Porte aperte ovunque: ecco la carta dei diritti per gli animali in città

Accordo siglato dall'associazione dei comuni con l'associazione dell'ex ministro Brambilla. Scarica il regolamento

Fino ad ora era tutto un marasma di iniziative, anche le più lodevoli per l'amor di Dio, ma sotto la rigida egida della pura anarchia, nel senso che ogni amministrazione comunale emanava i suoi regolamenti e le sue delibere. Moltissime amministrazione, per amor di verità non emanavano un bel niente e s e ne fregavano del problema. Adesso, molto è cambiato. E' stato infatti presentato ieri a Roma, tra l'ANCI, l'Associazione dei Comuni Italiani e la Federazione per i Diritti animali, un accordo quadro che impegna l'associazione dei comuni alla massima promozione del regolamento per un nuovo rapporto uomo animale e la sua adozione da parte dei sindaci italiani. Presenti, per l'ANCI, il presidente Alessandro Cattaneo e per la Le.I.Da. L'instancabile onorevole Michela Vittoria Brambilla (oltre agli esponenti delle principali associazioni zoofile), l'accordo in questione regola le principali modalità di convivenza tra uomo e animale, prendendo in considerazione alcuni punti chiave, quali la detenzione di cani e gatti secondo standard minimi di benessere (con l'assoluto divieto, ad esempio, di utilizzare la catena o di lasciare gli animali da soli per lungo tempo), il libero accesso degli animali domestici sulle spiagge, nei luoghi pubblici, nei luoghi aperti al pubblico (compresi case di riposo, ospedali, cimiteri) e sui mezzi di trasporto pubblico, la tutela della fauna selvatica e la detenzione di animali esotici. Questi sono solo i punti principali messi in evidenza dal nel regolamento-tipo per la tutela degli animali e la loro convivenza con i cittadini. Da parte sua, il presidente dell'ANCI ha sottoscritto un preciso impegno a far conoscere e promuovere, presso le amministrazioni comunali, il regolamento e a fare in modo che tutti i sindaci non solo ne prendano atto e conoscenza, ma cerchino, per quanto loro possibile, di adottarne le principali voci.

Oltre all'onorevole Brambilla sono intervenuti a questo fondamentale evento per la civiltà di un paese che non sempre dedica la dovuta attenzione al benessere animale, il Presidente di Lav, Gianluca Felicetti, il Presidente di Enpa, Carla Rocchi, il Presidente di Oipa, Massimo Comparotto, il presidente della Lega del Cane, Piera Rosati, Dario Oriani di SOS Levrieri e Alessia De Paolis, delegata Anci al randagismo.

I prodromi di questa importantissima iniziativa si sono avuti l'anno scorso con la presentazione di ordinanze-tipo per il libero accesso degli animali a spiagge e luoghi pubblici, ma quello che è stato presentato ieri vuole essere un accordo molto più ambizioso, perchè prende in considerazione casistiche raramente sfiorate o adottate dai comuni e soprattutto non si limita ai problemi della convivenza tra uomo cani e gatti, ma intende occuparsi di animali non convenzionali, dalla tartaruga, al criceto, dal pesce rosso fino all'elefante costretto a «lavorare» tra clown e trapezisti, sotto il tendone del circo. Un altro punto fondamentale è quello dell'educazione: Secondo il testo proposto, il Comune riconosce «la valenza sociale» del rapporto tra esseri umani e animali d'affezione ed opera perché il rispetto verso i nostri amici a quattro zampe sia promosso anche nel sistema educativo, a partire dalla scuola dell'infanzia ed elementare. Il divieto di vendita di animali a minorenni, di detenerli se si sono riportate condanne, la regolamentazione dell'uccisione «domestica» di animali da consumo, la proibizione di donarli in premio, la concessione di visitare parenti in ospedali e case di cura, fanno di questo atto un simbolo di civiltà cui speriamo che i sindaci si adeguino con entusiasmo.

Commenti
Ritratto di cangrande17

cangrande17

Ven, 14/06/2013 - 11:02

Non leggo neanche l'articolo. Mi rifiuto di credere che delle persone sensate, in un momento storico come questo, si mettano a pensare ai diritti degli animali. Posso solo pensar male: le lobby di coloro che fanno business con gli animali (produttori di cibi e accessori per animali in genere) pagano profumatamente questo tipo di iniziative e questo tipo di giornalismo. Vergogna!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 14/06/2013 - 11:03

Ma parlate di problemi reali! La rossa non ha ancora realizzato il concetto che , di questo passo, il cane verrà servito a tavola...arrosto con contorno di patate.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Ven, 14/06/2013 - 11:04

L'unica cosa da regolamentare sarebbero i diritti degli esseri umani nei confronti delle minacce provenienti dal mondo animale (schiamazzi, deiezioni sui marciapedi, aggressioni).

vigpi

Ven, 14/06/2013 - 11:42

ma sarò libero di andare in un ca...o di posto dove non ci sono animali??????' Unica soddisfazione: nel 99% dei casi gli sbranati dai cani sono i padroni, i figli dei padroni, i parenti dei padroni.

Ritratto di Papapeppe

Papapeppe

Ven, 14/06/2013 - 11:50

Che minchiata! La Brambilla è da tso, in questo paesaccio strafallito, il massimo delle aspirazioni è di nascere cane e finocchio! Adesso ci troveremo pulcioni fra le palle anche negli uffici o in farmacia. Io ho i miei animali e li tengo in casa mia, non obbligo nessuno a stare col mio gatto o a farsi annusare dal cane.

buri

Ven, 14/06/2013 - 12:12

Ma che bravi gli animalisti! e i diritti dei bambini che non possono giocare in un parco pubblico per non disturbare i cani? cosa dovremmo fare mettere il guinzaglio ai nostri figli per tenerli sui sentieri lasciando tutto lo spazio verde ai cani per poter fare lì i loro bisogni? chiediamolo alla Brambilla

Ritratto di Italia vera

Italia vera

Ven, 14/06/2013 - 12:23

eccoli qua tutti riuniti....la massa di beceri.... visto il momento storico non occupiamoci di niente più, aboliamo il calcio, lo sport in generale, chiudiamo le discoteche, la televisione non trasmetterà nulla se non news e programmi politici, chiudiamo i cinema, ah ops ma c'è gente che lavora dietro a tutto questo.... quindi le lobby che dite (produttori di cibi) sono aziende che danno lavoro e che generano profitti e magari pagano stipendi a padri di famiglia...... difficile capirlo vero???? i diritti degli esseri umani nei confronti delle minacce provenienti dal mondo animale....lei invece non ha nulla da farsi perdonare non ha mai gettato una sigaretta in mare o sulla spiaggia, non ha mai buttato un fazzoletto o altro a terra, no lei è perfetto, pensi le volte che ho trovato le sue carte fuori dalla mia porta!!! o una lattina che sicuramente è caduta per sbaglio.... su vigpi lei è un represso si fidi, le posso garantire che esistono cure di lobby farmaceutiche che possono aiutarla, se la sua soddisfazione è godere della morte altrui.... complimenti veramente.... il bello che avete anche diritto di voto nonostante tutto!!! buona giornata....

chiara 2

Ven, 14/06/2013 - 12:33

cervelli all'ammasso....

PincoX

Ven, 14/06/2013 - 13:32

Finalmente una buona notizia! E che cavolo! Tanto chi se ne importa se sul mio appartamento in un terrazzino 4x4, scorrazzano un paio di cani tutto il giorno e tutta la notta provocando rumori infernali! Hanno pure abolito il divieto condominale di tenerli!!! Evvai!!! E chi se ne importa se il mio vicino ha un cane che abbia tutta la notte costringendomi, anche d’estate, a dormire blindato. E chi se n’importa che spesso mi vedo costretto a rimuovere le deiezioni che tanti amanti degli animali lasciano fare ai loro piccoli. Ma si, mia figlia al parco la lego volentieri al guinzaglio, meglio veder correre i cani che bambini, e se a casa degli amici il loro cane, durante la cena, mi sta letteralmente tra le palle, chi vuoi che se n’importi!!!

alfa553

Ven, 14/06/2013 - 13:47

Io rimango allucinato da tante strupidaggini, io non sopporto ne gatti ( sporchi, si leccano l'ano e vomitano palle di peli, e sono sempre attizzaati e non ti fanno dormire) e ancor meno i cani, dei quali ho sempre rispetto per timore, sempre con quella bava repellente e i pedos che sparano sono peggio dei miei, quindi, rispetto anche per me e quelli come me. Un animale è un animale e se cosi non fosse andrebbero all'universita. Ma questa paladina cosa guadagna , e quanto guadagna, tanto amore per le bestie si fa pagare.

Cinghiale

Ven, 14/06/2013 - 14:23

Credo che se in albergo accettano i cani, lo scrivono a chiare lettere. Se non li accettano lo scrivono a chiare lettere. Non vedo il problema, una volta che lo sai è tutto ok. Se per strada il tuo cane fa la cacca la raccogli, o anch'io faccio la cacca e la lascio li. Trattare gli animali da animali senza maltrattarli e comportarsi da uomini. Tutto il resto è businnes.

PincoX

Ven, 14/06/2013 - 14:29

Quella dell'assoluto divieto di tenere i cani alla catena e' proprio una perla! Ora invece della cuccia gli facciamo un mini appartamentino tutto per loro cosi' gli facciamo pure pagare l'IMU!!!!

PincoX

Ven, 14/06/2013 - 14:42

...aggiungo... se fra qualche giorno vieni assalito da un doberman, magari uscito da un cancello aperto da cui e' uscita un'auto, stai tranquillo e non ti agitare poiche' il padrone ti dira' che "c'e' il divieto assoluto di tenere i cani alla catena".... vedi te che paese ci ritroviamo....

tiptap

Ven, 14/06/2013 - 14:54

Ecco un vero atto di INCIVILTA'. Le bestie vengono prima delle persone! Non bastano i casi tremendi e continui di bambini e adulti azzannati? Senza contare i danni, le piccole ferite che non fanno notizia, le malattie, lo sporco, ecc. E' vero che i colpevoli non sono gli animali, ma i loro padroni, spesso presuntuosi e prepotenti, però questa mania odiosa di ignorare le migliaia di persone che quotidianamente subiscono danni e fastidi dai cani degli altri renderà quei proprietari incapaci e prepotenti ancora piú incapaci e prepotenti (se possibile). Catena, guinzaglio e museruola obbligatori in tutti i luoghi aperti al pubblico: questa si chiama civiltà!

tiptap

Ven, 14/06/2013 - 15:02

E, sotto sotto, tutto questo non è magari dettato dall'interesse commerciale del "potente" di turno? Deve essere cosí, perché una tale bestialità non si capisce... La catena ci vuole non solo per i cani, ma anche per certi loro padroni...! Trattare bene gli animali è piú che giusto, ma mettere a rischio le persone è idiota. In ospedale, poi! Non ho parole.

vigpi

Ven, 14/06/2013 - 17:01

per italia vera Lei ce l'ha un cane..... che so un pit bull,un rottweiler!!

eloi

Ven, 14/06/2013 - 17:31

Visto che si fa un "codice civile" a favore degli animali. A quando anche un codice penale? "Bambino di quattordici mesi sbranato dal cane dello zio" Non vi dice niente?

Danielina11

Ven, 14/06/2013 - 17:50

Dal sito di Diana Lanciotti: "Certo che leggere tutti questi commenti così allineati mi fa pensare che a scriverli sia sempre la stessa persona che si cela dietro tanti nickname diversi: non può essere che siano così tanti a scrivere tante cavolate (e scusate il termine che non mi è usuale, ma stavolta ci sta tutto)! Se l'Italia è così indietro forse è proprio per la mentalità retrograda e chiusa ANCHE nei confronti degli animali. Il livello di civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali. Non lo dico io. Lo diceva Gandhi. E adesso, signori antianimalisti, prendetevela con lui..." Io la penso come lei (e come Gandhi).

Danielina11

Ven, 14/06/2013 - 17:51

Devo arguire che tutti i lettori del Giornale odiano gli animali? Ma come state male, poveri!!!

tiptap

Ven, 14/06/2013 - 18:16

E' proprio perché amiamo gli animali che non vogliamo vederli in mano a certi padroni... E nemmeno ci piace vederli, incattiviti, in città ed appartamenti, dove fanno piú danni che altro, e specialmente danni ad esseri umani, i quali, sí, ci mancherebbe altro, hanno maggiori diritti!!! Riguardo a Gandhi, bisogna capire bene cosa intendeva: naturalmente la civiltà si misura ("anche") dal modo in cui gli animali sono trattati... cioè, appunto, da animali! Ovvero un gradino sotto agli esseri umani, ai quali non dovrebbero nuocere!

tiptap

Ven, 14/06/2013 - 18:27

Ma che stessa persona...! La maleducazione di chi vuole a tutti i costi imporre i propri animali ed i propri comodi agli altri, sta causando una tale persecuzione, tanti e tali danni, e fastidi, e problemi, agli "altri", che non se ne può piú! E' un po' come per i clandestini: i delitti odiosi (prima di tutto stupri e aggressioni violente per rapina) che costoro commettono sistematicamente fanno insorgere la popolazione, ma il razzismo non c'entra nulla: è semplice necessità di difesa. Dunque trattate bene i vostri cani, ma soprattutto teneteveli... e al guinzaglio.

Ritratto di Italia vera

Italia vera

Ven, 14/06/2013 - 20:06

per vigpi si ho un rottweiler femmina ed un labrador maschio ex cane di salvataggio ora in pensione, pensi addestrato per salvare la vita agli uomini, anche alla gente come questa che ha scritto qui pensi come è strana la vita .... a costo di perdere la propria...., per danielina concordo con tutto quello che scrive...

hellas

Ven, 14/06/2013 - 21:33

Io lo dico da tempo che l'Italia morirà di conformismo e idiozia dilaganti... Fra le tante cretinate conformiste che vengono ripetute come mantra c'è questa : il livello di civiltà di un Paese si misura anche da come vengono riconosciuti i diritti degli animali. ..... Basta con la Brambilla, vada a casa con i suoi cani e la finisca di romperci, o se vuole essere utile, o almeno provarci, cominci a pensare ai disoccupati bipedi, che non ce la fanno più . Se crede che gli stranieri non vengano più in Italia perché negli alberghi non possono portare il cagnetto, prende una cantonata ; non vengono perché siamo cari, i servizi in generale ( per gli umani ! ) fanno pena, le nostre bellezze sono sommerse dalle sporcizie, altro che cani. Con le Brambilla il centrodestra perderà per i prossimi 200 anni. P.S. Ho un cane che tratto benissimo, e in passato ne ho avuti altri due , ma non mi sogno e non m i sono mai sognato di imporre agli altri i miei cani, per cui in spiaggia non lo porto, e nei parchi lo tengo al guinzaglio, e le feci si raccolgono... Cominci la Brambilla ad insegnare ai padroni maleducati, tantissimi, come ci si comporta ...

chiara 2

Ven, 14/06/2013 - 22:12

I cervelli all'ammasso, specifico, sono quelli di taluni qui che inveiscono contro tale iniziativa. Io amo gli animali che spesso sono meglio degli uomini (e voi ne siete l'esempio). Capisco che si contesti l'inciviltà di alcuni pardoni che lasciano i cani ad abbaiare per ore e fare venire l'esaurimento, capisco che le ci voglia poco a tirare su le deiezioni dei propri animali MA PERCHE' ALLORA NON VE LA PRENDERE CON LE PERSONE? FORSE PERCHE' DOVETE SFOGARE LA VOSTRA FRUSTRAZIONE PER UNA VITA MISERRIMA SUI PIU' DEBOLI? Siete patetici. Io ho un cane, educato e dolcissimo ma sono io e solo io la responsabile dei danni da lui provocati, quindi non tollero certi incivili che spargono il loro odio sugli animali che non hanno colpa. In secondo luogo, anche io sono stanca dei vostri nipoti/figli che urlacchiano dalla mattina alla sera, dappertutto anche neglio ospedali, non ne posso più di gente che butta di tutto sulle strade o gente che quando parla al telefono non si cura di alzare la voce in modo assurdo. Insomma, fatevi un poco di esame di coscienza

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Sab, 15/06/2013 - 00:17

Evvai!

LaRita

Sab, 19/07/2014 - 15:47

Ma la cosa più inquietante nei commenti è questa ignorante confusione tra il divieto della catena e l'obbligo del guinzaglio. Del resto dai toni non mi meraviglio...