Forchette, bilance, foto Ecco i gadget "dietologi"

Hapifork è una posata che segnala allo smartphone il quantitativo di calorie ingerite. Ma c'è anche la pesa che calcola i valori nutrizionali degli alimenti

C'è la forchetta intelligente, che conta le calorie mano mano che vengono assunte. E poi il braccialetto elettronico, che aiuta a dimagrire grazie alla sua capacità di emettere essenze che inducono sazietà. E poi ci sono le app. Tantissime app, in grado di trasformare tablet e smartphone in dietisti a portata di tasca. Perché anche mangiare in modo sano, oggi, dipende dalla tecnologia. I «gadget da dieta» sono utili sempre, ma lo sono ancora di più in questi giorni di festa.

L'ultima novità, in fatto di tecnodieta, si chiama Hapifork. Apparentemente si tratta di una normalissima forchetta. In realtà il piccolo dispositivo è un gioiello elettronico, in grado di contare in tempo reale le calorie che vengono assunte nel corso di un pranzo o una cena. Per metterla a punto i ricercatori sono partiti da uno studio secondo il quale un pasto sano non dovrebbe durare più di 20 minuti. Per questo hanno dotato la super forchetta di un dispositivo che le permette di calcolare, non appena tocca la bocca del suo utente, il quantitativo di calorie che ogni boccone contiene. Una volta registrati, tutti questi dati vengono rielaborati e poi trasmessi, attraverso il bluetooth, allo smartphone sul quale è stata scaricata l'apposita app. Lo strumento è super efficace, assicura chi l'ha già provato. Ma anche un po' ansiogeno.

Proprio come il piatto intelligente, battezzato Smart diet scale, che riesce a calcolare le calorie del pasto che ci si appresta a consumare. Funziona come una specie di bilancia, sulla quale basta appoggiare i cibi che si vogliono ingerire. Il piatto calcola le calorie che contengono e, una volta collegato a un tablet o a uno smartphone, aiuta a mantenere un regime alimentare corretto.

Per questo esiste un'alternativa. Che questa volta si lega intorno al polso. Si tratta di un braccialetto elettronico che, all'interno della sua cassa in alluminio anallergico, contiene due essenze in grado di indurre un senso di sazietà. Basta aprire lo sportellino quando si avverte la fame, e poi sniffare. L'odore emesso da Agislim sembra bloccare qualunque desiderio di addentare pane, pasta e pizza. Parola dei - moltissimi - vip che hanno prestato il proprio volto per pubblicizzare il gadget.

Per gli amanti della tecnologia le novità non finiscono qui. Chi possiede uno smartphone Apple o Android ha, infatti, l'imbarazzo della scelta. Sono tantissime le app che promettono dimagrimenti miracolosi. Una delle app più scaricate, al momento, si chiama Meal Snap. Il programmino analizza ciò che si mangia, registrando giorno per giorno calorie assunte e micronutrienti ingeriti. Per usarla basta fotografare ciò che ci si appresta a gustare e aggiungere una breve descrizione. La app rintraccia in pochissimo tempo i valori nutrizionali del pasto, rilevando anche il numero di calorie.

Funziona in modo abbastanza simile anche Daily Burn. Questa app scansiona, attraverso il codice a barre, qualcosa come 350mila cibi, dei quali rileva i dati nutrizionali. Completando l'opera con un piano di allenamento personalizzato. In alternativa è possibile scaricare Nike Training Club. Questa app è rivolta a chi spera di perdere peso facendo sport e permette di scegliere un programma di allenamento fra 90 messi a disposizione. Sempre a chi ama muoversi è dedicata Digifit. Il programma è una vera e propria cardio-applicazione, che controlla il battito cardiaco e la pressione sanguigna mentre si fa jogging. Ma non solo, visto che ne è stata creata una versione ad hoc per chi alla corsa preferisce lo spinning.

Ma non tutti amano la vita sana. C'è chi, allo sport e ai cibi salutari, preferisce lo junk food. Niente paura, anche il cosiddetto cibo spazzatura ha la sua app di riferimento. Si chiama Fast food calorie counter e riesce a contare le calorie contenute negli hamburger delle 73 catene di fast food più importanti degli Stati Uniti. Per gli amanti della dieta a zona, invece, non può mancare 40-30-30. Anche in questo caso si tratta di un'app che riesce a calcolare in modo veloce i blocchetti nei quali è suddiviso questo particolare regime alimentare. In questo modo è più facile ridurre il proprio apporto calorico rispettando le proporzioni previste dalla dieta.