Renzi: Jobs Act in sette giorni. Ma i soldi non ci sono

Il premier annuncia il varo di misure "choc" sul lavoro: "Mercoledì gli investimenti per casa e occupazione". E promette: "Due miliardi di euro per l'edilizia scolastica". Ma il ministero dell'Economia frena

Roma - Un eccesso di ottimismo, oppure un colpo di teatro per far dimenticare che, in fondo, le difficoltà di questo governo non sono poi tanto diverse rispetto a quelle affrontate del precedente esecutivo guidato da Enrico Letta. E che, perlomeno nel breve periodo, da Palazzo Chigi non usciranno cose concrete su tasse e lavoro.
Ieri Matteo Renzi ha confermato le prime tappe. Jobs Act, misure per la scuola e piano casa «sono pronti», ha assicurato. Saranno «provvedimenti choc», necessari, altrimenti «sprecheremo la ripresa». «Ci sono due miliardi di euro» per la scuola - ha annunciato -che «non sono sufficienti per tutti i Comuni, ma vanno spesi anche per dare un segnale». Poi la riforma del lavoro e degli ammortizzatori, oltre al piano casa. Il tutto presentato mercoledì in una «corposa conferenza stampa».
A parte il piano casa che il ministro Maurizio Lupi ha pronto da un po' e il piano per l'edilizia scolastica, la parte più attesa- il Jobs Act - difficilmente si tradurrà in un a legge. Forse il premier presenterà delle linee guida, però - a meno che non intenda forzare la mano al ministro Pier Carlo Padoan - gli spazi per un provvedimento vero e proprio sono pochi.
Il ministero dell'Economia ha chiesto a Palazzo Chigi altro tempo per valutare le coperture della cura choc di Renzi. Serve un riflessione sicuramente sul cuneo fiscale - che non è in programma per mercoledì. Ma vanno rifatti i calcoli anche sulla riforma degli ammortizzatori sociali, con il nuovo sussidio universale che sostituirà la cassa integrazione. È previsto un assegno extra per 300mila collaboratori e la progressiva scomparsa degli ammortizzatori in deroga.
Padoan (ma anche il ministro del Lavoro Giuliano Poletti) ha bisogno di più tempo per studiare le misure che Palazzo Chigi vorrebbe invece varare in tempi brevissimi, anche per fare dimenticare il cambio di linea sulla legge elettorale e i primi malumori tra le imprese. Ieri il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi si è augurato «che sia possibile operare con tempi più rapidi di quelli conosciuti finora» per rilanciare l'economia. Gli industriali sono «disponibili al confronto e alla collaborazione». Ma difenderanno le loro ragioni «con determinazione, senza pregiudizi o sconti».
I primi dubbi sull'efficacia della cura Renzi cominciano a farsi strada anche tra i sindacati. Il segretario della Cisl Raffaele Bonanni ieri ha incontrato Poletti. Martedì era stata la volta di Susanna Camusso della Cgil. «Il governo - ha spiegato Bonanni - sta ascoltando le parti sociali. Non ha deciso nulla se non di intervenire su un area delicata, come quella degli ammortizzatori sociali». Per il sindacalista, inoltre, «le cifre finora uscite sugli ammortizzatori sono taroccate».
Per il nuovo ammortizzatore il governo si aspetta di dovere coprire circa 10 miliardi. Quindi sarebbero sufficienti gli attuali stanziamenti per la cassa integrazione e per gli ammortizzatori in deroga. Ma se l'intenzione è di dare un sussidio anche ai collaboratori, ne potrebbero servire molti di più, fino a 20 miliardi. In sostanza il governo dovrebbe trovare per i sussidi una cifra simile a quella che pensa di spendere per tagliare il cuneo fiscale.
Più facile portare a termine gli altri due capitoli: casa e scuola. Il piano del ministro Maurizio Lupi da 1,5 miliardi è pronto da tempo. La misura principale è il taglio della cedolare secca al 10%. Poi il piano per l'edilizia scolastica. Renzi vuole mettere fretta alle Regioni affinché utilizzino i 150 milioni già stanziati da Letta per la manutenzione delle scuole. Poi vuole mettere sul piatto altri due miliardi. Le coperture ci sono, ha assicurato il ministero dell'Istruzione. Rassicurazioni di Padoan non pervenute.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 06/03/2014 - 08:23

I soldi ci sarebbero eccome se non ve li foste fottuti tutti. Renza, taglia la casta politica e vedrai che i soldi escono in abbondanza.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 06/03/2014 - 08:24

vogliamo scommettere dove li troverà i soldi? andrà dalla merkel, la culona, ed in cambio consegnerà tutti proventi delle tasse, comprese le patrimoniali, allo stato tedesco! di fatto, saremo una colonia tedesca. e non a caso, monti e napolitano si sono chinati al cospetto di merkel! VENDUTI! LADRI!

pupism

Gio, 06/03/2014 - 08:25

Invece di fare assitenza a beneficianza si deve mettere mano seriamente al taglio delle spese dello Stato. Li si che servono cure Shock!!!

Ritratto di VT52na

VT52na

Gio, 06/03/2014 - 08:36

... vorrei conoscere (scoprire) le qualità di «mago Renzi» (p.s.: il mago Zurlì del 2014 e del PD) ...

Duka

Gio, 06/03/2014 - 08:42

Ho la netta impressione che il venditore di pentolame viva costantemente nel mondo dei balocchi. Se non lui possibile che altri dei componenti il nuovo esecutivo non si accorga che promettere interventi per 100Mld.senza avere in tasca un centesimo è solo una fanfaronata indecente? Ma il rispetto per i cittadini dove sta? Cantate bandiera rossa, inneggiate alla falce e martello ovvero i simboli del popolo lavoratore ma voi sapete che cosa state facendo al vostro popolo?

curatola

Gio, 06/03/2014 - 08:43

era l'occasione di abbandonare le scatole per uova (edifici scolastici classici) e convertire le caserme e gli immobili di qualità delle provincie e quelli tolti alla mafia per farne nuove strutture scolastiche in concomitanza con la riforma della didattica. Un'occasione persa. Quanto al lavoro una buona idea è quella di sostenere i servizi di pubblica utilità in regime di libera concorrenza fra imprese (cooperative) private noprofit. La formula : ti do il mercato ma non per lucro bensi per occupazione. Altro che allargare la cassa integrazione ai nullafacenti sperando che si mettano a lavorare. Si apre così un'altra idrovora mangiasoldi come la sanità e la scuola....poveri noi!

laragionedelleregole

Gio, 06/03/2014 - 08:43

Non ci sono i soldi? dai Renzino un po di fantasia, mettiamo una bella tassina su le ruote delle autovetture, diciamo 5 euro a ruota, per consumo di suolo pubblico. Chiaramente sarà una tassa con scadenza mensile, vedrai che cosi i soldi li trovi. Saranno esentati dal pagamento tutti i parlamentari, i loro parenti fino al quinto grado, i loro amici e le loro colf. Vai Renzino che ce la fai a rovinarci del tutto! Proprio un fiorentino votato da 4 comunisti ubriaconi ci doveva capitare?, ma pensa di essere alla ruota della fortuna questo qui?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 06/03/2014 - 08:45

Ma che "cura choc"?!Non fatemi ridere!!!

Salvatore1950

Gio, 06/03/2014 - 08:55

Dunque vediamo : Pompei crolla ma Franceschini fa finta di niente ( ricordo la canea scatenata dalla sinistra per costringere l'allora ministro Bondi alle dimissioni...) 4 tra viceministri e sottosegretari , tutti PD, indagati a vario titolo ma la Boschi dice che nessuno chiefera' le loro dimissioni ( ricordo che per un avviso di garanzia un governo legittimamente eletto fu costrtto alle dimissioni) la UE ci boccia su tutti i fronti e il nostro giovin premier in perenne campagna elettorale continua con le sue visite guidate nelle scuole dove viene accolto dalla banda musicale e con canzoncine agiografiche, messe in scena da quattro stupide maestre che costringono i bambini, dopo un accurato lavaggio del cervello, tipico dei peggiori regimi comunisti, ad un vero e proprio culto della personalita' (cose di mussoliniana memoria)....Mi voglio fermare qui, mi sono gia' rovinata la giornata e intanto aspettiamo il jobs act tra sette giorni....buona giornata a tutti

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 06/03/2014 - 08:56

Povero Fonzy (che fa rima con Renzi). In che ginepraio ti sei cacciato !!!

Ritratto di Zago

Zago

Gio, 06/03/2014 - 09:01

Renzi sta promettendo troppe cose senza sapere che mancano i soldi. Così facendo, dovra fare il tappabuchi. Copre un buco e ne svuota una'ltro. Penso che abbia messo troppa carne su braciere e tutto ad un tratto si troverà impantanato perchè gli euro non arriveranno da soli e dovrà fare i salti mortali per recuperarli da qualche parte. Al belveder ci manca poco.

Ritratto di beautiful..Day

beautiful..Day

Gio, 06/03/2014 - 09:07

un sempre più squallido teatrino di politicanti piccoli piccoli nominati abusivi servi delle lobby e dei massoni, traditori del mandato, MERCENARI, INETTI ED INCAPACI VENDITORI DI FUMO...la peggiore legislatura della storia

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 06/03/2014 - 09:08

Renzi: Jobs Act in sette giorni. Questo ennesimo spot del Fonsie de noantri mi fa tornare in mente il film "7 chili in 7 giorni" con Carlo Verdone e Renato Pozzetto. Ormai Don Matteo Renzi è solo un turbinio di annunci più o meno ridicoli che sfociano nelle canzoncine di benvenuto in stile "Minculpop" classico. Qualcuno lo informi che il Carnevale è finito ed è iniziata la Quaresima!

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 06/03/2014 - 09:22

Italiani, tenetevi pronti, anzi tenete pronto il portafoglio,anzi guardate per l'ultima volta l'estrtto conto dei miserabili conti correnti : fra poco arriva uno tsunami!La signora tedesca che crede di essere a capo dell'europa... tutta... aveva già accennato di fare un 'piccolo' prelievo sui risparmi degli italiani....pronti...via!

Ritratto di bismark22

bismark22

Gio, 06/03/2014 - 09:31

Certo che non ci sono, ci mancherebbe!. Si spera Renzi stia lavorando nello spirito della Curva di Laffer: se si fanno queste cose, a medio termine le risorse non solo ci saranno ma saranno sovrabbondanti.

bruna.amorosi

Gio, 06/03/2014 - 09:32

RENZI dalle mie parti si dice ...ci vogliono mi macchroni per riempire la pancia le chiacchiere fanno vento . non lo hai studiato da piccolo? .

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 06/03/2014 - 09:39

Comincio veramente a preoccuparmi. Questo ignobile pagliaccio venditore di fumo e' capace di tutto, tipo prelievo forzoso dai cc. Prepariamoci, ne vedremo delle belle, si fa per dire.

glasnost

Gio, 06/03/2014 - 09:43

Beh! le scelte non sono tante : o si tagliano le spese dello stato o si aumentano le tasse. Il primo passo fatto è stato quello di aumentare le tasse, senza valutare il rischio di chiusura di aziende, sopratutto edili ed aumento consequenziale di disoccupazione e di ridurre ancora la capacità di spesa degli italiani. Vediamo i passi che seguono. Oppure come dice Cuperlo o quell'altro della stessa banda, si fa finta.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 06/03/2014 - 10:05

I soldi non ci sono? Ma come, basta tagliare pensioni e servizi al popolo bue e il problema è risolto! E poi Amato ha già insegnato come fare: basta andare a prendere i soldi in banca, nei nostri conti naturalmente! Comunque una prima spolveratina ai nostri portafogli il furbetto l'ha già data con la Tasi: al momento l'unica incertezza, per noi che dobbiamo pagare ovviamente, è il suo ammontare, per capire se dobbiamo cercare di vendere subito la casa ovvero tentare di resistere ancora un poco.

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 06/03/2014 - 10:28

Povero nuovo governo : ancora 1 mese e scomparirà miseramente coem gli ultimi due! E lì saranno c...i amari per noi italiani! Ci vorrebbe lo iettatore, sapete quello della trasmissione di Bonolis) che faccia un giro per l'Europa e che si fermi un pò in Germania.

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 06/03/2014 - 10:32

Vendere la casa ? e chi la compra? ma anche se trovassi un acquirente che mi pagasse il giusto, perchè mi devo privare di un bene guadagnato con tanti sacrifici di una vita, solo perchè qualcuno si è sognato di fare politiche scellerate? Che Renzi comici a pensare bene a quali soluzioni indolori deve prevedere altrimenti l'Ucraina insegna...siamo arrivati al fondo!

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 06/03/2014 - 10:41

Amministrare un Comune è una cosa abbastanza difficoltosa, ma aministrare un intero Stato forse è prorpio una passeggiata, anche perchè non si possono infinocchiare quasi 60.000.000 di anime. Lo sappiamo tutti che la strada è in salita e sappiamo tutti in che condizioni siamo quindi sono completamente da escludere le ambizioni personali e la smania di farsi vedere in pubblico e la fretta di farsi eleggere capo dello Stato in fetta e furia per potersi mostrare nel parlamento Europeo per die a tutti il mondo : guardatemi dove sono arrivato. Tutto questo non giova agli italiani che in questo momento hanno bisogno di persone solamente in gamba, di elevata capacità e di forte eccellenza. Tutto il resto è fuffa.

buri

Gio, 06/03/2014 - 11:13

Quabd'è che Renzi penserà a governare e smetterà di fare campagna elettorale, e poi essendo toscano, perché parla inglese e non italiano, forse job acr fa "figo" mentre piano lavoro fa ridere, negli USA ti chiederebbero se saresti disposto a comperare una macchina usata da Renzi

Gioa

Gio, 06/03/2014 - 13:26

renzi con la palla di vetro e la bacchetta magica trova soldi.....fiorentino torna a Firenze...due miliari di euro sai quanti sono?......non lo sai.... Nel comune di Firenze...quanti ne hai affondati...già tu nessuno usi la bici e a pienti...UOMO FIORENTINO E VIRTUOSO....PERO' DI FATTO I SOLDI NON CI SONO E NOI ITALIANI SIAMO STUFI DI INGRASSARE LA CASTA POLITICA E I DIPENDENTI PUBBLICI NULLA FACENTI!!!!