La Francia ama Le Pen. Ma non per gli immigrati

Il Front National trionfa nelle città più "integrate". E sfonda nell'elettorato rosso

Trattasi di bufala. Per chi credesse ancora che i voti del Front National siano dovuti solo alla battaglia anti-immigrazione, sbaglia. É stato il quotidiano Le Monde a pubblicare un grafico che indaga sul punto: davvero Marine Le Pen è stata votata nelle città col maggiore tasso di immigrati? Tutt'altro. Non esiste, stando all'analisi statistica, una diretta correlazione tra questi due fattori: alte percentuali di immigrati non hanno aiutato il Front National a sfiorare il 25% alle elezioni europee nelle città più esposte al fenomeno, visto che ha preso più voti in località dove non si registra alcuna «paura dello straniero». Una smentita che era già nell'aria. Un altro dato mostrava infatti come la penetrazione del messaggio lepenista avesse raggiunto fasce diverse di popolazione. Perfino di rappresentanza sindacale. Nelle aziende, stando a un sondaggio dell'Ifop pubblicato il 28 maggio da L'Humanitè, già organo dei comunisti e oggi vicino al sindacato più intransigente, Marine ha guadagnato consensi fra gli iscritti di tutte le sigle, ottenendo tra gli operai un consenso complessivo vicino al 43%. Il sondaggio, post-voto, mostra come «le dighe anti-Le Pen» costruite dalle organizzazioni sindacali tradizionalmente legate alla sinistra «non siano tutte così solide», scrive il quotidiano economico Les Echos. E testimonia come le critiche al Front National, basate sulla paura dell'immigrato come persona che arriva in Francia per «rubare» lavoro ai francesi sia argomento superato dal nuovo corso lepenista, basato semmai sulle critiche al sistema economico: regole europee che non tengono conto delle specificità di alcune aree del Paese; delle differenze tra territori, anche in Francia.

Il Front National è primo partito in 5 delle 8 circoscrizioni francesi e fa registrare i trionfi più pieni nel Nord-Ovest (33,61%), nell'Est (28,96%) e nel Sud-Est (28,18%), dove più che il tema immigrazione ha attecchito il proposito di nuovi investimenti per aziende medie e piccole. Ha votato per Le Pen il 37% dei disoccupati per questa ragione. Solo il 13% si è affidato ai socialisti per uscire dalla crisi occupazionale. Mentre il voto operaio al Ps si è ridotto all'8%. L'immigrazione certamente è stata un cavallo di battaglia della campagna elettorale, talvolta con scelte discutibili: come i manifesti con una bimba rom che sorride mostrando la «V» di vittoria sotto, le insegne del movimento Bleu Marine. Si trattava di Leonarda Dibrani, la quindicenne kosovara prelevata da scuola e allontanata con la famiglia dal governo socialista, usata come simbolo dai lepenisti per la difesa dei confini europei a una settimana dalle elezioni Ue. Tradotto: per impedire il suo ritorno, votate Le Pen. L'immagine, però, non è mai stata usata nelle città, ma su Twitter, senza che Marine se ne assumesse la paternità, attribuita al numero due del Front, Florian Philippot. Il premier francese, Manuel Valls, a tre giorni dal voto ha precisato che la ragazza rom non sarebbe tornata in Francia. Ma l'effetto è stato limitato. Insomma, va bene gridare «Francia svegliati» per chiedere ai propri connazionali di guardare in faccia al «pericolo Le Pen», come hanno fatto giovedì da Parigi a Lione migliaia di giovani. Ma che il grido sia anche una sveglia per l'eurosinistra intellettuale, rimasta ancorata alla tesi che Le Pen vince solo perché combatte l'immigrazione. Quando invece sembra aver già convinto i francesi, a suon di idee e programmi di rilancio, che sia lei la più accreditata per l'Eliseo nel 2017.
Twitter @F_D_Remigis

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 31/05/2014 - 08:54

Noi invece amiamo gli immigrati specialmente quelli da mantenere.

Gianfranco Rebesani

Sab, 31/05/2014 - 09:01

Tout le monde c'est pareil. Anche i politologi,giornalisti specializati e chi più ne ha, più ne metta dei nostri cugini francesi prendono cantonate e le loro opinioni,come avviene generalmente in Italia,sono il frutto del peccato otiginale del loro pensiero,ovvero orevedere e giudicare secondo la loro ideologia che, anche in Francia, è di molto orientata a sinistra come viene dimostrato in questo articolo.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 31/05/2014 - 09:48

la Francia può fare a meno di questa feccia della umanità la Italia no.

DIAPASON

Sab, 31/05/2014 - 09:55

Che tristezza stare qui a commentare le gioie e le emancipazione degli altri.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 31/05/2014 - 09:56

Le lobby mondialiste massoniche vogliono l'immigrazione come strumento per distruggere l'Europa: Yugoslavia, Tibet, Caucaso, Dalmazia.... l'immigrazione è una comprovata arma genocida. Le elite dominano meglio su masse che su popoli. Il loro progetto è un raffinato piano criminale.

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 31/05/2014 - 09:56

il cancro sinistrota ammorba tutta l'europa, che ne e' inzuppata, e' un cancro baro, falso e antidemocratico, oltre che autodistruttivo tipico di chi vuole perpetratsi. comunque a discapito dell intero organismo..Forza Marie

46gianni

Sab, 31/05/2014 - 10:21

è il colmo francesi + intelligenti degli italiani

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 31/05/2014 - 10:24

Che sollievo! E pensare che già ci eravamo preoccupati che Marine fosse una bieca xenofoba. Roba da perderci il sonno, sicuramente.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 31/05/2014 - 10:51

Ora si vuole fare un distinguo fra,la posizione "sociale" della Le Pen, ed il suo "integralismo" sull'immigrazione sconsiderata....A chi giova questo?A chi giova questa immigrazione sconsiderata?Perchè piace tanto alla "sinistra"?I "proletari" sinistrorsi,che vantaggio ne traggono?Che piacere provano nel vivere in una SOCIETA' che si sta degradando?

NON RASSEGNATO

Sab, 31/05/2014 - 12:51

I francesi non hanno di che preoccuparsi per gli immigrati. Ci hanno già rifilato i rom, ci regaleranno anche i prossimi "immigrati". Noi li prendiamo tutti, anche gli scarti, siamo gente solidale.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 31/05/2014 - 13:14

Solo gli italiani popolo bestia ha votato a sinistra. In europa si stanno svegliando da anni di cazzate sinistronze.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 31/05/2014 - 13:21

emigranti italiani in Francia preparatevi le valigie.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 31/05/2014 - 13:22

Zagovian: Stalin aveva molti nemici nel Caucaso. Come fece ad eliminarli? Poteva certamente seguire il metodo di distruzione fisica (e in parte lo fece) ma ricorse a un sistema più raffinato: organizzò immigrazioni interne caotiche: Ingusci al posto di Osseti, Ceceni al posto di Ingusci ecc.... Risultato? Questi cominciarono a farsi guerra tra loro invece che combattere il loro tiranno. Questo è lo schema che i poteri massonici atlantici e sionisti vogliono in Europa per distruggerla e dominarla.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 31/05/2014 - 13:26

saranno caxxi acidi per voi in Italia: http://it.wikipedia.org/wiki/Jean-Marie_Le_Pen

Ilpassatorcortese

Sab, 31/05/2014 - 15:35

L'unica speranza è che spesso quello che accade in Francia passa poi in Italia.

mario massioli

Sab, 31/05/2014 - 15:47

A TUTTI I PARTITI ANTIEURO. EGR.SIG.Se non vi mettete in testa che dovete avere una unica guida macroeconomica, per combattere il vero potere che sta distruggendo l'eurozona , non risolverete nulla. Per quanto ne sò esiste una sola scuola macroeconomica attrezzata per combattere contro questi MOSTRI, E' LA ME-MMT. STUDIATELA , CONTATTATE I MACROECONOMISTI DELLA ME-MMT, DIVULGATELA ALLE POPOLAZIONI. Non perdete più tempo se non volete trovare tante grecia in eurozona. I problemi europei si possono risolvere con intelligenza, purtroppo se non ci sarànno capacita politiche temo scorrera molto sangue. LA STORIA E' MAESTRA DI VITA.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 31/05/2014 - 20:31

ILPASSATORCORTESE, IN ITALIA NON POTRà SUCCEDERE FINCHè IL PARTITO FASCISTA SARà ABOLITO.

maricap

Lun, 02/06/2014 - 13:48

Comunisti gente di merd, parlano di xenofobia per nascondere la loro pochezza mentalementale che non gli riesce di vedere che l'Africa si sta trasferendo da noi, costringendoci a mantenerla e riportandoci malattie che avevamo debellato. Vengano pure in Italia, ma solo in villeggiatura, non possiamo mantenere loro, abbiamo i nostri poveri, e il bilancio statale fa acqua da tutte le parti. Se l'europa non capisce il problema (Francia docet) Dobbiamo uscirne prima che sia troppo tardi per noi.