Io, sindaco di Cortina mandato in esilio: pago per aver detto no al blitz del Fisco

Il primo cittadino e l'operazione dell'agenzia delle Entrate del Capodanno 2011: "Un'azione da Stato di polizia che ha umiliato un territorio virtuoso"

Andrea Franceschi, sindaco di Cortina d'Ampezzo, nel 2011 subì il celebre «blitz di Capodanno» dell'agenzia delle Entrate. Nel libro Un sindaco in esilio (Marsilio), di cui pubblichiamo ampi stralci, racconta quei giorni e la propria vicenda giudiziaria.

Facile immaginare che il 30 dicembre sia, per ogni località di alta montagna, una delle giornate più intense dell'anno. E fu proprio il 30 dicembre 2011 che ottanta membri dell'agenzia delle Entrate piombarono a Cortina per un'azione che io definii da Stato di polizia. Prima di tutto, mi preme sottolineare che Cortina d'Ampezzo non è un territorio in lotta con la legge come è stato dipinto da qualcuno. Anzi, è un territorio (...) virtuoso, come la stessa agenzia delle Entrate avrebbe potuto testimoniare se avesse pubblicizzato gli esiti del blitz con la stessa veemenza e aggressività con le quali si era impegnata a sbandierarne ai quattro venti l'esecuzione.
Lo dico perché è bene si sappia che su oltre mille partite Iva gli ispettori dell'agenzia ne individuarono trentacinque definite «le più a rischio», tra le quali solo una manciata risultarono poi essere effettivamente anomale. Un risultato assolutamente fisiologico, che non avrebbe, però, giustificato lo spiegamento di forze, l'approccio terroristico e i danni d'immagine che fecero scappare molti clienti da Cortina (...) che mal sopportavano di venire in vacanza solo per essere circondati da agenti in borghese e posti di blocco che ti facevano rovesciare il contenuto della spesa nel bagagliaio.
La verità, ovviamente, non venne mai a galla ufficialmente, perché ufficialmente non si poteva ammettere che il vero fine del raid non era combattere l'evasione, ma mandare un segnale. Un segnale di guerra rivolto dal governo Monti al suo stesso paese, da lì a poco chiamato a un salasso generale dal quale non sarebbero, però, stati esclusi quelli con il Suv. Anzi, dimostrare che «i primi a pagare saranno i ricchi» fu la ragione alla base del raid: un'operazione solo e unicamente mediatica (...).
Molto avevamo investito per far conoscere la vera Cortina, legata alla montagna, alla cultura e allo sport. Ora il blitz dell'agenzia ci aveva dipinti come la Gomorra delle Dolomiti: così titolò uno dei principali quotidiani italiani. Fu una vera violenza e fu molto triste pensare che a infliggere questo colpo gravissimo a un territorio produttivo e onesto fosse stato proprio l'intervento dello Stato italiano. (...) Cortina fu vittima, non colpevole, e io avevo non solo il diritto, ma anche il dovere di difenderla con forza e coraggio.
Il calvario della giustizia: la Procura della Repubblica di Belluno dà credito alle accuse di una dipendente scontenta e un intero paese viene investito dalla bufera. Ho passato ventun giorni agli arresti domiciliari, oggi ho il divieto assoluto di mettere piede nel territorio di Cortina e affronto un lungo processo. Il 22 maggio 2012 oltre venti uomini della Guardia di finanza arrivano da Belluno all'alba. Suonano a casa e, poi, iniziano la perquisizione. Stessa scena in Comune. L'impianto accusatorio parte dalle dichiarazioni di una dipendente comunale scontenta, Emilia Tosi (...) Viene sentito dai magistrati anche l'ex comandante dei vigili urbani Nicola Salvato, in qualità di parte lesa, perché, nelle intercettazioni durate per ben sei mesi, sarebbe stato vittima di pressioni da parte mia e di alcuni assessori affinché smettesse di tartassare i cittadini con multe e autovelox. (...) Ad aprile 2013 la svolta. Il 24 del mese mi vengono notificati gli arresti domiciliari. L'accusa è di abuso d'ufficio, turbativa d'asta e violenza privata relativamente all'assegnazione del servizio di monitoraggio della raccolta dei rifiuti.
Da notare che la stessa Procura riconosce che dai miei comportamenti non ho tratto alcun beneficio personale (...) I domiciliari rappresentano, per me, un colpo fortissimo. Visto che secondo l'accusa ho debordato nel mio ruolo di sindaco, era probabile che, prima o poi, lo facessi ancora. E quindi mi è stata data una limitazione della libertà personale molto più pesante, per ottenere lo stesso risultato: impedirmi di continuare a fare il sindaco. Il tutto con il messaggio, neppure troppo implicito: «Se ti dimetti, torni libero». Ma, anche se questa sarebbe la scelta più comoda, non lo farò.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 24/07/2013 - 08:42

io rilevo un paio di cose: tutto l'impianto accusatorio parte da una dipendente scontenta: questa evidentemente ha spifferato cazzate, perchè le prove non si vedono e nè tantomeno lei le ha portate. a parlare male siamo tutti bravi. ma a produrre le prove? nessuno? dunque, da una denuncia che è priva di fondamento inizia questa farsa. la seconda cosa che stona è che a capo dell'agenzia delle entrate chi c'era? befera! un intoccabile comunista! e il 30 dicembre chi c'era come presidente del consiglio? monti! un cretino economista! 2+2=4! questo è un attacco politico, non c'entra nulla l'evasione fiscale, non c'entra nulla quella signora scontenta. ci hanno fatto un caso del diavolo, sopra! MAFIOSI!

Ritratto di limick

limick

Mer, 24/07/2013 - 09:12

I burocrati dovrebbero rendersi conto che una volta che hanno umiliato tutti quelli che lavorano sul serio poi loro chi li paga???

Ritratto di depil

depil

Mer, 24/07/2013 - 09:18

Il sindaco di Cortina dovrebbe fare pubblicare una lettera aperta indirizzata alla Bildeberg per chiedere quali i motivi che spingono la nota organizzazione umanitaria e di beneficienza ad avere ordinato al suo uomo di fiducia in Italia "un regime di terrore". Altra lettera andrebbe rivolta ai vertici delle penne gialle per chiedere se non sia più opportuno cambiare le divise attuali coon quelle usate dalle SS nel secolo scorso, visto che l'immagine e l'agire sembra accomunare i due corpi di elite di stati eticamente perfetti come la Germania di Hitler e l'Italia della Bildeberg.

Ritratto di depil

depil

Mer, 24/07/2013 - 09:21

Il sindaco è stato mandato al confino, come facevasi ai tempi del duce. Ma se lo scrivete i magistrati al soldo della Bildeberg vi fanno arrestare in cinque minuti dalle solerti forze dell'ordine non più al servizio dei cittadini (ma lo sono mai state?) ma al sercizio di ...

carlo196

Mer, 24/07/2013 - 09:25

Dal settimanale "OGGI" dell'epoca: "Chiacchiere (e distintivo) a parte, la verità sta nelle nude cifre. L’operazione antievasione a Cortina ha fatto schizzare in alto gli incassi dell’Erario, con punte del 400% in alcuni negozi. E ha ottenuto risultati che l’Agenzia delle Entrate definisce «utili per il recupero dell`evasione». Dai controlli sui possessori di 251 auto di grossa cilindrata è emerso che su 133 auto intestate a persone fisiche, 42 appartengono a cittadini che fanno fatica a «sbarcare il lunario», perché dichiarano meno di 30 mila euro lordi di reddito sia nel 2009 sia nel 2010. Sedici vetture di lusso sono intestate a contribuenti che hanno dichiarato meno di 50 mila euro lordi. Gli altri 118 bolidi sono intestati a società, che nel biennio hanno dichiarato in 19 casi perdite, e in altri 37 entrate inferiori a 50 mila euro lordi. Il blitz ampezzano del 30 dicembre si è concentrato su 35 attività commerciali. Una piccola quota rispetto ai 1.000 esercizi che “arricchiscono” la perla delle Dolomiti." Commento finale: se uno è a posto con il fisco non deve temere nulla.

procto

Mer, 24/07/2013 - 09:40

mortimermouse. Le consiglio di non inviare commenti prima di aver preso i sedativi mattutini.

21v3

Mer, 24/07/2013 - 09:41

Il Fisco è lo Stato. O le tasse devono pagarle solo i poveretti?

m.m.f

Mer, 24/07/2013 - 09:44

............e siamo sempre alle solite: in vacanza,in italia,italiani e stranieri devono imparare a non andarco o a venirci. questo è un paese dal quale stare lontanissimi. se poi uno fa il presuntuoso e se ne frega,che poi non si lamenti,avvisaglie anche troppe. da qui bisogna stare lontanissimi.

Ritratto di ettore muty

ettore muty

Mer, 24/07/2013 - 09:45

certo che ora l' idraulico o il macellaio con la ferrari a cortina non lo si vedra' piu'.......peccato vero bananas? ahahaha

procto

Mer, 24/07/2013 - 09:47

E dove dovrebbero fare gli accertamenti fiscali allora? A Crotone e Matera?

Ritratto di limick

limick

Mer, 24/07/2013 - 09:48

carlo196 Mer, 24/07/2013 - 09:25 povero illuso... abboccando all'amo non e' che sei un pesce piu' onesto... degli altri.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 24/07/2013 - 09:54

PRRRRRROCTO io le do un consiglio ancora più semplice: se non è d'accordo con l'articolo, non commenti. se vuole commentare in modo negativo, vada sul giornale "STRAFATTO QUOTIDIANO", ammesso che ti diano il permesso di criticare... :-)

Libertà75

Mer, 24/07/2013 - 10:01

@carlo196, guardi che la G.d.F. fa sempre azioni territoriali in borghese, potevano controllare i negozi senza fare pubblicità. Inoltre esistono anche le pattuglie stradali della G.d.F. per fare controllo del territorio e contestuali verifiche, insomma si poteva fare tutto senza pubblicità.

Ritratto di wirtshaus-trier

wirtshaus-trier

Mer, 24/07/2013 - 10:04

io invece gli consiglierei di smettere di prendere droghe non sedativi mattutini

gibuizza

Mer, 24/07/2013 - 10:19

L'incoerenza e malafede di questi interventi sono evidenti per due motivazioni ben precise: 1- non si hanno mai riscontri dettagliati al termine di queste operazioni. 2- vengon fatti solo come misure spot, dovrebbero essere effettuati lungo l'arco dell'anno in almenno 100 comuni distribuiti geograficamente sul suolo italico e poi via con il punto 1-.

gibuizza

Mer, 24/07/2013 - 10:22

In Europa, nel 2013, mentre chiunque può andare dove vuole (e ivi delinquere tranquillamente) protetto da giurisdizioni soffici e buoniste, in Italia si può essere "esiliati", ma non solo, se ci si dimette da cariche politiche/amministrative si è perdonati!!

BlackMen

Mer, 24/07/2013 - 10:26

Il problema non era il territorio caro sindaco ma chi lo frequenta

82masso

Mer, 24/07/2013 - 10:27

mortimermouse...fammi capire, in Sardegna la caccia allo yacht è il risultato della giunta Regionale rossa che amministra l'isola, invece a Cortina, paeseotto che dista in Veneto regione governata da Lega con l'appoggio del Pdl, la colpa sarebbe del precedente esecutivo Monti. Non fà un grinza il tuo ragionamento.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 24/07/2013 - 10:39

82MASSO la differenza è di chi comanda: a cortina ci fu una azione decisa a livello nazionale, quindi monti e befera (un intoccabile comunista), per questo il sindaco non contava una sega, ed infatti lo hanno messo agli arresti domiciliari. mentre in sardegna la decisione è avvenuta a livello locale, e qui il governo non c'entra nulla, tanto che sta cercando di far abbassare le tasse nazionali. ma sulle tasse locali non le può far abbassare nè aumentare...

mio mii

Mer, 24/07/2013 - 10:43

NON AVETE - comemmentaTORI e commentaMUCCHE - capito NIENTE QUELLO fu un attacco di "IMPRINTING" IN seguito, infatti, controlli vennero fatti anche a NAPOLI, PALERMO, etc... [ sì, anche a CROTONE e MATERA; altro che "dove dobbiamo andare, a fare controlli? a Crotone e Matera?" come ha scritto qualcuno" ] e LA' (da NAPOLI A ROMA; A PALERMO etc..) le "IRREGOLARITA'" furono DEVASTANTI: a TORRE DEL GRECO, il 100 % (IL CENTO PER CENTO) dei medici aveva "IRREGOLARITA'" e l'83% DI MEDIA evade le tasse a NAPOLI. se si fopsse partiti da là non si parlerebbe, OGGI, di "BLITZ di CORTINA", ma di BLITZ DI NAPOLI. CORTINA evade come la SVEZIA, ma NAPOLI EVADE A PIU' NON POSSSO. sarebbe stato, in un'era in cui la LEGA all'opposizine stava crescendo, un BOCCONCINO troppo allettante. e così l'IMRONTING fu fatto da NORD. TATTICA MEDIATICA. e chi non sa ste cose, è meglio che TACCIA.

Walter68

Mer, 24/07/2013 - 10:46

Difendeva gli evasori perché era peggio di loro.

cast49

Mer, 24/07/2013 - 10:47

ettore muty, non è vero, cogliones...

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 24/07/2013 - 10:49

ettore muty, TU NON SEI NORMALE!!!!!!!!!

Ritratto di massacrato

massacrato

Mer, 24/07/2013 - 10:54

POCHE PALLE! Le mie idee non collimano con nessuno degli attuali partiti, per cui ho amicizie a 360 gradi, e posso affermare senza faziosità che TANTISSIMI si stanno rendendo conto dell'attuale operazione di regime che sta invadendo il mondo, con concentrazioni in Europa e picchi in Italia. E' in corso una vera e propria guerra mondiale senza armi, ma con mezzi più sottili ed alla fine più dolorosi per tempi e sevizie: LA GUERRA DEL DENARO.

abbassoB

Mer, 24/07/2013 - 11:07

mortimermouse il solito commento del piffero fatto da uno con il cervello bacato che vede solo comunisti in ogni parte.....ma ti pagano almeno quelli del giornale per dire cazzate o sei un finto nick creato ad arte per provocare come il direttore di quì?

James Cook

Mer, 24/07/2013 - 11:08

Qualcuno dei commentatori così preparati (mortimer e depil esclusi!) sa dirmi a quanto ammonta l'evasione annua in Italia?

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Mer, 24/07/2013 - 11:12

.....i sinistrati non cambieranno mai i loro pensieri....ed io non cambierò mai il mio...sopratutto il fatto di definirli dei poveretti senza cervello e senza euri...che continuino la loro misera vita di operai iscritti alla cgil....:)

Massimo Bocci

Mer, 24/07/2013 - 11:17

Lo avranno mandato a rieducarsi in terra consacrata (comunista!!!) nel gulag,.......Mugellano,con maestri dall'esperienza 65 ennale di comunismo ISTITUZIONALE,Staliniano, se non lo rieducano loro al REGIME 47, che hanno evangelizzato ed eletto (il che ci azzecca) non ci riuscirà nessuno (alla conversione compagnera) e chissà dopo i campi di rieducazione!!!! Se come (Del) San Paolo sulla via di Damasco, si ripresenterà alle prossime elezioni come convertito (consigliato??? Coattamente!!!) PD!!!! Abiurando Liberali e Libertà, mai conosciute ma solo intraviste in qual di Cortina.

BlackMen

Mer, 24/07/2013 - 11:35

serramana1964: ha proprio ragione...non avere tanti soldi è un vero delitto. Dovremmo deportare tutti quelli che guadagnano meno di 200.000 euro all'anno secondo me! non è d'accordo?

82masso

Mer, 24/07/2013 - 11:37

mortimermouse...ok! Ma come lo spieghi che il governatore sardo è del Pdl? Vero Vero infiltrazioni bolscheviche, oppure il sindaco di Olbia è comunista... Saluti buona giornata.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 24/07/2013 - 11:48

i soliti comunisti lobotomizzati. appena fiutano PDL o berlusconi, subito si attaccano al cazzo :-)

Roberto Casnati

Mer, 24/07/2013 - 12:01

Perché la finanza non è mai, dico MAI, andata e.g. a Napoli, a Reggio Calabria oppure a Palermo? Eppure in quelle città l'evasione fiscale sfiora il 90%. Avanzo alcune ipotesi: paura, oppure connivenza (il 90% dei finanzieri è di origine meridionale ed un "bliz" diventa impossibile), politica di sinistra (facciamo piangere i "ricchi"), stupidità congenita (se i "gioielli" del turismo italiano sono presi di mira chi ci andrà più?), o, forse, ipotesi più plausibile, tutte queste ipotesi si sono verificate insieme producendo il massimo danno ed il minor vantaggio. D'altra parte che cosa ci si poteva aspettare dalla banda Monti? Rapine, solo rapine!

Ritratto di limick

limick

Mer, 24/07/2013 - 12:07

mio mii Mer, 24/07/2013 - 10:43 Assolutamente vero, al SUD evadere e' una regola e si e' voluto evidenziare ed esaltare che esiste l'evasione anche al nord, ci mancherebbe!! Pero' basta guardare i dati sull'evasione del canone rai o del bollo auto (che si potrebbero identificare e multare da ufficio senza spese) per capire come il SUD venga coperto in questa evasione dallo stato e dalla guardia di finanza che dovrebbe fare la voce grossa quando uno evade sistematicamente tutto oltre che quando uno non fa uno scontrino. Il debito pubblico non calera' finche' il SUD verra' accorpato al Nord, anzi ora e' peggio perché il debito pubblico deve tenere presente anche il carrozzone europa che e' problematicamente uguale al nostro SUD: sussidi e versamenti a fronte di niente, anzi... di solito si chiamano furti e rapine e al derubato vengono concessi gli arresti domiciliari quando non ti sbattono in prima pagina. Questa e' la resistenza a un regime imbattibile, almeno i partigiani qualche speranza l'avevano, noi no.

uprincipa

Mer, 24/07/2013 - 12:28

" Viene sentito dai magistrati anche l'ex comandante dei vigili urbani Nicola Salvato, in qualità di parte lesa, perché, nelle intercettazioni durate per ben sei mesi, sarebbe stato vittima di pressioni da parte mia e di alcuni assessori affinché smettesse di tartassare i cittadini con multe e autovelox"...bell'esempio di sindaco colui che dice di non colpire chi non rispetta la legge...e si lamenta pure di essere stato messo ai domiciliari...secondo me chi fa il suo dovere e paga le tasse non deve temere nulla...stranamente questo giornale non dà mai parola a chi fa il proprio dovere ma tenta sempre di far parlare e giustificare chi il proprio dovere non lo fa, chi evade, chi vuole andare in barca in zone protette dal punto di vista naturalistico...insomma non si difende mai il cittadino esemplare ma il disonesto che se ne frega dell'esemplare...

abbassoB

Mer, 24/07/2013 - 12:29

serramana1964 continua a lavorare ,mentre paghi con i tuoi contributi la mia lauta pensione ahahahah!!!!!!

BlackMen

Mer, 24/07/2013 - 12:35

Roberto Casnati: il motivo è semplice. Mettendo da parte i dati da lei riportati completamente inventati (non si capisce come si possa arrivare al 90% di cittadini evasori visto che il personale dipendente, molto numeroso in sicilia per esempio, è impossibilitato ad evadere visto che le tasse vengono trattenute a monte). Cmq le dicevo del motivo...guardando i dati de "Il Sole 24 ore" si evince che al sud ci sono più evasori ma al nord più evasione. Il sud si caratterizza per la presenza di tanti piccoli evasori mentre il nord di pochi grandi. Ora se lei fosse la guardia di finanza, considerata la scarsità di risorse, cercherebbe di beccare 1000 piccoli evasori o 10 grandissimi????

Oldserver

Mer, 24/07/2013 - 12:48

quoto blackman, ed in ogni caso da qualche parte bisogna cominciare....se è il ricco non va bene, se è il non ricco non va bene......piovono pietre.....

dadaumpa

Mer, 24/07/2013 - 12:49

serramana1964 Sei tu un poveraccio fidati di me , fai pena anche all'ultimo degli zingari di Triboniano, come ti vedo soffrire, e sopratutto come fai a fare sogni beati la notte, non hai paura della tua ipocrisia che nella tua testolina di c.... regna sovrana???

fabianope

Mer, 24/07/2013 - 12:49

@mortimermouse: che lavoro fai? quanto dichiari? :=)))

fabianope

Mer, 24/07/2013 - 12:52

@mortimermouse che scrive "appena fiutano PDL o berlusconi, subito si attaccano al cazzo"....ehm...il cazzo DI CHI??? :=)))

dadaumpa

Mer, 24/07/2013 - 12:55

mortimermouse..... SEI IL GIULLARE DI OGNI BLOG...BELLISSIMO. A NAPOLI SARESTI IL NUMERO 23 NELLA CABALA DEL LOTTO, MAGARI VATTI A VEDERE CHE SIGNIFICATO HA IL 23.... :-)

Ritratto di Nazario49

Nazario49

Mer, 24/07/2013 - 13:13

Ciò che mi aveva sorpreso di quel blitz è che la Finanza ha, proprio a Cortina, a due passi dal centro, un Comando di Finanza... Agli spettacoli di Cortina InConTra, i finanzieri erano sempre in prima fila... Possibile che la Finanza locale fosse cieca?

maleo

Mer, 24/07/2013 - 13:49

Parlando con una amica svizzera,sono venuta a sapere che tantissimi frequentatori di Cortina non hanno gradito i blocchi nelle strade e i controlli nei ristoranti e negozi.Nessuno di loro era un evasore,ma semplicemente un turista che ora villeggia a Gstaad.Un bel successo!E non mi venite a dire "male non fare paura non avere".Queste sono pagliacciate inutili al fine della lotta all'evasione,ma utilissime per distruggere l'immagine di chi viene coinvolto.

gibuizza

Mer, 24/07/2013 - 13:53

@uprincipa - quindi secondo lei i vigili urbani (o la polizia urbana come vogliono farsi chiamare) deve solo dare multe con autovelox nascosti o punire duramente chi non rilascia uno scontrino? Non ci sono altri reati in un comune? Chi urla di notte, chi picchia moglie o figli, chi spaccia davanti alle scuole, chi piscia su muri, chi porta il cane a fare il proprio bisogno sui marciapiedi altrui, chi passa a 100 all'ora con auto o moto in centro al paese, chi allarga case o erige muri illegali, chi ottiene sussidi non dovuti, chi ha pensioni di false invalidità o di persone morte, chi apre attività nascoste, ecc., ecc. secondo lei è giusto, importante è massacrare chi non ha fatto uno scontrino!!!

eovero

Mer, 24/07/2013 - 14:35

di questi controlli al Sud non se ne parla nemmeno! anzi impossibile farli e se vengono fatti,sono controlli tanto per accontentare la gente!!pretendono il 60% del redditto delle aziende che lavorano,ma se si va avanti di questo passo,bisognerebbe pagare addirittura il 90% se vogliamo mantenere tutti i dipendenti(per dire dipendenti)fannulloni che ci sono in Italia,che sono il costo delle tasse!!!come diceva qualcuno più maturo di me,ci vuole il "taglia e liga"!!altrimenti questi mangiano l'Italia!!il sindaco di Cortina è un signor sindaco e dovrebbero rispettarlo tutti!!

uprincipa

Mer, 24/07/2013 - 15:31

@gibuizza : mai pensata una cosa simile (dove l'ha letta tra le mie parole scritte non lo so)...bisogna colpire chi infrange la legge, che sia uno scontrino non fatto, un autovelox, una rissa,etc...