Immigrati, sempre più sbarchi ma i regolari fuggono dalla crisi

Ieri a Lampedusa sono approdati quasi 100 migranti, un'altra cinquantina vicino a Noto. I numeri crescono nonostante molti se ne stiano andando

Roma - Le nostre isole continuano a essere prese d'assalto dagli immigrati. Una situazione esplosiva in un'Italia dove il numero di stranieri continua a lievitare vertiginosamente, tanto che in un solo anno le presenze sono aumentate di 334 mila unità. Questo, senza considerare che nel 2012 per effetto della crisi economica sono aumentati del 17,9 per cento gli immigrati che hanno fatto rientro nel loro paese d'origine, o si sono trasferiti in altro stato estero.
Non c'è da stare allegri quindi. Ieri un nuovo sbarco si è registrato lungo le coste siciliane dove sono approdati 94 migranti di probabile nazionalità siriana, tra i quali ventisei donne, una delle quali portatrice di handicap, e trentatré minori. Tra questi anche un bambino in fasce, di appena due mesi.
L'avvistamento è stato fatto l'altra notte alle 3,40 da alcune guardie di un villaggio turistico vicino Noto, in provincia di Siracusa, che hanno allertata la struttura provvisoria di Portopalo di Capo Passero. Più tardi, nel pomeriggio, altri 49 extracomunitari di presunta nazionalità afgana, irachena, ucraina e pachistana sono stati individuati al largo delle coste Portopalesi. Su un'imbarcazione a vela di 16 metri lasciata alla deriva, c'erano 29 uomini, dieci donne e altrettanti minori. Trasferiti a bordo di un pattugliatore della Guardia di finanza di Messina, anche loro sono stati portati accompagnati al molo, per essere poi trasferiti.

Intanto il Centro di Primo soccorso e accoglienza di Contrada Imbriacola dopo gli ultimi tre sbarchi a Lampedusa, ha toccato nuovamente la punta di oltre mille migranti, per una capienza massima di 250.
Il report su «La popolazione straniera residente in Italia» presentato ieri dall'Istat del resto non lascia spazio a dubbi. L'Italia è ancora molto appetibile. Al primo gennaio 2013 gli immigrati risultano essere 4.387.721, ovvero l'8,2 per cento in più rispetto a 12 mesi prima. E continua a crescere la quota di stranieri sul totale dei residenti (italiani e stranieri) che è passata dal 6,8 per cento del 1 gennaio 2012 al 7,4 del 1 gennaio 2013. A far aumentare il numero di quanti risiedono nel nostro paese non è solo l'immigrazione dall'estero, che ha portato 321mila individui in più, ma in parte le nascite di bebè stranieri (80mila), che costituiscono il 15 per cento sul totale dei nati.

Nella classifica delle presenze, comunque, vincono ancora le donne, che costituiscono il 53,1 per cento del totale. Ma i dati messi a punto grazie all'aggiornamento delle anagrafi derivante dal censimento 2011 svelano che 38.218 persone hanno lasciato la nostra penisola, dove le presenze restano elevate: 4.387.721 stranieri a inizio 2013. Di questi l'86 per cento risiede al Nord e al Centro mentre il restante 14 per cento nel Mezzogiorno. Da non sottovalutare, infine, che nel 2012 circa 65.383 persone hanno acquisito la nostra cittadinanza, divenendo a tutti gli effetti nuovi cittadini italiani.

Commenti

linoalo1

Sab, 27/07/2013 - 09:22

Ma non si fa prima a respingerli?Perchè dobbiamo spendere soldi per loro,quando noi Italiani per lo Stato,veniamo dopo di loro?Fateli gestire da chi li vuole!Ossia il Vaticano ed i Sinistrati!Lino.

ZannaMax

Sab, 27/07/2013 - 09:31

Senza parole. Dove andremo a finire. IO sono italiano. Questa gente anche se gli danno un pezzo di carta straccia con scritto "cittadinanza", NON sono italiani. Il mischiare i popoli ha creato sempre problemi nella storia umana. Altro che salvezza.. questa è una catastrofe!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Sab, 27/07/2013 - 09:48

FANNO BENE I MALTESI! ADESSO OLTRE AI SINISTRONZI BISOGNA ANCHE RINGRAZIUARE FRANCESCHIELLO IL QUALE DOPO LA SUA VISITA A LAMPEDUSA,HA ISTIGATO QUESTO ESODO.

titina

Sab, 27/07/2013 - 10:10

Se non sono rifugiati politici perchè li fanno rimanere? Ci vorrebbe un aereo -navetta che li riporti da dove sono partiti, a spese del loro paese.

mbotawy'

Sab, 27/07/2013 - 10:15

Il Gran Capuccino Italiano. Saranno "integrati" dalla Kyenge,nuova brillante scoperta del Letta, e cosi' otterremo la Crescita del PD.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 27/07/2013 - 10:16

vengono qui, li curiamo a nostre spese, gli diamo cibo, letto, soldi tanto pagano gli italiani con IMU, accise ed iva inoltre vi è un business pazzesco dietro l'immigrazione: vi hanno mai scritto o detto chi rifornisce questi centri? a che prezzi ? se han fatto un bando pubblico oppure....... ma a voi italiani non interessa siete abituati a pagare e stare zitti.

frenand

Sab, 27/07/2013 - 11:02

Signori, chiamiamoli col loro nome: clandestini. Grazie

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 27/07/2013 - 11:27

Delle due l'una (e a prescindere da considerazioni di indole etica od ideologica). O i nostri governanti ci nascondono risorse economiche inimmaginabili, al solo scopo di spremerci fiscalmente, oppure qui qualcuno s'è bevuto il cervello ed ha deciso di affondare definitivamente il barcone Italia.

piertrim

Sab, 27/07/2013 - 11:59

@Dragon_lord: Condivido quanto Lei scrive, aggiungo che l'unico modo per fermare l'invasione e relativi costi è solo quello del voto, finchè una parte così grande di ignavi continuerà a votare i Partiti "buonisti" (solo a parole perchè in effetti nascondono interessi inconfessabili che nulla hanno a che fare con la bontà) e non si curano minimamente degli italiani, sarà sempre peggio.

eolo121

Sab, 27/07/2013 - 12:26

ma i scafisti quanto guadagnano???poi appena partiti telefonano già dalle coste libiche col telefono satellitare che li vengon a prendere alla capitaneria di porto a tal punto direi di creare delle nave da crociera da trasporto tanti gli italiani son generosi e buoni pagano sempre imu tasse multe autovelox visite mediche a pagamento auguriiii

Ritratto di Gorilla Gor

Gorilla Gor

Sab, 27/07/2013 - 12:50

Venghino, siori, venghino...che ci sono tanti conventi vuoti...

moshe

Sab, 27/07/2013 - 12:51

Grazie papa, grazie kyenge, grazie boldrini !!!!! siete una rovina per l'Italia ! E pensare che la boldrini non vuole nemmeno chiamarli clandestini; come dovremmo chiamarli, INVITATI? La boldrini dovrebbe perlomeno ripassarsi il vocabolario della lingua italiana.

agosvac

Sab, 27/07/2013 - 13:21

Io contro questi poveri derelitti che vengono in Italia sperando in qualcosa che non c'è neanche per gli italiani, cioè lavoro e dignità, non ho proprio niente. I colpevoli di questa situazione sono ben altri. Sono colpevoli quei delinguenti di scafisti che li inducono ad una speranza che non può in alcun modo esserci. E' colpevole, molto di più, la signora kienge che insiste per fare ottenere loro una cittadinaza che non farebbe che creare ancora più disoccupazione e nel volere eliminare il reato di clandestinità che c'è in tutto il mondo civile anche in quei pochissimi paesi dove vige lo ius soli.Negli Stati Uniti agli immigrati clandestini che si avvicinano alle frontiere gli sparano addosso, mica li curano!!!!!

Ritratto di bracco

bracco

Sab, 27/07/2013 - 13:32

GRAZIE BOLDRINI TE NE SAREMO ETTERNAMENTE GRATI..........

Ritratto di Karl04

Karl04

Sab, 27/07/2013 - 14:21

questo è l'inizio ..della nostra Fine !!!

giuliana

Sab, 27/07/2013 - 14:57

L'invasione del nostro territorio non dovrebbe essere motivo di divisione per il popolo italiano. Se fossimo una vera democrazia potremmo adottare l'unica soluzione che non scontenterebbe nessuno. Facciamo un censimento tra gli italiani. Chi è favorevole all'invasione, si carichi pure dei costi. Basta poco, che cce vo'...Elenco nominativo e pubblico dei sinistri disposti ad accollarsi tutte le spese.

antonio54

Sab, 27/07/2013 - 15:03

Sarà un continuo arrivo di questa gente fino alla completa invasione. Ormai il destino dell'Italia è segnato. La cosa preoccupante è, che chi ci rappresenta non muove un dito...sono persone senza orgoglio. Vedere il declino del proprio paese è una cosa avvilente, il mio voto non lo vedranno mai più. E' proprio vero, questi politici sono tutti uguali, non se ne salva uno.

Ritratto di Scassa

Scassa

Sab, 27/07/2013 - 15:27

Titi 3804 Ma se continuate a dilapidare voti per pd grilli del ed estremisti variamente colorati ,cosa vi lamentate ? Alle politiche votate anche destra ,poi alle amministrative e regionali ,premiate le sinistre ! Probabilmente come e' accertato la cosa premia ,salvo poi gridare al lupo quando ciò tocca i vostri interessi ! Un rigurgito di dignità non che sarebbe necessaria ......o no ?

Nadia Vouch

Sab, 27/07/2013 - 15:31

Vorrei sapere quale professionalità portano all'Italia queste persone. Vorrei sapere da dove si trae il denaro per il loro sostentamento. Vorrei sapere molte altre cose, direi troppe delle quali destinate a restare ignote, rispetto a quelle che nella normalità mi basterebbe semplicemente chiedere a un mio concittadino. Non basta dare la cittadinanza per creare una cittadinanza tra i soggetti di un territorio. Non basta proclamarsi italiano per esserlo davvero. Quale rispetto hanno molti di questi immigrati per la nostra cultura? Praticamente zero. Per loro siamo solo gente da sfruttare e basta. E al resto dell'Europa, alla quale facciamo da cuscinetto e da filtro, va bene così. Qui o si interviene drasticamente, bloccando gli ingressi, o l'Italia viene cancellata come entità per divenire rampa di passaggio e terra di nessuno. I giovani, almeno loro se possono, è meglio che se ne vadano.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 27/07/2013 - 15:56

In un paese normale qualcuno avrebbe già chiesto spiegazioni al governo. E, in assenza di queste, avrebbe già provveduto a farlo dimettere in massa. Ma qui, a quanto pare, siamo troppo impegnati nelle scuse, ormai quotidiane, a chi si sforza di correggere il nostro deprecabile razzismo. E qualcuno, anzichè attivarsi nel prendere provvedimenti, vaneggia su formule e loghi, ormai decotti, del passato...

Raoul Pontalti

Sab, 27/07/2013 - 16:00

(ennesaimo invio...) Articoli fuorvianti e i soliti bananas ci cascano. Punto primo: i respingimenti sono contra legem: i "migranti" vanno soccorsi e identificati, quindi sanzionati ed espulsi (e le cose per lo più vanno proprio in questo modo), salvi i casi di ottenimento di asilo politico o umanitario. Punto secondo: ad incrementare il numero degli stranieri in Italia non sono quelli dei barconi (alcune migliaia per anno e per lo più rimpatriati) ma quelli che entrano regolarmente in Italia chiamati dai datori di lavoro per sfruttarli e quelli che nascono in Italia da genitori stranieri. Punto terzo: oltre il 60% dei clandestini sono in realtà persone entrate regolarmente in Italia e che poi, scaduti i visti, permessi etc., non se ne vanno. I cretinetti del centrodestra vollero criminalizzare i clandestini, scappellando alla grande: noi non abbiamo né la magistratura tedesca (per numero e di magistrati e capacità di lavoro) né il numero (basso) di clandestini della Germania, e quindi siamo riusciti a paralizzare la magistratura e le espulsioni. Anziché criminalizzare i clandestini sarebbero bastate le sanzioni amministrative seguite dall'espulsione, soprattutto per gli "overstayers", ossia quelli che entrati regolarmente lasciano scadere i visti, come avviene in altri paesi.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 27/07/2013 - 16:12

#Raoul Rompalti.Come al solito, sei riuscito ad illuminarci d'immenso ed a risolvere tutti i nostri dubbi in materia. Rompalti for president! (Of Italian islamic republic, of course).

Nadia Vouch

Sab, 27/07/2013 - 16:18

Per #Raoul Pontalti. Le chiedo, scansando il Suo solito banalissimo appellativo "bananas" (che noia!) se, secondo Lei, corrisponda al vero che in Italia vi sono comunità formate da immigrati che, pur esigendo la cittadinanza italiana, e pur ricevendo dall'Italia assistenza di ogni tipo, rifiutano di integrarsi con la nostra cultura, italiana, e vogliono anzi imporci la loro. Inoltre, a me risulta che anche tra comunità di immigrati spesso non ci siano buoni rapporti. In questo marasma, come dovrebbe secondo Lei sentirsi un italiano da generazioni? Come ci si sente a vedere giorno dopo giorno scomparire ogni punto di riferimento, tanto da divenire naufraghi in Patria?

Raoul Pontalti

Sab, 27/07/2013 - 17:35

Anche persone laureate ed esercenti professioni che richiedono observatio et ratio (se non altro per evitare danni al paziente...) cascano malamente nei luoghi comuni indottevi da certi articoli. E allora non è disutile ricordare che i clandestini sui barconi sono un'infima minoranza del fenomeno migratorio e per lo più destinati, se non affogano, ad essere semplicemente rimpatriati dopo essere stati soccorsi ed identificati. I clandestini presenti in Italia sono in taluni casi veri clandestini che vanno perseguiti con la massima severità, ma la stragrande maggioranza sono soltanto degli irregolari che hanno visti e permessi scaduti e spesso si trovano in difficoltà con i rinnovi (specie per i visti) a causa dei padroni sfruttatori che li lasciano sul lastrico dopo averli sfruttati per bene (e averli fatti venire con richiesta nominativa individuale!). Criminalizzare gli irregolari è stupido oltre che ingiusto: molto meglio sanzionarli e regolarizzarli, così possono trovare lavoro e al padrone sfruttatore non si concedono altri contratti di soggiorno per altri disgraziati da sfruttare. E per quanto riguarda i comunitari dell'Est europeo si facciano i controlli (proprio quelli che non piacciono al padrone di Esselunga...) nei cantieri, nei campi, nelle botteghe anche artigiane, nelle fabbrichette, negli alberghi, nei ristoranti, etc. Riassumendo: chi entra clandestinamente in Italia va sanzionato ed espulso, chi vi permane da clandestino totale va perseguito penalmente, gli irregolari vanno sanzionati e regolarizzati quando possibile (in genere erano entrati in Italia e soggiornanti regolarmente fino alla scadenza dei visti o dei permessi). Ma uno Stato imbelle e imbecille grazie all'illuminato regime degli olgettin-leghisti è riuscito solo a incasinare la questione degli immigrati e a criminalizzare chi criminale non è, lasciando i veri criminali (Kabobo compreso!) a spasso per il Bel Paese e respingendo richiedenti asilo (con conseguente sanzione della Corte di Strasburgo, tanto paga pantalone) ed espellendo madre e figlioletta a tempo di record per compiacere i Kazakhi.

Ritratto di Gorilla Gor

Gorilla Gor

Sab, 27/07/2013 - 18:03

Ma questo Raul, con quale gommone è sbarcato in Italia?....