Renzi presenta la sua legge elettorale. Poi litiga con Cuperlo. Berlusconi: "Sì al sistema bipolare"

Il segretario del Pd illustra la bozza di riforma elettorale. Via libera dalla direzione del Pd. Cuperlo non partecipa al voto

Renzi esce dalla sede del Pd

Grande fibrillazione nei palazzi della politica in vista della nuova legge elettorale. Sabato ne hanno parlato Renzi e Berlusconi, trovando un accordo di massima sul "modello spagnolo", oggi il segretario del Pd ne parla alla direzione del suo partito. Per scongiurare lo spauracchio delle larghe intese Renzi ha in mente un "doppio turno" con il ballottaggio tra le due coalizione che abbiano ottenuto più voti. Ricapitoliamo: al primo turno si presentano tutti i partiti (da soli o alleati). Se una coalizione (o un partito) raggiunge la soglia del 35% ottiene un premio variabile (al massimo del 18%) che lo mette nelle condizioni di poter governare. Nel caso in cui invece nessuno superi il 35% che succede? Si torna a votare dopo due settimane: gli elettori potranno scegliere tra i due schieramenti che hanno avuto più voti. Veniamo al capitolo preferenze: non ci sono. Le liste dei candidati restano bloccate. Non c'è, quindi, alcuna possibilità di scelta per gli elettori. Lo sbarramento è del 5% per i partiti in coalizione, dell'8% per chi si presenta da solo e del 12% per le coalizioni.

"Abbiamo la possibilità di un doppio turno - spiega Renzi alla direzione del suo partito- di un ballottaggio secco, non tra due candidati premier, perché aprirebbe il tema delle revisione costituzionale della forma di governo, ma tra due coalizioni che - senza possibilità di apparentamento - rigiochino la partita di fronte agli elettori e chi vince quella sfida arriva al 53%. Vero che a quel punto il premio è più ampio del 18%, ma è giustificato da un secondo voto".

"Entro metà febbraio - annuncia Renzi - presenteremo il ddl costituzionale sulla riforma del Senato. Sarà un testo condiviso anche dagli alleati di governo, ce lo auguriamo. Ci sono 20 giorni per discutere". Su questo l’accordo con Forza Italia "è un passo avanti straordinario che ci consente di arrivare entro il 15 maggio in prima lettura al Senato, perché la prima lettura sarà al Senato. Noi diciamo agli italiani che con le prossime elezioni non si voterà più per il Senato". "L’accordo sulla legge elettorale segna la sconfitta di chi voleva il "ritorno alla prima Repubblica". "Oggi diciamo ciao ciao con la manina a quelli che volevano il ritorno della prima repubblica. C’erano anche tra di noi...".

"Credo ci sia lo spazio per chiudere un bel pacchetto di riforme in cui spieghiamo agli elettori che la riforma della politica la facciamo noi", ha aggiunto il segretario democratico. "Al Senato c’è anche la riforma Delrio che consente di non votare più per le Province, questo comporta già un risparmio di 1 miliardo di risparmio dei costi della politica, era l’impegno delle primarie, un impegno vincolante".

Poi Renzi manda un segnale a Beppe Grillo: "Ha detto che sono uno showman, detto da lui è un complimento. Dico al collega showman: fino a quando continuerai a tenere chiusa a chiave la porta di quei voti o forse il pin, a dire che noi avremmo in testa di bloccare il percorso delle riforme, quando offriamo un accordo trasparente e alla luce del sole, con un risparmio di un miliardo dei costi della politica? Fino a quando continuerai a perdere occasioni su occasioni, oppure a scappare quando pensi di perdere come è successo in Friuli? L’M5S era la speranza di cambiamento che non si sta realizzando, la politica la cambiamo noi, abbiamo capito il messaggio del 25 febbraio".

La proposta di legge elettorale "è un complicato castello che sta in piedi se tutti i tasselli stanno insieme. Non è una riforma à la carte. Le soglie sono vincolanti. Chi pensasse in Parlamento di intervenire a modificare qualcosa, manda all’aria tutto, incluso titolo V e riforma costituzionale".

A stretto giro di posta Gianni Cuperlo mette le mani avanti: "Non vogliamo boicottare, intralciare, rallentare il progetto riformatore che può avere una rilevanza storica, noi vogliamo essere protagonisti di un passaggio a una repubblica rinnovata". E va dritto al sodo: la proposta non è convincente perché non garantisce né rappresentanza adeguata, né il diritto degli elettori di scegliere i propri eletti, né governabilità", ha assicurato. E vi sono "seri dubbi di costituzionalità che non possiamo ignorare", Dire non si può cambiare niente sennò salta tutto non so fino a che punto sia un modo convincente di procedere - avverte Cuperlo - è una riforma di portata storica che deve servire al paese, mettere in campo soluzioni forti e convincenti. Dunque "nel merito sento che dobbiamo discutere ancora". E insiste: "Con l’Italicum (il nuovo sistema elettorale, ndr) non è risolto il tema delle segreterie che decidono la composizione del Parlamento". E fa una previsione: "La soglia dell’8% spingerebbe i piccoli partiti del centrodestra e forse anche del centro a ricongiungersi a Forza Italia. Possiamo liquidare la cosa dicendo che non sono affari nostri o che è già così altrove, ma quali interessi abbiamo noi a sospingere verso il capo di una destra radicale quelle forze che a fatica hanno rotto il legame".

Nella replica al dibattito che si è sviluppato nella direzione nazionale del Pd Renzi mette in chiaro una cosa: "Non voglio che si dica: o così o Pomì. Deve essere chiaro che questo è il luogo in cui si discute davvero, ma quando si decide, poi si va in una direzione e la decisione non impegna un parte del Pd, ma impegna il Pd". "Il tema delle preferenze l’avrei voluto sentire quando vi siete candidati senza passare dalle primarie la scorsa volta. Questa critica è accettabile da chi, come Fassina ha preso 12mila preferenze, non è accettabile da chi non ha fatto le primarie, non lo accetto". E rivolgendosi direttamente a Cuperlo lo bacchetta duramente: "Gianni te lo dico con amicizia, questo tuo riferimento alle primarie e alle preferenze, lo avrei voluto sentire la volta scorsa, quando tu e altri siete stati candidati nel listino. È inaccattabile che preferenze e primarie siano usate in modo strumentale adesso".

Alla fine la direzione nazionale del Pd ha approvato la relazione di Renzi con 111 sì. Gli astenuti sono stati 34. Nessun voto contrario. Il presidente del Pd, Gianni Cuperlo, ha lasciato la riunione prima del voto.

Dopo una giornata di infiniti botta e risposta in serata interviene Silvio Berlusconi. "Esprimo sincero e pieno apprezzamento - scrive in una nota il Cavaliere - per l’intervento del segretario del Pd Matteo Renzi alla direzione del suo partito, che ha rappresentato in modo chiaro e corretto il contenuto dell’intesa che abbiamo raggiunto nell’incontro di sabato, e che offriamo con convinzione al Parlamento e al Paese. Vogliamo realizzare, in un clima di chiarezza e di rispetto reciproco, un limpido sistema bipolare, che garantisca una maggioranza solida ai vincitori delle elezioni, che riduca impropri poteri di veto e di interdizione, e che favorisca un sistema politico di chiara alternanza, sul modello di quanto accade nelle maggiori democrazie dell’Occidente avanzato. Siamo convinti che ciò corrisponda alle attese della vastissima maggioranza degli italiani".

Sull'impianto di legge elettorale anche Angelino Alfano. Il leader del Nuovo Centrodestra ha detto "no al Parlamento dei nominati", sottolineando che se la proposta di Renzi "contiene molte nostre indicazioni strategiche", però questo tema "rimane irrisolto".

Commenti

cecco61

Lun, 20/01/2014 - 12:24

Ben venga un simile sistema e, soprattutto, in fretta. Indipendentemente da chi vincerà l'Italia e gli italiani oggi hanno bisogno di stabilità e di poter programmare spese e investimenti. I partitini sanno solo ricattare i vari governi per interesse meramente personale: gli esempi del resto non mancano e basta osservare il disastro legislativo relativo alle tasse sugli immobili; il caos completo senza nessuno, ancora oggi, che abbia capito esattamente cosa fare e quando farlo. Chi governa, faccia le sue scelte e se ne assuma tutte le responsabilità, belle o brutte che siano.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 20/01/2014 - 12:24

mah.... non è molto chiara questa faccenda. evidentemente il modello ispanico non va bene a napolitano? :-)

kami

Lun, 20/01/2014 - 12:26

Al ballottaggio il CDX finirebbe sconfitto 60 a 40 come minimo...avendo contro media e magistratura non si può sperare di più. Poi dipenderà da chi metterà a candidato PDC: se sarà la Marina forse in qualcosa di più si può sperare, ma poco.

BlackMen

Lun, 20/01/2014 - 12:39

Boh, io questa storia della vittoria di Berlusconi proprio non la capisco. Renzi si è limitato a fare ciò che va fatto in queste situazioni. Che piaccia o no all'elettorato di sinistra Forza Italia è il secondo partito italiano. La sinistra, ai tempi del porcellum, si strappò le vesti in quanto sosteneva, giustamente, che le grandi riforme non si facevano a colpi di maggioranza come fecero invece Berlusconi e la Lega. Oggi Renzi, coerentemente, non può pensare di fare la riforma elettorale senza coinvolgere Forza Italia...sarebbe predicare bene e razzolare male!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 20/01/2014 - 12:40

Riproporre il parlamento dei nominati è una vergogna. La soglia del 35% sufficiente ad accaparrarsi il premio che garantisce la maggioranza mi sembra troppo bassa. Io farei come nel resto del mondo: 50% + 1 al primo turno oppure ballottaggio.

Giuda Maccabeo

Lun, 20/01/2014 - 13:08

dalla sinistra puo' venire mai qualcosa di buono????Dai senza Dio....solo pensieri....zolfati:convertitevi finchè ne avete il tempo!!!

Cava1981

Lun, 20/01/2014 - 13:12

il problema è che tutti questi signori non vogliono una legge elettorale funzionale, preferiscono tenersi l'alibi dell'ingovernabilità per poter continuare a far nulla, oltre ovviamente intascarsi i nostri soldi (da noi guadagnati con il lavoro... attività che questi politicanti non conoscono). purtoppo non viviamo ancora così male da scendere tutti in piazza, abbiamo ancora pane (magari non troppo e pure raffermo) e circo (calcio)

edoardo55

Lun, 20/01/2014 - 13:21

Tutto tace su euro Europa, fiscal compact, Mes, legge di stabilità. Primo o poi qualcuno dovrà metterci mano.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 20/01/2014 - 13:28

BlackMen: concordo sul fatto che Forza Italia non poteva (aimè)essere tagliata fuori... contesto però il fatto che sia stata considerata "partner privilegiato". Fossi stato in Renzi avrei organizzato incontri bilaterali con tutti i soggetti presenti in parlamento, quindi anche i vari Alfano, Grillo (se disponibile), Vendola, Salvini (possibilmente senza Calderoli), Monti (o chi per lui) ed eventuali altri. Insomma... consultazioni a 360 gradi e poi voto in parlamento.

Atlantico

Lun, 20/01/2014 - 13:29

Il doppio turno va benissimo: è il miglior sistema, secondo me. Quello che non va bene sono le liste bloccate che non permettono agli elettori scegliere il rappresentante. Il PD continuerà con le primarie che piano piano non potranno non essere adottate dagli altri partiti, almeno i più grandi. Perchè le cose buone sono contagiose, come si sa.

Ritratto di mark 61

mark 61

Lun, 20/01/2014 - 14:03

Questa proposta potrebbe avere un senso se fossero impedite le coalizioni, così com'è è la solita furbata per favorire PD e PDL, c'è solo da augurarsi che l'arroganza di Renzi e di Berlusconi venga punita dagli italiani, che gli salti il giochino e che a superare il 35% sia il M5S. Sarebbe quello che si meritano quei due lestofanti!

diablito72

Lun, 20/01/2014 - 14:09

Questa mi mancava. Ma da quando FI sarebbe a favore delle preferenze???? se così fosse, visto che lo sono anche il pd ncd scelta civica e chi più ne ha più ne metta, per quale malsano motivo non si fanno? Vi vergognate a dire che lo statista non vuole le preferenze ? e soprattutto a dire il perchè.

Ritratto di renzusconi.

renzusconi.

Lun, 20/01/2014 - 14:11

edoardo55 - alle ore undici del 15 gennaio 2014 gli eletti del M5S presentavano una mozione al governo sulla quale hanno preteso un voto dell'aula. Ciò che i deputati M5S hanno chiesto al governo è stato di "rimodulare la propria posizione nazionale come Stato sovrano e avviare una immediata consultazione per rinegoziare le condizioni imposte dal Fiscal Compact e dal Mes". La votazione alla mozione M5S ha dato i seguenti risultati: il 72% dei deputati l'ha rigettata votando contro (Forza Italia, Nuovo Centro Destra, PD, Lista Civica Monti, Udc, tutti compatti).

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Lun, 20/01/2014 - 14:13

Non sono veggente e non ne ho le doti, ma una previsione voglio farla: finirà a schifio come sempre!

sale.nero

Lun, 20/01/2014 - 14:18

Ottimo e collaudato!

CarloP51

Lun, 20/01/2014 - 14:20

Il parere di Bersani non interessa più, così come quello di alcune "frange" del pd! Hanno avuto il loro momento e non hanno saputo creare nulla. Quello che fa specie, più di tutto, è come un partito che si considera progressista, culturalmente più avanzato, rifiuti il solo dialogo con una forza identica (quasi) come la loro. Il partito non è un totem da incensare, ma un insieme di persone, liberi di esprimersi, ma con l'umiltà di sottostare poi alle decisioni della maggioranza. A chi non va bene se ne vada! Renzi ha dimostrato larga veduta. Non sono contrario alle larghe intese delle due maggiori coalizioni. La gente vuole questo! Provate a fare un sondaggio in rete. Riguardo poi al "pregiudicato", sappiamo tutti benissimo cosa è successo! E' stata proprio una vergogna del peggior comunismo!

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Lun, 20/01/2014 - 14:30

Caro Matteo, qualunque doppio turno o premio di maggioranza, sarebbe inutile se non si fanno 2 cose basilari: primo) sbarramento al 7% e qualunque coalizione abbia la maggioranza, quella maggioranza resterà tale sino alla prossima legislatura, anche se qualche dissidente uscisse dalla maggioranza. Solo così si potrà uscire fuori da questo groviglio.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Lun, 20/01/2014 - 14:31

Salvini si è messo di traverso, quindi berlusconi e Renzi vincono facile.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 20/01/2014 - 14:48

@Miki59,la dittatura sarebbe ancora piu' semplice.

g-perri

Lun, 20/01/2014 - 14:59

Dal momento che da entrambe le parti si è arrivati alla consapevolezza che per governare occorre limitare lo strapotere dei partitini (soprattutto quando per convenienza entrano a far parte di una coalizione) allora con la nuova legge elettorale, per evitare ulteriori furbate, occorrerebbe stabilire che, l'attuale assenza di vincoli di mandato per i parlamentari eletti a cui fa riferimento la Costituzione vigente, resterebbe inalterato solo per quei partiti che alle elezioni corrono da soli. Invece, per i parlamentari eletti nei partiti che aderiscono ad una coalizione, proprio in virtù di questa "adesione a priori" ad una colazione, occorrerebbe stabilire che il mandato di parlamentare resta vincolato alla coalizione alla quale si appartiene ed alla quale si è aderito prima delle elezioni. Il parlamentare, una volta eletto, potrebbe comunque uscire dalla coalizione in qualsiasi momento, conservando tutte le prerogative del suo mandato tranne quella del voto nelle assemblee parlamentari (in pratica dovrebbe essere obbligato all'astensione dal voto in Aula, causa la rottura del patto di coalizione che gli ha garantito l'elezione). Mi sembra una cosa del tutto sensata, dato che anche nel codice civile, sono previste clausole penalizzanti per le parti che rescindono un contratto.

vince50_19

Lun, 20/01/2014 - 15:25

Forse è ancora presto per esprimere un giudizio netto, tuttavia si deve fare qualsiasi cosa per eliminare il consociativismo, accordi sotto banco, larghe intese et similia che hanno bloccato e rovinato l'Italia, permettendo a poteri forti di fare il proprio comodo in questo tremendo bailamme per decenni. Sopratutto i partitini che con i loro veti hanno creato situazioni politico economiche di gestione della res publica ai limiti dell'impossibile. La democrazia perfetta come il bicameralismo perfetto, lo dico al "professor" Lupi, hanno dei limiti e per gestire correttamente la res publica ed alleviare sofferenze al popolo italiano, qualche sacrificio bisogna farlo. Ad esempio lei, Al_fano, il "piduista" Fabrizio (così chiamato dalla sx fino a pochi mesi fa) e altri parlamentari di origine democraticosocialista che avete scelto un'altra via, spero che uno tsunami vi spazzi via e che non si senta più parlare di voi. Sia chiaro, questo comportamento che avete tenuto di recente, più che scorretto e di infima moralità, per me è da aborrire a 360°.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 20/01/2014 - 15:35

SPERIAMO CHE STABILISCANO ANCHE IL NUMERO DI DEPUTATI, PERCHE' 630 SONO TROPPI...300 PENSO CHE SIA UN BUON NUMERO, SI RISPARMIEREBBERO UN PO' DI SOLDINI...

Ritratto di mark 61

mark 61

Lun, 20/01/2014 - 15:47

Finisce il PORCELLUM ed inizia la PORCATUM in quanto continuano a impedire la scelta da parte nostra dei rappresentanti al parlamento . In fatti questi signori hanno paura delle preferenze ed è per questo motivo che propongono sempre leggi elettorali con le liste bloccate

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Lun, 20/01/2014 - 15:48

kami: hai perfettamente ragione. Se Berlusconi ha accettato il ballottaggio è fregato.

unosolo

Lun, 20/01/2014 - 16:07

come volevasi dimostrare la macchina dell'ex PCI è ripartita , Berlusconi deve essere inchiodato non deve essere un riferimento ed ecco che appena ha partecipato ad un incontro col PD viene di nuovo fermato velocemente dalla spietata macchina PCI , dopo i vari solleciti da parte degli esodati politici spronando il capo , si muovono in fretta temono di perdere poltrone al senato e non solo , questa parvenza di accordo toglie i parassiti che ai lavoratori costano troppo , e allora prima inchiodano Berlusconi poi sarà il ridimensionamento del Renzi , sporca politica quanti soldi si mangiano , non è che i sindacati ci vanno lisci .

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 20/01/2014 - 16:08

Il doppio turno sarebbe ottimo,credo che inoltre troveranno il modo per inserire una quota di preferenze e rivedranno il discorso dello sbarramento.Per cio' che e' il mio piccolo e ininfluente parere con questi ritocchi potrebbe venir fuori un legge in grado di dare governabilita' e rappresentanza nel giusto equilibrio.Trovo non giusto lo sbarramento pet i partiti del 3/4%,si tratta di quasi due milioni di voti.Come gia' osservato anche da altri non e' che fini o alfano siano entrati in parlamento con i partotini,semmai sono usciti dai partiti piu' grandi per cui non mi sembra quello dello sbarramento un rimedio assoluto.

carlo5

Lun, 20/01/2014 - 16:14

Visto l'andazzo ci hanno fregato un'altra volta. Tutti pensavamo alla fine delle larghe intese, alla fine dei partitini, alla fine degli inciuci e quindi dell'ingivernabilita' perche' lasciata a coalizioni inconcludenti e rissose e spaccone, vedi Lega con PDL e vedi PD e accozzaglia di partitini di sinistra demagogici, e questi che fanno? Ci rifilano sottobanco Alfano e i suoi abiuri, i fratelli D'Italia in versione Moroni e le sue straparlate che non le ascolta nessuno, i e decimali di destra. A sinistra idem, tutto secondo copione. I furbastri li fanno presentare insieme ai partiti civetta FI e PD ed il gioco e' fatto. A noi dicono che li sbarrano con un 5%, una schifezza di percentuale, ma solo se si presentano da soli, ma questi e loro non sono scemi mica. Quindi, quindi ci hanno fregato, faranno il doppio turno con il quorum al 35-38% per il fumogeno al popolo bue, poi governeranmo insieme portandoci allo sfascio. Gli spagnoli che hanno fatto un sistema quasi serio lo hanno snaturato per i casi loro. Se Renzi e' il nuovo io devo ancora nascere. Dicono che se non fanno cosi' vince Grillo ed io dico che se vince Grillo per volota' popolare che vinca perche' vince la democrazia popolare. Tutti si sperticano le mani nel dire che Berlusconi lo legittimano i voti del popolo e questo non vale per Grillo? Siamo democratici quando ci conviene, siamo realisti e conservatori quando il contrario? Suvvia siate semplicemente onesti e ditecelo che del popolo non ve ne frega niente. Con queste premesse siete voi che spianate la strada a Grillo e Lui dai suoi palchi ringrazia ed alla fine avra' avuto ragione a mandare tutti aff........o

kami

Lun, 20/01/2014 - 16:15

Come si fa a dire chi è che si presenta da solo? Ipotizziomo 2 partiti a sx accreditati entrambi del 15-17% (metti il PD si spacchi in Bersaniani e Renziani) e corrono da soli, chi dei 2 non si è aggregato? Ma poi aggregato a cosa?

nurra94

Lun, 20/01/2014 - 16:25

Caro Renzi, non iniziare a cambiare le carte in tavola, solo perché qualcuno che non conta nulla, ti strattona. Hai fatto un accordo con Berlusconi? Vai avanti così, se devi dare retta a tutti, ritorniamo al punto di partenza. Sei il Segretario del PD, Fassina e gli altri, sono solo gregari. Alfano poi, non conta un cazzo, quando si andrà al voto, sparirà dalla circolazione!!!!!!!!!

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Lun, 20/01/2014 - 16:26

Renzi ... ancora non ha capito i personaggi che lo circondano. Tutti vogliono qualcosa solo per rimanere a galla. Sono terrorizzati quando sentono parlare di bipolarismo per la paura "finanziaria" d'essere scartati e di dover andare a lavorare veramente e da qualche altra parte. E' la democrazia di oggi che per essere "democrazia" s'è allargata a tutti senza rendersi conto che in Italia - se fosse possibile - ci sarebbero 60 milioni di partiti ... uno a testa!

maninblack

Lun, 20/01/2014 - 16:29

Finalmente uno che ragiona col cervello.Bravo Renzi per le votazioni doppio turno in modo da evitare le larghe intese:forza Renzi,solo cosi' si puo' incominciare a fare un po di pulizia e mandare a casa tutti quelli che avevano attaccato le poltrane al proprio culo con l'attak

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 20/01/2014 - 16:36

C'è qualcosa che mi sfugge. Berlusconi, si sa, odia il doppio turno, eppure esce dal colloquio con renzi affermando di essere d'accordo su tutto, e poi... ecco che spunta proprio l'odiato doppio turno. Cosa ne pensa Cav.? Ce lo faccia sapere, per favore, perchè a noi il doppio turno non piace per niente! Per prima cosa, vista la scarsa propensione degli alettori di Centro-Destra verso i seggi elettorali, le possibilità che vincano i rossi in un doppio turno sono altissime. Poi c'è il rischio di consegnare pari pari l'Italia in mano ai grillini, perchè sarebbero loro, alla fine, il vero ago della bilancia in un secondo turno. E non contateci sulla loro astensione, perchè grillo potrà anche tuonare che lui non si allea con nessuno, ma i suoi elettori, che di duro e puro non hanno proprio niente, al secondo turno tornerebbero all'ovile di quella sinistra da cui la maggior parte di loro proviene... altro che astensione!

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 20/01/2014 - 16:51

lEGGE MOLTO AMBIGUA.Si sa come vince la sinistra .Al secondo turno la gente che vota destra se ne va al mare .Cosi per i sindaci, per le regioni , per le provincie , cosi sara per il parlamento

Lino.Lo.Giacco

Lun, 20/01/2014 - 16:59

spero che renzi non si faccia sottomettere dai scarafaggi che gravitano da destra e da sinistra senza ideali ma solo voglia di tenere le mani e la bocca piena faccia finalmente le riforme,dia la giusta dimensione alla politica prima di qualche dramma nazionale prenda il sopravvento

enrico09

Lun, 20/01/2014 - 17:00

Penso che il signor Binelli abbia fatto un intero articolo basandosi su informazioni confuse o parziali, il 15% si ottiene se si supera il 35 (o 38)% altrimenti si va al ballottaggio e chi vince ottiene il 53 / 55 % dei seggi...

Holmert

Lun, 20/01/2014 - 17:05

Al minimo accenno ad uno sbarramento, che tutti potrebbero aggirare coalizzandosi, ecco che i partituncoli che rendono l'Italia ingovernabile ,cominciano ad agitarsi ,adducendo la solita menata di attentato alla democrazia. Liste bloccate o liste aperte, è fondamentale che un partito maggioritario, con almeno il 35% dei consensi ,possa finalmente governare per tutta la legislatura, senza possibilità di essere ricattato da un Lilliput con uno o due milioni di preferenze. Questi ultimi sono solo degli sfasciacarrozze e si è visto nei tanti anni ,dalla prima alla seconda repubblica. Quindi Renzi vada avanti e pensi al bene della nazione, dove tranne rare eccezioni, vi fu mai governo della durata quiquennale. Sempre rimaneggiato, rivisitato, rattoppato, dalle pezze dei partituncoli. Ricordate il governo Prodi? Bastò un UDEUR qualunque por farlo cadere in malo modo, il cui tonfo si sentì anche fuori dai patrii confini. Quanto valeva l'UDEUR di Mastella? Una manciata di voti .Ecco cosa sono capaci di fare i partituncoli. Renzi deva andare avanti,per il bene dell'Italia e non sentire i vecchi arnesi comunisti da rottamare, né quel gaglioffo di Fraschina, economista pianificatore.

Sise

Lun, 20/01/2014 - 17:18

Ma come?! Maurizio Lupi scrive su facebook "Non vogliamo una legge elettorale che tuteli i piccoli partiti perché noi siamo un grande partito". Al di là dell'incredibile vena comica dell'affermazione, come mai ora vuole abbassare la soglia di sbarramento al 4%? Visto che sono un "grande partito" (ahahahah), cosa hanno da temere?

pinux3

Lun, 20/01/2014 - 17:30

@carlo5...Forse non hai inteso bene...Il doppio turno serve proprio per evitare le "larghe intese", altrimenti se nessuno raggiunge la soglia prevista (del 35% o quella che sarà) nessuno avrà la maggioranza e dovrà per forza allearsi con un'altra coalizione come (purtroppo) è successo in questa legislatura. E' esattamente il contrario di quello che pensi tu...Poi il doppio turno non è affatto detto che sfavorisca Grillo, anzi se il cdx farà flop al secondo turno potrebbe raccogliere i voti degli elettori di dx che non vogliono che vinca la sinistra...

pinux3

Lun, 20/01/2014 - 17:39

@wilegio...Se sei contrario al doppio turno mi dici come fai a garantire goverabilità se nessuna coalizione raggiunge la soglia prevista? O sei per le "larghe intese a vita"...Lo sappiamo che questa è la "segreta" aspirazione di Silvio ( che così rimarrebbe cmq in gioco) ma non credo proprio che la cosa corrisponda agli interessi del paese...

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 20/01/2014 - 17:40

Effettivamente... le esperienze italiane con il doppio turno non hanno favorito il centrodestra. Certo le motivazioni per la sua applicazione, ovvero evitare ulteriori larghe intese (sgradite a tutti) e garantire una maggioranza chiara e stabile, mi sembrano inoppugnabili. Sta' a vedere che Renzie ha messo nel sacco il Berlusca?

pinux3

Lun, 20/01/2014 - 17:43

Dato che leggo che diversi si esprimono contro il vincolo di mandato vorrei informarli che il vincolo di mandato non è una "ubbìa" della nostra Costituzione ma è prevista da TUTTE LE COSTITUZIONI DEMOCRATICHE...

eloi

Lun, 20/01/2014 - 18:01

Sembra che Matteo abbia ingranata la presa diretta. Magari lo facesse anche la magistratura invece di traccheggiare su la seconda. Dire la seconda sono stato largo, poichè molte volte ingranano la retromarcia. Vedi le sentenze rimandate al mittente.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 20/01/2014 - 18:02

Scusatemi tanto ma come si fa a sostenere che il doppio turno favorisce le larghe intese o e' una trappola?il doppio turno al contrario permette di sbloccare una situazione di parita' e di far vincere in modo inequivocabile uno solo.Scrivevo ieri mentre in molti qui' esultavano equivocando un incontro che e' stato giusto e logico che la strada e' ancora tutta da fare e che come e' stato considerato ed ascoltato FI adesso si fara' lo stesso con gli altri e si cerchera',se ne saranno capaci,una proposta valida e condivisa.Sono le regole del gioco e non possono essere fatte in due contro tutti,chi si era illuso che le cose andassero cosi' ha sbagliato considerazione e non ha tenuto conto di cio' che il protagonista di questa fase che e' Renzi ha sempre detto,si discute con tutti e si decide in fretta l'opzione migliore e piu' condivisa.

Ritratto di mark 61

mark 61

Lun, 20/01/2014 - 18:26

Ma gli elettori ITALIANI sono FELICI di far scegliere la legge elettorale (la PEGGIORE possibile) e le RIFORME COSTITUZIONALI ad un PREGIUDICATO interdetto dalla politica, e ad un CONDANNATO in 1°grado come Babbeo Renzi.........

claudio faleri

Lun, 20/01/2014 - 18:37

il nostro cuperlo è meglio che si spari delle s.......e invece di aprire la bocca, ci vogliono persone che lavorano per noi non per loro come hanno sempre fatto, i parassiti a casa ne abbiamo avuti anche troppi

claudio faleri

Lun, 20/01/2014 - 18:37

il nostro cuperlo è meglio che si spari delle s.......e invece di aprire la bocca, ci vogliono persone che lavorano per noi non per loro come hanno sempre fatto, i parassiti a casa ne abbiamo avuti anche troppi

LAMBRO

Lun, 20/01/2014 - 18:56

SPERIAMO NON LO BLOCCHINO DI NUOVO COME HANNO FATTO FINO AD OGGI CON TUTTE LE RIFORME. MA CUPERLO NON E' DELLA MINORANZA?

laura franceschini

Lun, 20/01/2014 - 18:58

stanno schiattando di rabbia! In quanto a dare ai cittadini il diritto di scegliere... ma a chi stanno prendendo per il....o! Quelli, sempre i partiti ce li piazzano! Sparite!

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Lun, 20/01/2014 - 19:03

A Renzi gli italiani onesti non perdonano il fatto che si è incontrato con un pregiudicato, con uno che ha truffato gli italiani per oltre 300 milioni di euro!!!!!!!!! A tutto c'è un limite .........

Giampaolo Ferrari

Lun, 20/01/2014 - 19:03

Sig RENZI onore al gueriero.il colle non ti lascerà fare queste cose.

Giampaolo Ferrari

Lun, 20/01/2014 - 19:03

Sig RENZI onore al gueriero.il colle non ti lascerà fare queste cose.

Giampaolo Ferrari

Lun, 20/01/2014 - 19:03

Sig RENZI onore al gueriero.il colle non ti lascerà fare queste cose.

Giampaolo Ferrari

Lun, 20/01/2014 - 19:03

Sig RENZI onore al gueriero.il colle non ti lascerà fare queste cose.

ferry1

Lun, 20/01/2014 - 19:10

bRAVO CAVA 1981 Ha perfettamente ragione.Spariscano i rosiconi e chiunque vinca giochi la sua partita senza zavorre!

Palmipede

Lun, 20/01/2014 - 19:15

Cuperlo purtroppo fa parte,forse in meglio,della vecchia guardia comunista, anche se non a livello di Fassina.Palmipede

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 20/01/2014 - 19:17

Caro Renzi, i figli della menzogna dalla parte del totalitarismo parassita dell´apparato statale burocratico mafioso sopra la pelle dei Lavoratori DEVONO ESSERE ESPULSI DAL PARTITO DEMOCRATICO ... I luridi vermi ritrovino almeno la faccia di rifondare il loro escremento di partito (sconfitto in tutto il mondo anche nella Cina di Mao).

Palmipede

Lun, 20/01/2014 - 19:18

Spero tanto che Cuperlo sia ad un livello superiore rispetto a Fassina. Palmipede

Palmipede

Lun, 20/01/2014 - 19:18

Spero tanto che Cuperlo sia ad un livello superiore rispetto a Fassina. Palmipede

unosolo

Lun, 20/01/2014 - 19:19

ancora con la truffa dei 300 cavolo da anni regalano soldi per l'autostrada del sud ebbene come lo chiamate questo spreco ? creare posti di lavoro o pagare mafie e camorra ? chi sono i ladri o i pagatori che autorizzano lo spreco dei nostri soldi ? li non si indaga è pericoloso o partecipazione , i ladri sono li in quei seggi da quaranta e passa anni con il ricambio generazionale , sveglia , Berlusconi paga perche gli altri hanno santi o appoggi .

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 20/01/2014 - 19:20

Caro Renzi, i figli della menzogna dalla parte del totalitarismo parassita dell´apparato statale burocratico mafioso sopra la pelle dei Lavoratori DEVONO ESSERE ESPULSI DAL PARTITO DEMOCRATICO ... I luridi vermi ritrovino almeno la faccia di rifondare il loro escremento di partito (sconfitto in tutto il mondo anche nella Cina di Mao).

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 20/01/2014 - 19:21

Mi raccomando, censura!!!

BENNY1936

Lun, 20/01/2014 - 19:28

Lassenza delle preferenze è il massimo! Continueremo a trovare in Parlamento di tutto!!!Non hanno capito nulla questi qua...

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 20/01/2014 - 19:35

I CAGASOTTO SONO IN FIBRILLAZIONE, LUPI SCHIFANI CUPERLO GENTE COL PARAOCCHI FERMA AL 1980, SVEGLIATEVI COGLIONI, CI VUOLE GENTE NUOVA, NUOVA POLITICA, BASTA SENATO, BASTA PROVINCE, REGIONI SENZA REGALI, 300 DEPUTATI E VIA ANDARE. SENATORI A VITA ELIMINARLI...

Ritratto di renzusconi.

renzusconi.

Lun, 20/01/2014 - 19:39

dal porcellum al pregiudicatellum senza preferenze, farsa renzusconi!

Il giusto

Lun, 20/01/2014 - 19:41

I silvioti cominciano a capire...siete finiti!Se passa il doppio turno voi avete perso!Siete un movimento che a fatica raggiungerà il 15-18%!Anche Perché chi sarà IL VOSTRO PREMIER?Al ballottaggio andrà il pd con m5s!La festa per la"vittoria"del pregiudicato è durata meno di un giorno...

Ritratto di monique

monique

Lun, 20/01/2014 - 19:42

Fate fate , poi scoprirete che siete solo il terzo se non quarto partito

macchiapam

Lun, 20/01/2014 - 19:47

La violenza delle reazioni, a sinistra naturalmente, all'incontro-intesa tra Renzi e Berlusconi è il segnale inequivocabile dell'importanza dell'evento. Dobbiamo attenderci una ripresa, da tutte le parti, degli attacchi a Berlusconi. E anche Renzi, se non sta attento...

bleumoon

Lun, 20/01/2014 - 19:49

Cari italiani ce lìhanno messo di dietro ancora una volta. E questa volta sinistra e destra insieme. Insomma gli italiani non sceglieranno i preopri rappresentanti,e su questo destra e sinistra si sono trovati subito daccordo. Tiè..pietela in der cul

Pinozzo

Lun, 20/01/2014 - 19:56

Ma le preferenze sono finite in cavalleria??

gianni marchetti

Lun, 20/01/2014 - 20:00

da renziano dico: Bravi

Bartleby

Lun, 20/01/2014 - 20:08

Ancora liste bloccate e ancora nessun diritto di scelta per gli elettori. Capisco che questo vada bene a Forza Italia dove comanda un uomo solo e gli altri obbediscono, ma in un partito che si chiama democratico....

Ritratto di monique

monique

Lun, 20/01/2014 - 20:16

I candidati il m5s li scelgono 80000 cittadini Quelli del Pdl/Pd i cinque della segreteria Viva la democrazia

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Lun, 20/01/2014 - 20:19

Magari un referendum dove si pagano altri 2 euro per decidere di non passare la proposta del segretario, poi un nuovo giro di primarie con esborso di altri 2 euro, poi un nuovo referendum per annullare le primarie, poi altre primarie...e così via. Avranno mica intenzione di mettere su una coop di pompe funebri per garantire a prezzi stracciati una degna sepoltura a tutti gli italiani ormai stremati dalla crisi, dalle tasse e dall'attesa alle Kalende per avere uno straccio di riforma?

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Lun, 20/01/2014 - 20:20

Si spacca anche il PD .... se seguitano così invece del bipolarismo avremo decapolarismo

mariolino50

Lun, 20/01/2014 - 20:28

Gli italiani non sono bipolari ma multipolari, ridurre le possibilità di voto a solo due, con vari artifizi, vuol dire uccidere la democrazia o quel poco che ne rimane, chi non è omologato ai due più grossi perde ogni diritto di voto reale, anche se sono di più.

Ritratto di Balamata

Balamata

Lun, 20/01/2014 - 20:34

X il giusto: 15/18 % dove lo leggi? Sull unità'?

Pazz84

Lun, 20/01/2014 - 20:46

Finalmente Berlusconi ammette il suo disturbo bipolare. La consulta ha dichiarato incostituzionali le liste bloccate e il premio di maggioranza, e cosa si pensano Renzi e Silvio? Ovviamente liste bloccate e premio di maggioranza. Forse per farglielo capire bisogna dirglielo piano come ai deficienti

Requiem sharmutta

Lun, 20/01/2014 - 20:51

non credo che il Ruby3 sia un blitz per far saltare l'accordo con Renzi sulla legge elettorale; è semplicemente la conseguenza degli errori degli avvocati di B.

nalegior63

Lun, 20/01/2014 - 20:59

allo scoperto tutti i CUPERLONI VENDOLAGAY BERCANIANI insomma la FECCIA di elettori, troller,IGNORANTI DELATORI ANALFABETI RACCOMANDATI NULLAFACENTI PARASSITI che postano sul GIORNALE NEFANDEZZE CONTRO IL CAV.SILVIO BERLUSCONI spiazzati/sputtanati da RENZI anche se sei di sinistra BRAVO RENZI era ora di liberarsi della cacca che impuzzolentisce il BEL PAESE...KOMUNUISTI DI M TAPPATEVI LA BOCCA TOGLIETE IL DISTURBO e andate a visitare le foibe sperando che qualcuno vi butti dentro come fecero i vostri amici komunisti titini con i miei compaesani ITALIANI

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 20/01/2014 - 21:03

cecco61 veramente l'Italia e gli italiani hanno bisogno di una stabilità DEMOCRATICA, E non di una qualunque!!!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 20/01/2014 - 21:04

Bleck Men ERRORE. Il secondo partito italiano alle ultime elezioni è risultato essere il M5S (al quale non appartengo).

J.S.Mill

Lun, 20/01/2014 - 21:15

Accidenti, questa sera i vostri commenti non solo proprio all'altezza! Non se ne salva uno. Dimostrate di avere poche idee e tutte confuse. Ciò che è successo in questi ultimi giorni è qualcosa di epocale che cambierà questo paese in MOLTO meglio (se saremo tutti all'altezza del cambiamento). 1 - E' finita la guerra civile. 2 - Sono finiti i ricatti dei partitini.3 - E' rinata la POLITICA come la intendeva Macchiavelli. 4 - Sono stati enunciati i presupposti verso una democrazia compiuta basata sul bi-partitismo. 5 - Le liste bloccate sono sacrosante, perchè basate su collegi piccolissimi dove ci sarà molta competizione . D'altro canto la Cosituzione indica i partiti come costruttori della classe politica. 6 - Fine del grillismo, che ha prosperato come prodotto tra i due litiganti. In questi giorni sta nascendo la SPERANZA per questo paese.

scipione

Lun, 20/01/2014 - 21:16

Caro Renzi non ti curare dei veterocomunisti alla Fassina o Cuperlo,qui si fa la nuova Italia o si muore.

Ritratto di Fritz49

Fritz49

Lun, 20/01/2014 - 21:32

Mah..Le leggi non le proponeva e discuteva il parlamento?Adesso le decidono i segretari,i padroni, i guru di partiti?senza nessun mandato parlamentare?Siamo alla frutta..

scipione

Lun, 20/01/2014 - 21:38

Ho seguito con molta attenzione il dibattito di questi giorni sull'incontro storico tra Renzi e Berlusconi e soprattutto lo svolgimento e il dibattito della direzione odierna del PD.Constato,leggendo i post,che molti ( specialmente la SCEMA ) non hanno capito un cazzo.In particolare Renzi nella sua relazione e nelle conclusioni ha affermato con grande decisione e chiarezza che il " pacchetto " delle riforme,va preso per intero cosi' com'e' e non permettera' a nessuno di " prendere " un " pezzetto " perche' gli fa comodo.E Berlusconi,che e' il vero dominus dell'operazione,e' d'accordo con Renzi.Sono certissimo che questa volta i " giapponesi " che sono rimasti nella giungla a sparare ( cazzate )per non cambiare nulla rimarranno inc....ti.

Ritratto di lorenzo74

lorenzo74

Lun, 20/01/2014 - 21:39

Tutto d'un tratto si scopre che non ci voleva niente a fare le riforme di cui si parlava da decenni: ci voleva uno del PD che non abbia mai cantato Bella Ciao! Partigiani, fascisti e antifascisti: d'ora in poi stiano solo sui libri di storia, assieme agli etruschi e ai cartaginesi e pensiamo alle cose che ci premono veramente

giovanni951

Lun, 20/01/2014 - 21:48

non fate arrabbiare gary cooperlo.....

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Lun, 20/01/2014 - 22:21

luigipiso FACCI RIDERE !

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Lun, 20/01/2014 - 22:22

Agrippata certo che il gobetti aveva proprio una faccina da fighetta;-)

scipione

Lun, 20/01/2014 - 22:38

il giusto ,per favore leggi i sondaggi prima di sparare caz...te : Coalizione di centrodestra cinque punti percentuali avanti al centrosinistra,M5S ( che non fa coalizione con nessuno )almeno quindici punti indietro.giusto....ROSICARE.

1970Ivano

Lun, 20/01/2014 - 22:58

Il fatto che ancora una volta non saranno gli elettori a votare un candidato ma i partiti a scegliere è un grave errore in quanto permetterà ai politicanti di riciclarsi all'infinito. In questo caso i candidati non saranno rappresentativi del popolo. Renzi ripensaci per chè stai facendo un grosso errore.

ugsirio

Lun, 20/01/2014 - 23:14

Cosa cambia ? nulla. I cespugli avranno sempre la possibilità di bloccare il partito di maggioranza relativa della coalizione. Si cambia tutto per non cambiare nulla, almeno nella legge elettorale. Per il resto si vedrà.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Lun, 20/01/2014 - 23:24

Il sistema sembra poter funzionare. C'è però un punto cruciale che non è stato toccato:_l'introduzione del vincolo di mandato perchè senza questo si potrebbe ricadere,date le non grandi differenze che si verranno a creare tra i due futuri schieramenti,nei giochi di trasmigrazione di parlamentari. Il vincolo di mandato non esiste per norma costituzionale però qualcuno (Grillo)l'ha aggirato con una norma interna al suo schieramento.

Magic John

Lun, 20/01/2014 - 23:30

Grande Silvio e grande Renzi. Finalmente due persone che vogliono veramente fare qualcosa di bene per l'Italia. Andate avanti cosi'!!!! Silvio, sei il migliore di tutti e il piu'grande statista che l'Italia abbia avuto a partire dal 1945. W Forza Italia!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 21/01/2014 - 00:17

Appare sempre più chiara la posizione immobilista dei trinariciuti. NON FANNO LE RIFORME E SE QUALCUNO DI LORO LE PROPONE REMANO CONTRO. Ecco dove sta la vera palla al piede dell'Italia.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 21/01/2014 - 00:47

@pinux3 Non siamo ipocriti! La grande coalizione che arggiunge la maggioranza al doppio turno altro non è, per la maggior parte degli elettori, la scelta del "male minore" e non certamente una libera scelta! Quanto al fatto che questo garantisca la governabilità (che per me non è un valore assoluto), abbiamo visto com'è andata a coalizioni, come quella del pdl nel 2008, che avevano una maggioranza "bulgara": alla prima occasione qualcuno si sfila, qualcun altro si vende e la "grande coalizione" va a farsi benedire in un attimo. Lo stesso successe a prodi e, pochissimo tempo fa, al pdl per opera di alfano e compagnia. Non esiste proprio!

macchiapam

Mar, 21/01/2014 - 03:27

Non è esagerato affermare che l'intesa Renzi-Berlusconi sulla legge elettorale costituisce una pietra miliare storica nell'attuazione del sistema democratico. Fermi infatti i rispettivi programmi su questo o quello, necessariamente divergenti, i due avversari hanno lealmente negoziato e concluso un accordo nell'interesse collettivo: così si fa; e speriamo che seguano altre intese là dove può esserci convergenza.

eglanthyne

Mar, 21/01/2014 - 06:25

Cuperlo? Cuperlo CHI?????????????????????????????????????????????

Nickulow

Mar, 21/01/2014 - 07:29

Perché i media sarebbero contro b? Le reti Mediaset e Rai, tranne il terzo, sono sue. Non capisco

cicero08

Mar, 21/01/2014 - 07:51

Sentire Cuperlo, con la sua vocina stizzita da zitella insoddisfatta, elencare strumentalmente tutta una serie di presunte imperfezioni del modello di legge elettorale su cui si stava discutendo, conferma che Renzi aveva ragione quando parlava di stanare gli ultimi giapponesi all'interno del PD. Patetico Cuperlo ed ancora più patetico in quanto ventriloquo del Baffino ma inchiodato da Renzi sul tema delle preferenze reagisce anche in maniera scomposta in modo da far godere di più il neo segretario...

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Mar, 21/01/2014 - 08:52

Le preferenze sono state abolite da un referendum popolare.

linoalo1

Mar, 21/01/2014 - 09:56

Tutto come previsto!Nessuno vuole una nuova Legge Elettorale!La vogliono solo Renzi e Berlusconi!Quindi,tutti a criticare.Del resto sono mesi e mesi che dicono che vogliono cambiarla!Ma,come sempre accade,i Politici sono solo bravi a parlare ed a fare promesse,prima di essere eletti!Ma poi,i risultati si vedono!Spero solo che alla finesi faccia una legge che favorisca solo due grandi Partiti,grandi per numero,e che faccia sparire quei partitini che tanto danno fastidio quanto non servono a niente!Lino.

gio43

Mar, 21/01/2014 - 10:57

Ma conoscete la riforma Delrio? Una porcata dovrebbero eliminare i consigli regionali non quelli provinciali, che presumo conoscano meglio il territorio su cui operano.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mar, 21/01/2014 - 11:10

Finalmente un Kompagno che ha le idee chiare e il senso di responsabilità affinchè questa Italia ricominci a funzionare(se non lo trombano prima.