Piscina per le musulmane. Zaia: "È islamizzazione"

Forti polemiche sulla piscina di Mestre aperta per tre domeniche solo per le donne musulmane

La piscina pubblica di Mestre per tre domeniche sarà riservata alle donne musulmane ed ai bambini dai cinque ai sette anni. Le donne potranno nuotare con il costume intero, coprendo gambe e testa. Si tratta di un esperimento, voluto dall'assessore alla Cittadinanza delle donne del Comune di Venezia, Tiziana Agostini, per permettere alle signore e alle ragazze di fede islamica di poter nuotare senza imbarazzi. Come ha scritto il Gazzettino si vuol tentare di "ricreare in piscina quel senso di complicità e confidenza femminile tipico degli hammam, luoghi tipici della cultura araba dove le donne si incontrano e si raccontano, prendendosi cura del loro corpo al sicuro da occhi maschili e nel rispetto dei dettami del Corano".  E per non turbare le musulmane tutto il personale (bagnini, istruttori e inservienti) sarà di sesso femminile.

L'idea non è piaciuta per nulla al governatore del Veneto, il leghista Luca Zaia: "Con quella decisione - dice criticando la scelta del Comune - è stato scalato un nuovo gradino di un processo di islamizzazione iniziato con le polemiche sul crocifisso in classe e proseguito con la realizzazione della moschea a Venezia. Una situazione inaccettabile - prosegue il governatore -, anche perché priva di un requisito fondamentale come la reciprocità del rispetto degli usi, costumi, tradizioni, storia. Il che vorrebbe dire ad esempio che dovrebbe esserci anche per noi la possibilità di professare la nostra religione e di seguire le nostre abitudini culturali e storiche liberamente nel mondo dell’Islam".

"La libertà di un individuo - ha aggiunto Zaia - finisce dove comincia quella di un altro. In questo caso uno dei principi fondamentali della convivenza civile non mi pare venga rispettato, stante che vengono piegate le nostre regole e abitudini sacrosante alle pretese di chi, ospite nella nostra terra, dovrebbe rendersi conto della diversità di cultura, usi e costumi".  Secondo Zaia "portare oltre i limiti del buon senso l’accettazione di modi di vita lontani anni luce da noi, modificare le nostre regole di vita" viene visto da queste etnie non come apertura culturale, ma resa identitaria. E un popolo che perde la propria identità non ha futuro".

Commenti

kayak65

Lun, 12/05/2014 - 17:13

magari facciamo santo anche Il venerdi' e non lavoriamo per fare contenti I nuovi arrivati. ci manca solo quello, dopo le moschee e I corsi di italiano a ns spese per aiutarli. come al solito grazie sinistra per quello che fai per loro e per quello che non fai per gli italiani

gigetto50

Lun, 12/05/2014 - 17:17

.....con i soldi dei paesi islamici si costruiscano delle piscine islamiche...come per le moschee. A quelle pubbliche tutti hanno diritto di accesso sopratutto la domenica mattina visto che molti uomini lavorano durante la settimana ed il sabato sono impegnati con la spesa per la famiglia etc. Ma stiamo scherzando? Al limite una domenica...non addirittura 3....(su 4)...

Raoul Pontalti

Lun, 12/05/2014 - 17:23

Non dire monate Zaia! Le musulmane pagano come pagano le società sportive che usano le piscine in determinati giorni e in determinati orari e così come ne io né te possiamo usare la piscina mentre si svolgono le gare allo stesso modo non useremo la piscina quando nuotano le donne islamiche. E sull'identità veneta che conosco bene caro Zaia, coltivatela tu, bevi pure schifosissima grappa di merlot e ubriacati ma non imporla a me che preferisco quella di nosiola e la tua polenta "molla" non rifilarla a me che preferisco quella "dura" di Storo, se i tuoi sudditi vicentini amano mangiare i gatti io invece preferisco il coniglio e se le tue donne amano puttaneggiare non pretendere che puttaneggino anche le mie e quindi non rompere i coglioni con le tue monate pseudoidentitarie.

albertzanna

Lun, 12/05/2014 - 17:25

Zaia ha perfettamente ragione. I mussulmani vogliono le donne coperte dalla testa ai piedi per nascondere i lividi che portano addosso, perché il corano dice che la donna può e deve essere picchiata per insegnarle il rispetto per il marito. Come facevano nel 622 dC, quando maometto ricevette, disse lui sotto dettatura dall'Arcangelo Gabriele, il testo del loro libro sacro (come poi facesse a scrivere che era analfabeta e di una ignoranza mostruosa, sono i misteri gaudiosi di allah). Tale era allora e tale deve essere adesso. Meditate, voi di sinistra che li volete in quantità, perché siete certi che sarebbero voti per voi. Se quelli arriveranno a fare il califfato anche in Italia, mi sa che D'Alema dovrà bruciare la sua bella vigna, che la Boschi, invece di vantarsi a fare vedere le tette, verrà coperta con il burqa e che Renzi si vedrà trasformare in moschea il battistero di Firenze. L'unico felice sarà Nichiorecchino da Bari, perché lo accoppieranno con un cammello maschio. Chi vivrà vedrà................. Albertzanna

chicolatino

Lun, 12/05/2014 - 17:28

chiamate il 113 per Raoul di Okuto...

michele lascaro

Lun, 12/05/2014 - 17:29

Tutti i musulmani indossano i vestiti immergendosi nelle acque del mare, ma le piscine sono un luogo privato e il governatore Zaia perché ha permesso questo scempio?

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 12/05/2014 - 17:36

Quando mi si censura su commenti , napolitano , arabi , mussulmani d alema , ladri e traditori , e da capirsi che non siamo piu in Italia .Ma in arabia saudita , nordkorea, kuba,oppure ho sbagliato giornale , mi sono confuso scrivendo al il fatto quotidiano o l unita, o la repubblichetta dei partigiani.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 12/05/2014 - 17:37

#Raoul Pontalti. Caro il mio infettivologo immaginario, fanatico dei calicivirus e dei calici in genere...Dovrai ammettere che più che di pudicizia...di igiene precipuamente si tratta.

chicolatino

Lun, 12/05/2014 - 17:40

ahy ahy ahy...povera italia, ormai paese di pecoroni senza dignita'...

Cinghiale

Lun, 12/05/2014 - 17:47

Senza voler essere estremista, se la piscina è pubblica, considerando gli impegni settimanali dei genitori e che per i papà la Domenica spesso è l'unico giorno in cui fare qualcosa con i figli, togliere 3 Domeniche su 4 mi sembra un soppruso bello e buono. Così non è più pubblica la piscina, senza menarla con islamizzazione e cristianità. Allora sarebbe meglio fare tutti i mercoledì del mese, le mogli velate non fanno una mazza tutta la settimana, guadagnerebbero un giorno al mese.

Ritratto di danutaki

danutaki

Lun, 12/05/2014 - 17:51

@ Raoul Pontalti....Allah o Akhbar !! ...niente alcolici per favore.....soprattutto appena uscito dal lavoro !! Si sforzi...e ci pensi ...l'Italia (cioè qui) non è un merdoso paese islamico !!!

albertzanna

Lun, 12/05/2014 - 18:00

PER RAUL PONTALTI - su queste pagine, se c'è uno che dice cazzate a raffica, non monate che la mona è cosa sacra, mentre a te piace il pisello, questi sei tu, E SOLO TU. Se gli imbecilli di sinistra e islamizzati volassero, per aria sarebbe tutto uno sbatter d'ali, anche le tue

gigetto50

Lun, 12/05/2014 - 18:21

....il colmo...la domenica giorno sacro per i cristiani profanato da questo decreto islamico....! La prossima mossa sara' bandire gli alcolici da tutti i bar e supermercati di Mestre durante il Ramadan e tutti i venerdi'....

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Lun, 12/05/2014 - 18:29

Gli italiani , (a cominciare dal nord ) si stanno islamizzando , andrà a finire che i cattolici (come gli stessi italiani), saranno ospiti a casa propria , per la gioia del PD & company .

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Lun, 12/05/2014 - 18:30

Sai che bello usare la piscina il giorno dopo che lo hanno usato queste islamiche con i vestiti addosso?! E' come nuotare in una vasca in cui si sono lavati i panni sporchi! Sai che bellezza, dovranno svuotare e riempire le piscine ogni volta o aspettare che i filtri facciano il loro lavoro, forse meglio tornarci il martedi invece che il lunedi in piscina,saluti!

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Lun, 12/05/2014 - 18:35

Le donne musulmane , se vogliono andare in piscina , devono seguire ed accettare le nostre regole , non siamo noi che dobbiamo accettare le loro regole a casa nostra , chi permette questo permetterà loro , qualsiasi altra cosa e quindi e gente pericolosa per il bene degli italiani .

Ritratto di illuso

illuso

Lun, 12/05/2014 - 18:44

Per Raoul Pontalti: Egregio le dico con franchezza che mi dispiace veramente che lei sia un trentino, quella terra che conosco benissimo merita di meglio...Viva felice che la vita è breve.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Lun, 12/05/2014 - 18:45

Andiamo sempre meglio! Una donna in bikini può fare il bagno in piscina o al mare nei Paesi Arabi ?? Non credo. Quindi se queste signore vogliono cacciarsi in acqua vestite lo vanno a fare a casa loro. L'Italia non è un paese Islamico (per ora) e quindi si adeguano loro alle nostre usanze altrimenti se ne tornano a casa:nessuno sentirà la loro mancanza. Ma è mai possibile che l'Italia debba sempre pensare agli stranieri e non agli Italiani? Prima gli Italiani e poi il resto del mondo!

leo_polemico

Lun, 12/05/2014 - 18:56

Se a questi nostri "ospiti" indesiderati non vanno bene i "nostri" usi e costumi, possono benissimo tornarsene al loro paese. Certamente non ci saranno rimpianti da parte nostra. Gli importi, non indifferenti, impiegati per "aiutarli" diventerebbero disponibili per gli italiani in difficoltà o per migliorare le condizioni di vita di tanti invalidi, quelli veri che non hanno avuto aiuti disonesti per avere una pensione non dovuta, e che hanno la dignità di "non chiedere". Mi chiedo, sovente, quale sia il contenuto della testa di chi è favorevole, senza se e senza ma, all'immigrazione senza controlli: forse pensa che una volta avuta la cittadinenza gli immigrati votino per la sinistra che li ha sostenuti? Poveri illusi: già alle scorse elezioni comunali di Milano si era sentito parlare di un "partito islamico" e quindi....possiamo facilmente immaginare il risultato finale.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/05/2014 - 19:06

Le tizie come la Agostini DEVONO dormire preoccupate. Sono delle irresponsabili già dhimmi nell'anima. E' proprio concentrata sull'islamizzazione coatta. L'assessore Tiziana Agostini ha incontrato quattro giornalisti del Kurdistan iracheno L'assessore comunale alla Comunicazione e Cultura delle differenze, Tiziana Agostini, ha ricevuto questa mattina a Ca' Farsetti, quattro giovani giornalisti del Kurdistan iracheno. L'incontro, che rientra nel progetto per la promozione dell'interculturalità,

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Lun, 12/05/2014 - 19:21

...Mi raccomando! "Disinfestare" l'acqua della piscina qualora prima vi avessero fatto il bagno gli "infedeli" italiani.

Miraldo

Lun, 12/05/2014 - 19:44

Ben detto Zaia a casa loro faranno come vogliono. Stai a vedere non hanno mai visto un uomo seminudo queste mussulmane che siano Sante!!!

Ettore41

Lun, 12/05/2014 - 20:00

Rafforzo il concetto gia' espresso da altri: piscina pubblica!! se fanno entrare le islamiche voglio entrare anche io altrimenti denuncerei Tiziana Agostini per interruzione di servizio pubblico. PER ROUL PONTALTI IL 113 NON E' SUFFICIENTE. CHIAMATE LA NEURO E CHE PORTINO LA CAMICIA DI FORZA.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 12/05/2014 - 20:11

@ Raoul Pontalti: concordo in pieno. E poi basta aspettare un po' e si adegueranno anche le mussulmane.

giottin

Lun, 12/05/2014 - 20:14

Io la tiziana agostini la farei nuotare col burca in una vasca di squali affamati.

lamiaterra

Lun, 12/05/2014 - 20:39

“SVEGLIA GENTE, NON VEDETE CHE LA NOSTRA ITALIA E’ SOTTO INVASIONE MUSULMANA” ------- E con i figli di Allah la faccenda sarà dura. molto lunga. Ammenoché il resto dell'Occidente non smetta di farsela addosso… E a loro dico: sveglia, gente, sveglia! Intimiditi come siete dalla paura d'andar contro corrente cioè d'apparire razzisti (parola oltretutto impropria perché il discorso non è su una razza, è su una religione), non capite o non volete capire che qui è in atto una Crociata alla rovescia. Abituati come siete al doppio gioco, accecati come siete dalla miopia, non capite o non volete capire che qui è in atto una Guerra di Religione. Voluta e dichiarata da una frangia di quella religione, forse, comunque una guerra di religione. Una guerra che essi chiamano Jihad. Guerra Santa. Una guerra che non mira alla conquista del nostro territorio, forse, ma che certamente mira alla conquista delle nostre anime. Alla scomparsa della Nostra libertà e della nostra Civiltà. All'annientamento del nostro modo di vivere e di morire, del nostro modo di pregare o non pregare, del nostro modo di mangiare e bere e vestirci e divertirci e informarci… Non capite o non volete capire che se non ci si oppone, se non ci si Difende, se non si combatte, la Jihad vincerà. E distruggerà il mondo che bene o male siamo riusciti a costruire, a cambiare, a migliorare, a rendere un po' più intelligente cioè meno bigotto o addirittura non bigotto. E con quello distruggerà la nostra cultura, la nostra arte, la nostra scienza, la nostra morale, i nostri valori, i nostri piaceri... Cristo! Non vi rendete conto che gli Usama Bin Laden si ritengono autorizzati a uccidere voi e i vostri bambini perché bevete il vino o la birra, perché non portate la barba lunga o il chador, perché andate al teatro e al cinema, perché ascoltate la musica e cantate le canzonette, perché ballate nelle discoteche o a casa vostra, perché guardate la televisione, perché portate la minigonna o i calzoncini corti, perché al mare o in piscina state quasi ignudi. ---- (Oriana Fallaci -2001).

moshe

Lun, 12/05/2014 - 20:43

Commenti? che italia di me... !!!!! !!!!! !!!!!

mbotawy'

Lun, 12/05/2014 - 20:58

Una simile proposta facciamola ad uno dei paesi arabo-mussulmani, vediamo la reazione alle nostre donne e ragazze in bikini!Se le prenderanno a pietrate dopo averele interrate fino al collo, non vale il detto loro Allah Ahbarr. In fondo,tutto cio' dimostra che Islam e'una cultura progressista,moderna,che ispira seguirla, per giustizia e progresso,come il servirsi con la mano destra al pranzo,senza l'uso delle posate,mentre la sinistra supplisce la carta igenica al W.C.

Dako

Lun, 12/05/2014 - 21:15

Semplicemente vomitevole.

steacanessa

Lun, 12/05/2014 - 21:54

L'incapacità degli amministratori sinistri di merenda é abissale. Questa trinariciuta dispone di un bene pubblico a favore di un esiguo numero di persone. Gli abitanti di Mestre hanno ció che meritano: un'amministrazione di inetti fuori di testa.

claudio63

Lun, 12/05/2014 - 22:12

Sig. Pontalti, mi scusi, ma che male c'e' nell'evitare che una religione diventi un simbolo di segregazione? perche le donne di una certa religione in Italia devono acconciarsi e piegarsi alle tradizioni che non sono di questo paese? la nostra e' una cultura liberale e fondamentalmente tollerante, cosa che nell'ambito musulmano faccio ancora fatica a trovare. mi creda, sono sposato ad una Iraniana. E poi , via, definire le donne di un altro paese puttaneggianti, e' volgare e tremendamente becero oltre che, guarda un po', definitivamente irrispettoso nei confronti dell' altro sesso in genere. Mi sarei aspettato questo commento piu' da un Berseker2 che da Lei. trovo i commenti del Governatore Zaia appropriati ed in sintonia con il nostro modo di essere. Io sono italiano e lavoro in Tx da molti anni, e, mio malgrado, ho dovuto assoggettarmi alle tradizioni ed alla cultura del luogo. perche non possiamo farlo anche noi a casa nostra? Claudio Carugati Houston, TX

Ritratto di giubra63

giubra63

Lun, 12/05/2014 - 22:16

dopo Rimini anche la rossa Venezia-Mestre si genuflette agli integralisti islamici. Ma dove é la sinistra? dove sono le femministe, quelle che negli anni ’70, urlavano per la parità e l’uguaglianza delle donne? ora si giustifica tutto per via della religione, ma solo quella islamica, dopo aver criticato anche giustamente la Chiesa Cattolica per l’arretratezza culturale, e aver provocato uno sconquasso religioso anche il il Concilio Vaticano II, l’Italia si arrende agli estremisti islamici. Non si puo’ criticarli (a proposito firmate per i referendum Lega Nord per abrogare la Legge Mancino e la possibilità degli stranieri a partecipare nei concorsi pubblici italiani) pena il pseudo-razzismo, ma loro che sono ancora minoranza (fanno tanti figli che fra poco saranno maggioranza in Italia) pretendono che ci adeguiamo a loro? le donne velate, cose da medio-evo, vergogna, se non se islamico e giri per le città velato o con il burqa o con il niqab o con il chador vieni identificato dalle Forze dell’Ordine e denunciato, mentre a loro tutto é permesso! Questo é razzismo all’incontrario. E’ una vergogna sia le spiagge separate che i corsi di nuoto organizzati da amministrazioni comunali che vogliono la separazione dei sessi, cosa succederebbe se organizzassero dei corsi per bianchi separati dai neri? Vergogna,vergogna, e ancora vergogna, ha ragione Magdi Allam, speriamo che alle elezioni europee votiamo tutti i candidati in Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia-AN contrari a questo imbarbaremento culturale.

Ritratto di laisa1942

laisa1942

Lun, 12/05/2014 - 23:44

Zaia ha perfettamente ragione !....a poco a poco avranno il sopravvento ....

silvanes

Mar, 13/05/2014 - 01:31

Quando noi ticinesi abbiamo vietato il burqa quasi tutta la stampa italiana e, ovviamente la scandalizzata UE, ci hanno accusato ovviamente di essere razzisti. Naturalamente l'intellighenzia rossa del mio paese sogna di cancellare dalla stendardo la croce bianca per far posto alla mezzaluna araba. Gli stessi che fino a qualche anno or sono sognavano la falce e il martello. Siamo messi male!

Ritratto di Simbruino

Simbruino

Mar, 13/05/2014 - 03:40

Zaia ragiona come un estremista islamico, nei paesi islamici ci sono spiagge riservate ai turisti occidentali ove possono fare anche i nudisti,ed a parte la scelta del giorno ritennedo inopportuno proprio la domenica perche´le famiglie non lavorano si dovrebbe comprendere che queste usanze non le vengono ad imporre in forza di una loro volontaria decisione ma in adeguamento al semplice rispetto di una millenaria regola religiosa che offre solo la alternativa di rispettarla o meno, deve essere la istituzione pubblica a creare le condizioni sociali affinche´chi lo ritiene la possa rispettare , percio´mi dispiacerebbe che Zaia essendo cattolico si dimostrasse meno tollerante dei musulmani, perche´a sharm ed in mille altri luoghi turistici si balla e si beve alcol che sembra di essere in Europa

Tino Gianbattis...

Mar, 13/05/2014 - 04:03

La quarta domenica e settimana PISCINA CHIUSA PER PULIZIA E CAMBIO DELL'ACQUA

Iacobellig

Mar, 13/05/2014 - 06:26

persone al comando come nel caso dell'assessore alla Cittadinanza del comune di Venezia dovrebbero essere fermate subito prima che sia troppo tardi. coloro che vengono in Italia non devono venirci per capovolgere usi e costumi degli Italiani ma per eventualmente integrarsi agli stessi.

mariod6

Mar, 13/05/2014 - 06:43

Perché gli amministratori pubblici hanno sempre la smania di compiacere gli stranieri e comprimere i diritti, la cultura e le usanze degli italiani?? Sperate di prendere i loro voti alle elezioni?? Rendetevi conto che la religione di Maometto non prevede la convivenza di culture diverse ma solo la conversione (volontaria o forzata) all'islam e che ogni mezzo è lecito per imporla. Vedere le ragazze cristiane nigeriane. Per soddisfare Boldrini e Kyenge e tutti i loro sodali, faremo la stessa fine.

Ritratto di PAYBACK59

PAYBACK59

Mar, 13/05/2014 - 06:56

SE TUTTO VA BENE PONTALDI NON E' NEMMENO ITALIANO ......DI SICURO E'UN FONDAMENTALISTA ISLAMICO.....IN CASO CONTRARIO QUANDO GL'ISLAMICI GLI VIETERANNO QUALCOSA SARA'DI SICURO MOLTO CONTENTO !!!!!!!

maleo

Mar, 13/05/2014 - 07:23

Tipico esempio di estremizzazione dei diritti e dover.Si affermano gli psedo diritti di 4 persone penalizzandone 400.Con strutture pubbliche!Tra l'altro,nelle piscine che frequento ,é vietato l'uso dei boxer,per motivi igienici e obbligatoria la doccia prima di entrare in vasca.Come la mettiamo con queste speci di bagnanti vestite da suora???

plaunad

Mar, 13/05/2014 - 08:30

Raoul Pontalti, ma quando la smetterai di fare l'avvocato delle cause perse, solo e sempre a senso unico, cioé contro l'Italia e gli italiani? Considerando che presumo che anche tu sia italiano di che si tratta? Di una grave forma patologica di autolesionismo? O sei solo un povero ebete provocatore che gode nel uscitare nausea e repulsione negli altri?

epesce098

Mar, 13/05/2014 - 08:37

Vengono a lavare i loro stracci che portano addosso nelle nostre piscine! Mi piacerebbe sapere cosa succederebbe a una nostra connazionale se andasse a fare il bagno, con un due pezzi, nelle loro piscine. Verrebbe lapidata?

silvia1966

Mar, 13/05/2014 - 08:52

Un'idea sarebbe poter boicottare le piscine per tutto il resto della settimana, buttare eventuali abbonamenti o non rinnovarli! mi dispiace per chi ci lavora ma a mali estremi estremi rimedi!

paolonardi

Mar, 13/05/2014 - 09:55

Una considerazione forse frivola: ma e' proprio indispensabile fare il bagno in piscina? Se proprio le mogli dei cenciosi vogliono bagnarsi lo possono fare al proprio domicilio con maggior agio e senza rompere i c.....i e se poi vogliono lavare i cenci con cui si coprono esistono le lavatrici. Ho poi una teoria sull'ossessione degli uomini islamici per le loro donne; probabilmente non sono sicuri di se stessi e della loro virilita'.

epesce098

Mar, 13/05/2014 - 10:50

Raoul Pontalti - Qui se c'è qualche ubriaco di prima mattina , questo sei tu, e se non sei ubriaco senz'altro avrai assunto qualche droga. Non riesco a capire come tu vieni a pontificare su "Il Giornale" invece di andare dove ci sono tutti i tuoi sodali: "La Repubblica". Forse sei un masochista e vuoi scoprire quanti, ogni giorno, ti mandano a fan.... forse godi per questo!!