Grillo rischia di far scoppiare la coppia Santoro-Travaglio

Santoro: "Beppe senza autorità morale per dire chi è buono e chi è cattivo"

I giornalisti sono stati convocati per parlare di Announo, il nuovo programma di approfondimento condotto da Giulia Innocenzi, che da giovedì, ospite Matteo Renzi, prenderà il posto di Servizio pubblico. A ben guardare, però, tira aria di rifondazione anche per il talk show di Michele Santoro: un nuovo inizio, una ripartenza, forse anche con un nuovo nome e qualche novità nella squadra. Del resto, Todo cambia: in politica, nell'informazione, nel rapporto con i leader, con Grillo, Renzi, la sinistra. Un cambiamento che potrebbe comportare anche la separazione tra l'ammiraglio e il suo bombardiere più agguerrito. «Fino a qualche tempo fa era tutto chiaro, il cattivo era riconosciuto», spiega Santoro. «Di fronte a Berlusconi, io e Travaglio eravamo uniti, anche se io ero su posizioni più liberali... Ora chi è il cattivo?». Travaglio sta con Grillo, Santoro no. Inoltre, anche sul piano televisivo assistiamo a un cambiamento profondo: «E io pensavo che Servizio Pubblico fosse un ciclo finito. Ma Cairo, con cui c'è stato un confronto serrato, ci ha chiesto di continuare anche per l'anno prossimo. Sono stato contagiato dalla sua voglia e ho deciso di accettare». Tanto più che «La7 è il vertice dell'indipendenza e sono onorato di lavorare in una rete in cui nessuno mi dice che cosa devo fare». E la Rai? «Se mi offrisse di fare un programma, anche simbolico, tipo Trasmissione zero, lo farei, perché no? È un lungo pezzo di storia professionale...». Ma di ritorni, per ora non si parla. Della necessità di cambiare Servizio pubblico invece sì. La riflessione era già in atto.

E l'attacco di Grillo ha fatto da detonatore. «Mi auguro che dismetta i toni illiberali. Che impari a rispettare il lavoro dei giornalisti», afferma Santoro. «Contro Vauro ci sono stati toni inaccettabili, fino alle minacce, innescate da una forza politica che avrebbe il dovere di dissociarsi. Il mio amico Travaglio dice che la Rete si esprime così. Io temo che si trasformi in una grande Piazza Tahrir, anti-istituzionale a prescindere. Grillo è il Berlusconi del web», dice al Giornale il conduttore che con il Cav ospite ha fatto il record storico: «Ti restituisce quello che prende da lì, sull'immigrazione, sulla Tav... Fa il suo mestiere, ma non ha l'autorità morale per dire chi sono i buoni e i cattivi. Usa anche il gossip per colpire i presunti avversari... Si è creata una combinazione mostruosa Casaleggio-Dagospia. Ora non voglio disturbare la sua campagna elettorale, ma una volta terminata, potrei andare anch'io nelle piazze a raccontare come stanno le cose. Sarebbe un'operazione di legittima difesa e per la libertà di stampa».

In difesa, Santoro gioca anche a proposito di crisi «dei cosiddetti talk show». È la tv generalista a essere in crisi, dieci anni fa Rai e Mediaset facevano il 90 per cento di share ora arrivano al 60. E poi, mostrando uno studio dell'istituto di ricerche Barometro, sottolinea che «nella storia di La7 Servizio pubblico compare in 4 posizioni della top 5, in 6 della top 10 e in 15 tra le prime 20 (in share, ndr), mentre nell'ultima stagione ricopre le prime sedici posizioni (in valori assoluti, ndr)». Se quest'anno c'è stato un calo è perché «ora lo spettatore ha un rapporto diverso con la politica». Alla maggioranza del pubblico interessa capire se Renzi ce la fa o no. Per il resto «siamo invasi da replicanti della politica. Ma anche i big hanno un richiamo limitato: Grillo da Mentana non ha fatto il botto... Lo stesso Berlusconi forse non ha piacere a tornare da noi, perché dovrebbe misurarsi con il 34 per cento dell'anno scorso. Magari avrà più interesse ad andare nel programma di Giulia. Certo, è stato invitato; come pure Grillo». Che però andrà da Vespa. «C'è la campagna elettorale e se gli serve fa bene... Ma mi pare una sconfitta, un'incoerenza. Tra dire che la tv è morta e poi andare da Vespa...», punge Santoro, dribblato dallo Sciamano pentastellato. «In realtà, la tv si mostra centrale anche quando nei blog si parla per una settimana dell'operaio ospite di Servizio pubblico e per prendere i voti di Berlusconi si attacca il Pd e la nuova peste rossa». Insomma, tutta colpa di Grillo e dei politici se i talk vanno così così. E un po' di autocritica di voi televisivi? «Ci siamo adagiati sul fatto che la temperatura esterna garantiva il successo delle nostre trasmissioni. Ma adesso si riparte...». Auguri.

Commenti

vince50

Mar, 06/05/2014 - 10:23

Non occorre essere "Beppe" per rendersi conto che siete perfettamente inutili super pagati e servi del regime.

billibix

Mar, 06/05/2014 - 10:31

Beh visto il crollo di ascolti...forse è giunto il momento di prendere una lunga pausa e godersi il denaro guadagnato...eh si perchè il reuccio dei COMUNISTI...quelli con il cuore a sinistra ma il portafoglio ben saldo a destra...si è giusto giusto comprato da poco una bella casona nella Grande Mela...chissà che il caro Befera non ci voglia dare una occhiata giusto così per vedere se il denaro è proprio tutto frutto dei lauti compensi oppure di abile "esterovestizione" di soldini distratti al fisco?

Ritratto di .VinciamoNOI

.VinciamoNOI

Mar, 06/05/2014 - 10:35

il dipendente santoro con il suo "servizio pubico" si è da tempo adeguato alla campagna elettorale permanente di la7 spacciando la propaganda elettorale e falsi scoop per informazione... ma essere giornalisti è altro

Libertà75

Mar, 06/05/2014 - 10:37

"Fa il suo mestiere, ma non ha l'autorità morale per dire chi sono i buoni e i cattivi. Usa anche il gossip per colpire i presunti avversari"... Cioè Santoro sarebbe vittima di uno che si comporta come ha spesso fatto lui? ossia innalzandosi a moralista e gossipparo? Quindi in pratica ha ragione Grillo?

cicero08

Mar, 06/05/2014 - 10:40

L'arrogante e saputello sedicente fustigatore dei costumi altrui libera Santoro da un impegno che era diventato troppo gravoso. Era ora!!!

fabio cova

Mar, 06/05/2014 - 10:42

Giusto per dimostrare quello che davvero ha a cuore il finto martire santoro: numeri, share, profitti milionari collegati e libertà di diffamare con aspiranti senatori pd travestiti da operai (mesi fa c’erano anche le finte olgettine) che addebitano lo sfascio del ventennio pd-centrodestra a grillo e di cantare “clap and jump per renzi” senza alcuna voce di dissenso né travagli a dissentire. Il comunista da salotto vauro, è stato attaccato in rete dopo mesi che provoca gli elettori del movimento 5 stelle appellandoli come fascisti e deficienti. Non è che tutti sono liberali e a favore della libera diffamazione a’ la santoro. Dai e dai alla fine troverai il deficiente che gli augura il peggio. Vauro dal salotto dei giornalisti milionari può infamare e i cittadini italiani (anche deficienti) no? Bravo santoro: stai dimostrando egregiamente come si tiene l informazione italiana agli ultimi posti!

bruna.amorosi

Mar, 06/05/2014 - 11:11

io so soltanto che tutte quelle persone che abbagliati al sogno della libertà d'espressioni e di poter fare quello che vogliono dentro il monitor televisivo alla fine sono diciamo liberi da impegni vedi PARODI VEDI DALLA CHIESA ,LIPPI.ed altri sono tanti .e questa signorina crede che basti il suo finto musetto a far salire gli ascolti ? no bellina bisogna innanzitutto fare odiens con personaggi veri e onesti ma sapendo da quale scuola vieni ho seri dubbi ,sulla tua onestà .staremo a vedere .

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mar, 06/05/2014 - 11:16

Santoro, avevo tanta stima per te una volta .....ora ci hai stufato con i tuoi soliti invitati che nella realtà non contano nulla. Ormai fanno vomitare chiunque i soliti Landini, Santanchè, Sgarbi, Serracchiani Lorenzin ec. Se uno mi chiede di descrivere annozero io gli rispondo che è tutta quella roba inutile attorno allo stacchetto di Travaglio.

giovauriem

Mar, 06/05/2014 - 11:17

che bella coppia!

fabio cova

Mar, 06/05/2014 - 11:39

Bella questa! Santoro che estromette Travaglio, come un novello Fabio Fazio che ha fatto fuori dalle sue trasmissioni Saviano. Spettacolo da godere per intero. :-) Poveri noi che avevamo investito 10 euro con l'illusione che santoro fosse l'unico che assicurasse libertà di stampa e invece il sogno di santoro è essere il nuovo Fazio, magari con stessi faraonici emolumenti e stessi ascolti penosi. Il conto a pantalone!

titina

Mar, 06/05/2014 - 13:06

Mi piacerebbe sapere: perchè Travaglio ( e il suo giornale) sta con Grillo? la risposta la posso solo immaginare.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 06/05/2014 - 13:37

@titina. Sei sicuro/a che Travaglio stia con Grillo? Hai mai letto qualche editoriale di Travaglio sul modo in cui Grillo controlla il movimento 5 stelle? E' una domanda, non vuole essere polemica. Perché io ho letto critiche durissime di Travaglio sulla "democrazia" interna del movimento, quindi faccio un pò fatica a "sposare " l'affermazione "Travaglio ( e il suo giornale) sta con Grillo"

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mar, 06/05/2014 - 13:41

Che cosa è successo? Forse non si danno più reciproco godimento a leggere le intercettazioni del Berlusconi? Vorrei ricordare ai due manettari che c'è sempre la Giulia che è sempre utile alla bisogna.

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 06/05/2014 - 13:42

Santoro, Santoro...il suo Ego è così grande che non si rende conto di darsi la zappa sui piedi. Le cose che contesta a grillo "gossip ad uso politico (gli ricorda niente tutta la campagna su Ruby e sulle escort a palazzo Grazioli?), diffamazione, insulti, attacchi agli avversari...", sono esattamente le stesse armi che lui (ed il suo degno compare travagliato)usa da decenni contro Berlusconi. Sono tutti allievi di cotanto "maestro" di giornalismo. E poi, vista la sua dichiarazione sull'autorevolezza morale, che autorevolezza ha Santoro per giudicare l'autorevolezza di Grillo? Questa sarebbe la domanda da fare a Santoro. Ma nessuno ha il coraggio di fare queste osservazioni. Nessuno ha l'acume di incastrarlo con le sue stesse argomentazioni. Ecco perché questi "terroristi mediatici" hanno gioco facile, non hanno avversari. Ed ora perfino una ragazzotta qualunque come la Innocenzi (bocciata all'esame di giornalismo) farà la conduttrice di un programma tutto suo. Già, oggi "siamo tutti giornalisti" ed abbiamo l'autorevolezza morale per dare patenti di moralità (ma solo se siamo militanti di sinistra), così come siamo tutti "opinionisti" e siamo tutti allenatori; è l'Italia da bar dello sport.

aldopastore

Mar, 06/05/2014 - 13:43

Questa volta non ce la fai con Grillo. Hai trovato chi non teme i tuoi monologhi, le tue trasmissioni e i tuoi pensieri palesemnte faziosi.Ti ci voleva. Hai finito di fare quello che volevi senza che nessuno avesse il coraggio di dirti quello che meritavi per timore di sentirsi dire, la solita cazzata che dite tutti voi giornalisti quando vi iniziano a toccare il c..., e cioè che ""non c'è libertà di stampa." Hai trovato chi ti risponde a tono

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mar, 06/05/2014 - 14:26

"VinciamoNoi" ahahahaha grande! Oramai "servizio pubico" non se lo fila più nessuno...possono andare direttanente ad anno10 ;-)

vince50_19

Mar, 06/05/2014 - 16:36

"Marcuccio ritorna le colline sono in fiore.." così Michelino 'o guaglione 'e Salierno, laureato in filosofia e che ha iniziato la sua vita politica in un gruppo di maoisti.. Secondo me hanno imbastito sta faccenda per aumentare lo share, attualmente molto basso..

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 07/05/2014 - 11:20

Alla romana: "nun me ne po' frega' de meno". Quando li vedo cambio canale.