Il branco non va in cella. Per lo stupro di gruppo 18 mesi di "volontariato"

Nel 2009, da minorenni, abusarono di una compagna di scuola: condannati solo a lavorare per 18 mesi in una casa di riposo o in ospedale

Vicenza - Ancora diciassettenni, in tre nel 2009 violentarono una coetanea. Al processo patteggiano: 18 mesi di volontariato.

Il prezzo da pagare per uno stupro di gruppo l'ha fissato il Tribunale dei minori di Vicenza, ratificando l'accordo stretto tra Procura e difensori degli imputati. Un anno e mezzo di lavori di pubblica utilità per saldare il debito con la giustizia. Forse assisteranno gli anziani di una casa riposo o i pazienti di qualche ospedale della zona. Se vorranno, potranno dare una mano in qualche comunità o accompagnare i disabili. Di sicuro, non faranno neppure un giorno di carcere i componenti del terzetto che una sera d'estate di cinque anni fa abusarono di una compagna di scuola. A casa di uno di loro erano saliti con una scusa dopo lo struscio su corso Palladio, scandito da una sfilza di drink tracannati per combattere la calura agostana. E lì, tra i fumi dell'alcool, nell'appartamento lasciato sguarnito dai genitori assenti s'era consumata la violenza. Al padre che ignaro era andata a riprenderla prima che scoccasse la mezzanotte la ragazzina non aveva avuto il coraggio di dire nulla. Poi, vinta la vergogna, l'amara confessione, le medicazioni in ospedale, la denuncia in questura. E le indagini, l'identificazione dei tre, la denuncia a piede libero con l'accusa di violenza sessuale di gruppo. Le testimonianze raccolte avevano trovato conferma davanti al magistrato, nell'incidente probatorio durante il quale la fanciulla, riavvolgendo il nastro dei ricordi, aveva raccontato tra le lacrime fin nei dettagli più crudi il susseguirsi degli eventi d'una serata da incubo. Ma per conoscere il finale della storia non è stato neppure necessario attendere la sentenza. Ci si è fermati prima, con un patteggiamento che consentirà al trio, qualora il periodo di affidamento in prova dovesse filar liscio, di sentir dichiarare estinta la pena e lasciarsi tutto alle spalle, come se nulla fosse mai successo. E come loro gli 8 adolescenti che nel 2007, a turno, stuprarono una quattordicenne in una pineta di Montalto di Castro: il pm aveva chiesto complessivamente 32 anni di reclusione, ma a luglio il Tribunale dei minori di Viterbo li ha mandati ai lavori socialmente utili, in nome della rieducazione che salva i carnefici e spedisce dritte all'inferno le vittime.

Così nel mondo che va alla rovescia sul banco degli imputati finiscono le donne: se lo stupro riguarda una fanciulla non più vergine «il trauma sarà da ritenersi più lieve» ed il maschio assalitore «avrà diritto ad una condanna più lieve», ha stabilito nel 2006 la Terza sezione della Cassazione. La stessa che un paio d'anni fa ha bissato: quando lo stupro è di gruppo, in attesa di giudizio è lecito adottare misure alternative alla carcerazione. E nell'ottobre del 2012 un'altra pronuncia da manuale: se più sono i violentatori «va riconosciuto uno sconto di pena a chi non abbia partecipato a indurre la vittima a soggiacere alle richieste sessuali del gruppo, ma si sia limitato a consumare l'atto».

Nessuna meraviglia, allora, se a dicembre la Suprema Corte ha cassato la condanna a 5 anni inflitta in Appello ad un sessantenne che aveva allacciato una relazione con una bimba di 11 anni, affidata alle sue cure di operatore dei servizi sociali del Comune di Catanzaro: processo da rifare perché, secondo gli ermellini, non s'era tenuto conto del fatto che i due «fossero innamorati e che ciò costituisse un'attenuante».
La chiamano giustizia, ma di giusto non ha niente. Nemmeno il nome.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 09/02/2014 - 09:52

ma i giudici hanno capito bene o hanno studiato su topolino? la solita mafia giudiziaria, le vittime devono essere colpevoli oltre che essere beffate 2 volte! grazie, ora mi convinco sempre di piu che votare berlusconi sia più che necessario, perchè è proprio l'unico che ha proposto la riforma giudiziaria in modo corretto e che garantisce veramente una giustizia più umana e piu giusta!

Ritratto di semovente

semovente

Dom, 09/02/2014 - 10:04

In questo modo altro che riduzione di episodi di questo genere. Continuate così cari signori giudici e vedrete che bella società costruirete. Ma tanto siamo già nella me... e quindi si salvi chi può.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 09/02/2014 - 10:30

Se avessero toccato la figlia di un giudice si beccavano l'ergastolo.

Il giusto

Dom, 09/02/2014 - 10:32

Certo aver avuto un presidente del consiglio che paga ragazzine per fare orge non porta un buon esempio ai nostri ragazzi!

Il giusto

Dom, 09/02/2014 - 10:41

Certo aver avuto un presidente del consiglio che paga ragazzine per fare orge non porta un buon esempio ai nostri ragazzi!

Ritratto di semovente

semovente

Dom, 09/02/2014 - 10:52

@Il giusto, lei di giusto ha solo la capacità di rompere i coglioni a tutte le ore del giorno. Ma vada a scassare la minchia su qualche giornaletto rossovestito dove troverà gente come lei che la comprenderà.

epesce098

Dom, 09/02/2014 - 11:08

Giovani disoccupati, avete visto come si fa a trovare lavoro? Non è poi così difficile, provate!!!

epesce098

Dom, 09/02/2014 - 11:15

semovente - Bravo, perfettamente d'accordo con te. Hai avuto il coraggio, sfidando la censura, di cantargliene quattro a quel zoticone di "il giusto". Ma forse parla per invidia perchè al posto di Berlusconi avrebbe voluto esserci lui, ma evidentemente nessuno lo vuole perchè sarà un mostriciattolo.

Il giusto

Dom, 09/02/2014 - 11:31

semo-vente...la prima metà del tuo nome direi che è azzeccata...comunque,a meno che tu non sia in galera per qualche reato,ti auguro una buona domenica...

Il giusto

Dom, 09/02/2014 - 11:38

semo-vente...la prima metà del tuo nome direi che è azzeccata...comunque,a meno che tu non sia in galera per qualche reato,ti auguro una buona domenica...

Ritratto di danutaki

danutaki

Dom, 09/02/2014 - 11:48

Ma i giudici hanno mogli e figlie.....se capitasse ad una di loro (non lo auguro di certo) quale sarebbe la reazione ?? Condanne ai lavori socialmente utili per poter tranquillamente reiterare il crimine ??

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 09/02/2014 - 12:06

Ma come non è giustizia! Lo è invece... secondo il progetto di riforma della giustizia del pregiudicato. "Solo i reati di sangue" meritano la custodia cautelare. Stupratori, ladri, truffatori, trafficanti di droga, sfruttatori, evasori fiscali sono soltanto delle innocue persone che hanno commesso qualche errore veniale!!!

angelal82

Dom, 09/02/2014 - 12:14

Non sono reati su cui si può facilmente prendere una posizione. Una ragazzina che va in un appartamento con altri ragazzi, non è proprio normale. Se la violenza c'è stata e se una ragazza si difende anche un poco, i segni fisici ci sono. POssibile che un padre non se ne accorga?!

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 09/02/2014 - 12:50

commentare queste vigliaccherie giudiziarie è uno spreco di parole. E dopo dicono che il male è nel sud!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Dom, 09/02/2014 - 13:35

...Il tutto nel buon senso della famiglia lesa.

dondomenico

Dom, 09/02/2014 - 14:05

Ho già dato il mio consiglio al GIUSTO su un altro articolo. Nel condividere quando espresso da SEMOVENTE, ripeto per il GIUSTO: Abbracciati alla tazza del cesso e canta "non son degno di te", se cadi dentro la tazza, non preoccuparti, qualcuno si prendere la briga di tirare la catena.

lamwolf

Dom, 09/02/2014 - 14:12

Ma qualcuno mi sa dire se in Italia c'è o esiste la giustizia? Spero tanto che possa capitare a uno dei figli di chi ha emesso la sentenza scandalosa. Vergognatevi.

agosvac

Dom, 09/02/2014 - 14:21

E meno male che i servizi sociali glieli hanno fatto svolgere in una casa di riposo presumo per anziani, al di fuori da ogni tentazione. Se infatti li avessero messi in un educandato per giovini fanciulle, chissà cosa sarebbe potuto succedere!!!

agosvac

Dom, 09/02/2014 - 14:33

Egregio il giusto, lei è completamente deficiente! Una cosa è pagare una ragazzina, ammesso che sia vero perchè non è stato provato alcunchè, cosa ben diversa è stuprare delle compagne di scuola! Purtroppo essendo deficiente, lei queste differenze non le può capire.

agosvac

Dom, 09/02/2014 - 14:37

Egregio dreamer66, ma lei questa riforma proposta da Berlusconi dove l'ha letta??? Forse nei suoi deliri post ubbriacatura??? Tra l'altro quì non si parla neanche di "custodia cautelare" bensì di condanna effettiva. Oppure è troppo cretino per non averlo capito???

giovanni PERINCIOLO

Dom, 09/02/2014 - 15:04

Io propongo di mandare i giovani a fare giardinaggio presso i giudici che hanno figlie minorenni di bello aspetto!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 09/02/2014 - 15:09

agosvac: e hai ragione anche tu... inebetito dai proclami di questo giornale hai perso la capacità di informarti su altri organi di stampa. Ti incollo un link, non de L'Unità ne di Repubblica ma di Libero. http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1399907/Berlusconi--fuori-dal-carcere-con-la-cauzione--come-negli-Usa.html Leggilo attentamente e poi attacca col solito refrain "...è stato frainteso", quindi rifletti e dimmi se il cretino sono io oppure tu che sarai pronto a votarlo come al solito senza esitazione alcuna.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 09/02/2014 - 15:13

agosvac: e hai ragione anche tu... inebetito dai proclami di questo giornale hai perso la capacità di informarti su altri organi di stampa. Ti incollo un link, non de L'Unità ne di Repubblica ma di Libero. http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1399907/Berlusconi--fuori-dal-carcere-con-la-cauzione--come-negli-Usa.html Leggilo attentamente e poi attacca col solito refrain "...è stato frainteso", quindi rifletti e dimmi se il cretino sono io oppure tu che sarai pronto a votarlo come al solito senza esitazione alcuna.

Giuseppe45

Dom, 09/02/2014 - 15:27

Questa è l'ennesima riprova di quanti sedicenti magistrati diano quotidianamente prova di scarsa maturità, inesistenti capacità di discernimento richieste ai "pater familias", mancata percezione della gravità del reato commesso dai rei e conseguente comminazione di pena adeguata. In Italia cercano tutti di favorire il reo, adottando tutti gli espedienti per ridurgli la pena. Se non si tratta di B. sic! Come in tutti gli altri Paesi, previa indispensabile riforma, dovranno rendere conto al Ministro Guardasigilli ed essere perseguiti se sbagliano. Se la Legge è uguale per tutti, anche i magistrati debbono sottostarci. Chi non supera le severe prove di maturità, preparazione e rigorosità, va a casa con un bel calcio nel fondoschiena.

Seawolf1

Dom, 09/02/2014 - 17:46

Ed una medaglia al valor civile, non gliela danno? Poi criticano se uno si fa giustizia da solo... Che razza di magistratura che ci ritroviamo...

buri

Lun, 10/02/2014 - 10:25

vorrei sapere come la penserebbe il solerte magistrato che ha deciso così se la vittima dello stupro fosse sua figlia

buri

Lun, 10/02/2014 - 10:35

x il giusto, ma leo cìera a vedere queste cose e è soltanto il megaono dei magistrati che incriminano i testimoni che no depongono a favore dell'accusa?

Ritratto di frank60

frank60

Mar, 11/02/2014 - 12:45

Se avessero toccato la figlia di un giudice si beccavano l'ergastolo.....