"Mi ribellavo ai fratelli" Ecco l'infanzia difficile secondo la Boldrini

La superfemminista presidente della Camera racconta come si è imposta in casa. Dimenticando privilegi e strade spianate

Pillole di saggezza da un'infanzia difficile. «Donne, cominciate a ribellarvi da bambine. Io e mia sorella l'abbiamo fatto con i nostri fratelli e abbiamo vinto» confessa alla Stampa Laura Boldrini. Serve carattere, il resto viene. Dev'essere stata dura per lei, sessantottina a scoppio ritardato (è nata nel '61), ma poi ce l'ha fatta, ha vinto. È riuscita a farsi strada nonostante una famiglia benestante, un'educazione borghese, buone parentele, entrature giuste, buoni studi e bei viaggi, insomma una sfilza di privilegi. Ma l'importante non è quello, ovviamente, è ribellarsi, sennò sarebbero capaci tutti.

Lei non ha esitato, da bambina, a scontrarsi col padre, avvocato, «un uomo riservato, studioso, solitario, tradizionalista, molto religioso, amante della campagna e della musica classica», spirito conservatore che spesso si esprime in latino o greco e che cozza col fuoco rivoluzionario della giovane figlia. «I suoi princìpi non si coniugavano con la mia curiosità» dirà la Boldrini per spiegare le origini della sua rivolta casalinga. «A vent'anni prende lo zaino e salta su un aereo per andare in Venezuela a lavorare in una finca de arroz, un'azienda di riso», raccontano le agiografie della presidente di Montecitorio. Lei, cocciuta ventenne, non vuole più saperne del casale di famiglia a Jesi e di quella vita agiata ma provinciale. No, lei vuole raccogliere il riso, con le caviglie dentro l'acqua, come le contadine sudamericane che è venuta a osservare tipo animali esotici.

Chiede ad un agronomo «amico di famiglia» (ah, averceli gli amici di famiglia) e trova la finca de arroz che fa per lei, in quel di Calabozo, paesino del Sud venezuelano.

Eppure niente, stranamente non la scambiano per campesina ma per una ricca occidentale in gita equosolidale, e la accomodano dietro una scrivania, in un ufficio (ma lei rimane «molto colpita dallo stile di vita ripetitivo e privo di orizzonti dei campesinos»). Per quella ribellione, comunque, il padre non le parlerà «per otto anni».

La giovane Boldrini nel frattempo gira il Sudamerica, attraversa il Costa Rica, Panama, l'Honduras, il Guatemala, il Messico, un tour avventuroso e ribelle che però non si conclude né a Tegucigalpa né a Caracas, ma nella più confortevole New York, prima di tornare a ribellarsi in Italia. Precisamente all'università La Sapienza di Roma, mandata a studiare Giurisprudenza per ereditare la professione dal padre (non quella della mamma, insegnante di storia dell'arte e antiquaria), come usa nelle famiglie bene.

I maligni di internet - che sulla Boldrini si accaniscono con speciale perfidia - incrociano cognomi e parentele per sconfessare il mito della donna ribelle «che si è fatta da sé», e rivelare piuttosto la classica parabola da radical chic, che ama gli ultimi ma nella vita parte avvantaggiata. Falsa la parentela con Arrigo Boldrini, partigiano (nome di battaglia Bulow), ex parlamentare Pci, vera invece - lo ha scritto Perna nel suo ritratto sul Giornale - quella con Massimo Boldrini, ex vicepresidente dell'Eni, amico di Enrico Mattei. Nel 1986 diventa giornalista pubblicista, facendo rassegna stampa all'Aise (Agenzia Italiana Stampa e Migrazione) ma anche - aggiungono le voci malevole in cerca di raccomandazioni nella sua brillante carriera - all'Agi, agenzia giornalistica di proprietà dell'Eni. Quindi alla Rai, come precaria, ma pur sempre alla Rai, dove è difficile entrare senza amicizie. Nell'88 è nella produzione, come assistente, del programma di RaiDue Cocco, regia di Francesco Pingitore, quello del Bagaglino. Proprio lei che trova disdicevole l'uso del corpo femminile in tv, e umiliante persino la rappresentazione delle mamme che servono la cena a casa, e che per questo si è guadagnata un Tapiro d'oro da Striscia. Poi, dopo la Rai, i massimi onori all'Onu e quindi la presidenza della Camera. Grandi successi, nonostante l'infanzia difficile.

Commenti
Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 23/11/2013 - 08:42

Una donna data per dare lezioni a tutti. La sinistra è così, sempre progressista e culturalmente all'avanguardia. Non per nulla uno si gonfia di orgoglio nel dire che è di sinistra.

Ritratto di sances2

sances2

Sab, 23/11/2013 - 08:52

Questo pezzo fa il paio con il bell'articolo di ieri di Solinas sui sindaci sinistri: contengono entrambi la descrizione della cd "società civile" che sa, fa e dice solo ciò che è giusto (naturalmente, politicamente corretto) e, con l'indice e il sopracciglio alzati, bacchetta noi mediocri. Loro maestri di vita, noi incivile massa amorfa.

vincenzo

Sab, 23/11/2013 - 09:09

Che intelligenza!Che coraggio!Che carriera!E con questi cannoni di sapienza,di esperienza e di modernità si vogliono migliorare le sorti dell'Italia?!Se,come si dice,durante un processo evolutivo sociale e culturale si intercalano periodi negativi,spero che in Italia si stia raschiando il fondo!

vincenzo

Sab, 23/11/2013 - 09:15

Mi sa dire questa Bella di Famiglia che cosa ha realizzato,oltre ad essere andata a spasso per il mondo con i soldi di papà e a non aver capito un tubo?Possibile mai che si affidi ad una personalità che sconfina nella patologia ed ad una intelligenza inesistante un posto come quello che occupa la Nostra futura candidata al Premio Nobel della nullità?

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Sab, 23/11/2013 - 09:19

sinceramente non capisco il senso e l'opportunita' di queste parole.A che pro?

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 23/11/2013 - 09:30

La gallina Boldrini, come tutte quelle del suo rango privilegiato, è nata, cresciuta ed allevata grazie all'agio finanziario della sua famiglia. Poichè l'epoca era quella della demenziale rivoluzione sessantottina, non poteva non venirne fuori una delle tipiche "parassite" di sinistra, successivamente tutte bel sistemate presso le abbondanti mangiatoie del loro partito di riferimento, il PCI. Rivoluzionaria con i soldi di Mamma e, soprattutto, di Papà, se davvero fosse stata interessata a vedere le mondine al lavoro, e bagnarsi le caviglie insieme a loro, se proprio ci teneva, avrebbe fatto prima a fare l'autostopo e recarsi nel vercellese per vedere le sue coetanee italiane messe a 90 gradi per tutto il giorno in mezzo all'acqua in cambio di pochi spiccioli. Ma per una spocchiosa arrogante ed esibizionista come lei, inebriata dal fascino del terrorista Che Guevara, era molto meglio farsi un bel viaggio in Sud America con in tasca le mazzette di dollari di Mamma e Papà anche se camuffata da aspirante rivoluzionaria. La dimostrazione che l'ipocrisia e la vergogna di questa esibizionista è stomachevole.

linoalo1

Sab, 23/11/2013 - 09:31

E,dopo queste rivelazioni,cosa dobbiamo fare?Piangere?Lino.

elio2

Sab, 23/11/2013 - 09:34

Caro luigipiso, uno di sinistra si sente orgoglioso di esserlo solo perché possedendo un cervello totalmente compromesso, non sa che vuole dire essere di sinistra. Basta solo chiedere cosa ha fatto di buono la sinistra negli ultimi 70 anni, (solo per vedere a casa nostra) e tutto l'orgoglio sinistro si impantana senza via d'uscita, nella mancanza di una risposta.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 23/11/2013 - 09:34

La gallina starnazzante Boldrini, come tutte quelle del suo rango privilegiato, è nata, cresciuta ed allevata grazie all'agio finanziario della sua famiglia. Poichè l'epoca era quella della demenziale rivoluzione sessantottina, non poteva non venirne fuori una delle tipiche "parassite" di sinistra, successivamente tutte bel sistemate presso le abbondanti mangiatoie del loro partito di riferimento, il PCI. Rivoluzionaria con i soldi di Mamma e, soprattutto, di Papà, se davvero fosse stata interessata a vedere le mondine al lavoro, e bagnarsi le caviglie insieme a loro, se proprio ci teneva, avrebbe fatto prima a fare l'autostop e recarsi nel vercellese per vedere le sue coetanee italiane messe a 90 gradi per tutto il giorno in mezzo all'acqua in cambio di pochi spiccioli. Ma per una spocchiosa arrogante ed esibizionista come lei, inebriata dal fascino del terrorista Che Guevara, era molto meglio farsi un bel viaggio in Sud America con in tasca le mazzette di dollari di Mamma e Papà anche se camuffata da aspirante rivoluzionaria. La dimostrazione che l'ipocrisia e la vergogna insite in questa vomitevole esibizionista fa addirittura orrore!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 23/11/2013 - 09:53

LA CRETINA HA STRAPARLATO! e purtroppo straparla pure LUIGITIPISCIOINBOCCA!

guidode.zolt

Sab, 23/11/2013 - 10:10

Mi sembrava...l'avevo pensato...un'infanzia difficile ti segna per tutta la vita... ha infatti l'aspetto di una che è stata menata da piccola, ma forse non abbastanza!

Ritratto di Civis

Civis

Sab, 23/11/2013 - 10:15

Complimenti a Bracalini. Un quadro dinamico ben pennellato.

guidode.zolt

Sab, 23/11/2013 - 10:21

luigipiso - ... bei tempi quando predicava il verbo di Grillo... eh? ... poi, però, è rientrato nei ranghi...tutti in fila ordinata e allineata alle prime tre narici a sinistra...ci racconti della giravolta...!

Giacinto49

Sab, 23/11/2013 - 10:27

luigipiso - Condivido il suo sarcasmo, che la Boldrini merita tutto. Progresso e cultura non sono appannaggio della sola sinistra. Facile gonfiarsi d'orgoglio quando si hanno tre narici. Cordialità.

moshe

Sab, 23/11/2013 - 10:39

Dimostra chiaramente tutti i sintomi per cui intraprendere una lunga terapia dallo strizzacervelli. Il grosso problema è che ce la troviamo tra i piedi. Altro bell'elemento donatoci dal disastroso pd.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Sab, 23/11/2013 - 10:47

Letto l'articolo, ricostruito il suo percorso. Che dire? Ci si poteva aspettare altro esito?

jeanlage

Sab, 23/11/2013 - 10:49

Mai sentito argomentazioni di livello così basso. Il festival dello squallore e della menzogna

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 23/11/2013 - 11:09

IL FASCINO IRRESISTIBILE DEI RIVOLUZIONARI DA SALOTTO.

Ritratto di GABRIELE FOGLIETTA

GABRIELE FOGLIETTA

Sab, 23/11/2013 - 11:19

Complimenti alla Boldrini per la coerenza femminista, la lotta per l'indipendenza della donna è cosa giusta. La lotta alla violenza sulle donne è cosa sacrosanta. Ma perché non è intervenuta, perché non ha protestato quando in un tribunale della Repubblica Italiana si è perpetrata la più grave delle violenze sulle donne. Un gruppo di ragazze si sono viste affibbiare il marchio di prostitute solo perché hanno cercato di realizzare i loro sogni di fama e di carriera nel mondo dello spettacolo.

onurb

Sab, 23/11/2013 - 11:23

Più che pillole di saggezza quelle della Boldrini mi sembrano delle vere e proprie stron.ate. Sono l'unico maschio di tre figli e non sono stato mai il cocco di mamma e di papà. In casa, se c'era da asciugare piatti e bicchieri (a lavarli ci pensavano sia mio padre sia mia madre), mi armavo anch'io di strofinaccio. Ma c'è di più: quando d'estate ci recavamo in campagna dai nonni e c'era da aiutare nei campi a zappare, a vendemmiare, a raccogliere pannocchie, a trebbiare (ci si alzava alle tre del mattino), posso garantire che non ho mai visto le mie sorelle: loro continuavano serenamente a poltrire a letto o a svagarsi davanti allo specchio provando o riprovando quale fosse la tonalità di rimmel che le rendeva più piacenti. Dunque, madamin, che genitori hai avuto? I miei mi hanno insegnato a occuparmi anche della casa, abitudine che mi è rimasta anche ora che ho quasi 70 anni e di cui si avvale mia moglie compatibilmente con i miei orari di lavoro, dal momento che continuo a lavorare.

piertrim

Sab, 23/11/2013 - 11:36

Complimenti alla Boldrini prima ed all'agiografo Piso poi. Si capisce subito il valore di entrambi.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Sab, 23/11/2013 - 11:51

Perdonate, ma @luigipiso è fantastico. Chiedo alla redazione di organizzare una bella intervista per farlo conoscere a tutti. Non si può volere male ad uno che ragiona e scrive come lui...

Ritratto di dbell56

dbell56

Sab, 23/11/2013 - 12:03

A proposito! Bello fare i compagni con i soldi borghesi!!! Disprezzarli di giorno ed amarli di notte.

Ritratto di dbell56

dbell56

Sab, 23/11/2013 - 12:07

jeanlage, sono d'accordo. Un consigli, mai ascoltati i mitici Squallor? Se li senti oggi e sono passati trent'anni, ti accorgi che sono stati, oltre che gli inventori della musica demenziale, anche dei geni assoluti nel descrivere l'Italia com'era allora e come è adesso: tale e quale se non peggiorata!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 23/11/2013 - 12:08

....E questa, la dobbiamo mantenere finchè scampa!

plaunad

Sab, 23/11/2013 - 12:19

Poverina....ma che pena che fa.....una vera martire......

onurb

Sab, 23/11/2013 - 12:20

luigipiso. Le tue stronzate fanno gonfiare anche me, ma ti posso garantire che quello che mi si gonfia non è l'orgoglio.

Edoardo Argentino

Sab, 23/11/2013 - 12:30

Libero Quotidiano.it Le rivoluzioni della Boldrini....."La Montata" Laura Boldrini "A 5 anni già scioperavo....." Sentimento altamente "Educativo" per il Popolo Italico ! 22/11/2013 18:27 Postato da lapolide Ma....è questa specie di libertinaggio infantile (lo chiamo io da libero cittadino Italico)che l'ha portata a salire la scala dei valori etico-morali della Società Italia fino a conseguire il titolo di Presidente della Camera, Illustre Signora Boldrini ? E magari se ne vanta anche ? Che Principio di insegnamento etico-civile per i Posteri ! Complimenti vivissimi. Questa Sua superbia , stia certa, non passerà alla Storia; non ci speri. E.A. (lapolide)

APG

Sab, 23/11/2013 - 12:31

Poverina, quanto ha sofferto! Al confronto le donne musulmane stuprate, schiavizzate, sfigurate con l'acido, infibulate, portatrici obbligate di burqa e quant'altro non soffrono neppure la metà di quanto ha sofferto la boldrini-cocco. Infatti non ha ritenuto necessario spendere neppure una parola in difesa di una donna come la Santanchè che ha avuto le palle di affrontare un'orda di fanatici sanguinari, che l'ha pure minacciata di morte, alla faccia del tanto blaterato femminicidio. La boldrini-cocco ha confermato ancora una volta che ci sono donne di serie A e donne di serie B.

atlantide23

Sab, 23/11/2013 - 12:44

Marooonnaaa...! Questa sinistra e' ancora piu' antipatica di concita de gregorio...!E ce ne vuole....eh!

agosvac

Sab, 23/11/2013 - 13:09

Da questo articolo si evince una sola cosa: la boldrini ha sempre avuto un sacco di soldi in tasca, troppi per capire realmente cos'è la vita reale!!! Una cosa mi ha colpito: anche per andare a raccogliere riso, ha avuto bisogno di una raccomandazione per "trovare" l'azienda "giusta"!!!

Giorgio5819

Sab, 23/11/2013 - 14:01

ah se i suoi fratelli le avessero dato un paio di calci nel culo in più...! Altra occasione persa per la spocchiosetta di starsene zitta a contare i soldi del suo misero stipendio.

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Sab, 23/11/2013 - 14:23

Innanzitutto bisognerebbe stabilire se aveva ragione a ribellarsi ai fratelli. Non per questo si deve rivalere su di noi !

Roberto Casnati

Sab, 23/11/2013 - 14:44

Ora capisco, la Boldrini ci è nata così e, purtroppo, i suoi genitori, all'epoca, non hanno deciso per l'aborto, così è venuto al mondo questo scherzo di natura!

piedilucy

Sab, 23/11/2013 - 15:01

che demente

marcoghin

Sab, 23/11/2013 - 15:03

Una vita così' sofferta che solo qualche ventenne rischia di credere vera. Che schifo di governo!!

tittinella

Sab, 23/11/2013 - 15:08

e ce la vogliono fare passare per la paladina dei diritti civili? ma che si nasconda!

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 23/11/2013 - 15:08

Porella, deve aver sofferto molto nella difficile infanzia. Come in tutte le favole c'è il lieto fine: ha trovato il principe azzurro che provvede a difenderla e preteggerla dalla crudeltà della vita: luigipiso, cavaliere senza macchia e senza paura. Morale: Dio li fa e non li "accoppa"!.....E.A.

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Sab, 23/11/2013 - 15:09

.......non ti sputo in faccia perché ti profumo,,,,,DICEVA IL COMICO..

Lu

Sab, 23/11/2013 - 15:25

La Boldrini è la nipote dell'ex vicepresidente ENI, amico di Mattei. Una domanda per Lei: cosa ne pensa della svendita delle quote ENI possedute dal Tesoro ventilata da Saccomanni? Come mai non si oppone a tale svendita? Come mai non ne parla? Come mai non si è mai battuta per una riapertura delle indagini sull'omicidio Mattei? Adesso che ha una posizione così importante, come mai non la usa per delle battaglie civili come queste? ...Non sono alla portata del suo intelletto o non lo fa per opportunismo, visto che si occupa solo di cretinate come Miss Italia e similari? Questa donna è l'esempio lampante del perché il paese è sull'orlo del baratro: il perché sta nel fatto che è amministrata da persone incapaci, cooptate ai vertici delle amministrazioni pubbliche e private per appartenenza familistica e non per meritocrazia, con stipendi da favola pagati tassando alla fame il popolo che lavora veramente. Queste persone, incapaci per mancanza di intelligenza, operano scelte sbagliate che rischiano di portare il paese allo sfascio.

Ritratto di Scassa

Scassa

Sab, 23/11/2013 - 17:34

scassa Sabato 23 novembre Ci sarebbe un aggettivo per stigmatizzare questa alta carica dello Stato ,ma mi porterei al suo livello ,che non fa ne per me n'è per molta "altra metà del cielo ". Spero solo che cada il Governo !!!