Il Papa è «l'Uomo dell'anno» E ha già conquistato l'America

Personaggio dell'anno per il Time; promosso dai fedeli americani. Bergoglio incassa due vittorie, mediatiche e non solo, nel giorno in cui il suo profilo Twitter compie un anno, sfondando la quota di 11 milioni di follower. Il settimanale Time consacra Papa Francesco personaggio dell'anno 2013. Il riconoscimento arriva a pochi giorni dal compleanno di Jorge Mario Bergoglio che il 17 dicembre festeggerà 77 anni. La motivazione? Un «settantenne superstar» che «fa un uso da maestro degli strumenti del XXI secolo nel suo mandato del Primo secolo». Tanto superstar che il Pontefice argentino sbanca anche nei consensi tra i fedeli americani. Un sondaggio condotto da Wall Street Journal e da Nbc rivela infatti che il 57% dei cittadini statunitensi dichiara di avere una visione positiva della nuova guida della religione cattolica. La popolarità del Papa, in nove mesi di pontificato, è raddoppiata e ha superato di gran lunga quella del suo predecessore. Un gradimento visibile soprattutto tra i giovani: uno su due sostiene che Francesco li abbia aiutati a cambiare idea sulla chiesa, in positivo. Domani saranno nove mesi di Pontificato e Papa Francesco conquista terreno, giorno dopo giorno. Per la prima volta quest'anno Bergoglio è entrato nella lista di Forbes, al quarto posto, tra le persone più potenti al mondo. E proprio oggi il profilo Pontifex su Twitter festeggia un anno di vita.
Francesco si gusta la copertina del Time che, nella motivazione, chiama Bergoglio «il Papa della gente», sottolineando che «il capo della chiesa cattolica è diventato una nuova voce della coscienza». Papa Francesco batte così Barack Obama, la talpa dell'Nsa, Edward Snowden, il dittatore siriano Bashar al Assad e il neo-presidente dell'Iran Hassan Rohani, indicati nella rosa dei finalisti. Secondo la rivista americana ciò che rende questo Papa «così importante è la velocità con cui ha catturato l'immaginazione di milioni di persone che avevano perso la speranza nella Chiesa, di gente stanca delle logoranti discussioni sull'etica». Nel lungo articolo, il Time parla della rivoluzione che il Pontefice sta attuando: la creazione di un consiglio di cardinali per la riforma della Curia, l'istituzione di una commissione ad hoc per la lotta alla pedofilia, l'operazione trasparenza e pulizia allo Ior, i segnali di apertura su aborto e matrimoni gay. Il pontefice argentino, prosegue la rivista, «ha preso il nome di un santo umile ed è pronto a trasformare un posto che misura il cambiamento con il passare dei secoli». «Raramente un nuovo protagonista della scena mondiale ha catturato così tanta attenzione, da vecchi e giovani, fedeli e cinici, in così poco tempo» ha sottolineato la direttrice di Time, Nancy Gibbs. «Il Papa non cerca fama e successo – ha commentato padre Federico Lombardi – perché fa il suo servizio per l'annuncio del Vangelo e dell'amore di Dio per tutti. Se questo attrae donne e uomini e dà loro speranza, il Papa è contento». La scelta del Time, per il Vaticano, «non stupisce, data la risonanza e l'attenzione vastissima dall'elezione di Papa Francesco e dall'inizio del nuovo pontificato». Jorge Mario Bergoglio è il terzo Papa ad essere stato nominato personaggio dell'anno, dopo Giovanni XXIII nel 1962, e Giovanni Paolo II nel 1994. «Wojtyla ha dovuto faticare qualche anno prima di avere la copertina del Time – dicono col sorriso dai Sacri Palazzi – Papa Francesco ci ha messo appena nove mesi...».