Grillo oscurantista spegne per sempre il super inceneritore

Grazie ai proclami del comico il referendum sull'impianto passa nonostante l'ok della Regione. Così addio modernità

In Val d'Aosta hanno bocciato con un referendum un impianto di incenerimento dei rifiuti, ma evitiamoci il solito pur doveroso pistolotto sul fatto che l'incenerimento è il modo più sicuro per la salute e più rispettoso per l'ambiente di trattare i rifiuti che, piaccia o no, produciamo e di cui avremmo il dovere di occuparci. Incenerirli si fa ovunque nel mondo. A Vienna, l'inceneritore svetta, variopinto, in mezzo alla città, ed è luogo di visita per i turisti curiosi. Lo stesso in tutti gli altri Paesi dell'Ue (e mi fermo qua, visto che siamo tutti pazzi per l'Europa): sono di salute cagionevole gli altri che hanno gli inceneritori, coi quali trattano l'80% dei loro rifiuti solidi urbani?

Ma non saprei a cosa servirebbe un pistolotto simile: anche il nucleare, la prima fonte d'energia elettrica in Europa, in Italia è andato a ramengo. Anzi, importiamo energia elettronucleare senza che nessuno si scomponga. Per contro, esportiamo rifiuti, vuoi in Germania, vuoi in Olanda, per bruciarli lì, perché noi non sappiamo dove bruciarli. Ma ci pensate? La monnezza è nell'elenco dei nostri prodotti tipici nazionali: dovremmo chiedere il marchio Dop.
Allora, visto che i pistolotti non hanno alcun effetto, ascoltiamo il signor Grillo, l'astro nascente della politica italiana. Mi chiedo com'è che Napolitano non abbia nominato lui anziché Monti: alla prova dei fatti Grillo, come chiunque a caso, di economia ci capisce più di Monti; e quanto a popolarità, diciamo la verità, Monti è odioso, Grillo ispira simpatia o, comunque, sa intrattenerci. Sentite qua come ha esortato i valdostani sul tema in parola: «Siete 120mila persone, fate una differenziata a rifiuti zero e si possono fare cose meravigliose, come venderli». Fossi io il presidente della Regione, mi metterei in affari con Grillo: mi dica a quanto si vende la monnezza, faccia lui la cifra, qualunque cifra, che gliela vendo a metà prezzo. Se accetta, allora ha ragione lui e torto io a ritenerlo oscurantista e medievale e non l'uomo nuovo della politica.

Poi ci sono quelli che non vogliono l'impianto perché, dicono, bisogna perseguire l'obiettivo dei rifiuti-zero. Che è un po' come chiudere gli ospedali perché bisogna raggiungere l'obiettivo zero-malattie. E ci sono i falegnami della associazione Valle Virtuosa che non vogliono l'inceneritore perché, dicono, «bisogna invece fare un tavolo per capire come risolvere i problema dei rifiuti». Dunque, non sanno come fare, però dicono di no a chi propone di fare come fa tutto il mondo.

In tutto ciò, l'impressione è che in questo Paese è la democrazia che se ne va a ramengo. In Val D'Aosta c'è un consiglio regionale che ha approvato una cosa, quasi all'unanimità, e c'è un referendum che è stato reso valido perché ha superato un quorum posto al 45% e che intende sconfessare, con una palese minoranza, la quasi unanime scelta dell'organo di governo. Uno disse che la democrazia, nata come l'arte di non fare immischiare la gente nelle cose che la riguardano, è diventata l'arte di obbligarla a decidere su cose che non capisce. Ma questa non è neanche quella democrazia, questa è prepotenza che concedono solo governi deboli. E il nostro è debolissimo.

Commenti

egi

Mer, 21/11/2012 - 09:27

Si vede che i Valdostani preferiscono tenersi la montagna di rifiuti maleodoranti all'ingresso dell'autostrada, spero solo che li obblighino a tenersi la spazzatura e non a portarla da qualche altra parte, come dovrebbe essere per tutte le regioni, la stupidità e la manipolazione di menti deboli è preoccupante.

emulmen

Mer, 21/11/2012 - 09:34

sacrosante parole! questa sinistra scriteriata ci sta riportando all'età della piietra...riguardo gli inceneritori ho visto quello di Montecarlo: un anonimo palazzo che sembra la sede di una ditta, di uffici..nessun odore che esce, nulla di niente..anche a Stoccolma oltre che a Vienna ed in altre cità europee ci sono inceneritori nei confini cittadini eppure nessuno si è mai lamentato, chissà perchè...sono forse più fessi o più furbi? e intanto la Germania e l'Olanda contano le mazzette enormi di euro che l'Italia deve loro per smaltire la rumenta napoletana & C dato che ci sono sindaci buonisti che non ne vogliono sentire parlare di inceneritori...stesso discorso per l'energia nucleare: la Francia si arricchisce ai nostri danni perchè ai nostri confini hanno 7 centrali nucleari che fanno energia SOLO PER NOI! e dato che non ce la danno gratis, mi piacerebbe sapere ogni anno quanto bisogna pagare di bolletta alla Francia....eh già proprio come dice un mio amico che sta a Digione dove dice che nelle vicinanze ci sono due centrali nucleari e paga max 20-25 euro al mese di luce-gas..PROPRIO COME IN ITALIA!

Ritratto di decimacrociata

decimacrociata

Mer, 21/11/2012 - 09:48

Se questo e' il buongiorno che si vede dal mattino ... la giornata dell'Italia e' tragica!

Cassandraprof

Mer, 21/11/2012 - 09:50

OSCURANTISTA...ADDIO ALLA MODERNITA'.... MA VI RENDETE CONTO DI QUELLO CHE TITOLATE???? OSCURANTISTA E RETROGADRO E' CHI CONTINUA A DIFENDERE - PERCHE' NON ESISTE ALTRO TERMINE - IDEE PREISTORICHE E ASSURDE COME QUELLE PRO INCENERITORI. CARO BATTAGLIA LEI E' LA TIPICA PERSONA SECONDO LA QUALE --- NON SI DOVREBBE INVESTIRE UN CENTESIMO IN ENERGIA EOLICA PERCHE' ABBIAMO IL NUCLEARE "SICURO".... AHAHAHAH. CHE TRISTEZZA VEDERE TITOLI SIMILI IL CUI UNICO FINE E' QUELLO DI METTERE IN CATTIVA LUCE GRILLO....

bisesa dutt

Mer, 21/11/2012 - 09:54

molto molto bene questa è una ottima notizia

silvio adopera

Mer, 21/11/2012 - 09:54

Battaglia, Del Vigo, Indini, Sgarbi, Sallusti, Farina, leggervi è sempre un grande spasso. Ah, dimenticavo che ogni tanto passa pure Giulianone...

Tergestinus.

Mer, 21/11/2012 - 09:54

Mi meraviglio e mi rammarico che anche una persona che stimo moltissimo come il prof. Battaglia abbia ceduto al conformismo e abbia usato nel suo articolo l'aggettivo "medievale" nel senso datogli dagli illuministi, senso che, come ogni persona dotata di retta ragione sa, è assolutamente improprio, errato e fuorviante, frutto di calunnie ideologiche del passato. Mi auguro che si tratti di una distrazione.

aldo tarchetti

Mer, 21/11/2012 - 09:56

Mi spiace per il Prof Battaglia, che peraltro stimo molto, ma qui in valle hanno deciso i cittadini per conto loro. Grillo non ha spostato di un voto la decisione. Lo posso assicurare, vivendo qui. I grandi protagonisti sono stati gli abitanti e lo si è capito fin dal primo mattino alle urne. Con affetto, Aldo Tarchetti

maxmello

Mer, 21/11/2012 - 09:56

Non è stato Grillo a spegnere l'inceneritore ma più del 90% dei Valdostani, non sapreste riconoscere la democrazia nemmeno se ve la facesse sulle scarpe.

millycarlino

Mer, 21/11/2012 - 10:00

In tempi orami remoti hanno applicato la legge Merlin e si sono però scordati dell'Italia che con tutte le donnine allegre che ha (vedi i grillini, c.a.v., verdi, centri sociali, ecc.. ) ormai è il "casino" più rinnomato del mondo. Credo sia venuta l'ora di chiudere le persiane. Milly Carlino

STICASSI

Mer, 21/11/2012 - 10:02

Come sempre Voi siete i profeti che tutto sanno mentre 'gli altri decidono su cose che non capiscono': infatti dopo vent'anni che sapete, predicate e fate i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Fra l'altro 'la democrazia è debole perchè il consiglio regionale (che come si sa sono entità superiori, saggie oneste e infallibili, con i megadirettori galattici e naturali)ha approvato all'unaninimità', mentre tutto è sovvertito da quei delinquenti dei cittadini che si impicciano negli affari loro (nel senso dei cittadini). Ma poco male tanto tra poco la gente non avrà più possibilità di consumare in quanto disocuupata e impoverita, quindi non produrrà rifiuti poichè si mangerà anche la plastica quindi l'inceneritore servirà a bruciare la spazzatura degli svizzeri, e a noi resteranno le polveri sottili.

kami

Mer, 21/11/2012 - 10:03

egi Concordo pienamente con te.

Amon

Mer, 21/11/2012 - 10:09

veramente sta facendo esattamente quello che aveva in programma. so che e' tutta roba nuova per voi ma funziona cosi, "io ti voto e tu fai quello che hai inprogramma ..ti ho votato per quello" e' talmente semplice che non tutti ci arrivano.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 21/11/2012 - 10:15

Il fenomeno è preoccupante:i politicanti sono quasi sempre non all'altezza del loro compito.La "gente" viene facilmente manipolata.Il sistema dei "referendum cartacei",favorisce sempre quella parte della popolazione,che si lascia intruppare,sensibile alle azioni di "piazza",alle bandiere,all'ideologia ferrea,cieca. Inceneritore SI,o inceneritore NO. In questo caso,quando Grillo dice,che è più conveniente attuare una efficiente raccolta differenziata,dice il vero,e se ben gestita,alla fine,di non riciclabile,rimane pochino,sul cui destino si può discutere. Ho il sospetto,che non si farà l'inceneritore(pur con tutte le garanzie ecologiche che oggi la tecnologia consente),e non si farà una raccolta differenziata "virtuosa" tale dall'evitarlo(perchè ricordiamoci,che bruciare dei prodotti a contenuto energetico così elevato,come gli attuali nostri rifiuti,anzichè riciclarli,è un delitto,un controsenso,a prescindere),ma il tutto finirà o sotto terra,o spedito in altri posti(a spese di chi?....Domanda inutile)

therock

Mer, 21/11/2012 - 10:17

caro prof. battaglia ma il popolo non era sovrano? o lo è solo quando elegge rappresentanti che ci piacciono?

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mer, 21/11/2012 - 10:20

Chie nega inceneritori e discariche dovrebbe anche impegnarsi e suggerire soluzioni; le soluzioni siano pratiche non romantici svolazzi da tavolino.

melamarzia

Mer, 21/11/2012 - 10:20

E' la democrazia bellezze! Imparate a rispettare il voto, anche quando non vi piace. Se Grillo senza giornali e tv arriva ad essere piu credibile del bombardamento mediatico che viene messo in campo, forse dovreste farvi qualche domanda.

Ritratto di lettore57

lettore57

Mer, 21/11/2012 - 10:27

@bisesa dutt perdoni la mia ignoranza ma perchè è una buona notizia? da dove deriva la certezza che i rifiuti dei valdostani si disintegrano autonomamente? in campagna, tanti anni fa', usava avere un luogo vicino ad ogni casa in cui, gli abitanti della stessa mettevano i rifiuti; faranno cosi anche i valdostani? grazie per la sua risposta che sarà sicuramente esauriente e di esempio per tutta l'italia intera

melamarzia

Mer, 21/11/2012 - 10:31

Certo, una prepotenza del popolo che osa votare contro i (propri?) rappresentanti. Suggerirei di abolirlo questo voto prepotente e di delegare i nostri destini a gente eletta (non piu solo proposta) direttamente dai segretari di partito in parcentuali che concorderanno tra loro. D'altra parte hanno dimostrato di essere cosi onesti e capaci che di sicuro faranno cio che e' meglio per noi cittadini, anche se non siamo in grado di capirlo.

linoalo1

Mer, 21/11/2012 - 10:38

Purtropo,quando si ha a che fare con i soliti Ignorantoni che non sanno ragionare con la propria testa,i risultati si vedono!E Grillo,consapevole di ciò,ne aproffitta!Tanto,pensa,gli Ignorantoni sono manovrabilie quindi mi seguiranno,qualsiasi puttanata io dica!Il brutto è,che ha ragione!E che gli Ignorantoni,sono pronti a fare una guerra,pur di compiacere Grillo!Per fortuna che il Tempo cancella tutto e che tutti questi Ignorantoni sono destinati a morire!Quello che dispiace,è che non riusciranno a vedere l'inutilità delle loro proteste!Il Progresso,non può essere fermato da quattro Ignorantoni!Forse,può essere rallentato.E' un po' come voler fermare il tempo!Non è e non sarà mai possibile!E non saranno quattro Ignorantoni,con un Grillo per capo,che riusciranno a farlo!Mi spiace che ,causa età,non cisarò più!Ma Tav e Ponte di Messina saranno una realtà positiva perl'Italia,malgrado gli Inorantoni!Lino.

Gioortu

Mer, 21/11/2012 - 10:44

Melamarzia.Scusa se ti contradisco.Dopo le elezioni,finita la luna di miele,il Grillo parlante farà la fine di un Di Pietro qualunque.Non mi pare che abbia la statura dello statista.

plaunad

Mer, 21/11/2012 - 10:47

Spedite tutta la spazzatura a casa sua. Chissà come sarà contento.

buri

Mer, 21/11/2012 - 10:49

Livera nos a malo! pregavano nel medioevo, sarebbe ora di ripristinare las tradizione chiedendo di essere liberato dall'aspirante dittatore

Ritratto di pacioccone

pacioccone

Mer, 21/11/2012 - 10:50

Se Grillo vuole chiudere tutti gli inceneritori d'Italia, poi la monnezza che viaggia su vagoni merci verso la Germania ed i paesi dell'Est per essere, per l'appunto incenerita, la paghi di tasca sua che i soldi in Svizzera o per comprare ville a Malindi, ce li ha.

Noidi

Mer, 21/11/2012 - 10:52

@linoalo1: Lei ha detto una cosa che mi fà sperare in un'Italia migliore: "!Mi spiace che ,causa età,non cisarò più!".

emulmen

Mer, 21/11/2012 - 10:52

ai sinistrati che parlano bene di Grillo: nel mio post precedente io ho fatto rilevare che fra assenza di inceneritori e di centrali nucleari chi ci rimette siamo sempre noi perchè 1) con la rumenta dobbiamo pagare profumatamente la Germania e l'Olanda perchè ce la vengano a prendere e a BRUCIARLA (non è un controsenso quando potevamo farlo noi risparmiando magari milioni di euro?) 2) senza l'energia nucleare dobbiamo pagare bollette salatissime alla Francia , stesso discorso della rumenta cioè milioni di euro buttati al vento: e tanto si continua a parlare di fotovoltaico, eolico, biomasse e chi più ne ha pinè metta e intanto francesi, svizzeri e pure la Slovenia ci riforniscono di energia dalle loro centrali nucleari, come se in caso di fughe radioattive i carabinieri alla frontiera le impediscono di entrare per immigrazione clandestina....CAPITO SINISTRORSI DOVE STA IL CUORE DEL DISCORSO? RINGRAZIATE CHI VI HA CONVINTO CHE TUTTO QUESTO E' MALE, NON E' BUONO..CON TANTI RINGRAZIAMENTI DA FRANCIA-GERMANIA ED OLANDA!

ademar

Mer, 21/11/2012 - 10:59

Gli inceneritori sarebbero il futuro??? L'obiettivo per il futuro deve essere RIFIUTI (QUASI) ZERO! In Valle d'Aosta la raccolta differenziata é al 40%, meglio investire dei soldi per portarla all'80% che per un pirogassificatore, che giá nel nome é bugiardo: si dovrebbe chiamare inceneritore. L'aspetto positivo degli inceneritori sta solo negli appalti e, di conseguenza, nelle mazzette che generano...

egi

Mer, 21/11/2012 - 11:03

maxmello- purchè si tengano loro l'immondizia

lorenzo464

Mer, 21/11/2012 - 11:08

poi ci si chiede perchè l'Italia è in declino..per chi parla di democrazia vera, ricordo che certe decisioni andrebbero prese a mente serena e da chi ci governa, se no è inutile pagare amministratori, specie in Val d'Aosta, dove hanno un consigliere regionale ogni 3000 abitanti (in Lombardia dovrebbe essere 3500 per avere la stessa proporzione con gli abitanti, il consiglio si dovrebbe riunire in un palasport..)

Ritratto di homer simpson

homer simpson

Mer, 21/11/2012 - 11:12

si chiama democrazia diretta e senza deleghe tramite i referendum, quei referendum che la CASTA NOSTRA in tutti questi anni ha sabotato e disatteso... si chiama dare finalmente voce ai cittadini, quelli che la CASTA NOSTRA vede solo come sudditi... NOI NON DELEGHIAMO PIU' LA CASTA A RAPPRESENTARCI!!!!

Ritratto di Geppa

Geppa

Mer, 21/11/2012 - 11:15

"addio modernità" che figura commovente...

Ritratto di pacioccone

pacioccone

Mer, 21/11/2012 - 11:19

@ademar..ma lei é grullo o ci fa?..una volta fatta la raccolta differenziata, secondo lei i prodotti di questa raccolta differenziata come vanno eleminati e gestiti?..li portiamo tutti nel suo giardino di casa cosi potrà fare tanto bel compost fertilizzante???!!! ahahah ah grillino grullo ma nun face ride...

eb

Mer, 21/11/2012 - 11:20

gli inceneritori inquinano? sì. bloccare gli inceneritori risolve il problema dell'inquinamento? no!!!! magari c'è anche chi fuma, e si oppone agli inceneritori.... l'importante è dare sempre la colpa agli altri....!! gli inceneritori non sono la scelta perfetta, ma sono la scelta che fa meno danni. Peccato che le scelte ambientaliste siano quasi sempre dettate dalle ideologie, e chi ci rimette è solo l'ambiente!!

winston1968

Mer, 21/11/2012 - 11:22

fate sempre pena. Grillo è l'oscurantista e non questo governo e chi lo ha appoggiato? compresi voi che appoggiate questa gente che ci porterà nell'abbisso della sofferenza. non vi fate schifo?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 21/11/2012 - 11:27

La Valle d'Aosta,in fatto di raccolta differenziata "virtuosa"(oltre il 65%),non ha NESSUN COMUNE!E' ad un livello infimo,più basso del meridione(il che, la dice lunga!!)Veneto,Trentino,Friuli,sono i più "virtuosi"(in Italia). Hanno detto no,all'Inceneritore",come risolveranno il problema? Sotterrando in modo "ecologico" il tutto,o mandandolo in modo "ecologico" in un altro "inceneritore",con costi aggiuntivi(a carico loro?....No di certo). Ipocrisia sociale demagogica!

aguaplano

Mer, 21/11/2012 - 11:30

Il sig battaglia ci è o ci fa? lui farebbe vivere i suoi figli vicini ad in inceneritore? per poi vederseli magari morire di cancro? non credo.. perchè allora dovrebbero farlo ii valdostani? eppoi, l'inceneritore per definizione è nemico del riciclaggio dei rifiuti. se dentro non bruci carta e paltiva non funziona. ma è amioco delle mafie e del clan del cemento e dei grandi aparati. eppoi i cittadini hanno deciso: No inceneritore! adesso dovranno impegnarsi con le amministrazioni a fare la raccolta differenziata. W la democrazia! Grazie Grillo!

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Mer, 21/11/2012 - 11:31

X Cassandraprof: Per l'amor di Dio, non facciamo inceneritori, facciamo come Napoli, tanto le montagne d'immondizia in mezzo alle strade fanno chic! E tutto il mondo ci guarda!

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mer, 21/11/2012 - 11:33

@alfredido2 - riciclare come si fa nei paesi del nord europa ? O è al di fuori delle nostre possibilità ?

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 21/11/2012 - 11:36

regaliamo ad ogni grillino una poltrona fatta coi tappi dei fiaschi che svuotano

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 21/11/2012 - 11:38

potremmo usare i copertoni delle auto per catturare polpi! basta buttarli in mare i polpi faranno il resto.

Ritratto di pacioccone

pacioccone

Mer, 21/11/2012 - 11:40

Ma che state a dì? Nei paesi tecnologicamente più sviluppati del nostro gli inceneritori (necessari) alle periferie danno energia a citta intere, perché dai rifiuti si può anche ricavare energia non lo sapevate?...O dobbiamo aspettare che il Dr. De Benedetti (grand'uomo!), oltre che di pale eoliche e panelli solari, inizi anche ad interessarsi (con i soldi di Berlusconi ovvio) di rumenta, per vedere sdoganati gli inceneritori nel pensiero standardizzato unico di sinistra dei dotati di anello al naso?

eb

Mer, 21/11/2012 - 11:43

leggo questo commento: "L'obiettivo per il futuro deve essere RIFIUTI (QUASI) ZERO" benissimo, chi non è d'accordo? Siamo tutti d'accordo! Il problema è che quando si fanno delle scelte, bisogna anche fare i conti con la realtà. L'obiettivo è rifiuti quasi zero, ma quando ci arriviamo a questo obiettivo? Tra sei mesi? Tra un anno? Tra dieci anni? Nell'attesa, un inceneritore avrebbe fatto meno danni..... e leggo anche questo: "L'aspetto positivo degli inceneritori sta solo negli appalti e, di conseguenza, nelle mazzette che generano" purtroppo siamo in italia, le mazzette ci sono e ci saranno sempre. Non si fanno gli inceneritori e si fa la differenziata? Bene. Gli appalti ci sono anche per la differenziata, le mazzette si sposteranno là. Che cosa abbiamo risolto?

Ritratto di lettore57

lettore57

Mer, 21/11/2012 - 11:50

visto che anche in questo articolo ci sono persone molto piu intelligenti di me vorrei che costoro mi spiegassero questa cosa circa la raccolta differenziata che, a dir loro, risolve tutto: se io ho un sacco dell'immondizia composto da 50 kg di umido e 50 di secco ESISTE il problema dello smaltimento dei, se la matematica non è una opinione, 100 kg di materiale. se invece ho 2 sacchi dell'immondizia uno di 50 kg di umido e 50 di secco oltre ad essere stato virtuoso non ho il problema dello smaltimento. MI SPIEGATE PERCHE ? io non ci arrivo

Mario Marcenaro

Mer, 21/11/2012 - 11:51

Va bene, ciascuno ha il diritto di dire come la pensa, ma anche il dovere, per decenza, di spiegare perché la pensa come dice e, se critica, dire come risolvere i problemi. Sarebbe ad esempio interessante sapere che fine dovrebbe fare e come la spazzatura che tanti ambientalisti dicono di non volere nel loro orticello. Mi sembra che una delle poche soluzioni tanto sbandierate sia quella della raccolta differenziata, ma poi, a parte la carta ed il vetro, di tutto il resto, ben suddiviso nelle schifezze che anche loro producono, cosa intendono fare nessuno di loro lo dice, tranne che rifilarle agli altri. Se poi la soluzione é quella di spedire tutto all'estero, non si può essere più fessi di così: si paga per il trasporto ed in più per il favore del trattamento, fra l'altro con i soldi di tutti i contribuenti, perché all'estero, con le tecnologie che permettono ormai di incenerire senza danno la monnezza in pieno centro città (ad esempio leggere Montecarlo), gli altri facciano affari con la stessa spazzatura. Veramente Italiani da Guinness della demenza ormai, istupiditi dalle loro farneticazioni senza sentire la necessità di proporre soluzioni decenti.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 21/11/2012 - 11:52

Siamo un popolo di collioni.Produciamo monnezza e non sappiamo come eliminarla. Dico popolo di immonnezzari ognuno elimina la sua in casa.Cosa dovrebbero dire i tedeschi che la importano da napoli , e l italiano tutto deve pagare per zozzoni che non sanno eliminare quello che producono. E tempo di differenziata,e tempo di multe , e tempo di galera. Finche si andra avanti cosi aumentiamo solo il volume dei nostri scarti quotidiani.Nessuno vuole l inceneritore vicino casa, ma non si puo pretendere di metterlo, per bruciare la propria monnezza davanti casa del suo vicino.

steali

Mer, 21/11/2012 - 11:54

Per una volta che sono i cittadini a prendere una decisione e non i soliti politici nominati da 4 segretari di partito ve la prendete con grillo..... Ma fatela finita giornalai da quattro soldi!!!

vabbeh

Mer, 21/11/2012 - 11:55

@emulmen - lei scrive: "..nessun odore che esce, nulla di niente.." infatti quello che esce si chiama NANO PARTICELLA nessun odore, invisibile ad occhio nudo, e CANCEROGENA. Mi sembra di sentirvi parlare: "allora smettiamo di fumare perche' viene il cancro? allora dovremmo smettere di bere vino perche' viene la cirrosi epatica? allora dovremmo smettere di andare in macchina perche' le emissioni sono tossiche? allora dovremmo smettere di usare i cellulari perche' le onde elettromagnetiche vicine al cervello sono dannose? allora dovremmo chiudere l'Ilva perche' aumenta i tumori? se fosse per voi resteremmo all'eta' della pietra..." che meravigliosa realta' la vostra. vi auguro vita eterna da malati cronici.

vabbeh

Mer, 21/11/2012 - 11:56

@emulmen - lei scrive: "..nessun odore che esce, nulla di niente.." infatti quello che esce si chiama NANO PARTICELLA nessun odore, invisibile ad occhio nudo, e CANCEROGENA. Mi sembra di sentirvi parlare: "allora smettiamo di fumare perche' viene il cancro? allora dovremmo smettere di bere vino perche' viene la cirrosi epatica? allora dovremmo smettere di andare in macchina perche' le emissioni sono tossiche? allora dovremmo smettere di usare i cellulari perche' le onde elettromagnetiche vicine al cervello sono dannose? allora dovremmo chiudere l'Ilva perche' aumenta i tumori? se fosse per voi resteremmo all'eta' della pietra..." che meravigliosa realta' la vostra. vi auguro vita eterna da malati cronici.

melamarzia

Mer, 21/11/2012 - 11:59

@Gioortu: contraddiscimi pure. In realtà meno di quel che credi. Credo anche io che una volta al governo emergeranno molte contraddizioni nel M5S e ci saranno le solite diaspore tra i duri e puri e quelle disposti a compromessi con gli altri (non e' cosi da sempre la storia italiana?). Il nuovo non e' Grillo (sostituire un buffone con un nuovo buffone?) ma l'insieme di militanti che fanno politica attiva ogni giorno senza prendere un centesimo. Rimanendo in tema, io mi riferivo al fatto che oggi, nonostante tutti i media diano per vera una cosa, quel che indica grillo dal suo blog sembra essere piu convincente.

vabbeh

Mer, 21/11/2012 - 12:01

Franco battaglia che altro non e' che Francesco Maria Del Vigo "addio modernita'" e' la sua opinione. come al solito lei fa' l'opinionista e non il giornalista, ma come sempre sbaglia i titoli. doveva mettere ADDIO CANCRO. La modernita' consiste nello scoprire metodi efficaci e NON DANNOSI PER L'UOMO. per questo ci vuole RICERCA e l'Italia negli ultimi 50 anni invece di investire in ricerca ha buttato soldi al vento avvelenandoci. Le ragioni sono economiche e politiche.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 21/11/2012 - 12:04

E' la latitudine che influisce sulla cancerogenicità degli inceneritori? Atteso che all'estero l'incidenza e la prevalenza di patologia oncologica non sembra esserne particolarmente influenzata. Soluzioni alternative? E' molto semplice: quella napoletana. Esportare la rumenta all'estero. Un giuoco da ragazzi...praticamente a costo zero. Lo vedo molto brutto il futuro della nostra democrazia. Ormai siamo alla canna del gas. Qui ci vuole un castigamatti. Chi vuole intendere, intenda. Senza indignati deliqui e stracciamenti di vesti.

Ritratto di italiota

italiota

Mer, 21/11/2012 - 12:06

@egi : DOCUMENTATI PRIMA DI PARLARE. L'nceneritore in Valle d'Aosta non era destinato ai rifiuti locali ma per il "business dei rifiuti da incenerire d'importazione"...provenienti dalle altre regioni; i Valdostani saranno anche "provinciali"..ma mica sono scemi ( infatti hanno votato al 90% contro l'inceneritore )

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 21/11/2012 - 12:06

de benedetti grand'uomo che investe in eolico e fotovoltaico coi fondi europei e venderà le quote di sorgenia appena i fondi finiranno e dovranno rimettere gli impianti a nuovo, anzi le venderà un po' prima, così chi viene dopo almeno un poco ci guadagna. abbiamo già fatto i calcoli di quanto dureranno i suoi impianti sui terreni affittati per sapere quando li abbandoneranno nelle mani del padrone del terreno che dovrà smantellarseli. tutti ingegneri 'sti asini! e con la munnezza al massimo si puà fare teleriscaldamento nel raggio di 2km, le ultime case agli ultimi piani però stanno al fresco. non parliamo senza cognizione di fisica e senza conoscere quanti soldi vanno dati a chi per fare cosa.

Raoul Pontalti

Mer, 21/11/2012 - 12:09

Franco Battaglia in omaggio al nome che porta non si perde una battaglia persa che sia una: dopo il nucleare gli inceneritori. Parla di inceneritore stranamente dimenticando che oggi non si fanno più inceneritori ma "termovalorizzatori" (che a mio avviso differiscono come la zuppa dal pan bagnato peraltro) volendo con ciò significare che i rifiuti non vengono soltanto smaltiti mediante abbruciamento ma costituiscono del combustibile, ossia un fonte di energia, per produrre calore per il teleriscaldamento o addirittura energia elettrica. Prendendo in parola ciò che dicono i politici per farci ingoiare gli inceneritori Grillo giustamente replica che i rifiuti si possono vendere, essendo combustibili, ossia fonte di energia la quale ha conseguentemente un prezzo di mercato. Battaglia cita Vienna, io potrei citare altre città in particolare germaniche come che visitai per motivi istituzionali allorché il consiglio comunale di Trento fu investito della scelta del luogo dove far sorgere il termovalorizzatore trentino e la sua tipologia. Il sito citato da Battaglia e quelli da me visitati hanno una carattersitca fondamentale in comune che non possiedono Aosta e Trento: sono in pianura dove ci sono i venti e dove non si verifica il fenomeno della ristagnazione dell'aria e la temuta inversione termica, mentre Trento e Aosta stanno in mezzo alle montagne e a Trento, incassata nel fondovalle, presenta il terribile fenomeno dell'inversione termica per molti mesi all'anno con le conseguenze ben note per la salute (i tumori e le malattie respiratorie a Trento hanno incidenza più elevata che nel resto d'Italia). Aosta e Trento sono poi capoluoghi delle più rinomate zone turistiche alpine e un bel termovalorizzatore non è certo il miglior biglietto da visita per i turisti. Per contro, grazie alla ricca economia indotta dal turismo ci si può permettere a Trento come ad Aosta di smaltire altrove i rifiuti, ciò non fu compreso dai locali governi trentino e valdostano che preferirono puntare sui "businness" indotti dal termovalorizzatore, ma ad Aosta ci ha pensato il referendum vittorioso a bocciare il termovalorizzatore, a Trento, dove analogo referendum non raggiunse il quorum, ci ha pensato la dura realtà: con la raccolta differenziata il termovalorizzatore per funzionare economicamente dovrebbe importare rifiuti e a questo punto anche lo stupido governo trentino ha capito che perdita per perdita è meglio esportare rifiuti anziché importarne facendo infuriare la gente e procedere con la raccolta differenziata integrale (ormai si è prossimi) e con la riduzione alla fonte della produzione di rifiuti. Come ammettono anche tecnici e politici favorevoli agli inceneritori vi sono situazioni ambientali locali che non consentono obiettivamente ciò che altrove non dà problemi e può essere un modo utile anzi (grazie anche al ricavo dell'energia termica) di smaltire i rifiuti. Un'ultima nota per coloro che vilipendono i referendum: quando li vinse Berlusconi per le sue emittenti andavano invece bene vero?

vabbeh

Mer, 21/11/2012 - 12:11

@lettore57 - lei scrive: "costoro mi spiegassero questa cosa circa la raccolta differenziata che, a dir loro, risolve tutto: se io ho un sacco dell'immondizia composto da 50 kg di umido e 50 di secco ESISTE il problema dello smaltimento dei, se la matematica non è una opinione, 100 kg di materiale. se invece ho 2 sacchi dell'immondizia uno di 50 kg di umido e 50 di secco oltre ad essere stato virtuoso non ho il problema dello smaltimento. MI SPIEGATE PERCHE ? io non ci arrivo" ci provo io: perche' i 100 kg gia' divisi permettono il RICICLO con piu' facilita' e meno denaro (se raccolta e riciclo non sono truffa come si usa oggi). Quindi i 100 kg diventano, ipotesi, 50 recuperati e 50 da smaltire contro i 100 da smaltire del metodo tradizionale. Di niente, bella stella.

steali

Mer, 21/11/2012 - 12:11

x emulmen Ma spara meno cassate.....

Mario Marcenaro

Mer, 21/11/2012 - 12:14

Dubbio ormai assillante: che la soluzione meno drammatica e meno costosa sia quella di non andare più a votare? (cfr. Amleto e dintorni).

ioanche

Mer, 21/11/2012 - 12:15

Se gli inceneritori fossero una soluzione sarei felice di abbracciarla, ma cosi non e'. 1) non producono piu di quanto consumano: gli inceneritori sono impianti perennemente in perdita e hanno bisogno di una costante sovvenzione pubblica tramite tassa occulta (CIP6) nelle bollette elettriche 2) non risolve il problema dei rifiuti, ne riduce il volume ma non vi e' una sostanziale diminuzione della massa 3) studi mostrano essere dannosi per la salute; la combustione produce sostanze cancerogene. La raccolta differenziata mirata al riciclaggio e' sicuramente un metodo piu' efficace, piu' efficente e meno dannoso per la salute...quindi perche' volere un inceneritore? perche' non attuare altri metodi di smaltimento-riciclaggio? chi ha vantaggi dall'inceneritore?

Ritratto di pacioccone

pacioccone

Mer, 21/11/2012 - 12:19

@mariosirio...bravissimo! dicono che De Benedetti non faccia politica solo perché non si candida epure comanda una massa di "anello al naso dotati" e dall'alto del suo giornale!..solo per i suoi interessi ovvio..

Eric CPT

Mer, 21/11/2012 - 12:22

Purtroppo si vede che l' autore ha poca conoscenza della VdA. Il consiglio regionale passa sempre tutto all' unanimita` o quasi perche` l' opposizione non esiste e tutti si piegano ai dettami del padre padrone Augusto Rollandin o "Guste" come lo chiamiamo noi in dialetto. Grillo poi ha avuto un input degli ultimi 10 minuti sulla vicenda e certamente non e` stato lui a influenzare il voto. L' autore avrebbe dovuto grattare di piu` sulle diatribe interne all' Union Valdotaine dove chi non sopporta piu` il capo assoluto comincia a farsi sentire in previsione delle regionali di aprile. Oltretutto grazie al referendum, coloro che si sono recati alle urne hanno disobbedito ai dettami della maggioranza e questa puo` dare ora un nome e una faccia ai franchi tiratori tra i suoi presunti fedeli elettori. Nei paesi chi e` andato a votare dovra` rispondere ai capipartito locali e subirne tutte le pressioni in vista delle regionali. Inoltre ,in democrazia chi si astiene dal godimento del diritto ad esprimersi delega a chi vuol invece esercitare tale diritto il potere di prendere una decisione sulla questione. Se la cosa non ti interessa abbastanza per andare a votare allora non lamentarti dell' esito che ne consegue. L' autore prenda atto del fatto che i valdostani che avevano a cuore il futuro della loro regione sono andati a votare e rispetti la loro scelta.

emulmen

Mer, 21/11/2012 - 12:30

vabbeh - a montecarlo, a Vienna, a Stoccolma e chissà dove altro queti inceneritori in piena città ci sono da anni e anni, forse più di quanti ne hai tu: hai mai sentito nessuno lamentarsi? se lo avessero fatto ovviamente quegli inceneritori non ci sarebbero più. Ma essendoci ancora allora vuol dire che hanno preso tutti i provvedimenti per evitare fuoruscite di nano-particelle ecc ecc: forse a questo non hai pensato...come del resto non ci pensano gli italiani poveri fessi che, ripeto, pagano profumatamente Germania ed Olanda per prendersi tutte le nostre tonnellate di rumenta CHE LORO VANNO A BRUCIARE NEI LORO INCENERITORI! E IO DICO: NON E' UN CONTROSENSO SPENDERE MILIONI DI EURO QUANDO POTEVAMO RISPARMIARCELI CON 2-3 INCENERITORI SULL'ITALICO TERRITORIO??? già ma voi non ci pensate a questi "effetti collaterali", l'importante è bere tutto quello che vi propinano...tutte le altre cose che hai detto sono così evidenti che si spiegano da sole

Titanio

Mer, 21/11/2012 - 12:35

Cmq è giusto che sia chiaro che ha scelto la GENTE, il POPOLO, la loro LIBERA scelta, NON Grillo! se non accettiamo neanche questo la libertà è solo ad una via.qui la Sinistra non c'entra niente, è il POPOLO che ha deciso liberamente, accettiamo per una volta in maniera corretta la loro decisone non solo quando ci fa comodo.

mborrielli

Mer, 21/11/2012 - 12:42

Eh si caro Silvio, proprio uno spasso. Che soluzione invece propone lei, che di energia e smaltimento rifiuti presumibilmente ne sa più di tutti noi ?

ennio1963

Mer, 21/11/2012 - 12:45

A PARTE CHE IL POPOLO E' SOVRANO, QUINDI SE HA DECISO COSI' VA BENISSIMO, MA NESSUNO PARLA DEL COSTO DI QUESTO MOSTRO. INOLTRE PARLIAMO DI UNA REGIONE DI 120000 ABITANTI IN UNA ZONA BELLISSIIMA. SE PROPRIO VOLETE QUESTI MOSTRI COSTRUITELI IN ALTRE REGIONI. INOLTRE HO NOTATO UNA COSA QUESTI POLITICI SONO UNA MASSA DI INCOMPETENTI, IN QUALSIASI PROVINCIA O REGIONI CHE VAI SONO PIENE DI DEBITI E FACILE FARE POLITICA A DEBITI.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 21/11/2012 - 12:47

@Cassandraprof il fine di questi giornalisti non è mettere in cattiva luce grilo ma solo quella della loro personae sopravvivenza, altrimenti non li prenderebbe più nessuno a scrivere. Questi mettono in cattiva evidenza chiunque dica cose giuste non difese dalla destra berlusconiana

Ritratto di decimacrociata

decimacrociata

Mer, 21/11/2012 - 12:54

Va bene, vorra dire che i valdostani si riempiranno le loro valli di immondizia, cosi' saranno contenti tutti! Veramente robe da matti, cavalcare la ignoranza della gente ... Ma un giorno il popolino, quello che deve essere tenuto nella ignoranza, si svegliera' ed allora ci sara' da ridere!

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 21/11/2012 - 12:56

@pacioccone - il fatto grave è che la sperimentazione in italia c'è già stata ed è risultata antieconomica o inefficace mentre si continua a blaterare. ultima non ultima la boiata del ristagno...persino nelle foreste in certi momenti della giornata ci sono ristagni di anidride carbonica. ma va beh. l'ultima è il turismo danneggiato. molti sognano ma non conoscono il consumo di un inceneritore ne la potenza calorifica e la quantità del "combustibile" che può produre e che comunque non è appettibile commercialmente quanto i pellet al napalm sponsorizzati da lega ambiente. la verità è che sì, andrebbero importate quantità di munnezza per farli andare a regime per guadagnare. è vero pure che il rilancio di una economia passa pure dai lavori sporchi, farsi pagare per smattellare munnezza non è sbagliato.

mgarte

Mer, 21/11/2012 - 13:11

L'idea di Grillo che solo la democrazia diretta sia vera democrazia è del tutto cretina! I problemi di un paese moderno sono complessi e non c'è verso di ridurli a si-no. Soltanto dei minus habens possono credere che un referendum possa decidere su questioni tecniche difficili da capire persino per dei tecnici! Se lasciassimo decidere a popolazioni tenute all'oscuro dei problemi avremmo conseguenze tragiche. Chi impedirebbe a qualche capopopolo grillesco di ottenere un bel si a proposte di abolizione delle tasse? O via le autostrade? O via le dighe? La gente va informata, non sobillata sugli istinti peggiori.

Ritratto di lettore57

lettore57

Mer, 21/11/2012 - 13:16

@vabbeh grazie per la risposta ma io sono di campagna e non capisco subito. Lei non mi ha spiegato come "fa sparire" i 50 di secco che non puo riciclare. Diciamo che la sua risposta sposta il problema in avanti del doppio del tempo ma non la risolve. Ne consegue che i 50 kg ci sono e da qualche parte dovranno pur essere messi. Vede il problema del referendum è sempre lo stesso è come viene posto (in modo assolutamente voluto) il quesito che inganna la maggior parte della gente; se le interessa intaserò ancora con un post e lo spieghero; buona giornata

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mer, 21/11/2012 - 13:22

@Memphis35 - non è la latitudine a determinare se un inceneritore è cancerogeno o meno bensì la morfologia. Se ha l'occasione di volare sopra la pianura padana dia un'occhiata alla sua morfologia quindi faccia lo sforzo sovrumano di immaginare dove andrebbe a finire il particolato generato da un inceneritore lì collocato.

grattino

Mer, 21/11/2012 - 13:31

@Pacioccone La modernita' e' riutilizzare la mondezza come materie prime e secondarie e non bruciarla per prendere un tumore... in Germania e Olanda lo fanno..noi gli mandiamo la mondezza e' loro c'e' la rivendono come materia prima,bisogna investire in queste aziende non in inceneritori.. qui in Italia c'e' una a Vedelago che ricicla il 70% di rifiuti... basta solo informarsi,ma forse e' chiedere troppo..

vabbeh

Mer, 21/11/2012 - 13:34

@emulmen - mi sei simpatico perche' sei anche tu zeneise o giu di li' (e non negarlo perche' ti ho sgamato, che un italiano non dice RUMENTA). tu scrivi "hai mai sentito nessuno lamentarsi? se lo avessero fatto ovviamente quegli inceneritori non ci sarebbero più. Ma essendoci ancora allora vuol dire che hanno preso tutti i provvedimenti" QUESTA E' LA TUA LOGICA? Diocisalvi, allora. Nel medioevo pensavano tutti che la terra fosse al centro dell'universo e al primo fesso che ha detto che cosi' non era hanno dato del pazzo... guarda che se ti informi le prove ci sono, sul fatto che siano dannosi proprio non c'e' discussione. il dibattito se vuoi puo' esserci sul compromesso/necessita' perche' anche finire come Napoli non e' certo salutare, allora se ne puo' parlare.

AndreaScotti

Mer, 21/11/2012 - 13:37

Val d'Aosta, piccola sicilia del nord. Ma cosa esiste a fare una regione cosí piccola ? accorpatela con il Piemonte. Come per la maggior parte dei problemi di questo paese la soluzione é un federalismo reale: non produci energia ? se vuoi riceverla dalla regioni che la producono paghi, non elimini i rifiuti ? se vuoi esportarli paghi, ma di tasca tua, questo per ogni cosa, acqua, rifiuti, energia. Comodo blaterare di ecologia e mandare il conto agli altri. Per il professor Battaglia rinnovo la mia stima, condivido ogni cosa nell'articolo.

grattino

Mer, 21/11/2012 - 13:38

Andate a vivere vicini l'inceneritore di Acerra.. poi commentate,se siete anciora vivi..

grattino

Mer, 21/11/2012 - 13:39

Franco Battaglia era quello che diceva che Chernobyl non aveva fatto vittime?

vabbeh

Mer, 21/11/2012 - 13:47

@lettore57 - prego. lei scrive "Lei non mi ha spiegato come "fa sparire" i 50 di secco che non puo riciclare. ". infatti il quesito non era "la differenziata risolve?" il quesito era "perche' la differenziata e' meglio del metodo tradizionale?" e le ho risposto: a parita' di energia utilizzata si ricicla e le scorie da smaltire sono minori. ma certamente il problema non e' risolto. esistono altri metodi come ARROW-BIO: Produce Biogas, utile per ottenere energia elettrica (per alimentare lo stesso impianto, ad esempio) o come carburante pulito per il trasporto pubblico al posto dei carburanti fossili altamente inquinanti. No odori, né microparticelle, né diossina, né alcun tipo di elemento inquinante per l’aria, l’acqua e il suolo. Utilizzato in Israele. Infatti noi mandiamo la nostra rumenta anche in Israele. INFORMATEVI

emulmen

Mer, 21/11/2012 - 13:52

@Vabbeh - ebbene si mi hai scoperto, mi son tradito, mi sun de zena...cmq rimane il fatto che non mi hai risposto: perchè nelle città europee dove ci sono inceneritori nel bel mezzo delle città nessuno dice nulla? forse siamo più furbi noi e fessi loro o il contrario? e cmq essendo di Genova anche tu dovresti sapere benissimo che al ritmo attuale la discarica di Scarpino non durerà a lungo: e quando sarà strapiena e bisognerà scegliere un'altar discarica che si fa? la gente da tutte le parti protesta, non vogliono discariche nè inceneritori. E allora come si fa ad eliminare la rumenta? la portiamo sulla Luna trasformandola in una immensa discarica?

LittleOsc

Mer, 21/11/2012 - 13:58

Avrei un consiglio... andatevi a vedere il docfilm SPORCHI DA MORIRE... magari scoprirete che gli stessi dirigenti dell'INCENERITORE di Vienna non hanno la minima idea di cosa produca il loro inceneritore..... Non bisogna essere ottusi per forza, e certe scelte non devono essere figlie dell'idologia ma del buon senso..... E non è vero che bruciano in tutto il mondo, chiedete agli abitanti di SAN FRANCISCO....

Ritratto di lettore57

lettore57

Mer, 21/11/2012 - 14:08

@vabbeh la ringrazio per l'utleriore risposta, vedo che non le interessa sapere perchè il quesito referendario è stato posto in modo assurdo ma sono costretto a ricordarle che la mia domanda (i mio quesito a cui chiedevo risposta) era come risolvere il problema dei 50 kg e, mi scusi, oltre ad aver dimostrato di leggere anche lei wikipedia, NON mi ha risposto ma non importa.

ademar

Mer, 21/11/2012 - 14:14

@pacioccone grazie alla raccolta differenziata: l'umido puó essere usato per fare compost e concimare i campi; dalla carta puó essere prodotta nuova carta, dalla plastica nuova plastica, dall'alluminio nuovo alluminio, dal vetro nuovo vetro, ecc. Questa é la strada. I rifiuti non differeziati (che a valle di un'efficace raccolta differenziata saranno molto pochi, < 20%) é possibile metterli in discarica o bruciarli in uno degli inceneritori giá presenti in Italia (vedi Brescia). A che serve fare un inceneritore in piú? Solo a "bruciare" altri soldi pubblici...

Mario-64

Mer, 21/11/2012 - 14:19

Dedicato a chi dice che sono i politici la rovina del Paese e che bisogna far decidere tutto ai cittadini...Ecco fate decidere ai cittadini ,poi torniamo all'eta' della pietra! Ed e' chiaro che in un Paese del genere ha buon gioco un Masaniello come Grillo che dice no a tutto.

Ritratto di PaoloDeG

PaoloDeG

Mer, 21/11/2012 - 14:28

Il problema é non solo Grillo! Ma lo Stato italiano intero e la Chiesa anche! In effetti, in Italia si avrebbero dieci milioni di tonnellate di rifiuti in meno se non ci fosse stata l'immigrazione! Ma non solo, oggi nella tecnica del trattamento rifiuti in Italia si sarebbe molto più avanzati! Perché la popolazione italiana avrebbe avuto la possibilità di sfruttare le proprie capacità mentali molto meglio! Inoltre non si avrebbero tanti debiti e deficit pubblici! Non si avrebbero tante discariche, che inquinano il territorio intero e si sarebbe molto più competitivi in tutti i campi! Anche la salute dell'intero territorio e del popolo sarebbe molto meglio! Ma gli sfruttatori e schiavisti ci hanno imposto l'immigrazione! Quindi é ora di stoppare al 100% l'immigrazione! Noi abbiamo una sola Italia e non quattro! Pro Patria Semper!

grattino

Mer, 21/11/2012 - 14:47

@mario-64 Eccone un'altro... sembra che lo fate apposta..

alberto_his

Mer, 21/11/2012 - 14:47

I votanti locali hanno determinato il risultato, non Grillo. Come nel caso del referendum sul nucleare, la volontà popolare è ciò che conta, le chiacchere di chi presume di saperne più degli altri (chissà come mai sono sempre gli altri a vivere sugli alberi) non hanno valore. Quello che già da un pezzo avveniva in Germania accade ora in Italia: il potenziamento della raccolta differenziata, unito agli effetti della crisi, ha messo in crisi le strutture di termovalorizzazione rendendo carente la disponibilità di materia prima, specialmente quella con alto pci (guarda caso in maggioranza quella reciclabile). Costruire o ampliare questi mostri crea il problema, con il vincolo coatto di contratti capestro ai quali le municipalità devono sottostare, di soddisfare il loro famelico appetito; questo significa togliere materia alla differenziata e/o importare rifiuti fuori dalla zona di riferimento, con impatto negativo sui trasporti. Comprendo il servizio che Mr Battaglia è impegnato a fare in favore delle lobby delle rendite, ma come nel caso dell'energia una seria politica nazionale dei rifiuti si fa prendendo in considerazione e armonizzando le differenti soluzioni, prime fra tutte riduzione (meno consumi), riuso e recupero. Questo manca in Italia. La termovalorizzazione è attività poco efficiente e altamente entropica.

Danaro

Mer, 21/11/2012 - 14:53

@emulmen Parli degli inceneritori di Montecarlo, di Stoccolma e di Vienna. “..nessun odore che esce, nulla di niente..”. Ma qui siamo in Italia caro mio! Magari fossimo ai livelli di Svezia o Austria in termini di rispetto dell’ambiente, di efficienza e di qualità delle opere pubbliche. Allora dove buttiamo i rifiuti? Cominciamo a consumare meno, poi facciamo la differenziata e quello che non ricicliamo spediamolo in Austria o in Germania dove hanno impianti efficienti.

Ricky70

Mer, 21/11/2012 - 14:55

Personalmente sono un sostenitore dei termovalorizzatori/inceneritori ma non approvo il vostro sistema di propaganda di sfruttare ogni argomento per incolpare Grillo. Contro tale sistema di eliminare i rifiuti è contro tutta la sinistra che ingloba Verdi, Lega Ambiente, Italia Nostra e tutta la pletora dei mini movimenti ecologisti che essendo rimasti numericamente così minimali, per raccattare qualche seggio parlamentare o poltrona s’intrufolano in altri movimenti e partiti di sinistra. Il Sindaco di Napoli ha vinto facendo campagna contro i termovalorizzatori, come pure il Sindaco Marchese Doria a Genova del Sel, che ha accantonato per il suo mandato la costruzione dell’inceneritore. Chissà quanti altri casi del genere ci sono in Italia. Se volete recuperare i molti moderati del Pdl che hanno intenzione di votare per il M5S, dovete combattere i benefici della casta politica dimezzando il numero dei parlamentari e non lasciare Monti tartassare di tasse il ceto medio delle PMI e pensionati.

alessandro.cardelli

Mer, 21/11/2012 - 15:04

Quando si dice che la madre degli imbecilli è sempre pregna..I paesi del nord Europa fanno termovalorizzatori e l'Italia paga fior di milioni per smaltire all'estero la "monnezza" di quelli che non vogliono inceneritori! La Svezia fa affari d'oro importando l'immondizia dai paesi che non riescono asmaltirla in casa. Follia pura. Ci meritiamo Grillo e anche di peggio....

Ritratto di livio gherbaz

livio gherbaz

Mer, 21/11/2012 - 15:05

Vivo in un quartiere di Roma, che da solo ha più abitanti della Valle d'Aosta, in un condominio con 64 famiglie. Dovremmo fare la raccolta differenziata che il povero sindaco Alemanno cerca di imporre da 2 anni. Ci sono stati forniti contenitori per separare carta, vetro, metalli, umido e quel poco che dovrebbe rimanere di non riciclabile. Risultato? In meno di 1 anno abbiamo accumulato svariate multe poichè i condomini non ci pensano proprio a dedicare un po' di tempo per diversificare la raccolta. CAPITO!?!? Questa è la realtà italiana, con buona pace di Grillo. Povera Italia.

vabbeh

Mer, 21/11/2012 - 15:11

@lettore57 - lei scrive: "la mia domanda (i mio quesito a cui chiedevo risposta) era come risolvere il problema dei 50 kg e, mi scusi, oltre ad aver dimostrato di leggere anche lei wikipedia, NON mi ha risposto ma non importa. " abbia pazienza, ma il fatto che sia andato lei a vedere cosa fosse il metodo ARROW-BIO su wikypedia non implica necessariamente che io abbia fatto lo stesso. e' un po' che mi informo, dai tempi di Napoli per capirci , perche' mi sembrava assurda come situazione. poi quando ho scoperto il metodo israeliano mi sembrava assurdo che non lo utilizzassimo anche noi. la mia risposta era: "come smaltire i 50 kg ma anche i 100? cambiando metodo. per esempio con questo arrow-bio". ma forse non e' la risposta che voleva sentire, in tal caso ha ragione. non importa, dimentichiamoci

grattino

Mer, 21/11/2012 - 15:32

@alessandro.cardelli Il merito di questa situazione va attribuito al successo del riciclaggio in Svezia, dove soltanto l'1% dei rifiuti casalinghi finisce nelle discariche, contro il 38% della media dei paesi europei, secondo le ultime cifre fornite da Eurostat, citate da Audrey Garric sul blog-ecolo di Le Monde. In Svezia il 36% dei rifiuti casalinghi viene riciclato, il 14% compostato, il 29% finisce negli inceneritori. Quando noi saremo come la Svezia,allora se ne puo' parlare..

egi

Mer, 21/11/2012 - 16:27

italiota- se puoi spiegarmi dove si vogliono portare mi faresti un favore, quando si arriva alla barriera di Aosta si sente la puzza chirdi agli abitanti di villaire, magari chiedere di realizzarlo solo per la regione, mi sembrava una soluzione, comunque non si preoccupi andremo a sciare oltre che a Pila anche sui rifiuti, è solo questione di tempo.

ro.di.mento

Mer, 21/11/2012 - 16:37

alla valle d'aosta dobbiamo togliere tutti i soldi che lo stato le Dà PER ESSERE REGIONE AUTONOMA. che diventi una regione normale. così la spazzatura i valdostani se la .... mangieranno a colazione !!siamo proprio un popolo di cretini imbocconi !!|!

mekong43

Mer, 21/11/2012 - 16:58

La noce del ragionamento è perfetta. Siamo sempre più un paese in caduta libera, non solo nel senso di debito pubblico insanabile ed al contempo una sciagurata crescita continua della spesa pubblica ma anche completa decadenza culturale e comportamentale, nonché villania e prepotenza “politica” a TUTTI i livelli. Mi aspetto cose tipo Spagna del 1932, dove la protervia dei progressisti al potere era giunta a concepire di incamerare tutti i conti correnti privati nelle casse dello stato, che avrebbe poi provveduto ad erogare a suo piacere e per risparmiare sulla spesa pubblica abolire i Carabinieri, la Guardia Civil, sostituendoli con i volontari del servizio d’ordine dei sindacati.

Romolo48

Mer, 21/11/2012 - 17:18

Ma si è giusto così! I Valdostani pagheranno per trasferire i loro rifiuti, magari in Germania; la Germania li smaltisce, li riconverte e rivende il prodotto ottenuto. Non è detto che parte di questo non finisca in Valdaosta che, nuovamente, contribuirà ad arricchire la Germania. Con buona pace di Grillo (che ovviamente se ne frega) e dei Valdostani.

emulmen

Mer, 21/11/2012 - 17:22

@Danaro - tu dici giustamente "Cominciamo a consumare meno, poi facciamo la differenziata e quello che non ricicliamo spediamolo in Austria o in Germania dove hanno impianti efficienti." PURA UTOPIA QUA IN ITALIA! la differenziata non si sa che roba sia..riciclare mandandolo all'estero? a che prezzo? ripeto per l'ennesima volta le domande a cui nessun sinistro mi ha risposto: poichè nelle città europee con inceneritori in piena città esistono da decenni anche e nessuno si sarà mai lamentato ci sarà il motivo. Quindi o noi siamo furbi e loro fessi o il contrario, ma essendo pesismista propendo per il contrario...anche perchè all'estero non aspettano altro che la nostra rumenta per farci sopra affari lucrosi, per giunta BRUCIANDO LA NOSTRA RUMENTA NEI LORO INCENERITORI!!!! e allora non era meglio che facessimo noi lo stesso per guadagnarci sopra invece di farci ridere dietro da tutta Europa che ci mandano poi continue minacce di sanzioni perchè non smaltiamo mai la nostra rumenta? non è forse colpa degli imbonitori contrari agli inceneritori?

luan

Mer, 21/11/2012 - 17:46

SONO CON GRILLO

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 21/11/2012 - 18:59

Anche a Trieste l'inceneritore è in città,anzi, vicino ad un salumificio e alla torrefazione del buon Illy caffè...e nessuno se ne lamenta! E poi, lautomobile uccide più che gli inceneritori...ergo, aboliamo le macchine e torniamo ai cavalli!

rino biricchino

Mer, 21/11/2012 - 19:20

"Che è un po' come chiudere gli ospedali perché bisogna raggiungere l'obiettivo zero-malattie". Che è un po come non andare dal dentista o andarci il meno possibile perchè si ha cura della propria igene orale. Che è un po come non andare dal dietologo o andarci il meno possibile perchè seguo una alimentazione corretta(salvo disfunzioni metabiliche). Che è un po come ridurre i tumori ai pomoni perchè il mio paese fa un vera campagna di sensibilizzazione contro il fumo, che è un po come ridurre la presenza delle forze dell'ordine ovunque perchè il mio paese fa una vera campagna di civilizzazione dei suoi cittadini, fin dall'asilo nido. eccetera eccetera. SI CHIAMA PREVENZIONE. Cosi come prevenzione è una vera,capillare, ed efficace raccolta differenziata dei riufiuti che ridurrebbe l'utilizzo degli inceneritori. Ci trovate qualcosa di sbagliato? Io invece dico che si tratta di un fatto di urgente civilità, di grande evoluzione sociale, al contrario di quanto scritto qui. Un fatto che, a mio modesto parere, dovrebbe essere condiviso da tutti e non ridotto alla banale strumentalizzazione politica di chi è di destra e di chi è di sinistra. Mi rifiuto di pensare che se sei sensibile alla prevenzione sei di sinistra e se invece sei per il contrario sei di destra. Non trovate?

Danaro

Mer, 21/11/2012 - 19:21

@emulmen Tu vedi gli inceneritori come una fonte di guadagno. Io come una fonte di emissioni sottili pericolose, per cui spero ancora che si possa imporre la differenziata. Nel mio comune in provincia di Padova viene fatta abbastanza bene, da qualche mese addirittura con il porta a porta. Non so da te.

Massimo Gioggia

Gio, 22/11/2012 - 07:44

Caro Battaglia, credo dovrebbe approfondire un po' di più l'argomento prima di scrivere articoli come questo ... altrimenti il messaggio che passa è che Il Giornale è pronto a scrivere qualunque cosa pur di dare contro a Grillo. Come le ricordano molti dei post che trova qui, c'erano ragioni di carattere economico, politico e (last but not least) ambientale che sconsigliavano la realizzazione di questo impianto: ridurre il tutto a una querelle pro o contro Grillo è veramente cosa ridicola e antistorica. Se proprio di Grillo si vuole parlare, perché non andarlo a "stanare" sulle cose che dice per esempio mettendolo alla prova? Buona giornata!

CALISESI MAURO

Gio, 22/11/2012 - 09:49

Coraggio fra un po saremo all'eta della pietra , quindi emissioni zero garantite:))..... pero' mi sorge la domanda come pensa la gente di procacciarsi il comune cibo andando alla coop o vangando la terra e i kilowatt necessary per l'alcoa in sardegna dove li tiriamo fuori dal vento?? Interessante come la gente ha alterata la realta:))

Follia

Gio, 22/11/2012 - 09:53

Sono felice abbiano impedito la costruzione di un inceneritore, specialmente perchè avrebbero bruciato i rifiuti di altre regioni.

Gregor Samsa

Gio, 22/11/2012 - 10:07

Non è stato Grillo a bloccare l'inceneritore ma la popolazione che si è espressa democraticamente. Io posso domandarmi: la popolazione ha la capacità su alcuni temi di scegliere cosa fare? ma dei valdostani non me ne frega niente (stanno meglio di tanti altri!), se avranno problemi con la monnezza se la vedranno loro...

STICASSI

Gio, 22/11/2012 - 10:21

http://www.adnkronos.com/IGN/Sostenibilita/Risorse/Dal-Parlamento-europeo-indicazioni-contro-lincenerimento-dei-rifiuti_313233828081.html QUESTA è LA SECONDA VOLTA...NO SIATE 'OSCURANTISTI'

STICASSI

Gio, 22/11/2012 - 10:49

GRAZIE, NON LO SIETE STATI

Ritratto di Ugo Qvalunque

Ugo Qvalunque

Gio, 22/11/2012 - 11:19

il 96% dei valdostani hanno votato per la chiusura... quello che voi chiamate oscurantismo si chiama DEMOCRAZIA che ormai in Italia è merce rara

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Gio, 22/11/2012 - 11:43

Hanno fatto bene a non farlo l'inceneritore... Ma quanta munnezza potranno mai fare i valdostani? Questi ora fanno l'inceneritore, poi è capace che si ritrovano a bruciare la munnezza radioattiva di Napoli.

eb

Gio, 22/11/2012 - 12:36

certo che gli italiani si lamentano: - del costo dell'energia: peccato che le centrali nucleari non le vogliamo perché si può produrre energia pulita dalle fonti rinnovabili. Ottima idea, ma invece di produrla con le fonti rinnovabili le compriamo all'estero a prezzi più alti (forse perché le fonti rinnovabili non sono così miracolose come si vuol far credere?) - del costo di gas e benzina: va bene in italia non ci sono enormi giacimenti di gas e petrolio, ma i pochi che abbiamo non si possono sfruttare perché... boh provocano i terremoti? fanno sprofondare venezia? boh! - del problema dei rifiuti: gli inceneritori non li vogliamo perché bisogna fare la differenziata, che non risolve comunque tutti i problema ma va bene, e intanto non si fanno né inceneritori né la differenziata mentre portiamo i rifiuti all'estero a spese nostre, e coi nostri nostri rifiuti all'estero scaldano interi quartieri... (ok gli inceneritori inquinano ma avete idea di quanto inquina il riscaldamento di casa vostra?) avete capito perché in Germania le cose vanno bene e in Italia non riusciamo ad uscire dalla crisi? - etc. etc. etc. tutti soldi che dall'Italia si riversano all'estero... almeno fino a che i soldi ci sono.... sarà anche democrazia ma.... ci stiamo facendo del male da soli!!

Danaro

Gio, 22/11/2012 - 13:49

@eb Il tuo ragionamento è giusto. Ma non si può pensare che tutto dipenda dal prezzo. E la qualità della nostra vita? Lo sviluppo che abbiamo avuto in passato si è basato solo sul PIL. Se il PIL cresce allora va tutto bene. Ma il PIL cresce anche quando c’è una guerra perché dopo bisogna ricostruire, o quando il sistema sanitario spende di più (ma questo significa più malati). Tu parli di grandi problemi energetici da risolvere e io credo che si debba cambiare modello di sviluppo. Consumare meno, non di più come si continua a dire. Usare le risorse in modo efficiente, non sprecarle. La crisi può portare ad un cambio di mentalità, a idee nuove. Se il prezzo di gas e benzina aumentano magari diventa conveniente l’auto elettrica, case ed elettrodomestici a risparmio energetico, installare un impianti fotovoltaici. O magari scegliere un lavoro più vicino a casa. Per gli ipermercati diventa costoso importano prodotti dall’altra parte del mondo, ecc. Poi magari sarà comunque necessario costruire l’inceneritore, ma sarà 1 non 10.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 22/11/2012 - 15:33

Diciamo chiaro,che il bruciare "plastiche" in un inceneritore,è un vero delitto energetico! L'inceneritore(costruito come si deve,e gestito altrettanto bene),dovrebbe essere la "estrema ratio",di un processo "virtuoso",tendente al riciclaggio della maggior parte di rifiuti,per mandare all'incenerimento, solo un 5-10% del totale. Vediamo ora se i Valdostani,in questa giusta ottica,si daranno altrettanta "mossa",per portare il loro attuale sistema di raccolta differenziata,dai valori INFIMI attuali,a quelli di una Regione avanzata. Se invece pensano di sotterrare il tutto,o inviare la loro immondizia,non differenziata,in un altro inceneritore,allora non ci siamo,e li classificherei:ipocriti inconcludenti.

novi

Gio, 22/11/2012 - 16:16

in italia,sembrava, che il movimento di grillo, fosse il nuovo che avanza, ma per me è stata una delusione perchè, si l'italia ha bisogno di politiche diverse da quelle che hanno rappresentato fino adesso i politici eletti da noi, ma non il diverso che propone grillo, perchè è peggiore della politica attuale, anzi se grillo e i suoi rappresentati futuri, hanno i programmi del loro lider, l'italia indietrerebbe a paese modioevale. Si vede dalla proposta dei no sugli inceneritori in valle aosta. Tutta l'europa li usa, e noi che facciamo? referendum dei no e solo no, ma dove si va con i NO caro grillo. Si va verso il terzo mondo, ma che bello!. Grillo o ti metti sulla strada del progresso (anche sul nucleare) o i tuoi sinpatizzanti non ti voteranno mai alle elezione. Dai una sterzata altrimenti è inutille urlare piani astratti perchè si che siamo arrabiati per le cose come vanno in questo paese, ma ho un un pò di cervello per capire, che cosi come fai, non proponi un vento di cui abbiamo bisogno.

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Gio, 22/11/2012 - 18:37

.....quelli contro gli inceneritori o termovalorizzatori sono tutti SAPUTELLI....si racconta in giro che comunque sia nessuno conosca quali siano gli aspetti negativi alla salute.....le particelle rilasciate sono cosi minuscole da non essere nemmeno avvertite dagli strumenti....avessero fatto degli studi se ne potrebbe anche parlare.....a proposito rispondendo a qualcuno che dice di fare come le nazioni del nord....es. SVEZIA,DANIMARCA ecc.ecc. ecco queste nazioni bruciano quasi il 50% dei rifiuti....

grattino

Gio, 22/11/2012 - 18:37

@novi allora per la settima volta.. il progresso e' fare rifiuti 0,riutilizzare la mondezza come materie prime-secondarie o compost per l'agricoltura e non fare inceneritori... in Svezia,Olanda e Germania l'ho fanno... solo il 20% dei rifiuti viene bruciato..

blackbird

Gio, 22/11/2012 - 18:38

Ad onor del vero, in Austria misurano le emissioni dannose dei camini degli inceneritori e in base agli sforamenti multano i gestori di quanto aumenteranno le spese per curare gli ammalati di tumore in più che ci saranno a causa del maggior inquinamento. Bello vero? Ma veniamo alla differenziata, se i cittadini la attuano con cura, e non ad personam come di solito succede in Italia, non c'è bisogno di inceneritore (tutti i rifiuti di natura organica si possono ridurre nei bio digestori e produrre bio-gas) e pochissima parte del non recuperabile finisce in discarica. Dove popolazione e amministrazioni operano correttamente, ciò si è già verificatoe(in Italia, non in qualche Paese del nord-Europa), si sono ridotta drasticamente la massa di rifiuti in discarica (o da incenerire) e le spese di smaltimento. E poi, fate un giro per impianti di trattamento rifiuti e discariche: stanno mettendo in cassa integrazione decine di lavoratori, la crisi economica ha drasticamente ridotto i consumi (non lo sapevate?) e di conseguenza si sono drasticamente ridotti i rifiuti. Se durerà qualche anno (o qualche decennio, come ritengono alcuni) ci saranno ben pochi rifiuti da incenerire.

gustavo

Gio, 22/11/2012 - 19:53

Se i Valdostani si fanno condizionare da Grillo è affare loro, viva la democrazia e la libertà di autogestirsi, però in caso di mancanza di denaro per pagare il trasferimento dei rifiuti. spero non vadano a battere cassa in casa degli altri.

G9

Gio, 22/11/2012 - 20:20

il successo (?) di Grillo è l'espressione della mediocrità del cosidetto popolo sovrano che per anni se ne è fregato di tutto e ora che siamo nella ..... si sveglia e decide di sostenere un signore che per anni ha guadagnato..e bene..grazie al sistema di uno Stato che ora denigra la colpa è nostra....e ora svegliamoci...

biri

Gio, 22/11/2012 - 20:40

Suvvia, Franco Battaglia è quello che "A Chernobyl non è morto nessuno". Chissà perché gente che di mestiere fa addirittura il professore universitario è così avvinghiata alle tecnologie più obsolete che ci sono in circolazione. In nome della modernità, naturalmente. Ci vuol pazienza.

veradestra

Gio, 22/11/2012 - 21:12

finalmente i valdostani con il loro referendum democratico hanno deciso di abbassare i morti di tumore nella regione, risparmiando anche sulle spese sanitarie...è un idea di grillo? grande grillo, penso che con questo prenderà sempre più voti...o alla marcegaglia degli inceneritori questa notizia non piace? meno soldi per gli industriali e più salute per la gente? ben venga...

CALISESI MAURO

Ven, 23/11/2012 - 08:19

Danaro, lei ha detto una cosa giusta dicendo che cambiando il mondo si potra cambiare anche il modo di vivere e produrre, io me lo auspico. Questo periodo storico sara' caratterizzato da cambiamenti epocali, il dramma per noi e' che stiamo attraversando tali marosi con una nave scassata, una ciurma demoralizzata e con ufficiali incompetenti e avvinazzati ( va beh mi e' venuta cosi ) Ma il dramma maggiore sono dovuti al fattoche i cambiamenti che stanno avvenendo vanno nella direzione opposta con la connivenza dei nostri "ufficiali" i capi del mondo ci vogliono schiavi e stanno accelerando in questa direzione e noi siamo come i polli di Renzo pirl..i che si scannano l'un l'altro. Questo purtroppo e'!

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 23/11/2012 - 14:15

Per tagliare la testa al toro.Ci obbligano a fare tutto quello che fa l europa.Io proporrei da tutti i sindaci insieme all assessore monnezza, di farsi un obbligatorio aggiornamento mese per mese di come si smaltiscono i rifiuti in europa.Per esempio qui a francoforte nel mio quartiere , dico solo mio perche periferia ,´Dicono non da profitto ci hanno liberato afare raccolta differenziata .CARTA; CARTONE ; MONNEZZA VARIE ; JOGURT MATERIALE ORGANICO ; PLASTICA ETCT TUTTO INSIEME.Pero le bottiglie ognuna nel suo colore bianca, marrone, verde,cON il vetro e veramente da farci ancora guadagni. In poche parole si mettessero accordo una volta per tutte , qui l inceneritori funzionano ,e i teutsch come popolo si inchina e fa pippa.