Idee giovani e fondi dalle grandi aziende: così riparte il Paese

Il concorso Sodalitas Challenge ha premiato gli under 35 con progetti di business. Le imprese li realizzeranno

Giovani under 35 con molte idee e zero euro per realizzarle. La dimostrazione che molto spesso basta dare loro una chance è il concorso Sodalitas Challenge che ha premiato le migliori idee di ragazzi senza lavoro o con lavoro precario e ha trovato le grandi aziende disposte a trasformarle in progetti manageriali sostenibili e concreti. Tra i vincitori ci sono la produzione di miele urbano e il turismo esperienziale, il recupero delle periferie e la sartoria delle donne vittime di violenza. L'iniziativa è stata promossa da Fondazione Sodalitas con oltre quaranta partner come Sanofi, L'Oréal Italia e Siemens. Le idee candidate erano179 da parte di 279 giovani, provenienti soprattutto dal Sud. I 75 autori delle 36 idee di business scelte come finaliste dalla giuria presieduta dal direttore generale di Assolombarda Michele Angelo Verna hanno avuto accesso e un percorso di formazione del valore complessivo di 200mila euro.
Ecco le idee che hanno vinto e che ora si misureranno con il mercato.
Ar-T Box, Museo itinerante multisensoriale (adottata da Speed MI Up): una struttura cubica installata in uno spazio pubblico in cui è riprodotta un'opera d'arte. Lo spettatore potrà fare un'esperienza multisensoriale e tecnologica, osservarla, ascoltarne la descrizione e vederla "espandersi" sulle pareti del cubo.
Diamoci un taglio! - Ricucire insieme i pezzi per una nuova vita (adottata da Oltre Venture): un'opportunità di inserimento lavorativo di donne vittime di violenza nel territorio siciliano attraverso una sartoria per la creazione di abbigliamento su misura e di accessori personalizzati da vendere su una piattaforma di e-commerce.
First Hand, Make Italy With Us (adottata da UniCredit): un tour operator che propone pacchetti di esperienze da vivere attivamente, valorizzando le potenzialità turistiche delle aziende produttrici delle eccellenze italiane Dop. I turisti saranno coinvolti nella produzione di vini, formaggi e miele e nella raccolta di tartufi e castagne e potranno esplorare il territorio con guide, scoprire la cucina locale, vedere parte della produzione dell'azienda ospitante "brandizzata" con il proprio nome.
Happy ways, Il car pooling per i tuoi eventi (adottata da Talent Garden): un car pooling combinato con la partecipazione a eventi di tutti i tipi (artistici, sportivi, folkloristici). Consente agli utenti di organizzare in modo agevole e sostenibile i propri spostamenti e agli organizzatori di vedere ampliato il proprio pubblico e ridotto l'impatto ambientale della propria attività. Dopo la registrazione dell'utente sul sito o per mezzo dell'app mobile, si può selezionare l'evento dal catalogo e comunicare l'eventuale offerta di un passaggio ("Guido io"). Poi si scelgono da un elenco le persone con cui è possibile viaggiare, potendone verificare la "sicurezza" attraverso un sistema di feedback.
Leevia, una charity crowdfunding platform (adottata da Luiss Enlabs): una piattaforma di Charity crowdfunding rivolta alle aziende responsabili e alle Organizzazioni non profit impegnate in campagne di raccolta fondi per iniziative umanitarie e sociali. I Csr manager (che nell'azienda si occupano di sostenibilità e solidarietà) possono sostenere il Terzo settore vedendo automaticamente "convertita" la propria donazione in una campagna di marketing a costo zero sulla Rete. Le Onp da parte loro potranno usufruire dei servizi della piattaforma a titolo gratuito, raccogliere fondi e ottenere visibilità.
Neuron Guard, Sistema integrato di protezione cerebrale (adottata da Poli Hub): un sistema composto da un collare refrigerante e un innovativo sistema di somministrazione di un farmaco ad azione neuro-protettiva. Lo scopo è salvare la vita dei pazienti con danno cerebrale acuto minimizzando le conseguenze negative sia in termini di sopravvivenza che in termini di disabilità permanente e riducendo in modo significativo il peso assistenziale che altrimenti graverebbe sul Sistema sanitario nazionale e sulle famiglie.
Progetto UrBEES (adottata da Make a Cube³): le api sono bioindicatori, segnalano cioè la qualità ambientale di un determinato luogo attraverso le loro normali funzioni vitali. Dal miele, dalla cera e dalle api sono infatti rilevabili tracce di metalli pesanti, radionuclidi, pesticidi, idrocarburi. UrBEES disloca alveari in spazi pubblici e privati, al fine di abbinare la produzione e vendita di miele urbano a Km0 e l'organizzazione di attività ludico-didattiche a tema con la realizzazione di studi di ricerca ambientale.
PsycART - Riciclo, Costruzione, Cambiamento (premio speciale UBI Banca): una rete di centri di formazione e lavoro per produrre strutture e componenti d'arredo artigianali a partire da materiale di recupero, coinvolgendo i ragazzi ospiti delle Comunità socio-educative. I centri sorgeranno attraverso la riqualifica di edifici in disuso in comodato gratuito coinvolgendo i Comuni.
Periferica, rigenerare le periferie italiane attraverso l'arte, il gioco e la cultura (premio speciale FabriQ, incubatore di innovazione sociale del Comune di Milano): per rigenerare i quartieri periferici degradati con l'azione di università, associazioni ed imprese in un festival che converta i vuoti urbani in spazi attivi. Saranno gli studenti di architettura, design, urbanistica e accademia a migliorare i quartieri.
TuttiFrutti, una piattaforma per adottare varietà orticole e frutticole in erosione (adottata da H-Farm): per ampliare il mercato delle varietà orticole e frutticole in erosione, cioè quelle che stanno sparendo a causa della standardizzazione del mercato, supportando le aziende agricole che destinano la propria produzione a queste colture e mettendole in contatto con i possibili acquirenti. Gli utenti del sito potranno "adottare" una varietà in erosione e contribuire a salvarla acquistando prodotti già coltivati o commissionando alle aziende l'introduzione di nuove colture.