Per favore risparmiateci l'8 Marzo delle Boldrini

Il veterofemminismo della presidente della Camera: "Serve la restituzione di genere, se una donna fa il giudice è “la giudice". Ma alla causa non servono simili banalità

Auguri, auguri davvero. Già, tanti auguri. Che sia una straordinaria, felicissima, festa della donna e delle donne. Ma, solo un favore, un piccolo, innocente favore: signore e signorine liberateci dall'8 Marzo delle Boldrini. Non siate complici, nel giorno della vostra festa, di una serie di banalità. Non lanciate anche voi, sempre per favore, naturalmente, vetero inni al vetero femminismo, non sparate anche voi, nel mucchio delle conversazioni, luoghi comuni e incomprensibili arditezze lessicali come quelle che ieri ci ha propinato, all'ora del cappuccino e brioche, dai microfoni di Radio anch'io, la presidente della Camera.Otto-minuti-otto da vera pasionaria delle libertà della donna.

Un intervento che ha raggiunto lo sconcertante apice quando Super Laura ha parlato della, citiamo testualmente, «restituzione di genere». Che cos'è? Lo sapete voi donne, in carriera o no, che oggi celebrate giustamente, magari persino con compostezza, la vostra festa, che cos'è la «restituzione di genere»? Se non lo sapete, se non sapete a quale conquista sociale può realmente portare la «restituzione di genere» vi forniamo, sempre testualmente, il pensiero della presidente della Camera: «Il linguaggio è importante anche quando le donne sono al vertice delle istituzioni o comunque hanno ruoli di primo piano e non viene loro riconosciuto il genere femminile. Se una donna è in Polizia ed è commissario allora è la commissaria di polizia e non il commissario, perché altrimenti non le si concede neanche il genere. Così come se è in Magistratura, è la giudice non è il giudice». Compreso? Ma Laura Boldrini precisa ulteriormente: «Se io attribuissi ad un uomo una connotazione femminile quell'uomo si ribellerebbe. Allora il rispetto passa anche attraverso la restituzione del genere perché, visto che io in aula non mi rivolgo ad un uomo chiamandolo signora deputato, mi aspetterei che ci fosse lo stesso rispetto anche per me e che mi ci si rivolgesse chiamandomi signora presidente o la presidente. Non è una questione semantica è una questione di concetto forse perché le donne sono delle meteore nei posti di vertice». Ci auguriamo che il concetto, semantico o no, adesso sia più chiaro e passiamo al secondo punto maggiormente evidenziato dalla presidente della Camera nella sua conversazione radiofonica.

Nel mirino della Boldrini c'è ancora il linguaggio che, più volte definisce sessista. Ascoltiamola: «Quando c'è un problema con una donna non la si contrasta sui contenuti ma la si insulta con un linguaggio sessista. Le responsabilità sono anche della stampa e dei mezzi di informazione perché il linguaggio e la rappresentazione del femminile che si dà anche a mezzo stampa condiziona moltissimo. Se una donna viene rappresentata, specialmente nella pubblicità come un volano per vendere qualsiasi cosa e il suo corpo viene esposto, la donna diventa come un oggetto e allora uno di un oggetto fa ciò che vuole. Da qui alla violenza il passo è breve».

Per completezza d'informazione va anche ricordato che, calata nel suo ruolo istituzionale, la presidente della Camera ha voluto incontrare le deputate più determinate a scardinare la legge elettorale per renderla più «rosa» e più rispettosa del «genere». La presidente della Camera ha voluto accoglierle così: «Sono qui per ascoltare le vostre precisazioni ed eventualmente le vostre preoccupazioni, per capire in che direzione stiamo andando. Io non sono direttamente coinvolta nelle votazioni, ma è una questione che mi sta cuore». E a farle una sintesi del pensiero di «genere» ha provveduto Titti Di Salvo, di Sinistra ecologia e libertà: «L'attuale testo dell'Italicum, secondo le simulazioni, provocherebbe un peggioramento della presenza delle donne in Parlamento».

Commenti

onurb

Sab, 08/03/2014 - 08:57

Questa non ci sta con il cervello. Cosa dovrebbe dire, faccio, tra i tanti, un esempio banale, un signore che fa la guardia giurata e che si sente apostrofare con il termine guardia? Cara Laura, una str....ta rimane tale anche se a dirla è la terza, immeritatamente, carica dello stato.

onurb

Sab, 08/03/2014 - 09:27

La pagina 7 del Giornale odierno, oltre a questo articolo sui vaneggiamenti della Boldrini, ne contiene un altro relativo alla fronda rosa di 90 deputate nei riguardi dell'Italicum. Sull'argomento quote rosa, di cui la Boldrini è una fiera sostenitrice, condivido l'opinione espressa ieri da Ida Magli e, in generale, ritengo che l'unico criterio da tenere in considerazione sia quello del merito. Diversamente noi uomini dovremmo incominciare a reclamare il diritto alle quote azzurre. Nella scuola più dell'80% degli insegnanti è donna, ma non ho mai sentito le intemerate della Boldrini su questo evidente sbilanciamento di genere, né mai ho visto gli uomini agitarsi e protestare per avere le quote protette. Lasciamo che la natura faccia il proprio corso: pur tra difficoltà e ostacoli alla fine emerge il migliore. Ciò che è da evitare sono le cordate familistiche che portano i parenti e gli amici a occupare posizioni che altri meriterebbero. Proprio per questo, ripeto, occorre lasciar fare alla natura il proprio corso.

Ritratto di ..beautifulDay

..beautifulDay

Sab, 08/03/2014 - 09:28

la boldrina è la degna testimonial della peggiore legislatura della storia

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 08/03/2014 - 09:37

Non c'è chi ci possa salvare dalla Boldrini. Accesa la televisione è subito comparsa con il suo pistolotto femminista. La lamentela quale è? Le donne in politica sono poche, un vulnus democratico insopportabile. Va bene, SONO D'ACCORDO. Però basterebbe RIMETTERE nella legge elettorale LE PREFERENZE (una sola naturalmente, non multiple e portatrici di imbrogli) ed imporre che nel numero dei candidati di ciascuna lista ci sia parità fra uomini e donne: poi sarà la democrazia, con il voto, a stabilire se in parlamento debbano andare più maschietti o più femminucce, magari belle, della misura "boschiva". Non lo prevede l' "italicum", cioè la nuova legge elettorale in votazione in parlamento? Ma di chi è la colpa? Forse degli elettori o di un Renzino senza ritegno, interessato solo a durare 4 anni?

jeanlage

Sab, 08/03/2014 - 10:01

Si mettano d'accordo. La signora Fornero non voleva essere chiamata ministra ma ministro. Se il contributo positivo (tutto il resto che hanno fatto la ministra e la presidentessa è fallimentare) che danno le donne i politica, siamo messi male! Visto poi che la signora Boldrini entra nel merito di una discussione alla Camera (mostrando una sensibilità istituzionale degna di una tartaruga in letargo) e che il suo partito è fautore della teoria del gender, chiedo come devono essere considerati, a livello di liste elettorali i gay, le lesbiche ed i transessuali. Se ho capito bene, i bisessuali dovrebbero valere doppio.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 08/03/2014 - 10:09

vi ricordo che quest'essere prende oltre 15.000 euro al mese che pagate voi tutti, siate felici di sapere come vengono spesi bene i VOSTRI SOLDINI FRUTTO DI SACRIFICI E LAVORO.

@ollel63

Sab, 08/03/2014 - 10:09

per la signora laura: la cacca è appunto femminile anche se prodotta da esemplare maschile, così pure 'le feci' al plurale, e -i- 'muri' (quelli duri resistenti e inamovibili) al plurale possono diventare -le- 'mura'... piantala con le stronzate altrimenti il caporale può diventare caporala o capora-lessa. Oppure si immettano in ruolo tanti maestri da raggiungere il 50% del corpo (il corpo o la corpa!) docente ... ma che cavolo sto dire... accidenti alle stronzate.

elio2

Sab, 08/03/2014 - 10:10

Si sa da sempre che per poter essere comunisti si deve obbligatoriamente rinunciare dall'essere intelligenti.

gianrico45

Sab, 08/03/2014 - 10:14

Viva le donne, soprattutto quelle discriminate come le casalinghe,che nonostante la Corte Costituzionale le abbia riconosciute lavoratrici a tutti gli effetti e nonostante siano adulte ed emancipate, le leggi dello stato le lasciano a carico del marito alla stregua dei figli minori.Le donne in carriera specialmente quelle in politica,come il presidente della camera Boldrini, invece di ignorarle o criticarle dovrebbero impegnarsi per far riconoscere i diritti che il loro stato di lavoratrici riconosciutogli dalla Corte Costituzionale gli consente di essere riconosciuti.

Pelican 49

Sab, 08/03/2014 - 10:15

Quando vedo e leggo cosa dice la Boldrini mi viene voglia di cambiare sesso o almeno nazionalità. Un soggetto dal curriculum così inutile e insignificante che, a riprova che i miracoli esistono, è assurta a presidente della camera! Non sarà facile riparare i danni prodotti da Bersani e dai suoi sodali.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 08/03/2014 - 10:25

Discorsi di genere. La Le Pen, pur essendo donna, preferisce parlare, semplicemente, di professionalità. Ma quella, si sa, è fascista...

gibuizza

Sab, 08/03/2014 - 10:28

La Boldrini mi sembra un poco in confusione, si metta d'accordo con sè stessa, casomai sarà giudice 1, giudice2, ..... giudice n.

electric

Sab, 08/03/2014 - 10:48

Per la Boldrina (così indico il genere e la faccio contenta) lo scopo preminente della sua vita è quello di scrivere la medica anziché il medico. E per questa nobile causa, una persona 'lungimirante' in senso ironico (Letta) non ha saputo far di meglio che piazzarla nello scranno della Camera e concederle un vitalizio milionario. Loro due si che hanno capito perfettamente quali siano le priorità dell' Italia!

cameo44

Sab, 08/03/2014 - 10:52

Poi ci si meraviglia perchè la Boldrini viene attaccata e contestata questa signora non è idonea a rivestire l'incarico di Presidente della Camera con tatni problemi che attanagliano il paese il problema della Boldrini è quello del genere pensasse ai tanti giovani disoccupati e senza futuro spendesse qualche parola per i tanti suicidi di Stato dica qualcosa per i tanti pensionati che sono al limite della sopra vivenza ma la Boldrini non è in grado di capire questi problemi lei è abituata a frequentare i salotti buoni ed ha compensi e benefici che non le creano problemi come tutti i politci del resto

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Sab, 08/03/2014 - 10:54

Evidentemente la Boldrini soffre di un tale complesso di inferiorità dovuto ad un disturbo dell'identità di genere femminile da dimenticare i gravi veri problemi che affliggono il Paese. Dovrebbe cedere la poltrona della Camera per farsi urgentemente assistere da un psicoterapeuta per una serie di sedute psicopatologiche.

scipione

Sab, 08/03/2014 - 10:55

L'Italia e il mondo non ha bisogno di donnicciole isteriche.

Giorgio5819

Sab, 08/03/2014 - 10:56

Pensare di lavorare no eh? Blatera nel nulla come sua abitudine, per 15.000 euro al mese...LA spocchiosa,LA buffona, LA ignorante,LA comunistella, ce ne sono di LA...

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Sab, 08/03/2014 - 10:57

Non si preoccupi Villa, la banalità, caratteristica sostanziale di questa Europa in preda a radical-chic, pacifismo, femminismo, animalismo, 'franceschismo' è ormai in caduta libera. Loro sanno che non ci sarà più, a breve, trippa per gatti!

cameo44

Sab, 08/03/2014 - 10:57

A proposito di genere le donne in politica ci sono sempre state e con incarichi importanti sia a destra che a sinistra e al centro basta ri cordare le più note La Finocchiaro la Turco la Bindi la Melandri ecc. ecc.quindi se il paese è in questo stato è anche colpa loro quindi fi niamola col dire che le donne siano migliore degli uomini abbiamo uo mini incapaci come vi sono donne incapaci non è il sesso che qualifi ca le persone ma la loro capacità e professionalità il mondo è pieno di donne stupide come di uomini stupidi cerchiamo solo persone prepa rate e capace a prescindere del sesso

treumann

Sab, 08/03/2014 - 10:59

francamente, abbiamo ben altre grane da risolvere invece di questi sterili fraseggi linguistici di una signora imbevuta solo di demagogia.

Stepas2

Sab, 08/03/2014 - 10:59

Anche il mio amico Renato che fa "la guida turistica" e' da anni sulle barricate!

Paul Bearer

Sab, 08/03/2014 - 11:03

donne come la Boldrini mi fanno voglia di diventare gay

jaaaar

Sab, 08/03/2014 - 11:22

In Svezia le femministe come la Boldrina si sono presentate alle elezioni con un loro partito, e non le ha votate nessuno: 0.1%. Se in Italia riescono ad imporre un 50% di quote rosa ci ritroviamo una maggioranza anti-democratica di odiose femministe

fabio tincati

Sab, 08/03/2014 - 11:26

ma il termine ministro è un sostantivo maschile, non un aggettivo. E' un ruolo come la guardia o signora guardia rivolto ad un rappresentante della polizia indipendentemente se chi lo è sia maschile o femminile o come sindaco capitano si dirà eventualmente la guardia Giovanni Rossi o il capitano signora Verdi. Se navigando nel torbido mare della polemica gratuita vogliamo far gazzarra bene!Ma è un argomento che dalla seconda carica dello stato (femminile), non mi sarei aspettato. Ma evidentemente non aveva meglio da fare. Ma un certo dubbio deve esserle comunque venuto in quanto (cito lei)"la si insulta con un linguaggio sessista" il rafforzativo la si insulta è del tutto gratuito, ma serve a giustificare il contesto dando un senso di urgenza e necessità alla cosa. Se lo poteva risparmiare!

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Sab, 08/03/2014 - 11:48

Conosco tante donne! Sono quelle persone di sesso femminile che vivono. discutono, scherzano, amoreggiano, sbaruffano, si riappacificano, bevono e giocano con le persone di sesso maschile. E, guarda caso, se ne innamorano e fanno innamorare. Non sbavano, non recitano trite e ritrite novene, e non si fanno rider dietro. Sono donne, tout court, con una loro seria, vera e lodevole dignità. Cos'hanno di speciale? La femminilità! Vi sembra poco?

fermamarina

Sab, 08/03/2014 - 11:54

basta!!! liberateci da quest'essera inutile, assurda, inconcludente e al di fuori da ogni realtà!!! mai entreranno nella sua testa i problemi reali che, se pur intravisti dall'alto della sua poltrona, la lasciano del tutto indifferente...

NON RASSEGNATO

Sab, 08/03/2014 - 12:01

Quante inutili chiacchiere, tanto fumo e nessuna sostanza

linoalo1

Sab, 08/03/2014 - 12:05

Poveri noi!Sta iniziando il Degrado dell'Umanità che ci porterà all'estinzione!Oggi,Quote Rosa e Domani i Cula!E nessuno si oppone!Se,la Natura ci ha fatto così,ossia di due sessi,ed ognuno con un compito specifico e con le sue mansioni!Ci sarà un motivo!Noi no!La Natura ha sbagliato e,quindi,facciamo come vogliamo noi!C'è un solo unico ed enorme problema!La Natura,prima o poi si vendicherà e,noi,non potremo farci niente!Lino.

mar75

Sab, 08/03/2014 - 12:05

@electric: ignorante, la Boldrini è stata eletta presidente della Camera dei Deputati ancora prima della nomina di Letta. Il presidente viene eletto dai deputati e non dal PdC. Perché non vi informate prima di scrivere?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 08/03/2014 - 12:08

La colpa è una bella ragazza: tutti la cercano e nessuno la vuole.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Sab, 08/03/2014 - 12:18

L'astinenza fa brutti scherzi. Comunque se vuole essere chiamata deputata, ministra o giudicia oppure andare dalla medichessa,o medica a scelta, faccia pure, a me non importa nulla. Io continuerò ad andare a letto con LO sventolone (rigorosamente sostantivo maschile) che mi ha impalmato. Saluti alla Presidenta.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Sab, 08/03/2014 - 12:44

Boldrini Boldrini quanto siete carini; state scomparendo dalla faccia della terra e pensate ancora di avere qualcosa di buono da dire!!!!! Io so che alle prossime Elezioni lei ed il bellimbusto Vendola sarete finiti nei catini insieme all'acqua sporca di molti del PD. Dicevo ai miei tempi, che erano ieri, non vi può essere futuro senza figli e mi pare che dalle Vos. parti di figli non ne fate; pensate di adottarne dagli Immigrati? Shalom

michele lascaro

Sab, 08/03/2014 - 12:53

Questa signora è una ignorante, in grammatica e logica. Nella grammatica italiana conta il ruolo svolto da una persona, che sia maschio o donna. È vero che è invalso l'uso di dottoressa, avvocatessa ecc. (ma ve la immaginate una ingegneressa? Orrore!) Che questa donna abbia il bernoccolo (o unicorno) del femminismo, è vero, ma non dica cavolate ad ogni costo. La donna ministro è tale e non ministra (o minestra?). Rientrare nella logica si sa, per certe menti, è molto difficile, ma bisogna anche tentare, via!

agosvac

Sab, 08/03/2014 - 13:10

Poverina, è anche ignorante! Chiamarla "signora presidente" o "la presidente" sarebbe un grave errore di grammatica perchè in italiano "presidente" è un sostantivo maschile, semmai la si potrebbe chiamare "presidentessa" che è l'equivalente femminile di presidente!

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Sab, 08/03/2014 - 13:15

Cara boldrina, se ancora non lo avessi capito, stai distruggendo l'immagine della donna vera.Perché guardando te viene da dire: donna ..uguale 'na schifezza. poeretta come sei ridotta male. SE T'è RIMASTO UN PO' DE CERVELLETTO: Sparisci nullità-

giottin

Sab, 08/03/2014 - 13:27

E' vero, anche noi uomini dobbiamo rivendicare le quote azzurre, per esempio nella scuola elementare o nell'asilo il 99% degli insegnanti sono femmine. Allora solo una cosa mi sento in dovere di dire a costei che nel nome del femminismo vuole stravolgere anche la lingua italiana, stravolto per stravolto: "cara presidenta, vada a cagara"

Stepas2

Sab, 08/03/2014 - 14:08

Scusate, ma la giornata dell'uomo quand'e'?

Anonimo (non verificato)

lawrenzo

Sab, 08/03/2014 - 14:23

roba da mani nei capelli. Cioe' la boldrini afferma che la causa della violenza sulla donne e' l'esposizione della donna stessa. Non di quel branco di scemi scimmioni senza cervello degli uomini. Come dicono i repubblicani in america, se vieni stuprata e' perche' ti metti la minigonna. Cioe' la boldrini e' piu conservatrice di tutti, le piace fare la radical chic, ma dentro e' una comunista irriducibile e conservatrice.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 08/03/2014 - 14:39

Giottin, lei ha ragione ed ha indicato un problema molto importante, quello della femminilizzazione della scuola e delle sue conseguenze, problema che Ida Magli ha analizzato ampiamente.La boldrina dimostra di avere quattro idee ormai stantie, e di non volerle e saperle cambiare in relazione a nuove situazioni, cosa invece che ha saputo fare una studiosa intelligente e attenta alla realtà come la Magli.

brac

Sab, 08/03/2014 - 14:54

Questa fa la presidentessa (contenta, Madame?) della camera a causa di vendola prima e di bersani dopo. Meditate gente, meditate!

M_TRM

Sab, 08/03/2014 - 15:05

storiella: c'è una serie di terremoti ed una casa pericolante rischia di crollare alla scossa successiva. Cosa fa l'amministratore del condominio fra una scossa e l'altra? Apre una discussione sul fatto che sui citofoni alcuni abbiano fatto scrivere il cognome, altri il nome, altri tutti e due. La discussione si prolunga e l'amministratore si infervora sempre più nella discussione, ....fino a che l'assemblea non decide di revocare l'incarico e di rispedirla a far lavori adeguati al suo quoziente intellettivo. Però l'Italia non è un condominio e noi dobbiamo ascoltare questa amministratRICE, ....fino a che una scossa di terremoto più forte non faccia crollare la casa.

vincenzo

Sab, 08/03/2014 - 15:08

Un popolo di inventori,navigatori,santi,poeti, musicisti.....e di scemi! POVERA ITALIA!

jksamagreb

Sab, 08/03/2014 - 15:25

A me la Boldrini non piace, come non mi piace chiunque esca dal suo ruolo istituzionale, sociale o professionale, per approfittarne e sentenziare su tutto erga omnes. Ognuno stia al suo posto e pensi a far bene quel che deve fare, basta e n'avanza. Dopodiché, trovo che la Boldrini dice delle cose logiche e sensatissime, chiedendo semplicemente di chiamare Signora Presidente, Signora Giudice ecc chi sia donna ad essere Presidente, Giudice ecc. Dirlo al maschile se è una femmina, sarebbe una presa in giro. Altra cosa è la pretesa del dividersi, metà maschi e metà femmine, le cariche e gli incarichi. Quella è un'evidente autentica cretinata, non c'è bisogno di spiegare il perché.-

ilfatto

Sab, 08/03/2014 - 15:27

@Dragon_Lord....INFORMATI, poi RIPASSA e potresti sempre indicarmi qualcuno che tu hai votato e che lo ha fatto in precedenza ....Il presidente del Senato Pietro Grasso e la presidente della Camera Laura Boldrini cedono a Beppe Grillo che li aveva invitato a dimezzarsi lo stipendio. Oltre a questo, l’ex procuratore nazionale antimafia ha deciso di tagliare del 50% la scorta e ha detto che rinuncerà all’appartamento. Stessa scelta anche per Boldrini che in una nota spiega di dimezzare indennità e rimborso spese di rinunciare ad alloggio di servizio e rimborso delle spese di viaggio e telefoniche. Inoltre, ha aggiunto, “domando che l’indennità di funzione connessa alla carica di presidente della Camera dei Deputati e il mio rimborso delle spese per l’esercizio del mandato parlamentare siano ridotti della metà. Quanto specificamente a quest’ultima voce, preciso che rinunzio alla parte dovuta ai rimborsi forfettari”. Una decisione alla quale ha aderito già anche il vicepresidente Roberto Giachetti.

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 08/03/2014 - 15:27

Per un uomo, ODIARE UNA DONNA, È : "AVERE UNA COME LA BOLDRINI AL SUO FIACO".

Maurizio Fiorelli

Sab, 08/03/2014 - 16:13

Le donne capaci e intelligenti non hanno bisogno di queste inutili idiozie!

Ritratto di micheleciaramella2

micheleciaramella2

Sab, 08/03/2014 - 16:19

Boldrini...vanità infinita...vuoto assoluto! Una donna che senza alcun merito particolare ha costruito la sua carriera facendo da anni cazzeggio internazionale a spese nostre.

baio57

Sab, 08/03/2014 - 16:20

@ Stepas2 (14,08) - Di questo passo ,prima della festa dell'uomo ,verrà istituita la festa dell'omosex .

Ettore41

Sab, 08/03/2014 - 16:23

Ma questa che fa': fuma, beve, dementia senile galoppante. Non e' ne' una questione semantica ne' una questione di concetto ma solo un buon uso della grammatical italiana. Molti nomi maschili sono usati in senso universale;quando si parla di "comparsa dell'uomo sulla terra" si intende entrambi i sessi e non solo quello maschile. Per quanto attiene al rispetto poi, a me a scuola hanno insegnato che si ha rispetto er la istituzione in quanto tale e non per la persona che in quell momento la impersonifica. Un esempio e' proprio il Presidente Boldrini. Le si deve rispetto perche' e' la terza carica dello Stato e non perche' se lo sia guadagnato con la sua militanza politica ed ideologica.

Ritratto di woman

woman

Sab, 08/03/2014 - 16:26

Bisognerebbe prendere esempio dagli anglosassoni che usano gli stessi nomi e aggettivi sia per il maschile che per il femminile (e il NEUTRO :-)).

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Sab, 08/03/2014 - 16:27

Noi Donne non avremo mai il rispetto degli Uomini finché a rappresentarci (sia pure nostro malgrado)saranno donne come questa, incattivite dal ruolo che rivestono e sempre incazzate col mondo. La rivoluzione linguistica che vuole avviare la signora "Presidenta" della Camera è un'emerita cazzata. La signora si metta a lavorare seriamente, piuttosto. Si occupi di dare il proprio contributo sulle questioni che stanno a cuore agli Italiani ed alle Italiane: politiche sociali a sostegno della Famiglia, occupazione femminile, discriminazione delle donne nell'ambiente di lavoro, violenza che troppo spesso vede protagoniste le donne. Lasci la semantica fuori della Camera e la smetta una volta per tutte di lanciare sermoni che oltretutto sono unidirezionali perché tendono a veicolare il suo interesse esclusivamente nei riguardi di certe Donne, trascurando la gran parte di esse. Non ricordo la "Presidenta" aver manifestato solidarietà alle parlamentari del centrodestra quando queste sono state oggetto di attacchi volgari da parte dei loro colleghi di sinistra, né tanto meno ho mai assistito alla difesa di quelle donne che ogni giorno faticano a mantenere il proprio lavoro, divise come sono tra i doveri di mamme e di lavoratrici. Lo sa la Boldrini che le donne vengono pagate di meno rispetto ai colleghi uomini che possiedono lo stesso titolo di studio e svolgono la medesima professione? Lo sa la Boldrini che la parità tra Uomo e Donna non significa rinunciare al ruolo di Mamma e di Moglie ma che, al contrario, una Donna che fa la Mamma, ama prendersi cura del proprio bambino e non si sente sminuita quando porta la cena in tavola? Lo sa che si può essere Donne realizzate anche tra le mura domestiche, se questa scelta è stata compiuta nella piena libertà e consapevolezza? O forse per la Presidenta si è Donne solo quando ci si comporta come farebbe il peggiore degli uomini, col cinismo, l'ambizione sfrenata e l'assenteismo in famiglia? Infine, lo sa che la Donna che occupa ruoli istituzionali importanti può essere criticata al pari di un uomo se si dimostra incapace a svolgere quel ruolo? Dichiarare "sessista" ogni critica all'operato delle parlamentari o delle ministre di sinistra è un atteggiamento ridicolo. Perché mai queste signore non devono essere oggetto di ironia o di critica? Solo perché sono Donne e per di più di sinistra? La signora Presidenta della Camera non mi rappresenta. Anche le quote rosa sono una stupidaggine. Mi sarei sentita meglio rappresentata da un Presidente della Camera meno fazioso, perché a dirla tutta, chi ricopre questa carica, uomo o donna che sia, deve rappresentare sia le Donne che gli Uomini, altrimenti c'è il rischio di fare delle discriminazioni, ma, questa volta, a danno degli uomini.

Ettore41

Sab, 08/03/2014 - 16:31

@ilfatto.... Detta cosi' meriterebbe un applause tuttavia....... Tuttavia siccome gli emolumenti dei due furbacchioni e' stabilito per legge non basta dire "rinuncio" ma bisogna fare una legge ad hoc. Hai notizia della calendarizzazione di tale legge?. Vai a dormire che e' meglio.

electric

Sab, 08/03/2014 - 16:32

Mar75 (12:05). Ci vai bene a fare il saputello dopo esserti informato su internet. Ti ribadisco comunque cle la Boldrina (ma si, facciamola contenta) si è insediata il 16 marzo 2013, mentre Letta è stato nominato il 28 aprile 2013. Ma sai benissimo che l'avvicendarsi di un nuovo governo comporta nella maggioranza dei casi la nomina dei presidenti di Camera e Senato. Se la Boldrina è stata riconfermata, significa che Letta ne avrà intravisto della qualità nascoste. Peccato che queste qualità non si siano mai manifestate.

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Sab, 08/03/2014 - 16:35

Boldrinella- vorrei farti tanti auguri, ma la censura non vuole. Immagina puoi!

michele lascaro

Sab, 08/03/2014 - 16:39

Non so perché, ma quando guardo certi visi, mi vien sempre in mente il bradipo...

electric

Sab, 08/03/2014 - 16:45

Margherita Camp 16:27). Tutta la mia ammirazione per quello che hai scrtto. Confermo in pieno quello che dici.

ilfatto

Sab, 08/03/2014 - 17:23

@Ettore41---perché per i grillini hanno fatto una legge ad hoc? quando?

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Sab, 08/03/2014 - 18:42

Margherita Camp - Credo proprio di no ! Complimenti per il post.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 08/03/2014 - 18:50

Brava Margherita Camp...! Lei è la dimostrazione che le donne non hanno più bisogno di quote rosa.

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Sab, 08/03/2014 - 19:16

Naturalmente,prendo le distanze dalla presuntuosa ed acida signora Boldrini, non sono una femminista, ma una Donna che ama profondamente il rispetto che ogni uomo dovrebbe avere nei confronti di una Donna...va da se che la cosa richieda reciprocità.E' cosi bello e naturale,( proprio il giorno della "festa della Donna") riunirsi a casa, con amici ed amiche..."festeggiandola" con amore rispetto ed armonia...davanti ad una tavola imbandita,di cibo sano ed ottimo vino, per poi recarsi ad un concerto, dove la vita e l'amore, si incontrano in un abbraccio...davvero speciale!! io lo farò, con immensa emozione.GRAZIE ORE 19;16.

Ritratto di mina2612

mina2612

Sab, 08/03/2014 - 19:22

Questa festa è una cosa obbrobriosa! All’inizio era nata come una festa comunista. Poi era diventata il pretesto delle donne frustrate per uscire almeno una volta all'anno di casa e poter fare le cretine! Ed ora a che cosa serve? Ancora alle donne comuniste per segnalare la loro presenza: quindi siamo ritornati alle origini, cioè rimane solo una pagliacciata!

mar75

Dom, 09/03/2014 - 11:55

@electric: Sab, 08/03/2014 - 16:32 A parte il fatto che non mi sono informato su Internet perché sapevo benissimo che era stata eletta prima del governo Letta e che il governo non c'entra nulla con l'elezione del presidente della Camera, è normale informarsi sulle cose che non si sanno, non si può scrivere cose a caso come ha fatto Lei. Finché il presidente della Camera non si dimette, rimane al suo posto e non può essere rimosso neanche se cambia la maggioranza, ancora meno se cambia il Governo. Basta informarsi anche su Internet.