Il fratello di Renzi rottama la legge sui gay che vuole Renzi

Il terzogenito, pediatra in Svizzera, polemizza in un convegno a Pontassieve contro il ddl Scalfarotto sostenuto dal governo. L'imbarazzo del premier

I Renzi sono una famiglia ultra-cristiana e molto numerosa. Oltre a Matteo, Tiziano e Laura Bovoli hanno altri tre figli: due femmine e un maschio. La più grande è Benedetta, 42 anni, che vive a Castenaso, comune dell'hinterland bolognese. La più piccola è Matilde, 30 anni, l'unica che vive a Rignano sull'Arno, vicino ai genitori. Lei e Benedetta detengono il 36 per cento ciascuna dell'azienda di famiglia, la Eventi Srl.
Infine c'è Samuele, 31 anni, laureato in Medicina, che vive in Svizzera e fa il pediatra. Lui è l'unico che ha scavalcato la rigida educazione scoutistico-cattolica imposta da babbo Tiziano a tutti i suoi figli, «uno stile di vita». Da questo punto di vista, una sorta di pecora nera. Ma non solo per questo.

A differenza di quel prezzemolo di suo fratello, Samuele è poco avvezzo a flash e telecamere. Tanto è vero che non esiste una sua foto nemmeno su internet. È uno che se deve dire una cosa la dice, a costo di andare contro alle idee cattoliche della sua famiglia e, soprattutto, alla linea politica del presidente del Consiglio. Come riporta intelligonews.it, nella natia Pontassieve, due giorni fa, al termine di un convegno nel quale si affrontava, tra gli altri, il tema dell'omosessualità, e al quale partecipava anche Samuele Renzi, il ribelle fratellino del premier ha voluto dire la sua. Nella parte finale, in punta di piedi e per pochi minuti, ha preso il microfono in mano e si è scagliato contro l'ideologia omosessualista, a partire proprio dal ddl di Ivan Scalfarotto (renziano da prima che il rottamatore nascesse), la proposta di legge per il contrasto all'omofobia e alla transfobia, ovviamente appoggiata dal governo di suo fratello.

Da certe indiscrezioni è emerso che Samuele, la pecorella smarrita, ha intrapreso il cammino neocatecumenale, un percorso spirituale rivolto a coloro che si sono allontanati dalla Chiesa. Evidentemente era importante che ritrovasse la strada perduta, facendo parte di una famiglia che vive al limite del fanatismo religioso. Tutti i Renzi appartengono, infatti, al Rinnovamento dello Spirito Santo, un movimento ecclesiale cattolico, che parte dall'esperienza di una nuova effusione dello Spirito Santo.

Sia Matteo Renzi che la moglie, Agnese Landini, entrambi ex capi scout cattolici, sono molto devoti (lei ha anche un fratello prete, don Filippo) e insieme praticano esercizi spirituali, almeno una volta l'anno, da don Enrico Deidda, padre gesuita. Babbo Tiziano, carattere burbero e schivo, è tutto partito e chiesa. Ogni domenica suona l'organo e canta alla Messa parrocchiale e due volte l'anno, con la moglie, va in pellegrinaggio a Medjugorje. Su Facebook cita spesso la Madonna apparsa ai veggenti. Sopra la porta d'ingresso, nella loro casa a Rignano sull'Arno, c'è pure una bella effige della Vergine Maria.

Con Samuele, invece, Matteo ricorrerà alla parabola della pecora smarrita raccontata, guarda caso, nel Vangelo secondo Matteo: «Se un uomo ha cento pecore e ne smarrisce una, non lascerà forse le novantanove sui monti, per andare in cerca di quella perduta? Se gli riesce di trovarla, in verità vi dico, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite». E se la pecora continua ad andare a zonzo fuori dal gregge, il pastore che fa?

Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 18/04/2014 - 09:15

Mitici! Non c'è modo di sapere cos'abbia detto il fratellino di Fonzie... in compenso, dopo questo articolo, il Presidente del Consiglio potrà essere candidato al ruolo di Pontefice!

angelomaria

Ven, 18/04/2014 - 09:29

almeno ha un fratello che la testa la usa bravoBRAVO'buongiorno e buontutto ed un fine settimana alla grande ma sopratuttto buona pasqua a voi cari lettori

Ritratto di spectrum

spectrum

Ven, 18/04/2014 - 10:16

forse le idee dello scrivente non sonoben chiare. 1) gli scout cattolici (FSE, AGESCI di renzi etc) hanno appunto base cattolica. Il magistero e la dottrina cattolica difendono da sempre la famiglia naturale come bene unico, come realizzazione finale dell'uomo (leggi enciclica HUMANAE VITAE). Quindi, ribelli non sono i neocat o i cattolici come il fratello di renzi, che sono in perfetta linea con la chiesa, ribelle e' renzi che come tutti i cattocomunisti ipocriti tipo bindi si dicono "cattolici evoluti" e vanno oltre le verita' proclamate dal magistero, procalamado le loro verita' progressiste.

1grifone

Ven, 18/04/2014 - 12:10

Spectrum complimenti. Hai scritto in modo chiaro, correggendo molto bene questo articolo traballante. Mi pare solo che la Bindi e Prodi si definissero in modo ridicolo "cattolici maturi" e non "evoluti" Ma non sono sicurissimo. Comunque entrambi caduti come fessi nella trappola del relativismo.