Un campionato truccato

La magistratura di sinistra è realtà: il pm indaga e propone, il suo compagno di corrente giudice dispone. Una anomalia che ormai si è radicata in tutti i livelli di giudizio

La magistratura di sinistra, ideologica e settaria, non è un'invenzione, o addirittura una paranoia, del berlusconismo. Nel corso degli anni le toghe rosse hanno seminato tracce documentali che le configurano come una setta a tratti segreta. Lo ammise anche Massimo Caprara, segretario particolare di Palmiro Togliatti e membro del comitato centrale del Pci. Nel 2005, testimoniando a Trento in un processo per diffamazione, Caprara svelò l'esistenza di un registro segreto di magistrati iscritti al Pci che era custodito a Mosca. Craxi, in tempi non sospetti, confidò di essere venuto a conoscenza di scuole del Pci per formare magistrati organici al partito e Cossiga, nel 1997, ascoltato dalla commissione stragi, sostenne che la magistratura occupava uno dei livelli della Gladio rossa, la struttura paramilitare e clandestina che doveva essere pronta a ribaltare lo Stato democratico. A metà degli anni Sessanta accadde un fatto nuovo, destinato a cambiare per sempre la giustizia italiana. Alcuni magistrati uscirono allo scoperto fondando, cosa senza precedenti in Paesi occidentali, una corrente ideologica di sinistra chiamata Magistratura democratica, alla quale aderì (e aderirà più tardi) la maggior parte dei pm e dei giudici italiani, poi protagonisti delle inchieste che azzerarono tutti i partiti meno il Pci (Tangentopoli) e più di recente della maggior parte dei 42 processi contro Berlusconi. Il Pm indaga e propone, il suo compagno di corrente giudice dispone. Chi è iscritto a Magistratura democratica fa politica, dichiara la sua fede e combatte apertamente le altre, partecipa a convegni e dibattiti per orientare scelte legislative, alcuni si fanno eleggere in Parlamento, ne abbiamo pure visto uno, Ingroia, fondare un partito e candidarsi premier contro i suoi inquisiti di centrodestra. Una anomalia che ormai si è radicata in tutti i livelli di giudizio. Nella corte che ha confermato il carcere per Berlusconi ben due giudici, De Marzo e Aprile, erano di area Md. Può un magistrato che dichiara la sua idea politica, e sostiene di volerla imporre, giudicare serenamente politici di segno opposto? È come se un giocatore arbitrasse la partita della vita della sua squadra. La partita sarebbe truccata a prescindere, come quella che ha visto in campo Berlusconi. E questo lo sa bene anche Napolitano, che da quel mondo viene.

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Lun, 12/08/2013 - 15:00

Come puo essere , che fino ad ora nessuno ci ha mai pensato ?Quanti cittadini sono stati giudicati solo per come la pensano in politica e, non per il motivo di essere giudicati.Riforma giustizia , questa e la priorita' assoluta.Con la possibilita che quando i giudici sbagliano pagassero in pecunia dalle loro tasche.Credo che poi giudicherebbero con molta prudenza , e piu giustamente.

terzino

Lun, 12/08/2013 - 15:01

E' ormai risaputo, è cosa vecchia che la legge si interpreta per gli amici e si applica agli avversari.La magistratura difficilmente sarà terza, tenderà sempre a parteggiare per una parte a meno che non si arrivi alla elezione popolare dei giudici ed alla loro eventuale rimozione per manifesta imparzialità....ma siamo in Italia...

BTrac

Lun, 12/08/2013 - 15:02

Se questo paese vuole sopravvivere è fondamentale una rigorosa riforma della magistratura. La sinistra non la farà mai per i motivi che possono essere facilmente compresi. Deve quindi farla il centro-destra. Berlusconi per tanti anni ha avuto la maggioranza e non l'ha fatta perché ostacolato dai veti dei suoi pseudoalleati. E adesso si trova in una situazione delicata. Se, come pare, nelle imminenti elezioni dovesse avere la maggioranza non avrebbe più scuse. Senza la riforma della magistratura questo paese è destinato inevitabilmente al declino e al fallimento.

Fracescodel

Lun, 12/08/2013 - 15:02

Suvvia, aparte i plagiati di Sinistra, tutti gli altri italiani sanno che la Magistratura ha agito politicamente, eversivamente, in maniera criminale con scopo di colpo di stato. E' una cosa manifesta, irrefutabile; mai un fatto e' stato cosi' lampante e chiaro a tutti! Ora serve che quella parte di borghesia patriotica e riccha si unisca e ci salvi dall'invasione del potere bancario, quello che comanda sinistra e magistratura; serve che la borghesia spazzi via il marcio, processando ed arrestando i traditori, ridando sovranita' all'Italia ed il suo popolo, e togliendoci dalle grinfie del debito/interessi che e' stato "IMPOSTO" dalle banche grazie all'asservimento di politici traditori. Serve una rivoluzione pacifica ma dura...serve che l'ITALIA SI DESTI!!!

teoalfieri

Lun, 12/08/2013 - 15:02

Che palle! Sempre con questa menata! Ma allora se non c'erano questi magistrati sinistroidi Berlusconi avrebbe fatto il bello e il cattivo tempo in Italia? Lo dico da cittadino di destra...ha sbagliato, non è stata la prima volta...ha fatto le leggine ad personam...ha regnato per 20 anni...i risultati ci sono stati e li abbiamo sotto gli occhi tutti...ora basta...è condannato..paghi e si faccia da parte! L'Italia non è Berlusconi...pubblicate se siete imparziali...quando dico la mia verità non pubblicate mai... grazie..

Nadia Vouch

Lun, 12/08/2013 - 15:03

Il discorso è antico, e delicato. Direi che l'idea politica, forse non solo in Italia, ha sempre influenzato la quotidianità. Se una persona mi è politicamente affine, avrò la tendenza ad ascoltarla con maggior attenzione, e forse avrò anche maggiore indulgenza. Il problema qui riguarda un Potere che dovrebbe essere super partes, qualcosa di persino sovrumano? Non credo, umanamente parlando, sia possibile. Poi, come il Diritto ci insegna, sulle opinioni dovrebbero prevalere i fatti, le prove.

tommaso66

Lun, 12/08/2013 - 15:03

e come se in un derby tra roma o lazio oppure milan - inter lo arbitra un tifoso di una di queste squadre

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Lun, 12/08/2013 - 15:11

Il giornalismo nostrano. Un registro di magistrati risalente a togliatti (ma uscito fuori a parole solo nel 2005) e una confidenza di Craxi. Poi le solite polemiche su Tangentopoli. Troppa carne al fuoco caro Sallusti. Cmq suggerisco di intervistare anche la nonna dell'autista di D'Alema. Saprà sicuramente qualcosa di rilevante.

'gnurante

Lun, 12/08/2013 - 15:11

mmm non vorrete mica criticare il giudice per un presunto 'conflitto di interessi'?

Stefano Fontana

Lun, 12/08/2013 - 15:15

Si, può, perché un magistrato ha un dovere da compiere che va oltre le sue idee politiche, pretendere che un magistrato non abbia idee politiche è semplicemente stupide, pretendere poi che una persona possa essere giudicata solo da chi ha idee politiche in linea con le sue è folle, antidemocratico e rappresenta l'apoteosi di magistratura parziale contro la quale sostenete falsamente di lottare. Sostenere infatti che un giudice di una certa idea politica non potrebbe essere imparziale nel giudicare chi è di idea politica diversa equivale a dire che non lo sarebbe nemmeno nel giudicare chi appartiene alla propria fede politica, di sinistra o di destra che sia. Sostenendo quindi che un giudice possa giudicare solo chi ha fede politica a lui affine è la contraddizione stessa della vostra premessa... una scemenza colossale. Per questo immagino non pubblicherete questo post.

Francesca da roma

Lun, 12/08/2013 - 15:15

Sallustri sei un grande

Ritratto di bruno100

bruno100

Lun, 12/08/2013 - 15:16

da www.deberardis.it Bisogna esaminare la situazione della magistratura in Italia --se non si VUOLE DIVIDERA la carriera dei giudici che una volta fanno gli accusatori e una volta i GIUDUCANTI ..non si risolverà mai --IL PROCESSO IN ITALIA è sempre INVENTATO dagli ACCUSTORI --vi facio un esempio --è stato condannato il vecchio presisdente della giuntata regione abruzzo --SAPETE QUELè STTO IL COMMENTO " è stata accolta la tesi dell'accusa-non le prove o altro.....solo TESI --avete capito ...facciamo paura

Giangi2

Lun, 12/08/2013 - 15:18

Lo sanno tutti ma finché si scatenano contro Berlusconi va bene a tutti i democratici sostenitori della democrazia e della intoccabilità della costituzione più sexy del mondo. Se dovesse cambiare il tiro di questa magistratura democratica e magari cominci o ad avere delle morbosità verso qualcun'altro allora probabilmente si comincerà a capire che qualcosa non va. Per ora e' tutto a posto, la democrazia e' salva, Berlusconi e' stato condannato, Adelande companeros, o victoria o muerte.

handy13

Lun, 12/08/2013 - 15:19

...e lo scoprite solo adesso che vi hanno scottato..? secondo me andava RIFORMATA prima,.molto prima,...già nel 1994 e l'occasione era propizia avendo decapitato ben 5 partiti,..e salvandone uno...poi oltre che la divisione delle carriere divisione delle sedi tra primo e secondo grado...se il primo grado si fa a Milano il secondo a Brescia restando il terzo a Roma...

Settimio.De.Lillo

Lun, 12/08/2013 - 15:21

Queste porcherie si possono riscontrare SOLO nei paesi sottosviluppati,come il nostro e nei regimi ROSSI. Ormai noi ci siamo dentro come le lumache nel loro guscio. Ora il grande capo di nome Napolitano, si dia una mossa per rimuovere questo pericoloso MACIGNO, onde evitare spiacevoli reazioni popolari.

simsim

Lun, 12/08/2013 - 15:22

In poche parole, il giudice non dovrebbe votare e se vota non dovrebbe applicare le leggi fatte dalla propria parte politica?

Giangi2

Lun, 12/08/2013 - 15:22

Io non voglio prendere le difese di Berlusconi poteva esserci anche bersani al suo posto sarebbe stato uguale e avrei detto le stesse cose, ma non le sembra che ci sia qualcosa di strano in questa magistratura oppure per lei e' tutto normale?  

Ritratto di stufo

stufo

Lun, 12/08/2013 - 15:24

Macabro scorpion, voi dovete avere sempre ragione. Chi è così, vota piddì, se non lo fa, vota chi è peggio. Volete solo il male dei vostri connezionali: scontenti voi, male tutti. Si CURI !

ulisse56

Lun, 12/08/2013 - 15:25

dovevano distruggere Berlusconi politicamente,credo che ci sono riusciti.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Lun, 12/08/2013 - 15:25

Questa anomalia va avanti dal 1994 Quando Berlusconi è entrato in politica fermando la gloriosa macchina del comunismo. Questa è l'anomalia Italiana. l'altra anomalia è che alcuni giudici si siano raggrupanti in correnti sindacali. LA MAGISTRATURa oggi in parte è in mano a lor signoti rossi hanno l'ermellino e rossa hanno la tessera di partito.Mani pulite, che in affetti il nome sarebbe MANI SPOCHE ne è la dimastrozio, altra dimostrazioneè CRAXI tutti rubavano ma chi ha pagato e stato uno solo,il PCI è passato immune, perchè. LORO POTEVANO NON SAPERE, PER BERLUSCONI QUESTA FORMULA NON e' VALIDA.

tommaso66

Lun, 12/08/2013 - 15:26

cmq il giudice Esposito quando ha letto la sentenza poteva dire In nome di metà del popolo italiano ah ah ah

Oldserver

Lun, 12/08/2013 - 15:29

Gladio Rossa????? ma Gladio ha cambiato colore negli anni? poi ora sono tutti credibili dal segretario particolare di Togliatti a Cossiga? se andiamo avanti di questo passo scopriremo che anche Giulio Cesare era comunista. Se continuate così comunque il giudice Esposito comincerà a diventare simpatico, fino a quando non salteranno fuori le "Prove" che sia stato lui a Dallas ad uccidere Kennedy

bruna.amorosi

Lun, 12/08/2013 - 15:30

NO NON PUO' ma finchè il CAPO DEL NOSTRO STATO CHE è ANCHE IL GUARDIANO DELLA COSTITUZIONE non se ne accorge .non si potra' fare nulla .il guaio e' che quei magistrati sono dello stesso partito cioe' dei kompagni ROSSI come la faccia che dovrebbero vedersi allo specchio .

ALASTOR

Lun, 12/08/2013 - 15:31

Secondo questa logica anche i vari Penati & friends potrebbero dichiararsi vittime di magistrati di destra e per esempio chiedere l'annullamento di tutti i processi svolti con magistrati di destra. Nitto Palma per esempio lo possiamo definire un ex magistrato di destra: che si fa? Annulliamo tutti i suoi processi?. Come vedete così non si va lontano. In più bisognerebbe considerare la possibilità che la maggior parte dei magistrati, di sinistra e di destra, sono persone serie e oneste che fanno il loro lavoro e basta e che i delinquenti esistono veramente e non solo nelle fantasie dei giudici.

carlomaria.giorgio

Lun, 12/08/2013 - 15:32

Verrebbe da dire: Ben vi sta! Sapevate questo da quasi 50 anni. Ve ne siete praticamente infischiati per i casi, e sono tantissimi, di tutti i giorni. Ora scoprite questo perché c'è dentro Berlusconi? E gli altri italiani, che hanno subito trattamenti simili in sedicesimo, cosa sono?

Ritratto di depil

depil

Lun, 12/08/2013 - 15:39

ma quale giustizia volete riformare? In Italia la giustizia non esiste ma vi è l'azione criminale di toghe farabutte ed eversive. Ne chiediamo l'arresto immediato a tutti i livelli. Se ci siete forze dell'ordine provvedete!!!!

DANZA

Lun, 12/08/2013 - 15:40

Forse il Dr. Sallusti non si rende conto che la strategia d'attacco alla Magistratura o parte di essa si sta rivelando controproducente. Dopo 3 gradi di giudizio , non si può gridare allo scandalo se si è condannati . Si corre il rischio che l'esito dei prossimi processi possa essere ancora più duro di quanto si pensi. Essere più realisti del Re non porta bene al Cavaliere o ex Cavaliere

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Lun, 12/08/2013 - 15:41

...Sallusti! Un magistrato "politicizzato", di dx o di sx, che sia un pm o un giudice, non può svolgere serenamente il difficile lavoro cui è chiamato a fare per cui, è mia opinione, dovrebbe, volontariamente, cambiare tipologia lavoro o lo si dovrebbe costringere a farlo. Il Magistrato inoltre, non devrebbe svolgere alcun altro lavoro remunerato e non dovrebbe entrare il politica se non dopo cinque anni dalle dimissioni. Analogo comportamento devtebbe essere richiesto per altri funzionari pubblici.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Lun, 12/08/2013 - 15:46

Che c'è di strano è dal 1993 che in Italia sono stati istituiti i Tribunale del Popolo (Volksgerichtshof) ci si meraviglia solo adesso.

Ritratto di gianluca1961

gianluca1961

Lun, 12/08/2013 - 15:47

Sallusti, questo è un articolo importante che solleva finalmente un velo sulla verità che la sinistra stava imponendo al nostro paese, attraverso la magistratura, la scuola e l'amministrazione della vita pubblica di piccoli paesi e città. Non si fermi, continui, lei e i suoi collaboratori, a raccontare la Verità su cose da troppo tempo taciute e che stavano per divenire acquisite per status quo.

honhil

Lun, 12/08/2013 - 15:47

“Nel 2005, testimoniando a Trento in un processo per diffamazione, Caprara svelò l'esistenza di un registro segreto di magistrati iscritti al Pci che era custodito a Mosca.” Alt. S’è così è. Se in un’ aula di tribunale è stato detto e trascritto ciò, altro che “campionato truccato”, si tratta di alto tradimento. Ma possibile che nessuno riesce ad aprire gli occhi? Quel registro, e quei nomi trascritti, certificavano e certificano un’associane di eversione dell'ordine democratico. E quei pm e quei giudici, per l’obbligatorietà dell’azione penale, avrebbero dovuto, seduta stante, aprire un fascicolo contro quelle toghe. Questo non è un articolo di colore, come lo potrebbe definire Eugeniuccio Scalfari, ma è uno scoop. E l’inquilino del Quirinale, anche se ha amato tanto l’aria di Mosca, al punto da fargli dire, nel 1956, “all'indomani dell'invasione dei carri armati sovietici a Budapest”, che con quelle macchine infernali , "in Ungheria l'Urss porta(va) la pace", deve, gliel’impone la sua carica, il suo onore, la sua morale, e non ultimo il posto che s’è scavato nella storia, fare e far fare chiarezza. Ciò, non è, se così è, una cosa da niente. Si tratterebbe di “un reato associativo”. E questo non può né deve stare bene a Napolitano, anche se “da quel mondo viene”. Neppure se fosse un alieno.

lettorecurioso

Lun, 12/08/2013 - 15:48

Un’informazione: Il Comitato Direttivo Centrale dell’associazione italiana magistrati, composto di 36 membri, è eletto ogni quattro anni con il metodo proporzionale. Attualmente ne fanno parte * Unità per la Costituzione (centro) 12 eletti * Magistratura Indipendente (centro-destra) 11 eletti * Magistratura Democratica (sinistra) + Movimento per la * Giustizia I Verdi-Articolo 3 (sinistra) 12 eletti Per dire che magistratura democratica non è maggioritaria e che i giudici di destra sono associati e giustamente ben rappresentati. Evidentemente i giudici credono più alla giustizia che all’partenenza politica.

cicero08

Lun, 12/08/2013 - 15:50

La cosa più grave, però, è l'avdr cercato continuamente di truccare le regole da parte di chi era finito nei pasticci mentre occupava una posizione dominante. Con buona pace di ogni regola democratica.

Fracescodel

Lun, 12/08/2013 - 15:53

Presidente Rosso, Governo Rosso, Magistratura Rossa, campo aperto all'invasione del potere bancario che di nascosto comanda i "Rossi".....qualcuno ci salvi. Sono proprio gli elettori di Sx che per primi dovrebbero inorridere a vedere i proprio politici asservire il potere plutocratico bancario. Dovrebbero ringraziarci nel far notare che le politiche di SX sono ben lungi, oggi, dall'essere a favore del popolo, ma servono..."SERVONO"...ai ricchi banchieri che comandano in Occidente. O forse a qualcuno e' scappato il dettaglio che le banche fanno capo ad alcune persone precise, che da dietro le quinte finanziano politici, governi, e impongono le politiche, anche le guerre, che prontamente finanziano (creando comunque debito pubblico). Dietro alla Magistratura, dietro ai politici finti tonti traditori c'e' la mano di chi li promuove, di chi e' padrone dei media, di chi finanzia, di chi ne ha vantaggio...altro che democrazia e sovranita' popolare! Serve ridare il comando alla borghesia patriotica nostrana, togliendolo dalle mani di spietati potenti e tiranni internazionali.

trevisan110lode

Lun, 12/08/2013 - 15:54

Non mi stancherò mai di dire che sua Magnificenza, Nuovo Miracolo Italiano, il re degli imprenditori, dei riformatori liberali ecc. non ha toccato un capello al sistema in 9 anni. Un marziano non capirebbe! Napolitano qua, tizio di là..son tutte chiacchere! C'è stato tempo per migliorare anzi stravolgere le cose eccome! La verità è che per 20 anni l'ITalia si è fermata sulle disavventure (giuste, sbagliate o mix come propendo io) di una persona e per questo si è meritata l'appellativo di Repubblica delle Banane ...guaste! Direttore ne pubblichi almeno 1 delle mie risposte, su via! Una sforzo di democrazia e di libertà! Mi consenta

epesce098

Lun, 12/08/2013 - 15:55

Non riuscirò mai a capire come il partito DEMOCRATICO e magistratura DEMOCRATICA abbiano potuto usurpare quell'appellativo.

jakc67

Lun, 12/08/2013 - 15:56

alastor@@@ nomini penati??? quello che si è dimenticato di rinunciare alla prescrizione? quello che si sono trovati i soldi ma non si sono restituiti? quello che testimoni oculari accusano??? ma va ciapà i racc, pitoco..

Ritratto di benita

benita

Lun, 12/08/2013 - 16:01

infatti senza i trucchi alla moggi vincerebbe sempre silvio e il milan.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 12/08/2013 - 16:06

Ma quale "setta a tratti segreta"! Caro Sallusti questi porci agiscono dal 1994 alla luce del sole in modo sfrontato e devastante.Dobbiamo inchiodarli al muro non con i piagnucolamenti ma con un'azione concreta, decisa, che metta fine alla loro devastazione dell'assetto democratico voluto dal Popolo Italiano. Dimostriamo di avere coraggio. Altrimenti meglio tacere!

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 12/08/2013 - 16:08

Tutto previsto da chi ha voluto vedere certi fatti. Mio padre, nell'Arma a Milano fino agli anni 70, mi parlava di una chiara strategia che prevedeva l'entrata in magistratura di aderenti al partito comunista così da condizionarne ed indirizzarne l'azione secondo le sinistre necessità. A quanto pare non mi raccontava storielle. Aggiungeva anche che non capiva come mai gli altri lasciassero fare, "probabilmente sono più stupidi o più facilmente torna loro il conto, in qualche modo", concludeva. Saluti

thelonesomewolf97

Lun, 12/08/2013 - 16:08

Bravo Dr. Sallusti! la foto e' proprio questa. Complimenti per l'articolo.

jakc67

Lun, 12/08/2013 - 16:09

cicero08@@@ meno male che confermi quanto dice l articolo, non contraddirti più, ora e cerca di capire che con questa giustizia berlusconi senza battaglie sarebbe stato fatto fuori molto tempo fa... accusi chi si difende con un bastone per assolvere chi lo attacca con un revolver??? dai che ci sei quasi, pensa ancora un po???

Ritratto di _alb_

_alb_

Lun, 12/08/2013 - 16:13

Vista l'estrema ramificazione sul territorio, i metodi liberticidi (quando non criminali) utilizzati e l'irrefrenabile scopo di lucro di questa gente, si può benissimo chiamare MAFIA ROSSA. Di gran lunga la più potente e pericolosa MAFIA che c'è in ItaGlia.

Ritratto di bussirino

bussirino

Lun, 12/08/2013 - 16:17

NO, NON PUO', SE LO FA VA LICENZIATO cesare da fiorenzuola

johre

Lun, 12/08/2013 - 16:20

@Stefano Fontana. La prima brutta figura sta nel fatto che il post è stato pubblicato...ma andiamo alla seconda: ovviamente un giudice può giudicare una persona con diversa ideologia politica per esempio se il reato è un omicidio, il fatto che una persona sia di sinistra o destra conta nulla. E' troppo semplice invece comprendere, che se il giudice è attivo politicamente (magistratura democratica) e l'indagato è un politico le cose sono molto diverse. Sarebbe come se un giudice gestisce una scuola e la persona che deve giudicare è il suo maggiore competitor. D'altronde anche gli autori della nostra orribile costituzione qualche cosa giusta l'hanno fatta, per esempio l'art.68, ma forse per lei non avevano considerato quella che lei considera (non so come) una "contraddizione in termini".

unosolo

Lun, 12/08/2013 - 16:20

si questo è quello che traspare dal momento che usarono il CRAXI, tutti i politici sapevano ma hanno sempre taciuto come ora , la dx lo sbandiera mentre la sinistra insiste sulle sentenze che devono essere accettate , giusto , se non ci fossero ombre , da cittadino estraneo alla politica e al sindacato ho percepito questo con gli attacchi verso il CRAXI , egli sapeva e nel parlamento si sfogò , purtroppo anche gli amici e compagni si estraniarono , tutti per paura di essere indacati con quella cattiveria mai usata prima , oggi che sanno la strategia e non potendo chiudere subito a distanza di 20 anni la conclusione e senza certezza o meglio " lo sapeva o lo doveva sapere per forza"

david477

Lun, 12/08/2013 - 16:25

La riforma della magistratura deve necessariamente essere perseguita perché in Italia ci sia finalmente democrazia.

coccolino

Lun, 12/08/2013 - 16:25

Può un magistrato che dichiara la sua idea politica, e sostiene di volerla imporre, giudicare politici di segno opposto? SOLO IN ITALIA...SVEGLIAMOCI...

marcellopedretti

Lun, 12/08/2013 - 16:34

magistrati e politici protetti dai magistrati parziali hanno sempre sostenuto che la legittima suspicione era una legge ad personam . non è vero è una delle grandi balle che giornalisti sciuscià hanno avallato contro. Facciamo un esempio se un magistrato dichiera palesemente , anche con atteggiamenti homofobi, e se uno è homosessuale si farebbe giudicare da un magistrato simile? Ci sono magistrati che avevano palesato un odio contro il Presidente Berlusconi quindi altro che pregiudizio è evidente anche per i processi che ha subito, di cui quasi tutti basati su teoremi.

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Lun, 12/08/2013 - 16:35

Ma se la magistratura fosse stata davvero politicizzata e in mano alla sinistra, non pensate che Berlusconi sarebbe stato condannato fin da subito, anziché farsi vent'anni in politica?

burlamacco

Lun, 12/08/2013 - 16:51

Può un presidente del consiglio, che dichiara la sua idea politica, imporre una legge da lui promulgata, ad un elettore di segno politico opposto?

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 12/08/2013 - 16:52

Caro direttore sono anni che lo posto!: la partita è truccata lo capiscano però in primis quelli del Pdl e il Cav..ma non perchè non lo danno ma perchè lo URLINO AI QUATTRO VENTI, FACCIANO MANIFESTI, tirino fuori dati(che ci sono) dossier, e lo facciano da subito, guerra dura e costringano la parte avversa a sedersi ad un tavolo per RIFORMARE..e non lo si faccia solo quando i togati colpiscon il Cav che è sempre troppo tardi, SVEGLIA CAV SVEGLIA PDL

ALASTOR

Lun, 12/08/2013 - 16:53

Continuando a sparare cannonate contro i giudici, in generale e in particolare, si porta a casa il massimo della pena.Ma il sig. Coppi fa ancora parte del collegio difensivo? Se sì avverta il suo cliente.

Rush75

Lun, 12/08/2013 - 16:59

Un vero perseguitatato dalla giustizia farebbe ricorso ad un tribunale internazionale , come mai Berlusconi non ci ha mai pensato? anche quello è politicizzato?

Ritratto di _alb_

_alb_

Lun, 12/08/2013 - 17:10

@ StefOmega prima la sinistra non aveva sufficienti magistrati per condannare un suo avversario in tutti e tre i gradi di giudizio, giusto un po' per far partire il processo o al più arrivare al primo grado. Ma oggi la MAFIA ROSSA si è ulteriormente allargata ed è palese che il loro dominio sia ormai totale. I magistrati SINISTRI non sono più solo una 'piccola parte della magistratura' (come spesso è stato detto), ma una parte consistente e pericolosa abbastanza da far in modo che chi non sta con loro non si metta comunque di traverso, pena immediata punizione (vedi Forleo, ecc). Una vera e propria MAFIA.

_ordnI_

Lun, 12/08/2013 - 17:13

Ma la finiamo con questa lagna?!? Quando c'era da assolvere B. è stato assolto, ma di che stiamo parlando? Due componenti della corte sono di MD, e gl'altri tre? c'era anche Magistratura Indipendente, corrente di destra (ebbene sì, c'è anche una corrente di destra...) I giudici che hanno condannato Del Turco (esponente PD) pochi mesi fa di che corrente erano? ma finiamola, possiamo tornare ad avere un giornale di centrodestra serio per favore?!?

tonipier

Lun, 12/08/2013 - 17:16

LE PREMESSE DELLA INVOLUZIONE DEL DIRITTO ITALIANO" Una onomalia radicata in tutti i livelli di giudizio. Egregio direttore, questi, si sono radicati anche nei cessi..... sono come la gramigna difficile da estirpare, in questa maniera prima o dopo, potrebbe arrivare...o con me o contro di me.

Ritratto di enzo33

enzo33

Lun, 12/08/2013 - 17:30

Una cassazione, che non cassa niente,e si dichiara incompetente per le pene accessorie da comminare, e ribadisce dopo tante ore in camera di consiglio pari pari le sentenze di primo e secondo grado,dimostra che in camera di consiglio hanno parlato del più e del meno, ma comunque niente che verteva sulla posizione di Berlusconi. Ente inutile quindi, abolirla è più che doveroso, due gradi di giudizio sono più che sufficienti. E dati i retroscena, questa sentenza è da considerarsi nulla, perché nulla hanno fatto di concreto.La storia si ripete, duemilacinquecento anni fa'vi fu chi sapeva di non sapere, e dovette bere la cicuta, oggi,la stessa sorte tocca a chi, anche Lui senza falsa modestia, sa di non sapere.

west26th

Lun, 12/08/2013 - 17:30

mi chiedo come mai non si discuta il fatto che per definizione i poteri di uno stato democratico sono elettivi, potere esecutivo, potere legislativo, potere giudiziario, ma nessuno ha eletto i giudici quindi da dove deriva il loro potere? e la loro indipendenza? da chi e da cosa? non dovrebbero essere loro per primi a dimostrare di essere indipendenti dalle loro convinzioni fin troppo spesso esplicitate? Mi chiedo perche' a nessuno venga voglia di scrivere un rapporto storico / politico sull'argometo ad istruzione del mondo che ignora queste anomalie nostrane. probabilmente si scoprirebbe che all'origine c ' è il fascismo sostanzialmente ideologia di sinistra che nella sinistra italiana ha trovato terreno fertile anche se in maniera strisciante e surretizia.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 12/08/2013 - 17:37

@STEFANO FONTANA 15.15: Con la sua argomentazione lei affossa la tesi che vorrebbe sostenere, tesi che, ad ogni buon conto, non mi pare difendibile. Provi a rileggere. Saluti

Sessantottino

Lun, 12/08/2013 - 17:40

A prescindere da tutto ciò che ho letto e sentito in merito alle vicende berlusconiane, commenti compresi, in Italia LA LEGGE NON E UGUALE PER TUTTI! Anche in questo campo vi sono cittadini di serie A e cittadini di serie B. Vi sono i cosiddetti "intoccabili" (serie A) e le persone comuni (serie B, e talvolta anche C). Gli intoccabili non sono solo gli appartenenti alla cosidetta "casta romana", ma anche personaggi locali amici degli amici, ricchi, influenti e soprattutto raccomandati, con la strada già spianata nel momento stesso in cui nascono. Io ne conosco tanti e posso tranquillamente dichiarare che raramente svettano per cervello e preparazione, ma sono collocati molto, molto in alto. Passiamo alla serie B (e anche C): vi è mai capitato di finire soltanto "sospettato" di qualcosa? Parlo di sospettato ma innocente. Tocca a voi (a noi) dimostrare di essere innocente o estraneo. Se vi va bene (e puntualizzo "da innocente") vi siete venduta casa, auto e garage per pagare chi vi ha difeso. Se vi condannano(e puntualizzo "da innocente") bastano meno quattrini, giusto quelli necessari per acquistare un paio di metri di robusta corda. Gli alberi sono gratis. Sono a conoscenza di un paio di questi episodi capitati di recente a gente che conosco bene e che so che non avevano nulla a che fare con le accuse mosse nei loro confronti.

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Lun, 12/08/2013 - 17:58

_alb_, le tue sono accuse gravissime. Se ne sei così convinto, perché non vai a denunciarli?

angelomaria

Lun, 12/08/2013 - 18:12

cossiga che riposi in pace ma'la gladio e'veramente scomparsa??

Fracescodel

Lun, 12/08/2013 - 18:45

@StefOmega: "non pensate che Berlusconi sarebbe stato condannato fin da subito, anziché farsi vent'anni in politica?"....NO! Perche' Berlusconi non e' solo, ed e' in atto una guerra viscerale: da una parte Berlusconi, rappresentante e parte integrante della Borghesia patriotica italiana e di 1/3 degli italiani; dall'altra il grande potere bancario Occidentale, a capo di Sinistra e Magistratura. Gia' con ManiPulite il Potere bancario/Magistratura/Sinistra tentarono il colpo di stato...colpendo tutti tranne se stessi, cioe' Botteghe Oscure. Berlusconi entro' in politica per rimediare e ci riusci'. Purtroppo per noi tutti, il potere bancario controlla non solo Magistratura e Sinistra, ma anche i MEDIA, e non solo in Italia ma in tutto l'Occidente. Financial Times ed Economist fanno capo a dei banchieri ed a fondi di investimento, tra cui i Rothschilds e gli Agnelli/Elkan. La Battaglia, la guerra e' tra' Borghesia patriotica, con Berlusconi, che vorrebbe continuare con il benessere esteso a tutte le classi come e' sempre stato, e dall'altra il Potere Bancario, con DeBenedetti, Monti, Napolitano, un potere ostile all'Italia come nazione sovrana e che vuole tutti sottomessi e schiavizzati con una divisione perentoria tra ricchi e poveri...come daltronde si vede in USA ed altre realta' dove il Corporativismo Bancario ha soppiantato il Capitalismo fatto dalle piccole medie imprese (che in Italia era il 90% del tessuto economico e significava QUALITA', COMPETITIVITA' STRATEGICA, E RICCHEZZA DIFFUSA!). Ecco perche' ci sono voluti 20anni, perche' fino ad ora la Borghesia si era difesa ed aveva fatto quadrato intorno a Berlusconi...ma il potere bancario ha fatto veramente danni e paura...e molti sono scappati all'estero, lasciando pochi patrioti, Berlusconi, immigrazione ed un mare di poveri cristi, inclusi gli illusi di sinistra.

Fracescodel

Lun, 12/08/2013 - 18:58

Una domanda, si puo' ricorrere alle alte Corti di Giustizia Internazionale per indagare Esposito per crimini di diritti umani o qualcosa di simile? In Italia, e' ovvio, la Magistratura non indaghera' se stessa. Quindi cosa si puo' fare per portare alla giustizia questi Magistrati CRIMINALI?

Ritratto di _alb_

_alb_

Lun, 12/08/2013 - 19:02

@ StefOmega Ahah denunciare a chi? A loro stessi? Quello è l'unico potere che non ha controllo da parte di terzi. È un potere autoreferenziale, INTOCCABILE. L'unico modo per esautorarlo è l'esercito perché, si è visto, ha la facoltà di bloccare qualsiasi legge democraticamente votata non di suo gradimento.

Fracescodel

Lun, 12/08/2013 - 19:05

@StefOmega: ci sono accuse gia' portate da Paola Musu, che e' avvocato. Noi comuni mortali e' meglio che restiamo nascosti da alias, perche' senno', in questo Stato illiberale e tirannico, passeremo dei guai a molti livelli, per semplicemente esporre i nostri liberi pensieri, e denunciare cose ovvie. Vede, nella Germania nazista se un cittadino diceva apertamente che Hitler era un pazzo, lo facevano sparire....Se riescono a distruggere uno come Berlusconi, e' ovvio che a noi altri ci azzittirebbero in due secondi. Peraltro mi sembra che una persona abbia portato accuse precise alla magistratura....e purtroppo e' finito ad essere lui indagato, ed a patire costi, pene e gogna. Fino a che non ci liberiamo dall'oppressione Bancaria che comanda la sinistra, non avremo liberta' di dire quello che pensiamo apertamente con il nostro vero nome. Guardi Sallusti, che problemi che ha gia' avuto...noi altri non avremmo i mezzi per salvarci e difenderci e finiremmo nell'"inferno" di questo sistema tiranno!

Fracescodel

Lun, 12/08/2013 - 19:06

@StefOmega: "non pensate che Berlusconi sarebbe stato condannato fin da subito, anziché farsi vent'anni in politica?"....NO! Perche' Berlusconi non e' solo, ed e' in atto una guerra viscerale: da una parte Berlusconi, rappresentante e parte integrante della Borghesia patriotica italiana e di 1/3 degli italiani; dall'altra il grande potere bancario Occidentale, a capo di Sinistra e Magistratura. Gia' con ManiPulite il Potere bancario/Magistratura/Sinistra tentarono il colpo di stato...colpendo tutti tranne se stessi, cioe' Botteghe Oscure. Berlusconi entro' in politica per rimediare e ci riusci'. Purtroppo per noi tutti, il potere bancario controlla non solo Magistratura e Sinistra, ma anche i MEDIA, e non solo in Italia ma in tutto l'Occidente. Financial Times ed Economist fanno capo a dei banchieri ed a fondi di investimento, tra cui i Rothschilds e gli Agnelli/Elkan. La Battaglia, la guerra e' tra' Borghesia patriotica, con Berlusconi, che vorrebbe continuare con il benessere esteso a tutte le classi come e' sempre stato, e dall'altra il Potere Bancario, con DeBenedetti, Monti, Napolitano, un potere ostile all'Italia come nazione sovrana e che vuole tutti sottomessi e schiavizzati con una divisione perentoria tra ricchi e poveri...come daltronde si vede in USA ed altre realta' dove il Corporativismo Bancario ha soppiantato il Capitalismo fatto dalle piccole medie imprese (che in Italia era il 90% del tessuto economico e significava QUALITA', COMPETITIVITA' STRATEGICA, E RICCHEZZA DIFFUSA!). Ecco perche' ci sono voluti 20anni, perche' fino ad ora la Borghesia si era difesa ed aveva fatto quadrato intorno a Berlusconi...ma il potere bancario ha fatto veramente danni e paura...e molti sono scappati all'estero, lasciando pochi patrioti, Berlusconi, immigrazione ed un mare di poveri cristi, inclusi gli illusi di sinistra.

Ritratto di gianluca1961

gianluca1961

Lun, 12/08/2013 - 19:33

stefOmega, sarebbe stata dittatura, a vederla come dici tu. In Italia c'è di mezzo la parola democrazia e la faccenda va architettata bene, occorrono le prove, forzate o forzose, ma una parvenza di democrazia occorre darsela. La dittatura di sottofondo rimane, con un poco di cipria ma c'è.. E se il pesce fosse stato più piccolo e con meno capacità difensiva di Silvio Berlusconi, sarebbe finito subito in padella, come ipotizzi tu, e senza A nè Bà, come capita a tanti poveri semplici Italiani sovrani di niente.

Stefano Fontana

Lun, 12/08/2013 - 23:07

Wilfredoc47 ... la mia tesi è che pretendere solo giudici della parte politica dell'accusato è l'esatto opposto del concetto di indipendenza della magistratura, di fatto creando una doppia magistratura fatta su misura per i partiti politici, il prossimo passo cosa sarà? Leggi specifiche per la destra ed altrettante per la sinistra? È una semplice assurdità. Un giudice ha il diritto di avere un'opinione politica ed il dovere di giudicare in base alla legge ed alle norme, chiaro, semplice, lineare e per nulla contraddittorio. Sostenere invece che per tenere separate giustizia e politica sia necessarito dividere i giudici in base alle loro idee politiche è una cosa semplicemente ridicola, oltre che, essa si, contraddittoria.

papik40

Mar, 13/08/2013 - 02:57

INUTILMENTE CERCO DI FAR PUBBLICARE IL SEGUENTE MIO POST SU "IL FATTO QUOTIDIANO" IN RISPOSTA AD UN LORO COMMENTATORE A DIMOSTRAZIONE DELLA LORO FAZIOSITA' E DEL LORO GIUSTIZIALISMO! *************** Sansonetti non sbaglia: gli esempi sono calzanti (paragona la sentenza contro B. a quella dei regimi dittatoriali!) ! Qual'è la differenza fra regimi che mandano in galera gli “oppositori politici" con quelli che mandano in galera un esponente politico usando POLITICAMENTE la Giustizia? La Legge prevede di condannare su PROVE CERTE e senza un RAGIONEVOLE DUBBIO chiunque commette un reato! Nel caso in questione siamo in presenza di reati commessi da altri (assolti o neppure inquisiti) con l’unica condanna all’esponente politico perché "non poteva non sapere" che, come motivazione, è un’assurdo giuridico! In altri termini chi ha commesso materialmente i reati è stato assolto o neppure inquisito mentre è stato condannato il “mandante” che in questo caso è solo “presunto” stante la mancanza di PROVA CERTA! Non ho mai visto condannare chi fa il palo di una rapina senza condannare gli esecutori materiali! Inoltre non le sembra che sia “ingiusto” far istruire processi contro un qualsiasi esponente politico ed affidarli, oltretutto, a giudici che nutrono verso l’imputato una preconcetta disistima e,oltretutto, sono dichiaratamente di idee politiche avverse? Vorrei che il mio paese avesse dei magistrati "apolitici" per esser certo che le loro condanne sono solo frutto di PROVE e di nessun altro calcolo o preconcetto. Quando poi in parlamento trovo molti di quei magistrati che con il sol merito di averlo additato al pubblico ludibrio e senza esser riusciti neppure a farlo condannare,sono eletti nello schieramento politico opposto a quello dell’imputato allora nasce spontaneo in me il dubbio che questi magistrati sono stati al "servizio" di una parte politica e ciò non fa altro che accrescere la disistima verso la magistratura che, a mio parere, calpesta la Giustizia per la gioia dei tanti giustizialisti Adesso che B. è stato condannato definitivamente che fa il PD? Per coerenza propone Esposito come senatore a vita? ***************

levy

Mar, 13/08/2013 - 08:08

Se chi ha il potere di metterti in galera combatte contro le tue idee politiche (perché alla fine dei conti di questo si trata), allora siamo in un sistema dittatoriale. La storia di Berlusconi é emblemática: lui riceve i voti, ma lo fanno fuori per altre vie. E il presidente della repubblica cosa dice?

robytopy

Mar, 13/08/2013 - 08:18

prima di scrivere un articolo del genere e tutti i post a favore/sfavore dell' imputato Silvio bisognerebbe fare una cosa che nessuno ha fatto e ha voglia di fare, nemmeno Sallusti : -leggere tutti gli atti processuali- altrimenti ogni parola è solo acqua calda o fredda se preferite

tonipier

Mar, 13/08/2013 - 10:18

" DUE PESI E DUE MISURE" La magistratura di sinistra... la magistratura non dovrebbe essere neutrale? la legge e uguale, o disuguale per alcuni...una vergogna opprimente dire, siamo già, sotto dittatura giudiziale e legale.( Non arrabbiatevi, questo succede in diverse PROCURE, DA TEMPO LONTANO...) Ne è risultato un diritto disimpegnato, avulso dalla prospettiva e dalla visione del primato dell'autorità dello Stato come forza capace di resistere alle pressioni di interessi illegittimi, della preminenza della volontà dell'interesse generale e collettivo su interessi limitati e socialmente meno rilevanti, del primato dell'ordine che il diritto e, quindi, la legge che lo formalizza, devono essenzialmente tendere a garantire.

Ritratto di GABRIELE FOGLIETTA

GABRIELE FOGLIETTA

Mar, 13/08/2013 - 11:59

E' da un po' che mi frulla in testa una idea. Qualcuno diceva: non serve comprarsi i giocatori per vincere una partita, basta comprarsi l'arbitro. Che dire di un giudice che vuole mandare sotto processo chi non avalla le tesi dell'accusa? Quale imparzialità ci si può aspettare? Per vincere un processo non servono prove e fatti. Una accusa di concussione, senza il concusso, può trovare sostegno? Si, se si sceglie il giudice giusto.

tonipier

Mar, 13/08/2013 - 12:20

" IL MARPIONISMO ITALIANO" diciamo, buona parte delle istituzioni sollazza nel sentirsi sotto protezione dello sciacallaggio giustizialista. Dimmi, se tutto questo è vero, a chi conviene fare delle riforme realmente serie su questi marpioni? bisogna rendersi conto che chi paga il conto alla fine...sempre il povero, il povero cittadino...Dimmi come mai nessuno dei partiti dell'opposizione si schiera a favore delle riforme sulla giustizia...portano forse la coda di paglia... detto alla buona?.

tonipier

Mar, 13/08/2013 - 12:59

" COLLUSIONE TRA DEGENERAZIONE PARTITOCRATICA E CRIMINALITA'" Se la giustizia non funziona fa bene a qualcuno....Gli illeciti impudentemente perpetrati da esponenti di primo piano della classe politica italiana, le connivenze ed i connubi emersi tra classe politica e mafia, tra esponenti della partitocrazia e camorra, tra eminenze grigie del mondo della politica e della economia nazionale e ramificazioni della ndrangheta, tra rappresentanti del sindacalismo ed emissari dello spionaggio estero, hanno eroso progressivamente, fino a determinare il crollo, gli argini e le barriere di contenimento delle tendenze più nefaste che, come si è detto, nell'uomo coesistono naturalmente accanto a quelle più elette. Nell'ibridismo di tali combutte con gli alfieri del disordine sociale i teorici rappresentanti del popolo nella organizzazione della cosa pubblica degradano al ruolo di cospiratori ai danni del popolo.

mzee3

Mar, 13/08/2013 - 15:07

@@@@@ papik40 @@@@ NON FACCIA IL PIAGNISTEO PER FARSI POSTARE!!! E' tutta ieri che cerco di vedere un mio postato relativo a questo argomento ma poichè dico con chiarezza sia quello che penso che la pura verità in merito al direttore W QUELLO CHE PENSANO MILIONI DI ITALIANI PERBENE, col cavolo che mi pibblicano. Lo so che sentirsi dire che chi è stato salvato dalla galera per diffamazione fa male, lo so che è spiacevole sentirsi dire che chi è un diffamatore non ha le carte in regola per dare lezioni di correttezza ed onestà, lo so che fa male sentIrsi contestare il giudizio che un magistrato di destra sia più "terzo" nel giudizio di un magistrato con tendenze di sinistra, lo so che fa male sentirsi riprendere giudicando inattendibile l'idea che in Gladio ci fossero persone di sinistra dato che Gladio era una formazione di destra pronta ad intervenire contro eventuali governi di sinsitra e dato che Cossiga non può parlare si può dire tutto e il contrario di tutto. PER TUTTO IL GIORNO HO PROVATO A MANDARE UN POSTATO SIMILE MA LA CENSURA IN QUESTO CASO E' FORTISSIMA SOPRATTUTTO QUANDO SI DICONO COSE VERE, PERTANTO FACCIA MENO LA VITTIMA, LA CENSURA C'E' ED E' DA TUTTE LE PARTI, COME IN OGNI AMBITO C'E' LA PERSONA PERBENE E IL DELINQUENTE, BASTA LASCIARE FUORI DAL CONTESTO SOCIALE I DELINQUENTI ED IN QUESTO MOMENTO POI....C'E' VORREBBE RESTARE VISIBILE NONOSTANTE TUTTO QUELLO CHE HA COMBINATO E DOPO ESSERE STATO CONDANNATO.

gedeone@libero.it

Mar, 13/08/2013 - 16:51

Facile eh sinistri giocare con l'arbitro, i guardalinee ed il quarto uomo tutti a vostro favore. Ma tempo al tempo, perché pagherete caro, pagherete tutto|

Giacosky72

Mar, 13/08/2013 - 17:22

Gedeone Gedeone in quanto ha pagare il tuo Padrone insegna

Giacosky72

Mar, 13/08/2013 - 17:26

Che paura Brrrr Gedeone

mzee3

Mar, 13/08/2013 - 19:00

Chi prima o poi dovrebbe pagare dovrebbero essere coloro che hanno sostenuto l'attuale ospite di villa San Martino. Quelli che foraggiati da tanto denaro hanno infarcito i giornali di falsità, di parole "sopra"le righe agli avversari del cittadino di Arcore. Succederà naturalmente, come dopo la caduta del fascismo, ci ritroveremo con sessantamilioni di italiani che mai hanno votato per berlusconi e se lo hanno fatto erano costretti dalla "situazione".Come quando si votava per la D.C. perchè i comunisti mangiavano i bambini.

Silvio B Parodi

Mar, 13/08/2013 - 19:22

tira una brutta aria, gli italiani si stanno svegliando, lo leggo negli scritti sui giornali nei bar e fra la gente, non ne possono piu' si avvicina paurosamente la fine di questo sistema partitico comunista, troppe tasse troppe prebende troppo tutto non c'e' piu' liberta' equitalia ruba tutto anche le pensioni, gli invalidi percepisconi aiuti da fame mentre LORO navigano nell'oro,Letta Vende 3 aerei e Quattro auto?? mentre la spesa statale aumenta sempre piu' BISOGNA TAGLIARE LA SPESA STATALE CHE E' DI 800 MILIARDI L'ANNO rE GIORGIO COSTA 300 MILIONI L'ANNO Le province le regioni costano miliardi, gli stipend agli alti burocrati? tagliati del 25%??? si certo da 1 milione l'anno ora prenderanno 750mila euro, e le pensioni d'oro alcune da 500 mila euro l'anno? e' incostituzionale tagliarle??? I sindacati del parlamento colpevoli di questi scempi ora di danno da fare per bloccare I tagli??? Sindacati coop enti pubblici sono la rovina dell'Italia e degli Italiani. non sentite il tic tac dell'orologio l'ora X si avvicina gli Italiani NE HANNO PIENE LE SCATOLE>

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Mer, 14/08/2013 - 11:09

L'Associazione ha come obiettivi: 1. lo sviluppo di una cultura giurisdizionale europea fondata sul rispetto, in ogni circostanza, dei principi dello Stato di diritto democratico, tra i quali spiccano in primo luogo il rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali;(ma non quelle degli avversari politici) 2. la protezione delle differenze tra gli esseri umani e dei diritti delle minoranze, specialmente dei diritti degli immigrati e dei meno abbienti, in una prospettiva di emancipazione sociale dei più deboli;(se ti prendi una picconata da un debole o immigrato, non è detto che tu abbia giustizia) 3. il sostegno all'integrazione comunitaria europea, in vista della creazione di una unione politica europea preoccupata della giustizia sociale;(ovviamente giustizia sociale è sinonimo di comunismo) 4. la difesa dell'indipendenza del potere giudiziario nei confronti sia di ogni altro potere che di interessi particolari;(quindi gli altri poteri devono dipendere dalla magistratuta! Capito Montesquieu ?) 5. la ricerca e la promozione delle tecniche organizzative idonee a garantire un servizio giudiziario rispondente al principio di trasparenza e tale da permettere il controllo dei cittadini sul suo funzionamento;(va bè...) 6. la democratizzazione della magistratura, nel reclutamento e nelle condizioni di esercizio della professione, sostituendo il principio democratico a quello gerarchico, specialmente nel governo del corpo giudiziario;(assoluta libertà di fare i cazzi proprii,giudica l'operato dei magistrati non il popolo ma il magistrato più vecchio! Il popolo che si inculi!) 7. l'affermazione del diritto dei magistrati, come di tutti i cittadini, alle libertà di riunione e azione collettiva;(certo, feste e comizi) 8. la promozione di una cultura giuridica democratica tra i magistrati dei diversi paesi, attraverso lo scambio di informazioni e lo studio di argomenti comuni."(Ma le leggi li fanno i politici o i magistrati?) Questi sono gli obittivi di Magistratura Democratica, tranne quanto tra parentesi, secondo me andrebbero controllati, da chi non sò.

mywilly

Mer, 14/08/2013 - 11:27

A me il comunicato del Quirinale, che temevo, considerandolo superfluo visto che la condanna di Berlusconi è definitiva, invece è parso netto e abile. Sta cucinando Berlusconi a fuoco lento. Disinnesca le minacce al governo Letta (voglio vedere che convenienza avrebbero i ministri Pdl a dimettersi ora) chiarendo che non ha nessuna intenzione di sciogliere le Camere. Invita chi lo volesse a presentare una domanda di grazia che verrà esaminata nei tempi (lunghi) e nei modi dovuti, senza chiarire se la clemenza possa riguardare o meno anche le pene accessorie a quella detentiva, ovvero l’interdizione dai pubblici uffici. Mentre l’incandidabilità, come spiega Violante, è un atto amministrativo che si determina per automatismo in seguito alla legge Severino. Insomma, Berlusconi e il Pdl facciano pure i loro conti e decidano liberamente come e se farsi comandare ancora dal condannato. Ma ogni giorno che passa, e avvicinandosi nuove sentenze e nuove inchieste sulle sue malefatte, appare più chiaro che ormai il suo grado di cottura è avanzato. Trattasi di bollito. Magari dopo Berlusconi la destra italiana riuscirà a essere anche peggio. Ma intanto lui è bollito.

vkaspar

Mer, 14/08/2013 - 11:36

Sarà pure così, caro dr.Sallusti, ma era proprio necessario aspettare una condanna di terzo grado per iniziare a "svegliarsi"? Evidentemente,in questi ultimi 20 anni il ,o ex?, Cavaliere con tutti i suoi collaboratori erano forse "in tutt'altre faccende affacendati"? Comunque la frittata ormai è stata fatta!..e peggio di così.. Il centro dx ha bisogno, DA IERI !!, DI UNA NUOVA LEADERSHIP,con una linea politico-operativa più credibile,più incisiva...:basta "pannicelli caldi o freddi" secondo le necessità del momento !

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 14/08/2013 - 11:59

Che Napolitano riformi e subito (tempo 3 giorni) tutta la magistratura.

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 14/08/2013 - 12:08

Vkaspar hai ragione, ci voleva una nuova leadership. Questa era rappresentata da Grillo, che però si è dimostrato filodisinistra ed è andato contro Berlusconi invece di allearcisi.

Stella

Mer, 14/08/2013 - 12:30

"La magistratura di sinistra" non può essere solo una semplice definizione, che può piacere o meno, ma è piuttosto un enorme "reato" a danno del Popolo e dello Stato italiano e della sua Democrazia. E' incredibile che se ne parli da tempo come se fosse una cosa lecita al pari di un partito politico. Risulta evidente anche ad un profano che non è così e quindi mi chiedo come il Presidente della Repubblica possa trattare questo grave reato "aggirandolo" piuttosto che andare direttamente a risolverlo. Cioè: se una sentenza è processualmente giusta allora la si deve applicare, chiunque sia il condannato. Ma se una sentenza è ingiusta, ovvero processualmente non supportata da evidenti prove, allora la si dovrebbe annullare e si dovrebbe indagare sui "vizi" che l'hanno assemblata e processare gli eventuali responsabili di tale crimine. Allora mi chiedo ancora come mai non si affronta la questione in questi termini ma si continui ad usare la "Giustizia" in modo improprio, cioè politico, da parte di tutti ed in primis dal Presidente Napolitano. Ma allora che ci sta a fare un Presidente della Repubblica se qualcuno lo deve tirare per la manica perchè faccia il "suo dovere"? Perchè mai dobbiamo conferirgli un'autorità super partes quando Egli non la vuole usare? Sono davvero sbalordita davanti a tanta evidente "incompetenza" volontaria o involontaria, comunque sempre colpevole perchè un Presidente della Repubblica è caricato della "massima responsabilità" in tutte le faccende di Stato e soprattutto in quelle della Giustizia, essendo Egli a Capo del CSM. Ma tutto ciò in questo Paese assurdo diventa una barzelletta, una farsa ridicola e senza senso! E' sconfortante molto più della crisi economica che ci ha colpito perchè questa situazione viziata e corrotta toglie ogni speranza!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 14/08/2013 - 12:46

Troppo buono Sallusti, c'è di peggio. Intanto viviamo in un paese in cui viene assassinato il capo dell'opposizione. Come Cuba e Corea del Nord, paesi come la defunta (?) DDR o Romania di Ceausesco. Eppoi non è vero che chi indaga, spia, deruba giudica, condanna ed assassina Berlusaca sia di MD. Peggio, costoro hanno una fifa bleu di MD e temono che arrivino guai seri come un concorso esterno in associazione mafiosa. Reato inesistente, assurdo, ridicolo e monopolizzato dall'antimafia (?) di MD sicula. Accusa naturalmente farlocca ma che farebbe morire di goduria i delinquenti del Fatto, giornale nato apposta per portare l'Italia ai destini di Cuba e Corea del Nord e che se esistesse il reato di attività antiitaliane quei signori sarebbero tutti in galera. Da tempo i magistrati tutti temono per loro stessi, famiglia, patrimonio etc. E' questo il mandato ricevuto da MD a suo tempo e diligentemente portato a termine: portare l'Italia al degrado e sovvertire gli accordi di Yalta. Come banali spie e traditori. Ieri a favore dell'Unione Sovietica ed oggi a favore dell'Europa.