Il Cav prepara la svolta del Pdl

Santanché: "A giorni Berlusconi annuncerà un nuovo progetto". Molti nel Pdl premono per un ritorno a Forza Italia. Ma Cicchitto frena: "Niente a diktat dall'alto"

Via dell’Umiltà addio. E addio anche al Pdl vecchio stile. Dopo la sconfitta alle amministrative, Silvio Berlusconi è pronto a calare l'asso nella manica e a presentare un nuovo modello per il centrodestra. Un modello che punta a rinnovare il Pdl per tornare a parlare alla gente e a farsi portavoce nelle istituzioni per rinnovare il Paese. Aver chiuso la sede in via dell’Umiltà per aprirla in Piazza San Lorenzo in Lucina è stato solo il primo passo. "Il Popolo delle Libertà - rileva Daniela Santanché, che ha lavorato al nuovo progetto - nasceva con degli alleati che oggi non ci sono più e forse non è mai entrato nel cuore della gente".

La sconfitta è stata pesante. Tra i vertici di via dell'Umiltà nessuno dice il contrario. Dalle urne delle amministrative è emersa non solo una vittoria schiacciante del Pd, ma anche una scottante verità: senza Berlusconi in campo, il centrodestra non riesce a vincere. Nei ragionamenti fatti in privato, il Cavaliere non ha nascosto il risultato deludente del Pdl, ma ha anche invitato a non enfatizzare l’esito dei ballottaggi: il centrodestra nel voto locale è sempre risultato svantaggiato rispetto al centrosinistra e, ancor di più, per il Cavaliere ha pesato negativamente sul Pdl l’astensionismo, questo sì per l’ex capo del governo da non sottovalutare perché indicativo di una disaffezione che potrebbe aumentare alle elezioni politiche. Mentre Berlusconi sta studiando una forma più light del partito, i vertici del Pdl discutono in modo acceso sul futuro del centrodestra. "La sconfitta del centrodestra alle comunali era annunciata ed è stata più pesante rispetto alle previsioni - il senatore Altero Matteoli - ora è necessario che il Pdl rifletta e corra prontamente ai ripari". Il punto è propio questo: da dove ripartire? In molti sono dell'avviso di chiudere la parentesi Pdl per fare un ritorno a Forza Italia. Un salto alle origini per guardare al futuro con un progetto concreto per l'Italia. In prima fila a premere sul Cavaliere per un rinnovamento in questo senso c'è Michaela Biancofiore che, ai microfoni di Agorà, chiede un vero rinnovamento. Il che significherebbe andare oltre il Pdl allargando la base del partito. "Se il cambiamento nel centrodestra è rappresentato da Cicchitto, che sprona ad andare avanti quando ha fatto 20 anni di politica, è chiaro che questo non può essere il futuro del centrodestra", ha tuonato la Biancofiore rispolverando la formula di renziana memoria: rottamazione. Rottamazione che, però, non deve colpire Berlusconi dal momento che "è ancora percepito come il nuovo che avanza perchè non è colluso con il potere".

Di debacle parla, senza mezzi termini, l'ex ministro Giancarlo Galan che, in una intervista alla Stampa, è tornato a invocare un ritorno allo spirito del '94 per guardare al futuro con maggiore sicurezza. Anche il vice presidente della Regione Lombardia, Mario Mantovani, spinge per un ritorno a Forza Italia attraverso un "percorso di ripresa". Percorso che, come ha annunciato questa mattina la Santanché, il Cavaliere ha ben in mente. "Berlusconi vince quando, sul piano nazionale, presenta un progetto, l’assenza di Berlusconi è stata significativa - ha spiegato Mantovani - ma i nostri candidati avrebbero bisogno rapporto più attento con la popolazione". Ieri sera il presidente dell’Anci, il pidiellino Alessandro Cattaneo, ha incontrato l'ex premier ad Arcore e insieme hanno affrontato il nodo della ricostruzione del partito. "Evidentemente qualche dirigente è un po' spremuto , nel senso che dopo tanti anni che ha dato tanto - ha spiegato il sindaco di Pavia - deve passare per lasciare energie e prospettive un po' differenti". Il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi ha, tuttavia, voluto ricordare che, all'interno del centrodestra, in questi anni è cresciuta una classe dirigente di giovani che non deve essere "buttata via". Dello stesso avviso, d'altra parte, è anche Sandro Bondi che non vuol sentir parlare di congressi e tesseramenti. Polemico anche Fabrizio Cicchitto secondo cui la definizione di un modello di partito non può essere realizzata "attraverso un’operazione del tutto verticistica, senza alcun confronto collegiale e collettivo".

Commenti
Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 11/06/2013 - 13:37

A me sembra di averla già sentita ..... e non una volta sola!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 11/06/2013 - 13:42

Tante parole ma niente fatti, ormai conosciamo ogni cosa di questi politicanti.

unosolo

Mar, 11/06/2013 - 13:45

tornare al " FORZA ITALIA " ? gli anni passano mentre i personaggi politici mantengono tanti di quei diritti " acquisiti "che si sono regalati con tanti anni di sedute parlamentari fregandosene dello spreco . I veterani politici comandano e dettano l'andazzo delle commissioni , commissioni create solo per far rientrare gli esclusi dalle elezioni , la grande famiglia del parlamento politicamente non abbandona a danno della collettività, le ultime elezioni sono il segnale che il popolo non crede più che i parlamentari lavorino per la nazione , i fatti e gli avvenimenti ci dicono che hanno sempre lavorato per loro , per i loro amici o comunque dove trovavano qualcosa che solo a loro interessava . Gli appalti super gonfiati ai danni del popolo , appalti che passavano in sub appalti , come si poteva confermare lo spreco politico ? certamente non cambierà nulla ma almeno si cambia .Peccato solo insistere su cavalli brocchi.

Totonno58

Mar, 11/06/2013 - 13:47

Siamo tutti col fiato sospeso!!:):)

crepmaster

Mar, 11/06/2013 - 13:51

ma nel editoriale di stamattina non si diceva che si era tutto bello nel migliori dei mondi dato che si era in vantaggio nei sondaggi? Per fortuna sembra che alcuni abbiano visto la debacle...anche se si punta ancora troppo sul dato del'astenzione. Ma cosa si è realmente fatto per spingere la gente ad andare a votare? E poi si ha amministrato bene le citta perse? Bisogna incominciare da li!

NANDONE50

Mar, 11/06/2013 - 14:01

Purtroppo il mediocre Fini ha sciolto l'unico vero partito della coalizione di destra ed ora siamo nelle mani del buon Silvio sempre più stanco ed invecchiato. Senza di Lui il PDL non vale niente ed è grave. Manca un partito che parli alla gente e che si riappropri dei valori della destra storica: ORDINE SICUREZZA LEGALITA'.....

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mar, 11/06/2013 - 14:06

... ecco, sì... è esattamente questo che il popolo itaGliano reclama a gran voce.

Ritratto di ventavog

ventavog

Mar, 11/06/2013 - 14:16

"Senza Berlusconi in campo il centrodestra non riesce a vincere"... e Berlusconi ha piu' di settantacinque anni. Non sarà il caso di ripartire da questa considerazione? Non sarà il caso di ripartire da un progetto liberale, antistatalista e antiburocratico da portare avanti senza legarlo ad una persona fisica?

Ritratto di chris_7

chris_7

Mar, 11/06/2013 - 14:36

ventavong hai ragione, io direi di fare un bel bipolarismo niente grullini, fli e stronzate varie: ogni partito sceglie da che parte stà e si creano 2 poli: polo liberale (non fascista) e il polo progressista (non stalinista o antiberlusconista)

Roberto Casnati

Mar, 11/06/2013 - 14:36

Paradossalmente la "forza" del PDL costituisce anche la sua debolezza. Il PDL somiglia molto ad un'azienda a conduzione famigliare nella quale il "capo" ha fondato l'azienda, ha fiducia in se stesso e la porta avanti con capacità, caparbietà ed orgolglio, ma è assolutamente incapace di formare una squadra pronta a succedergli con un nuovo "capo". Di solito il passagggio ereditario nelle aziende a conduzione famigliare costituisce il momento più delicato e, se gli eredi non vanno daccordo oppure sono incapaci oppure non hanno lo stesso spirito imprenditoriale del fondatore o, ancora, si adagiano sul "s'è sempre fatto così", portano l'azienda a sicura morte. Quello è il PDL: non ci sono "leaders", non ci .sono figure in grado di raccogliere il testimone

Paul Vara

Mar, 11/06/2013 - 14:36

Se non è zuppa è pan bagnato... E il popolino ci si tufferà di nuovo.

quelsin

Mar, 11/06/2013 - 14:53

che botta ! più partito light di questo ! aprire gli occhi , la vera svolta è ...partito della gente vera,pensionamento di Berlusconi,un vero partito di centrodestra,la destra è inconsistente elettoralmente, meno socialisti,i liberali sono due gatti.dirigenti formati localmente e veri,non come il baby di bolzano, no a gente che concorre a sindaco nota solo a Berlusconi,che era socialista e non di centro o centrodestra .dopo la consegna dei municipi alla sinistra,il centrodestra e centro sono da rifondare,a cominciare dal leader ,che ha avuto pregi ma moltissimi difetti .la sinistra per vincere sta presentando molti exdc o cattolici.. p.s. non si può fare l'appello al voto ai romani in sussiegoso milanese .

giosafat

Mar, 11/06/2013 - 14:55

Berlusconi può pure smetterla di agitarsi: gli elettori del centrodestra, delusi dal mare di promesse inattuate, se la sono data a gambe. Provare ad illuderli nuovamente è esercizio per masochisti.

marisa dapelo

Mar, 11/06/2013 - 15:00

sono una formica ma anche le ... ecc. Spero che questa sia la volta buona. Nel mio piccolo un suggerimento vorrei darlo. Abbiamo bisogno di persone che si occupano del partito a tempo pieno con capacità organizzative e fedeltà a Berlusconi. Tre coordinatori uno al Nord uno al Centro e uno al Sud che battano a tappeto tutto il territorio premiando i migliori senza badare all'amico di.... Tre nomi: Santanchè al Nord, Verdini al Centro, conosco poco il Sud ma penso che Fitto potrebbe andare. E via a lavorare!!!.E con nuovo entusiasmo noi militanti li seguiremo

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 11/06/2013 - 15:01

quando il mondo cambia, non si può rimanere sempre arrocati ai tempi andati... per questo noi cambiamo il partito, mentre voi comunisti ancora vi accoltellate e vi scannate come 100 anni fa....

berve

Mar, 11/06/2013 - 15:06

Ma se è "pronto a calare l'asso nella manica" vuol dire che lo ripone. Che accidenti cala?

odifrep

Mar, 11/06/2013 - 15:09

Più di qualche anno addietro, ho commentato sul web di "forzasilvio" che si doveva pensare alla sostituzione della persona del Cavaliere, solo di "fatto" ma non di "nome", perché c'è ancora bisogno di avere nel Partito, il cognome BERLUSCONI. La prova evidente è che, oggi, tutti voi ribadite che se non si presenta Silvio, in campagna elettorale, il PdL, affonda. Ultimamente, ho condiviso pienamente i propositi di Sandro BONDI. Infatti, l'unica tessera di Partito che ho avuto è stata quella di AN, restituita nel 2003. Da allora non ho più voluto sentirne parlare, anche perché sin dal 1994, ho incominciato a votare BERLUSCONI. Non dev'essere necessariamente importante "gironzolare" con una tessera del PdL o Forza Italia che sia, bensì professare le idee "ferme" dei personaggi politici che, armati di passione, intendono percorrere la strada dell'onestà. A tal proposito, consiglierei di far costruire La Casa dell'Umiltà in Piazza Popolo di Silvio. Ho sempre sostenuto che non è la politica ne tanto meno la religione a far nascere nemici, ma il vile danaro. Cari Generali e Colonnelli, ogni tanto, cercate anche di camminare a piedi (magari in occulto) per avere più tempo per riflettere. Chissà che non ritorneranno a votare tutte quelle persone disaffezionate dal comportamento dei politici. Per conto mio (fin quando Silvio c'è) col permesso del Signore, ci sarò.

Rossana Rossi

Mar, 11/06/2013 - 16:20

La verità è che i votanti moderati di centro-destra si sono disamorati alla politica per l'IMPOSSIBILITA' di operare quando vincono e sono al comando e la sinistra sfodera qualunque mezzo (vedi magistratura ecc.ecc.)lecito e non per mettere i bastoni tra le ruote così che loro si appropriano del nido soprattutto con mezzi illeciti pur di prendere le leve del potere. E a questo la destra proprio perché moderata non sa opporsi o non lo fa 'per non essere come loro' Risultato: a essere troppo buoni ..........

hellas

Mar, 11/06/2013 - 16:32

Per me è chiaro : questo centrodestra è al fallimento . Dopo venti anni che gli elettori liberali si sentono fare mille promesse mai mantenute,mentre ci si è incancreniti a parlare di giustizia e dei problemi di Berlusconi, era inevitabile che stessero a casa e disertassero consultazioni ritenute inutili o quasi. Partito leggero, ritorno a Forza Italia .... tutte parole vuote. Le idee liberali vincenti ci sarebbero, sono sempre le stesse, ma se aspettiamo che a realizzarle siano Cicchitto ( ex socialista lombadiano che con il mondo liberale non ha mai avuto un c...zzo a che spartire ) o la Biancofiore, con tutto il rispetto.... cadono le braccia !! Ci aspetta una lunga traversata nel deserto, e Berlusconi capisca che c'è bisogno di altra classe dirigente e si faccia finalmente da parte anche lui( solo senza di lui anche a livello locale potrà tornare la voglia ai liberali veri di impegnarsi )

cameo44

Mar, 11/06/2013 - 16:45

Forse quelli del PDL non hanno capito nulla ai cittadini non serve un nuovo partito o meglio un vecchio partito con un nuovo nome ma bensì altri uomini con progetti seri e fattibili di chiacchiere ne abbiamo sentite tante fatti nessuno se è vero che oggi stiamo molto peggio di ieri se è vero che il paese è fermo da oltre venti anni se è vero che non si sono mai fatte quelle riforme di cui il paese ha bisogno oggi è sparito un centrodestra che ha dissipato l'immensa fiducia che gli Italiani gli avevano accordato Berlusconi ha fatto grande cose ma non è stato capace a trovare un suo successore non solo nel 1994 era una novità e una speranza oggi è una cosa vecchia e deludente per avere la fiducia occorre una vita per perderla basta un attimo in questo venten nio molte cose sono cambiate non esiste più la Lega di Bossi non esiste più Alleanza Nazionale non esiste più Forza Itaalia ed il PDL è sempre stato un partito fantasma fin dalla sua nascita sul famoso predellino

maurizio50

Mar, 11/06/2013 - 16:47

Ma c'è qualcuno tra i dirigenti nazionali del PDL che non sia over 60?

pl.braschi@tisc...

Mar, 11/06/2013 - 17:08

Caro Silvio, i tuoi elettori non vanno più a votare perchè non li difendi più! Li lasci in balia di quei fancazzisti del PD alleandoti con loro al governo! Occhio che la pazienza sta veramente finendo!

Stratocaster

Mar, 11/06/2013 - 17:14

X mortimermouse: A me sembra il contrario, anzi le elezioni dicono proprio questo tra le altre cose.

Cristina Ulcigrai

Mar, 11/06/2013 - 17:16

Io sono pronta ad una nuova avventura con Silvio Berlusconi!Cambiamo nome e sede,ci saranno novità,ogni tanto è bene cambiare!Ciao

fabio tincati

Mar, 11/06/2013 - 17:19

La balena bianca e rossa ha vinto per abbandono di campo ed ora dovrà governare.Diranno che hanno trovato tutto disastrato che occorreranno sacrifici(soldi) per rimettere tutto a posto e ricomincerà una solfa alla Rutelli (a Roma).La maggioranza silenziosa non si è mossa,è logico ha visto perfettamente che nelle precedenti legislature hanno messo i bastoni tra le ruote a tutte le leggi del centro destra,magistratura compresa,i discorsi trionfalistici hanno poi stufato.Gli elettori non sono poi così stupidi:quando c'è stato il ribaltone ed il partito comunista ha avuto più voti della DC, La propaganda prima del voto era:il generale della Rovere ed una serie sul fascismo (per dire quanto erano cattivi!)Considerando che 2/3 erano confluiti nella DC ed 1/3 nei comunisti alla fine della guerra e che la DC era impastoiata da correnti guerriglie interne e truffe varie,i comunisti si fecero la fama di essere duri e puri(ed anche un pò stupidi)e gli italiani votarono per loro.Allora arrivò il compromesso storico (come ora).L'unica cosa che riguardava gli italiani erano gli aumenti puntuali ogni 6/8 mesi benzina luce acqua gas inflazione (al 13%),ma gli anni 60 avevano creato capitale e poi l'Italia produceva sul serio non come ora!Quelli che crearono quella situazione erano giovani,eppure ci sono ancora,cosa volete che cambi??Il loro problema è che prima erano sicuri che comunque gli italiani i soldi da qualche parte ce li avevano adesso non ne sono tanto più sicuri e non sanno cosa fare per avere i loro soldi!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 11/06/2013 - 17:29

come sempre le sconfitte riportano una maggior ragionevolezza e autocritica.Appare fin troppo evidente il limite "naturale" del pdl partito personale e nulla piu'.Quando si vorra' co.inciare a discutere e creare una rappresenttanza dei liberali e moderati slegata da personalismi e che quindi non produca una "corte", ma una classe dirigente che si metta in evidenza per meriti o quando abbandonando tutti i vecchi stayalisti che popolano il pdl e cominciare a portare avanti un programma davvero liberale,ebbene quel giorno torneranno in tanti a guardare il nuovo cdx.Per ora continuiamo ad astenerci in attesa di rappresentanza.

Silvio B Parodi

Mar, 11/06/2013 - 17:32

il centro sinistra sono 1000 gatti spelacchiati il centro destra e' la maggioranza del paese,riuniamoci e alle prossime elezioni politiche, vedremo.

Ritratto di IVO

IVO

Mar, 11/06/2013 - 17:33

Caro Silvio io ti ho sempre votato perche ho sempre creduto piu in un industriale che in un politico . Credo però che tu debba cercare dei collaboratori che non siano dei voltagabbana come mio malgrado ne conosco molti, di mele marce ne facciamo anche a meno , sono consiglieri del PDL poi collaborano e/o remano contro. come si suol dire tengono i piedi su due staffe , . Con di questi personaggi in comune come facciamo a continuare a votarti ? c. iv.

BANKIT2

Mar, 11/06/2013 - 18:07

E basta con questa stronzata della rottamazione! Se una persona è valida la tieni, altrimenti la escludi, non c'entra l'età! Vale in primisi per Berlusconi, ma anche per politici validi come Cicchitto: la Biancofiore sta proprio sulla strada ideale per fare a pezzi il presente e il futuro del centrodestra!

xgerico

Mar, 11/06/2013 - 18:24

@IVO- I nomi dei fare, se ne è convinto, non allusioni.

Il giusto

Mar, 11/06/2013 - 18:25

Fino a chè il fallito sarà al mondo non potrà esistere una Destra liberale,onesta e giustizialista!Forza italia prima e pdl poi sono stati solo uno scudo per le tante "marachelle" del vecchio pluricondannato!!!

odifrep

Mar, 11/06/2013 - 18:26

17:29 - Bla bla bla,.......ma senza portare avanti un programma davvero liberale........Noi, siamo qui in attesa. Perché non avanzi proposte, visto che fa riferimento a meriti. Ne avrà da vendere per esporsi con tanta supponenza e non certamente con la "sapienza" liberale.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Mar, 11/06/2013 - 18:31

Bravo Silvio, fai girare le balle ai sinistri per altri 10 anni, aha aha...

roberto78

Mar, 11/06/2013 - 18:38

e i vari gasparri e alemanno che fanno? vanno da la russa? diventano forza italioti? suvvia... non è credibile (tra l'altro sarebbe un insulto all'intelligenza degli elettori se realmente credessero che sia sufficiente cambiare il nome del partito)

tartavit

Mar, 11/06/2013 - 19:16

L'unica cosa che può fare il cavaliere è quella di ritirarsi e lasciare che il centro destra si ricompatta e si rinnovi con gente nuova, giovane, preparata, capace, moralmente a posto, disinteressata e attenta al risveglio dell'Italia. Certo attualmente vi sono nel PDL tantissimi, troppi, vecchi che sono da rottamare subito e gente giovane che, senza alcun merito è stata inserita nel partito e che, come i vecchi, non sa fare niente. Dunque pulizia fino in fondo con i vecchi che sbrodolano solo parole e con i giovani poco preparati. E dovendosi andare fino in fondo, si deve cogliere l’occasione per mandare a casa tutti quei trafficoni e maneggioni che stanno nel partito solo per i loro biechi interessi. Succederà? C'è da augurarselo.

tartavit

Mar, 11/06/2013 - 19:21

L'unica cosa che può fare il cavaliere è quella di ritirarsi e lasciare che il centro destra si ricompatta e si rinnovi con gente nuova, giovane, preparata, capace, moralmente a posto, disinteressata e attenta al risveglio dell'Italia. Certo attualmente vi sono nel PDL tantissimi, troppi, vecchi che sono da rottamare subito e gente giovane che, senza alcun merito è stata inserita nel partito e che, come i vecchi, non sa fare niente. Dunque pulizia fino in fondo con i vecchi che sbrodolano solo parole e con i giovani poco preparati. E dovendosi andare fino in fondo, si deve cogliere l’occasione per mandare a casa tutti quei trafficoni e maneggioni che stanno nel partito solo per i loro biechi interessi. Succederà? C'è da augurarselo.

angelovf

Mar, 11/06/2013 - 19:27

Ma se i sondaggi ci premiano perche perdiamo ?

titina

Mar, 11/06/2013 - 19:32

i partiti tutti devono liberarsi innanzitutto dalle persone corrotte.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 11/06/2013 - 19:38

Attenzione Silvio che gli elettori del centrodestra non sono così beoni come i kompagni.Si stanno stufando di questo buonismo e non vanno più a votare.Lo so che questo favorisce la sinistra ma cornuti e mazziati proprio non ci sta bene.

Ritratto di marystip

marystip

Mar, 11/06/2013 - 19:44

I partiti conservatori, liberali (per semplificare di centro destra) che vorrebbero un minimo di rispetto delle regole sono destinati a scomparire perché l'ignoranza della società attuale è ormai talmente diffusa e preponderante in tutto il mondo che non c'è alcuna speranza di ricostruire una società "civile". Come in economia la moneta cattiva scaccia quella buona, così una società di pezzenti (culturalmente parlando) farà strame delle persone di sani principi e buon senso. Sarà inevitabile.

ex d.c.

Mar, 11/06/2013 - 19:45

Cambiare nome e simbolo aiuta poco, dobbiamo imparare dalla sn ed essere solidali tra noi. La Toscana è un esempio, nonostante gli ammanchi milionari (v. Asl di Massa) nessuno ha accusato nessuno. Abbiamo perso il Lazio creando un maxi scandalo per pochi spiccioli

Atlantico

Mar, 11/06/2013 - 20:26

Ad occhio e croce è il quarto o quinto annuncio di 'rifondazione' del partito berlusconiano. Ma perchè, una volta per tutte, non si prende atto che trattasi di un partito carismatico, fondato e tenuto in vita dal suo fondatore che da anni calamita una fetta pari a circa la metà dei votanti ( gli italiani che gli credono ) e che non sopravviverà nemmeno una settimana all'uscita dalla scena politica di Berlusconi ? La destra italiana l'ha fondata lui e scomparirà con lui. Come disse Luigi XV°, anche Silvio può dire ( e chissà quante volte l'ha pensato ) "Après moi, le déluge". Un giorno Silvio si ritirerà e la destra si volatilizzerà come neve al sole. Nel partito si aprirà una guerra per bande a colpi di dossier e simili, forse vincerà Alfano, forse Fitto, forse Santanchè, forse Marina o forse qualcuno che non si è ancora manifestato ma, in ogni caso, si tratterà di mezze calzette e la destra comincerà un lunghissimo periodo di magra nel quale l'unica cosa possibile sarà sospirare e dirsi l'un l'altro "Quando c'era lui ...". Questo è il destino della destra berlusconiana. Il nuovo 'ventennio' sta per scadere. Per fortuna stavolta non ci sarà nessun Piazzale Loreto. Solo una catastrofe politica.

FerguSSon

Mar, 11/06/2013 - 21:42

@marystip: a quali regole si riferisce?

vince50

Mar, 11/06/2013 - 22:24

Nuovo progetto?troppo tardi.Con i vostri demeriti avete consegnato l'Italia ai comunisti almeno per i prossimi vent'anni.Se aveste avuto la testa sulle spalle e le palle al posto giusto,sarebbero svaniti da molti anni.Smettetela di illudervi e illuderci,non meritate la fiducia dei cittadini traditi.

Ritratto di CesareAugusto

CesareAugusto

Mar, 11/06/2013 - 22:54

NANDONE50, quanto ha ragione! Ordine, sicurezza, legalità: parole sacre da scandire con voce ferma per tornare a vincere.

igna08

Mer, 12/06/2013 - 00:11

Berlusconi ora deve scendere in campo come fece nel 94. Aspettiamo, ora o mai più.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 12/06/2013 - 00:52

Il carisma di Silvio Berlusconi ha solo una spiegazione. Parla da vero statista e questo la gente lo ha capito da tempo. Tutto il resto sono chiacchiere di chi ha cercato inutilmente di abbatterlo. IVI COMPRESE QUELLE TOGHE ROSSE CHE TRADISCONO LA COSTITUZIONE E L'ISTITUZIONE CHE SERVONO INDEGNAMENTE.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mer, 12/06/2013 - 07:42

ennesimo annuncio di un annuncio di una riforma epocale che cambierà la politica italiana per i prossimi decenni......il solito disco rotto

linoalo1

Mer, 12/06/2013 - 08:22

Caro Silvio!Avresti dovuto farlo ancora negli anni '90!Cosa?Liberarti di pesi inutili ed ipocriti!Ossia:Bossi,Fini,Casini!Non ti hanno creato solo problemi?Ed allora,spesso i proverbi hanno ragione.meglio soli che ............ .Oggi,guardandoti indietro,ti accorgeresti che avresti potuto raggiungere molti altri traguardi!Purtroppo,non si può tornare indietro ed,il tempo,è inesorabile!Passa per tutti!Quanti rimpianti!Quanti'se'!L'unica consolazione è che i nodi stanno cominciare ad arrivare al pettine!Io,stò seduto sulle rive del Gange ed aspetto!Lino.

igna08

Gio, 13/06/2013 - 11:18

Caro lino. In parte hai ragione, Il fatto è che i TRADITORI si manifestano soltanto all'ultimo momento. Certamente non poteva saperlo Berlusconi e nemmeno gli elettori che li hanno votati. Naturalmente, mi riferisco sopratutto a Fini e Casini.