Nuove trappole per gli automobilisti: multe pure a chi è fermo ai semafori

Strage di sanzioni a Mestre per le vetture passate col rosso Ma punito anche chi si è solo fermato appena oltre lo stop

Un nuovo nome potrebbe aggiungersi a quelli che da tempo turbano il sonno degli automobilisti: dopo Autovelox, Tutor, Vergilius e T-Red, arriva il Velocar. I veneti, e in particolare chi transita nella zona di Mestre ha imparato a conoscerlo e a temerlo, poiché non punisce solo gli indisciplinati che non rispettano il semaforo rosso, ma colpisce anche chi frena, e si arresta anche solo un millimetro oltre la riga bianca.
In quell'area ne hanno installati 5, che in un mese di attività hanno fruttato alle casse comunali 521 sanzioni da oltre 40 euro e due punti di decurtazione sulla patente. E 33 di queste si riferiscono appunto a fermate oltre la striscia verniciata sull'asfalto. Gli importi partono infatti da 41 euro, per arrivare a 162 se non si rispetta il semaforo tra le 7 e le 22, e a 216 euro se l'infrazione è commessa nelle ore notturne. Negli ultimi due casi si somma una decurtazione di sei punti, che raddoppiano se alla guida c'è un neopatentato. Non si tratta di una novità assoluta, dato che questo tipo di sistema di rilevamento è stato introdotto nel 2011, e da subito è stato accolto con ostilità. Decine di ricorsi sono arrivate da chi si è sentito punito per un'infrazione non commessa. Giudici di Pace e Tribunale hanno a più riprese accolto le contestazioni, motivate dal fatto che il Velocar non era stato omologato per rilevare quel tipo di infrazione, ma semplicemente i ben più pericolosi passaggi con il rosso e gli eccessi di velocità. Dopo avere subito sconfitte su quasi tutti i fronti fino a un anno fa, questi sistemi stanno tornando d'attualità e lavorando a pieno regime, forti dell'appoggio di una serie di sentenze del Tribunale e di disposizioni ministeriali che hanno contribuito a precisare che anche il solo calpestare la linea con il semaforo rosso sia sanzionabile. Anche se la segnaletica orizzontale è posta molto prima dell'incrocio. Come sempre accade in questi casi, l'amministrazione locale precisa che si tratti di un'operazione con il solo obiettivo di tutelare la sicurezza di automobilisti e pedoni, mentre per chi è al volante è difficile vedere giustificazioni che vanno oltre una nuova soluzione per fare cassa. A questo proposito non sono mancate le critiche, arrivate perfino da elementi interni alla stessa amministrazione. Sono in molti a definirle trappole pericolose per l'incolumità degli stessi utenti della strada. Chi è già stato colpito da una sanzione, o comunque è a conoscenza della presenza di un Velocar in un determinato incrocio, non guida in modo sereno, ma è al contrario titubante e predisposto a frenare bruscamente anche se non è necessario.
Rispetto al passato, alcune telecamere sono state spostate, ma l'effetto non cambia, visto che si applica alla lettera il Codice, senza quel minimo di flessibilità suggerito dal buon senso. Buon senso che suggerirebbe almeno di affiancare sempre al semaforo un contasecondi per consentire di reagire per tempo ed evitare frenate violente, cause prime di pericolosi tamponamenti.

Commenti
Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mar, 01/07/2014 - 09:22

Il principio è giusto: la segnaletica orizzontale è fatta per essere rispettata, soprattutto ai semafori. Detto questo, è fondamentale che le infrazioni siano documentate con materiale fotografico e tutti i dettagli del caso, visto che della tecnologia applicata dalle amministrazioni pubbliche non ci si può mai fidare.

vince50

Mar, 01/07/2014 - 09:22

Quando c'è fame di soldi tutto può essere giustificabile,si tratta semplicemente di mala fede e accanimento senza ritegno.

NON RASSEGNATO

Mar, 01/07/2014 - 09:57

I comuni hanno bisogno di soldi per mantenere i cari ospiti, per cui tutto fa brodo. Pagate con gioia sapendo che fate opera di carità...

Rossana Rossi

Mar, 01/07/2014 - 10:38

E' vicino il giorno in cui ci diranno che in base al numero di scarpe che porti devi pagare una tassa per occupazione di suolo pubblico...........siamo alla gabella sul sale dei tempi del Medio Evo, fa bene chi se ne va, questa povera Italia è diventata un paese invivibile........

macchiapam

Mar, 01/07/2014 - 11:39

Le mascalzonate attuate dai comuni per far soldi non si contano più: abolita una, ne inventano un'altra. E il peggio è che vigili urbani, poliziotti, eccetera, mai, mai si danno la pena di punire le infrazioni davvero gravi - sorpasso in curva o in prossimità d'incroci o passaggi pedonali, uso del cellulare durante la guida, auto a fari spenti in caso di pioggia o nebbia: troppa fatica!

simone_ve

Mar, 01/07/2014 - 11:48

Mettetevelo in testa.. le norme vanno rispettate! Non sono a libera interpretazione degli utenti. Come sempre interpretate "liberale" come libertà di fare quello che si vuole

moshe

Mar, 01/07/2014 - 12:36

Continuate a massacrare gli italiani e ad accogliere i bastardi, vedrete tra un po' cosa succederà!

blackbird

Mar, 01/07/2014 - 13:20

Da un lato si invoca la moviola in campo e il pallone elettronico per valutare un semplice goal in un gioco. Se invece isi applica la tecnologia per il rispetto delle regole di circolazione a garanzia della sicurezza altrui si levano gli scudi. Se la macchina rileva chi passa con il rosso (spero no con il giallo) o si ferma dopo la linea d'arresto non vedo cosa ci sia di male. La normativa precisa che sia un tutore dell'ordine a visionare il materiale registrato e a decidere se irrorare la sanzione o no, è solo un ausilio alle forze dell'ordine. Per gli arbitri va bene e per e forze dell'ordine no?

pilandi

Mar, 01/07/2014 - 13:29

non capisco di quale accanimento faccia parte l'obbligo di rispettare la legge... in germania questo tipo di controllo era attivo già 15 anni fa...

carpo27

Mar, 01/07/2014 - 14:24

Faccio notare che nella civilissima Svizzera ci son più macchine fotografiche che semafori. In quattordici anni di residenza, mi sono fatto "beccare" UNA volta - per distrazione - ad aver inchiodato e sorpassato la striscia d'arresto. 200 franchi per aver, letterale "oltrepassato la linea d'arresto". PUNTO. non "passaggio col rosso", che sarebbe argomentabile... Pragmatismo svizzero; non hanno nemmeno avuto bisogno di stampar la foto, mi è passata la voglia di far ricorso. Purtroppo in Italia siamo troppo abituati ad "argomentare", "giustificare", "relativizzare". Venite a fare altrettanto oltre le Alpi, vedrete che figura vi fate...

carpo27

Mar, 01/07/2014 - 14:26

PS: qua in CH le macchine fotografiche al semaforo funzionano sia sul passaggio col rosso, SIA per eccesso di velocità... Provate ad accelerare quando vedete in giallo... Vi fate una bella multa "combo". Infatti qua al giallo non accelera NESSUNO (si, qualche turista...)

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mar, 01/07/2014 - 16:30

Evidentemente, a nessuno degli inflessibili commentatori è capitato di passare con il verde, restare inchiodato a metà incrocio per una qualche manovra strana di chi lo precedeva, e trovarsi lì mentre il rosso scatta inesorabilemente. A Torino succede, a turno, ad ogni automobilista che si avventuri in Corso Vittorio, tratto Po-Stazione. Sekhmet.

qwertyuiopè

Mar, 01/07/2014 - 16:50

E' risaputo da tutti che la zona di Mestre è assolutamente da evitare per le trappole costituite da ZTL, T-red, autovelox ed aggeggi vari: molti di quelli che malauguratamente ci sono dovuti passare, per quanto possano essere stati attenti, dopo un po' di tempo si sono visti recapitare la multa a casa. Questo è solo fare cassa!

Franco65

Mar, 01/07/2014 - 16:53

@sekhmet: se l'incrocio è occupato, per via di intenso traffico, non è permesso l'attraveramento, anche se il semaforo è verde...

Gianca59

Mar, 01/07/2014 - 17:04

La mafia delle multe colpisce ancora …..

Ritratto di bergat

bergat

Mar, 01/07/2014 - 17:22

Certo che a Roma con tutte le moto che di proposito si mettono oltre la riga bianca, Marino risanerebbe il bilancio di Roma in una sola giornata.

Roberto C

Mar, 01/07/2014 - 17:22

Hanno fatto benissimo! Se una macchina frena 5 centimetri oltre la linea bianca, vuol dire che ha visto il giallo e invece di rallentare e fermare (come sarebbe stato obbligata a fare) ha accelerato cercando di passare prima che scatti il rosso, salvo inchiodare quando si accorge che non ce la fa. Risibile che questa regola toglierebbe serenità agli automobilisti che quindi sarebbero più portati a fare pericolose frenate, certo che toglie loro serenità se sono sempre stati abituati a considerare i semafori come degli inutili elementi ornamentali, e comunque personalmente preferisco le "pericolose frenate" alle pericolose accelerate o ai pericoli causati da chi non si ferma mai che tanto nessuno dice niente e i vigili le poche volte che ci sono fingono di guardare da un'altra parte... Li mettessero in tutta Italia questi dispositivi...

Ritratto di bergat

bergat

Mar, 01/07/2014 - 17:30

Certo che con questo sistema l'autombulanza che ti raggiunge al semaforo può suonare la sirena quanto vuole. Io non mi sposto se so che mi becco poi una multa per aver superato la linea bianca per farla passare. Diventeremo ancora più cinici.

magnum357

Mar, 01/07/2014 - 17:31

C'è fame di soldi perchè sanno bene poi come sperperarli alle nostre spalle !!!

Ettore41

Mar, 01/07/2014 - 17:53

Il principio e' giustissimo. Dovrebbero' pero' sanzionare anche tutte le infrazioni al Codice della Strada. Se non ricordo male e' vietato sostare negli 8 mt prima dell'incrocio e 6 mt dopo. Il motivo e' semplice: Chi attraversa l'incrocio deve avere piena visibilita' del traffico. Perche' questo divieto non viene sanzionato?

blackbird

Mar, 01/07/2014 - 18:52

@ bergat: perché se arriva un veicolo in stato di emergenza lei supera la linea d'arresto nonnostante il rosso? E' il veicolo in stato di emergenza che ha il diritto di passere, anche con il rosso con molta cautela, non lei che non ha nè la sirena nè il lampeggiante. Se supera la linea commette un'infrazione. Nei casi da lei presi ad esempio ci si può spostare nella corsia, sempre senza superare la linea d'arresto, così insegnano in tutte le autoscuole serie.

corto lirazza

Mar, 01/07/2014 - 19:11

Ettore41, lei ha perfettamente ragione, ma un semaforo con macchina fotografica non fa mai sciopero e lavora 24 ore al giorno!

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mar, 01/07/2014 - 19:13

@franco65. Se quando attraverso l'incrocio è libero, ma chi mi precede decide all'ultimo istante di voltare a sinistra (vietato, ma...), io gli resto dietro IN MEZZO ALL'INCROCIO, finché non si è tolto di mezzo. Nel frattempo, ecco il rosso. E questo è soltanto uno dei mille casi che si presentano nella pratica quotidiana. Ma un semaforo "intelligente" fotograferà me, mica chi mi ha bloccato lì. Sekhmet.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mar, 01/07/2014 - 19:18

@Ettore41. Negli otto metri prima e nei sei metri dopo l'incrocio ci sono le strisce blu, che sono un reddito sicuro. Noi le abbiamo anche in curva, nelle rotonde, eccetera. Eh! Agli increduli posso fornire documentazione fotografica. Sekhmet.

Ritratto di caribou

caribou

Mar, 01/07/2014 - 19:52

Strano paese!! Dai commenti le mascalzonate pare non siano quelle di passare con il rosso, ma del comune che li multa! Ma toglieteli questi semafori, strisce pedonali, stop e polizia! Libertà!!!!

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mer, 02/07/2014 - 11:30

@Franco65. Ad incrocio liberissimo, è sufficiente che quello davanti svolti a destra e si fermi per lasciar passare una caterva di pedoni. Chi sta dietro aspetta e nel frattempo il semaforo scatta sul rosso. Questo è solo una delle innumerevoli combinazioni di traffico. Sekhmet