Bossi, riti e miss: la Lega taglia 6 milioni

Maroni mette il partito a dieta, stop a Capodanno celtico e Donne padane. Ridotto l'appannaggio di un milione a Bossi

Milano - Un milione di euro. A metà tra l'assegno del signor Bonaventura e il sogno da superenalotto dell'italiano medio. Una somma alta, soprattutto per la Lega, un partito che fa della difesa dei comuni lavoratori uno dei suoi cavalli di battaglia. Un milione, euro più euro meno, è quel che costa ai bilanci della Lega il presidente federale, il fondatore, il Senatùr, insomma l'Umberto Bossi.
In tempi di ristrettezze di bilancio, sarà chiamato a tirare la cinghia anche lui. «Non abbiamo ancora deciso dove tagliare», assicura il segretario lombardo Matteo Salvini, commentando voci circolate in via Bellerio che davano per già avvenuta la decurtazione dell'appannaggio presidenziale. Ma quel che è certo, al di là dei dettagli, è che anche Bossi e famiglia ridimensioneranno il loro tenore di vita.
Si parla di sei milioni di tagli complessivi. L'assestamento del bilancio di previsione del partito avverrà entro fine giugno. Nel 2012 l'attivo patrimoniale è stato di 40 milioni ma con un disavanzo di 10 milioni e 760mila euro. «Con questo bilancio si chiude la stagione delle porcherie, della Tanzania, dei fondi all'estero, degli yacht», ha dichiarato senza mezzi termini Roberto Maroni, eletto all'unanimità segretario federale il 1° luglio 2012, due mesi dopo la famosa notte delle ramazze, quando l'ex eterno secondo Bobo se ne andava in giro a far pulizia nella Lega.
Una pulizia non solo metaforica, come dimostra la revisione dei bilanci affidata a Pricewaterhouse. Difficile che sopravvivano voci come la scuola Bosina fondata a Varese da Manuela Marrone, influente moglie del Senatùr (200mila euro). Oppure i 150mila euro per le spese personali di Bossi, che vengono consegnati al segretario senza che lui debba rendere conto delle spese. Cinquecentomila euro sono destinati a segreteria e spese mediche del Senatùr: l'importo verrà ridotto ma non cancellato, dal momento che a Bossi toccano sia segreteria che spese mediche.
Bossi ma non solo. Sotto la scure cadranno tutte le spese non direttamente riferibili al core business della Lega: la politica. «Ridurre tutte le spese non direttamente collegate all'attività politica del movimento», si legge nella nota ufficiale diramata da via Bellerio. Non è un'operazione che riguarda Bossi e basta. Al contrario, l'intervento di ragioneria mette sotto la lente d'ingrandimento tutti i movimenti, movimentini, associazioni che sono nati intorno allo spadone di Alberto da Giussano. Sono da sforbiciare (in qualche caso già sforbiciati) il SinPa, il sindacato padano di Rosy Mauro, risoprannominata la badante di Bossi. E poi associazioni padane come Miss Padania, il Capodanno celtico, le Donne padane e altre agenzie che utilizzano denaro del partito. Una pulizia necessaria in vista del taglio del finanziamento ai partiti di cui si discute.
L'operazione è resa ancor più urgente dai risultati elettorali della Lega. Nei giorni scorsi Bossi ha sparato frasi come: «Maroni ha distrutto la Lega. Ora me la riprendo». Oppure: «La base non lo riconosce come capo». Intorno al segretario hanno fatto quadrato amici e meno amici, da Salvini a Flavio Tosi, i delfini designati da Maroni, fino a Luca Zaia. In attesa dei ballottaggi del 9 e 10 giugno è improbabile che qualcun altro segua Bossi nella rivolta anti-Maroni. Ma il tema del malcontento della base esiste. E anche se Bossi resta solo un eroe del passato, rappresenta un disagio che potrebbe trovare altre vie di futuro.

Commenti

Gianca59

Dom, 02/06/2013 - 08:46

In questo momento sulla home del Giornale 2 articoli su Bossi-Maroni: forse che questi 2 risolvono i problemi Dell' Italia con le loro beghe ?

elio2

Dom, 02/06/2013 - 08:54

Non sono leghista, ma ho sempre sostenuto che Maroni volesse prendere la lega a Bossi per ridimensionarla, vuoi per incapacità propria, vuoi perché mal consigliato, ma i deludenti risultati elettorali sono sotto gli occhi di tutti, se un partito perde il 60% dei propri sostenitori, o si chiama 5 stelle, oppure la base non si riconosce nelle sue politiche

tartavit

Dom, 02/06/2013 - 09:52

E per quale arcano motivo il Senatur prende un milione di euro l'anno? Secondo me una pensione di 25.000,00 euro l'anno sarebbe più che sufficiente per i meriti (demeriti ) che Bossi si è guadagnato sul campo.

fabianope

Dom, 02/06/2013 - 09:58

...ma che brutte notizie al risveglio la domenica!!! mah...come ieri vi ho cosigliato di deragliare i soldi ottenuti con le vostre ottime iniziative per i Tutori dell'Ordine ad un fondo per "politici indigenti", cosi' oggi vi consiglio di deragliarne parte alla nostra povera e simpatica famigliuola...mi sembra infatti che abbiano qualche altro figlio da laurerare, ed oggidi' le "tasse" costano, costano...oh!, se costano!!!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 02/06/2013 - 10:11

Si fa tanto un parlare della lega perchè forse ha frodato delle briciole,mentre dei vari Lusi Penati Vendola son già nel dimenticatoio????Forse anche i 1400 appartamenti abusivi di Caserta no vi è più cenno.Come mai ? La magistratura,il sindaco i vigili i carabiniere non si sono mai accorti di nulla??Qui al nord ti avrebbero incriminato per una cuccia del cane fatta senza permesso!!!!Quale rapporto esiste fra le due italie,siamo sicuri che è un Italia sola.??Spero sia pubblicato .

tartavit

Dom, 02/06/2013 - 10:19

E per quale arcano motivo il Senatur prende un milione di euro l'anno? Secondo me una pensione di 25.000,00 euro l'anno sarebbe più che sufficiente per i meriti (demeriti ) che Bossi si è guadagnato sul campo.

igiulp

Dom, 02/06/2013 - 11:37

@Elio2 - Visto che non è leghista, le sue analisi da fuori le faccia al suo partito di appartenenza. Forse riuscirà meglio ad inquadrare le cose.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Dom, 02/06/2013 - 11:57

Il problema è: Perchè ancora li prende?

Ritratto di Scamorza Girolamo

Scamorza Girolamo

Dom, 02/06/2013 - 13:19

maroni ha dimenticato il quarto comandamento: onora il padre e the family

silvano45

Dom, 02/06/2013 - 13:28

purtroppo sono diventati come gli altri partiti e dato come erano nati peggio degli altri partiti.Quando si perde il controllo del partito e della famiglia qualsiasi siano i meriti precedentemente acquisiti occorrerebbe farsi da parte altrimenti interessi personali sembrano prevalere.quando si perdono cosi'le ekezioni bisogna farsi da parte ma Maroni è solo un travet del partito senza carisma e idee quindi rimarrà al suo posto e affonderà il partito, non ci rimane come speranza Grillo con tutti i suoi errori e difetti

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Dom, 02/06/2013 - 13:44

Vorrei essere spiegato da gianniverde se davvero crede che la lega sia nata davvero come movimento, o partito, e non come semplice associazione per dividersi paghette. La prima opzione mi pare non stia nè in cielo nè in terra. Roba del nord insomma.

Ritratto di afrikakorps

afrikakorps

Dom, 02/06/2013 - 14:14

@igiulp: brucia eh il deretano sapondo che il proprio idolo si intasca a fuffolone la bellezza di 850.000 € (ottocentocinquantamilaeuro - glielo metto anche per iscritto, sempre che sappia leggere)senza fare nulla anzi no! per dire "Roma ladrona!"...continui a votere Bossi e si faccia un bel giro con il carrarmato di cartone in Piazza San Marco come ai vecchi tempi...

igiulp

Dom, 02/06/2013 - 14:15

@silvano45 - Lei corra pure dietro a chi grida di più. La Lombardia si è affidata al "travet" Maroni, uno con i piedi per terra, tanto per sua conoscenza.

titina

Dom, 02/06/2013 - 14:45

un milione di euro li chiamate i viveri? Sì, vivere da pascià alla faccia di chi paga le tasse e che non riesce a sopravvivere.

igiulp

Dom, 02/06/2013 - 14:46

@africakorps - Sì so leggere e se quella era una schifezza ha fatto bene Maroni a rilevarla. Quanto ai carri armati di cartone, c'è stato molto di peggio nelle piazze e non certo di parte leghista.

Ritratto di afrikakorps

afrikakorps

Dom, 02/06/2013 - 15:02

@igiulp: la ringrazio per la risposta. Mi sembra di leggere tra le righe che concorda sulla necessità di un po' di repulisti nella Lega. Pur non condividendo gran parte della politica leghista (per quanto qualche sindaco capace ci sia) ne ritengo utile la forma di controllo che ha, in passato, esercitato nelle amministrazioni, ruolo che purtroppo, una volta al potere, ha perso spesso in modo colluso. In bocca al lupo e buona fortuna. Io che voto PD, turandomi il naso, me lo auguro spesso. Cordiali saluti

elio2

Dom, 02/06/2013 - 17:14

Caro igiulp, forse lei ha una diversa spiegazione, vero? Se vuol mettermi al corrente, le sarei grato.