Il Cavaliere: troppi ritardi Ma tiene a galla il premier

Il leader di Forza Italia è amareggiato, però decide di togliere le castagne dal fuoco a Renzi. E rassicura il partito

Berlusconi toglie le castagne dal fuoco a Renzi e sblocca l'impasse sull'Italicum dopo un summit fiume a palazzo Grazioli. Assieme a Berlusconi c'è lo stato maggiore del partito: attorno al tavolo i capigruppo di Camera e Senato, Brunetta e Romani; i loro vice, Gelmini e Bernini; più Capezzone, Fitto, Matteoli e Verdini. Il Cavaliere ascolta tutti per quattro ore e mezza, poi sblocca la situazione: «Va bene, diciamo di sì all'emendamento D'Attorre». L'emendamento limita alla sola Camera l'introduzione del nuovo sistema elettorale, non regolamentando il sistema di voto per Palazzo Madama. Senato che, se si andasse al voto prima della sua riforma, verrebbe quindi eletto con il «Consultellum». Due sistemi elettorali differenti per due Camere: un vero pasticcio, insomma.
Tuttavia, anche questa volta, da Berlusconi arriva un'ulteriore apertura di credito a Renzi. Il quale avrebbe garantito ai pontieri azzurri, Verdini e Letta in testa, che riuscirà a portare a casa la riforma costituzionale che abolisce il Senato in otto-dieci mesi. C'è da crederci? La stragrande maggioranza del partito del Cavaliere resta scettica ma il ragionamento fatto davanti a Berlusconi è il seguente: «A questo punto siamo a un bivio: possiamo rimanere sulle nostre posizioni, accusare Renzi di non aver rispettato i patti e rompere definitivamente ogni discorso sulle riforme condivise - dicono più o meno tutti i parlamentari azzurri presenti al summit sebbene con diverse sfumature -; altrimenti possiamo mediare, offrire un'altra chance al premier e rimanere in gioco».
Berlusconi ascolta e annuisce. Poi rompe gli indugi: «Va bene, diamo ancora una possibilità a Renzi». Renzi che, attraverso Verdini, aveva fatto recapitare a Berlusconi il seguente messaggio: «Attenzione che io non riesco a tenere insieme né il partito né il governo». Traduzione del non-detto successivo: sono pronto a scaricarvi e fare di testa mia con la maggioranza che regge il mio esecutivo. Quindi Berlusconi chiosa: «Non possiamo dare l'assist a Renzi di dire che siamo noi a non volere le riforme; così facendo, invece, dimostriamo che siamo determinanti».
Così, il Cavaliere dà una mano al premier, garantendo di fatto la vita del suo neonato governo. Una decisione presa con tutta l'amarezza nel vedere come il premier non sia in grado di tenere fede ai patti. Un messaggio che Berlusconi vuole far emergere stilando una nota assieme ai suoi: «Prendiamo atto con grave disappunto della difficoltà del presidente del Consiglio di garantire il sostegno della sua maggioranza agli accordi pubblicamente realizzati». Quindi ecco la scialuppa di salvataggio del Cavaliere: «Come ulteriore atto di collaborazione, nell'interesse del Paese, a un percorso riformatore verso un limpido bipolarismo e un ammodernamento dell'assetto istituzionale, manifestiamo la nostra disponibilità ad una soluzione ragionevole che, nel disegnare la nuova legge elettorale, ne limiti l'efficacia alla sola Camera dei deputati, accettando lo spirito dell'emendamento 2.3». La chiusa della nota è un avvertimento: il contenuto dell'Italicum, tuttavia, non si tocca: «Per il resto, confermiamo integralmente l'accordo pubblicamente realizzato, senza alcun “patto segreto” come maliziosamente insinuato da alcuni organi di stampa. Ribadiamo dunque piena collaborazione su questo piano, e una chiara opposizione sui temi economici e sociali, e su tutto quanto, a partire dalla necessaria riduzione della pressione fiscale e del peso dello Stato, ci rende naturalmente alternativi alla sinistra».

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 05/03/2014 - 08:17

Più che tenere a galla il premier, tiene a galla i propri interessi.

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 05/03/2014 - 08:24

tiene a galla il premier? ma non è alfano che ha il pallino in mano?

m.nanni

Mer, 05/03/2014 - 08:38

Ma perchè il Partito Popolare Europeo non promuove una mobilitazione dei Popolari europei, con gli europarlamentari in prima fila contro questa indecenza tutta italiana di assistere passivamente alla vergognosa persecuzione giudiziaria di Silvio Berlusconi, ossia il leader del maggiore schieramento politico anticomunista? Come mai i Popolari europei non chiedono anche loro diritto europea, alla corte di Strasburgo, per l'Italia imbolscevicizzata? oppure è oramai imbolscevicizzata irrimediabilmente? I Popolari Europei cosa ascoltano, le istigazioni dei Casini o dei Buttiglione, arcinemici dichiarati di Berlusconi e del berlusconismo, quindi con tutto il loro interesse di vedere Berlusconi azzoppato? Possibile che ai Popolari europei, alla stampa libera europea non arrivino gli effetti di questo sfregio non più accettabile, di vedere il leader anticomunista umiliato peggio della Timoshenko, dopo vent'anni di accanimento giudiziario spietato? E Silvio Berlusconi perchè non chiede conto agli europarlamentari di FI del loro sonno profondo davanti ad una situazione, come quella di vedere sfregiata anche la democrazia italiana con il leader dei cosiddetti moderati angariato in tutti i modi e impedito di esercitare pienamente il suo ruolo di leader politico?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 05/03/2014 - 08:49

solo berlusconi può salvare la sinistra, ma siete voi, sinistronzi, a voler ucciderlo! come quel naufrago che chiede aiuto al nemico, ed invece di aver salva la vita, tira con sè anche il nemico. cosi facendo però la barca non resterà in mani italiane, ma finirà in mani sconosciute, e non certamente italiane! bastardi sinistronzi comunisti! a questo siete arrivati: che bestie!!

Ritratto di kywest

kywest

Mer, 05/03/2014 - 08:58

Ennesimo errore del Cav. Speriamo non sia quello mortale...

xgerico

Mer, 05/03/2014 - 09:00

Praticamente cè scritto che il Governo decide e FI dice sempre VA BENE!

guerrinofe

Mer, 05/03/2014 - 09:02

ridicolo,se l'opposizione collabora , si accorda,prende tutto il merito! logica di forzaitalioti.

Salvatore1950

Mer, 05/03/2014 - 09:02

mi aspettavo un governo di rottura...e' arrivato un governino senza personalita' di rilievo, tutto sommato modesto e sotto ricatto dei partitini...mi aspettavo finalmente una seria riforma elettorale...e'arrivata una riformina monca e ancora una volta condizionata da Alfano e minoranza PD......l"unico a godere r' ancora una volta Alfano che vede cosi allontanarsi lo spettro delle elezioni...insomma Renzi e' il nuovo? voi lo vedete come l'innovatore? io ho forti dubbi

linoalo1

Mer, 05/03/2014 - 09:12

Ossia?Solo un bel casino che non risolve niente!I Partitini,probabilmente,faranno ancora il bello ed il cattivo tempo!Domanda di un ignorante in materia:se andassimo a votare oggi e si ottenessero gli stessi ultimi risultati,cosa cambierebbe rispetto ad oggi?Qualcuno è in grado di rispondere?Lino.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Mer, 05/03/2014 - 09:13

Il fatto è che il noto truffatore non ha avuto quello che voleva. Alfano-Berlusconi 2-0: primo punto il 2 ottobre con la fiducia al governo e secondo punto i 4 marzo con la legge elettorale monca. VIVA ALFANO.

Atlantico

Mer, 05/03/2014 - 09:14

Ah, sarebbe Berlusconi che tiene a galla Renzi ... :-))

electric

Mer, 05/03/2014 - 09:24

Berlusconi parla ed agisce come un vero Statista. Solo lui, con le sue capacità, il suo carisma e la sua lungimiranza, è in grado di salvare l'Italia dal baratro in cui la sinistra la sta portando.

Gianca59

Mer, 05/03/2014 - 09:31

Della serie chi la fa l' aspetti, vedi Renzi con Letta.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 05/03/2014 - 09:35

In effetti è tutto merito di berlusconi.Se ci saranno le riforme sarà merito suo.Se non sono saltate è merito suo.Se ieri non ha tolto il suo decisivo appoggio, decisivo visto i numeri in parlamento, è sempre merito suo.Perchè come si dimentica di scrivere l'articolista,la maggioranza non ha i numeri da sola per approvare la legge elettorale e nemmeno le riforme.Si chiama maggioranza,ha i numeri della maggioranza,ovvero più di tutti gli altri messi insieme,ma alla fine chissà per quale misterioso assunto matematico non potrebbe approvare il tutto senza berlusconi.Che poi berlusconi stia accettando tutti gli stravolgimenti che già sono passati è un chiaro segnale di forza da parte del cavaliere,il fatto che siano stati già accettati gli emendamenti del ncd e del pd è semmai la dimostrazione di quanto sia buono,bravo,responsabile e generoso.O che forse è costretto a ingoiare di tutto pur di mettere la sua firma in calce alle riforme...ma per questo giornalista è sempre merito suo

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mer, 05/03/2014 - 09:36

Il PPE deve spostare la sede del convegno in Italia, è impensabile che non sia presente SILVIO BERLUSCONI, l'unico capace, per carisma e competenza, di dettare la linea e dare concretezza al convegno, altrimenti destinato alla irrilevanza. Incassata la vittoria sulla legge Verdini e messo nell'angolo il bamboccio toscano, smascherato con fulminea sintesi, "non controlla i suoi!", adesso la grande mente di SILVIO può e deve, per il bene di tutti noi, dedicare il Suo prezioso tempo a risolvere i problemi europei e chiudere la crisi Ucraina. Se il PPE non sposta il convegno in Italia compie una atto di autolesionismo di cui tutti noi pagheremo le conseguenze.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mer, 05/03/2014 - 09:39

IO; APPOGGIO IL COMMENTO DI M.nanni AL 1000% 1000!; É SE LUI LO PERMETTE LO FACCIO MIO!.

alberto_his

Mer, 05/03/2014 - 09:40

La solita storia degli "interessi del paese", come se tutto passasse dalla riforma elettorale. Inutile giustificarsi per essere collaborazionisti: la cosa è già evidente di per sè a partire dall'infiltrato Alfano.

Agostinob

Mer, 05/03/2014 - 09:45

Napolitano aveva da ridire su tutto sin quando c'era Berlusconi. Tolto lui dal Parlamento, non fiata più. Voleva la riforma elettorale a tutti i costi e lo gridava quando non si poteva farlo. Poi sono arrivati Letta e Renzi e il suo invito a rifare la legge ha cominciato a ritirarsi pian pianino. Perché oggi non si fa sentire? Si faceva sentire su tutto ed obbligava anche a seguire ciò che voleva. Basterebbe che anche adesso pretendesse che la legge venga fatta. Come mai non insiste più? Accetta questa situazione dimezzata? Si, l'accetta, semplicemente perché non è assolutamente sicuro che con la nuova legge possa vincere la sinistra. Al di là dei sondaggi pubblicati, che non sono mai quelli veri, la realtà dà possibile vincitore, con la nuova legge, il centro destra e questo fa subito tirar indietro Napolitano che aspetta ad insistere quando le cose saranno più vantaggiose. E' talmente poco di parte; così indipendente e libero da far ribrezzo.

epesce098

Mer, 05/03/2014 - 09:49

m.nanni - Ma è chiaro perchè tutto ciò non avviene. All'europa interessa solo il lato economico dell'alleanza. Nemmeno per i marò interviene. Se ne frega altamente di noi. Ormai la democrazia in Italia è morta e sepolta. Unica via d'uscita sarebbe il popolo vessato dalle tasse e dalle ingiustizie dei nostri magistrati.

denteavvelenato

Mer, 05/03/2014 - 09:50

Sicuri, non è magari il contrario

Agostinob

Mer, 05/03/2014 - 09:53

Ma qualcuno aveva dubbi su come sarebbe andata a finire? Siamo in Italia, quella dei comunisti che fingono di volere il bene ma vogliono solo il loro interesse. Tutti, dico tutti in Parlamento, sapevano già, appena nato l'italicum, che tanto si sarebbero fatte modifiche per cui tutto sarebbe rimasto come prima o quanto meno si sarebbe tirato alla lunga sino ad esaurimento totale. Tutti lo sapevano, a sinistra quanto a destra.

electric

Mer, 05/03/2014 - 10:00

Si gzorzi, hai ragione. Quando Berlusconi ha ridotto le imposte su straordinari e premi di produzione al 10%, quando ha introdotto la più innovativa legge pensionistica al mondo, quando ha tolto l'ICI sulla prima casa, Berlusconi ha fatto solo ed esclusivamente i propri interessi. Strano però che se ne siano avvantaggiati tutti gli italiani.

Eugenio_il_magnifico

Mer, 05/03/2014 - 10:11

Berlusconi ha dato l'ok perché non poteva fare altro. Nella battaglia, tutta politica, della legge elettorale lui ha perso e Renzi & Alfano hanno (a loro modo) vinto.

italiano_79

Mer, 05/03/2014 - 10:16

@linoalo1 rispetto alle ultime elezioni ci sarà una differenza sostanziale.Con l'abolizione del senato,il partito che vince avrà la maggioranza assoluta; è vero che possono entrare anche i partitini,ma ciò non comprometterà piu la governabilità del paese.Per dire...una lega nord potrà sedersi in parlamento,ma non avrà i numeri per dettare legge...non esisteranno piu le coalizioni ricatto!! è una differenza sostanziale!!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 05/03/2014 - 10:17

@Agostinob,mi spiega il senso per cui questa legge dovrebbe valere anche per il senato,quando si sta procendendo d'intesa tra tutti alla trasformazione del senato stesso,da camera eletta in camera di rappresentanza?NOn riesco a capire il senso di far valere una nuova legge elettorale per un senato che non dovremo più eleggere.O forse chi si sta lagnando in realtà vuole ancora tenerlo in vita così com'è?

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 05/03/2014 - 10:20

@m.nanni,sa perchè il ppe non fa la mobilitazione che chiede lei ogni giorno?perchè non la ritiene assolutamente giusta,evidentemente nel ppe sul dott.berlusconi hanno un opinione differente dalla sua,diversamente si sarebbero mossi,eccome che si sarebbero mossi...

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 05/03/2014 - 10:24

Beh, Agrippina, la grancassa fa sapere al mondo che c'è stato accordo tra PD e Forza Italia(Berlusconi). Lo si trova su tutti i giornali, per approvare o per disapprovare, ma è su tutti i giornali. La grancassa dice che il PD ha ritirato tutti gli emendamenti dopo questo accordo. Noi stessi stiamo a discutere se è un salvataggio o no e di chi, ma lo abbiamo appreso tutti che questo accordo c'è stato. Comanda il PD? Benissimo! E allora vuol dire che il PD ha sentito il bisogno di fare un accordo con il "nemico". Cosa vuol dire questa mossa? Può voler dire tante cose (che non sono quelle che appaiono); ci credo poco, ma può persino voler dire che il PD ha iniziato la lunga marcia verso l'intelligenza! Buona giornata, Agrippina.

Ritratto di kinowa

kinowa

Mer, 05/03/2014 - 10:29

Ancora un'altro errore. Caro Silvio, secondo me hai sbagliato a non dare la fiducia a Renzi, e mi spiego: avresti dovuto dare la fiducia, stando fuori dal governo, in questo modo avresti azzerato gli Alfaniani impedendogli di fare l'ago della bilancia e nel contempo avevi Renzi sotto pressione ed acceleravi le riforme se qualcuno remava contro. Comunque per quanto riguarda questo governo, se il buon Comencini fosse ancora vivo, mi sarei aspettato, ricordando "amici miei" che ad un certo punto il fiorentino Renzi avrebbe detto " ovvia', ci siete cascati? Ma non ve ne siete accorti che questo mio governo è l'ennesima zingarata fiorentina? Da lassù avrebbero applaudito Comencini, Tognazzi e company. Noi però lo avremmo nuovamente preso il quel posto.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 05/03/2014 - 10:37

Finalmente ci siamo arrivati: il PD si è convinto al cento per cento di essere lui a comandare. Adesso ridiamo.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 05/03/2014 - 10:42

"Ma tiene a galla il premier". E te pareva...l'ennesima utile (ed interessata) idiozia. Spero che venga ripagato dalla sinistra con l'usuale moneta...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 05/03/2014 - 10:44

#electric. Per il momento sta facendo soltanto l'utile ed idiota stampella di Renzi.

Rossana Rossi

Mer, 05/03/2014 - 10:46

Pieno accordo con Mortimermouse.......gzorzi come al solito non risparmi le tue cretinate e non riesci a pensare che gli interessi di Berlusconi danno da lavorare a 60.000 persone...tu invece oltre che a passare il tempo a scrivere bischerate a chi sei utile?

cicciosenzaluce

Mer, 05/03/2014 - 11:00

nanni,o nanna,forse è meglio nanna,fai brutti sogni la notte vero? Allora riprova a dormire che è meglio,perche certe idiozie come l'europa bolscevizzata,le può scrivere uno che ancora dorme e non sa che dire,poi visti gli apprezzamenti di illustri idioti che albergano qui,conferma la cervelloticità di certe affermazioni,buon riposo.

pinux3

Mer, 05/03/2014 - 11:09

@mortimermouse....Ahahahahah...Hai proprio intenzione di continuare con le COMICHE?

Atlantico

Mer, 05/03/2014 - 11:10

Rossana Rossi, a parte che sono molti di meno di 60.000 ( e l'altro giorno sono diminuiti di una, ma importantissima unità, di cui potrei fare il nome se fossi certo di non essere censurato, altroché "Silvio non ha mai licenziato" ), devi ricordarti che anche la mafia e la 'ndrangheta danno lavoro a moltissime persone. Anche al nord, per esempio a Seveso dove c'era una banca persino ....

pinux3

Mer, 05/03/2014 - 11:13

@m.nanni...Perchè evidentemente quelli del PPE NON DANNO NESSUN CREDITO al vostro idolo...Non ti viene il sospetto che le cose stiano proprio così? Siete patetici...

Salvatore1950

Mer, 05/03/2014 - 11:21

x gzorzi...e quali sarebbere i suoi interessi...mi illumini per cortesia?

pinux3

Mer, 05/03/2014 - 11:29

@abraxasso...Il PD ha ritirato gli emendamenti ma Cuperlo (che nel PD è minoranza ma nel gruppo parlamentare è maggioranza...) ha appena detto che le famose "soglie" (quella tanto care a Silvio) dovranno essere MODIFICATE...La verità è che B. ha dovuto INGOIARE IL ROSPO, altrimenti si sarebbe ritrovato con una legge elettorale che (l'ha detto lui stesso...) l'avrebbe massacrato...

Agostinob

Mer, 05/03/2014 - 11:30

AGRIPPINA. Ho già spiegato sopra perché non si vuole un cambiamento, da Napolitano ai vari partiti e partitini. Come è divisa la partigianeria in Italia, le coalizioni che possono vincere sono due e quindi il rischio che vinca l'altro è del 50% e Napolitano a questo pensa. Il PD a questo pensa. Alfano a questo pensa. E potrei continuare. Le leggi vengono fatte, checché se ne dica, dalle Corti istituzionali che prenderanno lo spunto di una legge diversa per le due camere per bloccare tutto, con la solita incostituzionalità. Diverso sarebbe se prima e subito venisse tolto il Senato. A quel punto fare la legge sarebbe ovvia e giusta. Ma sino a quando ci sarà il Senato, la legge darà motivo per ogni possibile blocco. Pensi sempre quando parla di politica "a chi può giovare". E la risposta è che questa legge può giovare FI e Renzi ma nessun altro. Tutti sono contro perché tutti hanno da perdere. Una legge che aiuterebbe a rendere gestibile il Paese eliminerebbe una pletora di possibilità di ottenere poltrone e posti di comando su cui si è sempre basata la politica nostrana. Ho più volte detto che un piccolo numero di voti, che definisco sempre "il boccone del Re" ha più potere di ricatto di una quasi maggioranza. La quasi maggioranza abbisogna di quei piccoli voti se non cerca di fare in modo che siano ininfluenti per la gestione. Ecco perché sono tutti contro e questo passo di "cedere" qualcosa porterà a non poter fare nulla.

Il giusto

Mer, 05/03/2014 - 11:42

Anche oggi divertimento assicurato!Direi che il commento di mnanni sul ppe che dovrebbe intervenire è una comica!Il giudice che ha confermato che il pregiudicato non può uscire dall'italia,e tra un po' da casa,gli ha evitato la figuraccia di essere allontanato dalla polizia alla riunione !

cicciosenzaluce

Mer, 05/03/2014 - 11:49

Agostinob,perchè sono 2 ? E il M5S che a febbraio 2013 ha preso più voti di tutti,da solo senza coalizioni ? Tu fai i conti senza l'oste,guarda quanto hanno preso singolarmente i partiti,non le alleanze.

edo1969

Mer, 05/03/2014 - 11:57

L’ho già scritto e lo ripeto: Berlusconi, basta quisquilie, rompi davvero gli indugi e fai un grande gesto per l'Italia: entra nel Governo insieme a Renzi e ai renziani. Proponilo forte e chiaro. Oggi siete la coppia vincente, gli altri sparirebbero. Fare legge elettorale, abolizione Senato, taglio spesa pubblica (VERO), riforma del mercato del lavoro (VERA), della Giustizia, Scuola etc etc. Fate rinascere le imprese e l'economia abbassando il costo del lavoro! Altrimenti il Paese muore. E intanto fate fuori gli Alfani e tutti i parassiti vari che contano come il due di picche, e soprattutto finite di decomunistizzare il PD a costo di portarlo alla scissione (magari... ne uscirà una sinistra normale come nel resto d'Europa?). Poi ciascuno per la sua strada: a Berlusconi consiglio una tranquilla pensione meritata da lui (...e pure da noi tutti). Altrimenti che vuoi fare? Aspettare ancora 1 anno o 2 perdendo tempo a veder litigare i Toti, Brunetta e Verdini?

Giorgio1952

Mer, 05/03/2014 - 11:58

L'obiettività è sempre il vostro punto di forza vero Cramer! Il Cav toglie le castagne dal fuoco a Renzi e sblocca l'Italicum dopo un summit fiume a Palazzo Grazioli, il che la dice lunga sulla prodigiosa metamorfosi che in meno di 24 ore ha ribaltato tutto; lunedì sera Berlusconi sembrava deciso a rovesciare il tavolo delle riforme come vendetta furibonda nei confronti del premier, dal quale si sentiva circuito! Di fronte allo stato maggiore del partito Berlusconi ascolta e annuisce e alla fine rompe gli indugi: "Va bene diamo ancora una possibilità a Renzi". Ecco mi sembra più alzare bandiera bianca che non tenere a galla il premier "Non possiamo dare l'assist a Renzi di dire che siamo noi a non volere le riforme; così facendo dimostriamo che siamo determinanti", determinanti per cosa? NCD sostiene il governo e il nuovo gruppo di ex M5S potrebbe votare a favore sulle riforme, proprio quando sembrava che la situazione stesse per precipitare, con Forza Italia che minacciava di rompere, il Nuovo Centrodestra che resisteva e il Pd che ribolliva, tra lunedì e ieri Renzi ha rimesso le cose a posto, altro che il cantar vittoria del Cav. Se poi i vertici di FI sono rappresentati da Brunetta e Romani, i loro vice Gelmini e Bernini, più Capezzone, Fitto, Matteoli e Verdini, sono d'accordo con Urbani e Martino che dicono la nuova FI essere poca cosa e la vecchia aveva fallito miseramente, come conferma Feltri "Berlusconi è un venditore di scatole vuote. Promette da vent'anni la rivoluzione liberale ma non l'ha mai fatta. Aveva provato con il Pdl e non c'è riuscito. Adesso vuole provarci con Forza Italia. Ma il partito è una scatola vuota".

LOUITALY

Mer, 05/03/2014 - 12:14

Con i nostri voti il PDL/Forza Italia/Cav tengono a falla il golpe monti, il golpe napolitano, il golpe letta, Imu, Tasi, Tares, Trise, IVA 22%, bolli medioevali su fatture a due euro, pizzo mafioso su capitali scudati con patto con lo stato, tasse, tasse ed ancora tasse, golpe Renzi ed ora voterà la patrimoniale con padoan! Sempre tutto con i voti nostri

Pinozzo

Mer, 05/03/2014 - 12:17

Il preg tiene a galla..? Ahr, ahr! Ma si ma si, poveri gonzi bananas, conta ancora qualcosa il vostro idolo, non preoccupatevi. E' tutto per sua libera scelta. Ora pero' valium pannolone e a nanna.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mer, 05/03/2014 - 12:26

#atlantico. AVANTI! RACCONTACI UN;ALTRA BARZELETTA CHE OGGI PIOVE É NOI VIGLIAMO RIDERE! CHI É CHE MANTIENE MATTEO RENZI COME PREMIER AL GOVERNO? BEPPE GRILLO? OPPURE IL PARTITO DELLE 5 STALLE? HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 05/03/2014 - 12:35

@Agostinob,guardi che le due introduzioni di cui si discute vanno esattamente nella direzione che auspica lei.Per abolire il senato ci vuole almeno un anno,tra doppie votazioni in entrambe le camere a maggioranza qualificata(diversamente ci vuole il referendum confermativo).Ecco perche' mi sembra ragionevolissima la scelta di dire che la nuova legge elettorale vale solo per la camera ed entra in vigore con l'approvazione definitiva delle riforme,altrimenti non ha alcun senso e diventa solo la scusa per rimandare all'infinito l'abolizione del senato(inteso come camera eletta)e tornare subito al voto per il tornaconto di x o y.Meno dietrologia e faziosita',stiamo alla logica almeno noi cittadini che credo non abbiamo da difendere a priori nessuno.Lei chiede che ci sia prima l'abolizione del senato,sono d'accordissimo,per cui credo che per logica lei sara' dell'opinione che la nuova l.elettorale entri in vigore solo da quel momento e sia ovviamente cucita addosso alla sola camera elettova come nel caso dell'italicum con la cam dei deputati.Che la proposta poi venga da ncd o dalla minoranza del pd ce ne importa poco visto che e' del merito che ci deve interessare.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mer, 05/03/2014 - 13:12

#Giorgio 1952.Quando, un komunistronzo parla di obiettivitá é come un Asino che parla di voler volare!.

cicciosenzaluce

Mer, 05/03/2014 - 13:22

esposito,re dei destronzi,che più destronzi non si può.

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 05/03/2014 - 13:35

forza pasquale sparane ancora.

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 14:41

@pasquale.esposito....vedo che oggi Pasquà sei in forma smagliante....visto che ti trovi nelle vicinanze chiedi ad angela perché il ppe non interviene, ma forse ti risponderà con un sorrisetto come quello fatto con sarkozy...cmq Pasquà scusa il consiglio ma......curate

Giorgio1952

Mer, 05/03/2014 - 14:59

pasquale.esposito un insulto da lei è un onore, perché leggo i suoi commenti scevri da faziosità, sempre ben argomentati. Come ho avuto già modo di dire svariate volte su questa testata, non sono un elettore di sinistra ma di centro, liberale e che crede ancora nella democrazia che Berlusconi prima e Grillo hanno cercato di distruggere, ma ne resterà uno solo Matteo Renzi che e l'ultima anzi l'unica risorsa per l'Italia di risollevarsi, le ricordo che anche lui non è di sinistra!!! Cordialità

Ritratto di calgra

calgra

Mer, 05/03/2014 - 20:38

aspetta che si liquefi definitivamente...assecondandolo anche in questo pasticcio, non fa che evidenziarne la malafede ( infatti con lui al nazareno aveva concordato altro.....e intanto fa emergere le varie correnti interne alla sinistra, e i contrasti con gli accordi Europei... e bravo il cav,a uno a uno senza colpo ferire li elimina per autodistruzione !!!