Matteo vuole far fare il boy scout a tutti

Renzi sogna "una leva di giovani per la difesa della Patria". A fine giugno un ddl per istituire il servizio civile universale

Roma - Tutti lupetti per legge appresso al capo scout Matteo. Renzi, ovviamente. Uno cioè che il boy scout lo ha fatto davvero, in giovinezza. E che se n'è sempre vantato. Al punto da proporre oggi di «assicurare una leva di giovani per la “difesa della Patria” accanto al servizio militare» con la creazione di «un Servizio Civile Nazionale universale». Al netto delle maiuscole e dei paroloni, una delle idee contenute nella proposta di riforma del Terzo settore lanciata ieri da Renzi con un tweet (hashtag#terzosettore) e consultabile su internet: su esso da qui al 13 giugno l'esecutivo si aspetta spunti e idee da parte di «chi con altruismo opera tutti i giorni nel Terzo settore, così come di tutti gli stakeholder e i cittadini sostenitori o utenti finali degli enti del no-profit». I contributi potranno essere inviati alla mail terzosettorelavoltabuona@lavoro.gov.it. La sintesi della discussione porterà un ddl delega che sbarcherà in Consiglio dei ministri il prossimo 27 giugno.
Uno degli obiettivi della riforma è «costruire un Welfare partecipativo, fondato su una governance sociale allargata alla partecipazione dei singoli, dei corpi intermedi e del terzo settore» e «ammodernare le modalità di organizzazione ed erogazione dei servizi, rimuovere le sperequazioni e ricomporre il rapporto tra Stato e cittadini, tra pubblico e privato, secondo principi di equità, efficienza e solidarietà sociale». La proposta più forte quella di istituire un servizio civile aperto ai giovani dai 18 ai 29 anni. O meglio, di renderlo più incisivo, perché l'Scn già esiste anche se pochi lo sanno: tra il 2001 e il 2011 (ultimo anno di cui si dispongono dati, ed è già tutto dire) ha coinvolto 277mila giovani, con una punta negli anni tra il 2005 e il 2007 (oltre 40mila volontari l'anno) e un rapido declino: appena 15.939 nel 2011. Quello che Renzi vorrebbe invece è una sorta di leva civile che andrebbe a colmare il buco apertosi con l'abolizione nel 2005 della leva militare, di cui il servizio civile costituiva l'alternativa, e che garantirebbe a 100mila giovani all'anno di poter svolgere per otto mesi, prorogabili di quattro, un servizio civile che oltre al piacere tutto ideale di aiutare il Paese garantirà benefit sotto forma di crediti formativi, tirocini o accesso facilitato al mercato del lavoro. Il servizio si potrà svolgere in parte nei Paesi dell'Unione europea con clausola di reciprocità.
Una notizia accolta con piacere dal Forum Terzo Settore e dalle altre associazioni di categoria, che allineerebbe l'Italia ad altri Paesi del mondo, che hanno investito sulla regolamentazione e l'incentivazione del Servizio civile. Primi tra tutti gli Stati Uniti, dove l'agenzia federale Cnsc (Corporation for national and community service) impegna ogni anno oltre cinque milioni di cittadini in attività di supporto «alla cultura americana della cittadinanza, del servizio e della responsabilità» attraverso programmi come AmeriCorps, Learn and Serve America, Usa Freedom Corps e Senior Corps (per i meno giovani). Lo scopo è quello di svolgere azioni in supporto della lotta alla povertà, delle politiche ambientali, dell'educazione e di altre emergenze nazionali.
In Europa diversi Paesi hanno istituito il Servizio civile volontario: la Francia nel 2006 ha emanato una legge che lo apre ai giovani tra i 16 e i 25 anni per un periodo continuativo tra i 6 e i 12 mesi nei settori della prevenzione, della sicurezza e della difesa civile, sia in patria sia all'estero. In Germania con l'abolizione della leva obbligatoria, nel 2011, è stato istituito un servizio civile con durata dai 6 ai 24 mesi, un assegno mensile di 330 euro e l'assicurazione sanitaria. In Gran Bretagna non esiste un'agenzia apposita, eppure il volontariato è molto attivo e promosso dal governo di Londra. In altri Paesi, come Spagna, Belgio e Paesi Bassi, da anni è in corso un dibattito acceso sul tema.

Commenti

Oraculus

Mer, 14/05/2014 - 09:21

Altroche boy scout...Renzi e' il perfetto magliaro napoletano in versione toscanaccio , quando Prato era la patria della finta lana e del cardato prodotti col riciclo degli stracci...da li' partivano in giro per l'Europa i magliari che ne decantavo morbidezza e...naturalezza! , insomma un imbonitore svelto di parola ma che poi nei fatti...spesso se non sempre lascia il tempo che trova....se non peggio , poi sapete...l'altezza? e sempre gia' una mezza bellezza! , la sua una laurea (se ce l'ha) venduta o sfruttata in politica come quei tanti bidoni ben allineati che formano i due rami del parlamento italiano...un esempio ancora di quando l'eloquenza convince chi ascolta a naso all'insu'le sue frottole , frittole e...frattole!.

giovauriem

Mer, 14/05/2014 - 09:25

mi sa che renzi ha avuto qualche minaccia dai vertici militari,e con questa legge gli passa un poco di pappa come contentino

Giacinto49

Mer, 14/05/2014 - 09:37

Sicuramente ai nostri ragazzi dediti sin dai 13/14 anni a bere, fumare (di tutto) e tirar tardi la notte, con il benestare dei "genitori", non può che far bene apprendere che esistono regole di vita più sane.

gesmund@

Mer, 14/05/2014 - 10:06

Ma è impossibile fermarlo? Vuole mettere sù quest'altro baraccone, idrovora di denaro pubblico.

alberto_his

Mer, 14/05/2014 - 10:11

L'idea di Renzi è buona. Se organizzato bene questo servizio può essere utile alla comunità e formativo per i partecipanti.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 14/05/2014 - 10:36

Il vero guaio è che i manicomi sono stati chiusi. Questo è il vero problema. Dove lo mettiamo il furbetto che parla alla velocità della luce? Per il Quirinale non ha l'età, quindi resta solo palazzo Chigi. La soluzione migliore sarebbe di restituirlo ai Fiorentini, ma temo che i poveretti non siano d'accordo. Hanno già dato.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 14/05/2014 - 10:57

#02121940 L'unico parere sensato di questo forum. Di retorica, dal pupazzetto, ce n'è già stata inflitta a tonnellate. Sinceramente dispiaciuto per quanti, magari, contavano su questa ennesima sortita per potenziare l'assistenza ai migranti.

Ritratto di deep purple

deep purple

Mer, 14/05/2014 - 11:44

Non ho ben capito, ma questo servizio civile sarebbe obbligatorio?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 14/05/2014 - 12:53

Renzi ha ragione. Infatti il caro e vecchio servizio di leva era troppo lungo e faceva perdere tempo, ma la sua azione educativa era garantita. Per contro i colpi di testa che dobbiamo subire da sedicenti servi dello Stato, sono solo ubbie da bischeri militesenti. Insomma un servizio alla Patria e quanto di meglio si possa immaginare per raddrizzare la gioventù decaduta per colpa dall'educazione sessuale scolastica.

Ritratto di Renzo Riva

Renzo Riva

Mer, 14/05/2014 - 16:02

... e non si trovano 5 di loro per aprire il Colosseo? Mandarli a scopare il mare si può?