La Corte Ue accusa l'Italia: "Non sa gestire i fondi europei"

Confermato il taglio di 80 milioni per la Regione Puglia. La Corte: "Irregolarità sistemiche nella gestione e nel controllo dei fondi"

"Le gravi carenze di cui le autorità italiane hanno dato prova su gestione e controllo dell'utilizzo dei fondi Ue sono tali da condurre a irregolarità sistemiche". La Corte Ue descrive così il sistema dei fondi europei e conferma il taglio di 80 milioni di euro al Fondo di sviluppo regionale per la Puglia già applicato dalla Commissione nel 2009. Il Tribunale di primo grado dell’Ue ha respinto un ricorso dell’Italia e ha confermato, con una sentenza emessa oggi a Lussemburgo, il taglio come penalizzazione per l’insufficienza dei controlli di spesa predisposti dalle autorità competenti.

"I revisori dell’Ue hanno constatato diverse irregolarità che hanno giustificato dubbi seri nei confronti dei controlli e dell’ammissibilità delle spese. Oltre alla mancanza di personale nelle strutture dell’autorità di pagamento, le irregolarità riguardano ritardi nell’esecuzione dei controlli di primo e di secondo livello, nella trasmissione delle relazioni, nel seguito dato ai controlli e nell’aggiornamento della tabella di monitoraggio, nonché nelle verifiche che l’autorità di pagamento avrebbe dovuto effettuare. Diverse irregolarità non sono state segnalate dai controllori nazionali, mentre altri controlli erano stati considerati conclusi senza che fossero stati esaminati documenti essenziali. La Commissione ha altresì contestato l’affidabilità della percentuale delle spese controllate e delle rettifiche proposte dalle autorità italiane e ha constatato il malfunzionamento dell’autorità di pagamento", ha spiegato la Corte. 

Commenti

igiulp

Ven, 28/03/2014 - 11:42

Quale "Italia" ?

MEFEL68

Ven, 28/03/2014 - 11:48

I politici italiani non sapranno gestire i fondi UE, ma li sanno inguattare.

tartavit

Ven, 28/03/2014 - 11:52

Ma come è possibile. Nella regione governata dal Super governatore Vendola, si perdono soldi europei. Ma questo Vendola non è il migliore (assai)? Non è il politico più lungi e mirante che abbiamo il piacere di avere? Ce l'ha così tanto con l'Europa che rimanda indietro anche gli euro? Signori stiamo sparecchiando la tavola!

colapesce

Ven, 28/03/2014 - 12:04

non sappiamo gestire i fondi europei ??? perche sono difficili da intascare nei conti personali dei furbetti politici !!! invece i fondi degli italiani sono di una facilita estrema da sprecare e mettere in tasca

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Ven, 28/03/2014 - 12:04

Ma se ne anche sanno gestire la carte del ce@@o figuriamoci i fondi Ue. Incapaci al m³!! Per pietà, salvateci da questi genii!!

Gianca59

Ven, 28/03/2014 - 12:14

Ma questi si aspettano che vengano effettuati controlli ? Qui l' unico controllo fatto è se chi chiede i soldi fa parte della lista degli amici o meno……dopodiché cosa se ne fa dei soldi chissenefrega !

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Ven, 28/03/2014 - 12:15

l'Italia: "Non sa gestire i fondi europei" ... ma perché secondo loro sa gestire quelli nazionali? L'Italia NON sa gestire e basta ... il resto è solo fantasia.

alberto_his

Ven, 28/03/2014 - 13:14

Se non si trova l'accordo su come spartirli o a chi assegnarli con gestione clientelare ecco che non i fondi non vengono impiegati

Marzia Italiana

Ven, 28/03/2014 - 13:26

Ma certo! quando vediamo soldi perdiamo il ben dell'intelletto; l'atavico e bestiale istinto di accaparrarsi il bottino prevale sulla ragione. Perche' siamo solo degli arraffoni! Ci buttiamo famelici solo con lo scopo di riempici la pancia/tasca. Non pensiamo che quei soldi sono solo una parte di quelli che tutti i cittadini italiani hanno versato per contribuire a mandare avanti tutto l'apparato europeo, che ahime', si e' aggiunto alle nostre spese. E quei soldi devono essere spesi intelligentemente per fare delle effettive bonifiche e migliorie del territorio e dei servizi, che crollano e mancano! cialtroni, ufoni e deficienti, per giunta!!!

Marzia Italiana

Ven, 28/03/2014 - 13:32

La Corte UE ha fatto benissimo! non siamo in grado di amministrare il denaro pubblico, perche' diventa automaticamente privato! Avete dimenticato tutti quei soldi stanziati in Sicilia per guardare la piantina? Io no, e mi si contorcono le budella!

Ritratto di geode

geode

Ven, 28/03/2014 - 13:45

Gestire da noi è stato sempre sinonimo di "MAGNA-MAGNA"; non potendosi mettere d'accordo a chi andare la fetta più grossa, preferiscono perdere tutto, noi intanto paghiamo i contributi alla comunità.

Ritratto di Scassa

Scassa

Ven, 28/03/2014 - 14:18

scassa Venerdì 28 marzo Ha ragione l'Europa ,cari amministratori e burocrati politici italiani,perché non siete gentiluomini,siete ladri e vi fate pure beccare ,quindi siete pure fessi !!!!!!! E pensare che di esempi di come spolpare il prossimo ,senza incorrere in sanzioni,ne avete a bizzeffe,basta guardare appena oltre frontiera !!! Siamo proprio guidati da ruba galline !!! Silvana Sassatelli.

Ritratto di illuso

illuso

Ven, 28/03/2014 - 14:22

Speravo che con l'unione europea gli italioti potessero essere governati e amministrati da politici Ungheresi,Olandesi,Austriaci, oltre la beffa pure l'inganno, dobbiamo tenerci i nostri buoni a nulla mamma santissima...Niente di nuovo sul fronte occidentale. Buona giornata a tutti e sorridiamo che la vita è breve.

liberitutti

Ven, 28/03/2014 - 14:31

ahahah.. nemmeno l'avete letto.. scrive la corte dei conti UE "ESEMPIO DI DATI ERRATI NEL SIPA In due organismi pagatori (Lombardia in Italia e Galizia in Spagna), la Corte ha riscontrato alcuni casi in cui le parcelle erano registrate nel SIPA come pienamente ammissibili, nonostante fossero coperte da fitta foresta o presentassero altre caratteristiche che le rendevano inammissibili. La Corte ha altresì constatato che il SIPA non era stato aggiornato con i risultati dei recenti controlli in loco eseguiti dagli organismi pagatori di Spagna (Galizia), Italia (Lombardia) e Ungheria." LUMBARD CACCIABAL

liberitutti

Ven, 28/03/2014 - 14:33

ahahah.. ma vi rendete conto? Scrive la corte dei conti UE "ESEMPIO DI CONTROLLI DI QUALITÀ INSUFFICIENTE IN UNO STATO MEMBRO La Corte ha rieseguito i controlli su un progetto in Italia (Lombardia), il quale aveva come scopo la costruzione presso un’azienda agricola di un edificio a due piani comprendente un laboratorio per la trasformazione di frutta e altri prodotti agricoli, un magazzino e una terrazza per far seccare la frutta. Dopo aver eseguito controlli amministrativi e controlli in loco, l’organismo pagatore ha approvato l’intero importo della domanda di pagamento finale, ossia 221 205 euro. Gli auditor della Corte hanno però constatato che l’edificio aveva prevalentemente le caratteristiche di un’abitazione privata, e non di un edificio costruito a fini agricoli: i relativi costi non erano pertanto ammissibili. Il fatto che le autorità nazionali abbiano accettato l’intero importo della spesa dichiarata denota fondamentali carenze tanto nei controlli amministrativi che in quelli in loco." LUMBARD CACCIAPAL

piccio63

Ven, 28/03/2014 - 14:51

come no! mai gestiti meglio. tutti alla mafia, complice il sistema che da 20 anni vige in itaGLia.

gamma

Ven, 28/03/2014 - 14:54

Una volta tanto la UE fa bene a bacchettarci perchè siamo noi italiani che votiamo gli imbecilli che poi ci fanno pagare delle multe salatissime.

petra

Ven, 28/03/2014 - 15:00

Vengono tagliati i fondi. Molto bene. Tanto i soldi sono già stati spesi e quindi pagherà lo Stato italiano, cioè noi. Ai pugliesi gliene fa un baffo.

Ritratto di Sforza_Italia

Sforza_Italia

Ven, 28/03/2014 - 15:15

Un apparato statale elefantiaco, incapace e ladro, mantenuto in piedi da decenni da governi incapaci. Pur di non lavorare i nostri cari dipendenti pubblici farebbero i salti mortali. E per rubare sono capace di fare altrettanto, con la benedizione dei sindacati.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 28/03/2014 - 15:28

Strano, in Puglia governa il compagno Niki, onesto, tutto gender.

Massimo Bocci

Ven, 28/03/2014 - 15:36

OH servi UE, come è da nostro statutus non possono mica fare CON IL LORO DENARO QUELLO CHE VOGLIONO!!! NEMMENO SPENDERLO!!! Vediamo 80 milioni sequestrati perché con i nostri soldi dobbiamo fare quello che ci IMPONGONO I PADRONI!!!! Certo se uno firma per essere uno WC!!!,SCHIAVO poi non si può lamentare se tutti gli pisciano in testa, Facendo i conti della serva, la UE (I PADRONI STROZZINI!!!) ci sequestrano 80 milioni e dato che loro ci tornano (CON IL TEMPO!!!) circa il 60% di quello che noi GLI VERSIAMO ANTICIPATAMENTE!!! Il pizzo di questa PREBENDA UE dovrebbe essere al meno di 128 milioni che ci hanno SCUCITO, capito ITALIOTI da che razza di ladri ci facciamo TRUFFARE!!! Ma allora ci sta bene, cove vi ponete a 90°, guardate che poi il REGIME VI INTERROGA!!!! EVASORI!!! Meno male ci sono gli evasori, altrimenti si sarebbero fumati anche quelli questo REGIME CRIMINALE DI LADRI.....COOP!!! UE-EURO!!!

lento

Ven, 28/03/2014 - 15:47

Il "sign" niki svendola pochi anni fa prese dall'Europa 6000,000,00 di euri sapete per farne cosa ? "Le notti bianche nei paesi della puglia !!

piedilucy

Ven, 28/03/2014 - 15:48

qualcuno dica ai cervelloni dell'ue che i politici sanno gestire benissimo i soldi che arraffano basta controllare i loro conti nei paradisi fiscali

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 28/03/2014 - 16:06

Come possono gestire danaro dell`U.E. quando fra loro ci sono costanti litigi, per dividersi il malloppo. Il Papa li ha chiamati per nome ma questi KOMUNISTI hanno la faccia veramente tosta.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 28/03/2014 - 16:15

Ma no! non ditemi, non puo' essere. Vendolina é il miglior e più onesto presidente di regione in assoluto, é il dispensatore unico di consigli e pillole di saggezza amministrativa urbi et orbi! Parafrasando una vecchia canzone direi che "Come lui non c'é nessuno"...., quindi...

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Ven, 28/03/2014 - 16:49

Lui riesce bene nel gestire i pistolini....

Caballero65

Ven, 28/03/2014 - 16:55

Ma che dite! Eccome se li sanno gestire! Appena arrivano spariscono! Ma cazzarola dico..mangiatevi una fettina dell ma non tutta la torta! Ma quanto miopi siete a non vedere che la gente è stanca!!

Ritratto di semovente

semovente

Ven, 28/03/2014 - 17:15

Naturalmente vendola era fuori sede e non sapeva.

angelomaria

Ven, 28/03/2014 - 17:31

non si puo'non dargli ragionechidete al pd o si sa'chi!!!!

Luigi Farinelli

Ven, 28/03/2014 - 18:08

Ci saranno pure colpe dell'Italia nella mancata spesa di fondi ma in quanto con questo a metterci come al solito a fare il mea culpa perché le altre nazioni "sono più virtuose e sanno fare tutto meglio" è semplicemente autolesionistico. Riporto alcuni fra le decine di esempi (tratti da "Non vale una lira" di Mario Giordano) di mancato utilizzo di fondi UE da parte dei "virtuosi" Paesi nordici. SVEZIA: 1,6 milioni di euro stanziati dall' UE destinati a risollevare le coltivazioni depresse sono finiti nel buco nero della Bensor, la grande azienda agricola che fa capo alla Corona. GRAN BRETAGNA: i fondi dei sussidi agricoli sono stati pagati a due club motoristici di motocross e a 40 golf club. SVEZIA: 500.000 euro (sempre di fondi agricoli) sono stati usati per rottamare due pescherecci (forse erano d'oro?). GERMANIA: 2500 euro per Wolfgang Porsche, presidente del consiglio sorveglianza Porsche "per la sua tenuta in Baviera dove è solito andare a caccia nel tempo libero". SVEZIA: finanziate coltivazioni di cannabis in Svezia (dove sono illegali). 88 milioni di euro destinati ai contadini sono stati dati a banche Bnp Paribas, Crédit agricole, Crédit Lyonnais...per non parlare di quelli dati alla Coca Cola. Per anni l'EU ha destinato fondi sostanziosi agricoli per incentivare le coltivazioni di tabacco ma, contemporaneamente...anche per finanziare ingenti campagne contro il tabacco. Ma i finanziamenti EU hanno spesso carattere demenziale. ANDALUSIA: 4 milioni per fare propaganda alla dinastia islamica degli Omaiadi; 3 milioni per chi usa insetti in cucina; Non parliamo poi dei finanziamenti finiti a un complesso di musicisti inglesi versati in sinfonie per clarinetto e rutti! Altro che Italia "tutto burocrazia, incapacità, mancanza di progetti, lentezze e vizi politici". La verità è che "L'Europa costa all'Italia 174 euro al secondo, e così ogni anno versiamo nelle casse di Bruxelles 5,5 miliardi di euro in più di quelli che incassiamo. Le cifre tenute rigorosamente nascoste relative agli altri Paesi parlano chiaro: al 31.12.2013 (cito sempre dal libro di Giordano (pag. 99) la sempre efficiente Danimarca aveva utilizzato appena il 54% dei fondi 2007-13; la Francia il 60%, la GB il 56%, la Germania il 70%, la Bulgaria il 49% (l'Italia è al 50,2%). "Ma allora" si chiede Giordano, "se il problema non è solo italiano, io mi chiedo perché continuiamo a far gestire all'Europa (pessima amministratrice) questa ingente massa di denaro? ...E se questo meccanismo non funziona perché allora continuiamo a foraggiarlo con i nostri soldi? Non sarebbe ora che i nostri denari cominciassimo a tenerceli a casa, senza farli passare per Bruxelles?"

Maurizio Fiorelli

Ven, 28/03/2014 - 18:23

Che l'Italia non sia affidabile nella gestione dei soldi è sicuramente vero,ma "Massimo Bocci"qui sopra dice anche una grossa verità.Non sono soldi dell'Europa bensi italianissimi soldi di ritorno ben decurtati.

Ritratto di mark 61

mark 61

Ven, 28/03/2014 - 21:40

"Non sa gestire i fondi europei" li gestisce benissimo nelle tasche dei politicanti italiani

Roberto Casnati

Sab, 29/03/2014 - 00:44

Le accuse della corte sono assolutamente giuste e condivisibili! Gli imbecilli strapagati burocrati di stato sono così stupidi da impedire, di fatto, che i fondi europei vengano utilizzati!

mario massioli

Sab, 29/03/2014 - 03:22

povera italia. siamo governati da una politica capace solo di rovinarci. cliccate PAOLO BARNARD divulgatore in italia della macroeconomia ME-MMT,vi renderete conto del perchè ci troviamo nell'attuale situazione e come uscirne.

NON RASSEGNATO

Sab, 29/03/2014 - 08:09

Solo in Puglia? Non si sono accorti di 600mila euro "investiti" in un concerto in piazza?

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 29/03/2014 - 08:50

CI PENSATE QUANTE OPERE PUBBLICHE E MENO TASSE SI POSSONO FARE ELIMINANDO GLI F35 ? FORSE SERVIRANNO AGLI ITALIANI PER SCONFIGGERE L'ARMATA RUSSA NELLA PROSSIMA GUERRA