L'inciucio, il compagno di una vita

Sin da bambino ho vissuto sotto la minaccia di un governo che mettesse insieme tutti, o quasi, bianchi e rossi, moderati e progressisti. La lunga stagione del Compromesso storico mi accompagnò negli studi liceali e universitari.

Sin da bambino ho vissuto sotto la minaccia di un governo che mettesse insieme tutti, o quasi, bianchi e rossi, moderati e progressisti.
Quand'ero piccolo li chiamavano Patti conciliari, nel segno del Concilio Vaticano II. Poi da ragazzo - con i primi baffi - l'alleanza si fondò sull'esclusione dell'allora crescente destra nazionale e si chiamò Arco Costituzionale. La lunga stagione del Compromesso storico mi accompagnò negli studi liceali e universitari. Da signorino vissi l'annuncio dei governi di Solidarietà nazionale e della non sfiducia. Poi mi sposai, m'ingrassai e si chiamò governo di Larghe Intese. Diventai padre quando si minacciava il Governissimo. Invecchiando insieme, degenerò in Ammucchiata. Più di recente mentre mi accingevo a diventare signore di mezza età, ricicciò sotto forma aum aum di Inciucio.
Ora che vestiamo alla tedesca e siamo diventati una colonia del Kaiser si chiama Grosse Koalition. Il bello è che questa voglia di papocchio si è intercalata a guerre civili striscianti, conflitti feroci, campagne per l'impeachment, mazzate e colpi bassi. E i grandi compromessi si sono tradotti in piccoli accordi sottobanco, spartizioni e lottizzazioni.
Cos'è quest'invocazione abortita a unirsi, nota al mio paese come Ciambotto?
a) Pausa rinfresco per poi riprendere a picchiarsi; b) confessione di impotenza e inettitudine; c) convinzione che le divergenze siano solo fuffa elettorale; d) voglia di confondersi e sfuggire alle responsabilità; e) nostalgia del Partito Unico con Casta annessa.
Votate la soluzione preferita.