Montanelli stronca Travaglio

In materia di giustizia Montanelli smentisce il capofila dei giornalisti forcaioli anche dall'oltretomba 

Il tintinnio di manette riaccende gli entusiasmi di Marco Travaglio, capofila dei giornalisti forcaioli tanto cari alle procure. Si è autonominato erede unico del pensiero di Indro Montanelli, del quale millanta (sapendo di non poter essere smentito) l'amicizia e la stima. Sarà, ma il vecchio Indro, che non ha mai amato presunti portavoce, lo smentisce anche dall'oltretomba. E che smentita.

È contenuta in un articolo scritto su Il Giornale il 13 luglio dell'81. Il giorno prima Spadolini aveva ottenuto la fiducia del suo primo governo ma il Pci annunciava sfaceli perché il neopremier aveva posto con forza la questione della riforma di una giustizia già malata allora. Ecco come commentava l'accaduto Montanelli: «Riduciamo i termini all'osso. Ci sono state, per eccesso di garantismo istruttorie svogliatamente durate anni e concluse con assoluzioni poco meno che scandalose; mentre ci sono le manette per reati che non le comportano obbligatoriamente, seguiti da procedimenti penali che, anche quando si concludono col proscioglimento da ogni accusa, segnano la rovina materiale e morale di chi ne è stato bersaglio». E ancora: «Non è possibile andare avanti con queste invasioni di campo della magistratura che sono arrivate a tal punto da rendere plausibile il sospetto che certi magistrati le pratichino non per ristabilire l'ordine ma per sovvertirlo, scatenando caccia alle streghe e colpendo all'impazzata».

Aggiungeva Montanelli: «Questi magistrati sono inamovibili, impunibili, promossi automaticamente, pagati meglio di qualsiasi altro dipendente pubblico, incensati dai giornali di sinistra (cioè dalla maggioranza) e molto spesso malati di protagonismo». E ancora: «I comunisti non possono rinunciare alla magistratura com'è. Essa costituisce la più potente arma di scardinamento e di sfascio di cui il Pci dispone».

E chiudeva: «Questa non è la magistratura, è solo il cancro della magistratura. Ma che è già arrivato allo stadio di metastasi». Trent'anni dopo siamo ancora lì. I giornali di sinistra (più Travaglio) a fare da addetti stampa a magistrati eversivi ed esibizionisti, noi de Il Giornale a puntare il dito sul «cancro della magistratura» che sta distruggendo il Paese. E siamo fermi anche nel puntare il dito contro ladri e mascalzoni. Ma contro tutti i mascalzoni (anche se di sinistra, anche se magistrati) e soprattutto se davvero ladri oltre ogni ragionevole dubbio.

Commenti
Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 10/05/2014 - 09:11

Il COMUNISMO IN Italia , DOVE LE PERSONE IMMATURE VOTANO PER INDUZIONE IDEOLOGICA, NON AVENDOLA CAPACITà DI USARE IL PROPIO CERVELLO ED AVERE UNA RAZIONALE MODO DI AGIRE E PENSARE, QUESTO PERMETTE A CERTIELEMENTI INFILTRATAISI NELL MAGISTRATURA DIAGIRE INDISTURBATI , PREPOTENTI, VIGLIACCHI , MAFIOSI AL SOLO SCOPO DIMETTER LE MANI SULLA VERA DEMOCRAZIA, ISTITUENDO DI FATTO UN IMPERODITTATORIALECOMUNISTA...VAI STALINN..CHE TI SEGUONO

moichiodi

Sab, 10/05/2014 - 15:39

ci mancava la riesumazione di cadaveri. pur di attaccare un collega, che fa giornalismo esattamente come viene fatto al giornale: esclusivamente di parte.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 10/05/2014 - 15:58

Strano che si senta il bisogno di questi paragoni tra giornalisti all'indomani dell'ennesimo scandalo tangentaro che travolge la credibilità dell'Italia in campo internazionale. E ancor più strano che si rievochi il tintinnare delle manette che, grazie a provvidenziali leggi ad personam ed indulti, tintinnano molto meno del dovuto a difesa degli onesti cittadini. Non farete, per caso, il tifo per i vari Greganti e Frigerio?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Sab, 10/05/2014 - 16:12

Beh, in più occasioni Montanelli ha innanzitutto stroncato Berlusconi che manettaro non è, anche se solo per interesse personale...

paolozaff

Sab, 10/05/2014 - 16:18

Intanto dal 1981 ad oggi tutto è peggiorato in politica ed anche se Indro Montanelli aveva ragione non è detto che oggi sarebbe ancora della stessa opinione anche e soprattutto perché il governo Berlusconi 2008, che fu eletto con una maggioranza che nessuno mai aveva avuto prima poteva fare assolutamente quelle riforme sulla Giustizia che erano e sono ultra necessarie. Ha avuto degli stop solo perché il signor Berlusconi voleva riformare la giustizia a sua somiglianza ed immagine cosa che non sarebbe andata bene al 99,9999% degli Italiani. Questo fu il suo grandissimo errore e non lo stop che gli diedero Fi ni ed altri di quel partito. La verità è sempre chiara e non bisognerebbe mai distorcerla a favore di questo o quel politico. Che nella Magistratura ci siano delle toghe rosse non lo scopriamo oggi ma le soluzioni si dovevano trovare invece che fare solo e soltanto bunga bunga e perdere tantissimo tempo con la casa di Montecarlo che caso mai era un fatto interno ad Alleanza Nazionale!.

Il giusto

Sab, 10/05/2014 - 16:27

Ma due righe per dirci cosa pensava Montanelli del pregiudicato?Troppo comodo riportare solo una parte del pensiero del grande Indro!Siete,come al solito,dei vigliacchi...the end

Guido_

Sab, 10/05/2014 - 16:41

Non vi va giù che Montanelli, padre del giornalismo di destra, disse che Berlusconi era la peggior cosa che potesse toccare all'Italia?

Ritratto di danutaki

danutaki

Sab, 10/05/2014 - 16:44

Cari sinistri sul forum.....Montanelli era un uomo di destra ed ancora oggi, a prescindere dai suoi eventuali giudizi personali su questo o quel politico, avrebbe comunque continuato a condannare con la dovuta forza tutto ciò che puzza di sinistra e di pseudo superiorità morale (?)....

Ritratto di ersola

ersola

Sab, 10/05/2014 - 16:51

montanelli nell 81 mica poreva immaginare che 15anni dopo la destra sarebbe stata rappresentata da un promettente futuro plurindagato pregiudicato e quindi si era lasciato andare a queste considerazioni.travaglio invece ci ha convissuto con gli scandali e scandaletti del centrodestra cosa avrebbe dovuto fare applaudirli?

Giovanmario

Sab, 10/05/2014 - 17:00

ma a il fatto quotidiano non c'è solo il travaglino ad essere manettaro.. c'è pure la bionda siciliana antonella mascali che sa tutto sul codice penale, sul codice di procedura penale e sulla relativa giurisprudenza.. insomma.. sa tutto sul.. penale!

enzo1944

Sab, 10/05/2014 - 17:06

zaff+il giusto,siete solo 2 poveri bamba e PECORONI ROSSI!!...Ed ora,zitti ed in fila indiana,a pagare le tasse dei vostri amici rossi(magistrati inclusi)!....ovviamente per mantenere le super liquidazioni,le plurime superpensioni,i vergognosi benefits che i vostri amici si sono fatti,con leggi e leggine ad hoc!!....naturalmente votate dai Ciellini,e dai vs.amici catto-comunisti!!

palandrana

Sab, 10/05/2014 - 17:13

Dieci travaglio,cento travaglio,mille travaglio rivorrebbero in questo Paese.

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Sab, 10/05/2014 - 17:20

Navigatore, Lei ha scelto perfettamente il suo nickname, Lei da una parte, il suo cervello a navigare da un'altra.

bruna.amorosi

Sab, 10/05/2014 - 17:24

IL CAVALIERE E ONOREVOLE BERLUSCONI è accusato di ogni nefandezza . e senza prove .che poi MONTANELLI non avesse avuto piacere che scendesse in politica è cosa arcinota .l'unica cosa invece che non si capisce il perchè questo buffone da circo protetto dalla magistratura per solo comodo personale ce l'abbia amorte con BERLUSCONI e no con i vari sinistri che con prove più che certe lascia in pace i kompagni? non sarà che gli è andato a male qualche ricatto . infatti come dice qualcuno su questo forum TRAVAGLIO ci ha vissuto con gli scandali . però quando si è trattato di fare nomi altisonanti vedi le intercettazioni del COLLE da buon coniglio si nasconde sotto terra proprio come i migliori conigli .

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Sab, 10/05/2014 - 17:27

Giovanmario, presumo che anche tu sappia tutto del .... penale, come la bionda siciliana. Con affetto.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Sab, 10/05/2014 - 17:37

E' strano che non avete messo una foto di Travaglio con il dito nel naso. Sicuramente l'avete cercata ma non l'avete trovata. Bel cavolo di giornalismo, non avete un minimo di dignità. Perché non pubblicaste anche tutto ciò che disse il grande Indro del vostro padrone Silvy 'o truffatore .......

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Sab, 10/05/2014 - 17:41

Per la verità Montanelli ha tessuto a più riprese le lodi di Berlusconi. Solo quando questi entrò in politica ebbe a ridire. Non ne ho mai capito il perché. Avrebbe, con il suo prestigio, potuto scrivere quello che voleva, non aveva bisogno di fondare "la Voce", poi miseramente fallita. Credo di aver letto tutto di Montanelli: resto dell'idea che gli ultimi anni siano stati segnati dalla senescenza, annebbiata e scorbutica come solo ad un toscano può capitare. Travaglio? Bè, forse poteva apprezzarlo come ragazzo delle pulizie.

Ritratto di rinnocent637

Anonimo (non verificato)

vince50_19

Sab, 10/05/2014 - 17:53

Provo a ripostare (vediamo se oggi è possibile commentare) RIMANENDO nel tema con una citazione ad hoc di Montanelli:"Certo, per un direttore di giornale, avere sottomano un Travaglio, che su qualsiasi protagonista, comprimario e figurante della vita politica italiana è pronto a fornirti su due piedi una istruttoria rifinita nel minimo dettaglio è un bel conforto. Ma anche una bella inquietudine. Il giorno in cui gli chiesi se in quel suo archivio, in cui non consente a nessuno di ficcare il naso, ci fosse anche un fascicolo intitolato al mio nome, Marco cambiò discorso." Questa è una delle numerose citazioni del giornalista di Fucecchio con cui "definì" l'homo.. Mi pare molto azzardato che il pendaglio/forcaiolo torinese possa definirsi erede di Montanelli, veramente difficile.

paolonardi

Sab, 10/05/2014 - 17:59

Ottimo Sallusti. Ho un ricordo indelebile di un magistrato che durante una cena rotariana fece una conferenza su tangentopoli. Ad una mia domanda rispose che: "esiste attualmente un vuoto di potere; tale situazione non e' accettabile ed occorre che qualcono lo colmi ed e' la magistratura che puo' gaeantire l'ordine e la legalita' " Confesso che provai un brivido di paura che esternai a chi mi era accanto. Ora so che ero stato profetico.

g. Claude Louis...

Sab, 10/05/2014 - 17:59

esattamente. Caro direttore, hai centrato il punto, o meglio, è stato centrato da Montanelli già allora, che non vide la scandalosa aministia del 1990 per impedire le indagine sulle tangenti ricevute dal PCI dalle imprese italiane che si occuparono di aspetti energetici in URSS, che non vide l'infame operazione di eliminazione politica del 1993 di tutti i partiti meno il PCI o DS, che non vide l'infame avviso di garanzia del 1994 recapitato al nostro incensurato Presidente mentre presiedeva un'importante organismo internazionale, accusa che cadde nel nulla pochi mesi dopo. Un Montanelli che ha avuto la fortuna, di non vedere l'artificiosità o strumentalità politica del processo Mediaset, dove praticamente un analogo processo per lo stesso reato di frode fiscale, il processo Mediatrade ha stabilito in tre gradi di giudizio, che Berlusconi il nostro presidente, non è stato colpevole del reato di frode fiscale ( traminte gonfiamentod ei costi di acquisto dei diritti televisivi ) e dove questo processo gemello Mediatrade differiva dal processo Mediaset solo per i periodi di contabilizzazione di tali spese dei diritti televisivi. Un processo che avrebbe dovuto tenere conto, ( per GIUNGERE ALLA SENTENZA DI PIENA ASSOLUZIONE del Presidente Silvio Berlusconi ) del solo fatto che i bilanci societari sono redatti da società di commercialisti di cui ha responabilità solo l'amministratore unico/delegato, che controfirma. Ebbene pur avendo per la legge italiana, responsabilità dei bilanci solo l'amminstratore della società, quest'ultimo è stato assolto con formula piena ( giustamente perchè il fatto nemmeno sussiste ) mentre il presidente è stato INGIUSTAMENTE condannato. Chi lo sa cosa avrebbe detto Montanelli ... anche dell'altro tizio che compare nella foto, che mi sembra abbia racimolato ben sei o sette condanne in sede civile per diffamazione ( credo a mezzo stampa ? ) oltre ad una condanna definitiva ( 3° grado confermata ) in sede penale sempre per diffamazione mentre in altro porcesso è riuscito a dimostrare la propria innocenza mediante la prescrizione ( sempre però in sede penale e con una condanna in primo grado sempre per diffamazione ). Chi lo sa che avrebbe detto Montanelli dell'immunità parlamentare, sancita dalla Costituzione che è stata ingiustamente tolta dal P.D.?

g. Claude Louis...

Sab, 10/05/2014 - 18:30

esattamente. Caro direttore, hai centrato il punto, o meglio, è stato centrato da Montanelli già allora, che non vide la scandalosa amnistia del 1990 per impedire le indagine sulle tangenti ricevute dal PCI dalle imprese italiane che si occuparono di aspetti energetici in URSS, che non vide l'infame operazione di eliminazione politica del 1993 di tutti i partiti meno il PCI o DS, che non vide l'infame avviso di garanzia del 1994 recapitato al nostro incensurato Presidente mentre presiedeva un'importante organismo internazionale, accusa che cadde nel nulla pochi mesi dopo. Un Montanelli che ha avuto la fortuna, di non vedere l'artificiosità o strumentalità politica del processo Mediaset, dove praticamente un analogo processo per lo stesso reato di frode fiscale, il processo Mediatrade ha stabilito in tre gradi di giudizio, che Berlusconi il nostro presidente, non è stato colpevole del reato di frode fiscale ( tramite gonfiamento dei costi di acquisto dei diritti televisivi ) e dove questo processo gemello Mediatrade differiva dal processo Mediaset solo per i periodi di contabilizzazione di tali spese dei diritti televisivi. Un processo che avrebbe dovuto tenere conto, ( per GIUNGERE ALLA SENTENZA DI PIENA ASSOLUZIONE del Presidente Silvio Berlusconi ) del solo fatto che i bilanci societari sono redatti da società di commercialisti di cui ha responsabilità solo l'amministratore unico/delegato, che controfirma. Ebbene pur avendo per la legge italiana, responsabilità dei bilanci solo l'amministratore della società, quest'ultimo è stato assolto con formula piena ( giustamente perchè il fatto nemmeno sussiste ) mentre il presidente è stato INGIUSTAMENTE condannato. Chi lo sa cosa avrebbe detto Montanelli ... anche dell'altro tizio che compare nella foto, che mi sembra abbia racimolato ben sei o sette condanne in sede civile per diffamazione ( credo a mezzo stampa ? ) oltre ad una condanna definitiva ( 3° grado confermata ) in sede penale sempre per diffamazione mentre in altro processo è riuscito a dimostrare la propria innocenza mediante la prescrizione ( sempre però in sede penale e con una condanna in primo grado sempre per diffamazione ). Chi lo sa che avrebbe detto Montanelli dell'immunità parlamentare, sancita dalla Costituzione che è stata ingiustamente tolta dal P.D.?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Sab, 10/05/2014 - 18:38

wilfredoc47: Tratto dall’ultimo articolo di Indro montanelli su “il Giornale”. - “Sia chiara una cosa: nessuno mi ha scacciato. Sono io che mi ritiro per una dei quelle situazioni d'incompatibilità di cui i lettori avranno preso atto dallo scambio di lettere, da noi pubblicate ieri, fra me e l'editore. Di questo editore, ne ho conosciuti due. Uno è stato l'amico che mi venne incontro nel momento in cui tutti mi voltavano le spalle: che non si è mai avvalso di questo titolo di credito per limitare la mia indipendenza, che ha sempre mostrato nei miei riguardi un rispetto confinante e talvolta sconfinante nella deferenza (tutte cose che era superfluo da parte sua ricordarmi perchè non ho mai perso occasione di farlo io stesso). Eppoi ne ho conosciuto un altro: quello che, trasformatosi in capo-partito, ha cercato di ridurre il Giornale ad organo di questo partito suggerendogli non soltanto le posizioni da prendere - e sulle quali non c'erano in fondo grosse divergenze - ma perfino il linguaggio da usare, e che, a lasciarlo fare, avrebbe finito per impormi anche la "divisa"del suo partito, il suo look. Tralascio le rappresaglie contro la mia renitenza all'arruolamento, come gli attacchi dei suoi Grisi televisivi alla mia persona. Ma non posso sorvolare sull'ultima e più grave provocazione: la promessa alla redazione, alla mia redazione, di cospicui benefici se si fosse adeguata ai suoi gusti e desideri, cioè se si fosse ribellata a quelli miei. A questo punto non avevo più scelta. O rassegnarmi a diventare il megafono di Berlusconi. O andarmene. Me ne vado”. - Evidentemente, e nonostante il suo indiscutibile prestigio, Montanelli si era reso conto che su questo giornale non avrebbe più potuto scrivere “quello che voleva”...

82masso

Sab, 10/05/2014 - 18:59

bruna.amorosi... Lungi da me difendere Travaglio ma lei scrive una marea di inesattezze, se leggesse i suoi editoriali infatti scoprirebbe quanto le sue invettive siano a 360° e quando vennero fuori le intercettazione Napolitano/Mancino fù uno dei pochi a schierarsi a favore della loro pubblicazione; quindi le dò un consiglio usi meglio internet e non si fossilizzi sempre e solo su stò sito mi sembra che lei sia leggermente lobotomizzata, anzi, mi sà che lo è già da tempo.

Ritratto di ersola

ersola

Sab, 10/05/2014 - 19:03

e comunque la storia dirà che travaglio è di gran lunga migliore di montanelli.

Ritratto di ersola

ersola

Sab, 10/05/2014 - 19:05

ma bruna amorosi a te risulta che quelli del pd amano travaglio?su brunetta cerca di essere più informata prima di scrivere.

gedeone@libero.it

Sab, 10/05/2014 - 19:18

travaglio erede di Montanelli???Ma fatemi il piacere. L'immondo manettaro a senso unico si deve ancora riprendere dalla figura di merda che gli fece fare Berlusconi nella trasmissione di sant'oro...

bruna.amorosi

Sab, 10/05/2014 - 19:26

DREAMER_66sa perchè non le credo ? perchè tutti quelli che circondano BERLUSCONIsono di sinistra Mentana Costanzo eppure hanno lavorato per anni con lui quindi o era in malafede Montanelli e lei . o forse Montanelli ANDAVA DACCORDO CON LA MOGLIE DI BERLUSCONI dato che tutti e 2 l'hanno lasciato quando è sceso in politica .

82masso

Sab, 10/05/2014 - 19:37

wilfredoc47... ahahahah ma la leggi questa testata giornalmente e negl'ultimi vent'anni? o sei tonto?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 10/05/2014 - 21:01

#ersola# "plurindagato pregiudicato" da chi? Dalla magistratura italiana? Cioè da nessuno!! Come con Cristo, Bruno, Galilei, Dreyfus e Gramsci e mille altri i giudici sono degli ometti meschini e lei con loro. #Dreamer_66# Leggevo il Giornale solo perché non ero comunista (lei invece lo è e non lo sa neanche), Montanelli non mi piaceva, non rincorreva la notizia ma solo figure retoriche, stile ed attenzione alla grammatica ed alla sintassi (un po' come Renzi) e mi stupisce che perfino il direttore lo tenga in pregio. Se ne é andato dal Giornale perché voleva continuare a fare la prima donna, a stare nel cono di luce e col B. questo non lo poteva più fare, ci avrebbe rimesso d'immagine, sicuro. Ne sarebbe stato preso in giro ed umiliato e lo sapeva. Non era un grand'uomo, era vanitoso e vago, bello stile ma sostanza poca, molto poca. Notizie nessuna. Quando cercò di darne, da Budapest nel 1956, disse delle sciocchezze enormi, oceaniche: "gli ungheresi sono tutti comunisti". Lo abbiamo visto tutti, anche lui, ma ha fatto finta di niente. Poca roba, tempo perso.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Sab, 10/05/2014 - 21:24

@DREAMER_66: Non intendo prendere le difese di nessuno, tantomeno di Berlusconi, ma la scusa di Montanelli mi sembra debole. Si può dire, chiosandolo, che anche di lui se ne sono conosciuti due, uno che ha goduto dei benefici rapporti con l'amico e l'altro che ha smesso di remare pur essendo sulla stessa barca. "La Voce", fondata per ripicca e che seguii per qualche tempo, si rivelò un fallimento che probabilmente lo ha segnato definitivamente oltre all'età. Per me Lui, lo scrivo maiuscolo per riconoscenza (un suo articolo si leggeva e si comprendeva in un minuto, di parecchi altri si saltava e si salta anche il titolo), avrebbe dovuto rimanere al suo posto a combattere una battaglia comune anche se non sempre condivisa. Ma, prenda atto, forse questa è l'opinione personale di un ingenuo conterraneo dell'Uomo.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Sab, 10/05/2014 - 21:36

@ g CLAUDE LOUIS: Non vorrei sbagliarmi, ma mi pare di ricordare che definisse con qualcosa di molto simile a "puttanata" l'abolizione dell'immunità parlamentare. Non metto la mano sul fuoco, ma ho la presunzione di ragionare, qualcuno dirà bravo babbeo, in un modo vicino al Montanelli pre94. Ancora, se ben rammento, fu approvata da quasi tutti i partiti, il che dimostra in che mani siamo.

robertit2002

Sab, 10/05/2014 - 22:44

Montanelli non era certamente un idolo uno che diceva tappatevi il naso e votate psi

AleVen

Sab, 10/05/2014 - 23:06

@ Claude Louis: a proposito di amnistie, le ricordo che Forza Italia diretta dal suo Presidente ha votato a favore di indulti e si sta schierando a favore di riduzione delle pene e scarcerazioni anche ora. Travaglio ha avuto condanne civili, non penali. Spero che quando afferma con sicurezza che le condanne a Berlusconi sono INGIUSTE, mentre ci ricorda quelle giuste di Travaglio (oh bella, ma i magistrati non erano tutti cattivoni?) abbia piu' informazioni di quelle che dimostra di avere su come vota il suo partito.

AleVen

Sab, 10/05/2014 - 23:10

@enzo1944 : ma che confusione!!! i Ciellini fino a ieri votavano Berlusconi... se l'e' dimenticato?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 11/05/2014 - 00:59

I nanetti hanno sempre bisogno di millantare aderenze con personaggi noti. Credono così di elevare la propria statura scalando come dei vermi il corpo di chi li sovrasta. PROPRIO QUESTO LORO ATTEGGIAMENTO STRISCIANTE RIVELA LA LORO NULLITÀ.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 11/05/2014 - 01:11

# Dreamer_66 18:38 Lei non smentisce mai la sua militanza di trinariciuto. Si affanna a farci sapere che per quanto riguarda Montanelli e Travaglio non ha capito proprio un bel cavolo. Il dissenso con Berlusconi non serve a giustificare l'infingardaggine di un nano che cerca di usare Montanelli come stampella alla propria insipienza. GUARDI CHE A FORZA DI LECCARE LA SINISTRA SI CONSUMA ANCHE LA LINGUA.

ulanbator10

Dom, 11/05/2014 - 07:40

Per DREAMER : Ma Lei e' cosi' corto di comprendonio da non capire che anche a "REPUBBLICA" se il direttore del Giornale si mettesse in testa di non allinearsi al pensiero di Scalfari e di De Benedetti , se ne dovrebbe andare. Montanelli si e' sempre creduto un dio in terra ed ha pensato di poter sconfiggere le richieste della famiglia Berlusconi, che, in quanto proprietaria del giornale(come avviene anche nei giornali di sinistra, cioe' il 90% )richiedeva una attenzione alla discesa in politica di Silvio. Il sig. Montanelli(ricordatevi che era gia' andato via dal Corriere per analoghi motivi o quasi ), che ripeto riteneva di essere il Dio del giornalismo, non ha gradito che buona parte della sua redazione, che doveva guadagnare la pagnotta , diversamente da lui,e' andata dove la proprieta' che li pagava, aveva desiderio. Questo avviene in tutti i giornali, cari signori sinistri. Il problema e' che le vostre menti distorte ammettono che i giornalisti di sinistra scrivano per i loro padroni di sinistra, ma se lo fanno gli altri sono servi. Siete proprio delle menti malate.La dimostrazione e' che la gente normale non vota piu' la sinistra da 20 anni ed anche adesso che finalmente la Magistratura ed i vari Fini,Casini,Follini ed altri hanno fatto fuori Berlusconi, il fetore che emanate e' talmente intenso che la gente si e' buttata su GRILLO, poco piu' di un buffone di corte , ma che vi fara' un boffello, che al confronto la destra e Berlusconi sono stati degli angeli nei vostri confronti.

paci.augusto

Dom, 11/05/2014 - 09:09

Questo articolo del 13 Luglio 1981 del grande Indro traccia il più fedele, giusto ritratto della magistratura, già fortemente infiltrata dai comunisti, come raccomandato dal criminale Lenin ' primo: infiltrare propri elementi nei gangli vitali dello stato ' E, rispondano i compagni, qual'è il ganglo più vitale di uno stato???!!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 11/05/2014 - 09:29

Ho letto l'articolo ed i commenti. Quelli dei sinistrati, la maggioranza, sono paurosi e con argomentazioni puerili. Non s’evidenzia l’esaltazione di Montanelli che traspare dai suoi scritti. Suo assiduo lettore dai tempi del Corriere non si può non ammirare la limpidezza del pensiero e la chiarezza delle situazioni descritte. Nel suo pezzo del 1981 fa un'analisi della magistratura, dei politici, impressionante, stele di Rosetta per capire ciò che accade oggi. Quanto ci manca un uomo simile, elementare e profondo, di fronte al quale tutti questi prezzolati scribacchini dovrebbero andare a nascondersi.

Ritratto di onollov35

onollov35

Dom, 11/05/2014 - 09:44

Gent.mo Ersola. Confido nella sua intelligenza per chiederle: Ma lei di scandali della Sinistra che continuamente sono avvenuti dal dopoguera ad oggi e, che vengono sempre archiviati da bravi magistrati, non ne parla mai? Si guardi intorno anche di recente, ma non ne parlate mai. Noi Italiani votando ideologicamente e con odio di parte, stiamo rovinando la Nazione e noi stessi. La prego, apriamo gli occhi. Le auguro ogni bene.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 11/05/2014 - 12:21

bruna.amorosi: riguardo a che cosa asserisce di non credermi? Nei miei due precedenti post in realtà esprimo ben poco delle mie personali opinioni, più che altro mi limito a riportare dei fatti e delle dichiarazioni altrui (nel caso specifico quelle di Montanelli). Casomai posso soltanto ora prendere spunto dal suo intervento per dire la mia e contestare le sue tesi. Se Mentana e Costanzo hanno “abbandonato” Berlusconi dopo anni di collaborazione, beh… si potrebbe casomai discutere sul fatto che fossero LORO in malafede, non certo Montanelli che ne prese immediatamente le distanze all’indomani della “discesa in campo” da parte del suo editore, non crede? Riguardo alla Sig.ra Lario e precisando che ha chiesto la separazione dall’ex marito nel 2009 (15 anni dopo che quest’ultimo decise di scendere in politica), non credo che le motivazioni della rottura fra i due fossero di carattere ideologico quanto piuttosto legate soprattutto ai noti scandali a sfondo sessuale che vedono tuttora coinvolto Berlusconi.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 11/05/2014 - 12:57

wilfredoc47: non credo Montanelli cercasse una scusa per allontanarsi da Berlusconi, tanto più immagino sia stata questa una decisione sofferta anche solo alla luce cl conseguente addio al giornale da lui creato. Parlando di Montanelli in rischio è quello di cadere nella retorica ed alla santificazione del personaggio, omettendo quelle che io ritengo “zone buie” nella sua carriera di giornalista e pensatore, da quello “sciacalli” rivolti a coloro che osarono alzare la voce all’indomani della tragedia del Vajont al famoso ed arrendevole “turiamoci il naso e votiamo DC”. Detto questo riconosco che egli si è dimostrato un uomo libero, un esponente della destra laica e conservatrice che non ha trovato riscontri nella politica ufficiale italiana del dopoguerra. A quella libertà di parola e di espressione non poteva e non voleva rinunciare. Forse prima di altri si era accorto che non sarebbe stato più sufficiente turarsi il naso per evitare di sentire il fetore.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 11/05/2014 - 13:50

onollov35 guardi che io non amo affatto il pd e infatti voto 5stelle per mandarli tutti a casa.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 11/05/2014 - 14:38

ulanbator10: sei così ottuso da non esserti accorto che ho semplicemente riportato il pensiero di Montanelli. Spiegalo a lui che è dovere di ogni buon giornalista chinare il capo di fronte al proprio editore.

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 11/05/2014 - 14:41

Montanelli scrisse queste cose nel 1981, scoprendo una situazione che già allora era malata profondamente, cosa che non ha fatto altro che incancrenirsi ulteriormente, giungendo ai livelli insostenibili attuali. Il mostro che i comunisti sono riusciti a creare gli sta sfuggendo perfino di mano, rivoltandosi contro di loro. In una situazione di dittatura alla Stalin la cosa sarebbe stata facilmente gestibile con la forza dittatoriale, ma nella situazione italiana? E' semplicemente incontrollabile da parte di chiunque, comunisti compresi, che ora, dopo avere liquidato chi gli dava fastidio politicamente, grazie anche aq questa leva di potere, adesso si trovano nella situazione che per continuare a gestire la situazione politica italiana dovrebbero prendere il controllo con una dittatura, cosa che non possono fare senza finire nella merda internazionale e nazionale, di conseguenza la magistratura inizierà a rodere anche loro dopo avere rosicato chi odiava, proprio come un cancro nel corpo umano.

gedeone@libero.it

Dom, 11/05/2014 - 15:03

#ersola, ersolone, ah si, non voti il PD ma 5 stelle che è, se possibile, ancora peggio e te ne vanti pure ahahahahah ersolone... Comunque tranquillo, lo avevamo capito tutti che se il peggio del peggio.

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Dom, 11/05/2014 - 16:23

Certamente l'erede di Montanelli non possono essere giornalisti che so confondono con i politici! Forse il vero male della democrazia italiana è questa osmosi continua di giornalisti in politica! Badate anche di sindacalisti in politica! Non sto pensando a destra o a sinistra ma a tutti gli schieramenti!

Joe Larius

Dom, 11/05/2014 - 19:37

Sono in possesso di tutti i libri di Montanelli che ho potuto comprare, sono un mucchio, uno dei quali porta il suo autografo. Durante un affollato consesso nel quale presentava il suo ultimo libro, l'ho ringraziato pubblicamente ad alta voce per tutto ciò che ci aveva dato e ci dava leggere. Sono suo lettore dai tempi del “Corriere” e del Giornale dalla sua fondazione. Il "promettente futuro pluriindagato pregiudicato" (Ersola - 10/5-16.51) ha salvato il Giornale dalla bancarotta con i suoi quattrini e non con i miei o con quelli di Ersola. Infine, vista la produzione letteraria e l’eccelsa forma del pensiero del Signor Travaglio, se le due virtù sopracitate si misurassero con l’altezza, il soggetto, alzandosi in punta di piedi, arriverebbe agevolmente alle caviglie del nostro Vecchio Indro.

luigi civelli

Dom, 11/05/2014 - 21:33

Montanelli stronca Travaglio:sarebbe carino se ilGiornale pubblicasse qualche giudizio dell'autorevole ed indimenticabile Indro su Berlusconi,per rinfrescare la memoria ai vecchi lettori e per fornire elementi di giudizio a quelli più giovani.C'è solo l'imbazazzo della scelta,suggeriamo ad esempio "Berlusconi è una di quelle malattie che si curano con il vaccino,e per guarire da Berlusconi ci vuole una bella dose di vaccino Berlusconi",oppure "Sono convinto che Berlusconi governerà senza quadrate legioni,con molta corruzione"(facile profezia),o anche "Il berlusconismo è la feccia che risale il pozzo".N.B.:ho scommesso 100 euro con un amico moderato che questa non la pubblicate,mi piace vincere facile.

giovauriem

Lun, 12/05/2014 - 09:17

grande montanelli,insieme alla fallaci,gli unici due giornalisti italiani della loro epoca, dietro di loro il vuoto assoluto

Ritratto di onollov35

onollov35

Lun, 12/05/2014 - 09:22

@luigi civelli. Intanto ha perso la scommessa. Riguardo a Montanelli, sarà stato un grande giornalista ma, ciò non toglie che odiava Berlusconi come tutti voi e, non era un oracolo.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Lun, 12/05/2014 - 13:38

A noi piace ricordare il buon Montanelli, non certo quello che ce l'aveva col Cav. Se estrapoliamo le frasi giuste sono certo che possiamo far dire a Montanelli quello che ci interessa che dica, pur di sfoderare articoli e citazioni di un lontano 1981 quando magari le condizioni ed il cotesto forse non erano esattamente quelle in cui siamo ora. Chissa' se il buon Indro poteva immaginarsi un caso Ruby, un caso Scajola o le cene eleganti nell'81. Forse si, magari anche no. Chi lo puo' sapere. Intento pero' andiamo alla ricerca spasmodica di idee che piu' ci fanno comodo espresse da personaggi che a volte amiamo e a volte odiamo a seconda delle citazioni che ci vengono ricordate. Sono sicuro che il buon Indro sarebbe fiero del suo Giornale oggi. Cmplimenti direttore Sallusti per il buon lavoro di inforamzione svolto. Mai di parte e semplice e diretto per venire incontro al nocciolo duro dei lettori che conosce bene il mondo del lavoro ed in molti casi ha dovuto abbandonare gli studi (non come i radical chic della sinistra) dopo la terza media.

Mannik

Lun, 12/05/2014 - 13:41

@onollov35 - Oracolo no, ma evidentemente aveva ragione.

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Lun, 12/05/2014 - 14:51

ale, pluricondannato, i 90 mila te li fai prestare dalla donna canotto o dal tuo padrone?

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Lun, 12/05/2014 - 14:57

Carlito Brigante, complimenti per il tuo elogio all'ignoranza. indro ne sarebbe stato compiaciuto e ti avrebbe dato, come ti meriti, dellignorante, al contrario Forrest Gump ti avrebbe dato dello scemo perchè scemo è chi lo scemo fa. mio nonno invece ti avrebbe dato piu' semplicemente del pirla perchè nessuno è più pirla di un ignorante che è felice di restare ignorante.

isaiavito

Lun, 12/05/2014 - 15:56

enzo1944 "...naturalmente votate dai Ciellini,e dai vs.amici catto-comunisti!!" mi sono perso qualche passaggio? cielle non votava formigoni? formigoni non appoggiava berlusconi? berlusconi appartiene ai ciellini o ai cattocomunisti?

edo1969

Lun, 12/05/2014 - 16:29

Ah ah ah ed ecco un altro gelosetto di quello che il Capo ha definito il "giornalista più intelligente d'Italia" (oddio, non è 'sto grande riconoscimento). Alla faccia dei suoi servi storici come il ligio A.S. Che ora rosicano d'invidia. Arrivando a ricostruire stroncature postume. Roba da neurodeliri.

narteco

Lun, 12/05/2014 - 16:36

dreamer66 è il classico cerebroleso sinistrato che cerca di mistificare tutto facendo copia e incolla con il putridume della avariata pletora o accozzaglia dei giornalistucoli della sinistra al caviale e champagne, un emulo di escrementi della terra come floris d'arcais,scalfari,dario fo,travaglio,mentana ecc ecc con la diferenza che lui al più è ricompensato con un tozzo di pane raffermo e mortadella amuffita e quelli da cui copia con soldi a profusione leccando il culo al padrone di turno passando dal fascismo al comunismo alla lega,idv,m5stelle per poi ritornare all'ovile della casta manettara delle toghe rosse in servizio permanente che tutto ripara e protegge se si rimane nella loro sfera servente d'azione,Montanelli denunciava la casta dei magistrati specie quella delle toghe rosse militanti che emettevano sentenze politiche,il magistrato politicizzato deve essere arrestato e buttata via la chiave, questo scrisse Montanelli in alcuni suoi articoli all'epoca,oggi ciò è vero più che mai!!!,quanto all'esilio che montanelli scelse per paura di diventare uno scalfari, mieli, ezio mauro,travaglio ossia uno scopino qualunque asservito al proprio padrone fu un puro pretesto di Indro teso a mascherare il vero motivo per cui decise di andarsene sbattendo la porta all'editore Berlusconi che gli aveva concesso totale libertà per anni ma che aveva osato chiedergli non certo di genuflettersi ma almeno di mantenere una linea del giornale con barra a centrodestra,Montanelli da buon toscanaccio non solo si oppose ma chiese a Berlusconi di non scendere in politica,una volta creata forza italia montanelli divento furibondo per l'affronto subito e decise di scatenare una guerra durissima contro Silvio reo di avergli solo disobbedito,da ciò ne emerge un ribaltamento dei ruoli, il vero padrone era montanelli e silvio il suo subalterno, tanto è vero che Berlusconi disse di non riconoscerlo più, idem i lettori del giornale,e vista la specularità del giornale con repubblica,manifesto,unità corriere ecc non poteva che perdere sempre più copie fino ad arrivare dopo solo 2 mesi al baratro delle vendite,a quel punto Berlusconi fece quello che avrebbe fatto qualunque imprenditore,cacciarlo!!! pagare montanelli e allineati perchè il giornale fosse una copia di Repubblica di debenedetti il devastatore o altri giornali antiberlusconiani forse era un tantino troppo anche per un "super despota come berlusconi" uno che da sempre ha dato massima libertà di espressione a tutti,tuttora il suo gruppo lo dimostra,la maggior parte dei giornalisti o dipendenti del gruppo mediaset vota a sinistra alla faccia del despota licenziatori e creatore di editti bulgari!!!! Montanelli in quel periodo aveva tradito non tanto Berlusconi bensì migliaia di lettori del giornale che tutto si aspettavano fuorchè di leggere una copia sbiadita di repubblica o giornalucoli affini, tanto valeva comprare quella originale di debendetti o di altre testate sinistrate in surplus ancora oggi nelle edicole di tutta italia con le solite mistificazioni in salsa coop rosse.Forza Italia!!!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 12/05/2014 - 17:11

narteco: ti sei preso la briga di scrivere, una riga dopo l'altra, tutta una serie di assurdità col solo risultato di fondere gli ultimi due neuroni sopravvissuti nella tua scatola cranica. Avresti fatto prima a scrivere "Montanelli era diventato comunista" risparmiando tempo e fatica.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Lun, 12/05/2014 - 20:09

@riccio.lino.por...: interessante commento, soprattutto per la parte di suo nonno. Chissà se suo nonno l'aveva la terza media :-)

enrico09

Mar, 13/05/2014 - 14:02

1981, vabbé vedetevi il 2001 allora... https://www.youtube.com/watch?v=1BoJtPp9oQY

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Mer, 14/05/2014 - 13:03

E siamo fermi anche nel puntare il dito contro ladri e mascalzoni. Ma contro tutti i mascalzoni (anche se di destra, anche se magistrati, anche se direttori di propaganda berlusca, di facinosi adipositati scervellati)Bisogna essere santi per credere alla vostra propaganda?

Howl

Mer, 14/05/2014 - 13:51

direttore lei confonde forcaiolo con legalitario ma visto che i suoi lettori non conoscono la differenza ha gioco facile. Se fosse vivo Montanelli lei Sallusti non farebbe il giornalista su questo quotidiano : questo è certo come la morte ! Lei è lì perchè serve a Berlusconi : solo per questo motivo. E si ricordi Sallusti che Lei è stato salvato dalla galera per magnanimità proprio di un magistrato Bruti Liberati ( che ,come lui stesso dichiara, ha sollecitato la sua positiva situazione giudiziaria )altrimenti si faceva un pò di carcere. Il risultato di questo atto di tolleranza ? lei continua a mentire...............