Legge elettorale, Alfano sfida Bersani: "Dica sì alle preferenze e accordo in serata"

A Montecitorio vertice tra Fini, Bersani e Casini. Il segretario Pdl sfida il Pd: "Se dice sì alle preferenze, accordo già in serata ". Ma Bersani: "Ha fatto l'uovo di giornata"

È ancora "stallo" nel Comitato ristretto della commissioni Affari costituzionali di Palazzo Madama incaricato dal presidente del Senato Renato Schifani di fare in "dieci giorni" una proposta di legge elettorale da presentare all’Aula. Anche se dal giorno in cui la conferenza dei capigruppo assegnò l’incarico siano passate ben tre settimane, il comitato ha continuato ad incontrarsi, ma senza arrivare ad una sintesi. E la stessa cosa è avvenuta anche oggi.Tuttavia, il segretario del Pdl Angelino Alfano lancia una sfida a Pier Luigi Bersani: "Se il Pd ci dice che è favorevole all’elezione diretta del parlamentare con le preferenze, l’intesa la possiamo chiudere già questa sera".

Mentre il Pdl prosegue sulla via delle riforme, il Partito democratico tentenna e alle Camere cerca di frenare l'iter delle riforme. Oggi pomeriggio Bersani ha incontrato, in un vertice durato poco menoi di un'ora, sia il leader centrista Pier Ferdinando Casini sia il presidente della Camera Gianfranco Fini per fare il punto sulla legge elettorale. "Non intendiamo essere portati a spasso - ha spiegato il leader del Pd - abbiamo presentato proposte, siamo flessibili e pronti a stringere, non accetteremo che la prossima settimana si vada in vacanza. Se la destra vuole battere palla si assuma responsabilità". Alfano, però, vuole proposte concrete e invita Bersani a trovare la quadra al più presto per evitare di portare avanti un confronto improduttivo. "Noi abbiamo il serio intendimento di approvare la legge elettorale - ha fatto presente il segretario del Pdl - se non c’è un accordo è perché nel merito non condividiamo alcuni punti proposti dal Pd. Ma se loro ci dicono di essere favorevoli alle preferenze, già questa sera si può chiudere un’intesa". A stretto giro è arrivata la replica di un furibondo Bersani: "Anche questo è un uovo di giornata. Già ieri sera il messaggio era diverso, aspetto domattina per vedere cosa c’è di nuovo, siamo già al settimo o ottavo messaggio diverso".

Nel frattempo i componenti del Comitato ristretto della commissioni Affari costituzionali, presieduto da Carlo Vizzini, non sono ancora riusciti a mettere a punto alcun testo o proposta di riforma elettorale visto che tra i partiti non si è riusciti ad arrivare ancora ad un accordo. Al di là delle dichiarazioni di intenti. "Il Parlamento si riunisce tutti i giorni - ha sintetizzato Vizzini alla fine della riunione di oggi - per cui se ci sono ancora dei ritardi la colpa non è nostra, ma di chi sta fuori del Parlamento...". "Se entro la prossima settimana ancora non si sarà giunti ad un accordo politico - ha spiegato il relatore Enzo Bianco (Pd) mentre l’altro Lucio Malan (Pdl) si allontana dai giornalisti senza fare commenti - noi una proposta la faremo ugualmente tenendo conto delle varie posizioni finora espresse". Magari tornando a prendere in considerazione anche la legge in vigore prima del "Porcellum", cioè, il "Mattarellum": un "desiderata" che sarebbe stato ribadito oggi dall’Idv e anche da ’Coesione Nazionalè. "Ma ancora si può fare presto - ha, quindi, incalzato il vicepresidente dei senatori del Pd Luigi Zanda che fa parte del Comitato - perché si deve puntare ad andare in Aula con una proposta la prima settimana di agosto". E poco importa se la prima settimana d’agosto sia la prossima perche Zanda, all’obiezione, ha assicurato: "Guardate bene perchè la prima settimana d’agosto non è la prossima...". E anche il vicepresidente del gruppo del Pdl Gaetano Quagliariello ha ostentato ottimismo: "La prossima volta, cioè la prossima settimana - assicura - si metterà a punto un teso base con le posizioni di tutti". "Noi comunque - ha incalzato Vizzini - non poniamo limiti temporali al nostro impegno. E siamo disposti a continuare a lavorare anche al di là dei calendari prestabilit". Sempre che i partiti trovino prima l’intesa.

Commenti
Ritratto di unLuca

unLuca

Mer, 25/07/2012 - 18:17

La casa brucia e questi fanno i minuetti.

Massimo Bocci

Mer, 25/07/2012 - 19:31

Alfano,...ha ragione il Bunga Bunga lei e' una persona troppo er bene per trattare con simili (truffatori istituzionali??) senza scrupoli,..vuol tornare alle preferenze emanuenzi,..ha vergare di proprio pugno il nome del candidato,..ma dove crede di essere in una democrazia (vera!!), qui samo nella repubblic banana fondata da comunisti e Catto a loro immagine e somiglianza,..questi non si fidavano nel 47 ha far nominare da un popolo di analfabeti un proprio candidato ,per questo hanno concesso unatantum il segno della croce facile da manipolare ma su schede rigorosamente prestampate di nomi e simboli, Una croce in una parà democrazia comunista Catto parlamentare,di modo che i giochini veri si potessero fare sempre dopo alle spalle del Bue ( pagatore) tra amici degi amici (di mafia??), dunque Alfano deponga ogni illusione non vorrà mica modificare i sacri testi costituenti (Togliatti-Stalin, Papalini), quelli di para democrazia ne capivano assai e 65 che vivono di brogli e golpe.

Willy Mz

Mer, 25/07/2012 - 19:48

azz che trascinatore bersani!!! si vede che di uova se ne intende, torni alla pollicoltura che va bene lì, di polli ne ha tanti....

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 25/07/2012 - 20:30

Giusto Angelino senza quid, il PD dica si alle preferenze ed il PDL dica no a berlusconi. E salviamola questa povera Italia distrutta dai cicchitto, gasparri, capezzone, scajola, ferrara, feltri..... PS: oggi berlusconi non ha parlato e lo spread è sceso

gippi04

Mer, 25/07/2012 - 21:35

ANDATEVENE !.....................

alfa553

Mer, 25/07/2012 - 23:04

Arrogante comunista, sempre quelle battute arroganti da contadino in citta.Costui di statista ha lo statuto del PC sotto il cuscino, del resto non conosce neanche l'educazione. Come lo si puo votare, con i casini che le sinistre hanno fatto in europa.Che dio ve la mandi buona

gardadue

Mer, 25/07/2012 - 23:47

SOLO UNA VOLTA HO SENTITO DIRE SI HAI QUEI GENI DEL PD QUANDO C'ERA DA AUMENTARSI LO STIPENDIO (STO STRON..)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 26/07/2012 - 01:10

Sembra che la sinistra sia specializzata nella tecnica di "menare il can per l'aia". Ad ogni proposta costruttiva del segretario Alfano rispondono con toni offensivi e con l'arroganza di chi si reputa l'unica forza politica al mondo. Gli altri non esistono perché non si occupano dei veri problemi che come tutti sanno sono QUELLI DEGLI OMOSESSUALI.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 26/07/2012 - 07:12

Accordatevi sulle poltrone , è l'unica cosa che vi viene bene.

Cinghiale

Gio, 26/07/2012 - 08:53

Se le elezioni sono una possibilità concreta, la legge elettorale la devono rifare. Sarebbe il caso che sparissero le liste di nominati bloccate come sono adesso e che porcherie tipo il voto disgiunto venissero abolite. Sarebbe anche il caso che la facessero vedere anche agli elettori. Io a votare non ci vado più non mi interessa ma chi ci va a diritto di sapere.

Ritratto di echowindy

echowindy

Gio, 26/07/2012 - 10:15

Ma è così difficile capire per i sistroidi che c'è urgenza di salvarci cambiando la Costituzione. Solo l'asse riformatore Pdl e Lega ha dimostrato che con l'intesa della vecchia maggioranza è stato possibile far approvare il semipresidenzialismo alla francese, l’unico veicolo vincente per il nostro Paese per poter essere governato in modo moderno ed efficiente.

tartavit

Gio, 26/07/2012 - 10:39

Non sembra vero! L'Italia affonda e queste teste quadre discutono e discutono, litigano e litigano, discutono e discutono,litigano e litigano....senza fine. Uhe! Ma sono bravi però. Riescono sempre a non mettersi d'accordo su nulla. Mica è cosa semplice. E' piuttosto cosa da pazzi!

baio57

Gio, 26/07/2012 - 11:29

Quì al nord chiude un'azienda al giorno , fabbriche deserte ,piazzali vuoti ,famiglie intere sull'orlo della disperazione.Questi > cosa fanno? Discutono sul proporzionale sul maggioritario o altre MINCHIATE . Ma volete fare qualcosa affinchè le aziende rimaste non chiudano,magari alleggerendo la pressione fiscale anche solo momentaneamente in attesa di una probabile ripresa ? Incassare anche qualcosa in meno è sempre meglio di niente e forse ci sarebbe meno gente a spasso ,oppure no ? Volete iniziare a limitare il vergognoso sperpero di denaro pubblico della macchina statale o volete che si arrivi alla guerra civile ?

kda

Gio, 26/07/2012 - 11:30

@luigipiso spero vivamente per lei che non pensi davvero le cose che dice ma sia solo un provocatore, perché se così non fosse significherebbe che nonostante l'età (ammesso che sia lei in foto) ragiona ancora come un bambino, ma davvero piccolo, solo un po' meno saggio, che crede alle favole che gli vengono raccontate e non è neppure in grado di inventarsene di proprie. Neppure nel suo partito hanno più il coraggio di dire certe bestialità.

ARNJ

Gio, 26/07/2012 - 11:45

....bersani,casini,fini,dipietro e via discorrendo, sono contrari all'elezione diretta del parlamentare perchè hanno una paura matta del voto degli elettori......!!!!..loro vogliono continuare con questo porcellum ....... ma gli elettori li puniranno !!!!!... gli elettori attendono con ansia la ridiscesa in campo di SILVIO BERLUSCONI......l'unico in grado di salvarci...!!!!...tutti gli altri sono il NULLA !!!!!!!!!!!!!!!

ARNJ

Gio, 26/07/2012 - 11:46

....x luigipiso =.....vuoi un consiglio ????....ma vai a cag.. !!!!..

benny.manocchia

Gio, 26/07/2012 - 11:48

Vanno in giro con un'aria di superiorita' incredibile.Gli sguardi di pesce morto di Bersani,l'atteggiamento "superiore" di D'Alema:"guardate che arrivo io",della Camusso senza mai un sorriso, il sarcasmo delle donne comuniste al "comando". "Apres moi le deluge" cercano di fare capire e molti ci credono.Pero',che cosa hanno mai fatto di buono? Ditemene una... Un italiano in USA

Ritratto di niki 75

niki 75

Gio, 26/07/2012 - 12:14

Ma voi lo vedreste il rustico Bersani in un consesso internazionale???? Mi si potrebbe rispondere che c'è stato un altro comunista, Krusciov, che era alquanto affine; ma di certo l'obiezione non elimina il problema. Per quanto riguarda la questione delle preferenze credo non ci sia maggiore ipocrisia di chi sostiene che bisogna ridare al popolo la possibilità di scelta. A parte il maggiore mercimonio che ne deriverebbe-- cosa dimostrata in passato---,finchè i partiti potranno dislocare i propri pupilli nei posti migliori, la scelta resterebbe sempre e comunque condizionata.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Gio, 26/07/2012 - 12:34

Alfano provi a dire no a berlusconi, vedrete che lo spread torna a 200

conenna

Gio, 26/07/2012 - 12:32

Purtroppo preferisco la legge proposta da Bersani. Collegio uninominale a doppio turno, come si fa per il sindaco. Si ha un controllo maggiore sui propri eletti. La richiesta delle preferenze era già stata bocciata prima del Porcellum proprio per evitare la compravendita dei voti di preferenza. Adesso ci vogliamo tornare. Non capisco più nulla. In quanto ai commenti, è raro trovare commenti che parlino del''argomento mentre, tristemente, abbondano gli insulti.