Legge stabilità: emendamento Pd-Pdl per portare la no tax area a 12mila euro

Due emendamenti vogliono estendere da 8mila a 12mila euro la soglia Irpef. Un altro emendamento chiede lo stop alla tassa sulla prima casa anche con il nuovo regime Tasi

Grandi manovre, in parlamento, per aggiustare la Legge di stabilità varata dal governo. Alcuni emendamenti presentati sia dal Pdl che dal Pd (uno a prima firma Bonfrisco del Pdl, un altro sempre Pdl del senatore Ceroni, dal Pd il primo firmatario è Sangalli) prevedono l'estensione della no-tax area (niente Irpef da pagare) ai redditi sotto i 12mila euro dal primo gennaio 2014. Attualmente la soglia di esenzione è fissata in 8mila euro (7.500 per i pensionati). Per questo provvedimento servono circa 1,8 miliardi, la copertura deriverebbe da un tetto del 70% alle spese delle amministrazioni pubbliche. In particolare si stabilisce che a partire dal 2014 le amministrazioni non possono effettuare spese per consumi intermedi di ammontare superiore al 70% della spesa sostenuta nel 2012. Un altro emendamento, firmato dalle senatrici Pdl Anna Maria Bernini e Mariarosaria Rossi, chiede lo stop alla tassa sulla prima casa anche con il nuovo regime della Tasi. Tra le coperture si prevede che dal prossimo anno 1,2 miliardi possano arrivare dalla spending review.

Aumentare al 2,5 per mille dal 2014 l’aliquota dell’imposta di bollo su estratti conto, depositi bancari e postali ed eliminare il prezzo minimo attuale fissato in 34,20 euro. Lo chiedono alcuni emendamenti dal Pd. Finora il bollo applicato è dell’1,5 per mille. La legge di stabilità punta a portare la mini-patrimoniale introdotta dal Governo Monti al 2 per mille. Il Pd però chiede un ulteriore innalzamento al 2,5 per mille dal prossimo anno. Un emendamento a prima firma Gian Carlo Sangalli stabilisce però l’esenzione per "le comunicazioni relative ai depositi di titoli emessi con modalità diverse da quelle cartolari e comunque oggetto di successiva dematerializzazione il cui complessivo valore nominale o di rimborso posseduto presso ciascuna banca sia pari o inferiore a 5 mila euro". Un altro emendamento, proposto dagli esponenti Pd della commissione Finanze al Senato, propone un bollo di 10 euro per i depositi il cui valore medio di giacenza è inferiore ai 10 mila euro, e di 20 euro per quelli con giacenza media tra i 10 mila e i 20 mila euro.

Altre modifiche alla Legge prevedono la reintroduzione degli sgravi fiscali per i figli, nella misura di 50 euro ciascuno. Un emendamento del Pdl di Federica Chiavaroli punta a fare in modo che nel conteggio della nuova Trise si faccia riferimento
alla capacità contributiva e in aggiunta siano previste le detrazioni mentre nell’emendamento a firma Nicoletta Favero si prevedono unicamente gli sgravi.

Commenti

ZannaMax

Lun, 11/11/2013 - 14:18

Sono tutti matti!

Ritratto di silos

silos

Lun, 11/11/2013 - 14:39

matti.....bastardi.....criminali......RIVOLTA FISCALE TOTALE!!!!

laura

Lun, 11/11/2013 - 14:50

Bene. Questo significa che gli immigrati che ora pagano una cippa (il reddito medio dichiarato dagli stessi e' di circa 10.000Euro annui) e per contro assorbono oltre il 50% della spesa sociale, non pagheranno nemmeno l'inezia che pagano oggi. Gli sgravi, data la loro propensione alla procreazione, a prescindere dalle possibilità' di mantenimento, faranno il resto. Insomma la ricchezza economica e culturale che proviene dall'estero e' destinata ad "aumentare". E che dire per i lavoratori autonomi furbi che dichiarano redditi sotto i 12.000 Euro.??? Bello il Governo Letta-ALFANO. COMPLIMENTI!!! P.S. Quando avranno estinto completamento la classe media, chi provvederà' a mantenere la classe protetta???

fcf

Lun, 11/11/2013 - 14:54

Definire delinquenti questi signori è poco. Non si rendono conto che il peggio che possono fare è lasciare i cittadini nell'incertezza e nella certezza di essere governati da una manica di mentecatti.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 11/11/2013 - 15:45

aumenterà ancora di più il nero perchè conveniente e necessario alle famiglie, come vivi con 1000 euro al mese lorde, perchè si presuppone che paghi l'affitto altrimenti con il redditometro e rendimento catastale sei ricco in Italia quindi con 700 euro scarse devi: vestirti, mangiare, pagare mezzi per andare al lavoro, energia elettrica, gas, rifiuti, acqua. Naturalmente se non hai figli e in regime di separazione beni in caso di matrimonio. VEDETE COME VI PRENDONO IN GIRO E ALIMENTANO IL NERO E L'ILLEGALITA' SPECIALMENTE TRA I CLANDESTINI IMMIGRATI PEGGIO PER VOI CHE VOTATE SENZA PENSARE E RIFLETTERE.

linoalo1

Lun, 11/11/2013 - 16:06

Se son fiori,fioriranno!Finora, solo ortiche!Lino.

abocca55

Lun, 11/11/2013 - 16:22

Peccato che non si possono resuscitare i morti, altrimenti avremmo sperato in BENITO! Lui si che era un uomo, altro che mia suocera.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Lun, 11/11/2013 - 17:02

Ma se a uno che ne incassa e dichiara 25.000 ne lasciano solo 10.000... e sono esenti quelli che ne incassano 12.000, ma che razza di giustizia impositiva è questa? La giustizia delle larghe intese?

cameo44

Lun, 11/11/2013 - 17:25

Se il limite della non tax è riferito a 12.000 euro lordi è semplice mente offensivo e un modo come un'altro per prendere per i fondelli la povera gente chi percepisce un reddito netto di 1.200.euro al mese som ma al limite della sopravivenza risulta avere un reddito lordo pari a circa 18.000 euro Letta ed i suoi si vantano che per la prima volta non si parla di tagli e di aver diminuito le tasse altra balla come le tante dette visto che i proventi dalle banche e dalle assicurazioni ricadranno sui cittadini consumatori come l'aumento dei bolli sia sui deposti che sugli estratti conti siamo alle solite tasse tasse tasse per i lavoratori e pensionati compensi compensi compensi privilegi privilegi privileggi per le solite caste ecco la novità di questo Governo nessun giornalista ha il coraggio di dire a Letta di essere più serio e dire meno bugie gli Italiani non sono così stupidi come lui e tanti politici pensano anche se non hanno tutti i toriti visto che abbiamo al potere sempre gli stessi uomi e burocrati

franco.cavola

Lun, 11/11/2013 - 17:39

Ma volete smetterla di tassarci i risparmi accumulati per tutta una vita? La cosidetta imposta di bollo non è altro che una patrimoniale, pert di più sui risparmi!!!!!!! Una famiglia che con 40 anni di sacrifici è stata così accorta da mettere da parte 100.000,00€ per la propria vecchiaia, deve non solo pagare la tassa del 20% (o del 22%) sugli interessi che tale risparmio produce, ma è costretta a pagare una patrimoniale di 150,00€ per il 2013, do 200,00 o 250,00€ per gli anni prossimi!!! Ma siete matti??? BERLUSCONI, se ci sei batti un colpo!!!!

Ritratto di inserraglio

inserraglio

Lun, 11/11/2013 - 18:33

Prima hanno usato i pensionati come bancomat, adesso fregano i piccoli risparmiatori con l'imposta di bollo ( già applicata da un certo monti)invece di toglierla.Gli sprechi, la tassazione dei capitali spariti all'estero, la corruzione, la burocrazia e tutti gli amenicoli vari rimangono in soffitta.Fateci un piacere, andate a pigliarlo nel boffice.

Ritratto di komkill

komkill

Mar, 12/11/2013 - 00:21

Il popolo è stanco dei gioki di potere dei kompagnucci e vi dice basta! Levatevi dai piedi, neanche il buon prodi vuole più avere a che fare con voi del piddì, avete fallito su tutta la linea, siete solo capaci a spremere il ceto medio per farvi gli affari vostri. Andate a cuba, in brasile, in venezuela, ma levatevi dai piedi, il popolo non vi vuole più!