Caso Lavitola, il Riesameconferma i domiciliariper il senatore De Gregorio

Respinta la richiesta di revoca dell’ordinanza di custodia agli arresti domiciliari nei confronti del senatore indagato nell’inchiesta sui finanziamenti all’Avanti!

Il Tribunale del Riesame di Napoli respinge il ricorso della difesa e conferma l’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per il senatore Sergio De Gregorio. Si attende ora il deposito delle motivazioni. Il senatore è coinvolto nell’inchiesta della procura napoletana sulle presunte irregolarità nella gestione dei finanziamenti pubblici percepiti dalla società editrice del quotidiano l’Avanti!, con le seguenti ipotesi di reato: associazione a delinquere, truffa e altri reati, in concorso con Valter Lavitola, che sarebbero stati commessi nel periodo tra il 2005 e il 2007.

L’ordinanza nei confronti del senatore Pdl, su cui ieri sera la Giunta per le autorizzazioni di Palazzo Madama si è pronunciata con 11 voti a favore e 10 contro, sarà applicata se anche dall’aula  arriverà l’autorizzazione a procedere. Intanto la giornalista Patrizia Gazzulli, collaboratrice di De Gregorio (anche lei sotto inchiesta), è stata scarcerata ed è ora sottoposta al solo obbligo di firma.

Commenti

corto lirazza

Gio, 10/05/2012 - 15:04

una grossa, anzi voluminosa perdita per il parlamento

malanotteno

Gio, 10/05/2012 - 16:50

solita magistratura comunista ad orologeria