Riprendono gli sbarchi: vengono da noi perché qui l'individuo conta

Se si vuole aiutare l'Africa, bisogna farlo insegnando ai suoi abitanti a organizzarsi nel proprio paese secondo il valore della "persona" e del "lavoro"

La visita del Papa a Lampedusa ha riportato in primo piano molti dei temi riguardanti l'immigrazione che da tanti anni si dibattono in Italia e in Europa inutilmente perché non si riesce a trovare uno spunto comune per dirigere gli sforzi verso un miglioramento della situazione. Una situazione che, superata la commozione delle parole e della preghiera recitata insieme al Papa, rimane angosciosa per la sua precarietà e per il desiderio di trovare per queste popolazioni che fuggono dal proprio Paese, delle soluzioni «vere», ossia funzionali ad una vita sociale e culturale in Africa simile a quella che cercano da noi. Questo è un punto determinante e del quale non si discute quasi per nulla perché non visibile al primo impatto con persone che arrivano alla spicciolata, affrontando il mare con mezzi fragili e pericolosi, abbandonando tutto quello che a noi sembra indispensabile anche a una persona «povera»: la propria terra, i propri confratelli, la propria lingua, i propri costumi religiosi e sociali, il proprio lavoro, la propria casa … In realtà, però, queste sono tutte cose che noi, l'Europa e l'Occidente in generale, siamo riusciti ad ottenere con un lungo sforzo di pensiero, di battaglia politica, di costruzione sociale, insieme allo sforzo del lavoro concreto, dell'attività delle officine, dell'apprendimento scolastico e sanitario. È stata necessaria per prima cosa la convinzione e la salvaguardia di un «valore»: quello di ogni singola persona e di tutto ciò che gli appartiene e che nessuno può violare. Senza questa base del «diritto» non reggerebbe nulla della nostra civiltà: la libertà politica, l'indipendenza della nazione, l'ordinamento dello Stato, le leggi che regolano il lavoro e tutto quanto ne dipende. È questo il valore primario che attrae, anche se non saprebbero forse spiegarlo chiaramente neanche a se stessi, tutti coloro che si avventurano in mare per venire da noi. L'Io, il nostro essere prima di tutto «Io», come individuo, come persona di valore assoluto, è una certezza iscritta nel cuore di ogni uomo, da quando emette il primo vagito fino a quando muore, in ogni paese, in ogni epoca, in ogni cultura. Purtroppo in vaste zone dell'Africa esistono molti gruppi presso i quali questo valore non è stato elaborato chiaramente e messo alla base dell'organizzazione sociale ed è questo il compito fondamentale che dobbiamo svolgere in Africa, un compito per il quale noi abbiamo moltissimi strumenti già pronti, ma che lo Stato italiano non ha finora incoraggiato e utilizzato in maniera esplicita a questo scopo. Un facile esempio consiste nel fatto che il maschio in Africa lavora poco lasciando il lavoro della terra alle donne. Ma i maschi musulmani da noi lavorano senza troppe remore e il punto è che debbono convincersi che lo possono fare anche a casa loro perché il lavoro è un diritto, un onore, un «valore» ovunque. Insomma deve essere chiaro a tutti, ma prima di tutto ai nostri governanti, che se si vuole aiutare l'Africa, bisogna farlo insegnando ai suoi abitanti a organizzarsi nel proprio paese secondo il valore della «persona» e del «lavoro». L'immigrazione in Italia deve essere assolutamente esclusa , senza eccezioni di nessun genere, oltre che per gli evidenti motivi di ordine culturale, perché la popolazione si è triplicata nel giro di un secolo e la densità demografica mette seriamente a rischio una vita ordinata e civile. Ma noi abbiamo l'obbligo di convincere gli africani a lavorare per il proprio Paese anche perché l'abbandono dell'Africa impoverisce tutto il mondo non soltanto delle sue immense estensioni, delle sue ricchezze, delle sue possibilità (la Cina sta già cercando di sostituirsi agli indigeni) ma di tanti sogni, tante speranze in un orizzonte diverso.

Commenti

killkoms

Mer, 10/07/2013 - 11:29

cediamo la sovranità di lampedusa allo stato vaticano come "obolum petri"!

killkoms

Mer, 10/07/2013 - 11:31

la cina ha inviato in angola una milionata di detenuti politici,impiegati dalle autorità locali per lavori di ogni genere!

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Mer, 10/07/2013 - 11:53

rISPETTO LE OPINIONI DEL PAPA, E LE SUE IDEE DI UNA CHIESA A MISURA D' UOMO, NON OPULENTA ,Cominci a pagare l' imu,il patrimonio immobiliaare è del 22 x 100 di quello totale italiano,dia case a chi ne ha bisogno,ires da pagare l' hanno dimezzataun miliardo che rimane nelle loro casse più i 2,2 dell imu, e siamo a 3,2.Li diano alle famiglie povere italiane e noi cominceremo a pensare che nella chiesa qualcosa si sta muovendo a parte le parole

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Mer, 10/07/2013 - 12:09

Da noi dirottano i delinquenti comuni e li impieghiamo nello spaccio e negli stupri

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 10/07/2013 - 16:24

Grazie Franceschiello. Perche' non tene stai in vaticano a curare le tue anime, invece che andare in giro a fare da paladino a questa gente????

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 10/07/2013 - 16:28

RIPETO Erano colonizzati, hanno voluto la libertà, gli è stata data (giustamente) ora vengono qui' a rompere le balle, cosa vogliono,forse essere mantenuti senza fare un c...? Forse hanno ragione in quanto lo stato "kompagnao" italiano e franceschiello li aiutano a fare questo.

Ritratto di ohm

ohm

Mer, 10/07/2013 - 16:28

ma perchè nelle foto fate solo vedere donne e bambini ? ci saranno ben gli uomini ...o no? mostratemi anche le loro facce o andiamo contro la privacy ?

maxaureli

Mer, 10/07/2013 - 16:37

Ma si'... lasciateli venire in Italia. Poveretti che male fanno? Dopotutto sono la ricchezza che l'Italia stava cercando da anni. LOL..LOL..

guidode.zolt

Mer, 10/07/2013 - 16:42

..e certo che contano come persone, in special modo per la sx, ogni persona UN VOTO ... e andranno al potere, con voti comprati loro, dal popolo italiano tutto...!

MEFEL68

Mer, 10/07/2013 - 16:47

"Venghino, venghino, Siori. Più gente entrano, più bestie si vedono." Così gridavano gli imbonitori dei piccoli circhi di periferia. Così gridano gli imbonitori politici ".....più gente entrano, più voti si prendono."

Ritratto di stufo

stufo

Mer, 10/07/2013 - 16:48

Mi permetto di dissentire: qui l'individuo non conta un piffero tranne quando deve cacciar soldi alla casta. Qui conta il potere; il popolo conta, invece,le ingiustizie e le prevaricazioni.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 10/07/2013 - 16:54

Trovo assurdo battere il chiodo sull'IO individuale portatore di ogni diritto inalienabile quando sti "profughi" provengono da una cultura dove ha valore solo la UMMA e l'individuo se funzionale ad essa. Altrimenti ti prendono pure la libertà più preziosa, LA VITA STESSA. Se vogliamo veramente aiutarli va estirpata per prima la loro CULTURA altrimenti camperanno eternamente di assistenza. Che poi è quello che cercano qui come loro diritto visto che siamo così prodighi da averli sempre per primi in graduatoria per tutto.

MEFEL68

Mer, 10/07/2013 - 16:55

Una sola domanda: se qui non c'è lavoro, come possiamo aiutarli? Quando andavo a scuola, in prima media, sul libro di geografia c'era scritto che, a differenza delle altre nazioni europee l'Italia aveva un'alta densità di popolazione perchè eravamo ben 45.000.000 di persone. Ora ne siamo 60.000.000 e qualcuno vuole che ne vengano ancora altri. E' proprio vero che la "richezza" non basta mai!

gigi0000

Mer, 10/07/2013 - 16:57

Non possiamo certamente condividere il pensiero espresso dal leghista Boso, che si dice felice ogniqualvolta apprende dell'affondamento d'una barca carica di disperati, ma chi sarebbe felice dell'affondamento dell'intera barca Italia? Stanti così gli arrivi, senza alcun freno, la falla della nostra barca, ci porterebbe prossimamente a picco. Continuo nell'affermare che la civile Australia non fa entrare nessuno e respinge al luogo di partenza chiunque tenti di farlo clandestinamente. Solo noi siamo i più fessi?

maurizio50

Mer, 10/07/2013 - 17:06

E' la solita storia! Chi sono gli unici imbecilli che vanno a raccogliere migliaia di disperati africani in cerca di facili approdi? Gli Italiani! Ciò grazie alla Chiesa (ci mancava solo l'attuale Papa che va a Lampedusa per domandare scusa dei morti annegati! Ma ce li ha mandfati lui sui barconi?); grazie ai compagni di tutte le salse e grazie all'attuale governo di imbecilli che continua ad importare africani in quantità industriale!!Poi chi li mantiene? Questi derelitti, che però hanno il telefono satellitare per domandare aiuto alla marina, arrivano qui e pretendono case, lavoro, assistenza e sanità.Non a spese del Vaticano, entità a loro del tutto sconosciuta, ma a spese degli Italiani!!La Grecia usa la Marina Militare per contrastare l'invasione , Malta a ragione si rifiuta di andare a raccogliere i clandestini per mare! La Spagna usa l'esercito per impedire che venga scavalcato dagli invasori il muro a Ceuta e a Melilla. Noi no!! Appena qualche imbecille telefona al satellitare subito la Marina Italiana va a raccattare sotto le coste africane i disperati sbandati indesiderati.Siamo stufi di questo sconcio. La svedese commissaria all'immigrazione ha detto che l'Europa deve accogliere i disperati: ebbene se li venga a prendere qui da noi: gliene regaliamo a migliaia!!!!

piertrim

Mer, 10/07/2013 - 17:10

Ci sarà anche l'effetto Papa, ma quanti immigrati arrivano da soli a Lampedusa senza che le nostre motovedette, li "soccorrano" spesso in acque africane, per trascinarli qui in Italia? Perchè nessuno interviene mai a stigmatizzare questi fatti che, se invece della Marina Militare fosse un peschereccio privato, qualche magistrato potrebbe anche essere considerarli come favoreggiamento all'immigrazione clandestina? A che gioco giochiamo?

Ritratto di Gorilla Gor

Gorilla Gor

Mer, 10/07/2013 - 17:14

Appena trovo un gommone gonfio e libero, lo prendo per immigrare in Africa.

mila

Mer, 10/07/2013 - 17:15

La Sig.ra Magli non precisa che tutte queste belle cose, come l'indipendenza, la liberta' personale eccetera, le stiamo perdendo anche noi, e non solo per colpa dell'immigrazione. Comunque in Africa stavano meglio quando erano colonie europee.

linoalo1

Mer, 10/07/2013 - 17:25

Ma quale miglioramento!Finchè li accettiamo e li paghiamo,è chiaro che arriveranno sempre più!E,adesso,ci si mette anche il Papa!Ma chi li mantiene?Il Papa,noi cittadini o quei Partiti che li difendono?Lino.

petra

Mer, 10/07/2013 - 17:34

Questo Papa forse involontariamente sta provocando un gravissimo danno all'Italia. E' ora di dire STOP. Bisogna portare una quantità di immigrati alle porte del vaticano, chiedendo di farli entrare, ma farlo veramente. Per vedere poi come va a finire. Magari creando un incidente diplomatico.

petra

Mer, 10/07/2013 - 17:36

La Boldrini: la migrazione è una realtà, bisogna solo governarla. Ma pensa te che grande donna!

chiara 2

Mer, 10/07/2013 - 17:46

Appare sempre più chiaro che non sia possibile che tutte quste migliaia di africani senza lavoro e senza cibo, siano nella possibilità economica di sborsare migliaia di euro agli scafisti. E' talmente chiaro che l'azione destabilizzante sia opportunamente voluta da chi ha interesse affinchè l'Europa (in particolare l'Italia) siano azzoppate da tutti questi "arrivi" che portano con se' pretese di ogni tipo a discapito della popolazione autoctona. Inoltre, non si può più negare nemmeno che in tutti questi disperati servano da "cortina fumogena" per nascondere i vari terroristi che ormai si organizzano da anni nel nostro Continente e che, silenziosamente, operano per la distruzione dell'Occidente.

maxaureli

Mer, 10/07/2013 - 17:51

Ci servono piu' F-35 per aiutare questa gente ad entrare in Italia.... proporrei al governo italiano, di acquistare la porta aerei Enterprise a un buon prezzo di mercato ora per via dei saldi. Questo gioiello e' trasformabile come Isola Mobile di Accoglienza (IMA no IMU). LOL LOL

fantomas

Mer, 10/07/2013 - 17:53

Proprio cosi!I nostri politici cadono nell'ipocrisia dell'accoglienza e della pietas.Non si rendono conto che così facendo stiamo portando via ai paesi africani le persone,gli emigranti,più intrapendenti e ricchi impedendo uno sviluppo di quei paesi,che al tempo dei Romani erano il granaio di Roma ed ora muoiono di fame!!!

maxaureli

Mer, 10/07/2013 - 18:04

@mila ... lei mi fa scendere il latte sui co**glioni!! I suoi commenti in giro nel Il Giornale sono INFANTILI!!

GilbertoVR

Mer, 10/07/2013 - 18:06

E' da criminali sostenere che i nuovi sbarchi sono determinati dalla visita del Papa. I viaggi soprogrammati da mesi. Comunque il Papa poteva effettuare una visita in modo riservato e privato, e non ascoltare i suoi consulenti marketing

sphinx

Mer, 10/07/2013 - 18:06

Visto che l'appartamento papale in Vaticano e la villa di Castelgandolfo restano sfitti per eccesso di umiltà, il papa vi può anche alloggiare i migranti via via che arrivano: questa sì che sarebbe vera carità cristiana.

antonio54

Mer, 10/07/2013 - 18:12

Possiamo rassegnarci, gli arrivi continueranno all'infinito e smetteranno quando il nostro paese sarà invaso. E' iniziata la lenta agonia dell'Italia, con tutte le conseguenze che ciò comporterà - (sanitario, ordine pubblico, convivenza ecc.) . Se non si porrà mano a bloccare al più presto questa invasione, nell'arco di un decennio la nostra cultura verrà stravolta. Al momento non vedo spiragli, visto la classe politica che ci rappresenta.

BlackMen

Mer, 10/07/2013 - 18:15

Non sono assolutamente favorevole all'accogliere gli immigrati senza se e senza ma. Ma ci sono alcuni aspetti oggettivi dei quali non si può non tener conto. Il primo è che volenti o nolenti i barconi ci sono e ci saranno sempre. La storia è costellata di immigrazioni di massa. Gli Italiani stessi, nei momenti più bui del nostro paese, abbiamo "colonizzato" il mondo (Argentina, Brasile, Australia, Stati Uniti, Germania etc etc). Il secondo è che, una volta avvistati i barconi, spesso carichi anche di donne e bambini, non è concepibile lasciarli a morire in mare trasformando il canale di Sicilia nel più grande cimitero del mondo nè tantomeno rispedirli al mittente in quanto un mittente unico non c'è (spesso partono dalle coste ma arrivano, privi di documenti di identità, da molte parti dell'Africa per cui è impossibile portarli indietro). Insomma condivido il fatto che una soluzione si debba trovare ma che questa non contempli il lasciar morire la gente credo sia dovere di uno Stato che si professa civile e moderno.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Mer, 10/07/2013 - 18:23

Mi chiedo perché questa gente deve sborsare migliaia di EURO o $$ agli scafisti , quando il biglietto della nave che parte da Tripoli e arriva (purtroppo ) a Genova costa circa EURO 150,00. Perché?? Se io domani mattina devo andarmene prendo il mio Passaporto e me ne vado , questo perché sono una persona con i documenti in regola. Quindi se uno i documenti non li ha vuole dire che è un delinquente e se fossimo uno Stato come si deve , chi non ha i documenti in regola in Italia non entra e questo dovrebbe valere per Comunitari ed Extra comunitari

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 10/07/2013 - 18:24

E' tutto condivisibile quanto scritto da Ida Magli, c'è da dire, però, che se il Papa li incoraggia con la sua presenza a Lampedusa e che se il nostro Governo li incoraggia, mostrando loro che nel nostro Governo viene messa un africana, il risultato sarà solo quello di accrescere questa invasione che ormai ha superato da tempo i limiti sopportabili e assimilabili. Di conseguenza la Magli tra gli italiani sfonda una porta aperta, mentre il problema sono i nostri governanti politici e spirituali.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 10/07/2013 - 18:25

Ecco quelli che pagheranno le nostre pensioni !! Grazie Papa Francesco.!

giosafat

Mer, 10/07/2013 - 18:26

Non sopporto, e mi trattengo, tutti quelli che, Papa compreso, vanno a fare predicozzi in casa d'altri mentre tengono chiuse, a doppia mandata, le porte di accesso della loro. Se il Papa buono vuole accogliere il mondo intero sarà compito dello Stato italiano approntare corsie preferenziali per il recapito veloce dello stesso tra le sacre e fresche mura del Vaticano. E senza passare dal Via....

petra

Mer, 10/07/2013 - 18:29

gigi Non occorre andare in Australia, nemmeno la Germania li accoglie o la Francia o la Spagna a meno di richieste individuali anticipate e lunghe procedure, quindi col contagocce. Solo l'Italia li va a prelevare con le motovedette. D'altronde per questi marinai è un lavoro come un altro, vengono pagati e senza i clandestini, (perchè questo sono, non rifugiati, questo lo saranno solo se e quando riconosciuti tali. La maggior parte non lo è) magari resterebbero senza lavoro.

paci.augusto

Mer, 10/07/2013 - 18:31

Complimenti alla sig.ra Magli che centra il problema di questo continuo assalto di troppi immigrati clandestini al nostro Paese. L'Africa è un continente ricchissimo e può dar da vivere ad una popolazione assai maggiore dell'attuale! L'arretratezza e l'inciviltà di tanti regimi e di molti popoli indigeni, impediscono che ciò avvenga e, con i veri bisognosi di cercare migliori opportunità in Italia, si uniscono tantissimi, troppi, farabutti clandestini che vengono a vivere di criminalità nel nostro troppo tollerante Paese! Ci sono dei potenti organismi internazionali come ONU, NATO che possono e devono intervenire per evitare che regimi dittatoriali maltrattino i loro popoli, tanto da farli espatriare. Inoltre, bisogna inviare migliaia di tecnici che insegnino a questa gente, assai arretrata, a coltivare la terra, utilizzare razionalmente l'acqua e a portarla anche a distanza. Le genti devono essere educate a diventare autosufficienti, per loro dignità e per giustizia sociale! L'errore più grande è permettere questi esodi incontrollati, indirizzati SOLO verso paesi colpevolmente tolleranti che finiscono, come sta avvenendo, per trovarsi in difficoltà! Non è ammissibile che centinaia di migliaia di disgraziati, vengano ammassati sulle coste nordafricane per essere sfruttati da criminali scafisti che per 1.500 dollari a persona li caricano in piccole carrette del mare, mettendone 100 dove ne dovrebbero al massimo stare 10 e assortendo il gruppo con donne e bambini, per rendere sicuro l'intervento umanitario! Allora, sarebbe preferibile, per assurdo, che si mandasse due volte a settimana un traghetto sulle coste africane, capace di caricare 2/3mila persone, in tutta sicurezza e con notevole risparmio su quanto pagato agli scafisti! Quello che sta avvenendo è proprio IL PEGGIO DEL PEGGIO!! Basta con l'ipocrisia e la stupidità!!!

berserker2

Mer, 10/07/2013 - 18:34

....ma no, ma quale portaerei, invece di fargli correre tutti quei pericoli per mare, chissenefotte delle acque territoriali, delle competenze e di tutte ste cazzate burocratiche (che tanto le nostre motovedette se ne strafottono di già, andando a recuperare e "salvare" clandestin....ops, migvanti (co la erre moscia è più chic eh....) nelle acque di competenza di Malta (che se ne fotte e li lascia a mare), della Grecia (che gli spara), e qualche volta persino della Tunisia (che quando si tratta di sparare ai nostri pescatori sono acque territoriali sue, quando si tratta di salvataggio in mare invece diventano acque internazionali....) solo noi siamo così coglioni. Allora l'idea per risolvere sto problema eccola: Li andiamo a prendere alla fermata dell'autobus di tripoli e di casablanca. Non corrono rischi, azzeriamo la tratta dei nuovi schiavi, eliminiamo gli scafisti e ci guadagniamo pure qualche soldino perchè facciamo pagare il normale biglietto dell'autobus! Eh, che ve ne pare!!!! Che idea favolosa che ho avuto, ci vuole poco a risolvere le cose. Poi vi dico anche come penseremo al vitto e all'alloggio, la prossima volta però, che le belle idee mi vengono una al giorno quando mi concentro seduto sul water. Metodo che consiglio a valter veltrone, alla sboldrini, alla congolese, mentre vendola già segue questo metodo innovativo e rivoluzionario da tempo. Ah...brave Petra e Chiara 2 avete scritto bene.

guidode.zolt

Mer, 10/07/2013 - 18:51

Forse la sx non considera determinante l'apporto dato loro dalla magistratura nel prendere il potere e pensa di rimpolpare il voto alle urne con l'aggiunta dei loro protetti immigrati, e ne è un sintomo il fatto che, quando arrivano sul territorio italiano, conoscono, per filo e per segno, tutti i diritti che lo Stato Italiano riconosce loro, edotti, in questo, dai sindacati di sx... un'inchiestina in quel verso sarebbe illuminante...!

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 10/07/2013 - 18:57

c'è da starne certi che fra non molto sarà la Boldrini a gestire i viaggi della speranza mandando le navi a prendere i clandestini direttamente a casa loro.

Cuciapinocasemi...

Mer, 10/07/2013 - 18:58

Se questi sventurati sono poveri in canna, chi è che fornisce loro il denaro necessario per pagare i traghettatori? Possibile che non tutte le polizie, gli organismi controllo, i servizi segreti, quelli meno segreti, i copasir del menga non si riesca a scoprirlo? O non si vuole?

mbotawy'

Mer, 10/07/2013 - 19:00

Sarebbe bene che un Padre Spirituale non invada campi non a lui pertinenti.Che si rivolga a tutte le nazioni europee,per assorbire questa piaga nera, una piaga paragonabile a quella biblica delle cavallette.Siamo rimasti senza fondi e questi abusivi costano e non ci servono.Hanno tanta terra e tanto spazio che se fosse in mano nostre, sarebbe un altro paradiso.

Ritratto di Markos

Markos

Mer, 10/07/2013 - 19:04

Ed anche oggi sono arrivate dall'Africa qualche migliaio di risorse per ingrossare in futuro l'elettorato di sinistra e fare i lavori che gli Italiani si apprestano a fare assieme a loro , gli accattoni.

Ritratto di abj14

abj14

Mer, 10/07/2013 - 19:10

Posso capire il pensiero e l'opera del Papa; è un suo diritto/dovere di occuparsi dei più diseredati. Avrei però apprezzato se avesse anche lanciato, con l'occasione, un fermo monito se non addirittura un deciso rimprovero ai governanti di quegli stati, specie africani, che con le loro dissennate politiche sociali e tribalistiche, spingono i loro concittadini a rischiare la vita. Come ha detto giustamente qualcuno, bisogna aiutarli a casa loro. Comunque, alla fine della fiera, stavano molto meglio quando erano colonizzati dagli europei.

guidode.zolt

Mer, 10/07/2013 - 19:53

BOLDRINI VIAGGI ... viaggi della speranza ...

guidode.zolt

Mer, 10/07/2013 - 20:00

POLITICA...? una potenza! ... permette viaggi della speranza anche ai diseredati, promette non solo sogni, ma realtà, ... SOLO IN ITALIA! chissà se rimborsano pure le spese di viaggio!

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 10/07/2013 - 23:11

Perche non facciamo un referendum , globale , e per globale dico EUROPA TUTTA.Cosi se la maggioranza non vuole diventare, ne eurabia, ne eurafrica, neppure eurasia. Perche se continua cosi noi diventiamo neurotici.E con i matti c'e poco da scherzare.