Napolitano sordo sulla grazia «Chi la sollecita parla per sé»

Napolitano chiude sulla clemenza a Berlusconi e sulle voci di sue dimissioni. Poi sposa la battaglia dei radicali per l'eutanasia: il Parlamento ne discuta

Roma - Niente dimissioni. «La decisione spetta costituzionalmente, com'è noto, al presidente della Repubblica». E niente grazia al Cavaliere, almeno per ora. Tutte queste «sollecitazioni e previsioni», fa sapere il capo dello Stato, «impegnano soltanto quelli che le esprimono».
Ma quando lascerà il Quirinale? Tra sei mesi? Un anno? Al varo della legge elettorale? Al via libera alle riforme? Giorgio Napolitano non conferma i recenti vaticini sulla data del suo abbandono. Si tratta di voci, più o meno interessate, «liberamente sollevate nel dibattito politico», nelle quali Re Giorgio «non interviene né ad avallare né a smentire». Altrettanto freddo, dice, lo lascia la questione delle firme per Silvio Berlusconi. Iniziative legittime, però il potere di firmare un provvedimento di clemenza resta a lui.
Ma che il trasloco dal Colle non sia poi proprio imminente lo dimostra il modo con cui continua a dare i compiti alle Camere. Adesso tocca all'eutanasia. «Ritengo che il Parlamento non dovrebbe ignorare il problema delle scelte di fine vita ed eludere un sereno approfondito confronto di idee su questa materia», così scrive Napolitano a Carlo Trollo, consigliere generale dell'associazione Luca Coscioni, che in una conferenza stampa nella sede del partito radicale rilancia la questione.
Carlo Lizzani si è lanciato dal balcone di casa, Mino Monicelli da una finestra dell'ospedale San Giovanni. Lucio Magri invece la dolce morte se l'è cercata in Svizzera, dopo aver lasciato una lettera a casa e aver comprato un biglietto solo andata. Sono soltanto la punta dell'iceberg. Secondo l'Istat dal 2004 a oggi si sono verificati in Italia diecimila suicidi e diecimila tentati suicidi di malati gravi, terminali o comunque disperati. «Praticamente mille l'anno», spiega Trollo. «Nella loro obiettiva eloquenza - si legge ancora nel messaggio del capo dello Stato - i dati diffusi sono drammatici. Sento profondamente il travaglio che hanno che hanno vissuto gli altri partecipanti alla conferenza stampa».
Nei locali dei radicali, a dare testimonianza laica di esperienze della dolce morte i familiari di Monicelli (la compagna Chiara Rapaccini), di Lizzani (il figlio Francesco) e di Piergiorgio Welby (la moglie Mina). Sullo schermo un videomessaggio di Lucia Castellina, per anni compagna di Lucio Magri, e poi un appello dell'oncologo Umberto Veronesi che esorta a «sviluppare una medicina della responsabilità dell'individuo» perché «nel nuovo quadro dei diritti del malato, va perseguito il diritto dell'autodeterminazione: abbiamo l'ovvio diritto di programmare la vita e anche il suo termine».
«Dal Colle parole di straordinaria importanza», commenta Gennaro Migliore, Sel. «Ancora una prova di coraggio e di sensibilità», secondo il sottosegretario agli Esteri Benedetto della Vedova (Ncd). «Opportuno il richiamo del presidente», è in giudizio di Lorenzo D'Avack, del Comitato nazionale di bioetica. I senatori del Pd che chiedono di calendarizzare il ddl. Sandro Bondi, Fi, è d'accordo ad aprire «un confronto finalizzato esclusivamente a garantire la libertà e la dignità della persona». Per Giancarlo Galan, «i tempi sono maturi per il testamento biologico». Tra i contrari Maurizio Gasparri: «L'invito di Napolitano è preoccupante, rischia di riaprire un aspro confronto». Eugenia Roccella, Ncd, parla di invito «parziale e unilaterale». E Antonio De Poli, Udc: «L'eutanasia non può essere un diritto, la vita va difesa fino all'ultimo».

Commenti

fedele50

Mer, 19/03/2014 - 08:28

bene, la natura farà il suo corso, non penso alla mia dipartita ma di sicuro lui andrà via prima , un lercioso dittatore in meno e, io ubriaco di felicita, esulterò dando sfogo alla mia follia, DOVE C'E' FOLLIA C'E GIOIA.

Ritratto di GABRIELE FOGLIETTA

GABRIELE FOGLIETTA

Mer, 19/03/2014 - 08:39

Certamente la concessione della grazia è prerogativa del Capo dello Stato. Richiederla è facoltà dei cittadini. Certamente le domande impegnano solo quelli che le pongono, ma rispondere in maniera più o meno concisa fa parte dell'educazione e della cortesia dell'interpellato.

cicero08

Mer, 19/03/2014 - 08:42

La solita falsa rappesentazione della realtà: Napolitano potrebbe diventare sordo solo dopo l'eventuale deposito della relativa istanza nei modi previsti dalla legge. Purtroppo siamo sempre alle solite: nessuno è al di sopra della legge...

no beluscao

Mer, 19/03/2014 - 08:47

e fa bene . a chi disprezza le leggi nessuno sconto . vero sallusti te pero' lo puoi ringraziare altrimenti eri ancora ai domiciliari ...........

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Mer, 19/03/2014 - 08:48

Giusto, più che giusto; proprio come si fece per dare la grazia a Sofri, scusate se è poco,per la quale si mobilitarono cani e porci e porconi, tranne che l interessato che dichiarava di disdegnare il gesto, e si tentò addirittura di cambiar la Costituzione per via del Ministro che non volle controfirmarla. Buffoni.

dementina1

Mer, 19/03/2014 - 09:04

e assurdo che napolitano dia la grazia a berlusconi dal momento che tutti gli inciuci sia con la magistratura e sia con i governi illegittimi degli ultimi 3 anni li ha voluti lui.daltraparte la sinistra senza questi vergognosi inciuci non sarebbe mai andata al potere.c dobbiamo solo vergognare di essere italiani e sopratutto di chi c rappesenta .............

egi

Mer, 19/03/2014 - 09:07

Se fosse stato un ladro come loro, vedi Pennati 167 milioni rubati MPS 5 miliardi, Bassolino e compagni si sarebbe già mosso per nasconde il tutto, ma siccome Berlusconi non fa parte della banda bisogna farlo fuori.

Howl

Mer, 19/03/2014 - 09:08

NON CI SONO I PERSUPPOSTI DI LEGGE !!!!!!!!!!!!! tutto il resto è fantasia per gli ignoranti

Howl

Mer, 19/03/2014 - 09:10

Non è sordo NON PUO’ .NON CI SONO I PERSUPPOSTI DI LEGGE !!!!!!!!!!!!! tutto il resto è fantasia per gli ignoranti

linoalo1

Mer, 19/03/2014 - 09:24

La Grazia?Da un Sinistrato?Mai e poi mai!Per poi sentirselo rinfacciare sempre e da chiunque?Se già oggi è dura,domani come sarà?Lino.

michetta

Mer, 19/03/2014 - 09:46

Ecco! Questa e' la pura dimostrazione dell'ostracismo esistente fin dal 1956, nel cervello dell'uomo che lodava le truppe sovietiche entrate a Budapest, significando l'appartenenza a quel partito disgraziato, che ha ammazzato milioni e milioni di uomini, donne e bambini in tutto il mondo! DECIDO IO! Si crede essere diventato, Dio in terra! Certamente, se al posto di Berlusconi, ci fosse stato un D'Alema o un De Benedetti, avrebbe concesso la grazia senza dire ne' a, ne' ba. Secondo me, gli ha fatto male l'amicizia che il Santo Padre ha dmostrato, ricevendolo! Ma il Papa, lo ha fatto esclusivamente per gli Italiani, non certo per la persona! Prego pubblicare. Grazie. Malgrado questi elementi, Auguri Italia

Ritratto di sergio la terza

sergio la terza

Mer, 19/03/2014 - 09:49

il monarca è ormai allo stato finale della demenza senile.-per il Cavaliere soli 7ml.hanno causato i danni che leggiamo,per Debenedetti 400 e passa ml.più il disastro della centrale non sono nulla;manca Antonio Esposito a dare il suo benestare.-povero Napolitano e povera l'ITALIA DEMOCRATICA che non c'è più.-

@ollel63

Mer, 19/03/2014 - 10:17

lasciate perdere questa incartapecorita cariatide sinistra!

Ritratto di charry_red_wine

charry_red_wine

Mer, 19/03/2014 - 10:21

..onde evitare una denuncia per vilipendio, taccio. ma deo gratias, i miei pensieri, per poco ancora liberi, smadonnano che è na' bellezza..

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 19/03/2014 - 10:26

napolitano fa il sordo. però quando c'è stato di mezzo 138 parlamentari abusivi, cosa ha fatto? ha fatto il sordo. e lui da 90enne incartapecorito cosa ha fatto? lo stronzo...

ro.di.mento

Mer, 19/03/2014 - 10:28

Ma lui fa finta ...... prima dice al parlamento che deve approvare indulto o amnistia e poi sottosotto si adopera senza sosta perchè non venga fatto nulla al fine di non agevolare B. e noi poveri imbecilli italiani dovremo pagare le multe della ue per il mancato rispetto dei "diritti" dei carcerati !!! ahahah ora poi pretende che sulle nostre spalle gravino anche le spese di quelli che si volgiono ammazzare, così come paghiamo per quelle che abortiscono, commettendo il più obbrobrioso delitto in danno di persone che non si possono ribellare !!!!

Pazz84

Mer, 19/03/2014 - 10:28

Ma almeno prima di scrivere sapete quali sono i requisiti per ottenere la grazia dal PdR?!? No perchè Howl ha pienamente ragione. DEVE essere chiesta dal diretto interessato, cioè Berlusconi, e non dai familiari, dagli amici o dai leccaculo. Inoltre per concederla devono sussistere motivi umanitari, e non motivi politici come in questo caso. Quali motivi umanitari ci sono per un miliardario che deve scontare una pena di un anno, se non meno ai domiciliari o ai servizi sociali?!?

Rossana Rossi

Mer, 19/03/2014 - 10:40

Ma se è lui il primo artefice della persecuzione di Berlusconi............

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mer, 19/03/2014 - 10:43

La grazia è solo per i compagni, lo dice la Costituzione, come è possibile ignorare queste cose

Marcuzzo

Mer, 19/03/2014 - 10:46

@Dementina1. Un nome, un programma. Chi si deve vergognare di essere italiano sei te e quelli come te che hanno consentito ad un acclarato ed ormai scoperto delinquente di aver ricoperto la carica di Presidente del Consiglio per moltissimi anni e con i risultati che tutti vediamo

Efesto

Mer, 19/03/2014 - 10:47

È sempre il personaggio del 1956: credente nel materialismo storico. Ma prima di perdere tempo con l'eutanasia, che è un falso problema pubblico, inviti le camere a fare le riforme. La morte può certo fare paura, specie ai viziati dalla vita, ma è e resta l'unico fatto privato di ciascun uomo, e ciascuno se lo deve tenere così come è.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Mer, 19/03/2014 - 10:59

Ma c'è un Dio per tutti, caro Napolitano,volevate che un comunista graziasse uno del centrodestra che ha combattuto sempre il comunismo? che lo ha sconfitto?Ricordiamoci che un comunista non si pentirà mai di di avere esultato quando Stalin uccideva l'avversari politici, anzi si ricordano la lezione, e non potendo uccidere l'avversario con il fucile, allora hanno scelto la strada della giustizia rossaVeramente non ho mai sopportato questi presidente della repubblica catapultati al quirinale dai comunisti.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Mer, 19/03/2014 - 11:06

RICORDATE! Tutti ma veramente Tutti sono incostituzionale! La sentenza della Corte costituzionale italiana, la legge Procellum era incostituzionale e cosi TUTTI Politici, Presidenti,Premier e compagnia cantante sono incostituzionale!!! Non ho altro da aggiungere!

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Mer, 19/03/2014 - 12:13

La ormai nota Grazia e diventata una barzelletta !!!!

enzo1944

Mer, 19/03/2014 - 14:45

Il capo del magistrati è lui da 9 anni!....quindi,grazie ai suoi amici di MD,è riuscito a battere il suo vero avversario politico,Silvio Berlusconi!......ma tranquilli,....presto lo chiamerà il Padreterno ed a Lui non potrà più contar palle!...cosa che ha sempre fatto da politico comunista,falso e bugiardo!!

@ollel63

Mer, 19/03/2014 - 16:55

un re!? Ma chi? ah! 'Court jester.