Il peccato originale del Pd: né carne né pesce

I candidati delle primarie devono firmare la "carta d'intenti", che Bersani ha scritto con Vendola e Nencini. Quest'ultimo è il segretario del Psi, l'unico partito italiano che fa parte del Pse

Qualche giorno fa è stata siglata la "carta d'intenti", con cui la sinistra ha posto le basi programmatiche in vista delle prossime elezioni: chi vorrà presentarsi alle primarie dovrà sottoscriverla. A firmare il documento Bersani, Vendola e Nencini, in rappresentanza di Pd, Sel e Psi. Qualcuno si è stupito per il ruolo importante attribuito al minuscolo Psi, un partito ricco di storia e tradizione ma con una percentuale di voti esigua (tra l'1 e il 2%). In realtà al di là dei numeri il Psi è l'unico partito italiano che fa parte (con diritto di voto) del Partito socialista europeo. Ultimamente è stato sospeso perché in ritardo coi pagamenti delle quote associative: sconta il fatto di essere rimasto fuori dal parlamento nel 2008. E quindi senza rimborsi elettorali.

Fu Veltroni a tenere fuori i socialisti, facendo un'alleanza politica solo con Di Pietro. I radicali si salvarono riuscendo a far eleggere un manipolo di propri uomini nelle liste del Pd. Ridotto al lumicino, dopo anni di diaspora socialista, con gli elettori del vecchio Psi craxiano sparpagliatisi un po' a destra e un po' a sinistra, il partito di Nencini (e Bobo Craxi) è riuscito a tornare al centro della scena politica nazionale. Grazie a Bersani, che cerca di calmierare il radicalismo di Vendola. E grazie anche al fatto che il partitino socialista, che quest'anno festeggia 120 anni di storia, è l'unico aggancio alla socialdemocrazia europea. Cosa non da poco per una forza, come il Pd, i cui esponenti partecipano solo come "ospiti invitati" ai lavori del Pse.

Nato dalla "fusione fredda" degli eredi del Pci e quelli della sinistra Dc (Margherita e Ds), sull'onda dell'esperienza di governo di Romano Prodi, il Pd sconta un peccato originale: è l'unico d'Europa che non fa parte della grande famiglia socialista. Un partito che sin dall'origine non è né carne né pesce: non è liberale (moderato) e non è socialdemocratico. Ha pensato di ispirarsi a un modello diverso, quello della sinistra americana, scimmiottando le primarie per cercare di dare un'investitura popolare al proprio leader.

Dopo anni di primarie farlocche (senza veri e propri scontri per la leadership) quest'anno, per la prima volta, c'è una vera competizione. Vedremo come andrà a finire. Chi vincerà sulla carta dovrebbe guidare la scalata della sinistra a Palazzo Chigi. A meno che la nuova legge elettorale (se arriverà) non faccia saltare tutto. A quel punto saranno i segretari di partito - e non i cittadini - a decidere il capo del governo.

In una lettera ai propri simpatizzanti il socialista Nencini ha scritto: "La foto di Vasto non esiste più, escluso definitivamente il giustizialismo di Di Pietro, esclusi gli estremismi che nel 2008 affossarono l'Unione". Poi, con orgoglio, rivendica: "Ci siamo ripresi il posto che ci spettava nella sinistra italiana". Ma questa nuova sinistra che prova a rilanciarsi con la "carta d'intenti", che rapporto avrebbe con Renzi qualora il "rottamatore" dovesse vincere le primarie?

Commenti
Ritratto di gianni1950

gianni1950

Gio, 18/10/2012 - 18:34

se dovesse vincere le elezioni con questa ammucchiata durerebbe 6 mesi al potere per sfasciare l'Italia . Poi ritorno al voto e gli italiani che non andranno a votare saranno il 70% perchè schifati dall'ammucchiata.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 18/10/2012 - 19:01

Ma...che dite??? NOOOOOOOOOO..... sono comunisti! Sono comunisti!!!!!!! Lo avete ripetuto tutti i santi giorni, dal '92 fino a ieri... adesso ci fate crollare il mondo addosso con queste affermazioni!!! :-D

Ritratto di giubra63

giubra63

Gio, 18/10/2012 - 19:26

x gianni 1950: vuol dire che quel 30% decidera' anche x gli altri! speriamo di non finire come la Grecia, doppie elezioni e doppi costi. comunque questa carta d'intenti dimostra quanta democrazia c'e' dentro il pd : renzi dovra' firmare un documento che riassume il programma di governo , o le belle parole di renzi non seguiranno i fatti o firmera' e rinneghera' cio' che firmera'

achina

Gio, 18/10/2012 - 20:15

Se è vero quanto scritto, significa che, se mai il PD dovesse vincere le prossime politiche, la prima legge "simbolica" darà la cittadinanza italiana ai nati sul suolo, anche se figli di irregolari, e in contemporanea consentirà il matrimonio e l'adozione all' "Orecchino più bello del mondo".

ingenuo39

Gio, 18/10/2012 - 20:17

Forse sono ingenuo ma se un pertito non ottiene voti a sufficenza per il parlamento Italiano e pertanto non rappresenta nessuno in Italia, chi potrebbe rappresentare in Europa? Ma non esiste una legge che se non si è eletti si deve andare a casa e basta? Non è che cercano di fregarci ancora una volta, come hanno sempre fatto? Adesso, se qualcuno mi spiega bene, ma proprio bene, come funziona, lo accetto come se fosse vero.

APG

Gio, 18/10/2012 - 23:14

Che notizia bomba: Bersani e Vendola si sposano: lui, Gargamella, in tight, lei, Pendola, in abito bianco di tulle lungo. Uno spettacolo. Dopo le firme sul registro in chiesa, le firme al gazebo della Lega.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 19/10/2012 - 00:52

Certo che un partito socialista più farlocco di questo non era mai apparso nella storia del nostro paese. Si sono alleati con quelli che tiravano monetine a Craxi e che hanno distrutto il vecchio PSI.

Massimo Bocci

Ven, 19/10/2012 - 09:15

Il peccato originale, di pseudo democratici, truffatori???? Che hanno studiato e praticano una sola professione (adelinquere) il comunista!!!!!

MMARTILA

Ven, 19/10/2012 - 09:36

Di fronte a certi intenti, il peccato originale del PD è quello di esistere. E quello delle persone di votarlo, ma del resto, oggi più di sempre, il semplice recarsi alle urne, in Italia, per chiunque si esprima una preferenza, è un'ammissione di sottomissione ai ladri di partito.

castragalli

Ven, 19/10/2012 - 10:06

Non mi capacito di come fa il pd a essere il primo partito d'italia. Ma con quale coraggio si può votare un partito che pensa solo ed esclusivamente ai propri interessi, alle proprie poltrone e a sistemare le proprie amicizie? Ammucchiata è la parola azzeccata per dare una risposta a questo sfacelo. Il loro obbiettivo non è aiutare i cittadini, ma farci andare ancora più in malora, salvando solo i loro biechi interessi personali di potere. Fanno tutti schifo. ITALIANI: o annullate la scheda, o votate grillo, che, almeno lui, non si è mi seduto sulle comode poltrone parlamentari. E chissà che riesca a cacciare tutte queste cariatidi.