Hanno ragione i super tecnici: il bonus del premier è un bluff

Il servizio Bilancio del Senato smaschera l'operazione demagogica di Renzi: gli 80 euro non sono un taglio Irpef, ma spesa pubblica in deficit. Ecco perché

Matteo Renzi: «Le osservazioni sulle coperture del “decreto Irpef” fatte dal servizio Bilancio del Senato sono tecnicamente false». Pietro Grasso: «Non posso accettare che si metta in discussione la serietà, l'autonomia e l'indipendenza degli uffici del Senato». Maurizio Gasparri e Roberto Calderoli: «Querela!». Il presidente del Senato li chiama, ma non per annunciare chiarimenti da parte del governo, bensì per bloccare la loro azione di denuncia. I due vicepresidenti vanno avanti lo stesso: «Renzi chieda scusa all'istituzione che ha offeso». Interviene di nuovo il presidente del Consiglio: «Mi vogliono querelare perché abbasso le tasse». Evidentemente non si è ancora reso conto, nonostante sia scritto nella relazione tecnica al Decreto, redatta dal suo stesso ministro dell'Economia, che il «bonus Irpef» non è un taglio delle tasse, ma spesa pubblica in deficit.

A questo è arrivato il renzismo in Italia. Conflitto istituzionale. Tutto parte dal «bonus Irpef» di 80 euro strombazzato da Renzi per vincere le elezioni europee del prossimo 25 maggio. «Bonus Irpef» che, però, non ha coperture certe e dà origine a un buco di bilancio che si tradurrà in nuove tasse, aumenti delle accise sulla benzina, sugli olii minerali e sui tabacchi, in tagli lineari e in sanzioni da parte dell'Unione europea.
Lo abbiamo detto per primi con rilievi tecnicamente ineccepibili, e abbiamo scritto al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, affinché vigilasse sul rispetto, nel decreto Irpef, dei principi di carattere costituzionale, e in particolare dell'articolo 81 della Costituzione, inerente il pareggio di bilancio. Nonostante il lungo travaglio, il decreto è stato controfirmato. È bastato solo qualche giorno, e il 2 maggio tutti i nostri dubbi hanno trovato conferma nella Nota di lettura n. 45 redatta dal Servizio bilancio del Senato della Repubblica. Apriti cielo.

A norma delle vigenti disposizioni legislative e dei Regolamenti parlamentari, ci saremmo aspettati che la Ragioneria generale dello Stato, probabilmente penalizzata in sede di redazione del decreto, facesse valere tutta la sua professionalità, rispondendo a tono alle osservazioni formulate dal Servizio Bilancio del Senato. E che poi il governo, attraverso i suoi rappresentanti, convincesse in Commissione i dubbiosi, lasciando al Parlamento, in quanto tale, il giudizio finale.
Invece niente di tutto questo: solo insulti. E nuovi azzardi: in prima battuta Renzi ha voluto rispondere sfidando i tecnici a dimostrare «se è vero o no» che il suo governo ha ridotto i costi della politica e delle Province e che sta vendendo le auto blu. Il che, come è noto, non solo con il «decreto Irpef» c'entra come i cavoli a merenda, ma è un'affermazione puerile, volgare e ridicola. Così come il riferimento all'applicazione dei tetti agli stipendi da parte dei funzionari del Senato. Poi la bordata: «osservazioni tecnicamente false». Per rispondere così, il presidente del Consiglio è chiaramente sull'orlo di una crisi di nervi, non sa quel che dice, provoca.
La pioggia di critiche da parte dei tecnici del Senato si è concentrata su 5 punti, cui ne aggiungiamo un altro noi. E in 164 pagine è stato di fatto dimostrato che le coperture del «bonus Irpef» millantate da Renzi non ci sono e, di conseguenza, la manovra correttiva è sempre più vicina. Nell'ordine, i rilievi riguardano:

1) L'aumento della tassazione sulle quote rivalutate di Bankitalia: il provvedimento di Renzi confligge con gli articoli 41, 53 e 97 della Costituzione, in quanto mina «l'esigenza di anticipata conoscenza da parte del contribuente - in questo caso le banche - del carico fiscale posto sulle proprie attività economiche». Inoltre, il gettito stimato dal governo non tiene conto delle ricadute di eventuali contenziosi;

2) La stima del gettito derivante dall'aumento della tassazione sul risparmio: non tiene conto di «possibili effetti sostitutivi che la nuova norma potrebbe determinare nelle scelte di investimento, ad esempio tra attività finanziarie nazionali ed estere»;

3) Il pagamento dei debiti della Pa: non è automatico che produca il gettito Iva stimato dal governo, in quanto le imprese potrebbero utilizzare la liquidità ricevuta per pagare i loro fornitori, generando «effetti di compensazione impliciti nella procedura di liquidazione periodica dell'Iva». A supporto di quanto detto, il Servizio Bilancio del Senato evidenzia che dai pagamenti effettuati nel corso dell'anno 2013 è stato realizzato solo il 58,3% del gettito Iva originariamente previsto. Circostanza che quest'anno potrebbe ripetersi;

4) Il taglio dell'Irap: il minor gettito da esso derivante potrebbe essere ben superiore ai 2 miliardi stimati dal governo nel decreto, che corrispondono solo all'8,3% delle entrate attese per il 2014, mentre la riduzione dell'aliquota promesso dal governo è del 10%;

5) La norma che prevede di destinare a copertura degli «80 euro» i proventi derivanti dalla lotta all'evasione fiscale (almeno 2 miliardi) ha carattere «programmatorio» e, per questo motivo, non potrebbe essere inserita in un decreto legge. A ciò si aggiunge il fatto che nel provvedimento del governo non è scritto quali siano gli strumenti che l'esecutivo intende adottare per raggiungere l'obiettivo dichiarato.
Ma c'è ancora un altro rilievo, che, da quanto si apprende, sarebbe stato segnalato al ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, dal direttore generale del Tesoro, Vincenzo La Via: l'aumento della tassazione sul risparmio dal 20% al 26% rischia di essere incostituzionale. L'eccessiva differenza tra le aliquote sugli interessi maturati sui depositi bancari o sui prodotti corporate (obbligazioni, azioni, ecc.: 26%) e quelle sui titoli di Stato (12,5%) rischia di determinare una doppia imposizione sulle imprese. Discriminando tra forme di risparmio. La maggiore tassazione su alcune rispetto ad altre, infatti, determina forme di arbitraggio finanziario per cui una parte delle risorse si sposteranno dai conti correnti o dal corporate, ad esempio, verso i titoli di Stato.

E per «piazzare» i loro titoli, le imprese dovranno garantire rendimenti maggiori, internalizzando il costo dell'imposta più alta sui titoli di loro emissione. Una sorta di tassa «occulta» in più sulle imprese, che già versano Ires e Irap.
Difficile, in questo contesto, il ruolo del ministro Padoan, stretto nella morsa tra l'obbedienza a Renzi e la difesa del suo profilo professionale di economista apprezzato e stimato sia in Italia sia all'estero. Ma il presidente del Consiglio, sulla sua spudorata posizione di insulto all'istituzione Senato, non sembra voler fare marcia indietro. Anzi gioca con la retorica politica. Qualcuno gli dica di smetterla. Strattonare a destra o a sinistra un sistema fiscale caotico e contraddittorio, come quello italiano, per fini contingenti quali possono essere i propositi elettoralistici di Matteo Renzi, produce solo disastri.

La preoccupazione per questo stile barbaro non può che aumentare dopo le nomine del board dell'Ufficio Parlamentare di Bilancio, tutte e tre di stretta osservanza Pd in spregio ai Trattati internazionali che lo hanno istituito, alla legge che ne ha recepito le indicazioni e al Parlamento tutto. Qualcuno spieghi al nostro improvvisato presidente del Consiglio che demagogia e populismo fanno solo male al Paese. E che, malgrado lui, la finanza pubblica italiana è diventata un pezzo della finanza pubblica dell'Unione europea. Non si governa con battute ridicole e arroganti. Né tantomeno delegittimando le istituzioni.


Commenti

tosijoe

Lun, 12/05/2014 - 08:55

sono anni che il debito pubblico aumenta per le eccessive ruberia dei ladroni di stato ( vedi gli ultimi arresti ) , ed una volta che il denaro viene dato ai cittadini le opposizioni gridano allo scandalo : VERGOGNATEVI !!!!

xgerico

Lun, 12/05/2014 - 09:02

Siiii e meglio Silvio, pensioni a 1.000 Euro, dentiera gratis (che ci faranno poi se mangiano stracchino e minestrina), e ZERO IVA sui prodotti dei cani e gatti!

Mr Blonde

Lun, 12/05/2014 - 09:15

Caro brunetta non si sa più che cosa inventarsi per l'invidia contro renzi. E glielo dico da chi non ha nulla da guadagnare dagli 80 euro, che sono una realtà si metta l'anima in pace. "Non servono" - "sono bruciati dalla tassa sugli smartphone" (sigh!) - sono a debito" - "sono 53 euro" ecc ecc. Per me, p iva e liberale, mi aspetterei invece l'ovvia politica di rilancio dell'offerta piuttosto che inseguire il populismo di stampo bertinottiano-vendoliano (ultima le pensioni a mille euro). Ecco perchè, anche a prescindere da tutti gli scandali e le schifezza che vi accompagnano, i veri moderati hanno di fronte solo la scelta se il 25 andare al mare o votare proprio per quel renzi (o ncd) e per quella politica comunque di sinistra che sta facendo pur di vedere qualcosa (politica di sinistra che non piace alla sinistra cgil in testa, mah!), (io ovviamente per le amministrative avrò tutt'altra scelta appoggiando un sindaco "serio" proprio del cebntrodx). Cambiate, abbiate il coraggio di proporre e non di smontare soprattutto quando solo gli stolti pernsano che ci sia veramente da smontare.

edo1969

Lun, 12/05/2014 - 09:16

"Non si governa con battute ridicole e arroganti. Né tantomeno delegittimando le istituzioni." di chi sta parlando Brunetta?

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 12/05/2014 - 09:19

Senza dare nell'occhio, nei primi giorni di governo, nel trambusto delle mille promesse, facendo come fanno gli imbroglioni, hanno fatto scivolare due bombe: "una tantum" e "contributo solidale". Adesso stanno alzando cortine di fumo, di modo che nessuno se ne accorga fino a che non scoppieranno (dopo le elezioni, è ovvio). Non lasciano avvicinare nessuno e diventano feroci se qualcuno lo fa (ecco spiegate le parole forti di Renzi). Non sono dei condottieri, questi; sono solo dei poveri bombaroli sfigati!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 12/05/2014 - 09:19

Senza dare nell'occhio, nei primi giorni di governo, nel trambusto delle mille promesse, facendo come fanno gli imbroglioni, hanno fatto scivolare due bombe: "una tantum" e "contributo solidale". Adesso stanno alzando cortine di fumo, di modo che nessuno se ne accorga fino a che non scoppieranno (dopo le elezioni, è ovvio). Non lasciano avvicinare nessuno e diventano feroci se qualcuno lo fa (ecco spiegate le parole forti di Renzi). Non sono dei condottieri, questi; sono solo dei poveri bombaroli sfigati!

linoalo1

Lun, 12/05/2014 - 09:19

Comunitari!Ma vi rendete conto,una volta per tutte,in che mani siamo?Ed un personaggio del genere,Parolaio Incompetente,ha la pretesa di governarci?Chi ci aiuterà a liberarci da questo Governo e da questo Presidente,ossia da questi Regime?Aiuto!!Lino.

brunicione

Lun, 12/05/2014 - 09:20

Meglio un bluff che distribuisce 80 Euro ai bisognosi, che una legge fatta dal governo che regala pensioni d'oro e privilegi schifosi ai politici

ghorio

Lun, 12/05/2014 - 09:25

Ripeto: non spasimo per Renzi, non sono beneficiario degli 80 euro, ma le argomentazioni di Renato Brunetta non mi convincono. Fa specie poi che Brunetta difenda i tecnici del Senato , privilegiati, e che fanno il bello e cattivo tempo nella preparazione dei decreti, quando le scelte sono di carattere politico. Abbasso i tecnici, dunque. Il funzionarismo è da debellare, soprattutto da chi si proclama liberista.

rokko

Lun, 12/05/2014 - 09:35

Sono d'accordo con i punti di Brunetta. Peccato che a riduzioni di tasse in deficit che negli anni successivi vengono coperti con nuove tasse ormai ci siamo abituati, grazie soprattutto alla sua parte politica.

rca

Lun, 12/05/2014 - 09:39

Renzi è il più grande chiacchierone che si sia mai visto!!! Pensare che fino a qualche mese fa lo guardavo con simpatia. Viva Silvio Berlusconi!!!

xgerico

Lun, 12/05/2014 - 09:45

@linoalo1- A Lino, guarda che sei stressato un bel po, è il caso che prenda provvedimenti, altrimenti la mattina sei più incazzato della sera!

xgerico

Lun, 12/05/2014 - 09:49

@rca- 09:39 , Mi hai fatto ridere non poco scrivendo, chi è il "chiacchierone" (ma ti devi fare la dentiera nuova)?

noinciucio

Lun, 12/05/2014 - 09:51

@brunicione: mi spieghi, è più bisognosa una persona che guadagna 24.000 euro all'anno o un pensionato/a che ne guadagna 6.000 o un precario che ne guadagna meno di 8.000? Allora perchè per i secondi e i terzi non è previsto alcun contributo?

Duka

Lun, 12/05/2014 - 09:53

Non sono gli 80 Euro, barzelletta europea, ad essere un bluff è IL RENZI STESSO IL BLUFf PER ANTONOMASIA

noinciucio

Lun, 12/05/2014 - 09:53

@ xgerico: invece con gli 80 euro del giullare mangeremo caviale e berremo champagne! Ma mi faccia il piacere!!!

godilicious.com

Lun, 12/05/2014 - 09:54

Dunque immagino che tutti i votanti FI restituiranno gli 80 euro, visto che sono moralmente economicamente e politicamente sbagliati

giovauriem

Lun, 12/05/2014 - 09:56

Giotto(renzi) ha sorpassato Cimabue(Berlusconi)

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 12/05/2014 - 09:59

Se ormai è assodato quanto ribadito dai tecnici del Senato, auspico che Forza Italia e Lega, come anticipato dai rispettivi Vice Presidenti del Senato, passino senza ulteriori indugi a denunciare immediatamente Fonsie Renzi, fregandosene altamente delle fesserie blaterate dal beota Pietro Grasso!!!Basta farsi prendere per i fondelli, è ora che si passi all'azione, basta chiacchiere!!!!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 12/05/2014 - 10:09

Era evidente che da un buffoncello di corte come Fonsie Renzi, contornato da quattro gallinelle, alcune oche starnazzanti e qualche ridicolo tacchino non ci si poteva davvero aspettare di più! Venghino siorri venghino, lo spettacolo continua!!!

Salvatore1950

Lun, 12/05/2014 - 10:16

qualcuno spieghi al nostro baldanzoso presidente del C. che demagogia e populismo fanno solo male al paese. Dunque il bonus irpef su cui il nostro sta incentrando la sua campagna elettorale e' solo un bluff.Lo certificano i tecnici del servizio Bilancio del Senato e Renzi, innervosito perche$ questo intralcia la sua trionfale scalata elettorale gli da' dei " falsi e bugiardi" che non sanno far di conto come lui che ha studiato al liceo classico. Secondo me una cosa e' certa, gli 80 euri a maggio qualcuno li avra' ( io non sono tra questi) come ricompensa per il voto dato al PD, ma da giugno in poi voletr scommettere che i calcoli fei tecnici del Senato diventeranno di colpo veri? e non si riparler' piu' degli 80 euri?. Intanto per pagare questi di maggio a pochi, tutti sopporteremo nuove tasse. Ci risentiamo

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 12/05/2014 - 10:20

Che brunetta cerchi in tuytti i modi di smontare ciò che sta facendo il governo è abbastanza comprensibile,siamo ameno di due settimane da un voto che sembra sarà difficile per la sua parte politica.Il punto però è che questo governo qualcosa la sta facendo,il premier viene visto con occhi diversi dalla gente,compresi tantissimi elettori del cdx,mentre brunetta ed i suoi sono in evidente difficoltà.Forse renzi sarà un abbaglio,un illusionista,una grossa fregatura,ma ad oggi è innegabile come abbia consenso,molto consenso,al punto che se dovesse ottenere un voto decisamente alto e positivo,avrebbe de facto ottenuto quella legittimazione popolare che fino ad oggi alcuni gli contestano,avendone in parte legittimità.Ma potrebbe eventualmente fare anche di più,potrebbe presentarsi dal pdr e chiedere di sciogliere le camere qualora qualcuno (tra i suoi o gli altri)mettesse i bastoni tra le ruote al governo,ed andare al voto con la seria possibilità di vincere in maniera netta.Quanto serve quindi questo modo di fare opposizione da parte di brunetta?poco secondo me.Anche perchè l'unica opposizione al governo la fa grillo,a modo suo,ma sicuramente più evidente.E' messa male fi...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 12/05/2014 - 10:22

Da Renzi fiumi di parole (Come nell'omonima canzone sanremese dei Jalisse). Da Silvio, per tutta risposta, la vagheggiata istituzione di una mutua per animali domestici. Ci rendiamo conto della situazione in cui siamo?

noinciucio

Lun, 12/05/2014 - 10:28

@xgerico: Ma stiamo parlando del Renzi che avrebbe dovuto fare una riforma al mese, che avrebbe dovuto abbassare alle imprese l'irpef di dieci miliardi di euro, che avrebbe pagato alle imprese i debiti della P.A. o di un altro Renzi? E meno male che non è un chiacchierone!!! Cosa ha fatto finora?

Bodrus

Lun, 12/05/2014 - 10:36

Caro Renzi , io probabilmente prenderò gli 80 euro .. ma non ti sognare che in cambio io voti pd .. con me ce piji la sola !

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 12/05/2014 - 10:37

Ieri avevo scritto: ""Renzi crede che ha a che fare con dei mongolini: pubblica il cedolino di un dipendente per dimostrare la sua buona fede, ma nessuno metteva in dubbio che lo avrebbe fatto a partire proprio dal mese delle Europee... Però, perchè non dire che questo beneficio per pochi, sarà pagato da tutti?"". E infatti, 'questi tanti', non vogliono ascoltare ragioni di questo gesto e biasimano coloro che, vedendo l'orizzonte, denunciano la truffa.

xgerico

Lun, 12/05/2014 - 10:40

@noinciucio - 10:28 . Ha dovuto "rallentare" perché F.I. si è lamentata che gli 80 Euro, erano pro elezioni. Io non voto "Renzi" (Anche se non mi aspettano gli 80 euro, cè gente che ci fa la spesa, forse per 2 settimane)! Era meglio non darli?!

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Lun, 12/05/2014 - 10:43

OHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!:::::::::::::::..............

Beaufou

Lun, 12/05/2014 - 10:44

Forse sarebbe ora che gli Italiani si svegliassero e cominciassero a riconoscere i ciarlatani, di qualunque colore siano. Renzi è uno di costoro, e il balletto sulle coperture, cominciato con Letta e che continua stucchevolmente anche adesso, lo dimostra.

xgerico

Lun, 12/05/2014 - 10:45

Ma sapete se alle prossime elezioni, oltre agli odontotecnici, votano anche cani e gatti???

OMINE

Lun, 12/05/2014 - 10:52

Agrippina, scusa ma non ho capito con quale legge elettorale vorrebbe andare a votare Renzi visto il caos che regna in materia di legge elettorale?

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 12/05/2014 - 10:53

@xgerico, invece di criticare i 'pensieri' del Cavaliere, perchè non commenta i 'fatti' che sono stati attuati dai governi Berlusconi, Prodi/D'Alema e ora di Renzi? Di Renzi, per ora, possiamo solo dire che è quello del 'farò', delle pseudo scadenze mensili, del voto di scambio e delle grandi tasse. E questo non è un'utopia!

Ritratto di ...VinciaMoNoi..

...VinciaMoNoi..

Lun, 12/05/2014 - 10:55

occhio alle vostre tasche, non comprate nulla dai saltimbanco, dai treccartari, dai PIAZZISTI ABUSIVI di coltelli e di pentolame difettato specializzati in truffe con destrezza

magnum357

Lun, 12/05/2014 - 10:55

A casa subito, e nuove elezioni !!! trattasi di NON eletti dal popolo!!! Napolitano, anche tu NON sei da anni super partes come la Costituzione richiede: sciogli il Parlamento, vai a casa e si torni a votare.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 12/05/2014 - 10:57

Berlusconi è stato criticato ferocemente per non aver rispettato, alla fine dei periodi governati, gli impegni presi con gli elettori. Fonsie Renzi, che spudoratamente ha chiesto il giudizio sul suo operato, non a fine legislatura, ma al puntuale rispetto di ogni suo annuncio realizzato, meriterebbe quantomeno una scarica di calci in culo nella tratta da Firenze a Roma, andata e ritorno visto che la più indecente delle sue menzogne, RICORDIAMOLO, è stata proprio quella che non sarebbe mai entrato a Palazzo Chigi senza passare per le elezioni. Pertanto, basterebbe solo questa, ribadisco la più indecente, a conquistarsi la citata scarica di calci in culo. Per tutte le altre, visto il ridicolo di cui si è autoricoperto in così breve tempo, gli Italiani sono ben propensi a concedergli una sanatoria ad personam!

xgerico

Lun, 12/05/2014 - 11:09

@mina2612- Si è meglio la promessa degli 800-1.000 euro a tutti, la dentiera e l'Iva agevolata a cani e gatti! (questo cosa è uno spot elettorale o no)?!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 12/05/2014 - 11:13

Un paio di giorni fa Berlusconi se ne è uscito con una frase giusta, che però gli farà perdere voti: “gli 80 euro sono inutili”. Non entro sulle ragioni di ordine economico evidenziate da Berlusconi, ma mi metto nei panni di chi si vede promessi 80 euro al mese, che in 8 mesi ne fanno 640, e mi rendo conto che è certamente contento del “regalo” che riceverà, ma che temo poi dovrà restituire. Osservo, invece, che nessuno pare abbia pensato se la misura “renziana” sia accettabile sotto il profilo costituzionale, dato che FAVORISCE gli “occupati” e MORTIFICA I PENSIONATI A PARITÀ DI REDDITO, per non parlare di quelli che hanno un reddito così basso da non dover neppure pagare tasse o addirittura di coloro che non hanno alcun reddito, ma solo fame. Se è così (e lo è) allora l’art. 1 del DL 66/2014 è INCOSTITUZIONALE, soprattutto perché in ultima analisi emerge che il “premio” regalato da Renzi in realtà verrà pagato dallo Stato, e quindi anche dagli stessi pensionati, che pagheranno le tasse pure per dare dei soldi agli occupati, addirittura da pensionati che possono essere addirittura meno ricchi (cioè più poveri) degli stessi beneficiati da Renzi. Renzi si rilegga l’art. 53 della Costituzione. Non mi permetto di dire cosa dovrebbe fare il Colle, perché dovrebbe saperlo, lui e lo stuolo di funzionari che campano bene nella sua residenza regale.

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Lun, 12/05/2014 - 11:15

Caro Brunetta non sono un etimatore del Renzi ciarlatano stile Berlusconi che lui può fare promesse da campagna elettorale e gli altri no (vedi cancellazione del ICI senza spiegare con quali coperture, parlava di cassa depositi e prestiti forse, rientro dei capitale all'estero magari e così via). Le vorrei far notare alcuni piccoli particolari. 1) Non sta al governo informare i propri clienti di un sovraccarico di spese ma le banche, quindi non vedo come possa andare contro gli articoli da lei citati. "Ricadute di eventuali contenziosi" non é un fatto accertato ma una supposizione e quindi può andare anche nella direzione opposta e non avere ricadute. 2)"possibili effetti sostitutivi" non é un fatto accertato ma una supposizione e potrebbe non avvenire. 3)"non è automatico che produca il gettito Iva stimato dal governo" é una stima e non un fatto accertato potrebbe andare nella direzione sbagliata o giusta. 4) "il minor gettito da esso derivante potrebbe essere.." non é un fatto accertato e potrebbe non generare il gettito calcolato oppure si. 5)Riguardo l'utilizzo dei proventi provenienti dal recupero dell'evasione fiscale lei dice "..non potrebbe essere inserita in un decreto legge..", e mi chiedo se esiste un vincolo o una legge, allora avrebbe dovuto scrivere "non può" ma dicendo "non potrebbe" fa intendere che ci sia la possibilità di inserirla e questo é quello che ha fatto il governo. Come vede lei cita 5 punti che non sono basati su calcoli provati e giustificati ma su "supposizioni" e "potrebbe" esattamente le stesse basi sulla quale si basa il decreto. Dov'é la differenza. Se va nella direzione dei potrebbe del governo le coperture ci sono e chi ha diritto si trova qualche soldino in più, anche se é una promessa elettorale, e se va nella direzione opposta lei ha ragione. Come diceva un'altro commentatore tempo fa sulla promessa esclusivamente elettorale dell ICI di Berlusconi (per accontentarlo ci hanno regalato la Tarsi uguale o in alcuni case maggiorata), che rischio abbiamo di votare Renzi? Se non ci da gli 80 Euro non perdo niente se me li da ci guadagno. O questo discorso vale solo per le promesse elettorali di Berlusconi?

cameo44

Lun, 12/05/2014 - 11:17

Perdire buffone a Renzi non occorre aspettare il 27 maggio per i mitici 80 euro in busta paga ma non solo a lui mettiamoci pure Alfano e tutti coloro che hanno definito una svolta storica questa storia dicendo che per la prima volta il governo restituisce soldi agli Italiani mentre restituisce ad alcuni prende a tutti con i salassi sugli immobili che tutti pagheremo con le varie TASI IMU TARES TARSU e addizionali IRPEF quindi questi signori stanno mentendo e facendo solo spot elettorali tantè che ad oggi nessuno sa cosa dovrà pagare se ne guardano bene a dirlo sarebbe la loro fine

noinciucio

Lun, 12/05/2014 - 11:18

@xgerico- Ah, dunque la colpa è sempre e comunque di Berlusconi!!! Ma siete ossessionati|!!! Non è che forse non c'è una lira e non sa come mantenere le promesse? Con 80 euro non ci fai la spesa due settimane, già l'abbiamo affrontato questo discorso dopo le dichiarazioni della Picierno!

bruna.amorosi

Lun, 12/05/2014 - 11:18

Questo saltimbanco ha imparato alla perfezzione il gioco delle tre carti parla parla parla mischia mischia ma alla fine il risultato?? per adesso solo tasse in più per il resto preghiamo DIO .intanto per non saper ne leggere ne scrivere si è circondato da buone toghe . visto mai ??? .

noinciucio

Lun, 12/05/2014 - 11:21

Quando poi, per coprire la spesa degli ottanta euro arriveranno altre tasse, allora ne riparleremo!!!

xgerico

Lun, 12/05/2014 - 11:24

@mina2612- Quando una persona "cita" i mongolini, da me non merita rispetto! Vuole che commenti quel che scrive?!

maicon.silvio

Lun, 12/05/2014 - 11:25

Sarà anche un bluff ma detto da chi di bluff ha campato da vent'anni a sta parte fa sganasciare dalle risate!!!

titina

Lun, 12/05/2014 - 11:28

Non vedo perchè l'aumento dell'aliquota al 26% dovrebbe essere incostituzionale. c'è sempre stata la tassazione differente fra i titoli di Stato e gli altri investimenti. I titoli di stato rendono poco e niente, se aumentasse la tassazione chi comprerebbe più il debito pubblico? A me sembra incostituzionale il bollo di stato 1. perchè è una tassa OGNI ANNO sui risparmi sui quali sono state già pagate le tasse, 2, perchè c'è l'agevolazione ai ricchi mettendo un tetto massimo di 14000 euro

xgerico

Lun, 12/05/2014 - 11:30

@bruna.amorosi- A bruna pure oggi hai inventato due parole nuove! (perfezzione,carti)! Da te cè sempre da imparare!

Ritratto di deep purple

deep purple

Lun, 12/05/2014 - 11:30

Ormai nessuno da più retta a gente come Brunetta e Guzzanti, visto che si sa che sparano solo cavolate.

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Lun, 12/05/2014 - 11:31

@02121940 Mi saprebbe citare quale provvedimento di qualsiasi governo é stato distribuito sulla totalità della popolazione italiana? Se quello che lei sostiene é costituzionalmente corretto, allora qualsiasi distribuzione di denaro di qualsiasi governo dovrebbe SEMPRE essere distribuita equamente tra tutti, e onestamente nella mia picola esperienza questo non é MAI avvenuto. Qualsiasi governo ha distribuito denaro ad alcuni "danneggiando"altri. Le sarei grato di citarmi qualche provvedimento che abbia i requisiti da lei descritti e quindi non sia incostituzionale.

xgerico

Lun, 12/05/2014 - 11:34

@IoSperiamoCheMe...11:15 - Quoto!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 12/05/2014 - 11:37

Per chi è pigro o non sa di diritto semplifico. Il governo può legittimamente cambiare gli scaglioni di reddito e quindi far pagare meno tasse alle categorie economiche più deboli. Non può, a norma dell'art. 53 della Costituzione, diversificare il trattamento fiscale se non in base al reddito, non in base allo status del cittadino. In altre parole a parità di reddito non può tassare meno chi è occupato rispetto a chi è pensionato. In ogni caso non può "regalare" soldi a categorie particolari di cittadini, soprattutto non può regalarne a chi ha un reddito dimenticando chi è disoccupato e chi non ha alcun reddito. La norma inventata da Renzi è palesemente incostituzionale. Ma la cosa più preoccupante è che lui non lo capisca..

vince50_19

Lun, 12/05/2014 - 11:55

La reazione di Renzi alle relata in materia dei tecnici del senato è stata scomposta, molto sopra le righe, vale a dire che si è sentito rodere parecchio, fottere, per cui qualcosa di vero nelle manovrine subdole del chiacchierone fiorentino c'è. Matteuccio lo sai che alla fine tutti i nodi vengono al pettine? Ti stai giocando il futuro in malo modo a mio avviso.

filder

Lun, 12/05/2014 - 11:57

con questo principiante venditore di fumo,fra non molto saremo costretti a leccarci le ferite e guai se qualche suo credente poi cerca di lamentarsi: chi vuole la bicicletta sarà costretto poi a pedalare e tacere !

Libertà75

Lun, 12/05/2014 - 12:11

@mr blonde, che brunetta sia un pessimo economista non vi è dubbio, non riconosce la scuola monetarista e non saprebbe come utilizzarla decentemente (del resto nell'era craxi la leva è stata usata un po' troppo allegramente). Quindi il problema è sempre l'assenza di svalutazione, se ci fosse allora gli 80 euro sarebbero recuperati da svariate cose tra cui inflazione, crescita, aumentito gettito fiscale, ecc... Purtroppo, in realtà, quegli 80 euro strutturali non ci sono. Si vanno ad usare quei decimali che spingeranno il nostro deficit/pil al 3% anziché restare ad un 2,5% circa. Ora io sono daccordo con questa impostazione perché la spesa è sempre importante, tuttavia non si risolve nessun problema davvero strutturale. Guardi, non sono contro gli 80 euro, esattamente come sono a favore delle pensioni minime a 800 euro (non ne ho idea di come trovino tutti quei fondi senza svalutazione, del resto però è ora di mettere fine a pensioni da 450 e portarle al minimo a 650-700 euro), sono a favore del rinnovo del contratto del pubblico impiego, fermo al 2009 e che ha avuto una decurtazione reale intorno al 10% (cosa che poi metterebbe in moto gli altri rinnovi contrattuali e questi si che sarebbero più utili anche per lo Stato perché garantirebbero anche un flusso previdenziale maggiore). Non mi dilungo sulle scemenze di Renzi che in quanto a competizione con Berlusconi regge bene il passo, il taglio delle province per esempio sarà quasi a risparmio zero (visto che aumenteranno consiglieri e assessori comunali e super manager al posto di consigli provinciali). Concedo anche a Renzi il quid della positività (la stessa che permetteva a Berlusconi di negare la crisi con effetti positivi), certo di passo riconosco il quid dell'incoerenza all'attuale maggioranza. Infine sulle sue considerazioni di voto, io la penso diversamente, credo sia utile che tutti votino partiti euroscettici (di destra o di sinistra), nelle forme più o meno critiche. C'è bisogno di più Europa dei popoli e meno Europa della finanza. Negli USA l'hanno capito, noi perché dobbiamo essere meno intelligenti? Visto che non abbiamo burocrati intelligenti, dobbiamo come popolo sceglierci politici che combattano per l'interesse diffuso e non quello di casta.

ettore80

Lun, 12/05/2014 - 12:23

Secondo me quello che vi brucia è che è sceso sul vostro terreno di promesse populiste, ma a differenza vostra l'ha mantenuta... Saranno inutili, può darsi, ma l'elettore medio non ci arriva. Conosce il meccanismo, no?

roberto78

Lun, 12/05/2014 - 12:25

brunetta è sempre stato il più grande sostenitore della rivalutazione delle quote di Bankitalia... ora si scaglia contro questa mossa ... e senza neppure aggiornare il proprio sito ... www.renatobrunetta.it/2013/10/07/bankitalia-brunetta-rivalutare-le-quote-di-partecipazione-al-suo-capitale/ L'italia e la stessa FI hanno bisogno di gente più seria, competente e onesta (non solo nel non prendere tangenti, ma anche intellettualmente...)

colapesce

Lun, 12/05/2014 - 12:28

preferisco il cavaliere con le dentiere gratis , le pensioni a 1000 euro per tutti , che Renzi solo 80 euro farlocchi per una parte solo di cittadini .........

Il giusto

Lun, 12/05/2014 - 13:07

filder...hai ragione,chi vota Renzi poi non si lamenti!Lo stesso si può dire di chi ha votato il pregiudicato che ci ha portato al fallimento!Perciò zitti....

cakecake

Lun, 12/05/2014 - 13:41

Solo una domanda ai destr, perchè non mi ci raccapezzo: ma se ritenete impossibile trovare le coperture per gli 80 euro di Renzi, mi dite dove si trovano per tutte le promesse di Berlusconi?

Ritratto di cesare candela

cesare candela

Lun, 12/05/2014 - 13:53

Un truffatore può fare il suo lavoro solo se esiste una predisposizione nel truffato a farsi raggirare. L'enorme attesa riposta in questo venditore di aspirapolvere fa sì che la gente non ammetta nemmeno la possibilità che i famosi 80 euro siano uno specchietto per i gonzi in vista delle elezioni. Il documento citato, ovvero la relazione sul provvedimento, è disponibile e reperibile online, perciò è facile vedere se Brunetta, per antipatico che sia, dica balle oppure no. Vista la provenienza e la militanza di questo figuro, ho il serio timore che sia veramente l'ennesima elargizione elettorale a spese dei contribuenti futuri...e siamo ancora qui che attendiamo, a Giugno, la promessa riforma della giustizia, mentre chiediamo ai vari sinistri cosa pensino di quella del lavoro, il famoso job act, che dovrebbe risollevare l'Italia. Purtroppo per tutti, chi vota a sinistra risulta per lo più privo di qualsiasi spirito critico.....

Ritratto di massiga

massiga

Lun, 12/05/2014 - 13:56

Invece il milione di posti di lavoro promesso da Berlusconi in campagna elettorle era tutto vero.

roseg

Lun, 12/05/2014 - 13:59

@xgerico--bravo oggi hai battuto il tuo precedente record in fatto di cazzate...ma và a ciapà i ratt

paco51

Lun, 12/05/2014 - 14:00

Silvio è un gran cacciatore , le spara grosse!!! Se non c'è una lira come si fa a mantenere la sciocchezze che dice? In fondo in 20 anni ha fatto nulla ( io lo votavo) poteva fare tanto ma non ci ha neanche provato. Sappia che tanto quando si muore non si porta via niente ( e neanche lui ci riesce) e poteva provarci a fare riforme populiste e popolari ma gli sono mancate le palle!!!!! Fa più bella figura a stare a casa e a ripooso.

bruno.amoroso

Lun, 12/05/2014 - 14:02

bluff o non bluff, a me fanno molto comodo! Anche perchè sto ancora aspettando il milione di posti di lavoro che doveva creare dal nulla il Pregiudicato!

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Lun, 12/05/2014 - 14:09

@01121940 La ringrazio per la chiarificazione sul art. 53 (e mi scuso per la mia pigrizia), ma l'articolo recita testualmente "Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività" e quindi non vedo il nesso logico tra l'articolo della costituzione che parla di contribuzione alla spesa pubblica e diversificazione del trattamento fiscale, con la redistribuzione di denaro sotto forma di bonus. Qui Renzi non li sta chiedendo i soldi e quindi non sta tassando qualcuno di più e qualcuno di meno, ma sta, a mio modo facendo del populismo, cercando di distribuirli ad una parte della popolazione. Ma non sono afferrato in diritto ne tanto meno sulla costituzione il il mio personalissimo parere potrebbe essere sbagliato.

Libertà75

Lun, 12/05/2014 - 14:10

Leggo di gente ignorante che ancora da la colpa a Berlusconi, guardate che il sistema è stato distrutto da Monti, dite pure che questo era sostenuto da PD e PDL, gli unici che si possono chiamare fuori sono Lega e M5S. Se non ne siete convinti, aprite le tabelle sulle performance economiche dell'Italia fino al 2011 (debito/pil, disoccupazione, previsioni di crescita, ecc...)

@ollel63

Lun, 12/05/2014 - 14:15

il presidente del consiglio 'renzie' (puah!) si dimostra il ragazzino beffardo ignorantello presuntuoso, ricco di boria e mala-cultura... ci porterà al disastro... e i hoglioni sinistrati, anche loro pagheranno... oh se pagheranno!

pol

Lun, 12/05/2014 - 14:20

Se gli 80 euro sono strutturali: l'aumento della tassazione sulla rivalutazione delle quote di banca d'italia (incostituzionale o no che sia) non e' adatto come copertura essendo un'entrata una tantum, lo stesso vale per i pagamenti dei debiti della PA che se mai dovessero avvenire sono una tantum. Lotta all'evasione e spending review vanno bene per ogni stagione, poi portano a casa sempre meno di quanto preventivato, ma ci penseranno quelli dopo a pagare. Ogni proposta (di qualunque governo) ha sempre solidissime coperture (sulla carta), poi il debito pubblico non si sa come continui ad aumentare senza soluzione di continuita'.

Ritratto di Alexmarti

Alexmarti

Lun, 12/05/2014 - 14:23

Tosijoe, il tuo commento e' esemplificativo di quanto si possa esser dementi.....a te non frega nulla che aumenti il debito pubblico e tu sia in qualche modo costretto a ripagarlo in futuro con gli interessi. A te interessa il colore del portafogli dove vanno i soldi e l'invidia che ti annebbia la vista ti fa pensare ad una ridistribuzione dovuta...se non c'è copertura, che siano 1, 80 o 100 euro, sono sempre soldi tuoi!!! Ma si può esser più imbecilli di così?

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 12/05/2014 - 14:51

@IoSperiamoCheMe... Rirovo2. Le chiarisco e ripeto che per me il DL.66 art. 1 è incostituzionale per un serie di motivi che ho diffusamente indicato. Spazio e voglia non mi consentono di insistere. Se lei non è pratico di diritto non è grave e comunque è un problema suo. Le consiglio di leggere il DL 66, art. 1, firmato Renzi, anche se prevedo che non ci capirà nulla, salvo che io l'abbia sottovalutato. Aggiungo che nel mio gruppo familiare la "bufala" di Renzi porterà sicuramente 640 €, forse il doppio (mi devo informare), però mi rendo conto che quello che entrerà da una parte, successivamente uscirà da un'altra. Comunque mi attendo un annullamento della norma, anche se probabilmente a babbo morto, e al riguardo vedo che Brunetta sta già scaldando i ferri. Non risponderò ad altre sue eventuali. Cordialità

unosolo

Lun, 12/05/2014 - 14:51

era chiaramente compera di voti o consensi , altrimenti doveva veramente abbassare la prima aliquota IRPEF ed alzare la soglia della esenzione , mentre in codesto moto ha alzato il debito altro che ridurre le spese, non danno soldi a chi ne necessita ma regalano ai parassiti.

noinciucio

Lun, 12/05/2014 - 15:00

@MASSIGA: Le vorrei ricordare che quando era al Governo Berlusconi la disoccupazione era ai minimi storici, adesso stiamo ai massimi! Decida lei se era meglio prima o adesso!!!

Vero_liberista

Lun, 12/05/2014 - 15:27

Ieri parlavo con un piccolo imprenditore che mi raccontava quello che ha appurato sul funzionamento della deduzione irpef per i dipendenti, che dovrebbe applicare da maggio al suo caso: quindi i soldi intanti li tira fuori subito lui di tasca sua, poi lo stato lo rimborserà, per tances parziali, a partire dal 2015! Questa è il risultato delle coperture garantite da Renzi. Risultato 2: il nostro, giustamente, non sborserà una lira a costo di licenziare il personale e aprire un contenzioso con i sindacati , per il semplice motivo che i soldi materialmente non li ha (tantìè che da mesi non prende neanche il suo di compenso). E come lui , mi dicceva , saranno costretti a fare molti suoi colleghi. Risultato 3: molti dipendenti i soldi promessi in busta paga da Renzi li vedranno col binocolo, e allora, siccome la cosa sarà ben chiara ben prima del 25 maggio, da quella data in poi si potrà toccare cn mano il tasso di ballismo demenziale del nostro Presidente del Consiglio , e sopratutto lo potranno apprezzare in Europa, con le conseguenze che vi lascio immaginare. Altro che le promesse di Berlusconi e Brunetta. Io mi prenoto in prima fila il posto per lo spettacolo del fantastico scoppio del pallone gonfiato Renzi e di tutta la merda che contiene e che lo sostiene. La fine che si merita un emerito idiota criminale ( visto che violare la costituzione , art. 81, per un politico è il primo crimine in assoluto). Saluti.

Vero_liberista

Lun, 12/05/2014 - 15:55

Ai sinistridioti rincoglioniti xGerico, Mr Blonde, Agrippina, Maicon.Silvio, Roberto78, Il giusto, CakeCake, Massiga & Co. Che dall'alto della loro omniscenza tecnico-giuridica si sentono in grado di dare lezioni al Professone universitario Renato Brunetta, una semplice domanda? Ma voi, invece di dare sfogo al vostro odio ideologico e politico, vi siete mai presi la briga dio leggerli i rilievi tecnici fatti dalla Ragioneria dello Stato (dipartimento tecnico del Ministero dell'economia, quindi del Governo di Renzi)? Se si e se siete in grado di confutarli sul piano tecnico - contabile spiegatelo. Altrimenti sappiate che da chi le cose le sa (come Brunetta) fate semplicemente compassione e pietà per la vostra ignoranza sesquipedale. A me ad es. E' bastato leggere, perchà me ne occupo per professione, i rilievi della ragioneria ad un altro provvedimento sbandierato da tutti gli esponenti del PD come salvifico, ossia il credito di imposta per la ricerca delle imprese (art. 3 legge 9/14, ex DL Destinazione italia del governo Letta), appena 600 milioni in 3 anni e anch'esso bloccato per mancanza di copertura. Tanto che ora il capogruppo pd in commissione finanze dopo aver appreso dal sole 24 ore la notizia del blocco (già i parlamentari del pd per sapere queste cose devono leggerle sui giornali) si scandalizza e ha calendarizzato un'interrogazione urgente al suo ministro padoan...chiedendo che sblucchi per meri motivi politici (il 25 ci sono le elezioni) quello che la segreteria tecnica del ministro padoan ha bloccato perchè tecnicamente viola l'art. 81 della costituzione. E le motivazioni addotte dalal ragioneria generale sono anche agli occhi di un profano semplicemente ineccepibili. Ma voi continuate pure a ironizzare su Brunetta, intanto questi sono i vostri fuoriclasse. E su un piano più generale qqualcuno di voi se ne ha il coraggio provi a leggersi il libro appena uscito ci Claudio Cerasa ( che non he un giornalista servo di Berlusconi) "le catene della sinistra" in cui si descrivono nei dettagli i giganteschi poteri e conflitti di interesse di tutte le corporazioni che da 40 anni salvano, sostengono, proteggono e ricattano la sinistra e che guardacaso sono le stesse che hanno protetto e finanziato l'ascesa al potere di Renzi con un metodo al cui contronto quelli di Mussolini erano esempi di democrazia. E naturalmente sono le forze che Renzi dice di combattere perchè non cìè cosa più facile al mondo che raccontare simili panzare e farsi credere da elettori ignoranti e cerebrolesi dall'ideologia stalista e dall'odio come voi siete. Che infatti , come vuole Renzi, manipola il vostro pensiero deraglandolo su Berlusconi e Brunetta.. poveri ebeti... Saluti

Agostinob

Lun, 12/05/2014 - 16:36

Tutti i comunisti e para comunisti contro Brunetta perché fa comodo. Nessuno che va oltre e cerca di capire cosa sta accadendo in Italia, cosa viene detto e cosa taciuto dai giornali amici e in che mani siamo. Perché non riflettiamo su due piccoli fatti: A) il costo delle monetine da 1 e 2 cents costano allo Stato molto più del loro valore. Quindi, buona logica sarebbe quella di non stamparle più, avendo subito un buon risparmio. Ma l'idea è stata subito bloccata perché la Marcegaglia si è opposta, essendo sua l'azienda che produce i cents. E la cosa è stata subito accantonata. B) Stranamente il Capo delle Ferrovie è stato spostato da Renzi ad altro incarico, approfittando di un vorticoso giro di poltrone date ad amici. E chissà perché da qualche giorno, anche se non mi pare che i giornali ne parlino, Italo annuncia che presto arriverà direttamente a Stazione Termini, stazione in cui non poteva arrivare perché il Boss delle ferrovie giustamente cercava di avvantaggiare lo Stato e non un privato. Così, via costui, Renzi, in sordina, fa arrivare l'amico Montezemolo e Della Valle. Su questo andrebbe fatta una riflessione e non sparare cavolate su Brunetta che odia questo e non ama quell'altro. Per altro, dicendo cose assolutamente corrette ma che agli italiani "beoni" poco importa perché ciò che conta è che a qualcuno arriveranno i famosi 53 euro inviati in modo spudoratamente da voto di scambio.

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 12/05/2014 - 16:50

Caro Renazi, a fine mese come lavoratore privato ,con valuta il 30/05/2014, te la pubblico io la busta paga di un mio collega che guadagna meno di 25.000 €! Vedrai, caro Renzi che, i tuoi 80 € previsti sono diventati 29 € e diglielo anche alla Picierno che se 80 € non bastano per due settimane di spesa figurati 29 €!!!!! La differenza è che la busta paga che io pubblico è la copia di quella vera mentre la tua, già pubblicata, è una versione anticipata ancora inesistente : su un foglio bianco, oggi come oggi, con qualsiasi programma e software posso fare di tutto!

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 12/05/2014 - 16:58

@xgerico. A Milano il termine 'mongolino' non è sta gran offesa: metaforicamente esiste anche il premio del 'mongolino d'oro'! Ma invece di criticare un -pensiero- (come ho detto) di Berlusconi, perchè non esamina le scadenze (nessuna andata a termine) di Renzi? Perchè non ricorda l'aumento delle pensioni minime, il bonus bebè (poi tolto da Prodi), l'abolizione della tassa di successione, dell'Ici sulla prima casa, la riduzione del tasso della disoccupazione di Berlusconi... tanto per ricordarle qualcosa che le sue priorità non sono solo gli animali domestici, benchè facciano parte della nostra famiglia.

Gianca59

Lun, 12/05/2014 - 17:11

Caro Brunetta, spieghi a Renzi come Berlusconi toglierà l' ICI sulla prima casa e porterà la pensione minima a 1000 euro così almeno troverà sti benedetti 80 euro senza aumentare il debito …...

schiacciarayban

Lun, 12/05/2014 - 17:41

In questo momento non abbiamo neanche gli occhi per piangere, è ovvio che gli 80 euro sono privi di copertura, prima bisogna tagliare la spesa pubblica e la politica, poi potremo dare 80 euro e anche molto di più. Questa operazione degli 80 euro, spero che venga vietata dall'Europa, è soltanto uno spot elettorale.

roberto78

Lun, 12/05/2014 - 19:59

@Vero_liberista, invece di darmi del sinistridiota rincoglionito mi spieghi come mai queste stesse cose non le sosteneva quando era brunetta a insegnare come la rivalutazione fosse il bene assoluto???? personalmente criticavo questa mossa allora e la critico tutt'ora... a differenza di lei però perchè provo a ragionare con la mia testa e non perchè lo dice brunetta (anche perchè il fenomeno si permette di cambiare idea a seconda della convenienza ....)

Ritratto di laisa1942

laisa1942

Lun, 12/05/2014 - 23:49

il premier stesso e' tutto un bluff !

ninoabba

Mar, 10/05/2016 - 11:30

Renzi , ma ti accorgi che ormai sai all frutta? Nessuno ti crede. Neppure i tuoi compagni merenda, e presto sarai rottamato. Rassegnati.