Crisi, la ricetta di Polillo: "Bisogna lavorare di più"Sei d'accordo? Di' la tua

Il sottosegretario sui dipendenti pubblici: "La mobilità esiste già, ma non è sfruttata" E avverte: bisogna ridurre il tenore di vita. <a href="http://www.ilgiornale.it/sondaggio_1a.pic1?PID=338" target="_blank">SEI D'ACCORDO? VOTA IL SONDAGGIO</a>

"O noi lavoriamo di più o questo livello salariale medio è insostenibile". È la ricetta dei tecnici. E la enuncia il sottosegretario all'Economia Gianfranco Polillo, che durante una tavola rotonda organizzata da Business International mette in chiaro le cose. L'Italia ha due possibilità: o si consuma di meno o si decide di lavorare di più. Ad ogni modo, qualunque sia la scelta, bisogna ridurre il nostro tenore di vita. La via maestra? Polillo insiste: bisogna rimanere una settimana di più sul posto di lavoro.

Il sottosegretario poi, a margine del convegno, risponde a una domanda relativa al licenziamento degli statali. E non usa mezzi termini: "Bisogna usare le norme che ci sono, come quelle sulla mobilità". La possibilità di mettere in mobilità i dipendenti per due anni, in caso di eccedenza di personale, esiste già. Il punto, secondo Polillo, è che non è mai stata sfruttata appieno.

Dopo due anni di mobilità - ha ricordato il sottosegretario - i lavoratori in esubero, come da norma, devono accettare una nuova destinazione. E in caso non la accettino potrebbero essere licenziati. Attualmente, ha però sottolineato, nella spending review i tagli sono limitati ai vertici dirigenziali del ministero dell'Economia e della presidenza del Consiglio.

In discussione anche eventuali ulteriori tagli che andrebbe a toccare la spesa sanitaria, sui quali ancora non si è deciso: "Ci sono quelli previsti, 2,5 miliardi nel 2013 e 2,5 miliardi nel 2014 e questi già comporteranno sacrifici, speriamo di non tagliare di più, ne stiamo discutendo". Il problema, a sentire Polillo è che la spesa "è cresciuta velocemente negli ultimi anni". Niente di eccessivo. Anzi, la crescita è sotto quella di altri paesi dell'Ue, "ma abbiamo un problema di compatibilità: un servizio di qualità a costi contenuti, si tratta di una missione quasi impossibile".

Commenti

lucioottavio

Mar, 26/06/2012 - 12:49

Cominciate a mettere in mobilità i forestali della Calabria, i dirigenti della regione Sicilia I netturbini di Napoli, i vostri portaborse, voi stessi, i direttori dei vari enti inutili e potrei continuare per altre tre ore ad elencare il sottobosco che avete creato voi politici, ma mi fermo qui per non tediarvi troppo. Quanto poi a lavorare di più, vorrei che lei sapesse sig ministro delle mie tasche, che chi il lavoro ce la, lavora già le sue otto ore sacrosante, mentre chi non ce la, sta aspettando da voi qualche mossa illuminante per rilanciare l'economia. In tutti i casi, con i miei 1.200€ mensili che riesco ancora a portare a casa, non arrivo a fine mese. Ha capito Polillo???? Le scuole del Katanga stanno cercando cervelloni come lei. Ci vada!!!

lucioottavio

Mar, 26/06/2012 - 12:49

Cominciate a mettere in mobilità i forestali della Calabria, i dirigenti della regione Sicilia I netturbini di Napoli, i vostri portaborse, voi stessi, i direttori dei vari enti inutili e potrei continuare per altre tre ore ad elencare il sottobosco che avete creato voi politici, ma mi fermo qui per non tediarvi troppo. Quanto poi a lavorare di più, vorrei che lei sapesse sig ministro delle mie tasche, che chi il lavoro ce la, lavora già le sue otto ore sacrosante, mentre chi non ce la, sta aspettando da voi qualche mossa illuminante per rilanciare l'economia. In tutti i casi, con i miei 1.200€ mensili che riesco ancora a portare a casa, non arrivo a fine mese. Ha capito Polillo???? Le scuole del Katanga stanno cercando cervelloni come lei. Ci vada!!!

Ghiringhelli Mario

Mar, 26/06/2012 - 12:51

polillo ha ragione: lavorare di più o ridurre il tenore di vita( soprattutto degli statali). Come Celentano 40 anni fa: chi non lavora, non fa l'amore. è rimastoil " fare l'amore", per il "lavorare"....lasciamo perdere. Poveri quegli italiani sfaticati, statalisti, sindacalizzati e amanti del sociale.

Ghiringhelli Mario

Mar, 26/06/2012 - 12:51

polillo ha ragione: lavorare di più o ridurre il tenore di vita( soprattutto degli statali). Come Celentano 40 anni fa: chi non lavora, non fa l'amore. è rimastoil " fare l'amore", per il "lavorare"....lasciamo perdere. Poveri quegli italiani sfaticati, statalisti, sindacalizzati e amanti del sociale.

migrante

Mar, 26/06/2012 - 13:07

" o si consuma di meno o bisogna lavorare di piu`"...gia` qui qualcosa non torna, ma non soddisfatto " qualunque sia la scelta, bisogna ridurre il nostro tenore di vita"...ecco che la "logica" va a farsi benedire e tanto per chiarire " bisogna rimanere una settimana di piu`sul posto di lavoro"...ricapitoliamo..inizia con una alternativa, ma poi la mette da parte, non ci sono "opzioni", solo scelte ben precise..riduzione del tenore di vita, lavorare di piu` !!!..se si lavora di piu`..si produce di piu`...ma se non si guadagna di piu` e si "riduce il tenore di vita", a che casso serve produrre di piu` ?!!!...va bene che prenderci per i fondelli e`uno sport molto praticato, ma cerchiamo di non esagerare !!!

migrante

Mar, 26/06/2012 - 13:07

" o si consuma di meno o bisogna lavorare di piu`"...gia` qui qualcosa non torna, ma non soddisfatto " qualunque sia la scelta, bisogna ridurre il nostro tenore di vita"...ecco che la "logica" va a farsi benedire e tanto per chiarire " bisogna rimanere una settimana di piu`sul posto di lavoro"...ricapitoliamo..inizia con una alternativa, ma poi la mette da parte, non ci sono "opzioni", solo scelte ben precise..riduzione del tenore di vita, lavorare di piu` !!!..se si lavora di piu`..si produce di piu`...ma se non si guadagna di piu` e si "riduce il tenore di vita", a che casso serve produrre di piu` ?!!!...va bene che prenderci per i fondelli e`uno sport molto praticato, ma cerchiamo di non esagerare !!!

leo_polemico

Mar, 26/06/2012 - 13:00

Il sottosegretario all'Economia Gianfranco Polillo avrebbe dovuto dire: NOI in ogni modo, qualunque sia la scelta, dobbiamo ridurre il nostro tenore di vita. Come si fa a ridurre il proprio tenore di vita se il tuo stipendio è di 1000 euro mensili? e se sei un pensionato al minimo? Il commento è uno solo: VERGOGNA. Ance il suo titolare dovrebbe vergognarsi e dare, in pubblico, una bella lavata di testa al suo collboratore che, evidentemente, parla per se stesso o per dare aria ai denti: con le remunerazioni da politico è facile predicare bene e razzolare male.

Leonardo Marche

Mar, 26/06/2012 - 13:00

Il Berlusca è riuscito a ridurre il numero degli statali di 110.000 su 3.900.000 (pari a circa il 3%) attraverso il blocco delle assunzioni. Bersanov ha cercato di togliere il blocco, sotto Monti, ma grazie al cielo è stato bloccato lui. Il costo degli statali è però aumentato, sotto il Berlusca, dell'11% per via dell'aumento del costo dei dirigenti e quadri. La Merkel nello stesso periodo ha ridotto il costo dello 0,5%, ma ha anche non pagato la tredicesima. Oggi però si ritrova a comandare ed a battere il pugno sul tavolo e dire cosa fare e non fare. Io non credo che Monti riuscirà a mandare via un solo dipendente, perchè è un uomo di Re Giorgio e farà quello che vuole lui. E d'altronde anche nei risparmi ai ministeri, a ben vedere, quello che faranno saranno solo la soppressione di ruoli organizzativi non ricoperti da alcuno. Insomma starà attento ai numeri da presentare agli investitori, ma a ben scavare la realtà sarà diversa. E noi paghiamo, sempre di più..

leo_polemico

Mar, 26/06/2012 - 13:00

Il sottosegretario all'Economia Gianfranco Polillo avrebbe dovuto dire: NOI in ogni modo, qualunque sia la scelta, dobbiamo ridurre il nostro tenore di vita. Come si fa a ridurre il proprio tenore di vita se il tuo stipendio è di 1000 euro mensili? e se sei un pensionato al minimo? Il commento è uno solo: VERGOGNA. Ance il suo titolare dovrebbe vergognarsi e dare, in pubblico, una bella lavata di testa al suo collboratore che, evidentemente, parla per se stesso o per dare aria ai denti: con le remunerazioni da politico è facile predicare bene e razzolare male.

Leonardo Marche

Mar, 26/06/2012 - 13:00

Il Berlusca è riuscito a ridurre il numero degli statali di 110.000 su 3.900.000 (pari a circa il 3%) attraverso il blocco delle assunzioni. Bersanov ha cercato di togliere il blocco, sotto Monti, ma grazie al cielo è stato bloccato lui. Il costo degli statali è però aumentato, sotto il Berlusca, dell'11% per via dell'aumento del costo dei dirigenti e quadri. La Merkel nello stesso periodo ha ridotto il costo dello 0,5%, ma ha anche non pagato la tredicesima. Oggi però si ritrova a comandare ed a battere il pugno sul tavolo e dire cosa fare e non fare. Io non credo che Monti riuscirà a mandare via un solo dipendente, perchè è un uomo di Re Giorgio e farà quello che vuole lui. E d'altronde anche nei risparmi ai ministeri, a ben vedere, quello che faranno saranno solo la soppressione di ruoli organizzativi non ricoperti da alcuno. Insomma starà attento ai numeri da presentare agli investitori, ma a ben scavare la realtà sarà diversa. E noi paghiamo, sempre di più..

Ritratto di veon

veon

Mar, 26/06/2012 - 13:05

OK, abbiamo capito. Quando c'è da dire una ca****a davvero epica (tra le tante dei cosiddetti tecnici) mandano avanti lui, un po' come pecorone scanio e alemanno. Alla fine ci vuole un personaggio così in ogni governo. In questo caso bisogna ringraziarlo perchè ha finalmente detto la verità su quale sia il vero fine del governo del traditore monti: abbassare il tenore di vita.

Ritratto di veon

veon

Mar, 26/06/2012 - 13:05

OK, abbiamo capito. Quando c'è da dire una ca****a davvero epica (tra le tante dei cosiddetti tecnici) mandano avanti lui, un po' come pecorone scanio e alemanno. Alla fine ci vuole un personaggio così in ogni governo. In questo caso bisogna ringraziarlo perchè ha finalmente detto la verità su quale sia il vero fine del governo del traditore monti: abbassare il tenore di vita.

Minnie78

Mar, 26/06/2012 - 13:23

si riducessero il loro tenore di vita... il nostro è già ridotto all'osso. Iniziassero a pagarsi le spese come i comuni mortali. Caro il mio sig. Ghiringhelli, forse lei non lavora abbastanza, io ho 20 giorni di ferie l'anno e lavoro una media di 8-9 ore al giorno, come la maggior parte degli italiani. Chi non ha voglia di lavorare c'è, e purtroppo di parassiti è pieno il mondo, ma come li rilanciamo i consumi e l'economia riducendo il tenore di vita???? la soluzione è unica TAGLIARE I SOLDI AI POLITICI, I LORO BENEFITS E LE SPESE DEI MILLE COLLABORATORI INUTILI!

Minnie78

Mar, 26/06/2012 - 13:23

si riducessero il loro tenore di vita... il nostro è già ridotto all'osso. Iniziassero a pagarsi le spese come i comuni mortali. Caro il mio sig. Ghiringhelli, forse lei non lavora abbastanza, io ho 20 giorni di ferie l'anno e lavoro una media di 8-9 ore al giorno, come la maggior parte degli italiani. Chi non ha voglia di lavorare c'è, e purtroppo di parassiti è pieno il mondo, ma come li rilanciamo i consumi e l'economia riducendo il tenore di vita???? la soluzione è unica TAGLIARE I SOLDI AI POLITICI, I LORO BENEFITS E LE SPESE DEI MILLE COLLABORATORI INUTILI!

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 26/06/2012 - 14:02

Gli statali?? una altra casta !!!!!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 26/06/2012 - 14:10

Chi solo si avvicina viene perseguitato come Berlusconi.

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 26/06/2012 - 14:02

Gli statali?? una altra casta !!!!!

louise

Mar, 26/06/2012 - 14:13

Infatti, è solo questione di attributi. Le palle non le ha la classe dirigente, si fa per dire, di questo paese, non le hanno i politici, non le hanno i dirigenti della PA, non le ha il presidente della repubblica. La qualità di uno stato non è data dalla forma che esso si è dato, ma dagli uomini che lo rappresentano. Così diceva J. Evola, E la pessima qualità della classe politica riduce lo stato ad un cadavere in putrefazione. La speranza è che la decomposizione sia la più rapida possibile.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 26/06/2012 - 14:10

Chi solo si avvicina viene perseguitato come Berlusconi.

louise

Mar, 26/06/2012 - 14:13

Infatti, è solo questione di attributi. Le palle non le ha la classe dirigente, si fa per dire, di questo paese, non le hanno i politici, non le hanno i dirigenti della PA, non le ha il presidente della repubblica. La qualità di uno stato non è data dalla forma che esso si è dato, ma dagli uomini che lo rappresentano. Così diceva J. Evola, E la pessima qualità della classe politica riduce lo stato ad un cadavere in putrefazione. La speranza è che la decomposizione sia la più rapida possibile.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 26/06/2012 - 14:28

Per ridurre la spesa pubblica,cominciate a fare pagare l'assistenza sanitaria,tutte le spese sanitarie,tutte le spese PUBBLICHE,a quella milionata di "migranti" che ci sono in Italia,CHE NE GODONO I SERVIZI,che ne rappresentano una importante fonte di costo (vedi Ordine Pubblico,Carceri,sicurezza,Accoglienza,Marina Militare,Scuola,),e che non pagano contributi,tasse di alcun genere,nemmeno una "Tassa di soggiorno",per coprire tutte queste spese......ai voglia! Quanti soldi vengono spesi in questo senso?Perchè devono pagare solo gli Italiani?Perchè siamo fessi.Perchè c'è il Vaticano,Perchè lo dice l'Europa.Bene allora non lamentatevi....Mi lamenterò solo io,ed appena posso,dopo 25 anni di permanenza all'Estero,appena posso ci ritorno....Voi state qui a fare i buonisti,a lamentarvi,a pagare delle tasse inique che affossano le Aziende,ed arricchiscono politicanti,cialtroni vari di turno.Buona giornata!

marmarvit52

Mar, 26/06/2012 - 14:50

Polillo? Questo povero insigne straccione mi ricorda un altro straccione ,tal Rotondi, che voleva abolire la pausa pranzo per aumentare la produttività. Buffone, vai a zappare la terra, così aumentiamo la produttività, visto che nel governo Monti sei sprecato per eccesso di str***ate!

lot

Mar, 26/06/2012 - 14:46

Il tasto che si viene a toccare sugli statali è estremamente delicato e pericoloso. Il problema esiste da sempre e da sempre andava risolto o ridotto ma adesso sarà difficile, di colpo, dire a milioni di famiglie di rinunciare ad un reddito sicuro e chiedergli di finire in mezzo alla strada. La cosa farà scoppiare la guerra civile in un momento di disagio economico complessivo di tutta la nazione. Ci si possono giocare la testa che ciò avverrà. Lo sanno tutti ma continuano a giocare con il fuoco. L'unica cosa che mi dispiacerà, se ciò dovesse accadere, sarà che sarà una lotta tra poveri cristi infilati in ciò da irresponsabili vari di tutto il mondo politico. Sarà come per i famosi polli di Renzo Tramaglino che si baccavano tra di loro invece di prendersela con il promesso sposo, il vero e unico colpevole della loro situazione.

dellemon

Mar, 26/06/2012 - 14:51

L' unica uscita è ridurre il numero di parlamentari, senatori, assessori vari ad un decimo (non alla metà come qualcuno finge di volere). Ma questa modifica non la faranno certo i politici, ne i media spingeranno, ne la corte costituzionale la consentirebbe. Finchè non scenderemo in piazza con la vera voglia di far cambiare le cose le tasse continueranno ad aumentare e non per dare servizi ai cittadini ma per far propsperare i politici, i loro amici piu' o meno tecnici e i loro parenti. Noi ingenui aspettiamo che loro si dimezzino di numero. Poveri scemi.

Giulio42

Mar, 26/06/2012 - 14:53

Mi sembra che il tenore di vita degli italiani si sia già decisamente ridimensionato al punto che sono precipitati anche i consumi di alimentari, senza che si sia ridotto il debito pubblico. Questo significa che tutte le misure prese per ridurlo sono sbagliate, che la falla che disperde le risorse è sempre più grande. Quando cominceranno a ridurre gli sprechi, i privilegi, dimezzare il numero dei parlamentari e delle auto blu, dei militari, allora come per miracolo il debito si ridurrà. I politici, parlano sempre di queste riduzioni ma non ne fanno una.

ke giornale

Mar, 26/06/2012 - 14:56

#10 LOUISE....scusa ma i politici chi li vota.....babbo Natale!!! la nostra classe politica rispecchia pienamente i livello di civiltà del popolo italiano....molto bassa... e in più il livello culturale medio si è abbassato a livelli critici e le pagine di questo giornale lo testimoniano inequivocabilmente!!!!

giantilo

Mar, 26/06/2012 - 15:02

Ma perchè non cominacia ad autoridursi stipendio e benefit ???? Ma non sarà il caso che si cominci a dire basta a questi puzzoni che arraffano sempre i soldi dei piu' disgraziati .... loro no ! loro sono i professori e ricordiamoci come li consideravamo quando eravamo a scuola.

leones956

Mar, 26/06/2012 - 15:08

Ma lei e la sig.ra Fornero fate a gara ?

arturo96

Mar, 26/06/2012 - 15:12

#16 ke giornale Sono 30 anni che il livello dei giornali si è abbassato notevolmente. Dai tempi della nascita di repubblica (del padrone de benedetti). E tu ti svegli solo ora? Complimenti, sei il classico sinistrato che capisce le cose con 30 anni di ritardo.

Massimo Bocci

Mar, 26/06/2012 - 15:23

Ma questo cosa vuol aprire una faida di mafia,..licenziare un amico degli amici,che forse ha baciato le mani per la grazia ricevuta (un coop amico),..che non e' mancato mai ad un elezione nemmeno per un circolo di quartiere,sempre fedeli al regime insomma un vero compagno per la merenda,un quasi famigliare o proprio di famiglia di mafia comunista Catto e ora cosa li volete licenziare e poi da cosa da un lavoro che forse non hanno mai fatto,e allora bando alle cose giuste e ai sogni di democrazia, sveglia qui siamo in un regime di LADRI.

pittariso

Mar, 26/06/2012 - 15:31

Gli autonomi,esclusi pochissimi fortunati, da tempo hanno ridotto il tenore di vita.

pittariso

Mar, 26/06/2012 - 15:36

Da una ricerca effettuata anni fa era risultato che il 98% delle barche da diporto era di proprietà di dipendenti pubblici.Tale fatto è risaputo dalla agenzia delle entrate tanto è vero che non vengono fatte ispezioni nei porti. Ci voleva tanto a capire che l stipendio di tali persone era ed é troppo alto e insostenibile per l'economia italiana.

killkoms

Mar, 26/06/2012 - 15:35

la spesa sanitaria è aumentata negli ultimianni?e ci credo!con tutte le"risorse umane"importate da terzo mondo ed est europa era logico!gente che per ogni caz..ata si precipita al pronto soccorso e pretende tutto,subito(e gratis)!

Ritratto di RoseLyn

RoseLyn

Mar, 26/06/2012 - 16:02

Lavorare di più chi gli statali voglio sperare e non i soliti povericristi del settore privato che già fanno 43/44 ore settimanali con quattro settimane annue di ferie se tutto va bene e quando si può.

ilfatto

Mar, 26/06/2012 - 16:00

qui ci troviamo di fronte ad un altro genio al pari del "grande" sacconi che in un periodo di cris e disoccupazione crescente ebbe la "brillantissima" idea di detassare gli straoridinari....da premio nobel...da par suo questo invece in un periodo di crisi nera con i consumi A PICCO tira fuori dal cilindro l'idea di lavorare e produrre di più...e poi questi beni prodotti chi li compra? beh nulla da dire, se non che il sottosegratario è membro della fondazione presieduta da cicchitto....."e ho detto tutto" prendendo in prestito una frase del grandissimo Antonio...

zio Fester

Mar, 26/06/2012 - 16:00

Non esiste una relazione diretta fra quantità di lavoro e produttività. La produttività dipende dall'efficenza dei processi produttivi, che richiedono investimenti per generare frutti. Sono professori e non sanno neppure le cose elementari?

roccoartuso

Mar, 26/06/2012 - 16:02

Un impiegato prende 1000 euro al mese. Deve pagare affitto casa ( o mutuo) , spese per la macchina, luce, gas, telefono, condomino, mantenimento figli, spese per acquisto vestiario, spese per acquisto beni di prima necessità, arriva si e no al 15 di ogni mese e poi per altri 15 giorni stringe la cinghia e non può permettersi neanche un caffè al bar, "E QUESTI PARLANO DI RIDURRE IL TENORE DI VITA DI UN IMPIEGATO, AVALLATI DA CITTADINI CHE HANNO FATTO DELL'INVIDIA VERSO CHI UN POSTO FISSO, IL LORO CREDO" MONTI E IL SUO GOVERNO USURAIO E USURPATORE DELLA DEMOCRAZIA, HANNO RIDOTTO L'ITALIA ALLA FAME, SPERIAMO CHE SILVIO SI DECIDA A MANDARLO A CASA PER RIPRISTINARE LA LIBERTA' E LA DEMOCRAZIA

silviob2

Mar, 26/06/2012 - 16:19

sono d'accardo! Dobbiamo fare come cinesi e indiani lavoriamo 18 ore al giorno e dormiamo in fabbrica per 100 euro al mese! Così Polillo si arricchisce e uscirà dalla crisi (lui). Anche se poi attorno a sé troverà fame miseria e disperazione.

beale

Mar, 26/06/2012 - 16:20

Con l'adozione dell'euro, a quel livello di cambio, si è conseguito il dimezzamento del costo del lavoro per unità di prodotto.Invece di provocare un processo virtuoso di rilancio dell'economia in un nuovo modello di sviluppo, le risorse liberate ( sottratte) hanno alimentato la spesa pubblica improduttiva; il dimezzamento dei salari poi ha di fatto soppresso la classe media dando il via ad un nuovo ordine sociale più simile al leninismo che al liberismo.Oggi mi tocca leggere la boutade di Paolillo e la sua ricetta. Per personaggi come questi che agognano un'economia capitalista in un regime socialista (Cina), il 41bis è insufficiente; bisogna trattarlo come l'abate Faria.

sulin

Mar, 26/06/2012 - 16:23

Con le tasse che ci hanno messo il tenore di vita lo abbiamo già ridotto. Qui più che pensare a come produrre di più per tassarci di più, bisogna pensare a che lor signori, Polillo compreso che, ho appena guardato il suo profilo su internet, ha una lunghissima serie di cariche e consulenze, suppongo estremamente ben pagate. Ma se questi tecnici sanno tutto e sono i consiglieri di tutti e di più, perchè stiamo andando a ramengo? Loro sono quelli che sanno, consigliano, prendono decisioni, mica noi........è come i presidenti delle aziende di stato, le quali aziende hanno dei buchi di bilancio pazzeschi, e loro i capi prendono degli stipendi che neanche Dio....per fare buchi così basta mia nipotina che fa la prima elementare, non ci vuole un "genio".E poi, quando si è accertato che quel presidente è molto bravo a rubare, allora invece di cacciarlo lo promuoviamo ad un incarico di maggior "responsabilità". Tradotto: così roba di più. Forza azzurri, siete gli unici...

FRANCO1

Mar, 26/06/2012 - 16:22

Occorre consumare meno, lavorare di più e ridurre il tenore di vita almeno alla soglia limite per non fare debiti e ricorrere (purtroppo) alle banche. Spero in un ritorno al sabato fascista e alle vacanze estive nelle colonie marine e montane (aperte a tutti).

Mandrelli

Mar, 26/06/2012 - 16:28

Sono daccordissimo, DOVETE lavorare di più... perchè la gente normale si è già rotta i panetti di lavorare 10 ore al giorno per 1000 euro e arrivare a Natale con 50 euro in tasca se va bene.

begallo

Mar, 26/06/2012 - 16:25

SEcondo me, ripeto secondo me , opinione personale, Polillo è ubriaco...

Ritratto di pedralb

pedralb

Mar, 26/06/2012 - 16:26

Queste esternazioni dimostrano, se ce ne fosse ancora bisogno, di quanto questi tecnici si siano completamente bevuti il cervello. Si sono costruiti e vivono proprio in una realtà tutta loro.

FRANCy74

Mar, 26/06/2012 - 16:22

Mah, Mi E' Capitato Di Recente Di Frequentare Il Tribunale Della Citta' Dove Risiedo. E' Pieno Di Cancellieri, Segretarie Numerosissime Tutti Affannati A Chiacchierare E Ridere Tra Di Loro, Ove Presenti, Mentre Spesso E Volentieri Assenti E Non Reperibili. Stessa Scena All'inps, In Camera Di Commercio, Negli Uffici Comunali. Questa E' L'italia.... Un Mondo Del Lavoro A Due Velocita', Dove Nell'impiego Pubblico Troppo Sovente Si Batte La Fiacca E Si Scalda La Poltrona, Basta Vedere In Quanti Enti Esiste Sia Il Portinaio Che L'addetto Alle Informazioni, Ed Entrambi Lavorano Duramente..... Leggendosi Il Giornale...!!! Ecco Dicevo Nel Pubblico C'e' Il Cosiddetto Fancazzismo... Mentre Nel Privato Si Sgobba E Si Rende Conto Costantemente Del Profitto Apportato All'azienda (giustamente) Ecco Questo Non Va Bene, Sulla Scena Internazionale Abbiamo Scarsa Credibilita' Perche' La Nostra Pubblica Amministrazione E' Un Elefante Zoppo E Malato Di Stampo Collettivista.... Mettete A Posto La Pub.am

GRIDO68

Mar, 26/06/2012 - 16:28

Lavorare di più per poi dare più del 50% di ciò che guadagno ad una pletora di burocrati nullafacenti iperpagati ed ipergarantiti????? Piuttosto bisognerebbe che i lavoratori autonomi lavorassero di meno , pagassero meno tasse e riducessero sul lastrico chi ci ha dissanguati.

giux2009

Mar, 26/06/2012 - 16:29

Allora questo non capisce niente, bisogna rendere più efficiente l'amministrazione pubblica non costringere la gente a buttare via + tempo mmmaaa dai :( Poi sul fatto di ridurre il tenore di vita sono d'accordo, oggi cè un sacco di gente che circola in automobile, compra telefonini costosi etc etc etc

pittariso

Mar, 26/06/2012 - 16:37

# 27roccoartuso- Guardi che attualmente c'é gente che non ha un reddito di 1.000,00 al mese e non è neppure sicura di averl il mese dopo. C'è gente (piccoli imprenditori)che,dopo aver speso i risparmi di una vita per cercare di non licenziare i dipendenti e salvare la situazione, si é rovinata trascinandosi dietro anche la famigla.

Giacinto49

Mar, 26/06/2012 - 16:36

Il tenore di vita degli italiani è cresciuto negli ultimi decenni grazie all'indebitamento del Paese, in maniera inversamente proporzionale alla produttività. Ha fatto bene il sottosegretario a ricordarlo. Primi responsabili i sindacati che hanno contribuito a far dimenticare a tutti, impiegati ed operai del settore pubblico (grazie a Dio nel privato vige ancora la regola: "se non lavori non mangi"), il significato della parola lavoro. Quando mai, infatti, case, seconde e terze case, automobili, motociclette, vacanze, uscite dentro e fuori porta, telefonini e televisori a bizzeffe, e chi più ne ha più ne metta, potevano conciliarsi con la produttività media nazionale che è ormai ai minimi storici soffocata da furbizia, apatia e svogliatezza cronica sostenute da diritti sindacali che sono un attentato nei confronti dei "lavoratori" stessi.

storming

Mar, 26/06/2012 - 16:38

Sentivo giorni fa su Radio24 un "consigliere parlamentare" (cosa sono e cosa fanno ??) che affermava candidamente di non vergognarsi del suo stipendio annuo ( € 170.000 annui..... ), frutto di un concorso vinto regolarmente (........) tra centinaia di candidati. Naturalmente l'accento del tizio in questione era marcatamente capitolino.... Ecco, si potrebbe cominciare a tagliare anche da questi, credo che, per quello che fanno e le ore che lavorano 30.000 annui siano più che sufficienti.

FRANCy74

Mar, 26/06/2012 - 16:48

Nel settore pubblico è tradizione di questo paese che i lavoratori fanno poco o niente lamentandosi per giunta spalleggiati dai sindacati. Nel privato al contrario si risponde alle leggi di mercato e si sgobba per portare profitto all'azienda. Chi non lo fa ha le ore contare. Sicuramente sono gli statali a dover lavorare di più per avere una pubblica amministrazione efficiente e veloce in grado di competere sulla scena europea. Lasciamo stare i lavoratori del settore privato che già lavorano tanto quanto all'estero se non di più. Caro sig. Ministro se ne renda conto... Mettete a posto la Pubblica Amministrazione e vedrete che gli investitori stranieri verranno qui in Italia... La vera dicotomia non è tra lavoratori del settore privato garantiti e precari ma tra lavoratori del settore pubblico (pieno di fannulloni spalleggiati dai sindacati) e del settore privato dove ci si fà il "mazzo" ( e se sei della fiom ciao). Cara Fornero, caro Polillo scendete in terra e ve ne accorgerete....

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mar, 26/06/2012 - 17:05

NO Polillo! Ed è un NO pronunciato in modo gelido e implacabile. Nessun Politico eletto o non eletto può permettersi di rimproverare il popolo Italiano indicandolo anche solo minimamente sprecone e/o fannullone. La maggioranza di noi vive ben sotto il livello degli altri popoli europei ma lavora una quantità di ore abnorme e senza limiti per uno stipendio fermo a 10 anni fa come potere d'acquisto, mentre dall'altra parte tasse e le spese vitali sono esplose (carburanti, IVA, Luce, Gas, Acqua, Rifiuti, Casa, Trasporti Pubblici, Sanità, Farmaci, ecc..). Nessuno di voi deve più permettersi nemmeno di rivolgersi agli Italiani fino a quando TUTTI ma proprio TUTTI i tagli (ai costi della politica, dello Stato, degli Enti, della spesa per la Pubblica Amministrazione e per le Amministrazioni Locali, del Sistema Sanitario, ecc...) alla voragine di spesa non saranno attuati senza guardare in faccia a nessuno. Sono Saturato, io come tutti gli Italiani. Sbrigatevi, non avete più molto tempo...

peter46

Mar, 26/06/2012 - 17:01

egregio sottosegretario,Io vorrei lavorare di più del nulla di adesso però....A proposito se ci informa sull'ufficio raccomandazioni tanti faranno domanda e se ci impiega saremo ben contenti di avere trattenute alla fonte e Voi non dovete spendere per la ricerca dell'evasione.

piertrim

Mar, 26/06/2012 - 17:09

Ma a quanto ammonta il livello salariale medio? Questo Polillo lo conosce? Non sa che il nostro è il paese dove tutto, lavoro dipendente e professionale-utile d'impresa-luce-gas-carburanti-trasporti-case-ecc., è più tassato? E che fine fanno tutte le tasse che paghiamo?

corto lirazza

Mar, 26/06/2012 - 17:07

sono d'accordissimo che in caso di grave necessità occorre ridurre il proprio tenore di vita, cosa che gli italiani stanno facendo ed hanno in massima parte, sempre fatto. Però adesso i suddetti fessi vogliono vedere ridurre e di molto il tenore di vita di chi ha sempre vissuto come un nababbo a loro spese, ad iniziare dagli incapaci professori e dai loro sostenitori.

Giovi69

Mar, 26/06/2012 - 17:04

Faccio 9/10 ore il mio dovere ogni giorno (inteso anche sabato e domenica, quasi sempre perche' il mio lavoro lo richiede) e mi vedo portare via troppo da questi fannulloni dalle idee geniali partorite in una vita di nullafacenza ed agi inaccettabili. Ma ci vorrebbe un patogeno divino per regalar loro nuova vita lontani da me, altro che lavorare di piu'...

pittariso

Mar, 26/06/2012 - 17:03

Gli unici che possono e dovrebbero lavorare di più sono i dipendenti pubblici,gli altri,pur volendo, non possono in quanto grazie anche a questo governo il lavoro non c'é.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mar, 26/06/2012 - 17:10

"Dopo due anni di mobilità - ha ricordato il sottosegretario - i lavoratori in esubero, come da norma, devono accettare una nuova destinazione. E in caso non la accettino potrebbero essere licenziati". Notare la raffinatezza del linguaggio, tipicamente politico. DEVONO accettare, e in caso non accettino POTREBBERO essere licenziati. Il che, per noi abituati a questi sofismi, significa: chiederemo loro di accettare una nuova destinazione, li supplicheremo, proporremo aumenti e promozioni, tuttavia, se non accetteranno non potremo farci niente, si sa che "potrebbero" essere licenziati, in un paese normale, ma in Italia non lo saranno mai. E quindi ce ne torneremo con le pive nel sacco, e intanto qualcuno nell'altro ufficio avrà già assunto altri cento impiegati (tipo i "camminatori" siciliani o i "portatori di faldoni" dei tribunali). Occorre cambiare tutto, perché nulla cambi.

Ritratto di falso96

falso96

Mar, 26/06/2012 - 17:13

Ho sentito il Ministro ad una trasmissione televisiva a cui partecipa Porro e dopo aver parlato e fatto annunci per tutta la trasmissione, il giorno successivo è arrivata la smentita dalla Fornero..... Preferisco che a decidere del nostro futuro sia un eletto dal POPOLO che dovrebbe essere sovr, è scritto!!"popolo sovrano". Peccato che per il momento rimane solo scritto.

a.zoin

Mar, 26/06/2012 - 17:22

La piu' grande BICHERATA detta una persona che crede di essere chissa chi. Lui e i suoi famigliari hanno un lavoro sicuro ,ma, Che ne sa lui degli Italiani. Della gente che si togliere la vita ,perche ha problemi con pagamenti.Questo incompetente non sa nulla ,oppure se ne frega. Se il calore delle serie scaldate da questo signore, si petessero transformatie in energia eletrica ,penso Che si potrebbe illuminare Roma per un patio di anni. Voi del Giornale ,potente spedire per posta à questo Biscaro,( non lo chiamo per nome,perche sarebbe un' offesa a tutti i polillo.) una lista con quanti disoccupati ci sono momentaneamente in Italia.

nemo72

Mar, 26/06/2012 - 17:45

a questo buffone gli dovrebbero spiegare che buona parte degli italiani un lavoro non ce l'ha grazie a lui e al governo di cui fa parte..

Ritratto di veon

veon

Mar, 26/06/2012 - 17:47

#2 Ghiringhelli Mario Purtroppo quelli saranno gli unici a salvarsi, perchè sono gli stessi che danno il potere attraverso il voto bulgaro.

BONSIPOGGI

Mar, 26/06/2012 - 18:06

Più esterna qst Polillo e maggiori sono le ragioni per non volere qst governo di professori.Come al solito l'esternazione proviene da chi il problema non se lo deve porre, tanto chi,come lui, in un modo o l'altro ha la vita congegnata in modo tale che può recuperare ciò che perde lavorando di più o consumando meno. Non ci ha parlato un operaio, bensì un prof che vive secondo un sistema che gli consente di gestire il proprio lavoro ed il proprio tempo quindi come vuole: lui può recuperare, ma un operaio, un impiegato ecc se rinuncia ad una settimana di ferie x lavorare non ha modo di recuperare, e non gli resta che vivere x lavorare, quando dovrebbe essere al contrario lavorare per vivere. Caro (si fa x dire) Polillino: ci hai scassato! E fntantochè sia il Cav che alfano insistono a sostenere sto governo non riavranno il mio v oto.MAI!

bruna franceschini

Mar, 26/06/2012 - 18:02

Basta, mandateli a casa tutti dal primo all'ultimo!!!!

alberto51

Mar, 26/06/2012 - 18:05

si certo sono d'accordo-otto ore di lavoro suddivise in 6 pause caffè con fumatina pari a un'ora di lavoro, prima di iniziare il lavoro almeno un quarto d'ora a sistemare non si sa bene cosa 10 minuti prima della pausa pranzo idem, al ritorno della pausa pranzo altro piccolo pazzeggio con discussioni vario e e 10 minuti prima del suono della campanella di fine giornata relax con stiracchiamento. Qualcuno addirittura timbra ma non è presente ecc. Questo vale per almeno il 40% dei lavoratori ( si fa per dire)- Questa è la ragione per la quale conviene fare società con un rumeno o con un albanese, i dipendenti sono scelti direttamente dallo straniero. e tutto funziona a meraviglia.PROVARE PER CREDERE.DILLO AI SINDACATI!!!PASSA PAROLA CHE A QUELLI DELLA CGIL GLI FANNO IL COROLLARIO NERO. A DETTA DEI BRAVI GIORNALISTI ITALIANI SI AUGURANO CHE LA MERKEL PAGHI I DEBITI FATTI DAI SINDACATI. TEDESCHI MICA FESSI.

lunisolare

Mar, 26/06/2012 - 18:10

"o si consuma di meno o si decide di lavorare di più" le due proposte poste in alternative in effetti sono sbagliate, poichè se si consumasse di meno si lavorerebbe di meno e si lavora di più se c'è una domanda che induce ad un aumento della produzione, per cui la soluzione di restare una settimana in più sul posto di lavoro è propaganda che riflette una mancanza di idee in proposito. Bisogna creare il lavoro che indurrà un circolo virtuoso di diminuizione della disoccupazione ed un aumento dei consumi, o altrimenti incentivare un lavoro qualitativo che induce all'acquisto nell'esportazione e crea un indotto, per cui senza provvedimenti restano discorsi di mezza estate.

Ritratto di Ennaz

Ennaz

Mar, 26/06/2012 - 18:20

Questo particolare invito va rivolto a tutti quei dipendenti pubblici,in prevalenza,ma anche privati che il lavoro non sanno neanche cosa sia e lo lasciano agli onesti responsabili! L'invito da fare,invece,a mio avviso è :BISOGNA RUBARE DI MENO,anzi,possibilmente NON RUBARE AFFATTO!Ma,come farebbero i vari politicanti,i rappresentanti delle istituzioni e gli amministratori pubblici??Dovrebbero veramente lavorare? Non sia mai detto!!

blackbird

Mar, 26/06/2012 - 18:17

Questo buffone non ha tutte le rotelle a posto! Conosco diverse persone che salterebbero volentieri le ferie, se avessero un lavoro e altre che sarebbero rimaste a lavorare anzichè andare in pensione se l'azienda non fosse partita per la Cina! Pe la riduzione del tenore di vita non ci sono problemi: gli italiani si stanno già impegnando! Consumi in calo da mesi, siamo tornati a livelli di spesa di 15 anni fa! Ma poi non si lamenti che le entrate fiscali (IVA, accise, ecc.) scendono!

Mario-64

Mar, 26/06/2012 - 18:22

Ok ,toccare le ferie e' un argomento delicato ,ma siamo sicuri che un insegnante giapponese si faccia tre mesi di vacanza come un italiano? Negli USA mediamente le ferie non superano le tre settimane.

fiducioso

Mar, 26/06/2012 - 18:24

"Bisogna ridurre il tenore di vita".....Sì!..... ma dei politici!

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 26/06/2012 - 18:25

Polillo dixit : "Ad ogni modo, qualunque sia la scelta, bisogna ridurre il nostro tenore di vita". Che io sia d'accordo o meno non fa differenza; ci hanno pensato loro (senza il mio accordo) a ridurre il mio tenore di vita e, poiché sono in pensione, non obbligandomi a lavorare di più bensì costringendomi a ridurre i consumi. Ovviamente, consumando di meno, introiteranno meno iva e gabelle/balzelli vari, il commercio incasserà di meno con evidenti conseguenze sul piano occupazionale, etc, etc. Miiiii _ chia, proprio dei falchi questi attuali apprendisti reggenti. A proposito : Prontoooo ? Spending & Spanding Review ???!!! (non risponde nessuno, sono troppo occupati a studiare).

mariolino50

Mar, 26/06/2012 - 18:30

Mia figlia si è laureata con suoi e miei sacrifici, ha trovato un lavoro di sei mesi per lo stato ma gratis, sarebbero questi i lavori che servono per aumentare il pil, questi fanno colazione con i grappini e non col cappuccino per sparare roba del genere, ai miei tempi ti sfruttavano ma non a questi livelli, magari poco ma nessuno pretendeva che tu lavorassi senza prendere NIENTE, anche ai tempi degli schiavi non gli davano soldi, ma da mangiare e un giaciglio si, ora nemmeno questo.

Censore71

Mar, 26/06/2012 - 18:32

Ma non si potrebbe far ridurre a lui il tenore di vita? Dobbiamo ringraziare berlusconi, che dopo 10 anni di governo e non aver fatto niente per questo paese (se non le festicciole ad Arcore), se ci ritroviamo con questi personaggi. Grazie berlusconi

Ritratto di munchhausen

munchhausen

Mar, 26/06/2012 - 18:28

In Italia gli stipendi delle persone comuni sono tra i piu' bassi d'Europa, con un costo della vita sempre piu' alto. Tanti giovani lavorano nei call center anche 60 ore la settimana per neanche 800 euro al mese. In compenso abbiamo i deputati, i senatori e in genere i politici piu' pagati di tutta l'UE..... Perche' il signor Polillo non inizia a tagliare il suo stipendio?

minimo

Mar, 26/06/2012 - 18:41

Vuol far sapere a tutti che veramente è un tecnico e quindi elabora la formula economica riportata in tutti i sunti di macro-econimia. Prof????Ma la scienza delle finanze??? Meno tasse e più consumi????E la formuala della crescita(saggio interesse minore del saggio di crescita???E perché questo signore pensa di aumentare le ore di lavoro anziché tagliare i costi dell'organizzazione sgangherata dello stato?????

danpa

Mar, 26/06/2012 - 18:43

inizierei nel dimezzare il suo stipendio e di tutti i ministri, dei parlamenatri, di quelli delle regioni e province, dei manager del pubblico impiego, del capo della polizia, dello stenografo in parlamento, ecc....

Ritratto di unLuca

unLuca

Mar, 26/06/2012 - 18:55

RAGIONARE di più non guasterebbe sopratutto per un membro dell'esecutivo.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 26/06/2012 - 19:02

Il titolo dell'articolo invita a dire la tua. Ecco, dirò la mia : Le elucubrazioni del signore in questione sono l'ennesima dimostrazione che questo paese sta diventando sempre più un Centro Allevamento Cretini.

Snoopy59

Mar, 26/06/2012 - 18:57

Se questi sono i cervelloni che paghiamo profumatamente per risolvere i nostri problemi allora siamo messi proprio bene!! I problemi in Italia si possono risolvere solo con una severa dittatura, ma questa è anacronistica e quindi le cose andranno sempre più peggiorando. Le aspettative di vita sono talmente aumentate che fra non molto saremo un popolo di vecchi i quali oltre alla pensione peseremo in maniera insostenibile anche sulla sanità. Critichiamo la Germania ma noi al loro posto saremmo disposti a finanziare il debito pubblico di una nazione che, con i presupposti di sopra, è destinata a fallire? Credo proprio di no!

AG485151

Mar, 26/06/2012 - 19:01

esempio CCNL chimici Art. 23 - Trasferimento II lavoratore non può essere trasferito da un'unita produttiva a un'altra o da una sede di lavoro ad un'altra se non per comprovate ra*gioni tecniche, organizzative e produttive. II trasferimento deve essere comunicato per iscritto, normalmente con congruo preavviso.....omissis.....Al lavoratore trasferito deve essere corrisposto il rimborso delle spese di viaggio, vitto ed eventuale alloggio per s6 e per le persone di famiglia che lo seguono nel trasferimento (coniuge, figli, parenti en*tro il 3° grado ed affini entro il 2°), nonch6 il rimborso delle spese di trasporto per gli effetti familiari' (mobilio, bagaglio, ecc.), il tutto nei li*miti della normalità e previ opportuni accordi da prendersi con l'im*presa. Ecc.ecc.ecc. PERCHE' QUELLI DEL PUBBLICO IMPIEGO comunale,provinciale,regionale,statale NO ???

schopenaueriano91

Mar, 26/06/2012 - 19:10

Proposta degna di un regime comunista! Il loro disegno è chiaro: vogliono costringerci ad essere i loro schiavetti. Adesso propongono una settimana in più di lavoro, poi proporranno un mese, poi ancora tre mesi. Ecco a quel punto instaurata una dittatura. Cominci a lavorare chi fino ad oggi ha fatto finta di lavorare! La nostra classe dirigente si dimostra sempre priva di scrupoli quando si tratta di approvare (o meglio imporre) trattamenti disumani a nostro carico. Al contrario piange lacrime di coccodrillo e nasconde la polvere sotto il tappeto quando l'unica mossa necessaria sarebbe quella di diminuire le indennità e gli sprechi della politica. Il pensiero di Polillo palesa una ipocrisia e disonestà sconfinata.

GilbertoVR

Mar, 26/06/2012 - 19:16

Purtroppo Dottor Polillo ha commesso degli errori di comunicazione, ma sostanzialmente dobbiamo ricordarci che il nostro sistema produttivo non è assolutamente competivito anche per scarsa produttività . Non si incrementa la produttività lavorando di più ma lavorando meglio. Bisogna anche riconoscere che nel pubblico , molto spesso, non esiste neppure un parametro di misurazione della produttività. Sempre per il pubblico impiego occorre , al più presto, istituire la completa privatizzazione del rapporto di lavoro, con moblità territoriale obbligatoria, licenziamento per esuberi, utlizzo degli stessi per lavori utili in settori compatibili.

alfio_alfio

Mar, 26/06/2012 - 19:26

é il loro benessere;beati loro:a farli parlare a venvera.i dipendenti pubblici non devno lavorare di più ma meglio,.

Ivano66

Mar, 26/06/2012 - 19:24

Quest'uomo è una macchietta: basta ricordare la serie di gaffe e idiozie collezionate negli ultimi mesi (cfr.: http://www.ilvostro.it/politica/gianfranco-polillo-dixit-bentornato-al-gaffeur-dei-tecnici/32785/). Inqualificabile e imbarazzante, senza un briciolo di onestà intellettuale: cominci lui a ridursi lo stipendio, per cominciare.

BESIOSCA

Mar, 26/06/2012 - 19:33

Incominciassero loro per primi a lavorare seriamente nell'interesse del paese Italia, gli operai gli impiegati ecc.ecc. Già lo fanno da secoli

nino47

Mar, 26/06/2012 - 19:31

d'accordo sul ridimensionamento del tenore di vita. ma circa il lavorare di più, detto in un'Italia dove il problema sta nell'eccesso di cassintegrazione e disoccupazione proprio per mancanza di lavoro , la cosa suona un pò demenziale. Mi pare che l'idea della tassa sui cani e gatti venisse dalla stessa fonte.Amenochè, in sintonia col pensiero tecnico, i soliti fessi che lavorano debbano lavorare di più per compensare quelli che non lo fanno.E' vero che Dio li fà e poi li accoppia!!!

Rickyprince

Mar, 26/06/2012 - 19:26

Egregio Dottor Polillo, Le porto il mio caso: lavoro nel privato e faccio al massimo 3 settimane di ferie l'anno, per la precisione 2 ad agosto e una a Natale. Equivalgono a 11 mesi ed una settimana lavorati. Vogliamo togliere le malattie che ogni tanto mi permetto di fare e qualche permesso per inderogabili necessità? Va bene, arrotondiamo a 11 mesi. Ora, per mettere insieme 3 mesi di ferie l'anno, devo sommare la media ferie degli ultimi 3 anni. Oltretutto, non ho mai conosciuto né conosco nessuno che si assenti per 3 mesi l'anno. Potrebbe spiegarci a chi si riferisce, dottor Polillo? Chi lavora solo 9 mesi? La settimana in più la posso fare: sarò al lavoro, quindi niente acquisti, niente consumi, niente soldi ai negozi. E' sicuro, dottor Polillo, che facendoci restare al lavoro si aiuti l'economia? E se nessuno compra, a chi gioverebbe una settimana in più di produzione? Solo al valore delle rimanenze finali di magazzino, credo...

marsil

Mar, 26/06/2012 - 19:34

Bisogna risparmiare? Benissimo. Cacciamo Polillo e lasciamolo senza pensione.

mcewan33

Mar, 26/06/2012 - 20:17

Scrivi qui il tuo commento

felruf53

Mar, 26/06/2012 - 20:55

ma questo da dove viene?

scipione

Mar, 26/06/2012 - 21:02

Polillo,non dire ca@@ate. Fai lavorare quegli operai che boicottano la produzione delle fabbriche e ,una volta licenziati, certI " GIUDICI " ORDINANO di RIASSUMERE.Questi sono i cancri che non fanno crescere il Paese non la gente perbene che fa il suo dovere .

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 26/06/2012 - 21:05

Ecco sig. Polilllo cominci a lavorare di piu' lei e l'oscena cricca di cui fa parte. In Germania lavorano meno e sono i virtuosi d' Europa. Il problema italiano e' che si deve lavorare per mantenere la casta infame di cui lei fa parte. Ma dove caxxo l'hanno trovato un'imbecille del genere?

DamyEku

Mar, 26/06/2012 - 21:29

Salve tutti!? Non serve lavorare di più,"Perchè non si lavora già tanto in nero?"(O vogliamo dire da schiavi?".Credo servono politici intelligentialtruisti,è ciò che è sempre mancato alla politica italiana.Perchè invece di lavorare di più,non pensate meno a raccatapallare voti per le prossime elezioni?."Non fate altro che questo tipo di politica ad PERSONAM".Vi dò qualche punto per crescere in qualche modo.1°) Decreto legge per bloccare tutta la borsa italiana:2°) Due camere sono troppe:3) Fuori dall'euro,o fuori la Germania:4°)Case popolari per tutte le coppie che vorranno farsi una famiglia:5°)Soglia di lavoro per gli exstracomunitari e non:6°) Soglia burocratica,chi non la rispetta deve risarcire i danni o essere licenziato in tronco:7°) è tardi alla pross.(BAT)

Ritratto di rebecca

rebecca

Mar, 26/06/2012 - 21:51

Da quale pulpito.....con quel che segue. E' la casta che deve lavorare di più e ridurre il tenore di vita. percepiscono stipendi e pensioni milionarie, come non bastasse, hanno diritto all'auto blu, alla scorta che oltre a proteggerli, si occupa pure di accompagnare lor signori/signore a fare la spesa. Il carrello lo spinge uno della scorta, ovvio ,neppure quello hanno voglia di fare.....sono troppo stanchi!!!!. Queste persone hanno bisogno di tornare a lavorare nei campi, piegare la schiena per procurarsi le risorse necessarie per vivere!!! Polillo, ma chi è costui?????

Ritratto di Riky65

Riky65

Mar, 26/06/2012 - 21:51

ma va a lavorare tu una settimana in più con pari stipendio va a ciapà i rat per chi ci hai presi !

Marco88

Mar, 26/06/2012 - 22:08

Mi sorge una domanda....come mai noi italiani dovremmo lavorare di più senza essere pagati....mentre in altri paesi industrializzati, le persone lavorano le stesse ore di noi e prendono uno stipendio più elevato????.....La verità caro Dott.re Paolillo, è che da noi c'è una bassa produtticità!!!....legata non alle ore di lavoro, ma al fatto che per mille euro dati al lavoratore, se ne devono dare 1.000/1.500 allo Stato!!!!!!!!!!.....Vede Dott.re Paolillo, quando uno parla senza pensare, di norma si dice " attacca la spina prima di aprir bocca "...bè, per Lei calza a pennello!!!!

venanzio

Mar, 26/06/2012 - 22:28

E' giusto per la Pubblica Amministrazione ke lavora 36 ore la settimana mentre nel privato si lavora 40 ore alla settimana. E pensare ke oltre lavorare 16 ore al mese in meno rispetto al privato, gli vengono regalati ancke 5 anni di abbuono per andare in pensione...!!! alla faccia degli operai della camusso Baciiiiii

Bivio

Mar, 26/06/2012 - 22:31

Ma che bella pensata.... E per chi dovremmo produrre se i consumi sono in continuo calo? E pure guadagnare di meno, cosi' il vostro bel tenore di vita (visto che quello non si tocca) chi ve lo mantiene? La prossima pensata vedi di non farla mentre sei seduto sulla tazza, altrimenti lo sforzo ti annebbia la mente!

Ritratto di limick

limick

Mar, 26/06/2012 - 23:06

Polillo e' atterrato sul pianeta terra ieri l'altro. Non ci sono altre spiegazioni.

entropy

Mar, 26/06/2012 - 23:26

no. Bisogna rubare di meno.

vfangelo

Mar, 26/06/2012 - 23:45

Quante precauzioni,tenore di vita,mobilita',consumare meno,lavorare di piu',ma dove imparano queste canzoni? Ancora non basta la miseria? Aumentano tutto quello che e' strategico per l'economia,ma ci vuole uno scienziato per capire che aumentare la benzina si ammazza l'economia? Come puntualmente e' avvenuto,i ristoranti lavorano meno,e non solo,tutti i luoghi che si raggiungono solo con l'automobile,i paesini di montagna,di mare,che si basa tutto sul turismo, al nostro paese non manca niente,dovremmo essere un paese ricco piu' di tutti,perche' abbiamo tutto,invece siamo diventati poveri a causa di quelli che adesso si ergono a salvatori della patria,hanno prodotto un debito pubblico spaventoso,adesso? Tutti onesti,nessuno chiede di verificare i beni dei politici,prima e dopo i loro mandati,(anche se molti hanno superato il trentennio) hanno una bella faccia tosta parlare di debito pubblico,essendo molti o quasi tutti responsabili della nostra rovina.

gazzifam

Mer, 27/06/2012 - 08:05

carol#87 venanzio, sei disinformato. Le 36 ore sono da contratto e se lavori in più non vieni pagato ma "devi recuperare" Io ho 120 ore "da recuperare" ma non credo che lo potrò fare visto i tagli di personale. Quanto alle pensioni, ti ricordo che è da più di 20 anni che non ci sono più le pensioni Baby e quindi il dipendente pubblico va in pensione con i 40 anni. Piuttosto volevo dirti che ho alcuni amici del 1962 che sono già in pensione essendo dipendenti Mondadori. Mi sembrano solo discorsi da bar............

bobsg

Mer, 27/06/2012 - 08:27

Polillo fa rima con "cervello grande come una capocchia di spillo". Le aziende stanno chiudendo per perdita di ordini, altro che lavorare di più. I costi aziendali in Italia sono così alti da rendere il nostro prodotto sempre meno competitivo. Dio mio, in che mani ci siamo messi.

ioios63

Mer, 27/06/2012 - 10:55

Ma da che pulpito arriva la predica. Lavorare di più, consumare di meno, tenori di vita più bassi! Ma di quale "tenore di vita" parla questo sedicente tecnico, di chi sopravvive con 1500-2000 euro al mese - se non meno - o piuttosto di chi come lui ne porta a casa 10 volte tanto? Ma poi se uno non consuma, e quindi non spende, come dovrebbe ripartire l'economia di questo paese? Per bontà divina? Ma ci faccia il piacere signor sottosegretario, si metta "in mobilità" insieme agli altri "tecnici" e porti altrove le sue idee e le sue ricette.