Ncd sta col sottosegretario: il Pd pensi ai suoi indagati

Il partito di Alfano si schiera compatto in difesa del suo senatore accusato della censura di un quotidiano. Cicchitto minaccia: "Renzi ci pensi bene". Schifani attacca "il Giornale"

Roma - Il Partito democratico alza il pressing e spara contro la nomina del sottosegretario Antonio Gentile. Ma gli alfaniani scendono in trincea, fanno quadrato contro possibili interventi del premier e rimandano la palla nel campo avverso: «Non accettiamo patenti di indegnità. Gentile non è indagato, il Pd pensi ai suoi invece di autoassolversi». La bufera sul «caso Gentile», senatore di Cosenza e neo-sottosegretario alle Infrastrutture, accusato di aver fatto pressioni sul quotidiano L'Ora della Calabria per censurare la notizia del figlio indagato, continua ad agitare le acque del governo e a rendere tumultuoso il clima nell'anomala maggioranza Pd-Ncd. Gli alfaniani si impegnano in una strenua difesa del loro collega, mettendo in dubbio le ricostruzioni ed evocando la «macchina del fango». In alcuni casi arrivano addirittura a puntare il dito contro il Giornale nonostante del caso se ne stia occupando l'intera stampa italiana, senza eccezioni, e sia impossibile trovare un quotidiano che non dia risalto alla vicenda. La strategia di Ncd, comunque, è chiara. Alfano non chiederà a Gentile di fare un passo indietro, almeno per il momento. Il motivo? Sarebbe come ammettere una colpa che è tutta da verificare, anche perché il sottosegretario non è neppure indagato. Oltretutto al momento a metterci la faccia è stato il governatore calabrese Giuseppe Scopelliti in una intervista al Messaggero. Un modo per cercare di circoscrivere la vicenda a livello locale, impresa ormai impossibile visto lo stato della polemica. Lo scenario potrebbe cambiare solo se fosse Matteo Renzi a chiedere a Gentile di fare un passo indietro. In quel caso Alfano avrebbe buon gioco a sostenere che tra i sottosegretari Pd ci sono addirittura quattro indagati e nessuno dentro il Nazareno si sta indignando con la stessa intensità. Dentro il partito degli ex Pdl non si esclude che Renzi possa decidere di adottare una sorta di par condicio, rimuovendo Gentile e al contempo uno dei «suoi» indagati, motivando questa decisione come semplice questione di opportunità politica. Un'altra possibilità è che, una volta stemperate le scintille iniziali, possa essere Alfano a chiedere un sacrificio al «suo» sottosegretario. In definitiva, però, si confida sul fatto che Renzi eviterà di aprire un potenziale conflitto e di spingere sul tasto delle dimissioni forzate.

L'atmosfera dalle parti di Ncd è comunque carica di tensione e nervosismo. La giornata si sviluppa tutta nel segno della difesa pubblica del sottosegretario. Per Gaetano Quagliariello «a Gentile vengono imputate presunte pressioni sulla scorta di telefonate non riconducibili a lui e svoltesi tra terze persone». Per Renato Schifani «Ncd non accetta patenti di indegnità». Il caso «nasce da il Giornale, a dimostrazione che noi siamo considerati i veri nemici di Berlusconi e non paradossalmente il Pd, che su questa vicenda cerca di scaricare i suoi malesseri interni». Di «scatenamento immotivato del tutto pretestuoso» parla Fabrizio Cicchitto, che minaccia di far cadere il governo: «Renzi ci pensi bene». Giuseppe Scopelliti al Messaggero, spiega che la rotativa che si è fermata «si bloccava spesso, non era la prima volta che il giornale non usciva». Ma soprattutto c'è la rottura del silenzio da parte dello stesso Gentile che affida alle agenzie la sua autodifesa, trasformandola in una feroce accusa al quotidiano delle rotative bloccate, L'Ora di Calabria. «Mio figlio, brillante penalista, è stato messo alla gogna sulla base di un niente e io, addirittura, sono stato accusato di avere bloccato l'uscita di un quotidiano espressione della corruttela più truce. Non ho mai chiesto a nessuno di bloccare notizie su presunte indagini che riguarderebbero mio figlio e di cui neppure lui era a conoscenza», sostiene il sottosegretario. A dimostrazione di ciò «querelando, ho sottolineato la mia totale estraneità alla vicenda della mancata uscita della velina su mio figlio. Il quotidiano è fallito due volte. Il suo editore è condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione per usura, condanna che sta scontando ai domiciliari, è indagato per altri presunti gravissimi fatti di speculazione. Con questi personaggi non ho rapporti, come testimoniano le pagine intrise di veleno delle testate che chiunque può consultare nelle biblioteche».

Commenti
Ritratto di Vendetta

Vendetta

Lun, 03/03/2014 - 08:47

Lo spettacolo si ripete. Personalmente spero che arrivi il momento anche drammatico che tutta questa porcheria di politica in Italia di tutti i colori sia spazzata via e per me siamo sulla buona strada. Ci devono essere delle regole ben precise per chi vuole occuparsi della cosa pubblica.

vince50_19

Lun, 03/03/2014 - 08:50

Oh parbleu: tutti contro tutti in questo governo! Ma la "chicca" è Renatino Schifani su cui non mi pronuncio: i saltimbanchi, voltagabbana e saltafossi come lui che si sono abbuffati, lordandosi camicia e panataloni, al desco di SB, non meritano commento e non certo perchè attacca Il Giornale. Sarebbe il meno a mio modo di vedere.

pittariso

Lun, 03/03/2014 - 09:50

Guardando questa foto come si fa a non essere d'accordo con Lombroso!

pittariso

Lun, 03/03/2014 - 09:53

Comunque è ora di finirla:speriamo in un rivoluzionario qualsiasi,civile o militare,perchè di questa situazione non se ne può più.

pittariso

Lun, 03/03/2014 - 10:12

La Finanza ha scoperto che a Napoli la sanità ha pagato fatture di 32 mln due volte; A Roma tra Comune e Aziende comunali ci sono 99.000 dipendenti ed è stato accertato che mlti di loro tiombrano e se ne vanno a fare gli affri propri:sarà mica per questo che il comune è in crisi? Il governo intanto ha aumentato le tasse(tarsi) di circa un mld e ha ricoperto il debito di Roma. Ma cosa ci devono ancora fare per farci ribellare? Speriamo che esca un Grillo o un Bossi o un Forcone qualsiasi purchè deciso a fare veramente la rivoluzione e cacciare tutti i politici e parassiti statali che ci hanno portato a questa situazione.

pittariso

Lun, 03/03/2014 - 10:12

La Finanza ha scoperto che a Napoli la sanità ha pagato fatture di 32 mln due volte; A Roma tra Comune e Aziende comunali ci sono 99.000 dipendenti ed è stato accertato che mlti di loro tiombrano e se ne vanno a fare gli affri propri:sarà mica per questo che il comune è in crisi? Il governo intanto ha aumentato le tasse(tarsi) di circa un mld e ha ricoperto il debito di Roma. Ma cosa ci devono ancora fare per farci ribellare? Speriamo che esca un Grillo o un Bossi o un Forcone qualsiasi purchè deciso a fare veramente la rivoluzione e cacciare tutti i politici e parassiti statali che ci hanno portato a questa situazione.

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Lun, 03/03/2014 - 10:21

Ha ragione Grillo , siete tutti spazzatura e dovete sparire , chi deve occuparsi della cosa pubblica deve essere immacolato , di voi nessuno lo è .

michele lascaro

Lun, 03/03/2014 - 11:00

alfango e schif-ano uniti per la pelle. Avessero avuto in vita un maestro, pardon, un "altissimo" come precettore?

il corsaro nero

Lun, 03/03/2014 - 11:22

@ d-m-p: se andiamo a guardare nemmeno Grillo è immacolato!!!

Ritratto di alejob

alejob

Lun, 03/03/2014 - 11:35

Renzi non mi sei simpatico, posso solo dirti che sei in una grande morsa circondato di merda. Se non hai ancora capito i signori di NCD sono dei MAFIOSI e questa gente se non li accontenti sono capaci da farti barba e capalli. Se io sarei al tuo posto cercherei di andare alle elezioni il prima possibile.

Ritratto di Mariador

Mariador

Lun, 03/03/2014 - 11:57

Ho ascoltato la registrazione telefonica del dialogo intercorso tra l'editore dell'Ora della Calabria Alfredo Citrigo e il presidente di Fincalabra, nonché stampatore del giornale stesso, Umberto De Rose. Non può essere vero, è un film, peggio, un incubo. Allora ha ragione Napolilitano, meglio essere comandati totalmente da Bruxelles e perdere la tanto mitizzata sovranità nazionale che sempre più pare licenza di ladrocinio. Ubi maior minor cessat.

dondomenico

Lun, 03/03/2014 - 12:02

E' uno spettacolo indegno! La cosa più schifosa è il comportamento di Alfano, Cicchitto e Schifani, non uno nel NCD si salva; sono li a sbraitare ed a fare ricatti e non pensano minimamente che sono stati eletti con i voti del PDL. Rappresentano solo loro stessi, accozzaglia di traditori...la loro fine è scritta a caratteri cubitali, è solo questione di tempo; invece di pensare ai gravi problemi del paese, pensavo a rompere i coglioni pur di rimanere incollati con il culo sulle loro poltrone

il corsaro nero

Lun, 03/03/2014 - 12:06

@ d-m-p- :Grillo condannato a 4 mesi per violazione dei sigilli! Anche lui che dovrebbe dare l'esempio ai suoi adepti, non mi sembra tanto immacolato!!!!

tetrix59

Lun, 03/03/2014 - 12:17

Se l'articolo fosse uscito lo avrebbero letto si è no nella provincia di Cosenza (perchè sinceramente, nessuno sapeva della esistenza di quel senatore ne tantomeno di suo figlio) ed invece, usando l'arroganza degli impuniti (qui comando io e tu non sei nessuno), è stato letto in tutta Italia, meglio così almeno sappiamo chi cìè al governo, ricordo al NCD che neanche Donaccatten (spero sia scritto giusto) era indacato ma suo figlio sì ma e stato lui a dimettersi (allora un poco di dignità esisteva) oggi nò. Altresì, ma agli indicati non deve pensarci la magistratura? quindi che si sbrighino a togliere dai piedi sti indegni.

gian paolo cardelli

Lun, 03/03/2014 - 14:42

Michele Lascaro: il NCD e' nato perche' Berlusconi li voleva "rottamare": dargli la colpa in un contesto del genere denota solo malafede e faziosita' da parte sua.

Pelican 49

Lun, 03/03/2014 - 14:53

Certo Schifani e Cicchitto, preso atto della quantità di voti controllati dal clan Gentile, di certo si faranno in sedici (quattro x quattro) per sostenere la causa del loro compare, già-craxiano. In Italia i "radicalchic 'dde sinistra" cercano sempre la mafia e la 'ndrangheta dei colletti bianchi, ma quando ce l'hanno sotto gli occhi ... fanno finta di non vederla! Al nostro Gentile hanno affidato le Infrastrutture e i Lavori Pubblici ... come affidare le chiavi di San Vittore a Vallanzasca, quello di una volta però!

peter46

Lun, 03/03/2014 - 15:11

pittariso...buongiorno.Svegliato male?Tutta questa gente(meglio precisarlo anticipatamente)dovrebbe,giustamente,essere messa al muro insieme a colui e coloro che per vent'anni se li son trovati accanto ed hanno condiviso la 'puzza' che emanavano,o no?E per sopportare la 'puzza' forse non è il caso di ricordare che la 'puzza' non si sente se si è 'abituati alla propria,o no?Ricorda chi per vent'anni ha condiviso la medesima 'puzza'?Il Pdl(ex e post FI)col suo capo Berlusconi e il suo(non si può altrimenti mischiare Grillo e Bossi) 'ex' capo Bossi...non si è mai riuscito ad inventare un deodorante 'coprente',soprattutto per il suo capo(a detta non dei 'mezzogiorni'ma dagli stessi fuorusciti leghisti suoi e loro pari:e non pochi).La Finanza ha scoperto tutte quelle cose fra Napoli e Roma?Li starà perseguendo?Io penso di sì,così come penso che ci saranno dei processi e delle condanne,o no?Lei però si accontenti,per ora di ricordare che fine ha fatto l'amico dei suoi amici(senza Formigoni,CL...il suo amico Maroni la scopa poteva usarla solo per il suo uso comune,cioè,scopare per terra)Daccò già condannato per quei 70 milioni di euro che rappresentano in lire lo stesso importo di tangenti di tutta 'mani pulite'.O,per la lega dobbiamo ricordare il 'pirla' di 'mani pulite',della banca fallita,dei villaggi 'fantasma',dei cerchi 'casalinghi' più che magici ........?Le ricordo che alle ultime elezioni nazionali avete presentato in Lombardia non eletto al primo colpo,ma subentrato come primo dei non eletti,al posto del vs Garavaglia, un certo(trasfertista,però) senatore Naccarato...'lombrosamente' corregionale,anzi concittadino,del Gentile...in quota Tremonti d'accordo,ma con i vostri voti.E dopo ricevuti i vostri voti,ed eletto,si è anche permesso di andare con Alfano nell'NCD.O per lui non è daccordo con lombroso?....A quando la sua foto,all'inizio del suo commento,per permetterci di valutare se ,eventualmente con i nuovi 'parametri post lombroso,non presenta anche lei gli stessi caratteri che ha intravisto dalla foto del senatore dell'articolo?Perchè da un po' di tempo il 'lombrosianesimo' si è voluto 'allargare'...e non si sa mai che anche lei 'inconsapevolmente'.....non potrebbe rientrare in quei parametri....E èensare che alcune cose potevano essere condivisibili....

giottin

Lun, 03/03/2014 - 15:21

schifani ha il nome sbagliato, si dovrebbe chiamare SCHIFOSI!!

giottin

Lun, 03/03/2014 - 15:25

Dico solo una cosa: nei prossimi sondaggi evitate di mettere ncd assieme a FI!!!! Quelli con noi non possono assolutamente essere conteggiati!!!!!