Il pm lascia in eredità l'inchiesta su Cirielli

Nei guai il parlamentare di Fratelli d'Italia Edmondo Cirielli (nella foto). Guai seri. La Procura di Salerno gli ha consegnato una informazione di garanzia per corruzione e voto di scambio. Pur di vincere il confronto interno al Pdl salernitano, con l'ex ministra Mara Carfagna Cirielli, all'epoca in cui era parlamentare del Popolo della libertà e presidente della Provincia di Salerno, avrebbe chiesto al suo referente politico a Nocera Inferiore, Giuseppe Fabbricatore, di tesserare falsi iscritti al Pdl «in danno della corrente che fa capo all'onorevole Carfagna». In cambio, il Fabbricatore avrebbe ottenuto per la moglie la vittoria a un concorso bandito dalla Provincia di Salerno, di cui appunto Cirielli era il presidente. Concorso poi vinto dalla signora Assunta Manzo, fortunata consorte del Fabbricatore. I fatti contestati al deputato di Fratelli d'Italia vanno dal 2009 al 2011. Nella stessa vicenda sono indagati anche Fabbricatore e la Manzo. Questa su Cirielli è una delle ultime indagini portata avanti dal procuratore Franco Roberti, promosso di recente alla guida della Procura nazionale antimafia. Cirielli si difende e dichiara: «Sono dispiaciuto ma ho la coscienza a posto».