Bufera sul vice di Marino: basta ricordare le foibe

Prima la dichiarazione choc, poi la retromarcia. Storace: "Si dimetta"

I martiri delle foibe non possono riposare in pace. Nel 2013 continuano a dividere e la memoria condivisa è un sogno ancora di là da venire. E c'è anche chi li vuoel dimenticare, chiudendoli nei cassetti della storia scomoda. L'ultimo attacco alla commemorazione dei massacri titini arriva dal Campidoglio. La denuncia parte da Francesco Storace e colpisce direttamente il vicesindaco della Capitale, Luigi Nieri. "La nostra memoria è la Resistenza, altre città ricorderanno le foibe". E' questo il proposito del braccio destro di Marino. "Alla semplicissima domanda con la quale Ernesto Menicucci gli chiedeva: "Continuerete a portare i ragazzi alle foibe?", il degno vicesindaco di Marino ha risposto da par suo - scrive Storace -. Ha preso fiato, si è affacciato alla finestra che dà sui Fori, ha incassato l’ultimo raggio di sole sulla nuca, e ha sparato come se avesse in bocca una mitragliatrice: "Roma è medaglia d’oro della Resistenza, ha subito il fascismo e il nazismo, la deportazione del ghetto. È quella la nostra memoria. Altre città ricorderanno le foibe". Non solo, Storace chiede la testa di Nieri: "Dimettiti subito, Nieri, o almeno vergognati. Con quelle parole (’altrecittà ricorderanno le foibè) hai offeso una comunità intera, lo Stato e la tua regione".

Il dissenso nei confrotni della dichiarazione choc del vicesindaco si alzato in tutto il centrodestra. "È assurdo pensare che la storia di Roma possa venir catalogata con orrori di serie A e di serie B. È ancora più assurdo che questo sia il pensiero del vicesindaco, Luigi Nieri, che considera il Giorno del Ricordo come una celebrazione di destra e quindi meno rappresentativa della storia della città. I martiri delle foibe istriane e l’esodo delle popolazioni giuliano-dalmate devono essere una celebrazione di tutto il popolo italiano", ha attaccato l'ex sindaco Gianni Alemanno.

Nieri non ci sta e rispedisce le accuse al mittente e fa retromarcia: "Basta strumentalizzazioni e polemiche sterili sul tema della memoria. Giunta ha approvato atto chiarissimo", ha scritto su Twitter. "La storia della nostra città, come tutti sanno, è segnata dall’occupazione nazifascista. Una parte significativa degli eventiattraverseranno i luoghi di una tragedia che ha lasciato segni profondi. Ma Roma Capitale è impegnata anche a tenere vivo il ricordo di episodi drammatici accaduti in altri luoghi del nostro Paese che è doveroso conservare, nell’interesse della collettività, compresa la tragedia delle Foibe".

Commenti

giseppe48

Ven, 16/08/2013 - 19:14

dio li fa poi li accoppia ,due poveri ebeti.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 16/08/2013 - 19:15

ciò dimostra clamorosamente la cecità comunista! le foibe erano ad opera dei comunisti titini ai danni degli italiani!! come la mettiamo con il fatto storico? la mettiamo con il fatto che i comunisti italiani idioti e cretini ancora difendono l'ideologia comunista, eccone una delle prove dell'esistenza di ideologia comunista!!!! MAFIOSI!!!!

Ritratto di CiccioCha

CiccioCha

Ven, 16/08/2013 - 19:16

La solita libertà a senso unico

Giangi2

Ven, 16/08/2013 - 19:18

Non erano sempre italiani le vittime delle foibe? Vicesindaco si vergogni di essere definito italiano.

guidode.zolt

Ven, 16/08/2013 - 19:19

Basta coi "cretini" istituzionali...parlare meno e lavorare di più è chiedere troppo...?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 16/08/2013 - 19:20

MARINO dimettiti! sei una bestia comunista!!

Ritratto di thunder

thunder

Ven, 16/08/2013 - 19:23

l'ottusita mentecatta dei sinistronzi e' sempre predominante in quel povero neurone zoppo, che hanno in quel cranio di granito.

paolodb

Ven, 16/08/2013 - 19:25

Votate rosso, cittadini illusi ...

Gio1602

Ven, 16/08/2013 - 19:27

nel titolo "comemmorare" va corretto con "COMMEMORARE" non vi sembra?

giottin

Ven, 16/08/2013 - 19:30

L'ho detto e lo ripeto: tra non molto i romani rimpiangeranno cicciobello e uolter!!!!

disalvod

Ven, 16/08/2013 - 19:32

QUESTI SONO I POLITICI ITALIANI.ED ALLORA COSA VUOI O PUOI FARE?L'AGNELLINO E' DIVENTATO LUPO ED IL POPOLO LA VITTIMA PERCHE' NON HA IL CORAGGIO DI REAGIRE E DIFENDERSI E QUINDI LASCIA SBRANARE GLI ALTRI CERCANDO DI NASCONDERSI E NON ESSERE TOCCATO.

Ritratto di Gius1

Gius1

Ven, 16/08/2013 - 19:32

L´intento e´semplice: In Italia esistono solo i comunisti. Gli altri andassero a pigliare nel.... Ma quando aprite gli occhi ??

Ritratto di Gius1

Gius1

Ven, 16/08/2013 - 19:32

L´intento e´semplice: In Italia esistono solo i comunisti. Gli altri andassero a pigliare nel.... Ma quando aprite gli occhi ??

gippi50

Ven, 16/08/2013 - 19:34

Le foibe come uno dei simboli più eloquenti e laceranti della difficile transizione della Venezia Giulia fra guerra e dopoguerra: è questa certo una delle immagini più frequentate nella storiografia e, più ancora, nella pubblicistica sull'argomento, e che in effetti giustifica la scelta di collocare la presentazione critica del problema delle foibe nella sezione del convegno dedicata al dopoguerra; e ciò in quanto le manifestazioni più consistenti del fenomeno storico che stiamo esaminando si sono senza dubbio verificate a guerra finita. Detto questo, però va subito precisato che una periodizzazione del tipo guerra/dopoguerra è solo limitatamente significativa, non solo perché lo stato di guerra si protrae nell'immediato retroterra di Trieste per tutta la prima decade di maggio, ma soprattutto in quanto gli episodi di violenza di massa ai danni della popolazione italiana della Venezia Giulia - che di solito vengono sinteticamente ricordati con il nome di foibe - si sono prodotti in due momenti ben distinti: il primo momento è rappresentato dal settembre-ottobre del 1943, e la zona interessata è l'Istria interna; il secondo momento è costituito invece dal maggio-giugno del 1945, e le aree colpite sono soprattutto quelle di Trieste e Gorizia. Le correlazioni che esistono fra i due periodi sono abbastanza trasparenti, e danno ragione anche della diversa collocazione dell'epicentro della crisi sul territorio della regione. In entrambi i casi infatti abbiamo a che fare con il crollo di una struttura di potere e di oppressione: quella dello Stato fascista nel 1943, quella nazifascista del Litorale adriatico nel 1945. In entrambi i casi vi è un breve periodo in cui si produce il tentativo di sostituire all'ordine appena abbattuto un nuovo ordine, alternativo rispetto al precedente in termini sia politici che nazionali: in altre parole, si assiste, seppure in termini diversi, alla presa del potere da parte del movimento di liberazione jugoslavo. In entrambi i casi questo tentativo si conclude con un fallimento.

Ritratto di niki 75

niki 75

Ven, 16/08/2013 - 19:38

DEGNO COMPAGNO DEL CICLISTA GIULIVO. POVERA ROMA!!!! PORTARLA Più IN BASSO DEI SINDACI PRECEDENTI ERA VERAMENTE DIFFICILE, MA ,purtroppo , CI SONO RIUSCITI.

FRANCO1

Ven, 16/08/2013 - 19:38

Che tristezza, incommentabile.

LUCIO DECIO

Ven, 16/08/2013 - 19:40

comunista bastardo arrivera' presto anche la tua ora!!!!!

ronin59

Ven, 16/08/2013 - 19:43

Schifosa banderuola parassita. Roma è la capitale ed era la capitale ANCHE degli Italiani torturati dai comunisti di Tito nel 1945,come al solito schifosi ignoranti fate distinzioni tra morti di serie A e di serie B. Gli infoibati non erano Fascisti, Repubblichini o simili erano solo ITALIANI, questo dimostra il vostro odio verso la vostra gente. Avete dna di traditori da sempre, prima pronti a fucilare alle spalle italiani come voi, ora pronti a dare a chiunque diritti e riconoscimenti a scapito degli Italiani Veri. Sono restio al turpiloquio scritto ma siete merde,merde,merde e mai sarete altro. Comunisti di merda, schifosi traditori assassini e vigliacchi.

ronin59

Ven, 16/08/2013 - 19:43

Schifosa banderuola parassita. Roma è la capitale ed era la capitale ANCHE degli Italiani torturati dai comunisti di Tito nel 1945,come al solito schifosi ignoranti fate distinzioni tra morti di serie A e di serie B. Gli infoibati non erano Fascisti, Repubblichini o simili erano solo ITALIANI, questo dimostra il vostro odio verso la vostra gente. Avete dna di traditori da sempre, prima pronti a fucilare alle spalle italiani come voi, ora pronti a dare a chiunque diritti e riconoscimenti a scapito degli Italiani Veri. Sono restio al turpiloquio scritto ma siete merde,merde,merde e mai sarete altro. Comunisti di merda, schifosi traditori assassini e vigliacchi.

ronin59

Ven, 16/08/2013 - 19:44

Schifosa banderuola parassita. Roma è la capitale ed era la capitale ANCHE degli Italiani torturati dai comunisti di Tito nel 1945,come al solito schifosi ignoranti fate distinzioni tra morti di serie A e di serie B. Gli infoibati non erano Fascisti, Repubblichini o simili erano solo ITALIANI, questo dimostra il vostro odio verso la vostra gente. Avete dna di traditori da sempre, prima pronti a fucilare alle spalle italiani come voi, ora pronti a dare a chiunque diritti e riconoscimenti a scapito degli Italiani Veri. Sono restio al turpiloquio scritto ma siete merde,merde,merde e mai sarete altro. Comunisti di merda, schifosi traditori assassini e vigliacchi.

ronin59

Ven, 16/08/2013 - 19:44

Schifosa banderuola parassita. Roma è la capitale ed era la capitale ANCHE degli Italiani torturati dai comunisti di Tito nel 1945,come al solito schifosi ignoranti fate distinzioni tra morti di serie A e di serie B. Gli infoibati non erano Fascisti, Repubblichini o simili erano solo ITALIANI, questo dimostra il vostro odio verso la vostra gente. Avete dna di traditori da sempre, prima pronti a fucilare alle spalle italiani come voi, ora pronti a dare a chiunque diritti e riconoscimenti a scapito degli Italiani Veri. Sono restio al turpiloquio scritto ma siete merde,merde,merde e mai sarete altro. Comunisti di merda, schifosi traditori assassini e vigliacchi.

ronin59

Ven, 16/08/2013 - 19:44

Schifosa banderuola parassita. Roma è la capitale ed era la capitale ANCHE degli Italiani torturati dai comunisti di Tito nel 1945,come al solito schifosi ignoranti fate distinzioni tra morti di serie A e di serie B. Gli infoibati non erano Fascisti, Repubblichini o simili erano solo ITALIANI, questo dimostra il vostro odio verso la vostra gente. Avete dna di traditori da sempre, prima pronti a fucilare alle spalle italiani come voi, ora pronti a dare a chiunque diritti e riconoscimenti a scapito degli Italiani Veri. Sono restio al turpiloquio scritto ma siete merde,merde,merde e mai sarete altro. Comunisti di merda, schifosi traditori assassini e vigliacchi.

Ilgenerale

Ven, 16/08/2013 - 19:45

Pubblicate la foto di questo cane ! UNICO CASO AL MONDO, in Italia esistono Italiani che preferiscono commemorare la propria sconfitta e la vittoria del nemico piuttosto che i propri morti!!! Il 25 aprile esiste solo in Italia !!!

beale

Ven, 16/08/2013 - 19:49

Perchè appena hanno una carica sono presi da incontinenza verbale?

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Ven, 16/08/2013 - 19:54

A questo punto Marino deve dimissionare il suo vice sindaco. Questa faccenda grida vergogna. Mi domando come si possa disattendere una legge dello stato che prescrive la commemorazione delle vittime delle foibe. Numerose famiglie dell'Istria sono state oltraggiate dall'arroganza di un cialtrone che, senza ritegno e con dichiarazioni improvvide, nega la tragedia umana di migliaia di innocenti. E' giusto che gli studenti imparino a conoscere tutta la storia d'Italia e non solo una parte di essa che, guarda caso, è quella che tace sui numerosi crimini del comunismo. Quando ci sarà la libertà di dire che morire in una foiba è altrettanto orribile e disgustoso? La cosa che mi fa più schifo è l'arroganza di questo buffone che anziché fare marcia indietro, si permette di "twittare" che si tratta di "strumentalizzazioni sterili". Penso che di sterile vi sia soltanto la sua mente, totalmente incapace di nutrire sentimenti umani di pietà e di misericordia. DIMISSIONI, buffone!

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Ven, 16/08/2013 - 19:54

Qualcuno mi spieghi esattamente che cosa ha detto di male il vice-sindaco. Ho letto e riletto le sue parole esatte e, tanto per fare un paragone, e' come se avesse detto che Roma e' ricordata per San Pietro e il Colosseo mentre Pisa e' ricordata per la Torre Pendente. E che c'e' di male? Spiegatelo pure a Francesco Storace, please.

roberto zanella

Ven, 16/08/2013 - 19:59

Ma cosa vi aspettavate che cambiando per l'ennesima volta il vestito i comunisti non si facessero riconoscere? Adesso sono esaltati dopo che i compagni della Gladio Rossa di Magistratura democratica hanno infoibato Berlusconi,i catto comunisti scorribandano.Fessi noi che dovevamo dare retta a Previti con niente prigionieri con i comunisti non si può essere gentiluomini

Ritratto di xulxul

xulxul

Ven, 16/08/2013 - 19:59

Dimissioni immediate. Uno che sputa sulla memoria italiana e la umilia se ne deve andare. Marino, se è una persona seria, lo deve allontanare. Subito. La barbarie comunista ha trucidato oltre 20 mila ITALIANI. Non si può dimenticare. Legge Mancino anche per l'apologia di comunismo. Metastasi che affligge ancora la nostra amata Italia. Vergogna. Vattene a Cuba o in Cina. Tra i tuoi degni compari assassini.

angelomaria

Ven, 16/08/2013 - 20:06

come hanno potuto crefere che lui fosse lasoluzione sono uno peggio dellaltro!!!

tspatoco

Ven, 16/08/2013 - 20:19

Come sempre certe ideologie non possono o non vogliono cambiare,tale persona non meriterebbe nessuna attenzione per questa dichiarazione,se non perchè con queste parole offende la memoria dei martiri delle Foibe e dei loro parenti.Se poi gli piace ricordare solo i perseguitati del nazi-fascismo gli ricordo che i "liberatori"titini(comunisti)son stati capaci in 45 giorni di fare più vittime, che hanno perpetrato una feroce pulizia etnica nelle terre della Venezia Giulia,Istria e Dalmazia abitate da italiani ben prima dell'avvento del Fascismo.Ovvio che parlare poi di pacificazione del Paese,ricordare la storia per non ripetere errori passati con gli occhi miopi di certa gente foderati di ideologismi dimostratisi anche'essi sbagliati non è proprio possibile.Comunque per il popolo italiano la vera liberazione deve ancora arrivare ed arriverà solo quando finiranno queste stupide sparate pseudo-politiche, da qualsiasi parte provengano,e quando dimostreremo di essere una vera Nazione e non un'accozzaglia di campanili di antica memoria!

paomoto

Ven, 16/08/2013 - 20:21

Una persona intelligente che si comporta da deficiente.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Ven, 16/08/2013 - 20:22

Eppure c'è ancora qualche tipino che vorrebbe dare ad intendere che il (becero) comunismo e, dunque, i (beceri) comunisti non esistono più, dalla caduta del muro di Berlino del 1989. Niente di più sbagliato! Questi cosiddetti "tipini" vorrebbero pure far intendere che il comunismo e i comunisti sono solo delle fisime del grande e battagliero Silvio Berlusconi. Meno male che, l'intelligenza media degli italiani, non è come la loro.

Nadia Vouch

Ven, 16/08/2013 - 20:25

Non ho nemmeno potuto leggere oltre la riga dove Marino parla di resistenza, di fascismo e anti-fascismo, in relazione alle Foibe. Con ciò, egli dimostra totale ignoranza verso il fenomeno Foibe. Prima di dire sciocchezze, come Sindaco della Capitale d'Italia, dovrebbe almeno, non dico studiare storia, ma almeno informarsi. Parola di un familiare di persona non fascista, di persona italiana, di persona che durante la guerra desiderava solo aiutare altri italiani, finché un cieco odio l'ha infoibata. Vergogna! I vecchi se ne stanno andando, ma la Memoria resterà!

yulbrynner

Ven, 16/08/2013 - 20:25

x xulxul la barbarie comunista 20.000 italiani ma la colpa e' del comunista TITO la barbarie fascista invece? 450.000 morti fra militari e civili oltre ai debiti di guerra.sii obiettivo vedete sempre e solo cio che vi conviene.

killkoms

Ven, 16/08/2013 - 20:29

il lupo perde il pelo ma non il vizio!e i comunisti sono sempre i comunisti"dovrebbe avere il coraggio dei francesi,che per non minare la coesione nazionale,da molti anni non festeggiano più l'8 maggio(fine della 2^g.m. nel resto d'europa)!perchè?perchè si erano accorti che tale riocorrenza invece di unire divideva,rinfocolando odio e rancori tra i"maquisard"e i superstiti di vichy!meglio festeggiare il solo 14 luglio!

Ilgenerale

Ven, 16/08/2013 - 20:30

Non vi meravigliate se una mattina vi sveglierete con i carri armati in piazza Montecitorio e un generale della folgore che parla a reti unificate!!!

Holmert

Ven, 16/08/2013 - 20:34

Io sarei del parere di mettere una pietra sopra foibe e resistenze varie e shoah. Ormai la guerra è finita da 68 anni e stare a ricordare gli eccidi che ne sono scaturiti, la mena troppo per le lunghe. Il ricordo della spedizione dei mille e le guerre di indipendenza con migliaia di morti e feriti é compito dei libri di storia. Come pure la breccia di porta pia, le 5 giornate di Milano etc. E' ora di finirla. Poi Roma che è medaglia d'oro della resistenza, se ne occuperanno i posteri, quando finirà il racconto in chiave agiografica. Roma era stata proclamata città aperta, che bisogno c'era di fare la resistenza "che tanti lutti addusse agli Achei"? Chi ha orecchie per intendere intenda! Altro che medaglia d'oro. Le ragioni migliori sono sempre dei più forti, diceva La Fontaine!

frabelli1

Ven, 16/08/2013 - 20:35

Questo è puro razzismo, contano solo i morti "rossi" gli altri non contano. Poi ci si chiede come mai l'Italia sia preda dei paesi stranieri e come non si conti nulla, specie oggi, nel mondo. Ecco qui la risposta.

killkoms

Ven, 16/08/2013 - 20:37

@gius1.ma il vice di marino di che idea politica è,secondo te?

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Ven, 16/08/2013 - 20:37

Cosa successe prima delle foibe? Molti fascisti italiani esaltati da Mussolini con la promessa di una casa e di un lavoro, decisero di aderire alla campagna d’Adriatico, emigrando in Dalmazia, Istria e Fiume. Lavoro e casa? Si, espropriando case e poderi agli abitanti locali, di fatto schiavizzati, rubandogli il lavoro con la forza, imponendo l’uso dell’italiano per tutti, torturando, uccidendo ed esponendo i corpi dei dissidenti locali in piazza per giorni, corpi che poi furono infoibati. Chi furono i primi a infoibare? I fascisti italiani. Quando Tito ebbe il sopravvento, costrinse alla ritirata questi fanatici e praticamente tutti gli altri italiani che gia’ vivevano li’ prima del fascismo (in tutto circa 300mila), come la famiglia di mia nonna che ha perso tutto e che ancora maledice Mussolini per aver causato questo disastro.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Ven, 16/08/2013 - 20:42

I primi infoibatori sono stati gli italiani fascisti, che hanno infoibato le popolazioni locali oltre che aver compiuto ogni sorta di violenza a danno di quelle popolazioni. Quindi se a infoibare erano i fascisti, tutto bene? Pubblicate e rispondetemi.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Ven, 16/08/2013 - 20:46

I primi ad infoibare barbaramente i dissidenti slavi contrari alla barbara occupazione fascista furono proprio i fascisti italiani dopo aver colonizzato l’alto adriatico orientale. Poi quando ci fu la rappresaglia di Tito, la stessa cosa fecero gli slavi dopo anni di schiavismo imposto dall’invasore italiano. Per rappresaglia, per interesse, per vendette personali, per riconquistare territorio, e perche’ no, per ideologia. La Slovenia e la Croazia usano gli stessi argomenti dell’Italia e invocano il ricordo delle vittime slave infoibate dagli invasori fascisti. Non capisco come si possa parlare di foibe in senso unilaterale, accusando gli slavo-comunisti senza metterle in un contesto di occupazione feroce parte del barbaro fascista e conseguente ritorsione degli occupati quando possibile. Voi che avreste fatto al loro posto? A chi vi ha torturato vostro figlio ed esposto il corpo impiccato in piazza per giorni? Niente rappresaglia? Ma fatemi il piacere.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 16/08/2013 - 20:47

roma ha subito il fascismo come dice il vicesindaco, ma a vedere i filmati dell'epoca mi sembra che strade e piazze erano piene di gente che acclamava il Duce. Nieri la resistenza dovrebbe mettersela in quel posto, e rispettare le idee anche degli altri, a meno che sia comunista e allora lo perdoniamo per la sua ignoranza.

dondomenico

Ven, 16/08/2013 - 20:54

@ leo vadala: rispondo in questo modo al suo commento: prima di aprire bocca, si assicuri che il suo cervello sia in funzione! Ai romani dico: So cazzi vostri! Avete votato marino ( ha provato in tutti i modi di avere una carica....) adesso tenetevelo!!! Lui e la sua bicicletta! Povera Capitale, in che mani sei caduta! Al vice dico: VERGOGNA

Gadget Kitsch

Ven, 16/08/2013 - 21:03

Mio Dio, che squallida vergogna. Onore alle vittime delle foibe: ragazzi e ragazze,semplici cittadini, insegnanti,funzionari pubblici, madri e padri di famiglia uccisi da bestie feroci comuniste per il solo fatto di essere ITALIANI.

dondomenico

Ven, 16/08/2013 - 21:13

Forse questo commento non passa la censura, ma io ci provo. LUIGI NIERI, vice sindaco di Roma, io non ti conosco e non voglio conoscerti perchè sei un pezzo di m...... Qualche anno fa, mio figlio Pilota di Elicottero dell'Esercito, ha partecipato alla missione di recupero dei miseri resti di quelle migliaia di Italiano buttati vivi nelle foibe, solo per il fatto che erano ITALIANI, dalle orde inferocite di Tito, quelli che avevano la stella rossa sul berretto, io ricordo bene quello che mio figlio mi ha detto con le lacrime agli occhi! Adesso sig. luigi nieri, se hai coraggio, vai a far visita ai parenti di quei MARTIRI ITALIANI. Presentati da loro e ripeti che Roma se ne sbatte i coglioni dei martiri delle foibe perchè Roma deve pensare al Colosseo

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Ven, 16/08/2013 - 21:17

divertitevi romani, vi aspettano cinque anni di tasse e povertà anche i turisti scapperanno spero soltanto che cominci a licenziare tanti dipendenti al Comune ed enti collegati per economizzare e costruire nuove moschee e centri ROM per i futuri suoi elettori.

Ritratto di sitten

sitten

Ven, 16/08/2013 - 21:22

Signor nieri, lei parla di occupazione di Roma da parte delle truppe Tedesche: Mi chiedo ma lei conosce la storia? Presumo di no, altrimenti non le uscirebbero dalla bocca tante stronzate. Premesso che le truppe tedesche erano alleato della Nazione chiamata Italia, a sua volta rappresentato dal Governo ufficiale Fascista riconosciuto da tutti gli altri Stati, pertanto non diciamo baggianate, lei dice che Roma è città medaglia d'oro alla resistenza, le faccio presente che anche il criminale R. Bentivegna era medaglia d'oro alla resistenza.

verbus

Ven, 16/08/2013 - 21:23

please qualcuno spieghi ai comunisti arroganti e saccenti che i morti non sono degli oggetti ma esseri umani privati della loro vita e vanno ricordati perchè vittime di barbare violenze in ambe due i casi. la verità e l'umana pietà per i comunisti è un fatto di vergognosa appartenenza

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Ven, 16/08/2013 - 21:25

...Il comunismo sta all'Italia come l'erba infestante, ossia la zizzania, sta in un campo di grano. Ogni tanto, nei migliori giardini, di "questa erbaccia" ne spunta una pianta insignificante, questa volta è accaduto a Roma.

giovannibid

Ven, 16/08/2013 - 21:27

i FIGLIASTRI DI togliatti e di tito non si smentiscono mai TRADITORI VERGOGNATEVI

diegom13

Ven, 16/08/2013 - 21:34

@Leo Vadala: avresti perfettamente ragione se stessimo parlando del vice-sindaco di Pisa. Purtroppo, Roma è capitale d'Italia e le celebrazioni lì non riguardano solo i residenti romani. Le linee di autobus e l'asfaltatura delle strade sì, quelli sono temi locali, anche a Roma. La Memoria no. Spiegalo pure a Marino e al suo vice, please.

diegom13

Ven, 16/08/2013 - 21:48

... comunque la polemica è in netto anticipo: la Giornata del Ricordo è il 10 febbraio. Ripensandoci, poi: anche se Roma non fosse capitale il discorso di Nieri non terrebbe proprio. Significherebbe che un Comune qualunque che non avesse subito particolari fatti di sangue potrebbe astenersi dal celebrare la Resistenza.

maxadamo

Ven, 16/08/2013 - 21:55

La rivolta contro gli italiani in Yugoslavia è stata la rivolta degli oppressori contro gli oppressi. Noi avevamo invaso quel paese, non con i fiori, non con le colombe. Eravamo entrati fucilando e bombardando.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 16/08/2013 - 22:16

Ma perche' celebriamo il 25 aprile? Per me e' un giorno di merda, e' l'inizio della fine dell'Italia intesa come stato sovrano. Andrebbe abolito.

swiller

Ven, 16/08/2013 - 22:58

Brutta gente gentaglia.

Ritratto di nero60

nero60

Ven, 16/08/2013 - 23:18

roma banderuola d'oro alla resistenza, quando le cose vanno bene tutti fascisti, appena vanno male tutti antifascisti voltagabbana come le zecche non hanno eguali al mondo, hanno il loro marchio di fabbrica registrato nel mondo e presi come esempio da non seguire.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 16/08/2013 - 23:34

@ leo vadala - E lei spieghi a noi perché sino a qualche tempo fa nei testi di storia scolastici le foibe non erano neanche nominate.

janry 45

Ven, 16/08/2013 - 23:54

la destra e chi si sente italiano deve abbandonare l'aula consiliare. lasciateli solo in mezzo alla loro immondizia.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 16/08/2013 - 23:57

Purtroppo dobbiamo scontrarci tutti i giorni con questa gente che pare uscita dal romanzo di Orwell 1984. SI FA FATICA A CREDERE CHE QUESTI ZOMBI DEL PENSIERO ARRIVINO A RICOPRIRE CARICHE DI GOVERNO. Se si rivelassero quali sono prima delle elezioni forse non li avremmo tra i piedi.

pastello

Sab, 17/08/2013 - 01:16

Ha ragione Marino, meglio dimenticare le foibe, è l'unica accusa che ancora manca alla collezione del Cav. Non si sa mai che qualche toga zelante...E d'altronde poteva Berlusconi non sapere? Non credo proprio.

Silvio B Parodi

Sab, 17/08/2013 - 01:43

che gentaglia ma cosa volete farci I soliti ebeti li hanno votati quindi??!! o mettiamo fuori legge IL COMUNISMO, e gia' che ci siamo mettiamo fuori legge anche gli idioti, che li votano.

Dako

Sab, 17/08/2013 - 06:46

Nessun Stato Europeo ha una sinistra VIGLIACCA come l`abbiamo noi, non serve aggiungere altro!

ENRICO CORTELLAZZO

Sab, 17/08/2013 - 07:51

Cosa vi aspettavate da un comunista?

Beaufou

Sab, 17/08/2013 - 08:13

@beale: l'incontinenza verbale, se ci ha fatto caso, in politica è l'inconfondibile marchio dei parvenus e delle mezze calzette. Esempio recente la neoministra Kyenge. Se poi uno è contemporaneamente un parvenu e una mezza calzetta, non ci si salva, comincerà ad esternare non appena ne avrà l'occasione. Si rassegni, costui si farà notare con altre alzate d'ingegno da par suo.

Ritratto di paolocolombati

paolocolombati

Sab, 17/08/2013 - 08:16

Credo sia giusto che il vice di Marino resti al suo posto sino alla fine, come monito per gli elettori romani! Ciò che è scandaloso, infatti, non sono le sue parole, ma avere eletto il sindaco che lo ha nominato! Paolo Colombati paolocolombati@yahoo.it

volp

Sab, 17/08/2013 - 08:22

Vorrei sentire Storce ed i suoi camerati pronunciare parole chiare sul fascismo e partecipare alle manifestazioni piuttosto che strumentalizzare indegnamente la tragedia delle foibe che tale rimane per chi l'ha subita non certo per Storace e Gasparri

fsignore

Sab, 17/08/2013 - 08:23

La toppa,come sempre, è peggio del buco. Il vicesindaco Nieri si rende pateticamente ridicolo nel tentativo di smorzare la bestialità espressa in prima battuta. Un degno compare di quell'altra aquila che è Marino : peggio per i romani che si sono democraticamente scelti siffatti personaggi da figurine Panini, quando si dovesse fare la raccolta delle più miserabili mezzecalzette della politica e dintorni.

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 17/08/2013 - 08:32

Tra gulag katin , stragi di via rasella,polpot, albania , budapest, praga , berlino , hanno ragione i comunisti.RICORDIAMOCI DI QUESTO SCHIFO che ho appena elencato.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 17/08/2013 - 08:39

Un'altro emerito mammalucco a guida (sic) della città,giù qui valgono solo le fosse Ardeatine,gli altri sono morti di serie B,non parliamo poi gli infoibati uccisi dall'amico del"migliore"dei peggio.Mandateli a casa .

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Sab, 17/08/2013 - 09:40

"Roma è medaglia d’oro della Resistenza, ha subito il fascismo e il nazismo, la deportazione del ghetto. È quella la nostra memoria. Altre città ricorderanno le foibe". Cos'ha detto di così strano??? Nulla, e lo sapete benissimo tanto che, per creare ad arte la polemica ad uso e consumo dei boccaloni che vi leggono, avete stravolto le parole del vicesindaco attribuendogli la frase "basta ricordare le foibe".

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 17/08/2013 - 10:10

Ovvio, onorando le Foibe, non possono dichiarare di essere dei criminali al pari dei nazisti. Quindi dopo settantanni, celare, dimenticare, nascondere. Obroghiamo il 25 aprile.

bruna.amorosi

Sab, 17/08/2013 - 10:36

bene non vogliono ricordare .ma SE IN ITALIA c'è la giornata del RICORDO però adesso che ci penso forse loro lo hanno scordato ALLORA PRENDETELI TUTTI E DUE SINDACO E VICE E FATEGLI VEDERE CON LORO COME FACEVANO ALLE FOIBE .....un attimo prima gli tornerebbe la MEMORIA .

nalegior63

Sab, 17/08/2013 - 11:01

sono friulano,abito a 5 km dal confine sloveno,LE FOIBE e i militari ITALIANI tacciati di essere militari di mussolini,lasciati morire di fame sete e freddo in russia,rifiutati con ODIO ODIO verso chi non fa parte della CASTA rossa,degni eredi di STALIN ,se rivivesse oggi lo acclamerebbero ancor di piu,ciechi sordi senza piu neuroni nella scatola cranica...solo ODIO

terzino

Sab, 17/08/2013 - 11:24

Parola d'ordine:insabbiare tutto ciò che non fa loro comodo:dalle foibe al MPS, dalla Telecom all'Unipol, dai fratelli che sbagliano al caso Mytrokin ecc. ecc.ecc., la verità fa male.

plaunad

Sab, 17/08/2013 - 11:27

Mi fa schifo lui e quelli che lo hanno votato.

Ritratto di xulxul

xulxul

Sab, 17/08/2013 - 11:50

@yulbrinner: le foibe sono frutto della barbarie comunista titina con le connivenze dei delinquenti comunisti italiani. Sono state perpetrate come vera pulizia etnica in odio all'italianità. Questa è obiettività. Non confonda (ad arte) una guerra (ovviamente inutile) con un eccidio deliberato su popolazione inerme.

carpa1

Sab, 17/08/2013 - 12:05

25 aprile, festa della liberazione. Ma da chi o da che cosa? Da un'ideologia fascista per passare ad un'altra comunista. Ecco perchè, per quanto mi riguarda, il 25 aprile era ed è sempre rimasta una data qualsiasi. Anzichè bandiere nere questo giorno è sempre stato riempito di bandiere ed inni rossi. La commemorazione dei morti a causa di una guerra è un'altra cosa. Innanzitutto rispetto per "tutti" i morti (caduti o assassinati), e se proprio una non sa che tirare fuori cretinate, farebbe più bella figura a starsene zitto. Detto da uno che, perse le primissime battute perchè troppo piccolo per capirla, questa mascherata se la deve sorbire da più di sessant'anni.

Ritratto di limick

limick

Sab, 17/08/2013 - 12:07

E' incredibile come basti frequentare le segreterie di partito fin da piccoli per ritrovarsi degli utili idioti alla causa pubblica che andrebbe gestita con ben altre menti: Marino Storace Alemanno... nella mia azienda non farebbero neanche le pulizie!! Perché quelli delle pulizie lavorano con criterio, questi andrebbero licenziati in tronco per incapacita' manifesta, invece i parassiti li votano sperando nelle briciole.

Ilgenerale

Sab, 17/08/2013 - 12:07

I comunisti che scrivono che non gli suonano strane le parole di questo vicesindaco sono più fiscidi di un secchio di lumache!

janry 45

Sab, 17/08/2013 - 12:09

Dreamer, Roma ha subito anche il bombardamento di s. Lorenzo,richiesto espressamente da chi voleva che cadesse il fascismo.

Ritratto di limick

limick

Sab, 17/08/2013 - 12:12

Leo Vadala Ven, 16/08/2013 - 19:54 sarebbe come dire che a Bologna il 25 aprile non fanno la commemorazione perché la fanno gia' a Roma, non ci vuole una cima a leggere una dichiarazione di questo tipo, basta togliersi il prosciuttino dalle orecchie e dagli occhi. Et voila! :)

Lamiranda

Sab, 17/08/2013 - 12:25

A Sesto San Giovanni politici di alto spessore ... Leggo con stupore le dichiarazioni del vicesindaco di Roma. Nella rossa sesto San Giovanni, medaglia d'oro alla Resistenza da alcuni mesi e' stata istituita via Martiri delle Foibe su proposta del PdL e del capogruppo (Antonio Lamiranda) e votata dal centrosinistra (compreso Sel). La pacificazione politica e di comunità' e' stata raggiunta da tempo. Poi ognuno giudica gli eventi come vuole a ricordarli e'bene per tutta lacomunita'

enzo1944

Sab, 17/08/2013 - 12:27

Una testa matta,scelta da un sindaco arrogante e presuntuoso come pochi!.....Romani,li avete votati,...........TENETEVELI!!

Zizzigo

Sab, 17/08/2013 - 12:27

Fingono di essere ciechi, ma vanno in bicicletta e guidano la macchina...

diegom13

Sab, 17/08/2013 - 13:25

@maxadamo: vero, i fascisti non entrarono con i fiori. Fu un'occupazione militare, con tutto quello che ne consegue. Ma i titini fecero pulizia etnica, che è un po'diverso. Se la presero con gente che non c'entrava nulla, con famiglie che in buona parte vivevano lì da ben prima della guerra. E il punto non è nemmeno questo: è che quelle vittime non ebbero nemmeno diritto alla storia, e questo per lunghi decenni. Ora che finalmente anche quelle vittime sono non riconosciute, ma almeno accettate, trovo terribile che gente che magari la storia l'ha studiata sui bigini degli anni '70 voglia di nuovo togliere a quei morti il diritto di esistere.

Ritratto di scriba

scriba

Sab, 17/08/2013 - 14:02

FOIBE VERGOGNA ROSSA. Per 40 anni l' hanno negata e nascosta perfino ai libri di storia ammaestrati e incentrati solo sui lager nazisti (numericamente non superiori a quelli comunisti). Ora dopo che, come ogni verità nascosta, la vergogna è venuta a galla la vogliono cancellare con un colpo di spugna democratico. E' la vergogna rossa delle foibe il più miserabile livello raggiunto dalla ideologia dell' odio compagno, che ha causato eccidi di inermi italiani da parte dei boia di Tito alleati ai "partigiani" rossi. Questo Carneade che insulta la memoria dei martiri delle foibe merita di essere cacciato perfino dal branco comunista. Il che è tutto dire.

killkoms

Sab, 17/08/2013 - 15:16

@dreamer66,già!abbiamo stravolto!come i"compagni che sbagliano", alias le bierre!

Ritratto di manasse

manasse

Sab, 17/08/2013 - 17:49

basta ricordare le foibe ricordiamo solo i BANDITI ROSSI che si sono autonominati liberatori che se fosse stato per loro saremmo stati una succursale di stalin è prorprio vero che sono degli SPUDORATI impenitenti e finchè non ci libereremo di questa feccia umana non saremo MAI uno stato democratico

Ritratto di limick

limick

Dom, 18/08/2013 - 07:43

E con questa faccia vanno in parlamento a cianciare di omofobia e femminicidio, ci vuole un bel coraggio...

killkoms

Dom, 18/08/2013 - 10:38

@limick,solo di quello?rosy mauro(cosidetta badante di bossi)non è un personaggio esemplare,ma quando,presiedendo una riunione del senato(mi sembra)inanellò una serie di errori,il buon filantropo marino,le"consigliò"una terapia di psicofarmaci da pre legge basaglia!tipico del comunista ipocrita che predica bene,ma razzola male!

Leonardo6969

Lun, 19/08/2013 - 23:18

è proprio vero che UN BEL TACER NON FU MAI SCRITTO questa persona è un povero ignorante non merita tanta attenzione

Ritratto di spectrum

spectrum

Mar, 20/08/2013 - 00:49

Cos'e' successo nelle foibe lo sa soprattutto chi abita qui, nell'angolo a NE, come me, e che ha parenti che sono sono stati perseguitati dai comunisti, a cui hanno tolto tutto, campi, case, (per farne niente, solo cattiveria gratuita, lasciarli incolti incurati) a chi non voleva essere dei loro, e insomma, la storia e' nota, chi dava troppo fastidio qua e la spariva e di lui non si sapeva piu nulla. Per altro, come speleologo, le foibe del carso triestino e dell'istria le ho discese praticamente tutte, eccetto la 149 e la foiba di basovizza che sono chiuse da lastroni. Specie in istria, molte sono usate ancora oggi come discariche, o talvolta per liberarsi di animali malati, ho trovato piu di una volta sul fondo sorprese come gruppi di vitellini (abisso di portole), e un cane incatenato in un luogo qui oltre confine che non nomino per rispetto della localita' slovena. Da non confondere pero' i resti umani che si possono trovare nella grotta del "diavolo di obrovo" (erano li almneno fin pochi anni fa) che riguardano sembra corpi di soldati tedeschi. Un triestino qui ne porto alla luce una tibia in uno stivale e ne fece scaturire un caso internazionale. Il problema e' effettivamente che delle foibe se ne parla sempre poco, spesso a roma, da illustri "napolitani" e vecchi comunisti che ben poco sanno di cosa e' successo qui, si minimizza e si cerca di controbilanciare con la "risiera" senza sapere bene la storia. Nessuno vuole qui negare i crimini fascisti/nazisti o cercare con le foibe di "bilanciare" gli orrori della guerra, anche perche bilanciare 16 milioni di morti nei lager, per lo piu donne e bambini, sarebbe impossibile. Ma si vuole solo riconosciuto quello che e' accaduto a una maggioranza di infoibati non di certo fascisti, senza negazioni. Saluti.

Ritratto di woman

woman

Ven, 23/08/2013 - 12:31

Del resto, non fu il capo dello stato che da bravo comunista esortò i figli dei profughi istriani ricevuti al Quirinale a NON ESSERE PRIGIONIERI DEL PASSATO? lui, che come tutti i suoi compagni è rimasto fermo alla resistenza?

Baloo

Dom, 17/11/2013 - 21:18

La resistenza? Quale? Quella contro i comunisti della brigata partigiana Garibaldi che voleva consegnare il Friuli VG alla barbarie stalinista? La chiave della resistenza italiana si legge nella strage di Malga Porzus dove i comunisti massacrarono il distaccamento partigiano della DIVISIONE PARTIGIANA OSOPPO, colpevoli di patriottismo. Il comandante Osovano "Bolla" (al secolo Francesco de Gregori, zio del cantante omonimo, fu considerato dai comunisti colpevole di difendere l'italianità della regione di confine sia contro i tedeschi orami in rotta per l'avanzata alleata e sia contro gli uomini del maresciallo Tito che intendeva assoggettare il Friuli fino al Tagliamento al suo regime alleato di Stalin.

Baloo

Dom, 17/11/2013 - 21:19

Questi comunisti sono anche cretini: nelle foibe ci furono gettati anche molti compagni per odio etnico o perché veramente patrioti!

Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Lun, 18/11/2013 - 07:47

ringraziamo quell incapace di Allemano se ci ritroviamo questo subnormale alla guida della città.

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 10/12/2014 - 09:53

come riconosci un comunista? sbava ed e' rabbioso nel piatto dove mangia(la "sua" nazione) ma lo fa' a 90 gradi..con un sicuro straniero dietro...

FRANZJOSEFF

Lun, 09/02/2015 - 19:35

SONO RIUSCITI A REALIZZSARE QUELLO CHE DICEVANO DA ALMENO 30 ANNI. PER COLPA DI SxxxxxI CATTOCOMUNISTI ARCIVESCOVI CHE VOGLIONO PREMI DI SINISTRA TIPO AMBROGINI PRETI DI SINISTRA QUALCUNO E' MORTO A GENOVA SENZA LASCIARE RIMPIANTO NEANCHE TRA I SINISTRI CHE FALSAMENTE LO ELOGIAVANO PER SERVIRISI DI LUI. BOY SCOUT POLITICIZZATI MARINO TORNA A FARE IL CERUSICO MA NON SBAGLIARE ORGANO DA OPERARE