17:13

Pannella e i suoi scioperi della fame sono diventati uno dei tanti tormentoni del belpaese; un pò come Sanremo e lo Zecchino d'oro. Paradossale che un uomo che avrebbe voluto lasciare il segno nella storia per il suo essere "altro" e comunque controcorrente rispetto al resto del Palazzo abbia finito per diventare lo stanco stereotipo di se stesso non suscitando neppure più un pò attenzione, solo noia. E' il solito Pannella che, per ruolo, fa le barricate di fiori in difesa degli ultimi dei diseredati o per una buona ragione (forse le prossime elezioni). Un teatro dei burattini che sa di stantio; Pannella fa la parte del ribelle indomito e non violento, ormai attempato che non ha rinunciato al sari, al romanticismo con qualche sprazzo di cultura orientale e non violenta. Farebbe tenerezza se non finisse in mezzo alla vasta accolita di scienzati centenari, ballerine zoppe, presentatrici con la balbuzie, politici mediocri, imprenditori incapaci, Premier sciupafemmine, tecnici misantropi. Un pò fa pena, sta vivendo la propria nemesi.

onil

Lun, 17/12/2012 - 17:41

Non credo che una persona di una certa età possa stare 7 giorni senza bere ne mangiare. quindi????? Per me sarebbe più giusto se invece dell'amnistia si mandassero i detenuti non italiani a scontare la pena nelle carceri dei loro paesi: si libererebbero un sacco di posti e si risparmierebbero un sacco di euro. Quindi per favore caro Pannella il prossimo sciopero lo faccia per questi motivi.

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Lun, 17/12/2012 - 17:47

impressionante questo residuo umano.

Ritratto di _alb_

_alb_

Lun, 17/12/2012 - 17:53

Pannella l'ho visto solo una volta in vita mia. Al ristorante.

giuliana

Lun, 17/12/2012 - 18:03

Quello delle carceri è un finto problema, perchè basterebbe rispedire al proprio paese tutti gli extracomunitari per scontare la loro condanna e vietarne il ritorno in Italia. Caro Pannella, sarebbe più appropriato legare il suo gesto ad un'altra folle battaglia che i radicali stanno conducendo, quella del diritto all'eutanasia.

guidode.zolt

Lun, 17/12/2012 - 18:07

Caro Pannella, pensiamo a sistemare meglio quelli fuori dalle carceri, quindi onesti (a parte quelli non scoperti) chè ne hanno bisogno, poi penseremo anche ai carcerati...ma prima viene il livello di vita di chi non delinque e fornisce i mezzi per mantenere in galera chi ci sta...

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Lun, 17/12/2012 - 18:10

E dài, sono quarant'anni che ci ammanniscono i digiuni di Pannella "in pericolo di vita" e invece sta sempre lì, più pimpante e combattivo che mai... si vede che un digiuno ogni tanto fa bene alla vita. E allora, cento di questi digiuni, caro Marco, ma non pretendere che ti prendiamo pure sul serio. E poi, permetti, con la crisi che infuria e tante persone oneste disperate e sull'orlo della rovina, forse il problema delle condizioni di vita dei delinquenti non è proprio quello che appassiona di più gli italiani, non credi? Anche perché tu lo vorresti risolvere al tuo solito modo: rimettendone in libertà il più possibile...

compitese

Lun, 17/12/2012 - 18:27

speriamo sia la volta buona!!

laura

Lun, 17/12/2012 - 18:27

Il sovraffollamento delle carceri e' dovuto a 24.000 carcerati stranieri. Se fossero spediti ad espiare la pena al loro paese, nelle carceri ci sarebbero ancora posti disponibili, per altri delinquenti Italiani che invece si trovano a spasso per le nostre citta'. Pannella dovrebbe preoccuparsi per le vittime di quelli che sono in galera, invece.

Ritratto di Ciccio Baciccio

Ciccio Baciccio

Lun, 17/12/2012 - 18:31

*Giacinto Pannella detto "marco", dal 1966 frequentava Piazza di Spagna in quel di Roma. Io ero lì oltre la notte anche il giorno in quanto lavoravo in zona come fattorino pellettaro di lusso sempre in giro per il centro. Mi fece er Pannell...a litigà con "Il Cobra" (Antonio Serventi) quello famoso Anarchiko, per dei ricordi del campo di concentramento subito dal Cobra cui coglionava. Abbordava froci e mignotte, quelli che scappavano da casa e dormivano alle Grotte del Piccione di fronte al Café du Jardin, oggi murate. Gli piacevano per interloquire, aveva 40 anni, i ragazzini de borgata, quelli zozzi capelloni purciari che scappavano de casa, come d'uopo all'epoca e se li ...condiva, er sor Giacinto. Si diceva che era una spia provediente da...tot. "è ora un rimbamito" che sta lì lì per le cuoia le cuoia. Comunque un personaggio che resterà nonostante tutto, nella storia misera di questa bella Nazione depredata da tutti i ladri di corte. Specie se kommunistoidi/fascistoidi.*

grath2005

Lun, 17/12/2012 - 18:35

E' uscito perché mangiare e bere non gli mancavano ma fumare in ospedalenon dsi può.... specie certo fumo di cui è sostenitore

Ritratto di Ciccio Baciccio

Ciccio Baciccio

Lun, 17/12/2012 - 18:36

***Al Bar Giolitti noto bar dei ladri di korte, mentre faceva lo sciopero della fame il Gia-cinto detto Marco, correva l'anno 1977,se magnava li tramezzini a tre strati e...tutti ridevamo. Cin cin! Alla faccia del becro che era in fabbrica a piegar la schiena per mantenere tutti i ciarlatani. Dal "Gobbo der Quarticciolo Vaticanato" a "Fiorito". Sterko!*

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 17/12/2012 - 18:37

Ancora questo buffone? Ma non e' morto?

Raf1956

Lun, 17/12/2012 - 18:56

Da non profano della medicina, dico che una persona di anni 82 e in condizioni come quelle di pannella, non avrebbe certamente durato 7 giorni, senza idratazione e senza conseguenze renali e/o cardiache (come riferito dai medici). Per cui concordo pienamente con ONIL, il Signor Pannella, quando decidesse di operare un'altro sciopero della fame e della sete, me lo faccia sapere , lo seguiròe controllerò minuto per minuto, così vedremo la sua solerzia. Cmq, se non mangia e beve, significa che anche lui è abbastanza sazio della mensa di montecitorio.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 17/12/2012 - 19:06

tutti liberi via dalle carceri a delinquere, uccidere e stuprare nuovamente, ecco il futuro dell'italia di sinistra e radicale.

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Lun, 17/12/2012 - 19:11

adicale proclamandosi pacifista,ma Culo&Camici coi Comunisti? Leader senza poltrona,né cavallo(Rai-Tv)rovina famiglie,vomitando sentenze e per questo non mi piacque nel contribuire a far eleggere Oscar Scalfaro a Capo di Stato er signor”Io non ci sto"il peggiore Capo al Quirinale della storia Repubblicana,anche se,Napolitano in questo ultimo anno lo sta superando alla grande,visto che,ha declassato Berlusconi la 4^ carica dello Stato eletta e,con Silvio anche svenduto alla Merkel il nostro Paese con l''uomo de Monti,poi essersi autoproclamato"Re Giorgio Marx I"col risultato di un'Italia Presidenziale,senza meriti e voto del Popolo,mentre Marcuzzo dando l'appoggio a Pd e Comunisti,piange sempre di non essere in Rai-tv:ma come mai,al richiamo del mio amico,lo Statista Bettino Craxi eclissò con Csm,Anm e FiNSI-one dei Giornalisti,Capi di Stato che si trasformarono in Ponzio Pilato,lasciandolo solo a morire in terra straniera?Ebbene,Io c'ero,lui no!Pensaci Giacomino!

fedele50

Lun, 17/12/2012 - 19:19

A PANNE.............I DELINQUENTI DEVONO STARE IN CARCERE ,IO LI MANDEREI A LAVORARE I CAMPI X MANTENERSI , LO SCANDALO VERO CHE TI TENGONO IN CARCERE IN ATTESA DI GIUDIZIO ANCHE DIECI ANNI..............CHE DEMOCRAZIA DIMMMMM......

sarolina

Lun, 17/12/2012 - 19:22

Anche ieri sono sbarcati 500 africani palesemente benestanti perche' affrontare un viaggio costoso come lo e' senza passare per le vie tradizionali costerebbe sicuramente meno e non sarebbe così ricco di pericoli. Ma tutta questa brava gente dove la stipiamo se non c'è lavoro anche per gli autoctoni? Dove finiscono poi? In carcere perche' ancora non e' entrato nella zucca dei nostri politici che possono solamente delinquere. Pannella deve occuparsi delle vittime dei reati che le risorse commettono e il Parlamento ricacciarli da dove provengono

swiller

Lun, 17/12/2012 - 19:34

Sciopero bene faccia pure, io sto dalla parte di Abele.

Mario-64

Lun, 17/12/2012 - 19:40

Presidente ,qui l'unico sforzo da fare e' costruire nuove carceri ,e' cosi' difficile da capire??

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Lun, 17/12/2012 - 19:43

Non condivido che una minimissima parte delle battaglie combattute da Pannella: penso con raccapriccio a temi come aborto, divorzio o eutanasia. Quello delle carceri, forse, è un tema in parte condivisibile (ma io rimanderei tutti gli stranieri a casa loro oppure li metterei a spaccare pietre; altro che computer in cella!). Anche se non so quanto Pannella possa "barare" nelle sua proteste spettacolari, non si può tuttavia negare che lui, almeno, abbia rischiato di persona e che, comunque, sia un personaggio a suo modo inimitabile. Propongo che Monti faccia un "beau geste": rimetta la sua carica di Senatore a vita (per quali meriti?) a Napolitano, che la conferirà poi a Pannella. La cosa troverà certo molte critiche, verrà giudicata inopportuna, ma quale migliore premio ad una passione politica così estrema?

ingenuo39

Lun, 17/12/2012 - 19:45

Perchè prima di fare articoli su Pannella, non vi fate spiegare da lui come funzionnano i suoi scioperi della fame e della sete? A me sembra che questi scioperi siano taroccati o sono semplici diete dimagranti spacciate per tali.

pajoe

Lun, 17/12/2012 - 19:51

Svuotare le carceri ? Perche' per farci massacrare dai tagliagole Non basta che già alle nove di sera, se habbiamo superato l'età degli esercizi ginnici, dobbiamo rintanarci in casa per evitare di essere malmenati per strada da balordi di ogni razza ed età. Il vetusto Panella,puo' permettersi una scorta, Noi no, e quindi la smetta, a meno che insieme al Presidente della Repubblica, per Decreto Presidenziale, non aumentino le forze di Polizia in tutto il territorio Italiano, di almeno diecimila unità, considerando che gli organici sono quelli del 1990 ed in 23 anni agli italiani si sono aggiunti 4 milioni di immigrati, oltre agli illegali di cui si sconosce il numero.

Raf1956

Lun, 17/12/2012 - 19:58

per " Ciccio Baciccio" Correva l'anno 1975, mi riferiscono che il signor Giacinto- detto Marco-, presso il tribunale di Roma, veniva processato per il reato di " Vilipendio allo Stato". Oggi sciopera perchè è sazio e non ha più voglia di mangiare

pepperconarse

Lun, 17/12/2012 - 20:13

Preoccupiamoci di chi muore di fame perche' non ha una lira.Le storie di Pannella si susseguono ad ogni elezione e gli servono per recuperare qualche voto.E' vergognoso che si provocano le coscienze dei giusti per liberare i colpevoli.E poi Pannella in cambio di una vita da stipendiato dal popolo italiano che c...o ha dato.

pepperconarse

Lun, 17/12/2012 - 20:13

Preoccupiamoci di chi muore di fame perche' non ha una lira.Le storie di Pannella si susseguono ad ogni elezione e gli servono per recuperare qualche voto.E' vergognoso che si provocano le coscienze dei giusti per liberare i colpevoli.E poi Pannella in cambio di una vita da stipendiato dal popolo italiano che c...o ha dato.

Holmert

Lun, 17/12/2012 - 20:13

Troppo facile,un uomo politico poco rappresentativo come mastro Pannella,non riuscendo ad avere udienza tra gli scranni parlamentari,agisce di fianco,e cornu. Organizza referendum e fa lo sciopero della fame,mica per fermare la grave delinquenza che affligge l'Italia,ma va',per aprire le carceri con amnistie ed indulto.Tema ricorrente ogni decade di anni.Mica si chiede perchè certa gente sta in carcere? No,vuole tutti liberi,tutti fuori,come quando saliva al trono il delfino,durante la guerra dei trent'anni. Ecco,ora fa lo sciopero della fame e della sete.Ricordo che una volta beveva la sua urina,ora cosa berrà? E perchè a noi ed alle istituzioni dovrebbe interessare il suo sciopero della fame? Chi gli proibisce di mangiare e bere? Con questo sistema Mastro Pannella è riuscito a cambiare molte più cose dei politici eletti a maggioranza. E se facessi anche io lo sciopero della fame per non pagare tasse da cui sono schiacciato e reso pezzente,a chi potrebbe interessare? Pannella fai lo sciopero finanziario,fai fare una amnistia fiscale,farebbe bene a noi ad al sistema.

chiara 2

Lun, 17/12/2012 - 20:38

Da fonti personali: nel passato (quindi non posso dire se sia ancora valido), si faceva portare arance ed altro di straforo

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 17/12/2012 - 21:44

Per decongestionare le carceri, basterebbe non mettere in galera le persone non ancora condannate. Una persona è innocente fino a che non è intervenuta una sentenza a condannarla (nel nostro ordinamento, ce ne vogliono tre, di sentenze). E se uno è innocente, mi sapete dire perché viene messo in carcere? Quanti sono i detenuti in attesa di giudizio? Cominciamo a mandare fuori questi. Vedete che le prigioni si sgonfiano subito, Pannella torna a mangiare e bere e tutti vivremo felici e contenti.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 17/12/2012 - 21:49

Pannella ha deciso di lasciare la clinica. La prima cosa sensata dopo 80 anni di pagliacciate. I posti letto devono essere a disposizione di quanti ne hanno bisogno. Malgrado il loro originario proposito di conservare quel bene primario che è la salute.

Ritratto di rebecca

rebecca

Lun, 17/12/2012 - 22:36

Ognuno di noi è libero di suicidarsi come meglio crede, l'importante è che non rompa troppo i c.......i. Lo faccia e basta, uno in meno da mantenere!!!Sono 60 anni (o giù di li) che siede in parlamento.....forse si merita un po' di riposo!

Ritratto di garipoli

garipoli

Lun, 17/12/2012 - 23:33

C'è da dire che per chi conosce un poco la situazione carceraria da operatore, sa benissimo che in carcere ci vanno i più poveri, i più matti, i più stupidi. Non è certo il posto dove vengono reclusi i peggiori. Ma solo i peggio arrangiati. C'è da aggiungere che il sovraffollamento nelle nostre carceri ha raggiunto livelli da terzo mondo. E se è vero come diceva Voltaire che il livello di civiltà di un paese lo si vede da come sono messi carceri e ospedali, siamo davvero messi male ! Cosa che d'altra parte sapevamo già !

Ritratto di garipoli

garipoli

Lun, 17/12/2012 - 23:34

I Radicali si sono sempre distinti per la loro sensibilità sulla questione della situazione carceraria.

piedilucy

Lun, 17/12/2012 - 23:50

meglio che è andato a casa le cure in ospedale gle le pagano i cittadini che tante volte non trovano nemmeno un posto letto perciò per quello che mi riguarda può crepare in questo istante che non me ne può fregare di meno

Ritratto di carla1971

carla1971

Mar, 18/12/2012 - 01:40

Si, è uscito dalla clinica, così si rimpinza nelle feste natalizie e poi ricomincia da capo a rompere i ..... Ormai è una storia vecchia come lui.

eras

Mar, 18/12/2012 - 06:26

Ebbi contatti da ragazzo con i radicali. Da ragazzi si hanno curiosità e amorazzi passeggeri. Ascoltavo sempre la loro radio per un certo periodo. Tra i tanti politici sembrava appassionato, idealista e pure la radio era una messa cantata al prode Pannella contro il "regime". Conobbi i radicali... mah... idealismo non ne trovai... dei gasatelli snob, gesti sfasati da drogati o effemminati, tanto servilismo per il capo... manifesti illegali (in barba al legalismo radicale) qualcuno apprezzava pure le violenze dei fascisti nei licei altro che Gandhi... spesso anche gente ignorante... passioni passeggere appunto... da ragazzi...

rancarani.giacinto

Mar, 18/12/2012 - 08:00

Spero che la retta dell'0spedale la paghi lui, non con i soldi del partito o ricorrendo al SSN, ma sarà dura.