Feriti, insultati e sotto accusa: c'è un piano contro i poliziotti

I sindacati contro Pansa: ci criminalizzano e il capo non ci difende. Un clima da caccia alle streghe 

Un momento degli scontri della manifestazione del 12 aprile scorso a Roma

La delegittimazione va avanti, giorno dopo giorno. La battaglia del 1 maggio contro i No Tav si chiude a Torino con sette agenti feriti, compreso un funzionario della Digos che si prende una bastonata in testa e sviene. Ma, raccontano gli stessi uomini in divisa, «gli infermieri ci hanno accolto in ospedale gridandoci assassini». E allora la polizia diventa una polveriera e alcune sigle del frammentato universo sindacale annunciano una raccolta di firme per chiedere le dimissioni del numero uno del corpo, Alessandro Pansa. Gianluca Pantaleoni, segretario nazionale del Consap, frena: «Forse non andremo avanti con questa iniziativa, ma certo Pansa è assolutamente inadeguato per il ruolo che ricopre».
La misura è colma. E le feroci critiche piovute sul congresso di Rimini, con gli applausi agli agenti condannati per la morte di Federico Aldrovandi, vengono rispedite al mittente. «Siamo stufi - spiega al Giornale Pantaleoni che rappresenta quasi 6mila divise - noi veniamo criminalizzati ogni giorno. Non c'è manifestazione che non si porti dietro le foto canoniche dell'agente di turno che picchia o allunga una manganellata o chissà che altro a qualche malcapitato. Mai che si cerchi di spiegare che lavoriamo in condizioni difficilissime, senza mezzi, in un contesto quasi sempre nemico. Ci becchiamo pacchi di denunce per fatti inesistenti e ci accusano di tutto, a prescindere, ci considerano sporchi e cattivi». In realtà dentro la polizia ci sono sigle sindacali molto diverse, sensibilità assai variegate, di sinistra e di destra, i giornali titolano sulla polizia spaccata in due, fra democratici e autoritari, ma il disagio è generale. E non ci vuole molto per esplicitarlo: «Io difendo decine di agenti indagati nella difesa dell'ordine pubblico - spiega l'avvocato Eugenio Pini - quel che colpisce è l'impostazione ideologica, quasi culturale della magistratura che incrimina i poliziotti per reati dolosi e mai colposi. Il poliziotto compie il suo dovere, ma se ha dato una manganellata di troppo si punta subito sul dolo, sulla volontà di fare male, sulla cattiveria quasi genetica degli agenti. Per l'errore medico, l'ipotesi iniziale è invece quasi sempre quella del reato colposo, dell'intervento fatto male, non del crimine cercato e messo in atto». Pini snocciola episodi su episodi: «Per i tafferugli avvenuti davanti all'Olimpico durante la partita Roma-Inter del 2010, i poliziotti vengono considerati come una terza tifoseria e vengono incriminati a grappolo per reati dolosi, quando in concreto hanno dato una o due manganellate a teppisti che stavano mettendo a ferro e fuoco la zona. È inconcepibile».

Il morale è sotto i tacchi. E poi ci sono gli stipendi da fame o quasi, gli straordinari non pagati, i contratti al palo. «L'agente medio ormai mette le mani avanti - spiega Pantaleoni - deve intervenire in contesti spinosissimi per ritrovarsi poi con una denuncia e accuse di ogni genere. Attenzione: noi non sottovalutiamo la portata del caso Aldrovandi, ci siamo dissociati dall'applauso dei colleghi del Sap, ma bisogna capire la frustrazione e l'amarezza di tanti dei nostri».
Forse, e senza voler giustificare niente e nessuno, la standing ovation di Rimini coglieva proprio questo stato d'animo così diffuso. «Lo dico sommessamente da avvocato ma lo ripeto con fermezza - afferma Fabio Schembri, difensore dei due carabinieri sotto indagine per la morte di Giuseppe Uva assieme a Luciano Dipardo - c'è una delegittimazione continua verso la pubblica sicurezza. Nel caso Uva la magistratura fa le sue indagini e non una ma due volte chiede l'archiviazione. Niente da fare: il gip dispone nei confronti di sei poliziotti e due carabinieri l'imputazione coatta e lo fa per un reato assai grave: l'omicidio preterintenzionale. Questo vuol dire che sei poliziotti e due carabinieri che non si conoscevano e che si trovarono per caso ad operare insieme la notte del 14 giugno 2008 a Varese si misero d'accordo per pestare a sangue il povero Uva. Il tutto alla presenza dei medici e dei lettighieri. Uno scenario terrificante e a mio parere fantascientifico, troppo anche per i pm. Ma il gip ha deciso di andare comunque verso il processo». I giornali traboccano d'indignazione. Aldrovandi. Magherini. Uva. L'agente che calpesta una ragazza. Le foto degli scandali. E la pancia della polizia si sente abbandonata da tutti: «Siamo figli di nessuno - attacca Pantaleoni - e in particolare ci sentiamo lontani dal nostro capo, Alessandro Pansa. Che approfitta di ogni occasione per marcare la distanza dalla base e per compiacere i media». Non si sa se la raccolta delle firme andrà avanti, ma la frattura con una parte del corpo è ormai irrecuperabile. «Non ci rappresenta», dicono tanti, gli stessi che rimpiangono il compianto Manganelli. «Manganelli - conclude Pantaleoni - non si tirava indietro quando c'era da chiedere scusa, ma non faceva mai mancare il suo affetto agli agenti». Ora invece i poliziotti si sentono soli.

Commenti

buri

Sab, 03/05/2014 - 08:13

siamo allo sfaccio se la magistratura perseguita le forze dell'ordine questa presto o tardi smetterò di collaborare o lo farà di malavoglia e la sicurezza dei cittadini onesti andrà a farsi benedire, intanto nessuno documenta le violenze subite da chi è mandato a mantenere l'ordine, come mai? anche i giornalisti, o almeno buona parte di loro, questo a secondo delle opinioni politiche, fanno la loro parte per delegittimare le forzr dell'ordine

Raoul Pontalti

Sab, 03/05/2014 - 11:30

Ci sono i tutori dell'ordine che fanno il proprio dovere con abnegazione e ci si sono anche, troppi, con evidenti tare psichiche che invece scatenano la loro violenza sul malcapitato che finisce nelle loro sgrinfie. Anche certe cariche della polizia da taluno sono interpretate come licenza di infierire su donne e bambini (ricordiamoci al G8 di Genova non solo i fatti di Bolzoneto ma anche le cariche sui pacifici dimostranti, comprendenti nuclei familiari). Questi animali che indossano la divisa vanno isolati, perseguiti e radiati, giammai giustificati.

lamwolf

Sab, 03/05/2014 - 11:30

Il sistema Italia è fallito, così come quelle della UE. Quando siete chiamati all'ordine pubblico e visto che ci sono schiere di fotografi pronti a farvi un primo piano e con la magistratura pronta a giudicarvi e a tollerare le violenze e distruzioni, un consiglio. Lasciate che tutto si compia, pensate a voi e alle vostre famiglie per i miseri 1200 euro. fate il vostro dovere aiutando le persone che hanno bisogno quando la criminalità li vessa con lo stato inerme. Ma di fronte alle masse violente e scalmanate con questo sistema siete tra l'incudine e il martello e la peggio è sempre la vostra. E' l'ora di un sindacato e non di una rappresentanza che non conta nulla. E' l'ora che se quando si va in piazza a fronteggiare folle travisate e armate che violentano le città e distruggono ogni cosa la polizia faccia il proprio dovere altrimenti fatevi i cavoli vostri finche andrà avanti questo sistema fallito che non va più bene a nessuno tranne a chi è dedito al vandalismo e al crimine. Che vergogna di paese!!!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 03/05/2014 - 11:36

Vilipesi e numericamente amputati dal lungimirante ministro dell'Invasione territoriale programmata. Finchè dura l'avventura...Non vorrei che, nel prossimo futuro ed in certe circostanze, gli agenti girassero la testa dall'altra parte...

gianni.g699

Sab, 03/05/2014 - 11:36

Ma che s'aspettano che gli venga detto pure bravi dopo quello che hanno fatto al congresso del sindacato di polizia !!! Forse ancora non è chiaro !!! HANNO UCCISO UN RAGAZZO a bastonate !!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 03/05/2014 - 11:41

Purtroppo la maggioranza del paese che conta,che vota,vuole l'"adrenalina" della piazza,dello sfascio.Si dichiarano "ambientalisti" ma calpestano l'ambiente con ideologie,comportamenti,"esperienze"(come le chiamano) "innaturali".NO su quello che dovrebbe essere SI,e SI su quello che dovrebbe essere NO.Questo virus è ormai profondamente penetrato in tutti gli ambienti isituzionali,e sta inesorabilmente portando alla catastrofe.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 03/05/2014 - 11:41

PICCOLO CONSIGLIO AI POLIZIOTTI: ALLA PROSSIMA MANIFESTAZIONE NON ANDATECI DISUBBIDITE TUTTI, MANDATECI PANSA E ALFANO CONTRO I NO TAV, COSI' EVITATE INSULTI E INCRIMINAZIONI DA GIUDICI COMUNISTI. L'ITALIA E' ALLO SFASCIO E CONVIENE LAVARSENE LE MANI, PURTROPPO NON VI STIMA PIU' NESSUNO TRANNE POCHE PERSONE INTELLIGENTI.

unosolo

Sab, 03/05/2014 - 11:42

la colpa è delle sentenze emesse per paura . In alternativa mai arrivate a conclusione . Ecco oggi cosa si verifica , la delinquenza comanda mentre chi lavora per la sicurezza di tutti i cittadini ne paga le conseguenze questo non è accettabile visto quanto spendiamo per la giustizia e la magistratura.

Ritratto di Riky65

Riky65

Sab, 03/05/2014 - 11:43

la colpa è anche di chi si ostina a difendere i poliziotti veramente colpevoli ,in modo lampante , anche dai sindacati ,come descritto in varie inchieste.I poliziotti violenti devono essere allontanati dalla polizia non protetti.Il risultato è un odio a tutto campo contro tutti gli agenti e questo è sbagliato!!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Sab, 03/05/2014 - 11:45

Se la polizia lasciasse mano libera a questa gente, cosa succederebbe? I se e i ma non servono.

linoalo1

Sab, 03/05/2014 - 11:58

Le manifestazioni di Ignoranza,purtroppo,non smetteranno mai!Perchè?Perchè tutti gli Ignorantoni,si credono i Portatori della Verità!Invece,sono solo dei gran Presuntuosi!Se fossero un po' più modesti ed imparassero ad usre il cervello,ammesso che ce l'abbiano,forse capirebbero tante cose che oggi,appunto non comprendendole,combattono!Ma non riescono a capire,questi Ignorantoni,che,senza Poliziotti,saremmo tutti a rischio?Non riescono a capire,questi Ignorantoni,che i Poliziotti sono esseri umani come noi e che,pertanto,pensano e reagiscono come noi?Ignorantoni,se ci riuscite,visto il vostro odio per i Poliziotti,provate ad immagginarvi una vita senza Poiziotti,dove tutti fanno quello che vogliono senza nessun controllo!Poveri Ignorantoni,senza Poliziotti,torneremmo alla Preistoria,dove vigeva la Legge del più Forte!E' questo che volete?Lino.

Ritratto di maurofe

maurofe

Sab, 03/05/2014 - 11:59

Premesso che ogni forma di violenza è intollerabile e per questo deve essere deprecata e fermata....ciò non toglie che sia altrettanto innegabile il continuo "abuso di potere" di che TUTTI gli appartenenti alle forze dell'ordine (polizia, carabinieri, guardia di finanza, vigili urbani) perpetrano ogni volta che si è a contatto con loro, sono arroganti e a volte anche provocatori. È evidente che non si può generalizzare, ma la percentuale che si atteggia in questo modo è decisamente alta! Poi se vogliamo essere ipocriti....

magnum357

Sab, 03/05/2014 - 12:03

Il caso Aldrovandi e' stato un caso tipico di mele marce; la Polizia deve andare avanti a fare il suo mestiere. La Magistratura invece ha molte colpe perchè continua a difendere No Tav, sinistronzi vari di cortei come quello del 1 maggio e questo alla lunga porterà molti guai all'Italia: mancando la certezza del diritto nessun cittadino sarà tutelato.

scipione

Sab, 03/05/2014 - 12:05

Come l'eliminazione del reato di clandestinita'ha come conseguenza l'invasione del nostro Paese di migliaia e migliaia di clandestini,cosi' le parole di alti rappresentanti delle istituzioni contro i polizziotti e l'annunciato inasprimento delle pene fino al licenziamento e al carcere hanno come conseguenza il grido di "ASSASSINI " ai polizziotti da parte di criminali delinquenti.E i " giudici" da che parte stanno? Da manicomio.Povera Italia.

agosvac

Sab, 03/05/2014 - 12:08

Che questo pansa sia inadeguato al ruolo che ricopre, è fuori di dubbio. Il capo della polizia, prima di parlare e di criticare i suoi stessi poliziotti, deve assolutamente sentire le loro ragioni. Pansa invece, al contrario, critica prima di sapere come realmente siano andate le cose. La prova è il caso del poliziotto che, dice lui, ha preso a calci una povera ragazza indifesa. Dai video e dalle foto sdi vede benissimo che il poliziotto non ha preso a calci nessuno, ha solo inavvertitamente calpestato qualcosa che, guarda caso, era una ragazza che in alcun modo avrebbe dovuto trovarsi lì in mezzo a delinguenti che manifestavano rompendo tutto. Si vede benissimo che il poliziotto guardava verso l'alto per cercare di sfuggire alle bombe carta lanciate dai ragazzacci. Il grande capo pansa ha subito preso posizione contro il poliziotto senza neanche convocarlo per sapere cosa fosse successo. Non è così che si fa, non contro chi rischia la vita senza adeguate salvaguardia. Se si dimettesse farebbe nient'altro che il suo dovere, ma dubito che lo faccia: è un politico più che un poliziotto ed i politici, si sa, non si dimettono mai.

MEFEL68

Sab, 03/05/2014 - 12:09

Non so se la storia si ripete o è sempre la stessa che prosegue. Nei famigerati anni di piombo su molti muri o striscioni era in voga lo slogan "uccidere un poliziotto non è reato". Ora dopo molti anni, su un muro di un palazzo di Ostia ho letto "Fai qualcosa, uccidi un poliziotto". L'ho trovato di cattivo gusto e un esempio di incitamento alla violenza. Ho avvertito una pattuglia dei Carabinieri e ora quella scritta è stata cancellata. Purtroppo, quello che non si è riusciti a cancellare è quella mentalità violenta di certa sinistra che sogna di conquistare il potere la cui bandiera è rosso-sangue.

canaletto

Sab, 03/05/2014 - 12:10

LA SITUAZIONE E' DRAMMATICA E MOLTO PREOCCUPANTE. LA MAGISTRATURA INCRIMINA I POLIZIOTTI DA UNA PARTE SU PRESUNTI ED INVENTATI REATI E DALL'ALTRA PARTE LI USA PER LE LORO SPORCHE AZIONI DI POLIZIA GIUDIZIARIA NEI CONFRONTI DI CERTE PERSONE. BISOGNA CHE I MAGISTRATI SI FACCIANO DA UNA PARTE E SOPRATTUTTO CHE QUALCUNO TOLGA A LORO TUTTI I POTERI CHE HANNO E RENDERLI SEMPLICI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PER RISOLVERE LE QUESTIONI CIVILI E PENALI SENZA PIU POTERE DI INQUISIRE E SOPRATTUTTO DI ARRESTARE E CON STIPENDIO DI 1000 EURO AL MESE. SAREBBE ASSAI BELLO. EVVIVA LA POLIZIA

Ritratto di indi

indi

Sab, 03/05/2014 - 12:10

Gli angioletti non sono più bianchi ma rossi. MD e NoTAV, centri sociali ecc. Nelle manifestazioni ci sono solo pacifisti. Anche negli stadi di calcio, non fanno mai nulla di male, é sempre la Polizia violenta che attacca per prima gli inermi e indifesi manifestanti! Il cancro Rosso sta spargendo metastasi ovunque nella società è ora di procedere alla chemioterapia ed eventualmente radiaoterapia..

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Sab, 03/05/2014 - 12:13

È evidente ...vogliono arrivare ad una forma di drastico riordino degli organi di polizia. Una polizia al servizio della magistratura rossa, dei movimenti di sinistra, antagonisti..

Aristofane etneo

Sab, 03/05/2014 - 12:13

Ricordo come fosse adesso l'astio con il quale sono stato affrontato da due giovani poliziotti che avevano frainteso un mio commento nei loro confronti; e poi l'accorato sfogo contro gli studenti che li umiliavano lanciando loro monetine e insulti ("servi", "venduti", "cani" ecc.) Ho smesso di partecipare alle manifestazioni "sessantottine" e sono vissuto disprezzando e diffidando dei "padroni delle piazze" difese da energumeni del cosiddetto servizio d'ordine che se fossero stati Siculi avrei percepito come "mafiosi". ... Manganelli chi? quel Capo della Polizia che si cuccava 621.253,75 euro (da: lettera 43) all'anno? Ero indignato prima ancora della famosa lettera di Pasolini a favore dei giovani poliziotti, allora per lo più "del Sud" , lo sono ancor più adesso che vengono martirizzati in tutti i modi: non mettendoli in condizione di lavorare con la professionalità che vorrebbero avere, sfruttando ogni errore o peggio qualche schifezza commessa da qualche mela marcia passata inosservata ai loro superiori, facendoli apparire un covo di delinquenti. Da statale, ligio pur con i miei limiti al giuramento di fedeltà alla Costituzione, per molto meno sono andato in tilt: figurarsi quanta forza d'animo debba sostenere i nostri tutori dell'Ordine, ai quali va tutta la mia gratitudine nonostante le poche merdacce presenti tra di loro e che dovrebbero essere placate dalle loro gerarchie, specie se ben pagate.

Iacobellig

Sab, 03/05/2014 - 12:13

napolitano si vergogni per aver infierito contro parte della Polizia piuttosto che verso i ribelli che hanno dato origine agli scontri!

Theedge

Sab, 03/05/2014 - 12:20

non ci si può stupire di questi episodi, se tra i tutori dell'ordine c'è chi applaude nei confronti di colleghi condannati per aver commesso un crimine terribile. Queste sono solo alcune delle conseguenze. Per fortuna ci sono ancora poliziotti che hanno ancora ben saldo in mente il significato della propria divisa e si dimettono dai sindacati che difendono i fiancheggiatori dei criminali.

mzee3

Sab, 03/05/2014 - 12:24

Gianluca Pantaleoni. Questo "signore" non si è reso conto cosa sta facendo! In che contesto pensa di operare? Difendere la cosa pubblica e i il cittadino significa avere a che fare con la delinquenza, intesa in tutte le sue accezzioni e quindi non può pretendere di trovare un clima sereno come andare a fare una passeggiata fra i boschi. Ogni giorno deve andare alla ricerca di ladri, stupratori, assassini, maniaci, invasato politicamente, nullafacenti pagati per rendere brutta la vita dei normali cittadini. Se non se la sente di fare questo lavoro non ha che una cosa da fare, andarsene, cercarsi un lavoretto tranquillo e aspettare la pensione. Se al contrario, ha scelto di entrare in polizia, sapeva a cosa andava incontro e soprattutto lui ha scelto di fare il sindacalista per essere esonerato da altri incarichi(forse!). Il fatto di avere a disposizione uno scudo, un manganello non significa che deve per forza usarlo. Hanno anche a disposizione pistole...e allora per la stessa ragione perchè non usarle? No, questo "signore" si deve dare una calmata e faccia invece il suo dovere e cioè quello di difendere le cose e i cittadini dai delinquenti e non si permetta di pestare chi non deve esserlo.

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Sab, 03/05/2014 - 12:26

Dal '68 in poi, una certa cultura...sinistra, manco a dirlo....si e' sempre scagliata FEROCEMENTE, contro la polizia, in particolare e contro le forze dell'ordine, in generale.Questo perche' la sinistra e' sempre stata nemica dell'ordine, appunto. Questa volta, pero', ho la sensazione che ci sia qualcosa di diverso.

Ritratto di marystip

marystip

Sab, 03/05/2014 - 12:30

Attendo con trepidazione il giorno in cui i polizioti si rifiutino di scendere in piazza a tutelare l'ordine pubblico. Vorrà dire che al posto loro ci andranno Alfano, il capo della Polizia, i ministri e tutti coloro che tengono bordone ai rivoltosi rossi che infestano ed hanno massacrato l'Italia.

killkoms

Sab, 03/05/2014 - 12:44

la scoperta dell'acqua calda poteva essere fatta anche prima!grembiuloni,sinistra arrabbiata ed estremista vogliono rendere inoffensive le forze dell'ordine!lo provano la durezza verso le colpe vere o presunte dei poliziotti,mentre si lasciano fare i loro aggressori!

emmea

Sab, 03/05/2014 - 12:59

Se ci sono piani segreti contro la polizia non lo so è tutto sommato non ci credo. Quello che temo è che un bel giorno i poliziotti (e forse anche i carabinieri) esasperati e demotivati aprano i cordoni di protezione che sono l'ultima barriera che impedisce l'attacco della gente inferocita ai palazzi istituzionali. E allora si renderanno conto della loro incoscienza. Mi auguro davvero che si rendano conto di quello che stanno facendo. Ma in ogni caso il prefetto Pansa credo che sia non all'altezza e vada subito sostituito. Dare del cretino a un agente prima che si sia accertato se si trattava di un calpestio volontario di una persona a terra o piuttosto di un inciampo accidentale nella confusione, denota imprudenza e superficialità, e un Capo della polizia non può permetterselo.

Hook61

Sab, 03/05/2014 - 13:00

...I giornali traboccano d'indignazione. Aldrovandi. Magherini. Uva. L'agente che calpesta una ragazza.... Perche', forse non la ha calpestata deliberatamente? ah no, e' stata lei a buttarsi sotto i tacchi dell'agente in preda a un raptus masochista...

giuseppe61

Sab, 03/05/2014 - 13:05

Propongo una bella giornata di sciopero delle forze dell'ordine (a qualunque categoria essi appartengano)in concomitanza della prossima manifestazione con i no tav , black block e anarchici,ahhhhh!!!che senso di goduria immane che avrei se proprio quelli che criticano questi poveri Cristi subissero danni e pestaggi da questo branco Di sicuro (poi)scriverebbero che la polizia non li ha difesi. Povera,davvero,povera Italia.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 03/05/2014 - 13:14

ecco il risultato di un sindacato ideologgizzto

pilandi

Sab, 03/05/2014 - 13:16

Eh si, sono fotomontaggi, loro non hanno msnganelli, sono mazzi di fiori, e non e che massacrano la gente, li aiutano... Ma per favore...buri: "iamo allo sfaccio se la magistratura perseguita le forze dell'ordine questa presto o tardi smetterò di collaborare o lo farà di malavoglia e la sicurezza dei cittadini onesti andrà a farsi benedire" No a farsi benedire andranno gli interessi di una casta corrotta ed impunita che loro, malgrado tutto, stannno comunque proteggendo, ed ovviamente anche la sicurezza personale di coloro che per decenni hanno affamato la nazione, e, detto tra noi, non mi dispiace affatto

plaunad

Sab, 03/05/2014 - 13:23

E' ORA DI FINIRLA !!!! A parte che quegli infermieri dovrebbero venire incriminati (alla faccia dell'imparzialità dei sanitari, vero?)é ora che la gente per bene scenda in piazza per ristabilire le giuste distinzioni fra chi, fra mille difficoltà, cerca ancora di difendere la legge e l'ordine e chi lo vuole distruggere.

killkoms

Sab, 03/05/2014 - 13:33

se qualcuno ammazzava di botte qualche agente o lo rendeva invalido avrebbe pagato?redo proprio di no!

Ritratto di MACzonaMB

MACzonaMB

Sab, 03/05/2014 - 13:40

E' forse ora (perfino troppo tardi) per cominciare a sospettare se, mentre gli italiani dormivano sonni tranquilli, progressivamente, in "quell'" apparato non si siano infiltrate entità con fini destabilizzanti. L'impressione è che tutto si stia rivoltando contro i veri interessi del paese. Se così fosse basterebbe p.es. ingaggiare dalla (famigerata) Germania, a pagamento, dei professionisti in materia..che, su un binario parallelo, e a conti fatti con una spesa quantomeno dimezzata (stipendi ai parlamentari docet), potrebbero egregiamente soppiantare un ramo incancrenito e deleterio per la nazione, da mettere urgentemente fuori corso. Utopia, si penserà....ma a volte un pò di sana igiene mentale può essere un presupposto efficace per ripartire con la giusta logistica.

roberto zanella

Sab, 03/05/2014 - 13:40

e già e chi lo diceva quattro giorni fa prendeva dello stupido quando contestavo i giornali del centrodestra che si scandalizzavano per gli applausi al congresso SAP....e che pure voi siete dei somari del politically correct...perchè non avete sentito le opinioni del SAP le loro tesi sulla morte del ragazzo..ma non capite che dopo la politica la magistratura del 68 vuole mettere soto accusa la Polizia..???

Giorgio Mandozzi

Sab, 03/05/2014 - 13:50

Non parlo di Napolitano che da perfetto vetero-comunista si schiera sempre "contro", ma mi fa veramente senso l'atteggiamento del capo della polizia e del ministro dell'interno. Di fronte a delinquenti e sfascisti organizzati gli unici commenti che riescono a fare sono contro la polizia. Dei manganellatori e provocatori dei "centri sociali" nemmeno una parola. Complimenti Alfano, complimenti Pansa! Non capisco quale senso del dovere spinga ancora i poliziotti a prendersi bastonate, sampietrini e molotov in faccia al posto dei sopraccitati. W la Polizia, W i Carabinieri.

Ritratto di sitten

sitten

Sab, 03/05/2014 - 14:26

Alle prossime manifestazione dei no Tav, centri deliquenziali, etc. Mandiamo avanti Pansa con i democratici Magistrati.

killkoms

Sab, 03/05/2014 - 14:57

@giannig69,e che ci dici dei 2 carabinieri massacrati a bastonate in provincia di grosseto da 3 bravi ragazzi(2 minorenni) che rientravani da un rave parti,strafatti di alcol e droga?

plaunad

Sab, 03/05/2014 - 14:58

Invito le FF.OO. alle prossime manifestazioni di qualsiasi genere di rifiutarsi di uscire dalle caserme. Che si arrangino, almeno così non potranno più essere criticati ed accusati di nulla. Andremo poi a vedere visto cosa succederà cosa diranno i vari Raul Pontalti, gianni.g699, riky65 ecc. (a proposito, mi farebbe piacere vedere la loro fedina penale.....)

killkoms

Sab, 03/05/2014 - 15:00

ci sono frange sinistre e grembiuloni che vogliono disarmare la polizia?

El_kun

Sab, 03/05/2014 - 16:04

La cosa più grave è che le istituzioni, dal signore al colle al presidente del consiglio e ministro degli interni e compagnia varia (o avariata meglio), fanno a gara ad andare in vetrina per infangare la polizia, e allora è davvero la fine. Perchè, attenzione, anche se parlano solo di chi ha applaudito, in realtà il disprezzo va molto oltre e lo si vede dai cortei di torino, roma etc quando si grida assassini indifferentemente! E anche il fatto di Roma in ospedale è ancor più grave perchè perpetrato con lucidità da professionisti (!). La responsabilità di tutto ciò è dei politici che hanno acceso gli animi, poi dei giornalisti falsi ed ipocriti (vedi il fatto quotidiano il cui direttore ha sputato odio alla polizia). Ora si è raggiunto il limite, perchè TUTTI i sindacati di Polizia sono concordi sul clima ostile a chi difende la legge, anche se c'è qualche distinguo di facciata. E o stesso dicasi dei Carabinieri. Oramai le forze sane in questo paese sono accerchiate. L'unica è stare uniti ed avere un colpo di reni verso un sistema socio-politico marcio e tumorale ad uno stato talmente avanzato che le metastasi sono sempre più estese.

seven966

Sab, 03/05/2014 - 16:14

non ci si chiede perchè accade tutto questo... le colpe sono dei politici e della magistratura... i primi hanno creato un classe dirigenziale degna di loro, politicizzati cosa che li limita nelle decisioni... i secondi abili a non punire chi sbaglia ( tra i delinquenti ) ed abilissimi ad attaccare le FF.OO. con la scusa dell'atto dovuto. E' chiaro che ci possono essere delle azioni delle FF.OO. piu dure rispetto ad altre ma tutto ciò, molte volte, è dovuto dal fatto che pur fermando con i dovuti modi i delinquenti questi siano quasi immediatamente rilasciati senza nessun provvedimento degno di nota... quindi la frustrazione di lunghe giornate di stress, dove si sopporta di tutto, sfocia in quel relativo eccesso in quanto sai che se pur ti arresto non ti faccio nulla ... cominciamo a punire chi sbaglia e diminuirà la tensione... sei travisato la manifestazione neanche deve iniziare e se continui ti arresto ... semplice ( per il resto del mondo ma nn in Italia ) Stati Uniti d'America era vietato scendere dal marciapiede durante una manifestazione, risultato 70 arresti... la tolleranza non paga

seven966

Sab, 03/05/2014 - 16:16

non ci si chiede perchè accade tutto questo... le colpe sono dei politici e della magistratura... i primi hanno crato un classe dirigenziale degna di loro, politicizzati cosa che li limita nelle decisioni... i secondi abili a non punire chi sbaglia ( tra i delinquenti ) ed abilissimi ad attaccare le FF.OO. con la scusa dell'atto dovuto. E' chiaro che ci possano essere delle azioni delle FF.OO. piu dure rispetto ad altre ma tutto ciò, molte volte, è dovuto dal fatto che pur fermando con i dovuti modi i delinquenti questi siano quasi immediatamente rilasciati senza nessun provvedimento degno di nota

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Sab, 03/05/2014 - 18:38

Hook61 (ore 13) non mi stupirei se davvero quella brava e tranquilla ragazza si fosse gettata volontariamente sotto gli stivali del poliziotto. non per masochismo ma per accusare la polizia, appunto, di maltrattamenti. Quelle bestie violente e scatenate son capaci di qualunque cosa, pur di colpevolizzare la polizia.