Ecco la strategia del Cav

Berlusconi usufruirà tutto il tempo utile per decidere se richiedere di misure alternative. Scadenza fissata il 15 ottobre

Non giocherà d'anticipo, non spiazzerà i giudici avanzando subito richieste di pene alternative. Silvio Berlusconi, fanno sapere fonti del suo entourgae difensivo, utilizzerà fino all'ultimo i termini che la legge gli concede, e che gli vengono ricordati nel decreto della Procura di Milano che gli viene notificato oggi. Trenta giorni di tempo, che per effetto degli uffici giudiziari si calcolano a partire dal 16 settembre.

Ci penserà, dunque, fino al 15 ottobre. Non è una decisione semplice, quella cui è chiamato il Cavaliere. Berlusconi, si dice, non ha ancora un piano preciso su questo versante, perché le mosse giudiziarie saranno strettamente legate all'evoluzione dello scenario politico. Però, quali che siano queste evoluzioni, entro il 15 ottobre una scelta andrà compiuta.

Berlusconi può anche decidere di non fare nulla. Di non presentare nessun tipo di istanza alla Procura milanese. Ma a quel punto l'esito è quasi scontato: il 16 ottobre i pm faranno scattare il provvedimento di arresto. Saranno arresti domiciliari: perchè il condannato è un over 70, e soprattutto perchè la sua pena residua - un anno da scontare - ricade ampiamente nei tetti del decreto svuotacarceri. A Berlusconi verrebbe concessa la facoltà di scegliere in quale delle sue residenze scontare gli arresti, gli verrebbe verosimilmente concesso un paio d'ore d'aria al giorno e la possibilità di usare telefono e computer. Sarebbero, dunque, domiciliari soft. Ma pur sempre una forma di detenzione. E se Berlusconi uscisse dal portone sarebbe passibile di arresto per evasione.

È possibile dunque che per evitare questa situazione oggettivamente sgradevole, il Cavaliere chieda entro il 15 ottobre di venire affidato ai servizi sociali. Significherebbe restare libero, in attesa del tribunale di sorveglianza: e dopo la sentenza di affidamento, dedicare qualche ora di tempo ad attività socialmente utili. Nel resto del tempo, potrebbe continuare tranquillamente a fare politica: anche se dall'esterno del Parlamento, visto che nel frattempo il Senato avrebbe sicuramente ratificato la decadenza dall'incarico istituzionale.

Commenti

eso71

Ven, 02/08/2013 - 17:42

E lo spread scende..... coincidenza? ;)

Ritratto di benita

benita

Ven, 02/08/2013 - 17:46

forza silvio non ti abbattere anvhe il milan e con te.

marcus57

Ven, 02/08/2013 - 17:47

Speriamo solo che entro la prima metà di ottobre il governo Letta sia andato a gambe all'aria e che le elezioni si possano tenere entro l'autunno.

forza_silvio_54

Ven, 02/08/2013 - 17:51

Lui sarà sempre il nostro leader! Chiamiamo a raccolta, nel ricordo di Mangano, tutti i nostri portabandiera: Dell'Utri, Gelli, Previsti, Fiorito, Scaiola, Lavitola, Cosentino, Milanese, Bracher, Polverini. Non lasciamolo solo.

Ritratto di by Ciumbia

by Ciumbia

Ven, 02/08/2013 - 18:01

crolla anche la pillola blue .... coincidenza?

tormalinaner

Ven, 02/08/2013 - 18:01

Caro Silvio, io e la mia famiglia ti siamo vicini, stai sereno perchè sei e sarai sempre nei nostri cuori e ogni giorno pregheremo per te. Non temere ti difenderemo sempre fino alla fine.

Censore71

Ven, 02/08/2013 - 18:03

L'Italia è uno stato di diritto. Le leggi che b. ha fatto per tutelarsi dai suoi reati finora avevano funzionato. Vedi un paio di processi saltati per la modifica del falso in bilancio e altri prescritti grazie alla ex cirielli. E' stato condannato e, quindi, si ha oggi la certezza, anche giuridica, di quello che tutti già pensavano in Italia. Siamo stati in mano ad un delinquente matricolato. L'Italia è nella situazione in cui è perchè invece di pensare agli italiani lui bloccava il parlamento per sistemarte i suoi processi. Oggi abbiamo la certezza, anche giuridica, della storia criminale del centro destra italiano negli ultimi 20 anni

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Ven, 02/08/2013 - 18:05

Quando si tratta dei propri interessi ci si attacca a qualsiasi cavillo pur di farsene scudo se poi sono gli altri che applicano certosinamente le procedure sono apostrofati in mille modi offensivi. Che strano modo di essere liberali.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Ven, 02/08/2013 - 18:05

Quando si tratta dei propri interessi ci si attacca a qualsiasi cavillo pur di farsene scudo se poi sono gli altri che applicano certosinamente le procedure sono apostrofati in mille modi offensivi. Che strano modo di essere liberali.

Censore71

Ven, 02/08/2013 - 18:05

Finalmente vedendolo per strada gli potremo gridare: "Brutto evasore fiscale" e "brutto pregiudicato" ed anche "brutto delinquente", sapendo che ciò è vero e non solo una sensazione durata 20 anni

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 18:06

In Italia la inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. - C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della autentica Cosa Nostra ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel centro destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione. La Giustizia é altra: Morte ai feroci inquisitori sopra la libertá, il presente e il futuro del Paese.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 18:07

In Italia la inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. - C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della autentica Cosa Nostra ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel centro destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione.

hotmilk73

Ven, 02/08/2013 - 18:07

primo:il titolo di CAV,da lui INFANGATO E DISONORATO,VA REVOCATO...secondo:poche chiacchere,c è antigua che lo aspetta..o kenya,a casa di briatore...si costruisca un asilo,famminile,cosi se le cresce fin da bambine,e si levi,definitivamente dalle palle

Censore71

Ven, 02/08/2013 - 18:07

Per il centrodestra questa è la cosa migliore che potesse capitargli. Liberarsi di questo peso morto che ha affossato l'Italia negli ultimi 20 anni per farsi i suoi porci comodi con un bel po' di mammalucchi che ancora oggi credono a questo delinquente

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 18:08

LA UNICA STRATEGIA CHE VALE É QUELLA DELLA VERITÁ FINO IN FONDO - In Italia la inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. - C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della autentica Cosa Nostra ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel centro destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 18:09

LA UNICA STRATEGIA CHE VALE É QUELLA DELLA VERITÁ FINO IN FONDO - In Italia la inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. - C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della autentica Cosa Nostra ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel centro destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione.

coccolino

Ven, 02/08/2013 - 18:09

Comunque, chiamatemi pure vendicativo, ma se solo potessi godere dell'impunità, io, questi giudici li infoiberei!

Il giusto

Ven, 02/08/2013 - 18:10

Lavori socialmente utili?Potrebbe fare attraversare i bambini al mattino,ma...visto i suoi gusti...potrebbe rischiare un'altra condanna!!!

Ritratto di r.peddis

r.peddis

Ven, 02/08/2013 - 18:13

eso71 la coincidenza vedi di non perderla te.....possibilmente con un treno ad alta velocità

Censore71

Ven, 02/08/2013 - 18:13

Finalmente si potrà dire senza tema di smentita: "AH Ladro....". So che la sentenza di condanna definitiva ha accertato che il nano di Arcore è un evasore fiscale. Ma per me un evasore fiscale non altro che un ladro che ruba allo Stato cioè a tutti noi. Secondo me non serviva la sentenza ma ora nessuno potrà contraddirla. Questa è la storia criminale del centrodestra....non per nulla era amico di craxi

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 02/08/2013 - 18:14

Massì, sangue freddo, calma e gesso: Lasciatela a Guglielmo-Ilic-Epifanov e alla sua ciurma di schiavi, la patata rovente. Scommetto che salteranno come birilli.

bzen

Ven, 02/08/2013 - 18:15

x Benita: sei anche tu una beneficiaria del cavaliere?

xawdoo

Ven, 02/08/2013 - 18:19

a sto punto io farei cadere letta e stic...

benny.manocchia

Ven, 02/08/2013 - 18:19

GIRA E RIGIRA NON HANNO VINTO NIENTE.iNFATTI SONO IN MOLTI A SCOMMETTERE CHE SARANNO PROPRIO I COMUNISTI AD AVERE LA PEGGIO. e RESTERANNO ANCORA (E SEMPRE) I PEZZENTI MORTI DI FAME DELLA NOSTRA NAZIONE. uN ITALIANO IN usa

benny.manocchia

Ven, 02/08/2013 - 18:19

GIRA E RIGIRA NON HANNO VINTO NIENTE.iNFATTI SONO IN MOLTI A SCOMMETTERE CHE SARANNO PROPRIO I COMUNISTI AD AVERE LA PEGGIO. e RESTERANNO ANCORA (E SEMPRE) I PEZZENTI MORTI DI FAME DELLA NOSTRA NAZIONE. uN ITALIANO IN usa

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Ven, 02/08/2013 - 18:28

E' tempo di strategie ma non passeranno per Silvio Berlusconi. Un uomo sottovalutato, capace di portare aria fresca nella politica italiana. Qualcuno, giustamente, lo paragonò a Catilina. Ma ha fatto il suo tempo. Non avremmo mai voluto vedere il modo attraverso cui è uscito di scena: ciò vuol dire che i poteri forti, nel nostro bel Paese, esistono e sono più agguerriti di sempre. Ma prima o poi doveva accadere. Da un male può nascere un bene e qui entra in gioco la capacità della destra italiana di individuare un leader carismatico, forte, cinico, realista e che sappia fare bene il suo lavoro per gli interessi dell'Italia. Sta cambiando il mondo, molte nazioni stanno alzando con fierezza la testa e decidere di non accettare più diktat dall'impero al tramonto. Caro cavaliere, si faccia da parte. Lo so che ha subito un sopruso e so che vedere i giacobini esultare, ovvero quelli che hanno rovinato l'Italia e continuano a rovinarla, le provoca rabbia e voglia di riscatto. Ma se lei vuole bene all'Italia e vuole bene agli ideali che l'hanno accompagnata in questi vent'anni allora si faccia da parte, si goda in serenità il tempo che le rimane da vivere: l'Italia ha bisogno di un leader forte, un uomo (o una donna) che sappia imporsi, anche con la forza, e dettare il suo volere per il bene della nazione. Qualcuno che sappia interpretare e mettere in atto l'essere di destra e condurre una battaglia a questa sinistra becera, giacobina, affarista, distruttrice di valori, elitaria e cancerosa. Pietrangelo Buttafuoco una volta ricordò una frase di Rino Formica: 'la politica è sangue e m....! Bene, tutto ciò che non rientra tra questi due semplici parametri è retorica, buonismo, banalità, demagogia, alienazione e scarsa voglia di agire. Guarda caso tutte caratteristiche dei rossi neo-giacobini. Esca di scena, caro Cav, si porti via anche le varie Santanchè, Comi, Carfagna, Biancofiore, Bianchi... Non abbiamo bisogno di gente come queste. Abbiamo bisogno di gente che sa che la politica è 'sangue e m....!

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Ven, 02/08/2013 - 18:29

Sono sicuro che chiederà di fare servizi sociali... preferibilmente in un collegio per bambine.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 18:30

C´é un partito trasversale. É quello di chi pensa che si debba fare compromessi con la menzogna. Questa la "cultura mafiosa" In Italia. Quella della inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. - C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della mafia piú autentica ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel centro destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 18:30

C´é un partito trasversale. É quello di chi pensa che si debba fare compromessi con la menzogna. Questa la "cultura mafiosa" In Italia. Quella della inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. - C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della mafia piú autentica ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel centro destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 18:31

C´é un partito trasversale. É quello di chi pensa che si debba fare compromessi con la menzogna. Questa la "cultura mafiosa" In Italia. Quella della inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. - C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della mafia piú autentica ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel centro destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione.

Ritratto di benita

benita

Ven, 02/08/2013 - 18:33

anche il leader dell'opposizione kazako arrestato in francia è accusato ingiustamente di evasione fiscale come il nostro silvio e naturalmente i kazaki sono comunisti.

mafalda

Ven, 02/08/2013 - 18:36

Questo é solo l'inizio....

Ritratto di caribou

caribou

Ven, 02/08/2013 - 18:36

forza_silvio_54: cosè la raccolta delle figurine gabbio?

Ritratto di caribou

caribou

Ven, 02/08/2013 - 18:38

Tireremo dritti!!! Fino alla prossima curva...

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 18:38

In Italia la inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della mafia piú autentica ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel Centro Destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione.

Il giusto

Ven, 02/08/2013 - 18:39

Lavori socialmente utili?Potrebbe fare attraversare i bambini al mattino,ma...visto i suoi gusti...potrebbe rischiare un'altra condanna!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 02/08/2013 - 18:39

"Saranno arresti domiciliari: perchè il condannato è un over 70, e soprattutto perchè la sua pena residua - un anno da scontare - ricade ampiamente nei tetti del decreto svuotacarceri." Ampiamente spiegata,a questo punto, la furia con cui questo decreto (che non mancherà di riservare picevolissime sorprese agli Italiani onesti) è stato concepito e votato con modalità bipartisan.

jazov

Ven, 02/08/2013 - 18:40

Bisogna mettersi in testa che si tratta di guerra!! I VERI eversori dell'ordine sociale e di quello morale (genocidi/abortisti, sodomiti, gentaglia che disobbedisce (per ora) in ogni modo alla Legge di Dio, pseudo-giudici con le tovaglie nere addosso, pseudo-procuratori di repubblica che invece dovrebbero zappare la terra, pseudo-intellettuali da quattro soldi e altre fogne umane simili) vanno combattuti con spirito militare, senza misericordia. Ma combattere per il Bene non significa indulgere alle debolezze umane, sennò il male può prevalere. FORZA PRESIDENTE BERLUSCONI e brandisca la Croce di Cristo trionfante!

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Ven, 02/08/2013 - 18:43

Ma sì, nulla di nuovo, dopo tutto prima di lui anche Raffaele Cutolo e Felice Maniero guidavano le rispettive cosche dal carcere!

82masso

Ven, 02/08/2013 - 18:44

benita...Il club più titolato al mondo e l'unico ad aver un Presidente condannato! forza_silvio_54... è ironico spero.

robertav

Ven, 02/08/2013 - 18:50

Forza Silvio, coraggio siamo con te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di Markos

Markos

Ven, 02/08/2013 - 18:52

forza_silvio_54 dopo questo piccolo sforzo nella chiamata a raccolta , fanne uno più' grosso ancora... vai a fare la cacca che poi la mamma ti pulisce il culo con la scopa

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 18:56

In Italia la inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della mafia piú autentica ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel Centro Destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione.

Ritratto di CADAQUES

Anonimo (non verificato)

milo del monte

Ven, 02/08/2013 - 18:57

avete gia dimenticato che entro 24 mesi arrivano gli altri 7 anni di ruby e vediamo poii cosa fa

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Ven, 02/08/2013 - 18:58

Come è accaduto per Tanzi, anche per Berlusconi dovrà essere revocata l’onorificenza di Cavaliere del lavoro, per indegnità!

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 02/08/2013 - 19:01

Come prima azione strategica dovrebbe sbarazzarsi di Cicchitto: Costui porta proprio sfiga...Prima Craxi, ora Berlusconi. Come un Re Mida giudiziario, chiunque egli serva, diventa pregiudicato... Poi, ma non aveva detto che sarebbe andato in galera, senza usufruire delle alternative di legge? Degno Padrone dei suoi mediocri miracolati, che avevano promesso di dimettersi in blocco in caso di condanna. PdL - Promesse di Lazzaroni P.S. Ma e' vero che d’ora in poi i commenti di chi lo chiama "Il Pregiudicato Berlusconi" non verranno piu' pubblicati?

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 19:01

censura censura ... É vizio di qyesta grande "cultura" italiana, "mafiosa cultura" ... State attenti ragazzi che scotta ...

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 19:02

In Italia la inquisizione che fu di Jagoda, Ezov e Beria. C´é troppa superficialitá e ignoranza che non sa e meglio detto non vuole collegare tra loro gli eventi. Succede cosi che la interpretazione della realtá é meschina, distorta e volutamente falsata. É menzogna al servizio della mafia piú autentica ... La Veritá é che la "giustizia italiana" alla caduta del Muro di Berlino serví ad eliminare il riformismo di Craxi e a subbissare di processi quel Centro Destra che si metteva in alternativa ad una Sinistra ortodossa che era quella che la caduta del Muro indicava dovesse essere riformata. La riforma della Sinistra comunista che avveniva in tutto il mondo, esemplare il caso della Cina di Mao, in Italia veniva impedita e non c´é mai stata. Al suo posto si, una reazione poliziesca che con la persecuzione prima di Craxi, poi di Andreotti e quindi di Berlusconi (in mezzo a quelle di altri infiniti sconosciuti) da 23 anni bussa forte alla porta del potere del Paese. La doverosa evoluzione che chiede la onestá intellettuale di un De Gregori non é quella retorica e formale dell´abbandono della dizione di "comunista" nel nome del partito ma quella sostanziale dell´abbattimento dello statalismo e quella del cambio radicale di tutti i suoi dirigenti che in Italia, unica Sinistra al mondo, non sono mai avvenute. Se c´é un significato nella caduta del Muro di Berlino che é stato colto in tutto il mondo, ma non si vuole in Italia, é quello che non si puó accettare che un apparato burocratico statale opprima e sottometta il Paese reale e i suoi Lavoratori, e addirittura per "legge". Questo é quello che avvenne nei regimi del socialismo reale, che decretó il loro fallimento, quello che sta avvenendo in Italia da 23 anni. Con una spesa e un debito pubblici di uno intoccabile stato burocratico, struttura mafiosa e parassita sopra la pelle dei Lavoratori, sopra la voglia di vita e di futuro di tutto un Paese. C´é ancora chi non lo ha capito e chi si oppone con tutti i mezzi per affossare la Veritá. La Veritá in Italia é quella rivoltante di una inquisizione che con tutti i suoi mirabolanti pretesti é quella che fu di Jagoda, Ezov e Beria. Una inquisizione che da 23 anni avvelena il Paese, lo spinge alla cieca e totale distruzione.

Ritratto di benita

benita

Ven, 02/08/2013 - 19:04

silvio è innocente è lo ha ribadito subito dopo la sentenza andando in televisione e non è da tutti,mentre i giudici si vedeva dalla faccia che si vergognavano quando hanno emesso la sentenza,se i giudici fossero innocenti dovrebbero fare come silvio andare a canale 5 e in diretta dovrebbero proclamare la loro innocenza ,ma non hanno il coraggio di farlo perchè sono bugiardi.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 19:05

benita, quanto sei bella ...

citano39

Ven, 02/08/2013 - 19:05

Berlusconi può contare su uno zoccolo duro inimmaginabile. Ogni italiano ha un grande potere: quello del voto.

miarmill1860

Ven, 02/08/2013 - 19:06

forzasilvio54 ma lo sai che sei proprio ironico? sei pagato per fare il cabarettista? cos'e' arrotondi lo stipendio con i soldi che il tuo partito elargisce ai suoi iscritti dai fondi neri del Monte dei paschi di Siena?. certo che la crisi e' veramente forte

miarmill1860

Ven, 02/08/2013 - 19:11

forza silvio 54, voi chiamate a raccolta occhetto veltroni rutelli bersani e tutti i trombati da Silvio alle elezioni passate e fatevene una ragione che riperderete di nuovo

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 02/08/2013 - 19:13

Bravo --- forzasilvio54 --- mettici pur'anche tutti i Suoi dipendenti ancora a libro paga, mai sulle tue spalle. Te invece tieniti i tuoi scherani di partito, la banca che "profuma" sul Monte, la dottrina e la fame a valle, quella che da soli, i tuoi kompagnucci, produrranno ancora, tanto per non perdere le buone abitudini e l'antica tradizione. Bravo, complimenti. E auguri, ne avrai molto bisogno. -----------

clod46

Ven, 02/08/2013 - 19:13

Hei censore71!! per caso l'hai trovato a letto con tua moglie per avercela così a morte col Cav.

idleproc

Ven, 02/08/2013 - 19:13

La strategia di berlusconi? Dare via il c. di Italia e Italiani. Come gli altri.

miarmill1860

Ven, 02/08/2013 - 19:17

censore 71, i criminali stanno anche nel centrosinistra, ma sono piu' furbi e ammanicati con i poteri forti..studia un po più a fondo la questione e levati i paraocchi

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 19:18

É GUERRA

Stefano Maggi

Ven, 02/08/2013 - 19:23

Essere o non essere? Antiqua o Hamamet?

maniumane

Ven, 02/08/2013 - 19:25

@Censore71 : Ed hai bisogno del permesso dei giudici per scaricare un pò di insulti su B.? Forse prima pensavi fosse uno stinco di santo? I giudici si potrebbero anche sbagliare, e tu sei comunque senza personalità..

benny.manocchia

Ven, 02/08/2013 - 19:25

CERTO SENTIRE UN ITALIANO CGHE GRIDA"BRUTTO EVASORE FISCALE" FA MOLTO RIDERE (SE NON PIANGERE).nON C'E' UN SOLO ITALIANO (NEMMENO UNO) CHE NON ABBIA UNA VOLTA O L'ALTRA IMBROGLIATO IL FISCO. uN ITALIANO IN USA

Ritratto di benita

benita

Ven, 02/08/2013 - 19:25

carissimi fans di silvio propongo di rinunciare alle vacanze in onore del nostro leader e piuttosto che andare al mare andiamo in piazza a mostrare il nostro disappunto per tutto il mese di agosto,facciamo vedere di che pasta siamo fatti tutti noi.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 02/08/2013 - 19:25

benita, perché si cosi bella?

Anonimo (non verificato)

dukestir

Ven, 02/08/2013 - 19:28

Ah che figo, adesso comincerete con "Ecco, vi sveliamo lo sbugiardamento!"

maniumane

Ven, 02/08/2013 - 19:30

Questa sentenza (se ben gestita) darà il colpo di grazia al centro-sinistra e la vittoria al centro-destra che stavolta non perderà occasione per applicare la riforma della giustizia. I giudici sinistroidi si sono dati la zappa suoi piedi da soli.

Ritratto di randel

randel

Ven, 02/08/2013 - 19:39

@coccolino............non sei vendicativo, sei solo uno pseudo delinquente.

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 02/08/2013 - 19:41

Censore 71 18.13 --- I veri ladri di Stato sono i tuoi contigui. Ladri di denaro Pubblico mille volte peggio di una presunta evasione, mai provata, al di la di ogni ragionevole dubbio, contro Berlusconi. Ladroni sono i tuoi kompari e kompagni: Ladri di Verità, Ladri di Coscienze, in primis, ladri che hanno sfasciato l'Italia con la loro infame, menzognera dottrina. Predatori di risorse pubbliche e ladroni di denaro Pubblico, al governo o all'opposizione, Ladri come tutti! Farabutti come tutti, impuniti, mai indagati, perché da sempre in sordina, i veri padroni del vapore. Ladroni travestiti da guardie: Mascalzoni e Golpisti!

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 02/08/2013 - 19:43

La grandezza di un uomo si misura dalla validità delle idee che porta avanti e da quanto è disposto a sopportare stoicamente da quanti lo avversano con prepotenza.

gamma

Ven, 02/08/2013 - 19:45

Io se fossi in Berlusconi chiederei l'affidamento ai servizi sociali e farei vedere come lavora un Berlusconi. Senz'altro superiore anche se quasi ottantenne a tutti gli inetti distruggibanche della sinistra. Forza Silvio, alla fine i malvagi perderanno.

Ritratto di romy

romy

Ven, 02/08/2013 - 19:46

Berlusconi,nonostante tutto,non finirà mai,conviene agli Italiani,ve lo immaginate un governo di sinistra + Vendola e Grillo?io ve lo darei subito un tal governo,per punizione assoluta,lo sto' scrivendo dal primo giorno di questo governo,dopo di che,impossibile non dare la maggioranza assoluta a Forza Italia,con o senza Berlusconi in lista.Il Berlusconismo non puo' più finire,durerà in eterno in Italia,questa attuale delle sinistre è la tipica vittoria di Pirro.Sempre Forza e grazie Silvio,sempre con Te.Ed a quanti pensano ai problemi economici dell'Italia,ed anche dell'Europa,Berlusconi non centra nulla,centra l'Euro e la politica del rigore + Fiscal Compact,voluta per il De-Profondis di vari Stati Europei,dobbiamo ringraziare i politici che ci hanno portato in Europa,la storia chiarirà tutto,ma a bocce ferme

omar

Ven, 02/08/2013 - 19:48

Pochi giorni fa ha detto che sarebbe andato in galera "vera". Nel '95 aveva detto che un condannato per frode "dovrebbe mettersi da parte".

battistafesta

Ven, 02/08/2013 - 19:50

@benita: "silvio è innocente è lo ha ribadito subito dopo la sentenza andando in televisione e non è da tutti"...... se non sei un troll, ho tanta pietà per le condizioni in cui versano i tuoi neuroni.

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Ven, 02/08/2013 - 19:51

Abbiamo capito perché l' italia è un paese ad alto rischio sismico: è pieno di TALPE E VERMI.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Ven, 02/08/2013 - 19:58

Caro pregiudicato....ma bravo, non mollare, continua imperterrito nella tua opera di distruzione. Ma ti faccio presente che e' rimasto ben poco da distruggere. Hai gia' ridotto il centrodestra in macerie e un intero Paese alla fame. Guardacaso ti rimangono le aziende. Attento perche' saltano in aria pure quelle.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Ven, 02/08/2013 - 20:03

Ma non eravate voi vigliacchi che quando era primo ministro dicevate di lasciarlo governare che poi la giustizia avrebbe fatto il suo corso a latere una volta decaduto da primo ministro? Ecco appunto, adesso le sentenze stanno arrivando. Ma adesso fate le crociate perche’ questo turista dell’onesta’ e professionista del malaffare e’ stato condannato, come peraltro molti sospettano da sempre. Luridi infingardi doppiogiochisti, ma chi credete di prendere in giro? Andava messo in galera vent’anni fa.

dukestir

Ven, 02/08/2013 - 20:25

Il vostro elettorato fra una settimana si sara' gia' dimenticato di Berlusconi. Uuuuuuuun'estate al maaaareeeee....

lamiaterra

Ven, 02/08/2013 - 20:28

RESISTERE, RESISTERE, RESISTERE!!! ...E COSI’ ALLA FINE BERLUSCONI SILVIO LO HANNO CODANNATO. ------ CRAXI LO AVEVA CAPITO SUBITO, PER QUESTO E’ MORTO ED E’ SEPPELLITO IN TERRA STRANIERA ----- “Le Toghe Rosse sono il Cancro dell’Italia e questo cancro, per il bene dell’Italia, al più presto va estirpato”.

Ritratto di randel

randel

Ven, 02/08/2013 - 20:42

@alenovelli............come darle torto. Purtroppo è fatica inutile, l'elettorato medio simpatizzate del pregiudicato cavaliere è validamente rappresentato da un nuovo commentatore o commentatrice di queste pagine ......tale Benita....poveretta!!!!

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Ven, 02/08/2013 - 20:47

bzen..sei un onanista sempre a smanettarti davanti alle foto di belle ragazze..

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Ven, 02/08/2013 - 20:48

Censore71...risparmia la cattiveria per le prossime elezioni..quando Silvio fasteggerà l'ennesima vittoria e tu a spiegarti ancora percHö lo votano..

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Ven, 02/08/2013 - 20:50

eso71 E lo spread scende..... coincidenza? ;)..soltanto un ignorante come te non ha ancora capito cos'è lo spread e come funziona..

Ritratto di Luponero

Luponero

Ven, 02/08/2013 - 20:50

Caro eso71, magari lo spred dipendesse da Berlusconi. Magari! Invece verosimilmente dipende dalle migliaia di aziende che scappano dall'Italia, dal costo del lavoro esorbitante che serve a pagare pensioni insostenibili i cui beneficiari non versarono a sufficienza a suo tempo, e per pagare gli stipendi ai 4 milioni di statali che costi quel che costi hanno lo stipendio garantito. Ma anche dipende dal costo dell'energia elettrica insostenibile per la competitività delle nostre imprese. Saranno matti gli altri che in europa producono il 30% col nucleare e meno dell'1 % con il fotovoltaico. Se qualcuno si studiasse un po' di matematica e fisica vedrebbe che i numeri del fotovoltaico non vanno d'accordo con i buoni sentimenti pacifisti ed ecologici. Tutto questo e tanto altro è spred. Non Berlusconi che tutto sommato e lo dico da berlusconiano, non ha inciso ne nel bene ne nel male.

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Ven, 02/08/2013 - 20:52

pravda99...lo so che non sei abituato alla libertà di espressione..con quello zukkone vuoto che ti ritrovi..ma qui tutti possono esprimere quello che vogliono..si chiama libertà di espressione..concetto a te sconosciuto..anche gli sfigati come te possono far finta di esprimere un pensiero..

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Ven, 02/08/2013 - 20:55

battistafesta..dalla tua stupida domanda a Benita deduco che tu non sai come sono fatti i Troll...guardati allo specchio per capirlo..

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Ven, 02/08/2013 - 20:56

Dukestir "Il vostro elettorato fra una settimana si sara' gia' dimenticato di Berlusconi. Uuuuuuuun'estate al maaaareeeee...." lo dicevano anche nel 1994..Dukestir grazie di esistere!!!

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Ven, 02/08/2013 - 21:01

alenovelli..non hai ancora capito un cazzo..gabbio max 1 anno..alte probabilità di vincere le elezioni fino quando campa..quindi te lo ritrovi ancora a comandare..

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Ven, 02/08/2013 - 21:05

CADAQUES..è guerra...miii che paura..mi fa più paura quella povera bestia che hai messo come foto..CADAQUES un'altro onanista anzi proporrei di far eleggere un fantoccio sosia di Berlusconi di fargli cambiare il nome e cognome in Silvio Berlusconi e di candidarlo come megafono di Silvio..sai che risate? una presa per il kulo colossale insieme ad un vittoria schiacciante..

laura bianchi

Ven, 02/08/2013 - 21:32

@NO LUIGI ECC! perchè lei crede, che BENITO/A SIA DONNA!!! BÈ....ognuno ha le sue "certezze".

Marco bruno

Ven, 02/08/2013 - 21:42

Possibile che persone tipo "censore 71" siano così convinti che Berlusconi sia un criminale e altri che sia solo vittima. Qualcosa non quadra in un senso e nell'altro, il sospetto che sia solo un modo di eliminare politicamente un personaggio scomodo e' molto forte. La giustizia, purtroppo può anche commettere errori, non sarebbe il primo caso.

peroperi

Ven, 02/08/2013 - 21:47

io votai Berlusconi pero' a tutto c'è un limite. il PDL continui la sua battaglia contro la Giustizia pero' Berlusconi è stato condannato in Cassazione e se non vuole l'umiliazione degli arresti domiciliari o i servizi sociali si ritiri dalla politica in cambio della Grazia. Non esistono altre strade .

Ritratto di arcatero

arcatero

Ven, 02/08/2013 - 22:17

Due anni al Governo con i compagni, appassionatamente. Pensava gli facessero da sponda? ahahhahah I suoi "inciuci" portano i cittadini al fallimento e lui in galera. Speriamo che si svegli.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 02/08/2013 - 22:18

Pertini diceva che durante la sua prigionia, mentre altri compagni di carcere si abbruttivano, magari non radendosi e restando in pigiama, ogni giorno si preparava come si fa normalmente. Ed anche questo suo rigoroso atteggiamento lo condusse a divenire quell’indimenticabile Capo dello Stato, che rammento a pie’ fermo per giorni al pozzo di Vermicino, sotto i riflettori e l’occhio attento delle telecamere. So di essere un Carneade, ma al Cavaliere potrei consigliare di sostenere (direi subire) con fermezza e dignità la sua condanna, magari ai servizi sociali. Però, con i mezzi di comunicazione odierni, mostrare al pubblico la bassezza della pena. Una cronaca toccante, fatta in bassa definizione, con mezzi di fortuna (un telefonino maneggiato maldestramente, una fotografia stile lomografia, una registrazione audio con microfono direzionale). Insomma, servizi quasi rubati, a cavallo tra giornalismo di prima linea e radio clandestina. Ta-ta-ta-tam “Qui radio Roma”. Bollettino di prigionia numero 100. Nella letteratura e nella storia sono tanti i casi di uomini imprigionati, (magari a ragione, per chi li ha imprigionati), per i quali però si prova un moto di simpatia, di umana solidarietà. A scuola ci facevano leggere “Le mie prigioni” e, giuro, eravamo tutti commossi per Pellico, per non dire del povero Maroncelli e la sua rosa. Ecco, qualche pagina di diario del corrigendo Berlusconi potrebbe clandestinamente filtrare tra le maglie della censura, per finire, letta da un attore, come fece la Guerritore interpretando la Veronica, in qualche trasmissione televisiva, che so, magari “I pensieri di un condannato” o “Diamo voce a chi non ce l’ha più” (questo dovrebbe piacere anche a sinistra…). Ovviamente, i contenuti dovranno essere comunque profondi, le riflessioni originali, le conclusioni aperte. Ci pensi, Cavaliere. Se vuole, possiamo approfondire. Sekhmet

maniumane

Ven, 02/08/2013 - 22:30

Il fatto che Berlusconi sia stato condannato anche in cassazione può significare 2 cose : o che è veramente colpevole di evasione oppure che la giustizia è in malafede e politicizzata fino al midollo. Può anche darsi che entrambe le possibilità siano vere nel contempo, però in questo caso la colpa dei magistrati sarebbe molto più grave.

ernestocolnago

Ven, 02/08/2013 - 22:42

Ti prego Silvio, arrenditi e ritirati definitivamente. La tua immagine he già fatto troppi danni al nostro paese. Quando sono all'estero ricevo solo sfottò

battistafesta

Ven, 02/08/2013 - 23:39

@No Luigipiscio: qui di stupido c'è solo il tuo nickname, il tuo voto nell'urna, in buona sostanza te, che hai votato e voterai un pregiudicato, delinquente ed evasore CERTIFICATO. Perchè quello è, tutto il resto è fuffa e blablabla.... Convivi in pace con quel poco che ti alberga nella teca cranica. Sono giornate meravigliose, le prime di una lunghissima serie. Ma tu non puoi capire, non ho detto "non vuoi", proprio non puoi.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Sab, 03/08/2013 - 00:04

Se scegliesse i servizi sociali avrebbe garantita la libertà ma dovrebbe impegnarsi magari aiutando qualche vecchietta o qualche ragazzo handicappato. Ne guadagnerebbe lui e farebbe del bene ad una persona bisognosa. Cavaliere ci pensi