Giudice cade dalla sedia. I colleghi lo risarciscono: 139mila euro di danni

Un magistrato del tribunale di Napoli vince la causa sette anni dopo l'infortunio durante un'udienza. E ne pretendeva perfino 200mila...

Roma - Costa cara, quella sedia rotta, al ministero della Giustizia: 139mila euro, per l'esattezza. Il fatto è che c'era seduto sopra un giudice napoletano, in camera di consiglio con i suoi colleghi togati e nella rovinosa caduta s'è fatto male. Così, ha chiesto un risarcimento di ben 200mila euro per i danni e il Tar Campania ha solo scontato un po' la somma. Vedi che vuol dire saperci fare con le carte giudiziarie, ben più di un normale cittadino all'asciutto di diritto e di infortuni sul lavoro. Il giudice in questione si chiama Francesco Schettino, ed evitiamo le scontate battute sul l'omonimo comandante della Concordia. L'incidente succede il 23 marzo 2007 nel modernissimo palazzo di giustizia al Centro direzionale partenopeo, dove da poco si è trasferita dallo storico e cadente Castel Capuano la IV sezione civile cui il magistrato appartiene. Però, la nuova sede giudiziaria ha le sue pecche, almeno negli arredi, se quella mattina il giudice si siede senza accorgersene su una sedia instabile e subito cede il telaio, uscendo dai binari. Fatto sta che Schettino, alto e magro dunque con poco grasso ad attutire il colpo e non più giovane, precipita per terra nello sbalordimento generale. Una scena da film. I colleghi lo soccorrono, il dolore c'è ma sembra niente di grave. Però da quel momento il giudice si assenta dal servizio per visite e accertamenti medici che evidenziano un'ernia. Prima si mette in congedo straordinario e poi prende l'aspettativa, fino al 18 giugno 2007, quando l'Inail lo dichiara «guarito con postumi» e accerta un'invalidità del 30 per cento. Il 15 giugno 2009 il ministero della Giustizia riconosce al magistrato una patologia dipendente da causa di servizio, che spiega tecnicamente così: «Esiti di trauma distorsivo del rachide lombare produttivo di ernia discale con impegno radicolare e rigidità del tratto dorso-lombare».

L'anno dopo Schettino decide di andare anticipatamente in pensione e, a questo punto, ha più tempo per studiarsi le carte e rivolgersi ai suoi colleghi in toga del tribunale amministrativo campano per ottenere un risarcimento. Lo fa nel 2012 e chiede 116.838 euro per danno biologico; 33.883 euro come «aumento personalizzato»; 50mila euro per danno esistenziale; 2.410 euro quale «lucro cessante per le decurtazioni stipendiali subite nei periodi di assenza dal servizio per malattia». In tutto, circa 200mila euro. Bella somma e il ministero della Giustizia si oppone. Ma il 12 febbraio di quest'anno, ne sono passati sette dall'incidente, i giudici della prima sezione del Tar (presidente Cesare Mastrocola, consiglieri Pierluigi Russo e Carlo Dell'Olio) gli danno ragione quasi su tutta la linea. Schettino, decretano, ha effettivamente diritto ad un sostanzioso risarcimento. Riconoscono al giudice per le lesioni subite il danno biologico, ma non quello esistenziale che considerano assorbito dall'altro. La cifra cala un po' e viene quantificata in 139mila euro. Con tante scuse per quella sedia rotta, che allo Stato è costata più che se fosse stata d'oro. Una vicenda senza precedenti, che l'ex giudice non commenta: «Parla la sentenza». Per la salute del bilancio pubblico c'è solo da augurarsi che non seguano in tanti l'esempio di Schettino. E che i palazzi di giustizia siano più sicuri.

Commenti

@ollel63

Ven, 28/02/2014 - 10:08

giudici e politici tutti della stessa pasta sinistrata maleodorante delle fogne si son fatti, a proprio uso e consumo, la più bella costituzione del mondo e continuano a farsi le più belle leggi ad personam sinistratam e ad adattare a proprio vantaggio ogni cavillo, interpretano e piegando ogni norma al loro personale tornaconto! "QUESTA E' LA RPUBBLICA SINISTRATA D'ITALIA". Non c'è speranza per i figli d'Italia.

@ollel63

Ven, 28/02/2014 - 11:06

Ripeto: la costituzione italiana è la più bella del mondo (costruita ad arte da antichi sinistrati) e arricchita passo passo da nuovi recenti sinistrati con mirabolanti leggi, lggine.. norme, cavilli.. ad personam sinistratam facili da usare, piegare, interpretare a proprio personale sinistro tornaconto e, naturalmente, a danno continuo, anzi perpetuo, dell’avversario politico del momento e dell’italiano ignaro e bamboccio! Resta sempre" LA RPUBBLICA SINISTRATA D'ITALIA", né ci sarà mai speranza per i figli d’Italia.

claudiod'agostino

Ven, 28/02/2014 - 16:48

la dimostrazione di quanto siano arroganti nell'abusi del loro potere, io sono un lavoratore che è stato cacciato via dal posto di lavoro e ho intentato 3 cause a roma alla sezione lavoro e tutti e 3 i giudice : Vetritto Giuseppina,Luca Re David , e Luna, mi hanno rigettato i ricorsi trovando le scuse più assurde questo perchè il mio datore ha i soldi e le conoscenze, penso di essere l'unico caso in Italia che da lavoratore perde 3 cause di fila, sono dei papponi e corrotti, non credo più nella giustizia.

Ritratto di geode

geode

Ven, 28/02/2014 - 18:33

Per un che si è rotto il .... cosa volete che siano 200mila!!!! per la gente che siè rotta le ....., quanto dovrebbe essere il risarcimento?

torodamonta

Ven, 28/02/2014 - 18:51

La super casta come al solito se la canta e se la suona.

coccolino

Ven, 28/02/2014 - 19:00

LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI.....VOI...

pbartolini

Ven, 28/02/2014 - 19:01

MA CONTRO CHI HA FATTO IL CONTEZIOSO? CONTRO IL SUO DATORE DI LAVORO? MA NON SONO ASSICURATI CON L'INAIL, QUINDI AVRA' ANCHE UNA PENSIONE DI INVALITA' SE GLI HANNO RICONOSCIUTO IL 30ù DI INVALITA ?

michele lascaro

Ven, 28/02/2014 - 19:02

Un giudice risarcito, (da chi, se non dai colleghi?), con una cifra astronomica. Esistono persone che, per molto di più sono stati risarciti con cifre no-te-vol-men-te inferiori. Cosa concludere?

robylella

Ven, 28/02/2014 - 19:38

Che SCHIFO!

Ritratto di paolocolombati

paolocolombati

Ven, 28/02/2014 - 19:44

Vorrei suggerire al nuovo Ministro della Giustizia di inviare un'ispezione al Tribunale che ha decurtato di un terzo la pretesa risarcitoria dello Schettino. Magari gli spettava veramente l'intero. O magari... Paolo Colombati paolocolombati@yahoo.it

manolito

Ven, 28/02/2014 - 19:48

I GIUDICI DEVONO ESSERE ELETTI ,BASTA GENTE CHE PER CONCORSO,TRUCCATO, FANNO I GIDICI . SE DOVESSERO FARE UN PICCOLO ESAME DI TERZA MEDIA LA STRAGRANDE MAGGIORANZA NON SAREBBE PROMOSSA,ALTRO CHE LAUREATI A CALTANISETTA,. E POI SE SBAGLIANO DEVONO PAGARE DI PERSONA BASTAAA

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Ven, 28/02/2014 - 19:59

che vomito

cicero08

Ven, 28/02/2014 - 20:17

Può capitare a tutti ma in tantissimi non hanno i mezzi per portare avanti controversi di questo tipo...

Anonimo (non verificato)

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Ven, 28/02/2014 - 20:23

....BRAVISSIMI .... è proprio il caso di dire che tanto cu futti futti DIO perdona a tutti ..

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Ven, 28/02/2014 - 20:53

Secondo me è un terrone!

piedilucy

Ven, 28/02/2014 - 21:11

un ernia ? che fanfarone conosco un militare che si è rotto il ginocchio giocando a calcietto per incidente in servizio e si è beccato dopo due anni 15000 euro perciò il trucchetto fra i faccanzisti statali è di obbligo l'ernia non viene cadendo da una sedia

Ritratto di sitten

sitten

Ven, 28/02/2014 - 21:23

Anch'io anni addietro ebbi un infortunio sul lavoro, e per avere quei pochi spiccioli dovetti sudare. Le conseguenze le porto ancora oggi. Ma non ho avuto nessun faronico risarcimento, come il giudice. Ci vorrebbe veramente un pazzo per far smettere questo magna,magna.

Ritratto di sitten

sitten

Ven, 28/02/2014 - 21:23

Anch'io anni addietro ebbi un infortunio sul lavoro, e per avere quei pochi spiccioli dovetti sudare. Le conseguenze le porto ancora oggi. Ma non ho avuto nessun faronico risarcimento, come il giudice. Ci vorrebbe veramente un pazzo per far smettere questo magna,magna.

Ritratto di sitten

sitten

Ven, 28/02/2014 - 21:23

Anch'io anni addietro ebbi un infortunio sul lavoro, e per avere quei pochi spiccioli dovetti sudare. Le conseguenze le porto ancora oggi. Ma non ho avuto nessun faronico risarcimento, come il giudice. Ci vorrebbe veramente un pazzo per far smettere questo magna,magna.

Roberto Casnati

Ven, 28/02/2014 - 21:44

Ma allora quanto avrebbe dovuto chiedere Gronchi al quale Merzagora tolse la sedia di sotto il culo (non solo metaforicamente) alla Scala?

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Ven, 28/02/2014 - 21:59

speriamo finisca presto su una sedia a rotelle maledetto approfittatore del popolo babbeo italiano

vince50

Ven, 28/02/2014 - 22:09

I "cari amici!!" e le leggi ad cazzum servono eccome se servono,ovviamente gli si offre un buon caffè.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Ven, 28/02/2014 - 22:10

@DRAGON LORD: mi piacerebbe associarmi, ma dicono che gli accidenti ricadono su chi li manda. Per questo, qui in Toscana, si usa dire "che ti venisse un bene"! Saluti

odifrep

Ven, 28/02/2014 - 22:11

Dicono che in Italia la giustizia funziona. Ditemi voi se non sono ingiustizie queste. Un magistrato (non molto giovane) cade da una sedia in un'aula del Tribunale (e non da un'impalcatura esterna al palazzo) riporta un'infermità -pari al 30% d'invalidità- è stato costretto a ricorrere al giudizio dei colleghi T.A.R. perché gli venisse riconosciuto un indennizzo a seguito dell'infortunio. I legali del magistrato avanzano una richiesta quantificabile in 200.000€. Ed invece, il collegio giudicante ritiene che la somma per tale gravità debba consistere in 140.000€. Morale : oltre il danno anche la beffa. E questa è giustizia? Signori magistrati, visto che per questa sentenza, nessuno avanzerà alcuna obiezione, siete avvisati a fare molta attenzione a non cadere dalla sedia nell'aula del Tribunale perché ci rimettete 60.000€. Per quella patologia dipendente da causa di servizio, avrei fatto ricorso a qualsiasi commissione medica di ogni grado fino a quando non avrei ottenuto a dir poco il 76% d'invalidità per la quale spetta una pensione mensile con il relativo importo. E' vero che ci vuole un bel po di pelo sullo stomaco per fare il giudice, ma nei confronti del dott. Schettino, i colleghi hanno agito con un po di "calvizia".

Eugen Bertold

Sab, 01/03/2014 - 08:07

Che culo! In tutti i sensi...

cicero08

Sab, 01/03/2014 - 08:20

X Manolito: guardi che la responsabilità personale dovrebbe essere stata introdotta con apposito referendum ma nessun governo, succedutosi da allora, compresi quelli con maggioranze bulgare di Berlusconi, si sono determinati a normarne l'effettivo decorrere....

bruna.amorosi

Sab, 01/03/2014 - 08:51

è storia vecchia io un anno al mare in campeggio domandai ad un ad un giudice dato che mi era accaduto che si vantava di essersi fatto ripagare le ruote bucate per bughe nelle strade della sua città mi ha risposto : testuali parole beh! bisogna sapere a quale ufficio andare a bussare per portare la richiesta . GIURO CHE HA DETTO COSì.

odifrep

Sab, 01/03/2014 - 10:26

bmi creruna.amorosi (08:51) - guardi che non è stato il giudice a bussare al porta dell'ufficio per recare la richiesta, bensì la sua P.G. o il suo autista, mi creda. Loro fanno togliere le patate bollenti dalla pentole dai loro "scagnozzi" che, sono persone per bene ma che sperano nel tornaconto. Si, questa è anche l'italiano. Saluti.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 01/03/2014 - 12:22

I danni riportati dal popò del giudice inducono a un'interrogativo: ma che cosa c'era sotto quella sedia? Forse un modello di obelisco egizio?

odifrep

Sab, 01/03/2014 - 15:56

claudiod'agostino (16:48) - no cgil.......ahiahiahiahiahiahi Comunque, eri l'ultimo italiano che credeva nella giustizia.

Heartwind&fire

Mar, 04/03/2014 - 11:30

4 aprile 2006 frattura in ambiente pubblico, un'anno di carrozzina, un'anno di stampelle, 5 mesi di ricovero, strascichi a non finire... novembre 2012 risarcimento di circa 35000 euro. Grazie per l'attenzione e fan culo alla giustizia !!!

Heartwind&fire

Mar, 04/03/2014 - 14:30

4 aprile 2006 frattura in ambiente pubblico. Un'anno di carrozzina, un'anno di stampelle, 5 mesi di ricovero e tanti strascichi... novembre 2012 30,000 euro di risarcimento. Grazie per l'attenzione e a fan culo la giustizia !