Legge 40, il governo valuta il ricorso: "Serve un chiarimento con l'Ue"

Il ministro contro la sentenza: "Si rischiano interpretazioni preoccupanti". I Radicali: "Va estesa all'eterologa". Barricate del Pdl

Un macigno sulla giustizia italiana. Uno schiaffo in faccia agli organi legislativi del Paese. La sentenza della Corte di Starsburgo sulla procreazione assistita ha scatenato una polemica senza precedenti sia in parlamento sia nel governo. Il ministro della Salute Renato Balduzzi ha, infatti, fatto sapere che , al prossimo Consiglio dei ministri, presenterà ricorso contro la sentenza della Corte di Strasburgo sulla legge 40 allo scopo di un "chiarimento giurisprudenziale".

La sentenza è arrivata ieri mattina: la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha bocciato la legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita, definendola "incoerente". La parte contestata dai giudici di Strasburgo è quella in cui si pone il divieto di diagnosi preimpianto sugli embrioni. Immediate le contestazioni dei politici cattolici e della Santa Sede. E adesso si muove anche il governo. Con Balduzzi che ha deciso di portare avanti il ricorso. In queste ore i tecnici del dicastero della Salute hanno fatto lo screening alla sentenza di Strasburgo. Da qui la decisione di presentare il ricorso al prossimo Consiglio dei ministri. Balduzzi è convinto che sia "opportuna una richiesta di un punto giurisdizionale fermo per quanto riguarda la Corte europea dei diritti dell’uomo". Proprio per questo, un ricorso da parte del governo andrebbe a consolidare un punto di riferimento. A detta di Balduzzi ci sono anche "profili di carattere processuale che andrebbero monitorati perchè è chiaro che si riferiscono non solo al caso di specie ma a tutti i casi possibili". Siccome stanno aumentando le ipotesi di confronto tra ordinamenti, quello italiano e quello del Consiglio d’Europa, il ministro alla Salute crede che, anche sotto questo profilo, un ricorso da parte dell'esecutivo potrebbe servire a un chiarimento giurisprudenziale. "Con riserva di un approfondimento, una volta presa in esame questa pronuncia - ha concluso Balduzzi - mi sembra che ci siano gli elementi per promuovere un ulteriore chiarimento giurisprudenziale".

Mentre il governo dovrà decidere se muoversi sul piano legale, la politica italiana si spacca. Nel dibattito si inseriscono subito i Radicali con Emma Bonino che, intervistata da Repubblica, invita a sdoganare anche la fecondazione eterologa. In senso opposto, d'altra parte, anche il presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco, invita a "ripensarci a livello nazionale, sia di tecnici sia di esperti, sia per merito sia per metodo perchè non si è passati attraverso la magistratura italiana: c’è stato un suo superamento, un surclassamento". Dal centrodestra è un coro di polemiche contro la Corte di Strasburgo. Dal senatore Pdl Carlo Giovanardi all'ex ministro del Lavoro Maurizio Sacconi sta, infatti, crescendo di ora in ora il pressing sull'esecutivo perché faccia, appunto, ricorso. Adesso la palla è nelle mani di Balduzzi.

Commenti

GilbertoVR

Mer, 29/08/2012 - 13:38

Mi auguro che il Ministro Balduzzi non dia appoggio alla corrente minoritaria arcaica dei Cattolici italiani. Sarebbe un pretesto per favorire altre iniziative oscurantistiche.

Ritratto di aliberti.

aliberti.

Mer, 29/08/2012 - 13:40

la realtà è che questi vampiri si sono fatti meglio i conti ed hanno capito che il gettito fiscale conseguente il decreto diminuiva invece di aumentare come era nelle loro intenzioni iniziali...

Ritratto di aliberti.

aliberti.

Mer, 29/08/2012 - 13:43

errata corrige al commento precedente, il commento si riferisce al decretone balduzzi sulle bibite

Nadia Vouch

Mer, 29/08/2012 - 13:51

Ma non c'è alternativa in questo caso, se non quella o di dire agli aspiranti genitori di rinunciare di attendersi di avere con probabilità elevata dei figli propri che nascano fisicamente sani; oppure quella di eseguire l'impianto di embrione che, dovesse poi rivelarsi affetto da problemi fisici non risolvibili, potrebbe in base alla legge italiana essere abortito per motivi "terapeutici". Non oso pensare con quale terribile trauma per la donna e per chi le sta accanto. A una coppia quindi non resta che la rassegnazione?

Ritratto di pietrom

pietrom

Mer, 29/08/2012 - 13:52

Da elettore di centro destra, voglio dire a Giovanardi e a Sacconi che il Medio Evo e' finito da un pezzo.

tzilighelta

Mer, 29/08/2012 - 14:16

Io non ci vedo niente di male a desiderare di avere un figlio sano quando ci sono rischi di natura ereditaria, non ci vedo niente di male se con l'intervento della scienza si possono avere figli altrimenti negati! Talebani come Giovanardi e Sacconi, vecchie mummie democristiane e socialiste di un passato che non esiste più sono anacronistici nelle idee, è per questo che siamo sempre ultimi e alla fine le leggi ce le fanno gli altri!

giovanni PERINCIOLO

Mer, 29/08/2012 - 14:48

E brava la corte di Strasburgo. Forse non al cento per cento, ma almeno parzialmente é riuscita de-demonizzare il buon vecchio Adolfo.... Questa é la strada giusta verso una riabilitazione delle teorie sulla ..... razza superiore. Complimenti alla corte e ai tanti suoi estimatori, Emma Bonino in testa!

mariolino50

Mer, 29/08/2012 - 14:56

Nadia Vouch Ad una coppia con gravi problemi, od altri impedimenti, rimane oltre alla rassegnazione anche l'emigrazione, migliaia di coppie vanno all'estero per fare cose vietate in Italia, a quelli che dicono siamo per la vita dico che una nuova vita comunque nata dovrebbe essere la benvenuta, anche ai preti. Ps, una volta la fecondazione eterologa la facevano "casereccia", quando il problema era dell'uomo, indovina come?

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Mer, 29/08/2012 - 15:12

Ma per favore, cercate di non mostrarVi all'Alta Corte come dei "CHIERICHETTI OBBEDIENTI" del VATICANO ! L'ITALIA, cercatela di farla progredire nella civiltà democratica e laica. Basta con queste ipocrisie e servilismi.

Massimo73

Mer, 29/08/2012 - 15:16

Basta con le guerre di religione sia da una parte che dall'altra. La l.40 è da rifare tutta e a quelli che dicono no alla fecondazione in genere, dico che noi siamo per la vita e che una nuova vita comunque nata dovrebbe essere ben accettata. Che la smetta il mondo cattolico cosiddetto impegnato a nascondersi dietro l'ipocrisia della giornata per la vita e poi dire no a nuove vite. In questo modo non si fa altro che alimentare l'ennesima e perniciosa guerra tra laicisti e credenti. Orsù fate uno scatto

bruna.amorosi

Mer, 29/08/2012 - 15:17

carissima NADIA VOUCH oggi ci sono in commercio tanti di quei bambolotti che sembrano neonati al 100x100 da lasciare sbalorditi e pensa un pò NON avranno mai neanche un raffreddore perciò x quelle donne che vogliono figli belli sani e perfetti quelli sono gli ideali a proposito quando la mammina vuole se mossi piangono anche ..

Nadia Vouch

Mer, 29/08/2012 - 15:18

Per #mariolino50. La storia è nota, tanto che si dice "madre sempre certa". Ma qui la questione riguarda gravissime patologie che possono colpire un embrione. Non è semplice: la scoperta del DNA ci ha fatto comprendere che già in esso c'è qualcosa di "intelligente". Solo che non c'è scelta. Se siamo attenti all'embrione, giustamente, considerandolo una "futura persona", dobbiamo essere altrettanto attenti a chi già è nato e ha vissuto un cammino via dal corpo di chi lo generò: ossia i genitori. Tutti siamo figli ma non tutti siamo genitori. Anche perché spesso accade che coppie che abbiano inizialmente accettato la nascita di una creatura molto malata, non reggendo poi allo stress, si separino. Ce ne sono molti di questi casi. Una cosa è desiderare un figlio. Altra è crescere un figlio.

giovanni PERINCIOLO

Mer, 29/08/2012 - 15:50

Vorrei che qualche esegeta verde o radicale, di quelli per intenderci che gridano allo "stupro" della natura se un contadino usa anticrittogamici a esempio, mi spiegasse come mai quando si tratta di eutanasia o di spinte verso la creazione della "razza superiore" sono tutti favorevoli. Evidentemente per loro c"é una natura di serie A e una natura di serie B, secondo convenienza.

Ritratto di woman

woman

Mer, 29/08/2012 - 15:51

E questo è il Popolo della Libertà !!!! Questo è il popolo asservito al Vaticano.

Il giusto

Mer, 29/08/2012 - 15:58

Ancora una volta la bruna ci dimostra come ragiona!Una povera vecchia bisognosa di cure e "protezione"...da se stessa!

bruna.amorosi

Mer, 29/08/2012 - 16:17

in america ci sono persone che prima di sposarsi fanno accertamenti genetici proprio x evitare queste malformazioni sulla futura prole .mi sembra più giusta e onesta anche perchè non si dovrebbe fare alcuna selezione ci si penserebbe prima .perciò non tutte le donne sono nate x essere MADRI .e sapessi quante spade ha nel cuore una madre anche se ha generato un figlio sano . mi creda sulla parola .che di figli ne ho 4 .

tzilighelta

Mer, 29/08/2012 - 16:32

Giovanni perinciolo e bruna amorosi! Siete i più lividi e rancorosi del blog, pensate solo che, con le vostre idee arcaiche e proibizioniste avete contribuito ad impedire a chi aveva bisogno di cure specifiche di avere figli, costretti quindi a rinunciare o emigrare! Chi siete voi per impedire ad altri di fare ciò che voi (forse) non fareste mai!

bruna.amorosi

Mer, 29/08/2012 - 16:41

X IL GIUSTO questo è x te vedi carino io oramai all'età che ho mi sono saputa difendere da me stessa ma tu pensa a te non vorrei che qualcuno si dovesse prendere (cura di te ) non è che hai qualche tara ereditaria ? e apposta sei così acido?

Ritratto di xulxul

xulxul

Mer, 29/08/2012 - 17:43

Ultimissime di cronaca: il dott. Mengele (Nobel per la medicina mancato per giochi di palazzo) si é detto molto contrariato (non per la sentenza, che auspicava). Ha confidato al cronista che il copyright dell'eugenetica é suo, e che anche lui adirá le vie legali, minacciando cause milionarie. Ricercato per anni e additato come mostro, si è detto sorpreso che tanti suoi colleghi possano fare liberamente oggi quello che lui aveva iniziato contro il comune sentire degli illustri clinici di allora (da lui ritenuti oscurantisti e asserviti al Vaticano e non al progresso). É apparso uomo molto amareggiato, e, in conclusione dell'intervista, si è lasciato scappare un molto umano "la gratitudine non é di questo mondo". Discorso paradossale, certo. Ma, di fatto, la storia si ripete. Oggi la stessa barbarie si é paludata da vago umanesimo, da "diritti civili", con buona pace dei piccoli e degli indifesi (embrioni) che, in nome dell'egoismo, possono essere tranquillamente soppressi.

elena oberti

Mer, 29/08/2012 - 18:26

se il nucleo del dibattito fosse essere o meno favorevoli alla vita, perchè discutere se questa possa essere sana oppure no? credo che qui si facciano pressioni per avere un diritto ad un figlio come uno lo vuole, e qui non c'entra il medioevo o la chiesa o l'europa. ma mi chiedo: già hitler aveva riconosciuto l'idea del figlio sano e perfetto oppure niente. perchè lui era un pazzo e i nuovi legislatori 'di fatto' che scrivono questi commenti sono invece democratici e moderni?

rokko

Mer, 29/08/2012 - 18:49

bruna.amorosi, ma perché è così contraria al fatto che una coppia a rischio possa fare una diagnosi pre impianto? Qui non si parla di selezionare figli alti biondi e con gli occhi azzurri, ma di evitare di mettere al mondo qualcuno condannato ad avere gravi problemi di salute. Se la scienza lo permette, perché no? In fondo, se abbiamo un cancro non ci facciamo scrupolo a fare terapie che di naturale non hanno nulla per cercare di guarire, lo stesso vale per le malattie che richiedono trapianti o altre cure non esistenti in natura, cosa ha di particolare la diagnosi pre impianto per essere invece da rigettare? Mi perdoni ma non capisco.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 29/08/2012 - 18:56

X bruna amorosi- QUEI testi si fanno anche in una repubblica di banane come la colombia- Si pensi come stiamo messi male,come diceva petrolini in Gastone a noi ci ha rovinato la guerra, no la prima ma bensi la seconda.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 29/08/2012 - 18:58

Tzighelt- Non si puo avere tutto , dalla vita , ma per queste stronate cé master card.A parte gli scherzi,Non forziamo la natura, se uno non puo non puo.Anche io vorrei essere milionario ma non lo sno.

Nadia Vouch

Mer, 29/08/2012 - 19:20

Si tratta qui a mio avviso di ricondurre la discussione su dei binari pertinenti a questa situazione di questa coppia. Stiamo parlando non di giocare con il DNA per creare bimbi su misura. Stiamo parlando di una coppia che ha scoperto di essere portatrice di fibrosi cistica. Trattasi di malattia molto grave, con esito mortale. Ciascuno s'informi su essa se crede. Io non sono favorevole all'aborto praticato come sistema contraccettivo, e mi pare assai ambigua l'espressione "aborto terapeutico". Quindi, se con delle indagini, che non sempre si possono eseguire solo e direttamente sui genitori per tutte le patologie esistenti, condotte invece sull'embrione si riesca ad evitare l'impianto di un futuro bimbo troppo malato, per quanto ciò possa essere doloroso, opto per l'indagine sull'embrione. Piuttosto che procreare un bimbo che so dovrà, sicuramente al 100%, dipendere da delle macchine, soffrire sin dal primo istante, io preferisco analizzare l'embrione. Poi, gli embrioni mi risulta restino conservati in delle "banche". Un figlio malato si può amare anche più ancora, ma è atroce che dal primo istante di quello che è un breve cammino per tutti, anche per i sani, su questa terra, egli o ella debbano subito conoscere soltanto aghi, sonde e camici bianchi e luci artificiali. Quale amore vero e profondo può desiderare ciò?

Ritratto di Marco Tullio C.

Marco Tullio C.

Mer, 29/08/2012 - 20:04

Ma perché una legge? Perché regolamentare qualcosa che è giusto che resti nella sfera privata della coppia? Una società liberale deve intervenire proibendo solo ciò che prevarica, che viola la libertà altrui. Una società teocratica proibisce invece tutto ciò che, anche lontanamente, non concorda con le sacre scritture. Avere una legge di questo tipo la dice lunga su dove ci portano i Giovanardi e i Sacconi.

giovanni PERINCIOLO

Mer, 29/08/2012 - 21:10

Tzilighelta. Ne io ne Bruna vogliamo impedire qualcosa, semplicemente chiediamo che sia rispettata la natura. Tanto più oggigiorno ché con un semplice esame pre-matrimoniale simili situazioni sono evitabilissime. Invece si va avanti e poi, si sopprime tranquillamente l'embrione oppure il feto, tanto feto e embrione non sono iscritti al sindacato né al partito e perdipiù non piangono nemmeno. Questa é solo la fiera dell'egoismo spinto all'estremo limite e il mio riferimento nel precedente commento alle pratiche del nazismo e sogno della razza pura é voluto perché la strada é quella che reclamate tutti voi. Solo che una volta aperta, detta strada porta inevitabilmente e in breve tempo alle pratiche del dott. Mengele.

Nadia Vouch

Mer, 29/08/2012 - 21:53

Per #giovanni PERINCIOLO. Ripeto: qui si tratta di un caso specifico, che deve trovare idonea risposta da parte di chi di ciò si occupa. Ossia, i diretti interessati quali genitori e medici e tribunali. Cosa c'entrano adesso gli spietati esperimenti orrorifici di Mengele? Che mi guarderei dal titolare con dottore! Erano esperimenti condotti su creature prigioniere e seviziate. In luoghi dove non c'era di certo ricerca condotta per una vita migliore. Ripeto: non sempre sono sufficienti le analisi pre-matrimoniali. Ma, anche laddove lo fossero, perché non permettere, scientemente, a delle persone di divenire genitori nel migliore dei modi se alla luce delle attuali conoscenze scientifiche ciò è reso possibile? Trovo assai più egoistico ed irresponsabile davvero mettere al mondo una creatura molto malata, della quale non si sa chi e fino a quando avrà possibilità ed energie per curare (e anche molto denaro, perché certe cure sono molto costose). Pensiamo solo ai danni genetici prodotti da sostanze chimiche ambientali. Non sono danni voluti dal Signore. Sono danni causati da noi umani. Se nasce una creatura malformata, non è stata la Natura. E nemmeno un Dio. E' stata la specie umana a causarle.

bruna.amorosi

Mer, 29/08/2012 - 21:56

sig giovanniPERINCIOLO lasci perdere non risponda a certe persone è solo tempo perso . io non sò lei ma sono vecchia e ieri i figli si facevano naturalmente .poi è arrivata la fecondazione ...e questo mi sembra giusto dare una mano alla natura se si può ma da quì a selezzionare i feti ed embrioni ce ne corre . il mio pensiero è che se una donna vuole un figlio lo tiene come così come viene invece io credo che in questo caso si stia ripetendo la storia di ELUANA questi genitori sfruttano il loro caso solo x soldi .questo è il mio pensiero e finchè in ITALIA ci sarà diritto di pensiero e parola io voglio dire la mia .la saluto caramente .

Nadia Vouch

Mer, 29/08/2012 - 22:07

Aggiungo anche che a questo punto aboliamo amniocentesi, ecografie e analisi di ogni tipo sulla puerpera. Se una donna resta incinta,e ovviamente deve evitare ogni mezzo contraccettivo, si saprà solo alla nascita come sarà la creatura. Così, facciamo un balzo indietro di secoli, nel più cupo oscurantismo.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mer, 29/08/2012 - 22:51

@ Bruna e Giovanni PERINCIOLO: apprezzo e condivido le vostre argomentazioni. Purtroppo una malintesa idea di libertà non impedirà nessuna pratica per me contro natura: quello che tecnicamente è possibile viene inevitabilmente attuato. Salvo poi piangere sulle conseguenze, anche se pochi mi paiono in grado di farlo. Esperimenti alla Mengele o studi sui primati sotto Stalin per creare l'uomo nuovo sicuramente sono la punta emergente di aspirazioni malsane comuni a tutte le latidudini, credo ci siano sempre stati. Quello che più temo è l'appiattimento, l'accettazione passiva, il correre acriticamente verso il pensiero unico, il branco che qualche furbacchione manovrerà a suo piacimento. Ciascuno di noi è niente, un niente unico ed irripetibile, ma sempre un niente. Ma vogliamo ribaltare il mondo, che immancabilmente ci schiaccerà. Aggiungo una domanda: "Può essere che incentivare, favorire la pratica dell'adozione semplificandone l'iter burocratico, attualmente esageratamente ferraginoso e quasi insostenibile, possa offrire una soluzione diversa al problema procreazione?". In fin dei conti un figlio si fa con la testa, anche se arriva inaspettato, accettandolo. Spero di non aver annoiato. Saluti.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 29/08/2012 - 23:05

"lasciamo fare alla natura" ... eh si, lo dicevano anche quei vescovi che dal pulpito tuonavano contro le prime vaccinazioni contro il vaiolo...vaccinare era contro natura e contro la volontà di Dio, perchè la natura doveva fare il suo corso e se ti ammalavi e se poi ti salvavi era per grazia del cielo...vaccinarsi scombussolava questo disegno divino, per cui non andava bene ! Tra un secolo voi cattotalebani sarete ricordati allo stesso maniera di chi si opponeva alle vaccinazioni...

gianni59

Gio, 30/08/2012 - 01:03

xulxul...ma cosa va dicendo? Lei mi sta paragonando degli embrioni a brutali esperimenti e uccisioni perpetrate con sadismo su vittime vive, vegete e pensanti e tra l'altro di uno specifico "tipo razziale"...per favore non parli a sproposito...

marcomanno

Gio, 30/08/2012 - 05:47

La legge 40 costituisce una palese violazione dei diritti umani. La sentenza della corte di Strasburgo pertanto non dovrebbe sorprendere. Cio' che invece sorprende e' che una simile legge sia stata approvata dal parlamento italiano e che un ministro della Repubblica Italiana voglia fare ricorso. Si deduce che Balduzzi vuole anche lui violare i diritti umani degli italiani. Spero che gli italiani riescano a liberasi al piu' presto di questi tiranni asserviti al Vaticano e traditori dei padri fondatori che li governano.

Ritratto di xulxul

xulxul

Gio, 30/08/2012 - 08:41

Andrea b.: per favore, non offenda la sua e la nostra intelligenza. Gli ospedali sono stati inventati dai cristiani, gli studi clinici, genetici, anatomici ecc. sono, quasi sempre avvenuti all'ombra della madre Chiesa. La scienza é cresciuta grazie alla Chiesa (al netto delle panzane su Galileo e Giordano Bruno. Devo dire che l'ultralaicista la7 l'altra sera é riuscita a fare una trasmissione sul pisano e sul frate finto scienziato abbastanza obiettiva ed equilibrata). É libero di dissentire, ma i fatti oggettivi dicono altro. Vede, lei perde di vista un piccolo principio del tutto razionale: non tutto quello che la scienza consente é lecito e quindi fattibile.

Ritratto di xulxul

xulxul

Gio, 30/08/2012 - 10:36

Gianni59: vede, nessuno sproposito. Gli embrioni sono già esseri umani. Basta la ragione per comprenderlo. L'ovulo fecondato é vita. Stop. Con i sofismi possiamo giustificare tutto. Ma Di questo si tratta, egregio. Sofismi. La scienza, se non é illuminata dalla morale, farà sempre gli orrori di Mengele & c.. I figli restano un dono. Non un diritto. Ed esseri umani (gli embrioni) non possono essere soppressi e sacrificati sull'altare dell' egoismo che pensa solo ad accampare diritti. Con la sua logica possiamo giustificare la soppressione degli anziani, dei malati di mente e terminali perché non sono più in grado di vivere una vita degna secondo i suoi criteri. Così dove andremo a finire? I comunisti e i nazisti ci avevano già provato. Vogliamo provarci anche noi? La storia proprio non insegna nulla.

liibalaaba

Gio, 30/08/2012 - 11:28

Anche se il precedente non mi è ancora stato pubblicato, sento il dovere di intervenire,per cercare di arginare il dilagante fenomeno del "parrucconesimo medioevale"!Vorrei sapere come è possibile,caro "XULXUL",che esistano ancora nel terzo millennio,persone come lei che fanno voli pindarici sugli embrioni! L'embrione è un qualcosa di indefinito,simile ad un monocellula (anche se non è proprio così)! Tirare in ballo lo stalinismo,il pensiero unico,per convincere la gente che bisogna aspettare la"provvidenza" per sopravvivere o per avere un figlio sano, è quanto di più aberrante si possa trovare al giorno d'oggi! Ma perchè non facciamo come il Manzoni nei Promessi Sposi, a questo punto!Il tema della Provvidenza che tutto sana e tutto mette a posto? Con la differenza che il romanzo era ambientato nel 1600! C'è qualche differenza? A questo punto credo di no! Ecco perchè io proporrei di reintrodurre la Santa Inquisizione; sareste tutti contenti finalmente,con buona pace della libertà,della laicità e della democrazia! Cosa sono in fondo questi concetti? Sono solo semplici parole,prive di significato! Mandiamole affan.....!

Carlo R.

Gio, 30/08/2012 - 12:24

Alle prossime elezioni non votate parlamentari bigotti e risolvete il problema!

Ritratto di xulxul

xulxul

Gio, 30/08/2012 - 14:02

liibalaaba: non bisogna scomodare la fede egregio signore. Bastano la filosofia e la ragione (usata bene s'intende) per arrivare alla logica conclusione che l'embrione é un essere umano alla stessa stregua di me e di lei che discutiamo. Vede: le sfugge il particolare che libertà, democrazia, coscienza sono termini di significato compiuto solo se accolgono la verità. Altrimenti sono solo scatole vuote nel cui nome si possono giustificare tutte le nefandezze che l'uomo ha partorito nella storia. La disputa sul nominalismo (una delle cause dei mali attuali) le ricorda niente. Se non si recupera una conoscenza oggettiva del reale continueremo a spacciare per diritti ciò che è solo capriccio ed egoismo, e, se uno crede, peccato.