Il Cav coi malati di Alzheimer: "Mi metto a loro disposizione"

Berlusconi ha iniziato il lavoro di assistenza agli anziani "Ho trovato un'umanità straordinaria". Per quattro ore è stato al fianco dei malati di Alzheimer: "Ho trovato persone di una umanità straordinaria ". La prossima volta porterà in regalo gli orologi del Milan

È andata "bene" la prima giornata di Silvio Berlusconi all’Istituto Sacra Famiglia, dove oggi ha iniziato il lavoro di assistenza agli anziani malati di Alzheimer come prevede l’affidamento ai servizi sociali per la sentenza Mediaset. Così ha detto lui stesso uscendo dai cancelli mentre spiegava di non poter rilasciare dichiarazioni. In serata, poi, ha raccontato ai microfoni di Telelombardia di "aver fatto tante battute" e di essersi messo a disposizione di chiunque avesse bisogno. Insomma, per l'ex premier sono state "quattro ore e mezzo intensissime".

Nei giorni scorsi Berlusconi aveva promesso una grossa sorpresa per Cesano Boscone. E la vera sorpresa è stato lui stesso. "Per noi è una festa", ha detto chi ha potuto vederlo nella residenza San Pietro dove, il Cavaliere opererà, con il solo rammarico di non averlo potuto anche filmare. "C’era più personale e decisamente più parenti del solito", ha raccontato il familiare di una paziente mostrando il badge di riconoscimento che da una settimana serve per entrare al San Pietro. Berlusconi è arrivato intorno alle 9.15 indossando girocollo e giacca blu con una spilletta di Forza Italia sul bavero. Ad accoglierlo davanti alla residenza, dove presterà la sua opera, una folta schiera di giornalisti, fotografi e operatori dietro le transenne e, davanti alla porta d’ingresso, il direttore delle residenze assistenziali, Michele Restelli. L’ex premier è subito entrato e forse non si è nemmeno accorto del sindacalista Cub, Pippo Fiorito che, indossando una grossa tuba in testa, gli ha urlato "Noi lavoratori abbiamo un sogno nel cuore: Berlusconi a San Vittore" prima di essere allontanato dalle forze dell’ordine.

Oggi la sicurezza è stata rinforzata con controlli agli ingressi e transenne grazie alle forze dell’ordine ma anche a guardie di un servizio privato, alcune già viste nella sede Mediaset a Cologno. È stata la responsabile della Residenza San Pietro, Giuliana Mura, ad accompagnare Berlusconi in un giro non solo nel nucleo 1, dove lui dovrebbe operare con i malati di Alzheimer, ma anche gli altri al primo e al secondo piano, dove dalla terrazza l’ex premier ha salutato le dipendenti della residenza Santa Rita che è accanto. Non tutti i malati, in particolare i più gravi, lo hanno riconosciuto, fra di loro chi più e chi meno contento. In alcune aree non è entrato nelle camere ma negli spazi comuni. "Lo ha accompagnato la signora Giuliana - ha raccontato una paziente - mi ha stretto la mano ma non è venuto per me". Dopo quattro ore dall’arrivo è stato lo stesso Restelli a riaccompagnare alla macchina il leader di Forza Italia che lì non ha parlato con i giornalisti. Al cancello di uscita, dove c’era anche una sua storica fan, si è brevemente fermato per dire che la prima visita era andata "bene".

"Non mi sento bene nell’affrontare una situazione che mi ha limitato molto, perché non sono solo le quattro ore che si dicono, ma tutta un’altra serie di impedimenti". Ai microfoni di Telelombardia, Berlusconi ha raccontato di "aver fatto tante battute" e di aver "parlato tanto del Milan" agli ospiti della struttura che gli hanno fatto domande sulla squadra. "La prossima volta - ha promesso - gli porterò degli orologi del Milan". Quello che più ha colpito l’ex premier è stata sicuramente "la dedizione delle persone che sono a contatto coi malati". "Ho trovato persone di una umanità straordinaria - ha continuato - sono stato anche di disturbo per loro. Spero di recuperare la prossima volta".

Berlusconi ha detto di essere "assolutamente" colpito "da queste persone" e in particolare da un’operatrice con cui ha trascorso una parte della mattinata, Giuliana Mura, che "è alla Sacra Famiglia da 41 anni". "Mi sono messo a disposizione - ha continuato il Cavaliere - non so se vorranno usufruire della mia esperienza". Durante i servizi sociali Berlusconi starò insieme agli operatori di base e agli infermieri per intrattenere i malati. "Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la mia storia - ha proseguito - sono tante le vicende umane che possono essere raccontate. E tutto dipenderà dallo stato di salute di queste persone, perché sono anche degli andirivieni di conoscenza: l’Alzheimer è veramente una brutta cosa".

Commenti

scipione

Ven, 09/05/2014 - 19:51

Non vorrei che la sua onesta' che sfiora la santita' facesse guarire i malati.

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Ven, 09/05/2014 - 20:15

Una struttura che ospita malati di alzheimer. Una delle più brutte malattie esistenti che obnubila i ricordi, la mente, la vita di chi è anziano. Arriva uno (berlusconi) che guadagna centinaia di milioni di euro ogni anno e che fa? promette gli orologi del milan? Ma facesse una donazione alla ricerca sull'alzheimer vita natural durante, altro che orologi. Che bestia.

magilla967

Ven, 09/05/2014 - 20:26

Non sono certamente pro signor B, ma credo che ci voglia rispetto. Quel che fa nella struttura e come vive questa cosa dovrebbe restare nell'oblio.

scipione

Ven, 09/05/2014 - 20:51

l'inizio di una nuova fase .

thepaul

Ven, 09/05/2014 - 21:12

Cioè, praticamente, una vergogna. Un condannato in via definitiva che sconta la sua pena impegnandosi per ben QUATTRO ore alla settimana...e poi si lamentano dei giudici. Se invece di berlusconi si fosse chiamato Rossi, avrebbe fatto come minimo 10 anni di galera di cui 5 in isolamento, altro che servizi sociali 4 ore alla settimana...che schifo di paese è diventato l'Italia...

Ritratto di massiga

massiga

Ven, 09/05/2014 - 21:16

non e' piu' cavaliere

Ritratto di scandalo

scandalo

Ven, 09/05/2014 - 21:32

su queste malattie non si può scherzare !! tutta la mia comprensione a questi sfortunati !! però visto che sono "SCANDALO" i magistrati non potrebbero anche averlo mandato al COLLE perchè li un malato conclamato di questa terribile malattia ci abita , non come inquilino ma come RE !!

Pat2008

Ven, 09/05/2014 - 21:35

Questa condanna si sta dimostrando fin dal primo giorno un autogol clamoroso per la magistratura politicizzata, per i giornalisti di sinistra che si affollano davanti alla casa di cura per gongolare, per gli avversari politici che credevano che Berlusconi fosse stato distrutto. Il cavaliere li sta surclassando tutti, col suo coraggio e con la sua umanità, e ne uscirà a testa alta e rafforzato. Anche se colpito da una condanna profondamente iniqua, anche se dileggiato da tutti coloro che non vedevano l'ora di chiamarlo "pregiudicato", mentre dalla loro parte politica ci sono fior di delinquenti in libertà e parassiti che continuano a succhiare soldi col loro benestare, Berlusconi non si è tirato indietro e ha trasformato il tentativo altrui di umiliarlo in una straordinaria rivincita e in una grande lezione per tutti. Sono pronta a scommettere che queste notizie sul suo lavoro ai servizi sociali lo renderanno sempre più simpatico e popolare, e compatteranno i voti del suo elettorato. E il motivo è molto semplice. Che Berlusconi non ha paura di lavorare, perché ha sempre lavorato in vita sua, e non gli fa certo paura la prospettiva di assistere delle persone sofferenti, perché è una persona piena di umanità e gioia di vivere. Cosa che degli stoccafissi imbottiti di soldi dalla nascita come Monti, D'Alema, Prodi e i burocrati europei non avranno mai. E' una persona sensibile e curiosa e piena d'iniziativa, che sa trarre insegnamenti dall'esperienza: e infatti ha detto che ha già in testa molte idee per migliorare la situazione delle case di cura. Cosa che mi ha fatto sorridere bonariamente, perché oltre ad essere lodevolissima è proprio da lui. E' una persona positiva, e preferisce voler bene e farsi voler bene piuttosto che odiare: per questo tutti i suoi biliosi avversari sono schiattati prima di lui, perché l'odio fa venire gli ictus. Soprattutto, è una persona vera, come tutte le altre persone perbene che in Italia lavorano, affrontano i problemi, fanno battute, sbagliano anche, ma si rialzano e fanno del loro meglio per andare avanti e costruire qualcosa. I tecnici e gli euroburocrati imboscati dalla nascita nelle grandi imprese di famiglia finanziate dallo Stato, nei giornali che nascondono la verità, nelle università dove fa carriera solo chi è dalla parte giusta, nei gangli nevralgici di uno Stato sempre più inefficiente perché sempre più manovrato da incapaci ideologizzati non avranno mai un millesimo della sua umanità e non somiglieranno mai alla gente normale che soffre per le loro malefatte. Per questo la gente normale non li voterà mai e continuerà a votare Berlusconi, che è umano nonostante e anche proprio per i suoi difetti; che è da anni ingiustamente perseguitato con una pervicacia e un odio che fanno paura alle persone equilibrate. Per questo i potentati e le caste cercano sempre di non far votare il popolo, perché lo sanno. E per questo Berlusconi, per quanto cerchino di fargli del male, riesce sempre più simpatico e più amato di tutti loro messi assieme. E resta sempre un Cavaliere, anche se quattro imbecilli gli dovessero togliere il pezzo di carta che lo dimostra.

james baker

Ven, 09/05/2014 - 21:41

Al paese mio dicono "" chi va con lo zoppo, comincia a zoppicare "". Spero che tutti questi malati comincino a stare meglio ... -james baker-.

Ritratto di promfran

promfran

Ven, 09/05/2014 - 21:58

Vedere Berlusconi entrare all'Istituto Sacra Famiglia mi ha creato una rabbia infinita, mi sono sentita umiliata per lui. Chi dovrebbe essere veramente rieducato invece insegna agli altri e l'arroganza è al limite. Ho deciso di votare Berlusconi per il modo in cui viene trattata una persona che in Italia ha creato lavoro, non ha mai usufruito della cig, non ha rubato ed è stato ingiustamente condannato. Altre persone meriterebbero questo trattamento, invece pontificano. Silvio sei una persona perbene !! ciao

Luigi Fassone

Ven, 09/05/2014 - 21:58

Io sono convinto da un bel pezzo che la presenza di Berlusconi alla Sacra Famiglia farà un gran bene sia a lui che ai pazienti. E se per caso ci fosse ,tra codesti,uno o una che lo detesta,potrebbe anche cambiare opinione al termine della "pena"...

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Ven, 09/05/2014 - 22:26

In barba ai rosiconi che hanno architettato questa farsa, sarà lui a far bella figura e trarne il massimo vantaggio. Quando si dice avere quel "quid" in più!

EmilioC

Ven, 09/05/2014 - 23:27

Confermati 7 anni al LATITANTE marcello dell utri, FONDATORE di farsa italia.............. ne rimarra uno a piede libero?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 10/05/2014 - 00:09

Il viso sorridente di Berlusconi è la dimostrazione del fallimento di tutte le vigliaccherie messe in atto dai trinariciuti della procura di Milano. UNA BELLA RISATA ALLA MESCHINITÀ INTELLETTUALE DEI COMUNISTI IN TOGA CHE L'HANNO CONDANNATO.

Ritratto di matteo844

matteo844

Sab, 10/05/2014 - 01:13

Vorrei riuscire a capire una volta per tutte perché devono rompere sempre le.....a quest'uomo!!! Ma se per venti anni e' stato eletto sempre a maggioranza piena dal popolo un motivo ci sara'.A chi gli inveisce contro auspicando pene più severe vorrei ricordare che in Italia ci sono clandestini che ammazzano e stanno in liberta'. Vorrei ricordare anche che del bene che ha fatto dando lavoro a migliaia di persone e della beneficenza che ha fatto senza mai rinfacciarla nessuno ne parla mai. Non vi meritate un cavolo. Pensavano di umiliarlo mandandolo a svolgere i servizi sociali e invece ha mostrato una dignita' che loro non avranno mai.Se ritorna (cosa che mi auguro) il mio voto lo riavra' (sempre) Forza cavaliere.