Pericolo calabroni Ogni anno uccidono 10 italiani

L'ultimo è un ex rugbista genovese di 46 anni: soffriva di asma. Le punture colpiscono cinque milioni di persone

Di casi come quello di Andrea Donati, il quarantaseienne genovese stroncato ieri mattina da una puntura di calabrone, ce ne sono almeno una decina l'anno. Tante sono le vittime che si registrano ogni anno - secondo i dati forniti dal Ministero della Salute - a causa di api, vespe e calabroni. Uccidono pungendo. E quella puntura provoca uno shock anafilattico letale. Degli oltre cinque milioni di connazionali che ogni anno vengono colpiti da un pungiglione, quindi, soltanto l'un per cento risulta allergico al veleno iniettato e solo una stretta minoranza rischia quindi la morte. Com'è accaduto non soltanto ieri mattina all'ex rugbista genovese, mentre portava a spasso il cane, ma anche a un cinquantatreenne deceduto nei giorni scorsi all'ospedale San Luigi di Orbassano (Torino).

A Sestri Levante Andrea Donati era molto conosciuto. Da giovane, terza linea del Cus Genova. Ora allenatore dei bambini. È morto poco prima di pranzo mentre passeggiava con il suo cane. Ed è proprio per difendere quest'ultimo da un calabrone molesto che Andrea si è esposto troppo. L'insetto lo ha punto al braccio. E il collo dell'uomo, che soffriva d'asma, si è subito gonfiato. Inutile l'intervento tempestivo dell'ambulanza. Il cuore dell'uomo ha ceduto ancor prima di raggiungere l'ospedale.

Gli ultimi casi di cronaca, insomma, riportano all'attenzione dei media le comuni punture di insetto tanto frequenti proprio d'estate, dal momento che si è soliti indossare vestiti leggeri e smanicati. Le punture di insetti quali vespe, calabroni, e formiche sono eventi che possono registrarsi con una certa frequenza soprattutto per chi vive in ambienti rurali. Tanto che sia in Europa che nell'America del Nord le morti per punture di insetti sono più frequenti di quelle causate da morsi di serpente.

In caso di grave allergia al veleno iniettato dall'insetto, la sopravvivenza è spesso una questione di tempo. «In presenza di una reazione estesa alla puntura, che interessi per esempio tutto un arto, un apparato o l'intero organismo - raccomanda Domenico Schiavino, responsabile del Servizio di allergologia del Policlinico Gemelli di Roma - è fondamentale rivolgersi subito al pronto soccorso più vicino per la terapia d'emergenza». Una terapia a base di adrenalina, cortisone e antistaminici. «Se oltre al classico rigonfiamento compaiono pure prurito diffuso, difficoltà respiratorie o altri sintomi sistemici, è fondamentale - ricorda Schiavino - recarsi in ospedale per accertamenti. Ci sono casi di grave shock in cui la morte può sopraggiungere in 10 minuti».

Nell'80% dei casi, comunque, l'incontro con l'insetto provoca un doloroso, ma passeggero e lieve, disturbo. Per due persone su dieci la reazione alla puntura può invece essere più forte, e provocare gonfiori e dolore.

Commenti

LucaSchiavoni

Mar, 20/08/2013 - 09:23

10 vittime l'anno non è nulla, non è neanche un pericolo. 8000 vittime l'anno , dati ISTAT , di incidenti domestici! STARE a casa fa peggio eh. tutte ste paure, calabroni compresi, ci chiudono in casa dove sono i vERI pericoli.. 8000 vittime l'anno, 4.5milioni di incidenti domestici l'anno...

eri75

Mar, 20/08/2013 - 10:04

PERICOLO AUTO: Ogni anno uccidono 5000 italiani. PERICOLO LAVORO: Ogni anno 1200 italiani muoiono sul lavoro o recandovisi. PERICOLO MONTAGNA: Ogni anno vi muoiono 500 italiani PERICOLO ACQUA: Ogni anno annegano 400 italiani. proprio i calabroni necessitano di un articolo?

Ritratto di cristianomorelli

cristianomorelli

Mar, 20/08/2013 - 10:46

Caspiterina che articolo interessante! E che dire dei vasi assassini che cadono dai davanzali? Oppure un bell'articolo sulle automobili che passano col rosso? E che dire delle serpi killer dei fossi?

il gotico

Mar, 20/08/2013 - 10:59

sinceramente monti ha fatto più morti suicidi dei calabroni

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 20/08/2013 - 11:03

La vita sin dal momento della nascita è tutto un rischio. Addirittura anche prima! Ogni momento può essere quello "buono" per dipartire da questa valle di lacrime! La morte cerca solo il pretesto per piombarti addosso con la sua falce da sterminatrice. Amen!!!

paolonardi

Mar, 20/08/2013 - 11:07

Mentre gli incidenti domestici sono frutto di imprudenza del singolo ed evitabili, le puntute d'insetto sono casuali e fortuite in cui la prevenzione non e' praticabile come nel primo caso.

Nadia Vouch

Mar, 20/08/2013 - 11:47

Mi commuove molto questa foto, di quest'uomo così forte all'apparenza, circondato dagli amici di squadra. Mi commuove che il suo cane gli era accanto quando è stato ucciso da una atroce fatalità. Sono quei momenti nei quali mi viene ancor più da pensare su cosa siamo, così alfine vulnerabili. Dolore e nostalgia.