Controcorrente: Porro intervista Quagliariello

Il teatro del Casinò di Sanremo è gremito per il primo appuntamento di Controcorrente, gli incontri del Giornale che si terranno nella cittadina ligure fino all'11 settembre

Il teatro del Casinò di Sanremo è gremito per il primo appuntamento di Controcorrente, gli incontri del Giornale che si terranno nella cittadina ligure fino all'11 settembre. Politici, intellettuali e ovviamente le più importanti firme del nostro quotidiano si daranno il cambio sul palco. Si parte con il Ministro per le riforme Costituzionali intervistato dal vocedirettore del Giornale Nicola Porro.

Il ministro attraversa la platea e viene accolto da un lungo applauso. Sul palco lo aspettano il sindaco di Sanremo, Maurizio Zoccarato, il presidente del Casinò, Marco Cambiasio e il direttore del Giornale.

Apre le danze Sallusti: "Controcorrente è la ragione sociale del nostro giornale che è nato negli anni Settanta con questo spirito. Quelli che fondarono il Giornale vennero subito messi nell'angolo. I lettori non più giovani ricordano che in quel periodo andare in giro col giornale di Montanelli era pericoloso. Dopo quarant'anni ci ritroviamo nella stessa situazione. C'è nel paese una manovra per creare una sorta di pensiero unico: far credere che chi è moderato, chi è liberale non ha dignità di stare sul palcoscenico del paese. Noi abbiamo rispolverato controcorrente per riaffermare con orgoglio che noi andremo contro questa corrente".